Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Posts Tagged ‘grant thornton’

Grant Thornton: Sette posizioni aperte dedicate ai giovani

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Milano. La member firm italiana del network internazionale Grant Thornton, specializzata in servizi di consulenza nelle aree Audit, Assurance, Tax, ed Advisory, tra i protagonisti del career day di oggi all’Università Cattolica di Milano. Una giornata dedicata agli studenti e ai laureandi che hanno potuto presentare personalmente ai recruiter la propria candidatura per le posizioni aperte e conoscere alcuni dei manager e dei partner Grant Thornton nel corner aziendale allestito all’interno dell’Università.“E’ un’occasione alla quale crediamo molto e che ci ha dato grandi soddisfazioni nelle edizioni precedenti” dichiara Simonetta La Grutta, Head of VAT e partner di Grant Thornton. “Con l’intento di offrire una visione concreta dell’ampio spettro delle nostre attività, partecipano, alternandosi nel corso della giornata, professionalità diverse per età anagrafica e specializzazione tecnica. I migliori testimonial sono coloro che abbiamo incontrato per la prima volta qui negli anni scorsi e che oggi collaborano stabilmente con la nostra organizzazione. Li abbiamo visti particolarmente orgogliosi di descrivere i “10 motivi per crescere con noi” sintetizzati nel nostro flyer, uno statement del quale rispondiamo ogni giorno.”
Lavorare in Grant Thornton significa entrare a far parte di un network internazionale presente con 53.000 persone in oltre 140 paesi nel mondo. Un ambiente dinamico nel quale idee e diversità si fondono per dare vita a nuovi valori e nuove sfide, supportando la valorizzazione delle proprie persone.Nello specifico, Grant Thornton è alla ricerca di sette figure junior da inserire nei propri team di Milano: due risorse da inserire in stage come Junior Tax Specialist; un Junior VAT Consultant; un Junior Tax Advisor; un Junior Consultant Transfer Pricing; un Junior Consultant Transaction Services e una posizione in stage per un Assistant Auditor.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grant Thornton: Cala l’ottimismo delle aziende a livello globale

Posted by fidest press agency su martedì, 30 luglio 2019

Secondo l’ultimo International Business Report (IBR) di Grant Thornton, ricerca effettuata a livello globale sui dirigenti di oltre 2500 imprese del mid-market, nei primi sei mesi dell’anno, si registra un significativo calo dell’ottimismo da parte delle aziende (da 39% a 32%) per quel che riguarda le aspettative economiche per i prossimi 12 mesi. Le attese su fatturato, redditività e occupazione sono scese infatti ai livelli del 2016.L’incertezza economica rimane molto elevata e quasi la metà delle imprese (46%) la identifica come un vincolo per la propria crescita, così come tra i fattori più limitanti per l’espansione internazionale, per il 25% delle imprese, c’è l’attuale politica delle tariffe commerciali (dazi). A incidere negativamente sugli outlook ci sono poi, più in generale, la fragilità dei mercati finanziari e l’aumento dei prezzi energetici, come quello del petrolio cresciuto di un terzo nel 2019.
In questo quadro di incertezza, le imprese preferiscono investire nella qualità dei prodotti e dei servizi piuttosto che dimensionalmente. Il 45% delle aziende globali prevede infatti di aumentare le spese in R&S nei prossimi 12 mesi. E l’aumento atteso degli investimenti in ricerca e sviluppo a livello globale è del +36%, il livello più alto mai registrato dal 2010.Andando più nel dettaglio “geografico” del Report di Grant Thornton, nonostante rimanga molto limitato, in Europa l’ottimismo ha tenuto bene rispetto alla media mondiale, scendendo lievemente al 26% nel primo semestre del 2019 dal 28% registrato nella seconda parte dell’anno scorso. L’Europa rimane ostacolata dal protrarsi della stretta del mercato del lavoro. Il 43% delle imprese dell’UE identifica la mancanza di lavoratori qualificati come un vincolo alla crescita, un dato costantemente salito dal 2016, quando eral al 19%, a oggi. Questa tendenza è più evidente nell’Europa sviluppata.Venendo all’Italia, il 36% delle aziende del nostro Paese si dimostra ottimista sulla crescita del mercato nei prossimi 12 mesi.Nel prossimo anno il 50% delle aziende italiane aumenterà il proprio budget di spesa per investimenti in R&S, mentre solo il 6% delle aziende intervistate sostiene al contrario che le diminuirà.
Sempre in termini di investimenti, quelli in tecnologia fanno segnare un costante incremento; pensano infatti di incrementarle il 52% delle nostre imprese, con un significativo miglioramento rispetto al 37% registrato nel 2018. Un buon segnale in prospettiva considerando che nel 2019 l’Italia si trova “solo” al 52° posto su scala mondiale per investimenti tecnologici.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

International Business Report (IBR) di Grant Thornton su Industria 4.0 e leadership del futuro

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 giugno 2019

Il mondo imprenditoriale sta attraversando un’ondata di cambiamenti dirompenti che sembrano ormai destinati ad innescare una Quarta Rivoluzione Industriale. Nell’era dell’Industria 4.0 sarà la tecnologia a determinare le trasformazioni più rilevanti influenzando praticamente tutti i settori e modificando gran parte delle professioni. Secondo l’International Business Report (IBR) di Grant Thornton del 2019 – ricerca globale effettuata sui dirigenti di imprese del mid-market – l’avanzamento del mondo digitale sarà il fattore di cambiamento più influente secondo il 42% degli intervistati. A seguire l’intelligenza artificiale e i big data (40%) e un maggior utilizzo dell’automazione e della robotica (35%).
Per Michele Milano, Vicepresidente e Partner di Ria Grant Thornton, “tra i cambiamenti in corso la tecnologia non sarà l’unico settore ad influenzare il mondo del lavoro e le capacità di imprenditori e manager di guidare imprese innovative e competitive. Il 32% degli intervistati dell’IBR cita la globalizzazione di risorse quali i mezzi finanziari e la proprietà intellettuale mentre il 30% dichiara rilevanti gli effetti sul lavoro legati ai cambiamenti demografici e generazionali. Altri elementi in gioco fondamentali di cui tener conto saranno le aspettative in merito alle buone pratiche etiche e di sostenibilità ambientale realmente adottate dalle aziende, in relazione all’Agenda ONU 2030 dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile post gli storici Accordi di Parigi del 2015. Queste variabili stanno stimolando un complessivo cambiamento dei valori sociali e aziendali e del modo di fare impresa. Recentemente la Grant Thornton, con i nostri soci in Italia, ha sostenuto il Premio Industria Felix col patrocinio di Confindustria e abbiamo partecipato a premiare le migliori 170 aziende PMI in termini di performance aziendale nelle Regioni Lombardia, Emilia Romagna e Lazio sulla base dell’analisi di 55.000 bilanci 2018. Parlando con gli imprenditori premiati è emersa l’attualità di molti degli argomenti citati in questo International Business Report (IBR) di Grant Thornton e di altri aspetti strategici vincenti come la capacità del senior management di saper adottare comportamenti nuovi per coinvolgere ed ascoltare di più e meglio le generazione più giovani che entrano nelle organizzazioni lavorative e che sono più allenate alla velocità e a saper anticipare le innovazioni nei mercati e ad intercettare le domande di nuovi servizi e prodotti. Il network Grant Thornton nel mondo è presente con 53.000 professionisti in 140 nazioni, tra cui l’Italia con uffici in 18 città. Il dna professionale e di mentalità imprenditoriale e orientamento al business dei soci è molto simile a quello dei clienti che sono principalmente PMI ad alto tasso innovativo e di crescita sui mercati domestici e internazionali”.Per Gabriele Labombarda, Partner e IBC Director di Bernoni Grant Thornton, “l’innovazione tecnologica, l’intelligenza artificiale applicata ai Big Data, l’automazione e la robotizzazione dei processi sono ormai divenuti asset strategici per le imprese, in assenza dei quali è difficile restare competitivi. Data la continua evoluzione che questi fattori impongono ai processi aziendali, è fondamentale che chi riveste un ruolo di guida possegga forte propensione al cambiamento e all’innovazione. La curiosità e la capacità di adattamento sono le doti che oggi non possono mancare in un leader: il successo sarà il risultato della tensione al cambiamento e della propensione a innovare. Dare ai giovani talenti la possibilità di sbagliare” prosegue Labombarda – “seguendo strade innovative, imparando dagli errori, in un ambiente che li stimoli a rivoluzionare modus operandi consolidati nel passato, sarà certamente vincente”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »