Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Posts Tagged ‘hiroshima’

Università di Parma e Hiroshima University più vicine

Posted by fidest press agency su martedì, 5 novembre 2019

Parma. Nei giorni scorsi una delegazione dell’Ateneo giapponese è infatti stata a Parma per la firma di un importante accordo di collaborazione internazionale.La delegazione della Hiroshima University era formata dal Rettore Mitsuo Ochi, dal Pro Rettore per l’Internazionalizzazione Toshiyuki Sato e dalla Responsabile dell’Ufficio Relazioni Internazionali Yuriko Kawakubo.Durante l’incontro Istituzionale, presieduto dal Rettore Paolo Andrei e dalla Pro Rettrice all’Internazionalizzazione Simonetta Anna Valenti, sono state approfondite le opportunità di scambio e ricerca tra le due Università con l’intensificazione dei rapporti di scambio tra docenti. Si è discussa inoltre la possibilità di ospitare un docente giapponese per l’attivazione di un corso di lingua e cultura nipponica all’interno del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali – DUSIC già dal prossimo a.a. 2020-2021. All’incontro hanno partecipato anche il Delegato per i Programmi Overworld e Erasmus+ Roberto Montanari, il Responsabile della U.O. Internazionalizzazione Alessandro Bernazzoli e Giovanna Colangelo della U.O. Internazionalizzazione.La visita si è conclusa con il saluto agli ospiti stranieri anche da parte dei Pro Rettori Sara Rainieri, Roberto Fornari e Fabrizio Storti.La sottoscrizione dell’accordo è stata facilitata dalla presenza di Yoshinaka Nobuhito, Visiting Professor al Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali, dove ha tenuto il corso di “Recent Development of Japanese Criminal Law” nell’anno accademico 2018-2019.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

City of Hiroshima peace declaration

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 agosto 2018

Hiroshima. Today marks the 73rd anniversary of the bombing of Hiroshima, which with the bombing of Nagasaki 3 days later, caused the immediate deaths of over 200,000 people, and the subsequent deaths of tens of thousands more. Every year, the City of Hiroshima commemorates the victims and calls for peace and the elimination of nuclear weapons. Pressenza reproduces this year’s declaration below.It’s 73 years ago and a Monday morning, just like today. With the mid-summer sun already blazing, Hiroshima starts another day. Please listen to what I say next as if you and your loved ones were there. At 8:15 comes a blinding flash. A fireball more than a million degrees Celsius releases intense radiation, heat, and then, a tremendous blast. Below the roiling mushroom cloud, innocent lives are snuffed out as the city is obliterated.“I’m so hot! It’s killing me!” From under collapsed houses, children scream for their mothers.“Water! Please, water!” come moans and groans from the brink of death. In the foul stench of burning people, victims wander around like ghosts, their flesh peeled and red. Black rain fell all around. The scenes of hell burnt into their memories and the radiation eating away at their minds and bodies are even now sources of pain for hibakusha who survive.
Today, with more than 14,000 nuclear warheads remaining, the likelihood is growing that what we saw in Hiroshima after the explosion that day will return, by intent or accident, plunging people into agony.The hibakusha, based on their intimate knowledge of the terror of nuclear weapons, are ringing an alarm against the temptation to possess them. Year by year, as hibakusha decrease in number, listening to them grows ever more crucial. One hibakusha who was 20 says, “If nuclear weapons are used, every living thing will be annihilated. Our beautiful Earth will be left in ruins. World leaders should gather in the A-bombed cities, encounter our tragedy, and, at a minimum, set a course toward freedom from nuclear weapons. I want human beings to become good stewards of creation capable of abolishing nuclear weapons.” He asks world leaders to focus their reason and insight on abolishing nuclear weapons so we can treasure life and avoid destroying the Earth.
Last year, the Nobel Peace Prize went to ICAN, an organization that contributed to the formation of the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons. Thus, the spirit of the hibakusha is spreading through the world. On the other hand, certain countries are blatantly proclaiming self-centered nationalism and modernizing their nuclear arsenals, rekindling tensions that had eased with the end of the Cold War.Another hibakusha who was 20 makes this appeal: “I hope no such tragedy ever happens again. We must never allow ours to fade into the forgotten past. I hope from the bottom of my heart that humanity will apply our wisdom to making our entire Earth peaceful.” If the human family forgets history or stops confronting it, we could again commit a terrible error. That is precisely why we must continue talking about Hiroshima. Efforts to eliminate nuclear weapons must continue based on intelligent actions by leaders around the world.Nuclear deterrence and nuclear umbrellas flaunt the destructive power of nuclear weapons and seek to maintain international order by generating fear in rival countries. This approach to guaranteeing long-term security is inherently unstable and extremely dangerous. World leaders must have this reality etched in their hearts as they negotiate in good faith the elimination of nuclear arsenals, which is a legal obligation under the Nuclear Non-Proliferation Treaty. Furthermore, they must strive to make the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons a milestone along the path to a nuclear-weapon-free world.We in civil society fervently hope that the easing of tensions on the Korean Peninsula will proceed through peaceable dialogue. For leaders to take courageous actions, civil society must respect diversity, build mutual trust, and make the abolition of nuclear weapons a value shared by all humankind. Mayors for Peace, now with more than 7,600 member cities around the world, will focus on creating that environment.I ask the Japanese government to manifest the magnificent pacifism of the Japanese Constitution in the movement toward the entry into force of the Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons by playing its proper role, leading the international community toward dialogue and cooperation for a world without nuclear weapons. In addition, I hereby demand an expansion of the black rain areas along with greater concern and improved assistance for the many people suffering the mental and physical effects of radiation, especially the hibakusha, whose average age is now over 82.Today, we renew our commitment and offer sincere consolation to the souls of all A-bomb victims. Along with Nagasaki, the other A-bombed city, and with much of the world’s population, Hiroshima pledges to do everything in our power to achieve lasting world peace and the abolition of nuclear weapons. MATSUI Kazumi Mayor The City of Hiroshima (by Pressenza Budapest News published by the Pressenza Bureau in Budapest Hungary)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anniversario Hiroshima

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

HiroshimaFrancesco Lo Cascio Presidente MIR Palermo ha dichiarato in occasione del 61° anniversario del bombardamento di Hiroshima: “mentre si intensificano le azioni militari nel Mediterraneo ed in Libia (con gravi rischi per i profughi richiedenti asilo), mentre non a caso viene dissequestrato il MUOS e viene richiesto il coinvolgimento militare degli aeroporti siciliani, le associazioni promotrici della consulta cittadina per la Pace, la nonviolenza ed i diritti umani, a distanza di un anno dalla delibera istitutiva della stessa consulta,annunciano l’intenzione di autoconvocarsi in occasione della prossima Giornata ONU della Pace, del 21 settembre. Auspichiamo che entro tale temine, l’amministrazione riesca a risolvere le ragioni dell’attuale impasse, convocandoci per inaugurare assieme l’avvio delle attività di questo strumento di partecipazione. La prima iniziativa che annunciamo è la partecipazione alla Marcia Perugia Assisi del 9 ottobre, per la quale attendiamo patrocinio e sostegno alla partecipazione dei giovani di Palermo, città parte del coordinamento degli enti locali per la Pace.Annunciamo, fin d’ora, iniziative in consiglio comunale per concretizzare tale impegno con i più ampi consensi possibili.”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Air China apre la rotta Pechino – Okinawa

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 ottobre 2011

An Air China Airbus A330-243, in Star Alliance...

Image via Wikipedia

Questo nuovo servizio porterà a 8 il numero di città giapponesi raggiunte da Air China e a 260 il numero di voli settimanali di andata e ritorno che collegano i due Paesi. Le altre 7 città giapponesi servite dal vettore sono Tokyo, Osaka, Nagoya, Fukuoka, Hiroshima, Sendai e Sapporo.Situata sulla costa dell’oceano Pacifico, Okinawa è una delle destinazioni maggiormente visitate e vanta magnifici paesaggi, un clima mite e un ricco patrimonio culturale.
Air China è l’unica compagnia di bandiera cinese e fa parte della Star Alliance. Oltre ai voli commerciali, opera voli speciali per i leader di stato in visita ufficiale in altre nazioni. Con una flotta composta da 290 aeromobili Airbus e Boeing (280 aerei passeggeri e 10 aerei cargo), 1 aereo da addestramento e 6 business jet, operiamo 285 rotte, di cui 72 internazionali, 14 regionali e 199 nazionali, che servono in tutto 137 città, di cui 43 per le rotte internazionali, 4 per quelle regionali e 93 per quelle nazionali. Air China offre oltre 6.900 voli che possono trasportare più di 1.100.000 di passeggeri ogni settimana. Grazie all’ingresso nella Star Alliance, le rotte Air China, con Pechino come punto di snodo centrale, coprono 1.160 destinazioni in ben 181 Paesi.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma ricorda bombardamento Hiroshima

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 agosto 2010

Il Comune di Roma ricorda le vittime della tragedia nucleare di Hiroshima, provocata il 6 agosto di 65 anni fa dal lancio della bomba atomica e seguito tre giorni dopo da quello su Nagasaki. Per l’occasione verrà esposto sulla piazza del Campidoglio lo stendardo che raffigura una gru di carta, simbolo di pace e speranza. La città di Roma prosegue così il percorso di scambio culturale con la città di Hiroshima, iniziato lo scorso anno con la visita di una delegazione di studenti romani in Giappone, organizzata nell’ambito dei viaggi nella Memoria, promossi dall’assessorato alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù del Comune di Roma, con la collaborazione dell’Ambasciata del Giappone e la Fondazione Italia – Giappone, che ha permesso di ripercorre  e approfondire la storia e le tragedie del ‘900. Approfondimento, che ha visto i bambini e i ragazzi delle scuole romane impegnati in una serie di iniziative: dai laboratori sull’arte dell’origami, a conferenze con esperti della cultura giapponese,  fino alla “cerimonia delle mille gru”  dedicata alla cultura, alla storia e alle tradizioni del Giappone. “Ci troviamo di fronte ad una tragedia che ha segnato la storia del Giappone e di tutto il XX secolo. Perchè non si ripeta mai più occorre conoscerla. Il Comune di Roma rivolge il suo invito ai giovani, affinchè partendo dal ricordo di questo avvenimento, possano impegnarsi per un futuro senza conflitti e per la costruzione di una cultura senza le armi nucleari. Per quanto concerne l’impegno all’interno delle scuole, il progetto della memoria su Hiroshima viene riproposto anche per il nuovo anno. Al fine di consolidare lo scambio culturale vorremmo invitare a Roma  gli studenti delle scuole giapponesi, assieme al Sindaco di Hiroshima, Tadatoshi  Akiba”. È quanto dichiara l’assessore alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù  del Comune di Roma, Laura Marsilio.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

65esimo anniversario di Hiroshima e Nagasaki

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 agosto 2010

A 65 anni dal lancio della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki l’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano ha voluto commemorare quel tragico evento con l’esposizione “Nuvole Sacre” dell’artista contemporaneo Roberto Coda Zabetta. Promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, prodotta e organizzata da Palazzo Reale in collaborazione con mc2gallery e curata da Claudio Composti la mostra, a ingresso gratuito, è stata inaugurata a Palazzo Reale (piazza Duomo 12) e chiuderà il prossimo 29 agosto.  Dal profondo legame dell’artista con l’oriente e dalla sua pittura caratterizzata da schegge di colore bianco e nero, nascono 15 nuove grandi tele con cui Roberto Coda Zabetta denuncia la follia umana e restituisce la sua visione della tragedia che segnò il Giappone il 6 agosto del 1945.
“L’ispirazione l’ha avuta dopo un viaggio in Giappone. – racconta il curatore della mostra Claudio Composti – Tornato nelle Marche, la suggestione delle nuvole che solcano i cieli marchigiani prendendo forme strane, a volte di funghi atomici che si levano dalle colline, gli ha ricordato uno degli avvenimenti che hanno segnato non solo la storia del Giappone ma di tutto il XX secolo. Ho visto per la prima volta, dalla vetrata dello studio di Roberto Coda Zabetta all’ora del tramonto, una nuvola bianca alzarsi dalla collina, a forma di fungo atomico… In quel momento, ho visto e ho capito, per la prima volta.”  Arricchisce il percorso espositivo il rarissimo video “Navel and A-Bomb”, 1960, diretto dal grande fotografo Eikoh Hosoe e interpretato dal ballerino e performer Tatsumi Hijikata, fondatore della danza Butoh, nata come ribellione della generazione che ha vissuto la Bomba sulla propria pelle. (roberto coda)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »