Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘haiti’

FedEx, Direct Relief, International Medical Corps & Heart to Heart International Team Up to Deliver Supplies and Aid to Haiti

Posted by fidest press agency su martedì, 1 novembre 2016

aid to haiti.jpgMore than 30 tons of critical aid is on the ground and in the hands of relief workers in Haiti. FedEx Corp. (NYSE: FDX) delivered the emergency supplies on board two charter flights this week in an effort to provide assistance to the people and communities affected by Hurricane Matthew.FedEx supported these disaster relief efforts through its humanitarian organization relationships with Direct Relief, International Medical Corps and Heart to Heart International. These organizations have medical staff and disaster relief supplies pre-positioned in the region.“The devastating reality is people in Haiti are relying on the delivery of humanitarian aid for life’s most basic necessities,” said Jenny Robertson, director of Global Citizenship and Reputation Management at FedEx. “The FedEx network and our people who power it are equipped to deliver these critical supplies where they’re needed most.”FedEx has worked with Direct Relief for more than a decade to deliver medical resources during times of disaster. The organization’s aid filled a charter flight that took off from the Memphis World Hub and arrived in Port-au-Prince Wednesday, October 12. Supplies included medication, medical equipment, hygiene kits and tents that can be used as pop-up health facilities.“Hurricane Matthew dealt a doubly cruel blow to Haiti, causing tragic loss of life and vastly increased risks and harm while at the same time damaging the health facilities and infrastructure critical to responding,” said Thomas Tighe, president and CEO, Direct Relief. “That’s why an aggressive, targeted response is so important and why FedEx’s leadership to take care of the transportation barrier is such a critically important step.”A second charter flight landed in Haiti October 13, filled with 35,000 pounds of relief supplies from International Medical aid-to-haiti1Corps and Heart to Heart International. Together with these two organizations, FedEx delivered 11,000 hygiene kits, medicines and medical supplies.“Heart to Heart International (HHI) is proud of our long-standing relationship with FedEx. The humanitarian aid on today’s charter flight includes more than 11,000 personal hygiene kits that will be distributed to the people in Haiti where HHI is providing medical care. These hygiene kits play an important role in preventing the spread of disease, such as cholera,” said Jim Mitchum, CEO of Heart to Heart International.With many health facilities damaged, inaccessible, or non-functional as a result of Hurricane Matthew, the urgently needed aid will reach the most affected areas of Haiti, including Grand’Anse and Sud.“FedEx’s swift action in the wake of Hurricane Matthew makes it possible for our teams to save lives and alleviate suffering in some of the hardest hit communities in Haiti,” said Nancy Aossey, president and CEO of International Medical Corps. “FedEx knows that speed saves lives, and that every hour counts. They are making it possible for our teams to deliver urgently needed supplies and bring lifesaving medical care to those in need, helping stop the spread of cholera—a disease that has the potential to be far deadlier than the storm itself.”The relief effort is part of the company’s FedEx Cares initiative, through which FedEx will invest $200 million in more than 200 global communities by 2020 to create opportunities and deliver positive change around the world. (photos: aid haiti)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: scenario post-uragano

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 ottobre 2016

haiti-uragano“Lo scenario ad Haiti post uragano è apocalittico, siamo ai livelli di devastazione del terremoto del 2010 ” lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce UNICEF Italia “Con il primo accesso dei nostri aiuti nelle aree colpite iniziano finalmente ad arrivare notizie sulla situazione. Ci sono 522 mila bambini colpiti dall’uragano Matthew nel sud del Paese e già si registrano casi gravi di colera, dengue e zika. A Les Cayes, completamente allagata, sono state evacuate molte persone ma coloro i quali non hanno voluto abbandonare le case sono probabilmente morti o dispersi” prosegue “Siamo come UNICEF in prima linea per evitare la diffusione delle malattie e per prestare soccorso agli sfollati, temiamo che il numero dei morti si aggraverà di ora in ora” conclude. Per far fronte a questa emergenza, l’UNICEF, che lavora con propri operatori nel paese dal 1949, ha aperto una campagna di raccolta fondi per aiutare i bambini di Haiti: per questi primi interventi di soccorso e assistenza, sono subito necessari 2 milioni di dollari. Non lasciamo soli i bambini di Haiti. E’ possibile aiutare i bambini di Haiti colpiti dall’uragano Matthew con donazioni tramite: sito-web http://www.unicef.it/haiti

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Haiti: investigation on cholera epidemic

Posted by fidest press agency su sabato, 5 febbraio 2011

Secretary-General Ban Ki-moon today named four top medical experts to an independent panel to investigate the cause of a cholera epidemic in Haiti amid media reports that Nepalese peacekeepers from the United Nations mission there may have been the  source.The panel will be chaired by Alejandro Cravioto of Mexico, from the International Center  for Diarrhoeal Disease Research in Bangladesh. The other three members are Claudio Lanata of the Instituto de Investigacion Nutritional in Peru, Daniele Lantagne of Harvard University in the United States, and Balakrish Nair of the National Institute of Cholera and Enteric Diseases in India. “The members of the panel have been selected based on their global stature, expertise and  extensive experience working with cholera in all its aspects,” a statement issued by Mr. Ban’s  spokesperson said, stressing that the panel will operate completely independently of the UN and have access to all UN records, reports and facilities as it probes an epidemic that, as of  last month, has killed at least 2,800 people and infected 130,000 others. Widespread media reports have said Nepalese troops from the UN Stabilization Mission in Haiti (MINUSTAH) were  the likely source of the outbreak, with infected water spreading from their base into a nearby  tributary of the Artibonite River, used for drinking and washing by many rural Haitians.  In announcing his intention to appoint the panel last month, Mr. Ban noted that there were  several theories, and not all reports reached the same conclusion, with MINUSTAH and the Government conducting several tests, all of them negative. But he stressed that “there remain  fair questions and legitimate concerns that demand the best answer that science can provide.”  Today’s statement said Mr. Ban had been deeply concerned by the outbreak since the first  cases were detected in October. “Determining the source of the cholera outbreak is important  for both the United Nations and the people of Haiti,” it added. The epidemic has struck while Haiti is still reeling from a devastating earthquake that killed over 200,000 people and displaced some 1.3 million others, most of them still living in crowded and unsanitary tent  camps as the disaster’s first anniversary approaches on 12 January.  MINUSTAH, currently with nearly 12,000 military and police personnel, has been on the ground in Haiti since mid-2004 after then president Jean-Bertrand Aristide went into exile amid violent unrest.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo anniversario del sisma di Haiti

Posted by fidest press agency su martedì, 11 gennaio 2011

12 gennaio 2011 ricorre il primo anniversario del terremoto di Haiti e, distanza di un anno dal sisma che ha messo in ginocchio il Paese, alle duecentomila vittime, si aggiungono un milione di senzatetto e la mancanza pressoché totale di medicinali e acqua potabile.  Il popolo haitiano non ha ricevuto alcuno sconto: le macerie del dopo il terremoto fanno da sfondo alla violenza dilagante di una lotta tra poveri e l’epidemia di colera sta mietendo vittime soprattutto tra gli orfani.  Per la data di domani il governo haitiano ha istituito il “Giorno nazionale del ricordo e del raccoglimento”, sono previste cerimonie a Port-au-Prince, la capitale, e la costruzione di un monumento alle vittime vicino al palazzo presidenziale distrutto. In Italia il Cardinale Tarcisio Bertone, presiederà una Celebrazione Eucaristica di commemorazione nella Basilica Papale di Santa Maria Maggiore.
Alessandro Corallo, redattore di Striscia la notizia con una lunga esperienza di volontariato in Haiti con la onlus Anpil ha pubblicato a maggio il libro Haiti non muore – Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali (EMI, 2010) i cui diritti d’autore verranno devoluti alla raccolta fondi per la costruzione di un centro d’accoglienza dell’associazione. Nel libro Alessandro testimonia la costante ed efficace dedizione di volontari e missionari, presenti ad Haiti da decine di anni e impegnati in prima persona, ogni giorno a fianco dei più deboli, per strada, nel silenzio dei media.
Haiti non muore è stato presentato all’istituto Gonzaga di Milano con tutto lo staff di Striscia la Notizia e sta girando tra gli studenti delle scuole medie inferiori del Nord Italia dove alcuni professori hanno deciso di adottare la testimonianza di Alesssandro come libro di testo per gli studenti.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

12 gennaio 2011: Haiti un anno dopo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 gennaio 2011

Tornare a parlare di Haiti ad un anno dal terremoto che ha devastato l’isola proponendo una riflessione molto più ampia per spingere l’opinione pubblica ad analizzare le emergenze umanitarie più complesse attraverso un percorso interattivo sul web. Questo è l’obiettivo di Cesvi in occasione del primo anniversario della catastrofe haitiana. Un terremoto che ha provocato oltre 220 mila morti, più di 300 mila feriti e almeno 1 milione e 200 mila senzatetto: una calamità naturale che si è sommata alle gravose condizioni di vita già presenti nel Paese. Haiti non riesce a trovare pace: alla difficile ricostruzione si è aggiunta, negli ultimi mesi, una nuova emergenza, l’epidemia di colera con circa 3.500 nuove vittime e oltre 30.000 persone ricoverate nei Centri Trattamento Colera. Haiti, un anno dopo, continua ad essere “un’emergenza nell’emergenza”.
Cesvi, Fondazione Onlus attiva in 30 Paesi con progetti di cooperazione e sviluppo e di risposta alle emergenze e la Commissione Europea dedicano proprio ad Haiti il lancio del virtual tour.
Un percorso virtuale ricco di stimoli in cui il messaggio educativo viene trasmesso sfruttando la dinamica del gioco e le modalità comunicative dell’intrattenimento. Tra queste, la simulazione di un terremoto, un gioco “ad incastri” per conoscere i settori dell’intervento umanitario e le loro priorità, un’isola virtuale su cui collocare gli attori umanitari internazionali. Parallelamente, sempre il 12 gennaio 2010, Cesvi e Agire, Agenzia Italiana di risposta alle emergenze, racconteranno il lavoro svolto in un anno ad Haiti in una conferenza presso La Casa del cinema  a Roma. Cesvi nei giorni immediatamente successivi al sisma si è mobilitato con la distribuzione di acqua potabile sia a Port-au-Prince che nelle zone più periferiche e dimenticate dagli aiuti internazionali, mentre a Grand Goave e Petit Goave ha riabilitato e costruito latrine, docce, canali di scolo, lavatoi, pozzi e cisterne. Attualmente realizza progetti di sviluppo post-emergenza nel settore agricolo e di tutela dell’infanzia, oltre a fronteggiare l’epidemia di colera con campagne di informazione e prevenzione e la distribuzione di acqua pulita e kit igienico-sanitari. http://www.lascienzadellemergenza.org (sam)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: Caritas un anno di aiuti

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 dicembre 2010

Dopo il sisma che il 12 gennaio 2010 ha colpito Haiti, provocando circa 230.000 vittime, oltre 300.000 feriti e un milione e mezzo di senza tetto, l’impegno della Caritas continua. In particolare Caritas Italiana è presente ad Haiti con tre operatori per il coordinamento degli aiuti e a sostegno della Caritas locale, attiva con centinaia di operatori e volontari in tutte e dieci le diocesi del Paese.
Sono 51 i progetti finora avviati, per circa 9,3 milioni di euro, di cui 3,2 milioni destinati all’emergenza, 3 milioni alla ricostruzione e la restante somma in ambito socio-economico, sanitario e formativo.  Un impegno che Caritas Italiana, a quasi un anno dal sisma, ha rendicontato in modo articolato in un Rapporto realizzato per l’occasione. Il rapporto, le schede dei singoli progetti, ulteriori dettagli, foto e video su: http://www.caritasitaliana.it/home_page/nel _mondo/00001688_Emergenza_terremoto_Haiti.html

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unicef: i bambini di Haiti

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

La situazione ad Haiti è ancora critica. C’è ancora molto da fare e l’UNICEF è in prima linea a fianco dei bimbi haitiani” ha detto il Presidente dell’UNICEF Italia Vincenzo Spadafora- “Oltre ai fatti e alle cifre sulle perdite e sui danni causati dal terremoto, ci colpisce soprattutto ciò che i bambini haitiani raccontano del terremoto ai nostri operatori, parlando‘de le grand serpent’, di un grande serpente che strisciava rabbiosamente sotto la terra, scuotendo le loro case e le loro scuole fino a ridurle in polvere”.  A sei mesi dal più forte terremoto che ha colpito Haiti negli ultimi 200 anni, le sfide per rispondere alle necessità e ai bisogni di oltre 800.000 bambini e delle loro famiglie rimangono aperte. In un paese già fragile, il terremoto ha lasciato un bilancio di oltre 220.000 morti e oltre 300.000 feriti. Circa due milioni di persone non hanno più una casa e 1,6 milioni di persone continuano a vivere in campi sovraffollati. Le infrastrutture del paese, già deboli, sono state devastate con il 60% degli edifici governativi distrutti e oltre 180.000 case sono inagibili Oggi, l’acqua potabile viene fornita a circa 1,2 milioni di persone attraverso la nostra partnership con altre organizzazioni umanitarie; l’UNICEF sta  direttamente fornendo l’acqua a 330.000 persone. Più di 275.000 bambini sono stati vaccinati contro le principali malattie prevenibili. Programmi nutrizionali forniscono cibo a circa 550.000 bambini sotto i cinque anni e le donne in allattamento e circa 2000 bambini gravemente malnutriti ricevono ora cure specifiche e alimenti terapeutici. 500.000 bambini hanno ricevuto materiale didattico di base, di cui 185 mila direttamente dall’UNICEF. Formazione specifica è stata data a circa 2.300 insegnanti e a 3.000 operatori.    Il settore dell’istruzione è stato duramente colpito da questo disastro, con 3.978 scuole danneggiate o distrutte, l’80% di tutte le scuole nella zona del terremoto. Questo ha aggravato una situazione già fragile, in cui meno della metà dei bambini in età scolare frequentava la scuola prima del terremoto. Tre mesi fa, il governo, con il sostegno dell’UNICEF, ha raccolto la sfida di mandare tutti i bambini a scuola, con scuole temporanee e spazi a misura di bambino”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti earthquake six months on

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2010

Caritas has helped more than 2.3 million Haitians six months after an earthquake in January.  The devastating 7 magnitude earthquake hit Haiti on 12th January 2010. It left over 230,000 dead and many more people homeless and injured. Bishop Pierre Dumas, President of Caritas Haiti, said, “Six months ago the devastating earthquake destroyed the foundations of social life in Haiti and plunged many families into grief and distress. Today, Caritas continues to share the joys and miseries, the sorrows and hopes of this nation and its crucified history. Caritas has provided food, water, shelter, healthcare, sanitation, counselling and protection at a cost of US$46.8 million (€37.4 million). Up to 1.5 million people received food aid and close to 400,000 people benefited from Caritas healthcare programmes following the disaster. However, major challenges remain for the rehabilitation and reconstruction of Haiti such as housing.  Over one million people still live in makeshift settlements and camps around the capital Port-au-Prince and providing them with better accommodation ahead of the imminent rainy season is essential. Caritas has provided emergency shelter or temporary homes to almost 160,000 people in Port-au-Prince and in rural areas since the earthquake struck. Caritas is currently developing a rehabilitation and reconstruction plan for the next five years. Caritas will provide further aid all throughout this rebuilding period. The focus will mainly be on shelter, education, disaster risk reduction, health and livelihood recovery.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti non muore

Posted by fidest press agency su martedì, 25 Mag 2010

Il nuovo libro di Alessandro Corallo “Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali”, è stato presentato il 13/05 all’istituto Gonzaga di Milano con tutto lo staff di Striscia la Notizia e sarà presentato in trasmissione il primo di giugno. Corallo, redattore storico di Striscia la Notizia e volontario ad Haiti da quasi vent’anni, è già autore del libro “Ad Haiti si nasce ultimi” pubblicato sempre da EMI nel 2006. Alla notizia del terremoto si mobilita immediatamente: la tragedia lo tocca da vicino ed è solo grazie a Skype che nei primi giorni riesce a comunicare con gli amici haitiani. Due mesi dopo sarà sui luoghi per partecipare al completamento del nuovo progetto del Centro di accoglienza realizzato dell’ANPIL nella città di Port-de-Paix. Nella sua appassionata cronaca del dopo-terremoto, l’Autore ci apre gli occhi anche sulla problematica delle adozioni. E testimonia la costante ed efficace dedizione di volontari e missionari, presenti ad Haiti da decine di anni e impegnati in prima persona, ogni giorno a fianco dei più deboli, per strada, nel silenzio dei media. Il libro rientra nel progetto di raccolta fondi ANPIL per l’emergenza terremoto e i diritti d’autore verranno devoluti a favore dell’associazione.
Alessandro Corallo è nato a Milano nel 1971. Dal 1991 è stato molte volte ad Haiti e in Paraguay dove, come volontario dell’associazione onlus Anpil, ha curato diversi progetti per i bambini di strada. Come film-maker ha realizzato Timoun Ayiti (Bambini di Haiti), Jwet Dayiti (Giochi di Haiti), vincitore al Festival Internazionale del Film Turistico e al Cinemambiente, e La Fiesta de San Juan (Paraguay), vincitore al Merano Kinderkom. Dal 1992 lavora nella redazione di Striscia la notizia. Come autore collabora con l’illusionista Antonio Casanova. Scrive e sceneggia brevi film d’animazione pubblicati da De Agostini Iniziative Speciali. Con la Emi ha già pubblicato Ad Haiti si nasce ultimi. Vive in Brianza con la moglie e i quattro figli: Matteo, Chiara, Paola e David, nato ad Haiti e adottato all’età di un anno.
L’Anpil, onlus italiana, opera ad Haiti da oltre 20 anni in collaborazione con molte realtà religiose e laiche presenti sul territorio. L’associazione, attraverso famiglie italiane, sostiene a distanza oltre 600 bambini e numerosi progetti, tra questi scuole dispensari e un Centro di Accoglienza.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: Haiti non muore

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 Mag 2010

Milano, 13 maggio, ore 10,45 presso Istituto Gonzaga (Via Vitruvio, 41) e sede Anpil  presentazione del nuovo libro di Alessandro Corallo “Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali”, pubblicato dalla casa editrice EMI. Corallo, redattore storico di Striscia la Notizia e volontario ad Haiti da quasi vent’anni, è già autore del libro “Ad Haiti si nasce ultimi” pubblicato sempre da EMI nel 2006. Alla notizia del terremoto si mobilita immediatamente: la tragedia lo tocca da vicino ed è solo grazie a Skype che nei primi giorni riesce a comunicare con gli amici haitiani. Due mesi dopo sarà sui luoghi per partecipare al completamento del nuovo progetto del Centro di accoglienza realizzato dell’ANPIL nella città di Port-de-Paix. Nella sua appassionata cronaca del dopo-terremoto, l’Autore ci apre gli occhi anche sulla problematica delle adozioni. E testimonia la costante ed efficace dedizione di volontari e missionari, presenti ad Haiti da decine di anni e impegnati in prima persona, ogni giorno a fianco dei più deboli, per strada, nel silenzio dei media. Alla presentazione sarà presente il cast di Striscia la notizia, che da anni promuove i progetti dell’Anpil, in particolare i conduttori Ficarra e Picone, le veline Federica e Costanza gli inviati di Striscia Max Laudadio, Moreno Morello, Antonio Casanova, Giampaolo Fabrizio, Vittorio Brumotti, Valerio Staffelli, Jimmy Ghione, Edoardo Stoppa, Juliana Moreira e altri ancora. Il libro rientra nel progetto di raccolta fondi ANPIL per l’emergenza terremoto e i diritti d’autore verranno devoluti a favore dell’associazione.
Alessandro Corallo è nato a Milano nel 1971. Dal 1991 è stato molte volte ad Haiti e in Paraguay dove, come volontario dell’associazione onlus Anpil, ha curato diversi progetti per i bambini di strada. Vive in Brianza con la moglie e i quattro figli: Matteo, Chiara, Paola e David, nato ad Haiti e adottato all’età di un anno.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: A tre mesi dal sisma

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

Port-Au-Prince, Haiti. A 3 mesi dal sisma di magnitudo 7 gradi della scala Richter che ha causato distruzione e morte nella capitale dell’isola e nelle aree circostanti,  i bambini debbono ancora fronteggiare una serie di minacce al loro benessere. Secondo il nuovo rapporto di Save the Children In aiuto ai bambini di Haiti a minacciare sicurezza e salute di tanti minori, il rischio di malattie, di farsi male, di subire abusi o sfruttamento. E anche il futuro per questi bambini è incerto perché il sistema scolastico di Haiti è collassato.Si stimano in 3 milioni le persone afflitte dal sisma che ne ha lasciato più di 1 milione senza casa. Pesante l’impatto sui bambini: 1.500.000 quelli  colpiti dal terremoto e più di 300.000 senza casa. Moltissimi inoltre sono quei minori privi di uno o entrambi i genitori: 380,000 prima del terremoto, adesso sono molti di più.Negli ultimo 3 mesi, in stretto coordinamento con le autorità di Haiti, la comunità internazionale e la comunità locale, Save the Children ha raggiunto ed aiutato circa 553.000 persone, di cui la metà circa bambini. Con uno staff di 500 persone e intervenendo a Port-au-Prince, Léogâne, Jacmel, Petit Goâve e nelle aree circostanti, l’organizzazione sta fornendo cibo, ripari, assistenza sanitaria, protezione, acqua potabile, servizi igienici, istruzione e programmi di support alle famiglie colpite dal sisma.
Secondo il rapporto In aiuto ai bambini di Haiti negli ultimi 3 mesi Save the Children ha:- distribuito cibo a più di 250.000 persone. La distribuzione proseguirà anche nei prossimi mesi.
– distribuito materiale per allestire ripari temporanei a 7.500 capi-famiglia e continuerà a fornire tali aiuti o piccoli finanziamenti per l’acquisto di tali beni, anche nei prossimi mesi. – assicurato acqua potabile e servizi igienici a 221.000 persone. Inoltre sta contribuendo al drenaggio dell’acqua in coincidenza con l’inizio della stagione delle piogge. –  curato più di 23.000 bambini e adulti nelle sue cliniche mobili e grazie a 27 squadre di medici sta assicurando assistenza specializzata alle donne, prima, durante e dopo il parto. Inoltre ha allestito 16 tende per neonati, dove donne con bambini appena nati possano allattare e ricevere il supporto necessario in questa delicata fase. Una speciale attenzione viene prestata ai bambini affetti da malnutrizione o orfani e a tutti vengono assicurati alimenti terapeutici e pronto all’uso. – in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, identificato spazi e strutture per scuole temporanee e fornito tende e materiale utile al riavvio e riapertura di 41 scuole. Obiettivo dell’organizzazione è garantire scuola e insegnanti adeguati a 160.000 bambini, attivando programmi per lo sviluppo della prima infanzia e corsi scolastici per i bambini che hanno perso la scuola. –       allestito 35 Spazi a misura di bambino a Port-au-Prince e Jacmel, assicurando in ciascuno di essi attività creative e ricreative per 100 minori al giorno. – organizzato attività di identificazione dei minori soli e di rintraccio dei genitori, se ancora in vita, o di familiari. Attività tutt’ora in corso.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: comincia la stagione delle piogge

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2010

Mancava solo la stagione delle piogge a dare il colpo di grazia alla popolazione haitiana che oltre ad essere terremotata ora rischia di divenire alluvionata, nella speranza che nessun uragano da qui a qualche mese non flagelli ulteriormente il paese. E così il sud si trova inondato da oltre mezzo metro d’acqua. Sono infatti almeno 13 le vittime e 3000 le persone costrette a lasciare le proprie case per le inondazioni. Secondo la protezione civile di Port-au-Prince, le zone più colpite sono i dipartimenti del Sud e di Nippes, risparmiati dal sisma, dove molti corsi d’acqua sono straripati. Diversi quartieri risultano allagati a Les Cayes, dove gli operatori umanitari MLFM hanno fotografato la situazione.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti attraverso gli occhi dell’NPS

Posted by fidest press agency su sabato, 27 febbraio 2010

È recentemente uscito, edito dalla Electa, il volume “HAITI through the eye of Stefano Guindani”. Guindani, fotografo Nikon Professional Service, utilizza per il proprio lavora la gamma reflex Nikon serie D.   Il progetto è frutto di un approfondito lavoro fotografico dedicato ai bambini di Haiti ed è il risultato di una serie di viaggi compiuti precedentemente al tragico terremoto che ha di recente portato all’evidenza del mondo le drammatiche vicende di questo paese. Raccontando delle storie attraverso la sua macchina fotografica, Guindani ha così compreso di poter essere di sostegno agli altri, dando con i mezzi a sua disposizione il proprio contributo a un tema sociale di particolare urgenza. In nessun paese dell’emisfero occidentale, infatti, i bambini – già prima dei recenti drammatici eventi – correvano più rischi di morire durante la prima infanzia di quelli nati ad Haiti: nelle aree rurali non hanno accesso nemmeno ai servizi più basilari, spesso il centro sanitario o la fonte d’acqua più vicini – oggi per di più non accessibili – distano ore.  I testi sono di Francesca Adamo e Claudio Marra. Il libro, inizialmente pensato per finanziare “Francisville – la città dei Mestieri” progetto della Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus, alla luce della terribile tragedia del 12 di gennaio diventa ancora più duramente attuale. Parte dei proventi di questo progetto editoriale sarà ora devoluto alla Onlus per la ricostruzione di Haiti.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: programma aiuti

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 febbraio 2010

Roma. Si è svolto alla Casa del Cinema  il seminario “AGIRE in trasparenza”, nel corso del quale sono stati presentati al pubblico e discussi i programmi di intervento delle organizzazioni non governative associate per rispondere all’emergenza di Haiti.  Grazie ai fondi donati dagli italiani, pari a 13,6 milioni di euro, le ONG di AGIRE gestiscono la distribuzione di oltre 1.3 milioni di razioni alimentari, l’allestimento di 7.600 rifugi temporanei nei campi profughi per dare riparo ad oltre 40.000 persone, il reinserimento nei processi educativi di 21.000 bambine e bambini, la ricostruzione di almeno 15 strutture comunitarie (scuole, orfanotrofi e centri sanitari) e la realizzazione di 1.360 latrine pubbliche.  Il Comitato Etico di AGIRE e le ONG hanno discusso con il pubblico in sala, le istituzioni e una rappresentanza di donatori (invitati tramite mail, social network e sito web) le modalità di suddivisione e assegnazione dei fondi e i programmi di intervento cui sono destinati,  quelli di prima emergenza già realizzati fino ad oggi e quelli in programma nei prossimi mesi. Al termine della valutazione, i progetti delle ONG sono stati formalmente approvati dal Comitato Etico. A 5 settimane dal sisma, i numeri esprimono chiaramente la gravità della situazione: 222 mila le vittime accertate, 300 mila le persone ancora gravemente ferite, circa 100 mila gli edifici completamente distrutti e 190 mila quelli danneggiati. Quasi seicentomila persone hanno lasciato la capitale Port-au-Prince, spingendosi nei distretti circostanti e nelle zone meno colpite del paese. Anche se una parte delle infrastrutture essenziali (porto, aeroporto, rete elettrica, collegamenti telefonici, strade principali)  permette oggi alle operazioni umanitarie di raggiungere con più facilità le popolazioni colpite, la minaccia delle piogge stagionali e il rischio uragani incombono sul destino di centinaia di migliaia di haitiani.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: agire in trasparenza

Posted by fidest press agency su domenica, 21 febbraio 2010

A seguito del terribile terremoto che ha colpito Haiti il 12 Gennaio scorso, AGIRE – Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze, ha lanciato un appello di raccolta fondi che ha superato i 12 milioni di euro. Al fine di garantire i cittadini italiani sull’utilizzo dei fondi da loro donati e informarli sugli interventi che saranno realizzati nei prossimi mesi, AGIRE apre al pubblico il seminario di peer review in cui le organizzazioni presenteranno i propri progetti per discuterli con il comitato etico di AGIRE e con il pubblico presente in sala, al fine di assicurare il massimo livello di sostenibilità e di trasparenza possibili. Prenderanno parte al seminario, oltre ai massimi rappresentanti delle ONG associate di AGIRE, ai suoi partner strategici e ai rappresentanti delle istituzioni italiane ed internazionali, alcuni tra i donatori privati che hanno accordato la loro fiducia ad AGIRE.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: rinvio partenza carabinieri

Posted by fidest press agency su martedì, 16 febbraio 2010

Il Partito per la tutela diritti dei militari e delle forze di polizia rende noto:  “Prendiamo atto che a seguito dell’interrogazione (A.C. 4-05948), presentata dal deputato radicale Maurizio Turco, cofondatore del Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm), con la quale abbiamo chiesto chiarimenti in merito alla corretta somministrazione dei vaccini ai militari scelti per partecipare alla missione denominata «Operazione White Crane», i 120 carabinieri di cui il Ministro La Russa ne annunciò l’immediata partenza per Haiti già il 19 gennaio scorso, partiranno solo al termine della corretta profilassi vaccinale in modo da assicurare la completa copertura immunologica. Questa iniziativa preventiva dimostra ancora una volta che le vittime del dovere e del servizio nonché dello stato hanno ragione a chiedere i giusti risarcimenti e noi li sosterremo con le nostre deboli forze che opporremo al loro assordante silenzio.”

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti un mese dopo

Posted by fidest press agency su sabato, 13 febbraio 2010

E’ passato un mese dal disastroso terremoto che il 12 gennaio ha devastato l’isola caraibica di Haiti, e non è facile tornare alla normalità in una terra che già prima di questo drammatico evento soffriva una profonda povertà e l’assenza di uno governo in grado di rispondere ai bisogni della sua popolazione. Secondo il Primo Ministro haitiano Bellerive sono 212.000 le vittime del sisma, 300.000 feriti, mentre oltre un milione di persone sono rimaste senza una casa, colpite da perdite e lutti difficili da elaborare,  senza neppure la possibilità, nella maggior parte dei casi, di riprendere un’attività lavorativa.  Gli effetti di questa emergenza si protrarranno negli anni  e, mentre i giornalisti cominciano a lasciare il paese, tra la gente serpeggia il timore di essere dimenticata. “Purtroppo nei prossimi mesi le piogge si faranno più insistenti e la situazione non potrà che peggiorare.” Così Marco Bertotto, direttore di AGIRE in missione ad Haiti. Per questo, ora che i media cominciano a voltare pagina,  è necessario intensificare gli sforzi degli operatori umanitari. L’appello di AGIRE in favore delle popolazioni colpite dal terremoto ha raggiunto risultati incoraggianti: 13,2 milioni di euro, di cui 11.557.000 solo tramite il numero solidale 48541 che permette di donare facilmente 2 euro da cellulari Tim, Vodafone, Coopvoce e Noverca o da rete fissa Telecom Italia, fino al 28 febbraio. Le 9 organizzazioni di AGIRE operative ad Haiti con circa 450 operatori locali ed internazionali, dopo questa fase di primo soccorso, cominciano a pianificare interventi a medio e lungo termine.  Il 24 febbraio alle ore 11.00, presso la Casa del Cinema di Roma, i progetti di ActionAid, CESVI, CISP, COOPI, GVC, Intersos, Terre des Hommes, Save the Children e VIS verranno presentati e discussi con un pubblico selezionato di istituzioni, partner, giornalisti e rappresentanti dei donatori. “Ci sembra giusto coinvolgere nel processo di assegnazione dei fondi raccolti un numero quanto più alto possibile di persone, partendo dal concetto che i soldi sono stati raccolti tra i privati cittadini e che quindi i privati cittadini debbano  essere informati riguardo alla loro gestione” conclude Marco Bertotto.(terremoto haiti)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sospensione rimpatri verso Haiti

Posted by fidest press agency su sabato, 13 febbraio 2010

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati chiedono congiuntamente a tutti i paesi di sospendere i rimpatri verso Haiti a causa della perdurante crisi umanitaria. Sebbene la comunità internazionale stia rispondendo al disastro, gli sforzi per fornire assistenza e servizi non sono ancora riusciti a raggiungere una larga fetta della popolazione colpita. A molte persone mancano ancora servizi di base come alloggio, cibo, acqua e assistenza medica. In più di un milione e 200mila hanno perso la casa. La preoccupazione maggiore riguarda l’elevato numero di persone estremamente vulnerabili, tra cui i feriti e i bambini separati dalle famiglie o orfani. Per questo, in attesa di una stabilizzazione della situazione e finché le persone non potranno tornare a casa in modo sicuro e sostenibile, OHCHR e UNHCR chiedono a tutti i paesi di non effettuare rimpatri di haitiani in questo momento e di continuare a garantire loro protezione temporanea per motivi umanitari.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti la tragedia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 febbraio 2010

Roma 3 febbraio 2010 ore 11.30  Piazza di S. Egidio 3 a Conferenza Stampa Haiti: la tragedia, l’emergenza e ciò che si può fare dopo l’emergenza Incontro con S.E. Mons. Pierre Dumas, Presidente di Caritas Haiti e la Comunità di Sant’Egidio La Comunità di sant’Egidio è presente ad Haiti da anni con comunità autoctone in uno dei quartieri più poveri di Port au Prince, e con adozioni a distanza. E’ già attiva sul terreno con aiuti di emergenza, tende, organizzando una ripresa della vita, soprattutto per i bambini senza famiglia. Mons. Pierre Dumas, vescovo e Responsabile della Caritas di Haiti, con cui la Comunità sta coordinando alcuni aiuti di prima necessità, ha seguito da vicino il lavoro sul terreno per garantire case-famiglia e scolarizzazione per i bambini haitiani e condizioni di vita dignitose per gli anziani. E’ un testimone della prima ora del terremoto di Haiti, che l’ha risparmiato perché era in strada al momento delle scosse. La Conferenza stampa è un’occasione unica per avere informazioni dirette sul sisma e sulla situazione attuale: Mons. Dumas, che da tempo collabora con la Comunità di Sant’Egidio ad Haiti, per la prima volta dal sisma è in Europa per offrire informazioni di prima mano e proposte per superare la terribile emergenza e avviare un futuro nel paese.  Per la stampa italiana e internazionale un’occasione speciale anche per orientare i molti comitati di aiuto che sono sorti spontaneamente e che hanno poche possibilità di intervento in loco.  Racconterà cosa ha visto, cosa è accaduto e darà notizia dei principali aiuti necessari nel Paese, fornendo indicazioni preziose per gli aiuti umanitari. La Comunità di Sant’Egidio ha potuto individuare già nei giorni immediatamente successivi al sisma dove indirizzare gli aiuti, grazie alla sua conoscenza dei quartieri più poveri: Delmas (settore 33), Canapé-Vert, Carrefour, Christ-Roi. Ha anche attivato un comitato e un centro di raccolta fondi e disponibilità.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Haiti: Piano d’emergenza Caritas

Posted by fidest press agency su domenica, 31 gennaio 2010

Sale a 1 milione di euro il contributo di Caritas Italiana per gli aiuti in questa  prima fase. Ma la sfida più grande resta la ricostruzione.  Nonostante i massicci esodi registrati in questi giorni si calcola che a Port-au-Prince siano ancora 800.000 i senzatetto.  Caritas Haiti – in coordinamento con gli organismi internazionali presenti sul posto e grazie al  sostegno di Caritas Italiana e delle altre Caritas – ha già distribuito aiuti a 50.000 haitiani  tramite i suoi centri e le parrocchie: cibo e acqua a 34.000 persone e generi di prima necessità ad altre 16.000. Da questa settimana è operativo il nuovo piano di emergenza che per i prossimi due mesi raggiungerà 200.000 persone.  In particolare si stanno distribuendo kit con razioni di alimenti in scatola sufficienti 15  giorni per una famiglia di 5 persone: legumi, sardine, cracker, riso, latte, succhi di frutta, olio. La Caritas fornisce anche assistenza sanitaria presso l’ospedale San Francesco di  Sales, nel centro della capitale, dove sono state riattivate tre sale operatorie, un laboratorio e  apparecchiature radiografiche ed è stata attivata una banca del sangue. Accanto all’ospedale  sono state allestite 8 tende per le cure di prima necessità.  Anche l’ospedale di Petit Goave è ora operativo ed è stato riaperto il dispensario.  Sono stati attivati altri 6 centri per la distribuzione di medicinali e per facilitare misure di prevenzione e di igiene. La Caritas ha riaperto un reparto presso l’ospedale Nostra Signora di Lourdes, dove opera un team medico con un chirurgo generale, un chirurgo ortopedico, un anestesista, infermieri e tecnici. Ci sono ancora molte persone che necessitano cure, anche nelle aree rurali  intorno alla capitale. Se ne calcolano 20.000 solo nella zona di Jeremie e Grand Anse.La distribuzione di acqua è già avviata. In particolare la Caritas ha installato 4 cisterne per  l’acqua potabile a Saint Marie, Carredoux, Delmas 32 e presso l’ospedale San Francesco di  Sales. Un impianto di potabilizzazione della capacità di 2000 litri l’ora è stato installato a  Leogane e Gressier. Si sta anche provvedendo all’allestimento di duemila servizi igienici.  Durante la riunione la scorsa settimana del Consiglio delle Nazioni Unite a Ginevra la Caritas, insieme ad altri 8 organismi cattolici, ha inoltre raccomandato in questa fase di emergenza  massima attenzione e monitoraggio sul rispetto dei diritti umani, con particolare riguardo alle donne e ai bambini.  Per contribuire alle molteplici azioni di solidarietà avviate, Caritas Italiana – grazie alla  mobilitazione di moltissimi sostenitori – in questa prima fase ha messo a disposizione un milione di euro. La sfida più impegnativa resta però quella dei prossimi mesi e dei prossimi anni: restare accanto alla popolazione colpita per aiutarla a ricostruire

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »