Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘guantanamo’

Guantanamo di Youseff Ziedan

Posted by fidest press agency su martedì, 10 luglio 2018

«Abu Bilal al-Masri, sposato con una jihadista,entrato in Afghanistan con la scusa di lavorarenel campo dell’informazione, per incontrare Osama bin Laden e mettersi in contatto con bande di talebani…». Nel campo di prigionia di Guantanamo l’inquirente inglese, assegnato ai servizi segreti americani, è fermamente convinto che il giovane arabo del Nord del Sudan sia l’uomo che, col nome di battaglia di Abu Bilal al-Masri, è penetrato in Afghanistan per raggiungere il capo di al-Qa‘ida e dare manforte ai talebani. Il giovane, tuttavia, è innocente. Lo hanno rapito per sbaglio nella zona di confine fra Pakistan e Afghanistan, dove, in qualità di operatore, si era spinto per filmare gli eventi. Appartenente per parte di madre al clan dei Ja‘fara, il cui lignaggio risale fino al casato del Profeta, non ha mai pensato di incontrare Osama bin Laden, né ha mai voluto unirsi alle bande di talebani che uccidono chiunque non la pensi come loro e distruggono gli antichi monumenti archeologici col pretesto di difendere la religione e instaurare la shari‘a. Nel campo, però, nessuno gli crede. Quando, preso da una smania improvvisa, il giovane inveisce e urla di far parte della stampa, le guardie lo deridono ripetendo Press, Press. Con addosso una tuta arancione acceso coi bottoni che corrono lungo la schiena, tra prigionieri incatenati ridotti in uno stato di prostrazione estrema, le facce inaridite, i cenci scomposti, gli occhi spenti con lo guardo obliquo, il giovane prega e rivolge tutti i suoi pensieri alla moglie Muhaira, alle sue ciglia lucide quando distoglieva pudicamente lo sguardo da lui, e a Nora, la ragazza con cui ha condiviso ad Alessandria attimi travolgenti ormai irrangiungibili. Narrando di un giovane arabo rinchiuso senza colpa nel campo di prigionia di Guantanamo, negli anni immediatamente successivi agli attentati dell’11 settembre, Youssef Ziedan affronta uno dei temi fondamentali del nostro tempo, in cui la lotta al terrore col terrore finisce inevitabilmente col minare i fondamenti stessi della democrazia e della dignità dell’uomo.Traduzione dall’arabo di Daniele Mascitelli Euro 17,00 292 pagine
EAN 9788854516861 Neri Pozza Editore.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Former Guantanamo Chief Prosecutor Responds to Obama’s Plan for Detention Center

Posted by fidest press agency su martedì, 28 maggio 2013

Washington, DC–In a speech held this afternoon at the National Defense University in Washington, President Obama announced concrete steps to close the Guantanamo Bay Detention Center, including appointing a senior envoy in the State Department tasked with closing the facility, and lifting the ban on detainee transfers to Yemen. Col. Morris Davis, a former Chief Prosecutor at Guantanamo Bay who left his post in 2007 over the interrogation tactics used, provided the below response to the news. His popular Change.org petition calling on President Obama to close the facility has drawn more than 200,000 supporters in a number of weeks: “With the President’s announcement today, it seems years of rhetoric have finally turned into action. Since its beginning, Guantanamo has been costly, inefficient, morally wrong, and a stain on our human rights record. Most people know this is an issue I’ve been personally invested in for years, and I am thrilled to see Obama take a real stand to close the Guantanamo Bay Detention Center.” “I’d like to thank the countless groups and individuals who helped get us to this announcement. I’m especially thankful for the hundreds of thousands of people who signed the Change.org campaign in the last three weeks. When I launched it, I said we’d need help to do this. And boy, did people step up. “Americans know that real patriots don’t abandon their principles or surrender their liberties for temporary security. We’re ready for closure. No more excuses, no more stalling, just get it done as quickly as possible.”Col. Davis flew to Washington to attend the President’s speech this afternoon.Link to Col. Davis’ Petition on Change.org: http://www.Change.org/CloseGitmo

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Omar Khadr detenuto a Guantanamo

Posted by fidest press agency su domenica, 30 maggio 2010

“L’UNICEF esprime preoccupazione per l’imminente processo nei confronti di Omar Khadr, detenuto a Guantanamo. Omar Khadr era stato arrestato in Afghanistan nel 2002 con l’accusa di avere commesso crimini terroristici quando aveva 15 anni. Omar è l’ultimo bambino soldato ancora in carcere a Guantanamo. Il reclutamento e l’impiego di minori nelle ostilità è un crimine di guerra, e gli adulti che se ne rendono responsabili devono essere puniti. I bambini così coinvolti ne sono vittime, e agiscono sotto coercizione. Come l’UNICEF ha ripetutamente affermato in altre dichiarazioni sull’argomento, i minori combattenti hanno bisogno di assistenza per essere recuperati e reintegrati nelle comunità di appartenenza, e non di processi o condanne.  Il procedimento contro Omar Khadr rischia di creare un grave precedente internazionale a svantaggio di altri minori vittime di reclutamento nei conflitti armati. Nel momento in cui le Nazioni Unite celebrano il decimo anniversario dell’approvazione del Protocollo opzionale sul coinvolgimento dei minori nei conflitti armati, chiediamo ai Governi di tutti gli Stati che hanno ratificato questo trattato – inclusi gli Stati Uniti – di far rispettare lo spirito del Protocollo e di tutte le sue norme.  Inoltre, chiunque sia perseguito per reati che si ritiene siano stati commessi quando era minorenne dovrebbe essere trattato secondo i principi basilari della giustizia minorile internazionale, che prevede una protezione speciale per tali soggetti. Omar Khadr non dovrebbe essere processato da un tribunale che non è attrezzato né ha ricevuto un mandato per fornire questo genere di tutela e per rispettare questi principi

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Guantanamo

Posted by fidest press agency su domenica, 7 febbraio 2010

In seguito alla mancata chiusura della prigione di Guantanamo, prevista originariamente il 22 gennaio dall’amministrazione americana, i deputati discuteranno col Consiglio e la Commissione possibili forme di cooperazione con il governo USA sul trasferimento dei detenuti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I carcerati di Guantanamo

Posted by fidest press agency su sabato, 20 giugno 2009

“Chiediamo al Governo di riferire al più presto in Aula sul presunto accordo intervenuto tra l’amministrazione statunitense ed il governo italiano relativo al trasferimento nel nostro Paese di alcuni detenuti del carcere di Guantanamo” lo ha chiesto l’on. Massimo Donadi, capogruppo di IDV alla Camera, intervenendo oggi in Aula. “Intorno a questa vicenda aleggia troppa incertezza: vogliamo conoscere il numero definitivo, l’identità, le condizioni personali dei soggetti accusati di terrorismo che verranno in Italia. Il Governo deve chiarire se questi soggetti verranno nel nostro paese a piede libero, se verranno immediatamente incarcerati in quanto già imputati di reati in Italia e, quindi, fatti oggetto di provvedimenti di restrizione personale” aggiunge Donadi. “Non ci è dato sapere in base a quali strumenti giuridici avverrà questo trasferimento e, soprattutto, ci preoccupano quegli aspetti di ordine pubblico che potrebbero essere collegati a questo trasferimento” spiega il capogruppo di Idv. “Per tutte queste ragioni, riteniamo che sia assolutamente doveroso da parte del Governo venire quanto prima, e senza indugio, in Aula per spiegare esattamente al Parlamento e, quindi, a tutti gli italiani, in cosa consiste questo accordo” conclude Donadi.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »