Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘idrogeno’

L’Unione europea finanzia la formazione sulle tecnologie dell’idrogeno

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 ottobre 2015

energiaKnowHy, Improving the Knowledge in Hydrogen and Fuel Cell Technology for Technicians and Workers, è un progetto di 3 anni, cofinanziato dalla Commissione europea nell’ambito dell’Iniziativa Tecnologica Comune sulle Celle a Combustibile e l’Idrogeno. Lo scopo è mettere a disposizione del maggior numero possibile di tecnici un’offerta formativa sostenibile e ripetibile con moduli specifici e attività pratiche per facilitare la diffusione della tecnologia collegata all’idrogeno. Infatti, nonostante a breve si presentino nuove opportunità di lavoro per tecnici e lavoratori nelle applicazioni di celle a combustibile e idrogeno, mancano attualmente opportunità formative adeguate alle esigenze delle aziende. KnowHy intende superare questo divario offrendo un programma di corsi basato su un modulo comune e cinque diverse specializzazioni. I corsi, supportati attraverso una apposita piattaforma elettronica, sono disponibili in diversi Paesi dell’Unione.Fanno parte del consorzio che realizza l’attività formativa alcune delle più prestigiose organizzazioni specializzate nel settore: Delft University of Technology (Coordinatore), Fundación Hidrógeno Aragón, Fundación San Valero, Technische Universität München, Environment Park, Campus Francorchamps, University of Birmingham, Técnico Lisboa, Vertigo Games, PNO Consultants, Kiwa, McPhy. L’Italia è presente con la FAST – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche.
Tali operatori promuovono il progetto tra le associazioni professionali in Europa allo scopo di coinvolgere tutte le persone interessate in un programma con le seguenti caratteristiche:
1. Corsi specifici, focalizzati sulle applicazioni che stanno per entrare nel mercato;
2. Piattaforma e-learning multilingue disponibile in diversi Paesi;
3. Attività pratiche, Serious Games e Tutoring complementari alle lezioni;
4. Corsi a basso costo;
5. Offerta formativa facilmente adattabile ad altre lingue o nuove applicazioni, riproducibile e modulabile;
6. Offerta formativa auto-sostenibile per continuare l’attività oltre la fine del progetto.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Toscana: auto all’idrogeno

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2011

“Mi auguro che nel 2012 fra le auto di servizio della Regione Toscana per i trasporti in città possa trovare posto almeno una vettura alimentata a idrogeno e che l’esempio sia imitato anche da altre amministrazioni pubbliche”. Stella Targetti, vicepresidente di Regione Toscana con delega alla ricerca, coglie l’occasione di un convegno (“Progetto H2 filiera Idrogeno“), per “esprimere grande soddisfazione davanti all’alto livello della ricerca toscana” sottolineandone “le interessanti ricadute in termini di trasferimento tecnologico, di livelli occupazionali, di contributo effettivo all’economia”.
Il convegno, organizzato da Regione e Università di Pisa, ha presentato i risultati di una ricerca che la stessa Regione, attraverso un finanziamento CIPE di circa 5 milioni di euro, aveva affidato tre anni fa all’ateneo pisano (Facoltà di Ingegneria) e che è stata poi svolta anche in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna.
Sulla base dell’equazione “sostenibilità ambientale = sviluppo”, la ricerca è stata finalizzata a una mobilità pulita e sostenibile incentrata sull’uso dell’idrogeno come vettore energetico. In particolare il progetto si è prefisso di sviluppare il settore delle tecnologie di produzione, distribuzione, stoccaggio dell’idrogeno per la propulsione in veicoli: questo attraverso motori endotermici a idrogeno o con veicoli, sempre a idrogeno, dotati di celle a combustibile.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Idrogeno ed energie rinnovabili

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2011

The Italian politician Nichi Vendola at the Na...

Image via Wikipedia

Bari, 31 gennaio 2011 alle ore 11:00, nella Sala delle Videoconferenze del Politecnico di Bari (Via Amendola, 126/b), in un’apposita conferenza stampa a cui parteciperanno il Rettore del Politecnico di Bari, Nicola Costantino, il Presidente della Fondazione H2U – the Hydrogen University, Nicola Conenna e il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.al Politecnico di Bari, alla presenza del Presidente della Regione Puglia, on. Nichi Vendola ci sarà la firma degli accordi nei settori inerenti l’impiego di idrogeno derivante da fonti di energia rinnovabili e dell’efficienza energetica. Costituiranno gli elementi portanti di un accordo scientifico triennale, rinnovabile, che il Politecnico di Bari e la Fondazione H2U – the Hydrogen University,
Il protocollo di intesa determinerà da subito l’avvio di una sperimentazione, già in fase avanzata di progettazione, relativa all’uso di  motori a combustione interna alimentati con una miscela di metano ed idrogeno (idrometano). Le prove sperimentali coinvolgeranno da subito alcune aziende pugliesi interessate ad investire su queste tematiche e presso le quali si svolgeranno le prove sui motori alimentati ad idrometano. L’impegno coinvolgerà anche gli studenti del Politecnico a cominciare con lo svolgimento di una  tesi di laurea su motori a combustione interna alimentati con idrometano. L’impiego dell’idrometano è un tema di particolare attualità, anche alla luce delle politiche di riduzione delle emissioni climalteranti in atmosfera. Nel febbraio prossimo è infatti prevista l’entrata in vigore del Regolamento Europeo sull’immatricolazione di veicoli alimentati ad idrogeno e miscele metano idrogeno, inoltre alla fine del 2011 scadrà il primo Protocollo di Kyoto che sarà ridiscusso e nuovamente approvato nella Conferenza ONU di Durban (Sudafrica).
Per l’occasione saranno esposte autovetture modificate per essere alimentate ad Idrogeno ed Idrometano.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’idrogeno nel futuro delle rinnovabili

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 agosto 2010

Milano Centro Congressi Stella Polare della Fiera Milano il 17 e 18 settembre, 12° Congresso Domotecnica. Nel settore abbiamo la Giacomini S.p.A., azienda di San Maurizio d’Opaglio (No) leader mondiale nella produzione di soluzioni per la climatizzazione orientate al benessere sostenibile. L’azienda, certificata ISO 9001 e 14001 per il Polo Energie Rinnovabili, produce sistemi per il risparmio energetico, fatti per durare nel tempo, ad alto contenuto tecnologico e innovativo. Nei 130.000 mq di stabilimenti in Italia l’azienda produce vero Made in Italy commercializzando in tutto il mondo i suoi prodotti attraverso filiali e partner commerciali.  Giacomini è nata a inizio anni Cinquanta sul Lago d’Orta, come produttrice di componenti per il riscaldamento e la distribuzione sanitaria. Con le valvole per radiatore, la raccorderia in ottone, le valvole a sfera, tubazioni sanitarie – per citare alcuni esempi – l’azienda ha saputo farsi conoscere e apprezzare dal mercato internazionale. A metà anni Ottanta Giacomini ha compiuto un importante passaggio: da azienda produttrice di singoli componenti a produttrice di sistemi integrati. Inizialmente i sistemi radianti a pavimento per riscaldamento e raffrescamento, in seguito con la versione a soffitto metallico, adatta al settore terziario, e a quella a soffitto in cartongesso pensata per il residenziale. I sistemi di termoregolazione con tecnologia bus hanno permesso di ottimizzare le performance dei sistemi radianti, che permettono un risparmio del 30% rispetto alle alternative tradizionali dei radiatori. Negli ultimi anni Giacomini ha completato l’offerta con i sistemi di contabilizzazione dell’energia termica diretta e indiretta e con i sistemi per il solare termico, che hanno determinato l’ingresso dell’azienda nel terreno delle energie rinnovabili. Attualmente Giacomini sta lavorando alla realizzazione di una casa a emissioni zero.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Idrogeno da fonti rinnovabili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 marzo 2010

Bari 4 Marzo alle ore 12 e 30, presso la Presidenza della Regione Puglia (Lungomare Nazario Sauro, 33), verrà sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra Regione Puglia e Fondazione “H2U The Hydrogen University di Monopoli”, per la sperimentazione e la realizzazione in Puglia di progetti legati all’utilizzo di idrogeno prodotto da fonti rinnovabili, così come previsto da una delibera approvata dalla Giunta Regionale il 10 Febbraio scorso. A porre la firma al documento saranno il Presidente della Regione Puglia e il Presidente della Fondazione Nicola Conenna. Il protocollo, della durata di tre anni, prevede la realizzazione, da parte della Fondazione “H2U The Hydrogen University, di un “Master Plan dell’economia dell’idrogeno in Puglia” e l’organizzazione annuale di una “Conferenza Internazionale Euromediterranea sulla mobilità a idrogeno” e più in generale sull’economia dell’idrogeno. La sperimentazione sarà finalizzata alla costruzione e messa in esercizio della rete pugliese di distributori ad idrogeno e miscela metano-idrogeno, a partire dalle aree ad elevato rischio di crisi industriale, come Brindisi e Taranto, e dall’area metropolitana del capoluogo regionale Bari.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ambiente geotermia e responsabilità Enel

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 gennaio 2010

“I campi geotermici del Monte Amiata emettono in atmosfera sostanze altamente inquinanti, sia per l’ambiente che la salute umana, come il mercurio, l’arsenico, l’ammoniaca, il radon, l’acido borico e l’idrogeno solforato, oltre a quantità rilevanti di CO2 e metano”. Così l’On. Scilipoti in riferimento ai danni provocati dalla geotermia ad alta entalpia in Amiata.“L’energia geotermica viene comunemente definita energia pulita e rinnovabile, la realtà è ben diversa, sappiamo, infatti, che non è rinnovabile perché sfrutta il calore delle rocce, che, una volta estratto, si rigenera in tempi lunghissimi. Gli impianti-abbattitori di mercurio e idrogeno solforato (Amis) sono del tutto inadeguati a trattenere i quantitativi emessi.  In Amiata – prosegue Scilipoti – si registra un’emissione di CO2 e di metano che è molto superiore alle quantità che sarebbero emesse da una moderna centrale a gas per la stessa produzione di energia elettrica; emissioni che vanno a incrementare l’effetto serra. Stesso problema riguarda le falde acquifere del bacino che sta subendo un sostanziale impoverimento e inquinamento (da studi della regione Toscana risulta un abbassamento di circa 300 metri). I monitoraggi delle Autorità mostrano, inoltre, un progressivo aumento di boro e arsenico nelle acque, notevole è l’impoverimento delle sorgenti termali di cui la zona è ricchissima; inoltre la geotermia ha generato forti terremoti e subsidenza nei paesi dell’Amiata. La Corte di Cassazione, a seguito di gravi incidenti, ha definitivamente sancito la pericolosità di detta attività con sentenza. In questa situazione, già fortemente compromessa, la Regione ha rifiutato l’attuazione del principio di precauzione e vuole concludere la valutazione di impatto ambientale delle centrali geotermiche senza completare il piezometro (fatto per verificare il grado di abbassamento e inquinamento della falda acquifera) e gli studi epidemiologici (fatti per verificare il danno alla salute dei cittadini) generati dallo sfruttamento geotermico. Inoltre ha previsto un accordo con Enel, province e Comuni che prevede il raddoppio entro il 2013 della produzione esistente di energia geotermica, per arrivare a 200 MW entro il 2020! Questo ci fa immaginare cosa si prefigura per l’Amiata negli anni a venire.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Con l’idrogeno verso il traguardo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 Mag 2009

Il Politecnico di Milano punta su nuovi record alla competizione che premia i prototipi a basso consumo energetico. Nozze d’argento per la Shell Eco-marathon, la competizione dove non conta arrivare primi ma percorrere la maggiore distanza possibile con la minore quantità di carburante, per sviluppare soluzioni innovative a favore del rispetto ambientale. Alla gara, che si svolge dal 7 al 9 maggio presso il circuito Eurospeedway di Lausitz (Germania), partecipano studenti e ricercatori  provenienti da tutta Europa.  Tra le 200 squadre in pista, ritorna XTEAM, un gruppo di 25 studenti coordinato dalla Fondazione Politecnico di Milano, con ARTEMIDE, prototipo a basso consumo alimentato a idrogeno. Un elettrolizzatore di ultima generazione consente la generazione di corrente elettrica a valle della fuel cell utilizzando fonti rinnovabili, quindi ad impatto ambientale nullo.Nel suo duplice ruolo di progetto ambientale ed educativo la Shell Eco-maraton è un vero trampolino per i giovani progettisti, dove la ricerca condotta in vista della sfida “verde” permette ai team di sviluppare non solo una forte coscienza ambientalista, ma soprattutto quelle tecnologie che un giorno potrebbero essere impiegate su scala industriale per migliorare la resa energetica dei veicoli di serie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I batteri e gli insetti di Venere

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2009

Il pianeta dell’Amore o anche chiamato “stella del pastore” perché brillando nella penombra del tramonto indicava l’ora del rientro al pastore, si sta rivelando più ospitale di quanto non pensavamo tempo fa. Lo dobbiamo alle accurate ricerche condotte da due scienziati americani: Burt Dirk  Schulze- Makuch e Louis Irwin dell’università del Texas. Essi sono giunti alla conclusione, studiando in modo approfondito i dati trasmessi negli ultimi 30 anni dalle sonde americane e sovietiche che hanno “sfiorato” il pianeta, che è possibile l’esistenza di semplici forme di vita come i batteri o gli insetti. Infatti è stato notato, nelle nuvole  che coprono il pianeta, la presenza di acqua mista a monossido di carbonio, anidride solforosa e solfuro di idrogeno. Sono tutti elementi che possono aver dato origine alla vita. In effetti Venere è inospitale se consideriamo che l’ambiente è tenuto ad una temperatura che si avvicina ai 500 gradi centigradi ed è scossa di continuo da tuoni e fulmini. D’altra parte lo stesso astronomo e grande studioso della biologia extraterrestre, Carlo Sagan non aveva escluso la possibilità di una coabitazione di organismi anche complessi con condizioni atmosferiche ed ambientali proibitive secondo il criterio di valutazione umana. E’ ancora presto, tuttavia, poter giungere ad una qualche conclusione, si tratta, per ora, solo di una speranza. Occorrono altri elementi per definire meglio il tutto.

Posted in Cronaca/News, Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La “Nautica ad idrogeno”

Posted by fidest press agency su sabato, 7 marzo 2009

Sarà presentato in occasione del prossimo Salone Internazionale della Nautica di Genova il progetto “Nautica ad idrogeno” che si sperimenterà per la prima volta a livello mondiale proprio in Liguria: questo l’accordo raggiunto oggi tra H2U Università dell’Idrogeno e l’Assessorato all’ambiente della Regione Liguria ad Energethica, quarto Salone dell’energia rinnovabile e sostenibile organizzato da Emtrad alla Fiera di Genova. L’accordo prevede la realizzazione di un prototipo di barca a vela ad idrogeno e la creazione di una rete di punti di rifornimento di idrogeno prodotto da fonti rinnovabili, da realizzare nei porti. “H2U promuove – dichiara il presidente di H2U Università dell’Idrogeno, Nicola Conenna – progetti innovativi nel campo della mobilità sostenibile sull’utilizzo di combustibili alternativi ai prodotti di derivazione petrolifera. Nel caso dell’idrogeno, direttamente derivati da energie rinnovabili di origine solare. E’ tempo che anche nel mondo della nautica ci si muova con decisione in tal senso. Genova capitale del mare è il posto più adatto per far decollare un progetto di nautica ad idrogeno. Ed è importante che questo accordo sia nato proprio ad Energethica, fiera di riferimento delle energie rinnovabili”. “E’ fondamentale per la Regione – dichiara l’assessore all’ambiente della Regione Liguria Franco Zunino – sperimentare e adottare percorsi di sostenibilità nel campo della nautica. Il rapporto con il mare è per noi di grande importanza ed un progetto come questo potrà essere un tassello significativo per salvaguardare l’ecosistema”. “Quest’anno Energethica – conclude l’organizzatore della fiera Edgar Mader – si è aperta per la prima volta al trasporto sostenibile via mare, dedicando il convegno inaugurale ai porti verdi. Se a questa nuova apertura si aggiunge l’accordo di collaborazione tecnica recentemente stipulato con H2U viene naturale pensare ad un vivo coinvolgimento nel progetto della nautica ad idrogeno”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »