Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘guida’

Nuova Guida all’Europrogettazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2021

E’ completamente rinnovata, “firmata” dal mondo delle Fondazioni italiane di origine bancaria: una bussola innovativa, digitale, gratuita e sempre aggiornata, per aiutare associazioni, imprese e cittadini a muoversi nel complesso mondo dei fondi e dei progetti europei.Una Guida al passo con le opportunità offerte dalla nuova programmazione europea 2021-2027, che “vale” per l’Italia fino a 350 miliardi di euro, considerando l’insieme dei fondi e dei contributi nazionali e comunitari a disposizione nel settennio. Una piattaforma per condividere e promuovere anche il lavoro delle Fondazioni nel campo dell’attività europea e internazionale e le buone pratiche dei territori nel campo dell’Europrogettazione. Ideata e promossa dalla Fondazione CRT, la Guida conta oggi sull’adesione di Acri e di altre 7 Fondazioni, oltre a CRT: Cariplo, CRC, Cariverona, CR Firenze, Cassa di Risparmio di Perugia, Bolzano, Trento e Rovereto.Cosa offre la nuova Guida? Un sito completamente rinnovato e a misura di utente, con nuovi strumenti e contenuti di approfondimento, case history, interviste e podcast; nuove risorse e attività di formazione che coinvolgeranno i “players” europei e nazionali (agenzie nazionali, rappresentanti delle istituzioni europee, esperti in Europrogettazione) per accompagnare gli stakeholder nel percorso di partecipazione ai programmi e bandi europei; sondaggi e indagini conoscitive sulle necessità dei cittadini europei; presenza sui social rafforzata.Il pubblico della Guida, più che quadruplicato dal 2016 al 2020, supera la soglia dei 100.000 “utenti unici”, ed è giovane: il 51% degli utenti è under 35, il 70% ha meno di 44 anni. Tra i fruitori della Guida figurano anche diversi atenei italiani, come l’Università degli Studi di Torino, l’Università di Napoli Federico II, l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, che usano questo strumento come risorsa didattica per gli studenti.Il “tesoretto” europeo. Il contesto conferma l’importanza di cogliere l’opportunità rappresentata da fondi e progetti europei. Da una parte, l’Italia è uno dei Paesi che beneficia maggiormente dei fondi europei, in termini sia assoluti sia relativi. Si stimano circa 40 miliardi di euro di risorse UE per i Fondi Strutturali, altri 40 miliardi derivanti dai programmi europei, circa 80 miliardi sotto forma di sovvenzioni per la ripresa post-pandemia (Next Generation EU, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza PNRR e REACT-EU), circa 120 miliardi di possibili prestiti nell’ambito di Next Generation EU e più di 70 miliardi di euro di cofinanziamenti nazionali; senza considerare i fondi destinati all’Italia in ambito agricolo. D’altra parte, l’Italia è in fondo alla classifica per capacità di accedere ai fondi europei: secondo un report della Corte dei Conti europea (settembre 2020), l’Italia è penultima per capacità di assorbimento dei fondi del bilancio 2014-2020, con circa il 38% delle risorse effettivamente erogate dall’Unione Europea (ultima la Croazia, ferma al 36% e ultimo Paese entrato nell’Unione). Secondo dati riportati da Acri (giugno 2020), per ogni euro dato all’Europa, l’Italia ha “portato a casa” 60 centesimi (contro 1,55 euro della Gran Bretagna, 1,5 euro dell’Austria, 1,45 euro dell’Olanda e 0,94 centesimi della Germania).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ictus, ecco le nuove linee guida sulla gestione medica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 giugno 2021

Avere un ictus o un attacco ischemico transitorio (Tia) aumenta il rischio di un ictus in futuro, e identificarne la causa può portare a strategie di prevenzione specifiche per ridurre il rischio di ictus aggiuntivi, secondo una linea guida aggiornata dell’American Heart Association/American Stroke Association, pubblicata su Stroke. Una nuova raccomandazione prevede che gli operatori sanitari eseguano valutazioni diagnostiche per determinare la causa del primo ictus o Tia entro 48 ore dall’insorgenza dei sintomi, e la linea guida delinea raccomandazioni terapeutiche basate sulla causa dell’ictus/Tia iniziale. «È di fondamentale importanza comprendere i modi migliori per prevenire un altro ictus una volta che se ne è verificato uno» spiega Dawn Kleindorfer, della School of Medicine dell’Università del Michigan ad Ann Arbor, che ha diretto il gruppo di lavoro.Per i pazienti che sono sopravvissuti a un ictus o a un Tia, le linee guida raccomandano la gestione dei fattori di rischio vascolare, in particolare di ipertensione, diabete di tipo 2, colesterolo, livelli di trigliceridi e fumo, oltre alla limitazione del sale e a una dieta di tipo mediterraneo, e, se possibile, a un’attività aerobica di intensità moderata per almeno 10 minuti quattro volte a settimana o di intensità vigorosa per almeno 20 minuti due volte a settimana. Il documento raccomanda poi la presenza di un team di assistenza multidisciplinare, e la pratica di un processo decisionale condiviso con il paziente per sviluppare piani di assistenza che incorporino i desideri, gli obiettivi e le preoccupazioni dell’interessato. Sono necessari anche screening e diagnosi di fibrillazione atriale, e terapia antitrombotica, per quasi tutti i pazienti che non hanno controindicazioni. A questo proposito, gli esperti ricordano che la combinazione di antipiastrinici e anticoagulanti in genere non è raccomandata per prevenire il secondo ictus e la doppia terapia antiaggregante è raccomandata a breve termine, solo per pazienti specifici, ovvero quelli con ictus e Tia ad alto rischio o stenosi sintomatica grave. L’endoarterectomia carotidea, la rimozione chirurgica di un’ostruzione o, in casi selezionati, l’uso di uno stent nell’arteria carotide, dovrebbero essere presi in considerazione per i pazienti con restringimento delle arterie nel collo. La gestione medica aggressiva dei fattori di rischio e la doppia terapia antiaggregante a breve termine sono preferibili per i pazienti con stenosi intracranica grave che si ritiene sia stata la causa dell’ictus o del Tia. (fonte Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Andrea Mandelli confermato alla guida della Federazione Farmacisti

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Nelle giornate del 23, 24 e 25 aprile si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Comitato centrale e del Collegio dei Revisori dei conti della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Dopo la proclamazione dei risultati, il Comitato Centrale si è riunito per l’elezione del Consiglio di Presidenza. Andrea Mandelli è stato confermato alla Presidenza, Luigi D’Ambrosio Lettieri è stato confermato alla carica di Vicepresidente, Maurizio Pace a quella di Segretario e Mario Giaccone a quella di Tesoriere. Il Comitato Centrale è ora composto da Andrea Carmagnini, Vitaliano Corapi, Florindo Cracco, Luciano Diomedi, Maximin Liebl, Paolo Manfredi, Maurizio Manna, Roberto Pennacchio, Gianfranco Picciau, Francesco Rastrelli, Giovanni Zorgno. Il Collegio dei Revisori dei conti è costituito da Andrea Giacomelli, Giuseppe Guaglianone, Sigismondo Rizzo. Alle elezioni ha partecipato il 96% degli aventi diritto e la lista del Presidente Mandelli ha raccolto il 90% dei suffragi. Questo risultato premia la linea politica professionale, perseguita in questi anni dalla Federazione, a sostegno della sanità pubblica, delle istituzioni e a beneficio dei cittadini. Il Comitato Centrale, nella sua prima riunione, ha deliberato di avvalersi del lavoro delle seguenti commissioni: Pari opportunità , coordinata da Daniela Musolino, Presidente dell’Ordine di Reggio Calabria; Medicina di genere, coordinata da Anna Olivetti, Presidente dell’Ordine di Gorizia; Volontariato e Solidarietà, coordinata da Enrica Bianchi, Presidente dell’Ordine di Cuneo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cambio alla guida del 1° Gruppo delle Voloire

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Vercelli. Si è svolto nella caserma “M.O.V.M. Aldo Maria Scalise” di Vercelli, l’avvicendamento alla guida del 1° Gruppo obici, intitolato alla Medaglia d’Oro risorgimentale “Gioacchino Bellezza”, pedina operativa del Reggimento Artiglieria a Cavallo: il Tenente Colonnello Andrea Maria Gradante ha ceduto, al termine di una sobria cerimonia svoltasi nel rispetto norme di contenimento della diffusione del CoViD-19, il comando dell’unità al parigrado Massimo Larocca, divenuto il 91° Comandante del 1° Gruppo.La cerimonia, presieduta dal Colonnello Andrea Simone, 82° Comandante delle “Voloire”, ha visto il passaggio di consegne fra i due Ufficiali Superiori, al termine di un anno particolarmente intenso dal punto di vista addestrativo e operativo, con il contributo fornito dal personale del 1° Gruppo a numerose ed importanti attività. Nell’ambito dello sforzo continuo del Reggimento, infatti, il 1° Gruppo “Bellezza” ha fornito uomini e mezzi in supporto alle Istituzioni e alle Forze dell’Ordine per il mantenimento dell’ordine pubblico e il controllo del territorio nelle città di Torino, Saluggia e Vercelli, nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure” dove le Voloire, fino al giugno scorso, hanno costituito il Comando del Raggruppamento “Piemonte-Liguria”, e di cui il Tenente Colonnello Gradante è stato Comandante di Gruppo Tattico.Contestualmente all’impegno operativo, sono state svolte diverse attività per l’incremento della capacità specifica d’arma e specialità.In aggiunta, in risposta all’emergenza sanitaria nazionale, il 1° Gruppo ha schierato già nel mese di marzo, mezzi e personale nell’area di Bergamo, operando inoltre, in sinergia con le realtà filantropiche e di volontariato locali, per la distribuzione di oltre 300.000 dispositivi di protezione sanitaria.Giunto al termine dell’anno alle redini del 1° Gruppo “Bellezza”, il Comandante cedente ha ringraziato, per il lavoro egregiamente svolto, gli artiglieri di ogni categoria e grado, augurando al successore buon lavoro e sempre migliori fortune così come, all’unità, di proseguire nel solco dei rilevanti risultati raggiunti, verso futuri traguardi operativi e addestrativi ancora più prestigiosi. Il Tenente Colonnello Gradante andrà a ricoprire l’incarico di Capo Sezione presso l’Ufficio Generale Promozione, Pubblicistica e Storia dello Stato Maggiore dell’Esercito.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Walter Camarda confermato alla guida di Ecolight

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 novembre 2020

L’imprenditore varesino, amministratore delegato del gruppo Penta Illuminazione con sede a Meda e stabilimenti a Meda, Ormelle (TV) e Cassano Magnago (VA), è stato indicato dal consiglio di amministrazione eletto nell’assemblea dei giorni scorsi come presidente del consorzio nazionale per la gestione dei RAEE, delle pile e degli accumulatori esausti. «Sono onorato della rinnovata fiducia ricevuta dai consorziati», ha commentato Camarda. «In un momento di grandi cambiamenti, la scelta di Ecolight è stata quella di dare continuità al proprio operato. Molte sono le sfide che riguardano la filiera dei rifiuti elettronici e la realtà di Ecolight: guardiamo già a uno scenario post emergenza sanitaria, investendo sui temi dell’economia circolare, perché è dalla cura che avremo nei confronti dell’ambiente che potremo costruire il nostro futuro. Ed è al futuro che vogliamo guardare nei prossimi tre anni di mandato». Ingegnere di 67 anni, Camarda è stato tra i primi ad aderire a Ecolight nel 2004 e ha seguito la crescita del consorzio facendo leva su due direttrici: la tutela dell’ambiente e il servizio alle aziende. «I temi ecologici sono oggi al centro di un ampio dibattito internazionale e richiedono l’impegno di ciascuno. Ecolight ha iniziato a operare nel settore dei RAEE quando i rifiuti elettronici erano poco conosciuti. Adesso rappresentano un ambito in costante crescita: anche grazie all’evoluzione costante delle tecnologie e allo sviluppo di nuovi prodotti che diventano sempre più parte della nostra quotidianità, la produzione di RAEE cresce di circa il 5% ogni anno. Una tendenza che richiede il potenziamento della filiera di raccolta e riciclo, ma soprattutto la diffusione di una più attenta sensibilità ambientale». Costituito all’inizio degli anni Duemila, Ecolight è il punto di riferimento di quasi 1.900 aziende, tra produttori e distributori di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Nel 2019 ha raccolto oltre 22 mila tonnellate di RAEE operando su 2.260 punti di raccolta in tutta Italia. Ha gestito un terzo di tutti i piccoli rifiuti elettronici raccolti sul territorio nazionale (tra piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo e lampadine a risparmio energetico non più funzionanti, appartenenti ai raggruppamenti R4 ed R5) raggiungendo tassi di recupero superiori al 95%. «Nonostante l’emergenza sanitaria in corso, la raccolta dei RAEE è complessivamente cresciuta di oltre il 5% nei primi nove mesi di quest’anno rispetto al 2019», ha ricordato Camarda. «Il tema ambientale è quindi prioritario e, come indicato anche a livello europeo, è la via d’uscita per una ripresa economica e di sviluppo».L’assemblea di Ecolight ha eletto nel consiglio di consiglio di amministrazione del consorzio per il triennio 2020 – 2022: Walter Camarda (presidente), Marco Pagani (vicepresidente), Alberto Costa, Giuseppe Andrea De Matteis, Maria Antonietta Fuso, Luigi Giroletti, Luca Locati, Rossana Pastore, Fabio Pedrazzi, Demetrio Porfiri e Damiano Zanotti.I sindaci effettivi del Collegio dei revisori dei conti indicati dall’assemblea di Ecolight sono: Antonello Silvestri (presidente), Giorgio Guenzani e Renato Zanichelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzione: Il Ministero emana le linee guida sul CCNI

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 ottobre 2020

L’amministrazione in premessa ha posto il rilievo sull’assenza, anche indiretta, di oneri aggiuntivi, “confermando il sinallagma tra prestazione lavorativa come effettivamente resa e orario di servizio”.Partendo da questa considerazione e dall’impossibilità di inserire un riferimento contrattuale su una diversa disposizione dell’orario di lavoro rispetto a quanto indicato nell’art.28 del CCNL 2006/09 ancora vigente sull’orario del personale docente di ogni ordine e grado, la nota, secondo le osservazioni Anief, ha richiamato la possibilità di adottare un’unità oraria inferiore ai 60 minuti e stabilire le eventuali relative pause così come indicato nei vari PTOF e nelle varie delibere dei Collegi dei Docenti.Per la strumentazione informatica in possesso del personale docente, per venire in supporto a tutto il personale a tempo determinato, circa un quarto del totale del corpo docente, che non usufruisce della Carta docenti, i Dirigenti Scolastici sono stati invitati a far uso dello strumento del comodato d’uso della strumentazione in possesso di ogni istituto.Anief inoltre ha ottenuto un impegno “politico” da parte dell’amministrazione di incrementare la dotazione di device nelle scuole a favore non solo degli alunni ma anche dei docenti che ne facciano richiesta. Nessun riferimento esplicito poteva essere inserito nel CCNI in quanto lo stanziamento di nuovi fondi è di natura legislativa e non contrattuale. I lavoratori, benché il periodo di quarantena sia equiparato al ricovero ospedaliero, non sono da considerarsi non idonei al lavoro e dunque sono considerati in grado di espletare la propria attività professionale.Per il personale ATA assistente amministrativo, figura Dsga inclusa, la nota interviene naturalmente considerando la peculiarità delle prestazioni che permettono di lavorare in modalità agile.Su indicazioni Anief, gli assistenti tecnici, ove possibile, nell’area di appartenenza, danno supporto da remoto alle attività didattiche.Per il collaboratore scolastico, vista la specificità delle mansioni, deve essere garantita la sostituzione del personale assente in quarantena per permettere il normale svolgimento delle attività della scuola.Il personale docente di sostegno, siccome la funzione coordinata con il docente curricolare è una funzione inclusiva per l’alunno con disabilità, dovrà supportare il docente curricolare in quarantena ma senza variare l’impegno orario e senza divenire un tappabuchi come spesso si è visto. Tale indicazione, chiara e precisa, voluta fortemente dall’Anief che è particolarmente sensibile alla didattica inclusiva, diventa ancora più importante quando si mette in evidenza che tale situazione di supporto in presenza del docente curricolare in quarantena deve tener conto anche di particolari situazioni legate alla necessità di gestione esclusiva degli alunni con disabilità loro affidati. In quel caso il Dirigente Scolastico non potrà far altro che organizzare la didattica con il personale dell’organico aggiuntivo Covid, dell’organico di potenziamento o ricorrendo finanche alla supplenza.Ultimo riferimento importante riguarda la rilevazione della presenza in servizio del personale docente in QSA, fatta mediante il registro elettronico precisando, però, se la prestazione sia in presenza o a distanza. Quest’ultimo chiarimento, richiesto nel contratto appena firmato, ma promessoci nella nota esplicativa, si è reso necessario per un discorso di vigilanza degli alunni in presenza, che non può essere imputato ad un docente che eroga il servizio a distanza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Basilica di San Petronio: Guida di Mario Fanti e Carlo Degli Esposti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 settembre 2020

Bologna. Il campanile di San Petronio venne costruito tra il 1481 ed il 1492 sotto la direzione di Giovanni da Brensa, impostandolo sopra la cappella delle reliquie (allora sagrestia) alla quale vennero, per questa necessità, ingrossate notevolmente le pareti laterali. Di forme semplicissime, non presenta di particolarmente notevole che il solito connubio fra il rosso del mattone e il bianco del marmo, qui creato dalla colonna inserita nella bifora della cella campanaria, lavorata nella bottega di Albertino Rusconi. Nella cella campanaria si trovano quattro campane: la grossa (23-24 quintali) fusa nel 1492 dal provenzale Michele di Garello; la mezzana (8-9 quintali) fusa da Antonio di Anchise Censori nel 1584 (questa campana veniva detta anche “la scolara” poiché indicava con il suo suono l’inizio delle lezioni nel vicino Archiginnasio); la mezzanella (5-5,5 quintali) fusa nel 1492 dal provenzale Giovanni di Garello; infine la piccola (4 quintali circa) fusa nel 1578 da Anchise Censori. Poiché l’accordo fra i quattro bronzi non era soddisfacente, nel 1818 il fonditore bolognese Gaetano Brighenti ne limò gli orli migliorandone l’armonia.Il suono a festa, secondo il caratteristico sistema bolognese detto “a doppio”, vi viene eseguito manualmente da una squadra di “mastri campanari” composta da un minimo di sei membri a un massimo di quattordici, se viene eseguita la “scappata”, cioè la manovra composta da successive spinte che porta le campane, da una posizione iniziale a bocca in giù, a compiere un giro completo di 360 gradi attorno ai perni di sostegno, seguendo il tempo musicale.Dal 1920 nel campanile ha sede, nella sala sottostante la cella campanaria, la “Unione Campanari Bolognesi”, fondata nel 1912, cui si deve la continuazione della tradizione campanaria.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

È arrivata la Guida agli Extravergini 2020

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2020

La Guida agli Extravergini 2020 a cura di Slow Food Italia, il libro-bussola che come ogni anno aiuta i consumatori a districarsi nel complesso e articolato mondo dell’olio e le aziende produttrici di extravergine d’oliva buono pulito e giusto a farsi conoscere, è da oggi disponibile. Sino a qualche mese fa avremmo scritto è in libreria, ma la situazione che stiamo vivendo ci impone una diversa modalità di distribuzione. La nuova edizione si può acquistare su http://www.slowfoodeditore.it. Da oltre venti anni il volume segnala il meglio della produzione italiana di qualità. Grazie a una rete di oltre 100 collaboratori, che non sono solo esperti degustatori, ma persone presenti sul territorio, che conoscono le aziende dall’oliveto alla bottiglia, la Guida offre uno spaccato dell’Italia dell’olio completo e ricco di particolari. Nell’edizione 2020 sono raccontate 580 realtà tra frantoi, aziende agricole e oleifici, recensiti 943 oli tra gli oltre mille assaggiati.Cresce il numero delle aziende che certificano in biologico l’intera filiera e aumentano i produttori (120) che hanno aderito al Presidio Slow Food Olio extravergine italiano, il progetto che promuove il valore ambientale, paesaggistico, salutistico ed economico dell’olio, che tutela oliveti antichi, cultivar autoctone e raggruppa produttori che non adoperano fertilizzanti di sintesi e diserbanti chimici.Non mancano poi nella Guida, facilmente individuabili, i riconoscimenti classici: la Chiocciola indica le aziende (28) che si distinguono per la loro totale coerenza con la filosofia Slow Food; Grande Olio attribuito agli extravergini che si sono distinti per particolari pregi dal punto di vista organolettico e perché ben rispecchiano territorio e cultivar. A queste caratteristiche, il premio Grande Olio Slow aggiunge il riconoscimento rispetto pratiche agronomiche sostenibili applicate.Com’è stata l’annata 2019? Le difficoltà maggiori le ha provocate il clima che, con i suoi cambiamenti ormai troppo frequenti, colpisce ogni anno a macchia di leopardo la nostra produzione. Se nel 2018 era stato il Sud a risentire dei suoi effetti, l’annata 2019 ha ridotto letteralmente in ginocchio la produzione del Nord Italia, con cali che vanno dal 50% in Liguria sino al 95% sul Garda. E questo si legge bene dalla Guida dove le realtà del Nord sono poco presenti. Mentre tiene, mediamente, il Centro e cresce, a doppia cifra percentuale, il Sud (anche se il raffronto avviene sui dati disastrosi dell’anno precedente). La Guida, da sempre, vuole essere anche un invito per andare a visitare queste realtà che fanno parte di un settore strategico per il Made in Italy che concorre a disegnare il volto paesaggistico della nostra nazione. Questi consigli di acquisto e visita oggi sono ancora più importanti. Quando ci si potrà nuovamente spostare mettete in calendario una gita per andare a trovare produttore di olio tra quelli segnalati dalla Guida: tra questi ben 177 offrono ristorazione e 190 sono quelli con possibilità di alloggio. Un’opportunità per viaggiare tra territori, uomini e varietà e per vivere un mondo da scoprire, apprezzare e assaggiare.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova guida per i pazienti con ipertensione durante l’epidemia

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2020

L’American Heart Association (AHA) ha reso disponibile una nuova guida per i pazienti con ipertensione durante l’epidemia di COVID-19. Si ricorda che questi pazienti sono a rischio maggiore di complicazioni, e che le persone che assumono gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) o i bloccanti del recettore per l’angiotensina (ARB) per ipertensione, insufficienza cardiaca e cardiopatia non devono interrompere il trattamento. «Questi farmaci non aumentano il tuo rischio di contrarre il COVID-19. Sono fondamentali per mantenere i livelli di pressione sanguigna per ridurre il rischio di infarto, ictus e peggioramento delle malattie cardiache» si legge nella guida. Allo stesso tempo l’AHA mette in guardia in merito all’assunzione di alcuni farmaci, come infiammatori non steroidei (FANS), che possono aumentare la pressione, la quale deve essere tenuta sotto controllo anche da coloro che prendono contraccettivi, farmaci per la salute mentale, corticosteroidi, immunosoppressori o alcuni antitumorali. È da limitare inoltre il consumo di caffè, alcol e liquirizia. Recentemente sono stati pubblicati diversi articoli che indagano sulla relazione tra il virus che causa il COVID-19 e il sistema renina-angiotensina. La controversia sull’uso di ACE inibitori e ARB era nata dal fatto che alcuni studi mostrano che questi farmaci aumentano l’espressione del recettore di ACE-2, utilizzato dal virus per entrare nelle cellule. La preoccupazione è che questi farmaci possano aumentare la suscettibilità al virus. Altre ricerche invece hanno suggerito che riducendo i livelli di angiotensina 2, i suddetti farmaci proteggano dal danno polmonare. Sono molti gli articoli disponibili che riportano i dati di pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19. Vengono elencate le comorbilità e si avanzano diverse ipotesi, come la possibilità che i pazienti con ipertensione possano avere un sistema renina-angiotensina iperattivo, che potrebbe mediare il danno polmonare acuto. I diversi e più recenti commenti apparsi su New England Journal of Medicine, Lancet Respiratory Medicine e Mayo Clinic Proceedings ampliano i meccanismi a supporto di un ruolo positivo di ACE inibitori e ARB nell’infezione COVID-19 e seguono tutti la stessa linea: i pazienti dovrebbero continuare la cura, in accordo con le principali società di cardiologia e ipertensione. (fonte: doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Samsung Smart Learning e la guida dedicata ai docenti per gestire al meglio le lezioni da remoto

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 aprile 2020

Nel contesto attuale, che ha portato alla chiusura prolungata delle scuole di tutta Italia per far fronte alla diffusione del Coronavirus (Covid-19) nel nostro paese, Samsung Electronics Italia, azienda che da sempre si dedica allo sviluppo di progetti nell’ambito dell’istruzione digitale dei giovani, prosegue nel suo impegno nei confronti degli studenti e degli insegnanti del nostro paese, attraverso il progetto Samsung Smart Learning, che si concretizza anche con la creazione del Samsung Smart Learning Kit, un utile strumento per la gestione ottimale della didattica a distanza, che sarà distribuito nei prossimi giorni a oltre 60.000 docenti, di ogni ordine e grado, in tutta Italia, e che viene messo a disposizione di tutti gli insegnanti attraverso il sito di Samsung.
Samsung Smart Learning si rivolge a ogni scuola per far vivere agli studenti un momento di socialità e un’esperienza didattica formativa e per supportare gli insegnanti a trovare modalità alternative per fare didattica in questo momento.Il kit per la didattica a distanza di Samsung è una guida al distance learning completa di sezioni dedicate alle varie fasi e attività di apprendimento da remoto; il kit include sette capitoli diversi nei quali il docente è accompagnato in un percorso che spiega in maniera semplice e diretta come organizzare le fasi preliminari del distance learning con un piano didattico ad hoc per le lezioni online, quali strumenti adottare per avviare una lezione in rete, come gestire al meglio le lezioni frontali e quelle interattive e come organizzare il lavoro dedicato agli esercizi e le interrogazioni. La guida si chiude con un capitolo interamente dedicato alla gestione delle attività di smart learning per i bambini più piccoli.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La tenacia guida i pentastellati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

“La caratteristica che accomuna tutti noi del MoVimento 5 Stelle è la tenacia, quella voglia di non mollare mai, di non fermarsi di fronte a nulla e di porsi degli obiettivi che gli altri spesso definiscono “irrealizzabili”. È già successo con il reddito di cittadinanza. Ve lo ricordate quando ci dicevano che non si poteva fare? Che era qualcosa di irrealizzabile e che non avrebbe funzionato? Invece oggi è realtà e ha migliorato le condizioni di molti cittadini dando loro una seconda opportunità. Il MoVimento è proprio questo, gente ostinata, che porta avanti le istanze del popolo all’interno delle istituzioni, scegliendo di volta in volta la strategia più adatta alla situazione. Lo facciamo passo dopo passo, con la passione che da sempre ci contraddistingue e la voglia di andare avanti, con costanza e determinazione”. Lo scrive, su Facebook, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, postando un articolo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vogliamo essere guidati

Posted by fidest press agency su martedì, 31 dicembre 2019

Il destino dell’essere umano non sembra quello di agire da solo ma di farlo in comunità sotto la guida di un leader carismatico, a prescindere, che a un certo punto riconosciamo per tale. Se ci limitiamo al solo caso italiano, ma non siamo soli nel mondo, ovviamente, e limitiamo la riflessione agli eventi più recenti possiamo dire che Mussolini ha rappresentato tutto questo, nel bene e nel male, ma anche il coevo Hitler nella colta Germania non è stato da meno e Franco in Spagna e Stalin nell’URSS. Nel nostro paese è seguita, negli anni post-bellici, una ricerca spasmodica del leader. La stessa democrazia cristiana e il partito comunista ci hanno mostrato vari campioni da De Gasperi ad Andreotti, Moro e Fanfani, da Togliatti a Berlinguer. Ne avevano il carisma ma, ad eccezione di Andreotti, erano una specie di scirocco che durava tre giorni e poi spariva. Ci volle negli anni novanta lo choc imposto dai giudici di mani pulite per far emergere una figura di leader e l’impressione che fosse incrollabile sotto la scure dei processi che furono intentati a suo carico e degli intrighi di palazzo. Divenne per molti italiani l’uomo del destino e se ne fecero carico a dispetto di tutto e di tutti. Ma avere nel sangue la leadership non significa, necessariamente, essere un dittatore o un popolano del taglio di Masaniello. Significa rappresentare un disagio esistenziale reale e declamarlo con forza e convinzione. Questo è per me Grillo. E il popolo che lo segue è quello che è crollato subendo il peso di chi lo ha tradito con il sistema del pifferaio e chi crede di governare con un’ubriacatura di democrazia del consenso nella logica del tutto cambiare per nulla cambiare. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee Guida per una Sana Alimentazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Equilibrio, varietà e moderazione, all’insegna della tradizione italiana e della dieta mediterranea, con un occhio alla migliore ricerca scientifica ed uno alla sostenibilità: questi gli “ingredienti” della Edizione 2018 delle Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana, realizzata dal CREA, con il suo Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione, e presentata oggi al Mipaaf. Si tratta, per l’Italia, delle uniche indicazioni istituzionali per una alimentazione equilibrata dirette alla popolazione sana, autorevoli e libere da condizionamenti, redatte periodicamente, a partire dal 1986 e fino al 2003, dal CREA Alimenti e Nutrizione (allora Istituto Nazionale della Nutrizione e poi INRAN), che hanno raggiunto ogni volta milioni di persone. Sono state elaborate con il supporto di una autorevole e nutrita Commissione multidisciplinare di esperti (oltre 100), presieduta da Andrea Ghiselli (dirigente di ricerca CREA Alimenti e Nutrizione) e coordinata da Laura Rossi (ricercatore CREA Alimenti e Nutrizione), con l’intento di raccogliere e rielaborare le migliori evidenze scientifiche, coniugandole con le nostre tradizioni alimentari. L’obiettivo prioritario delle Linee Guida resta sempre lo stesso: la prevenzione dell’eccesso alimentare e dell’obesità che, in Italia, soprattutto nei bambini, mostra dati preoccupanti, in particolare nei gruppi di popolazione più svantaggiati. In generale, l’edizione 2018 si presenta più corposa rispetto alle precedenti revisioni ed è suffragata da un voluminoso dossier scientifico di riferimento, (https://www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/-/nuove-linee-guida-per-una-sana-alimentazione-edizione-2018- ) in cui ogni risultato, ogni conclusione e tutte le raccomandazioni sono state sostanziate e supportate dalla letteratura scientifica pubblicata e criticamente revisionata. Esso è basato sulle evidenze derivate da studi epidemiologici, clinici e di intervento, sull’analisi delle revisioni sistematiche della letteratura, meta-analisi, report di agenzie transnazionali (EFSA, OMS, FAO ecc.) o di organizzazioni con specifica missione istituzionale in ambito di nutrizione e salute. Per la sua strutturazione sono state eseguite analisi di dati specifici, soprattutto in materia di consumi alimentari ed epidemiologia.Tuttavia, se le 13 nuove Linee Guida di questa edizione rispecchiano in larga parte quelle del 2003 ancora scientificamente valide, ci sono 3 rilevanti novità, segno dei tempi che cambiano: “Più frutta e verdura”, in considerazione della loro importanza nel quadro di un’alimentazione bilanciata e nella promozione della salute; “Sostenibilità delle diete”, relativa all’impatto ambientale e all’accessibilità socioeconomica di una dieta sana; e, infine, “Attenzione alle diete e all’uso degli integratori senza basi scientifiche”, dedicata a guidare il consumatore nella giungla delle diete alla moda, mettendo in evidenza le ragioni della loro nascita, l’efficacia per il dimagrimento e, soprattutto, le controindicazioni.Inoltre, sono stati compilati per la prima volta piani dietetici, anche ipocalorici, che includono alimenti provenienti da tutti i gruppi alimentari, utilizzando come riferimento le “porzioni standard italiane”, fondamentali per costruirsi una alimentazione equilibrata. E, sempre per facilitare il consumatore, sono state ampliate le parti pratiche del documento, come le “false credenze” e i “come comportarsi” più numerosi box di approfondimento che, senza interrompere o appesantire il testo, si trovano a margine dei vari capitoli.A breve le Linee Guida saranno on line sul sito del CREA.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ristoranti Buon Ricordo: Nuova guida 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Nove nuovi ristoranti sono entrati nell’Unione Ristoranti del Buon Ricordo, la prima associazione di ristoratori nata in Italia. Sono quindi 103 i locali (di cui 10 all’estero fra Europa e Giappone) che fanno parte del sodalizio, fondato nel 1964 per salvaguardare e valorizzare le tante tradizioni e culture gastronomiche italiane, che allora correvano il rischio di perdersi sotto la spinta dell’omologazione del gusto e la moda della cosiddetta cucina internazionale, mentre la cucina tipica delle regioni era, come scrisse Vincenzo Bonassi, “sconosciuta o negletta”. A una felice e puntuale idea di Dino Villani, uomo di cultura e maestro di comunicazione (a cui si devono, fra l’altro, il primo concorso di Miss Italia, il Premio Suzzara ideato con Zavattini, l’idea di far diventare il 14 febbraio la Festa degli Innamorati), si associò un gruppo di ristoranti di qualità con l’obiettivo di ridare notorietà e prestigio alle tante espressioni locali della tradizione gastronomica italiana, a quell’epoca poco valorizzata. A caratterizzare ciascun ristorante, e a creare fra loro un trait d’union, è oggi come un tempo il piatto-simbolo dipinto a mano dagli artigiani della Ceramica Artistica Solimene di Vietri sul Mare su cui è effigiata la specialità del locale, che viene donato agli ospiti in memoria di una piacevole esperienza gastronomica da ricordare. Per conoscere da vicino i Ristoranti del Buon Ricordo e le loro specialità, si può consultare il sito http://www.buonricordo.com o sfogliare la Guida 2020 appena pubblicata, in distribuzione gratuita nei ristoranti associati e scaricabile dal sito.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pubblicata online la guida The WineHunter Award 2019

Posted by fidest press agency su martedì, 20 agosto 2019

Ora è consultabile la prestigiosa guida alle eccellenze vitivinicole e culinarie selezionate dal WineHunter Helmuth Köcher. Per la categoria Wines sono 2.900 i vincitori degli Award Rosso e Gold, con circa 800 etichette in più degustate rispetto al 2018. Nelle categorie Culinaria, Aquavitae e Beerpassion su oltre 500 prodotti degustati sono 363 i premiati con gli Award Rosso e Gold. Inizia ora il conto alla rovescia per scoprire chi saranno i vincitori dell’ambito Award Platinum, ufficializzati ad ottobre in occasione della Milano Wine Week.
Merano, 16 agosto 2019 – La “caccia al miglior vino e prodotto gastronomico” del WineHunter Helmuth Köcher è terminata. Da oggi sono ufficiali i vincitori degli Award Rosso e Gold individuati dal fondatore di Merano WineFestival (8-12 novembre 2019) e dalle sue commissioni d’assaggio. Una selezione durata un intero anno, che si inserisce in un progetto di ricerca costante e mirata a individuare le eccellenze nel panorama vitivinicolo e gastronomico italiano. La guida, rinnovata anche nella veste grafica, è consultabile gratuitamente su award.winehunter.it Semplice e intuitiva è dotata di vari filtri per selezionare i prodotti in base alla categoria o al riconoscimento vinto.5.800 vini degustati, di cui 2.900 scelti per essere inseriti nella guida The WineHunter Award. A vincere l’Award Rosso (da 88 a 89,99 punti) 2.400 etichette, mentre l’Award Gold (da 90 a 94,99 punti) va a 500 etichette; di queste, 100 sono candidate alla vittoria dell’Award Platinum (da 95 a 100 punti) e rappresentano la TOP 100 selected by The WineHunter. Oltre ai vini, la guida presenta le eccellenze gastronomiche suddivise nelle categorie Culinaria, Aquavitae e Beerpassion. Anche in questo caso i prodotti si aggiudicano i riconoscimenti Award Rosso e Gold che per quest’anno vanno a 363 prodotti (203 premiati con l’Award Rosso e 160 con l’Award Gold), selezionati su oltre 500 campionature ricevute. Tra i vincitori del riconoscimento Gold, 30 sono stati selezionati per partecipare all’assegnazione dell’Award Platinum che consacrerà le 16 eccellenze di qualità superiore. La cerimonia di premiazione dedicata al Platinum Award per quanto riguarda il settore vino quest’anno si svolge in occasione della Milano Wine Week, durante la quale ci sarà anche uno degli eventi di Anteprima Merano WineFestival (11-12 ottobre). Il Platinum Award per i prodotti gastronomici sarà consegnato invece proprio a Merano, durante Merano WineFestival.“Al termine della selezione devo dire che sono molto fiero delle assegnazioni degli award per quest’anno. Vini selezionati per la particolarità che hanno e l’emozione che creano, che ci fanno scoprire e immergere tra le loro caratteristiche.” Queste le parole del WineHunter Helmuth Köcher dopo la chiusura delle assegnazioni 2019.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Furti d’auto: dopo 5 anni tornano a crescere. Ecco la guida per difendersi

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 luglio 2019

Dopo 5 anni di costante, graduale calo, torna a crescere il numero dei furti d’auto in Italia. Secondo i primi dati elaborati dal Ministero dell’Interno, nel 2018 sono stati 105.239 gli autoveicoli sottratti, +5,2% rispetto ai 99.987 registrati nel 2017.
LoJack, da oltre 10 anni in Italia a supporto delle Forze dell’Ordine per contrastare questa piaga e leader nel rilevamento e recupero di auto rubate (oltre 2.500 veicoli recuperati ogni anno grazie alla tecnologia unica in radiofrequenza e a un team di esperti sul campo), ha stilato un decalogo di consigli pratici e utili indicazioni per limitare al massimo il rischio furto mentre si è alla guida, quando si parcheggia e nella quotidianità di tutti i giorni. Il vademecum annovera consigli che solo in apparenza possono sembrare banali e suggerimenti per contrastare le nuove modalità hi-tech di sottrazione:
Non lasciare l’auto accesa e con le chiavi inserite, nemmeno per pochi secondi (ad esempio mentre sei in doppia fila), potrebbero risultare decisivi per il furto.
Anche se fa caldo, prima di lasciare l’auto chiudi i finestrini e il tettuccio. Un pur piccolo spiraglio può rivelarsi un assist per i ladri, cui bastano pochi centimetri per aprire varchi, introdursi nell’abitacolo, mettere in moto e scappare.
Non lasciare l’auto di notte in parcheggi isolati o incustoditi. In simili casi potrebbe rivelarsi preziosa la funzione di “Geofence”, prevista da alcuni sistemi telematici a bordo della vettura, che attraverso un’App ti avvisano se l’auto esce dalla zona a rischio, mentre tu non sei a bordo.
Anche se, soprattutto nel periodo estivo, non usi quotidianamente l’auto, verifica ogni giorno che sia parcheggiata nel punto in cui l’hai lasciata. Denunciare con tempestività l’eventuale furto accresce la possibilità di ritrovare la vettura, soprattutto se questa è dotata di un dispositivo di rilevamento hi-tech. Secondo le statistiche LoJack dopo 48 ore dal furto le speranze di ritrovarla si riducono drasticamente.
Osserva con attenzione il luogo in cui parcheggi: se in terra ci sono cumuli di frammenti di vetro, è sinonimo di zona a rischio furto o vandalismo.
Non parcheggiare sempre nello stesso posto, le abitudini danno modo al ladro di organizzare al meglio il furto.
Attenzione alle truffe. Sempre più spesso i ladri utilizzano un escamotage come un finto incidente (con la tecnica dello specchietto, il lancio di piccole pietre sul fianco dell’auto o ancora un lieve tamponamento) per costringere i guidatori (soprattutto donne e anziani) a fermarsi, scendere dall’auto e sottrargliela.
Quando sei all’autogrill o nel parcheggio del centro commerciale e chiudi la vettura a distanza tramite una smart key, controlla sempre manualmente l’avvenuta chiusura delle portiere. Un ladro, appostato nelle vicinanze, potrebbe aver disturbato il segnale con un jammer per poi entrare indisturbato nel veicolo e approfittare della tua sosta.
Proteggi la tua auto con un sistema di antifurto meccanico, ma soprattutto con uno hi-tech. Il primo può scoraggiare i ladri meno attrezzati, il secondo (se efficace) può rivelarsi prezioso in caso di furto. Un sistema in radiofrequenza (non schermabile e attivo anche in situazioni critiche, come all’interno di container o nei garage sotterranei) raddoppia la possibilità di recuperare la vettura sottratta.
Proteggi la chiave della tua vettura, custodendola in un “card protector” che ne impedisca la clonazione o che blocchi la sempre più diffusa modalità di furto hi-tech “relay attack”, con la quale i ladri, utilizzando ripetitori in radiofrequenza, riescono a riprodurre la comunicazione tra l’auto e la sua chiave, anche quando questa è distante.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Sapienza alla guida della nuova università europea Civis

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2019

Il rettore Eugenio Gaudio è stato eletto presidente dell’alleanza che riunisce quasi 400.000 studenti e 55.000 tra docenti e personale tecnico amministrativo, recentemente selezionata per il finanziamento europeo per 5.000.000 di euro dalla Commissione europea.
Civis, con circa 400.000 studenti e 55.000 tra docenti e personale tecnico-amministrativo, è la più grande tra le 17 reti universitarie europee – di cui 11 partecipate da Atenei italiani – che hanno ottenuto il finanziamento dell’Unione europea a seguito della prima call Erasmus+ “European Universities”.Insieme alla Sapienza fanno parte della rete le università Aix-Marseille University per la Francia, l’università Ethniko kai Kapodistriako Panepistimio di Atene per la Grecia, Universitatea di Bucureșt per la Romania, Universidad Autónoma de Madrid per la Spagna, Eberhard Karls University di Tübingen per la Germania, Université libre de Bruxelles per il Belgio, Stockholms University per la Svezia.
All’avvio della presidenza del rettore Gaudio, nel mese di ottobre, alla Sapienza si terrà la prima riunione operativa che consentirà di avviare la fase di realizzazione del progetto, a cui parteciperanno tutti i Rettori delle otto università europee aderenti.
“Alcune attività sono già partite, come la Summer School riservata agli studenti di Civis, che ha consentito ai primi 20 ragazzi di seguire lezioni in archeologia e studi classici, fiore all’occhiello del nostro ateneo che proprio in Classics si posiziona al vertice delle classifiche internazionali” aggiunge il Rettore Gaudio “A ottobre si lavorerà poi per dare sempre maggiore concretezza alla rete universitaria, a partire da una student card unificata per le 8 università, che agevolerà la condivisione di servizi e di percorsi formativi”. Tra gli obiettivi dell’alleanza vi è la promozione del multilinguismo e della diversità culturale europea. Il progetto sarà affiancato da un cofinanziamento degli atenei partecipanti; questo consentirà di portare avanti un ampio programma di attività.
Gli studenti avranno la possibilità di svolgere il percorso universitario in mobilità nei diversi atenei aderenti, con rilascio di titoli congiunti, accedere a strumenti innovativi per l’apprendimento delle lingue e, attraverso la student card uguale per tutti gli iscritti dei diversi atenei, utilizzare servizi comuni.I docenti potranno realizzare attività di ricerca integrate, con accesso facilitato agli ambienti collaborativi europei per la realizzazione di partenariati, condivisione di pedagogie innovative, opportunità per disseminazione dei risultati scientifici.Molto importante è anche l’impatto dello scambio tra università e cittadini, i quali potranno partecipare attivamente alla definizione delle iniziative di ricerca dell’Alleanza, attraverso gli strumenti della Citizen Science, e conoscere i risultati della ricerca grazie alla strategia open science. Civis prevede anche il coinvolgimento nei laboratori di ricerca degli stakeholder presenti sul territorio, con la formula degli Open Labs.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medicina Personalizzata: l’Italia alla guida del progetto europeo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 dicembre 2018

Si concentrerà su big data, sistemi integrati in sanità, innovazione, policy maker, aspetti socio-economici e industria della salute, il lavoro di “Regions4PerMed: Interregional coordination for a fast and deep uptake of personalised health”. Si tratta di un progetto europeo incentrato sul ruolo cruciale delle regioni per l’implementazione dei programmi di medicina di precisione e che vede l’Italia protagonista con due realtà d’eccellenza nell’ambito delle scienze delle vita, la Fondazione Toscana Life Sciences come coordinatore del progetto (Regione Toscana) e la Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica (Regione Lombardia). Dall’Europa, assegnati 1,7 milioni di euro per un percorso quadriennale che ha l’obiettivo di coinvolgere fino a 180 diverse regioni e oltre 1.000 stakeholder.
Una sfida, quella della medicina personalizzata, colta ormai da molti Paesi ma che, se da un lato rappresenta una vera rivoluzione in termini medico-scientifici e organizzativi, dall’altro affronta e cerca di rispondere ad alcune criticità in termini di sostenibilità, privacy, etica etc. Perché le enormi potenzialità di questo nuovo approccio, non solo alla cura ma anche e soprattutto in termini predittivi e preventivi, non restino teoria ma possano rappresentare veramente il futuro prossimo della scienza e della medicina, è dunque fondamentale un intervento che definisca le linee guida di implementazione a supporto dei futuri programmi di ricerca e innovazione sul tema.
Un futuro nel quale la UE crede molto se consideriamo che nei bandi Horizon2020 sono ben 170 i progetti dedicati alla medicina personalizzata per i quali sono stati stanziati circa 870 milioni di euro dalla Commissione Europea (ai quali vanno aggiunti altri 40 progetti del programma IMI – Innovative Medicine Initiative) e lo stesso vale in termini di strategie regionali innovative per la smart specialisation (RIS3), con 52 regioni che stanno già sviluppando policy adeguate sul tema della medicina personalizzata. La trasformazione dei sistemi sanitari da modelli di cura reattivi a sistemi predittivi e preventivi e, dunque, l’implementazione del paradigma della medicina personalizzata, richiede la collaborazione e l’allineamento tra molteplici attori e programmi europei sia tra Stati membri ma soprattutto tra regioni europee, al fine di costruire un piano d’azione integrato per favorire l’innovazione nel settore. In quest’ottica il progetto, basato sul dialogo tecnico con i massimi esperti internazionali e che ha già coinvolto quasi 50 regioni europee, affronterà temi quali intelligenza artificiale e cartelle cliniche elettroniche, telemedicina e procurement innovativo, per individuare i maggiori ostacoli a un pieno sviluppo della medicina personalizzata, nonché indicare quali investimenti (anche congiunti a livello interregionale) poter attivare. Il lavoro sarà supervisionato dal punto di vista tecnico e scientifico anche da un Advisory Board composto da figure di spicco del mondo dell’Industria, dell’Università, delle Aziende ospedaliere o appartenente ad altri Istituti del settore salute.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione guida comprare e vendere online

Posted by fidest press agency su martedì, 12 giugno 2018

Roma martedì 19 giugno alle ore 11.00 presso la sala Ufficio Relazioni Esterne e Cerimoniale-Dipartimento Pubblica Sicurezza (via Agostino Depretis 95). Sapevi che ognuno di noi dispone potenzialmente di un “tesoretto” di 1.030 euro in casa, che potrebbe trasformare in denaro semplicemente liberandosi del superfluo e contribuendo in maniera attiva alla valorizzazione dei prodotti, evitando che questi diventino rifiuti? D’altra parte, soltanto nel 2017 ben il 42% degli italiani ha comprato o venduto un prodotto usato online. Auto, apparecchi elettronici, attrezzatura sportiva, sono tra gli oggetti di seconda mano più gettonati nella compravendita tra privati; in questo periodo in prossimità dell’estate, poi, non mancano gli annunci per vendere o affittare case per le vacanze. Ma perché gli acquisti di seconda mano restino una bella esperienza è necessario seguire qualche accorgimento per evitare di cadere in vere e proprie truffe quando si compra o vende online. Per questo motivo Unione Nazionale Consumatori in collaborazione con Polizia Postale e delle Comunicazioni e Subito presenta una guida agli acquisti sicuri dal titolo “Compravendita on-line dell’usato.”

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antonelli alla guida dell’Oncologia di Novartis in Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 aprile 2018

Milano. Novartis annuncia la nomina di Pierluigi Antonelli nel ruolo di Head of Oncology Region Europe (ORE) di Novartis, con l’obiettivo di favorire ulteriormente lo sviluppo e la crescita dell’azienda in quest’area. Dal 2015 Antonelli ha ricoperto il ruolo di Head of Western Europe in Sandoz, attiva nella produzione di farmaci equivalenti e biosimilari e, con il suo impegno, ha contribuito a rendere l’azienda leader di settore in Europa.“Sono onorato di assumere questo ruolo e affrontare nuove e stimolanti sfide nell’ambito dell’oncologia, attraverso lo sviluppo e l’accesso a terapie innovative in grado di migliorare in modo tangibile la vita delle persone. – ha dichiarato Pierluigi Antonelli – Novartis Oncology, azienda leader nell’area oncologica, è una realtà solida con una lunga storia alle spalle e una pipeline di grandissimo valore, incentrata sulla ricerca scientifica. Sono quindi lieto di poter mettere a disposizione la mia esperienza con l’obiettivo di continuare a perseguire sempre nuove opportunità di cura per i pazienti.” Pierluigi Antonelli è un professionista riconosciuto a livello internazionale: dopo studi economici e una strutturata esperienza in consulenza presso McKinsey, ha maturato 15 anni di esperienza nel settore farmaceutico rivestendo diversi incarichi per Bristol-Myers Squibb in Italia, Stati Uniti, Portogallo, Francia e Svizzera, ricoprendo da ultimo il ruolo di Senior Vice President e Managing Director per Msd Italia e Fertility Lead per la regione Europa e Canada. È stato inoltre membro del Comitato di Presidenza di Farmindustria in Italia e ha rivestito la carica di chairman per l’associazione IAPG (Italian American Pharmaceutical Group).
Novartis fornisce innovative soluzioni terapeutiche in grado di far fronte alle esigenze, in continua evoluzione, dei pazienti e della società. Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portafoglio diversificato per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci ad alto contenuto di innovazione, farmaci generici e biosimilari a costi competitivi e prodotti per la cura dell’occhio. Novartis detiene una leadership globale in ognuna di queste aree. Nel 2017, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 49,1 miliardi di dollari, mentre circa 9 miliardi di dollari sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo. Le società del Gruppo Novartis contano circa 122.000 collaboratori. I prodotti Novartis sono disponibili in 155 Paesi del mondo. Ulteriori informazioni nei siti http://www.novartis.it e http://www.novartis.com.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »