Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘hi-tech’

I grandi fondi di investimento sono disponibili ad allocare risorse alle compagnie del vecchio continente

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 gennaio 2015

londraLondra. Con gli enormi investimenti internazionali che iniziano a fluire verso le aziende di hi- tech europee, il vecchio continente e’ finalmente pronto a rivendicare il suo ruolo di prim’ordine nel settore dell’innovazione tecnologica. Questa l’opinione di Dan Wagner Ceo e fondatore di Powa Technologies, azienda specializzata nella realizzazione di soluzioni innovative per l’e-commerce.
Powa Technologies, start up inglese con sede a Londra e uffici in Europa, America e Asia e’ stata valutata 2,34 miliardi di Euro (£1.78 mld) dopo che una serie di importanti investori internazionali ha riconosciuto il potenziale della sua soluzione di mobile commerce, PowaTag. Negli ultimi due anni, l’azienda si e’ assicurata più di 150 milioni di dollari da uno dei principali fondi di investimento internazionali, tra cui un finanziamento di Seria A da 96 milioni di dollari, una cifra mai erogata in precedenza a nessuna start up di tecnologia.“L’Europa deve credere nelle possibilita’ di far sviluppare al suo interno aziende di livello mondiale nel settore della tecnologia”, ha dichiarato Dan Wagner e Ceo di Powa Tecnologies. Invece di preoccuparsi di entrare a far parte del ‘Billion Dollar Club’, le aziende dovrebbero concentrarsi sulla nascita di un “Billion Club” europeo. Ci sono molte compagnie che hanno la possibilita’ di entrare in questa elite, bisogna creare un ambiente che possa sostenere la loro crescita”.“Il crescente livello di attenzione che le imprese hi- tech europee hanno ricevuto negli ultimi anni – ha proseguito Wagner – fa capire come la comunità internazionale degli investitori ha cominciato a riconoscere il grande potenziale di innovazione delle compagnie europee, che hanno tutti gli elementi per diventare dei leader di mercato a livello mondiale”.”Entro i prossimi 5 anni – ha aggiunto Wagner – credo che sia fattibilissima la nascita di un gigante dell’ hi tech ieuropeo che possa competere con le grandi multinazionali come Microsoft e Apple . I piu’ importartanti investitori di tutto il mondo stanno iniziando a riconoscere il grande potenziale delle imprese europee a livello globale”.
Powa Technologies è un a delle poche compagnie del vecchio continente ad essere stata inserita nel prestigioso ‘Billion Dollar Startup Club’ dal Wall Street Journal[1], di cui fanno parte le aziende che hanno un valore superiore al miliardo di dollari. Dan Wagner ritiene che gli investimenti nella digital economy, creando nuovi posti di lavoro, possano svolgere un ruolo fondamentale per uscire dalla recessione e far tornare a crescere l’economia europea. La creazione dell’ occupazione è stata una priorità per Powa dopo l’investimento di 76 milioni di dollari ricevuto nel 2013.“Lo sviluppo di un “Billion Pound Club” nel Regno Unito – conclude Wagner – si basa principalmente sugil investimenti in innovazione digitale e in particolare in tecnologie mobili. PowaTag stessa e’ stata ideata per fornire ai consumatori un nuovo livello di libertà e flessibilità nel modo di fare acquisti con lo smartphone ed interagire con i brand nella loro vita quotidiana”.PowaTag permette ai consumatori di effettuare acquisti ovunque e in qualsiasi momento con lo smartphone in un touch, grazie a molteplici tecnologie, come QR code, Audio Tag, Java script, iBeacons, Near Field Communication (NFC) e social media.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cure hi-tech per ferite difficili

Posted by fidest press agency su domenica, 25 settembre 2011

Ancona, Negli ultimi anni il problema delle ulcere cutanee (venose, arteriose, diabetiche e da pressione) ha assunto un’importanza crescente, soprattutto in relazione al progressivo aumento della popolazione di età avanzata e quindi alla prevalenza delle patologie cronico-disabilitanti. Le lesioni cutanee rappresentano un problema clinico-assistenziale spesso invalidante, di difficile approccio e di crescente importanza. In Italia interessano circa 2 milioni di persone e si stima che nei prossimi 5 anni il numero dei casi di lesioni croniche aumenterà dell’8% su base annua. Per discutere i migliori approcci e le novità terapeutiche in questo ambito, i migliori specialisti nazionali ed internazionali sono riuniti al Polo Fieristico di Ancona che ospita dal 21 al 24 settembre il X Congresso Nazionale AIUC (Associazione Italiana Ulcere Cutanee) dal titolo “AIUC:10 anni di uomini storie e progressi in Vulnologia. Tramonto del primo decennio e alba del secondo.
Teva da anni affronta il problema delle lesioni cutanee croniche puntando su medicazioni tecnologicamente avanzate (biotech), sostituti della cute bioingegnerizzati e prodotti che riattivano i naturali sistemi di riparazione tissutale. Trattamenti che la multinazionale farmaceutica presenta in occasione del Congresso AIUC in particolare in due momenti importanti: il 23 settembre con il simposio “Biomateriali e riparazione tissutale: un approccio a 360°”, l’azienda presenta alcuni prodotti altamente innovativi per il trattamento delle ulcere cutanee. “Il vantaggio di questi prodotti nella cura delle lesioni cutanee sta nella loro capacità di creare e sostenere un ambiente ottimale per l’attività cellulare necessaria per la riparazione dei tessuti” spiega ilprof. Gerit Mulder, professore di Chirurgia e Ortopedia presso l’Università di California, San Diego, Dipartimento di Chirurgia e Divisione Trauma. “Medicazioni e prodotti tradizionali non consentono di modulare l’attività cellulare né di influenzarla direttamente. Questi prodotti invece possono agire anche come rivestimenti biologici che proteggono la lesione dall’ambiente esterno”.
Il 24 settembre nel corso della sessione plenaria internazionale il prof. Lior Rosenberg, capo del Dipartimento di Chirurgia Plastica presso la Soroka University Medical Center di Beer Sheva e docente di Medicina presso la Ben- Gurion University Medical School di Beer Sheva, ha presentato il primo farmaco Teva per la cura delle ulcere che verrà lanciato nel 2012. “Si tratta di un agente per il debridement enzimatico dei grandi ustionati, innovativo come approccio, perché combina i vantaggi della rimozione chirurgica dei tessuti non vitali con quelli dell’approccio non invasivo”
L’evoluzione della Vulnologia ha portato metodiche sempre più complesse e tecnologicamente avanzate, finalizzate a una migliore prevenzione nei soggetti più fragili e a una più precisa diagnosi e terapia delle lesioni cutanee di difficile guarigione.
21 ottobre sciopero nazionale
sciopero nazionale unitario di 8 ore di tutto il personale del Gruppo per il prossimo 21 ottobre, dalle 9.01 alle 17.00” “Contro il mancato rispetto degli impegni assunti dai vertici delle Ferrovie dello Stato. E’ stato indetto dall’Ugl Trasporti, insieme a Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Fast Ferrovie, Lo rende noto la segreteria nazionale Ugl Trasporti, spiegando che “con questa protesta, chiediamo all’azienda di assumere una volta per tutte un atteggiamento responsabile nei confronti dei propri dipendenti e delle attività che svolge, perché in gioco ci sono non solo migliaia di posti di lavoro, ma anche la capacità di garantire un servizio pubblico essenziale per il Paese”. “Le dichiarazioni rilasciate anche oggi dall’amministratore delegato del Gruppo, Mauro Moretti – si precisa nella nota – non fanno altro che creare confusione nel tentativo strumentale di spostare l’attenzione su altre questioni. Lo sciopero del 21 ottobre non è infatti legato alla vertenza del Contratto della Mobilità, che coinvolge tutte le aziende del trasporto pubblico e che è stato sempre sostenuto da tutte le sigle di settore. Per il Contratto della Mobilità siamo stati sempre pronti al negoziato, e abbiamo protestato con scioperi generali di settore quando ci siamo scontrati con l’atteggiamento ostruzionistico delle parti datoriali”. “Il 21 ottobre – conclude la nota – protesteremo invece contro l’incapacità gestionale del management Fs, che deve fare chiarezza una volta per tutte sul futuro del trasporto ferroviario in Italia. Non si può più continuare a gettare fumo negli occhi, è ora di dare risposte concrete”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stonesoft investe in Ricerca & Sviluppo

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 dicembre 2009

Il nuovo centro di Ricerca e Sviluppo sarà operativo da gennaio 2010 e posizionato strategicamente a Cracovia (Polonia). Il Centro si aggiunge ai due poli europei già esistenti a Helsinki (Finlandia) e Sophia Antipolis (Cannes, Francia). Cracovia è un parco tecnologico noto infatti per l’elevata competenza ed eccellenza nel settore dell’Information Technology che vede frequenti operazioni di business nel campo dell’hi-tech. Questa situazione è favorita dalla presenza di ben 8 università di stampo tecnico che ogni anno laureano oltre 8mila persone. Il sostegno e l’accelerazione dello sviluppo nell’area è incentivato dalla presenza di programmi di incubazione aziendale con società estere che scelgono di operare in Polonia sotto l’egida dei programmi di sviluppo della Comunità Europea. Le soluzioni Stonesoft proteggono ambienti di rete estesi e critici, che necessitano di applicazioni di sicurezza avanzate, efficienti e in grado di adattarsi velocemente ai rapidi cambiamenti cui sono sottoposti. Caratteristica distintiva di Stonesoft è sempre stata la sua flessibilità e abilità nell’adattarsi prontamente alle esigenze dei propri clienti e la nuova unità di Ricerca & Sviluppo consentirà al provider finlandese di estendere la propria leadership nell’ambito della network security.
StoneGate Management Center implementa un meccanismo di gestione unificata per StoneGate Firewall con VPN, IPS e SSL VPN. StoneGate Firewall e IPS operano insieme al fine di fornire una difesa intelligente all’intera rete aziendale, mentre StoneGate SSL VPN offre una sicurezza superiore anche da remoto. Fondata nel 1990, Stonesoft ha due sedi centrali internazionali a Helsinki e ad Atlanta. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito http://www.stonesoft.com e il blog aziendale http://stoneblog.stonesoft.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli investimenti immobiliari diventano hi-tech

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 ottobre 2009

È targata Siseco la prima esperienza di investimento immobiliare in Italia declinata interamente via web. A realizzarla un colosso del settore, la Ernesto Preatoni Real Estate International, che fa capo a Ernesto Preatoni, l’imprenditore considerato l’inventore di Sharm El Sheikh che opera nel ramo immobiliare e turistico. La nuova società, nata nel dicembre 2008, si rivolge alla clientela italiana che intende investire in immobili di pregio in Paesi selezionati, con un’alta prospettiva di crescita e una bassa pressione fiscale. Preatoni Real Estate International ha scelto di puntare sulla tecnologia, grazie a b.com, soluzione CRM versatile che consente di gestire via web le informazioni relative ai clienti e ai potenziali clienti, permettendo la condivisione dati con la forza vendita e le azioni commerciali. I potenziali clienti interessati all’attività di Preatoni Real Estate International, compilano un modulo via web che “entra” direttamente nel Crm, dove viene smistato e indirizzato al venditore responsabile dell’area geografica interessata. «Mantenere un saldo rapporto col cliente, farlo diventare unico dandogli la sensazione di avere un rapporto diretto e privilegiato con l’azienda è sempre più importante sul mercato – aggiunge Lorenzetti. In questo modo aumentano i profitti, si ottimizza la forza vendita e le sue azioni commerciali, permettendo nel contempo al management di prendere decisioni strategiche sulla gestione dell’impresa».
Siseco Nata nel 1987, Siseco (www.siseco.it) è azienda leader nel settore IT e sviluppa soluzioni rigorosamente “Made in Italy” grazie a un team interno di ingegneri e tecnici. I prodotti di punta sono GAT.crm, un sistema che vanta 10 anni di esperienza ed è utilizzato da oltre 25mila utenti, e b.com il CRM di nuova generazione realizzato in un’ottica web 2.0, potente, innovativo e altamente personalizzabile. Le proposte Siseco sono le uniche fornite già con i dati della Guida Monaci integrati: un database completo con l’anagrafica di 500mila aziende italiane verificate pronto per essere utilizzato e l’innovativo sistema di Lead Generation Integrato al CRM, basato sulla formula “Pay per Lead”. Sono oltre 250 le realtà in tutta Italia che utilizzano le piattaforme Siseco, tra queste Editalia (Istituto Gruppo Poligrafico Zecca dello Stato), Fastweb, Tre, Michelin, Il Sole 24 Ore, Telecom Italia, Editoriale Secondamano, Gruppo Phonemedia, Del Taglia Piscine.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Medici di famiglia più hi-tech

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2009

“Un minimo di tecnologia diagnostica” è la via pensata dal viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, per “limitare il ricorso indiscriminato alle prestazioni ospedaliere di pronto soccorso”. Su questa ipotesi, spiega Fazio in un messaggio inviato ieri in occasione di un incontro organizzato a Milano dal gruppo Esaote (azienda che opera nel settore dell’imaging medicale), “stiamo aprendo un confronto con la medicina del territorio e con gli stessi produttori di tecnologie in grado di rispondere a queste nuove esigenze”. Nell’arco degli ultimi decenni, riflette, “abbiamo assistito a una straordinaria evoluzione delle tecnologie di imaging diagnostico”. Ma “l’impiego determinante delle nuove apparecchiature si è avuto soprattutto nelle strutture ospedaliere. E’ stata proprio la disponibilità di innovativi strumenti diagnostici e terapeutici che ha polarizzato sugli ospedali la medicina moderna. Oggi avvertiamo la necessità di ritrovare un equilibrio più coerente con i medici di base”. Solo così, prosegue, “si possono offrire ai cittadini prestazioni più efficaci e nel contempo si dovrebbe alleggerire la pressione – oggi del tutto eccessiva – sull’ospedale e sui pronto soccorso”, alle prese con “codici che potrebbero e dovrebbero trovare un più coerente indirizzo negli interventi ambulatoriali extraospedalieri”. In campo sanitario “l’utilizzo integrato delle tecnologie biomediche e delle tecnologie informatiche può contribuire in modo determinante nel processo di razionalizzazione e miglioramento della qualità del Ssn”, conclude Fazio, invitando “chi produce tecnologia e chi vive a contatto con le esigenze sanitarie dei cittadini a collaborare”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »