Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘ifad’

IFAD and KSrelief agree to jointly tackle hunger and malnutrition in world’s most vulnerable countries

Posted by fidest press agency su martedì, 6 luglio 2021

Escalating hunger and malnutrition as a result of the COVID-19 pandemic is particularly dire for people living in the world’s most fragile countries. In response, the UN’s International Fund for Agricultural Development (IFAD) and the King Salman Humanitarian Aid and ‎Relief Centre (KSrelief) today agreed to join forces to help ensure sustainable access to nutritious food. The Joint Cooperation Agreement was signed by His Excellency Dr. Abdullah Bin Abdulaziz Al Rabeeah, the Advisor at the Saudi Royal Court and Supervisor General at KSrelief, and Gilbert F. Houngbo, President of IFAD. “COVID-19 has amplified the hardships faced by the world’s most vulnerable people, many of whom are now experiencing an increase in hunger and poverty. It is vital for like-minded organisations to join forces to combat this,” said Houngbo. “I welcome this opportunity to collaborate with KSrelief to ensure that people living in the most dire situations can sustainably grow, market and consume enough nutritious food.” The two organisations share a vision of alleviating poverty and hunger. As part of the agreement, they will draw on their respective expertise and reach, and share knowledge and experience to jointly address malnutrition and hunger. This includes collaborating on the strategy, design and implementation of projects in fragile countries, such as Somalia, Syria and Yemen.IFAD is an international financial institution and UN agency which has provided more than US$23 billion in grants and low interest loans to help vulnerable countries to reduce poverty, hunger and malnutrition and increase rural peoples’ resilience to shocks. In 2019, IFAD opened its Liaison Office with the States of the Cooperation Council for the Arab States of the Gulf in Riyadh to strengthen partnerships within the region.KSrelief was founded in 2015 by the Custodian of the Two Holy Mosques, King Salman bin Abdulaziz Al Saud, to be the humanitarian arm of Saudi Arabia. To date, it has spent $5.26 billion, supporting over 1,600 projects in 68 countries with a focus on women and children, food security and nutrition, health, education, shelter, water, sanitation, and humanitarian and emergency relief coordination.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Union and IFAD to support Ethiopian rural financial institutions, jobs and livelihoods in the face of the COVID-19

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 maggio 2021

The International Fund for Agricultural Development (IFAD) and the European Union (EU) will provide EUR26.5 million worth of liquidity and debt relief to rural financial institutions to protect jobs and safeguard livelihoods during the COVID-19 pandemic.In Ethiopia, the agriculture sector and rural people are the most impacted by the COVID-19. The pandemic has reduced agricultural labor, limited access to inputs and production capital, reduced production and productivity, and obstructed access to markets and financial services. This has led to loss of employment, reduced access to food, and increased domestic responsibilities for women.Micro small and medium enterprises (MSMEs) and cooperatives who play an important role in creating jobs and sustaining livelihoods in rural areas are also facing the challenges due to the pandemic.“Today’s new project of €26.5 million to support agriculture financing in time of COVID shows our support to Ethiopia’s economic development and job creation. This EU and IFAD funding will provide new line of credits to agricultural SMEs and their farmers in the production areas of the main agro-industrial parks of the country,” said Dominique Davoux, Green Deal Team Leader, EU Delegation in Ethiopia.The current economic slowdown requires additional support for the rural financial institutions who are most at risk, to maintain their liquidity. The Government of Ethiopia has put in place mitigation measures to deal with the impacts of the pandemic including support to the entire value chain, the MSMEs and farmers’ cooperatives.Through the IFAD-supported Rural Financial Intermediation Programme III (RUFIP III), the government’s request to provide liquidity to MSMEs experiencing shortages will be met with assistance to enhance the resilience and sustainability of the rural financial sector. More than 1.5 million clients of these rural financial institutions will benefit.“The COVID 19 pandemic is affecting the most vulnerable members of the community through loss of jobs and economic opportunities. As the life blood of the rural economy, MSMEs will be able to sustain their business with minimum shocks and retain employees, thanks to this assistance,” said Mawira Chitima, IFAD Representative and Country Director for Ethiopia. “IFAD is happy to cofinance this effort with the EU and the government of Ethiopia, because protecting jobs is vital for resilience and supporting the financial sector is a key strategy”.The Development Bank of Ethiopia (DBE) will receive a EUR13.8 million IFAD grant and an additional EUR12.7 million EU grant to improve its liquidity and support rural financial institutions (RFIs). The financing will enable RFIs to help their MSME clients retain workers in employment, reduce the interest cost of credit, provide support to farmers facing challenges meeting their contract farming arrangements, absorb the penalty on defaulted loan repayments, and offer liquidity to partly meet the deferment of loan instalments due to DBE from the RFIs.“This support could be key in maintaining agricultural productivity in time of uncertain national and international food markets because of COVID,” Davoux said. “The EU contribution provides for an interest rate subsidy that will reduce the costs of finance for RUFIP beneficiary enterprises affected by the COVID-19 crisis, thereby increasing their resilience to withstand the crisis and maintain employment”.Key partners in the project will include the Federal Cooperative Agency, the Regional Cooperative Promotion Bureaus, Association of Ethiopian Microfinance Institutions and the National Bank of Ethiopia.Since 1980, IFAD has invested US$795.5 million in 20 rural development programmes and projects in Ethiopia worth a total of US$2.1 billion. These have directly benefited around 12 million rural households.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gilbert F. Houngbo confermato alla presidenza dell’IFAD

Posted by fidest press agency su sabato, 20 febbraio 2021

Nella riunione dell’annuale Consiglio dei Governatori del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), gli Stati membri hanno confermato Gilbert F. Houngbo alla presidenza per un secondo mandato. La nomina è un chiaro indice non solo del supporto ma anche del riconoscimento verso un leader che ha dimostrato con successo l’importanza dello sviluppo rurale a lungo termine quale soluzione chiave alle sfide globali che il mondo sta attualmente affrontando.Sotto la leadership di Houngbo, l’IFAD mira a raddoppiare il suo impatto entro il 2030 ed offrire una vita senza povertà e fame a milioni di persone in più. L’obiettivo è garantire che 40 milioni di persone all’anno aumentino i loro redditi di almeno il 20 per cento entro il 2030, il doppio del risultato già raggiunto dall’IFAD oggi.
A tal fine, Houngbo ha invitato i donatori a contribuire in modo più significativo alle risorse dell’IFAD per realizzare un programma di lavoro complessivo di almeno 11 miliardi di dollari dal 2022 al 2024, anche attraverso un nuovo programma di finanziamento del settore privato e un’espansione del pionieristico programma IFAD di adattamento ai cambiamenti climatici. Un lavoro che contribuirà a ricostruire economie rurali più forti man mano che i paesi si riprenderanno dalle conseguenze del COVID-19 ed aiuterà queste popolazioni rurali emarginate a diventare molto più resilienti ai cambiamenti climatici e ad altri shock.Nel suo discorso di conferma nella carica di presidente, Houngbo ha spiegato come affrontare gli impatti devastanti dei cambiamenti climatici e invertire il declino della biodiversità siano tra le sue massime priorità. Il mese scorso l’IFAD ha lanciato il Programma di adeguamento rafforzato per i piccoli coltivatori (ASAP+) che mira a essere il più grande fondo dedicato alla canalizzazione dei finanziamenti per il clima per i piccoli produttori. Houngbo prevede che il programma mobiliti 500 milioni di dollari e aiuti più di 10 milioni di persone ad adattarsi a un clima imprevedibile. Nonostante la loro estrema vulnerabilità ai cambiamenti climatici, i piccoli agricoltori attualmente ricevono solo l’1,7 per cento dei finanziamenti globali per il clima.Un altro degli obiettivi di Houngbo è affrontare le principali sfide che i giovani rurali devono fronteggiare per trovare un lavoro dignitoso, un aspetto che ha un enorme impatto sull’instabilità e le migrazioni. In Africa, il 60 per cento dei giovani vive in aree rurali e ogni anno tra i 10 e i 12 milioni di giovani entrano nel mercato del lavoro. Con maggiori investimenti su giovani imprenditori agricoli e sulle piccole e medie imprese rurali, l’IFAD mira a creare maggiori opportunità di lavoro per i giovani delle zone rurali. Un obiettivo strettamente legato al lavoro fatto da Houngbo negli ultimi quattro anni, focalizzato su un maggiore coinvolgimento del settore privato in modo da portare competenze, innovazione e investimenti, così necessari nelle zone rurali.Houngbo ha anche parlato dell’importanza del cibo per le popolazioni rurali. Poiché la maggior parte di loro lavora nell’agricoltura, il cibo non è solo fondamentale per il loro nutrimento, ma anche per il loro sostentamento. Il presidente dell’IFAD ha sottolineato la necessità di investire in sistemi alimentari sostenibili che consentano alle popolazioni rurali di guadagnare redditi dignitosi, di avere diete nutrienti e di condurre una vita dignitosa. Ha quindi ribadito il ruolo chiave che l’IFAD svolgerà nell’inserire tale necessità nell’agenda globale durante il prossimo Vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite.I sistemi di coltivazione su piccola scala producono la metà delle calorie alimentari del mondo, ma questi agricoltori sono spesso quelli che soffrono la fame. L’IFAD è l’unica organizzazione multilaterale focalizzata esclusivamente sull’affrontare la fame e la povertà nelle aree rurali dove vivono i tre quarti delle persone più povere e con più insicurezza alimentare del mondo. Decenni di progressi fatti per sconfiggere la povertà estrema rischiano di andare in fumo a causa della pandemia COVID-19. Fino a 150 milioni di persone potrebbero cadere in condizioni di povertà estrema entro il 2021 e si prevede che altri 136 milioni di persone soffriranno la fame.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IFAD’s fight against rural poverty and hunger highlighted at One Planet Summit

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2021

Rome. In a move to sustainably address rising hunger and poverty, exacerbated by COVID-19, climate change and biodiversity loss, French President Emmanuel Macron called on global leaders to step up their commitments in support of long-term agricultural development.Earlier in the day, President Macron met with the IFAD’s UN Goodwill Ambassadors Idris Elba, actor, filmmaker and humanitarian, and Sabrina Dhowre Elba, actress, model and activist, who advocated for increased investments to rural populations, biodiversity and the fight against climate change.Three out of four of the world’s poorest people live in rural areas. A majority of them work in agriculture on small farms. While they produce 50 percent of the world’s food calories on only 30 percent of global agricultural land, many of them live in poverty and cannot feed their families. Hunger and poverty are on the rise due to conflict, climate change and the COVID-19 pandemic.IFAD is one of the world’s largest multilateral financiers of agriculture and rural development, active in remote, rural areas in almost 100 countries. For over 40 years, its work has shown that investing in rural areas promotes prosperity, food security and resilience to weather changes, natural disasters, price hikes and other shocks like the COVID-19 pandemic that can later lead to humanitarian crises. Research also shows that economic growth in agriculture is two to three times more effective at reducing poverty than growth in other sectors.IFAD has called on its Member States to significantly increase their contributions in support of its Twelfth Replenishment to deliver an overall programme of work of at least US$11 billion from 2022 to 2024, including through a new private sector financing programme and an expansion of its pioneering climate change adaptation programme (ASAP+). This would help approximately 140 million rural people increase their production and raise their incomes through better market access, contributing to creating jobs and improving food security and nutrition for the world’s most vulnerable people.France joins 25 other countries who have already pledged their contributions to IFAD’s Replenishment including increases from countries such as Burkina Faso, Côte d’Ivoire, Finland, The Gambia, Greece, Luxembourg, Mali, São Tomé and Príncipe, Sierra Leone, Sweden and Uganda. Significant pledges have also been made by the Netherlands and Japan. Many other countries have confirmed their intention to announce increased contributions at the main pledging session in February.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pope Francis joins 25 countries to fight against poverty and hunger in first round of pledges to IFAD

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2020

Despite the economic consequences of COVID-19, a growing number of countries around the world today stepped up their investments in long-term development, signalling a greater awareness of the links between hunger, inequality and instability which often spark humanitarian crises. By pledging new funds to the UN’s International Fund for Agricultural Development (IFAD), they committed to ensure hundreds of millions of rural people in some of the poorest countries can sustainably access nutritious food and earn decent incomes. These announcements were made at the first formal pledging session in support of IFAD’s Twelfth Replenishment – a process whereby Member States commit funds to the organization for its work in 2022-2024. Some of the world’s poorest countries were among the first to announce their commitments. Ahead of the pledging session, Pope Francis also indicated his support to IFAD through an unprecedented contribution from the Holy See. “As we globally battle the impacts of COVID-19 and a rapidly changing climate, our inter-dependence has never been clearer. It is essential to work together to transform our food systems and increase the prosperity and well-being of the world’s most vulnerable rural people, so that we can prevent mass migration and conflict, building a stable, peaceful world for all,” said Gilbert F. Houngbo, President of IFAD. “The pledges made today not only show the commitment of these nations to eradicate poverty and hunger, but are also a demonstration of their confidence in the impact of IFAD’s work.” These sentiments were echoed by Cardinal Pietro Parolin, the Secretary of State of His Holiness the Pope, in a statement. “We simply cannot keep silent in the face of so much suffering and adversity,” he said. “Today more than ever the international community must join forces to prepare for and achieve a future that is sustainable, inclusive and just for all. This is what we must do and it is within our reach: help the poorest and most vulnerable people of our world.”Sweden announced a pledge today that is 60 per cent higher than their last contribution. “Sweden remains firmly supportive of the important work that IFAD is undertaking to eradicate poverty and to strengthen sustainable food systems,” said Peter Eriksson, Sweden’s Minister for International Development Cooperation.Describing themselves as “proud to support IFAD,” the Netherlands also announced their significant pledge. “The Netherlands strongly values its partnership with IFAD in making a difference for rural people and food security and remains a dedicated donor in agricultural development to tackle poverty and hunger,” said Kitty van der Heijden, Director-General of International Cooperation at the Dutch Ministry of Foreign Affairs. IFAD is one of the world’s largest multilateral financiers of agriculture and rural development, active in remote, rural areas in almost 100 countries. For over 40 years, its work has shown that investing in rural areas promotes prosperity, food security and resilience to weather changes, natural disasters, price hikes and other shocks like the COVID-19 pandemic that can later lead to humanitarian crises. Research also shows that economic growth in agriculture is two to three times more effective at reducing poverty than growth in other sectors.Many other Member States announced their intention to step up their contributions in this first pledging session. Finland raised its contribution by more than 40 per cent. Japan also made a significant pledge. Meanwhile Greece, Luxembourg, and São Tomé and Príncipe increased their contributions.Cabo Verde and other countries also pledged, joining those who announced contributions to IFAD earlier in the year including Burkina Faso, Côte d’Ivoire, and Mali who pledged to at least double their most recent contributions to IFAD, with large increases also coming from The Gambia, Sierra Leone and Uganda. Many other countries have confirmed their intention to announce increased contributions at the main pledging session in February 2021.IFAD has called for donors to significantly increase their contributions to deliver an overall programme of work of at least US$11 billion from 2022 to 2024, including through a new private sector financing programme and an expansion of its pioneering climate change adaptation programme (ASAP+). This would help approximately 140 million rural people increase their production and raise their incomes through better market access, contributing to creating jobs and improving food security and nutrition for the world’s most vulnerable people.IFAD is unique among international organizations in that far more of its Member States contribute to its core funding, including some of the world’s poorest countries, highlighting the value they place on the support they receive from the Fund.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mozambique and IFAD to increase resilience and food and nutrition security

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

The Government of Mozambique and the International Fund for Agricultural Development (IFAD) have officially launched the Inclusive Agri-Food Value Chain Development Programme (PROCAVA) to improve rural livelihoods, food security and resilience – are all critical needs in view of pandemic and climate change impacts for the country’s most vulnerable people. These efforts are also key to enabling Mozambique to achieve the Sustainable Development Goals, including no poverty, zero hunger and gender equality (SDGs 1, 2 and 5), given that 70 per cent of Mozambique’s population lives in rural areas, and more than 80 per cent of them work in agriculture.During a workshop held 1-4 December 2020, government officials, the programme implementation team, IFAD staff and programme beneficiaries came together to make strategic plans for implementing the project. In light of the challenges facing rural people, PROCAVA aims to increase incomes, improve food security, boost the nutritional status and build the resilience of at least 902,500 small-scale farmers in 75 districts across the 10 provinces across the country. PROCAVA is a ten-year programme that builds on the success of the previous IFAD-supported project for Pro-Poor Value Chain Development in the Maputo and Limpopo Corridors. With total funding of US$72.5 million, IFAD is providing an $8.4 million loan and a $33.6 million grant for the new project. In addition, the Government of Mozambique is providing $4.9 million, with a further $5.6 million contributed by beneficiaries themselves. Other development partners are participating with significant cofinancing.“By bringing together in the same room all PROCAVA staff and representatives from the Agricultural Development Fund (FDA), Ministry of Agriculture and Rural Development (MADER), Ministry of Economy and Finance (MEF) and Administrative Court, the start-up workshop has laid the foundations for a smooth implementation of the programme,” said Eusebio Tumitikile, Director of FDA – Mozambique, the Lead Agency of the Programme.The programme will target five value chains: select horticulture commodities, red meat (cattle and goats), poultry, cassava and legumes. Farmers working along these value chains will also benefit from linkages to input suppliers, markets, and appropriate climate-smart technologies (including irrigation), as well as capacity building on value addition. Since 1983, IFAD has invested more than US$386.47 million in 15 rural development programmes and projects in Mozambique worth a total of almost $585 million. These interventions have directly benefited 2,391,789 rural families.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eliminating poverty and hunger high on global agenda as countries pledge funds to IFAD

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 dicembre 2020

At a time when hunger and poverty are increasing due to conflict, climate change and the COVID-19 pandemic, some of the world’s poorest countries are the first to pledge funds to the UN’s International Fund for Agricultural Development (IFAD) to support its work to ensure that the most vulnerable rural people can sustainably access nutritious food and decent incomes.Burkina Faso, Côte d’Ivoire, and Mali have pledged to at least double their most recent contributions to IFAD, with large increases also coming from The Gambia, Sierra Leone and Uganda, all in support of IFAD’s Twelfth Replenishment – a process whereby Member States commit funds to the organization for its work in 2022-2024. Argentina, Egypt, El Salvador, Mongolia, Myanmar and Nicaragua are also amongst the first countries to pledge funds. On 11 December, IFAD will host its first formal pledging session and it is calling on Member States to significantly increase their contributions to help achieve the goal of a world free from poverty and hunger by 2030.The Fund aims to double its impact by 2030, including through a new private sector financing programme and an expansion of its pioneering climate change adaptation programme (ASAP+). During the replenishment period (2022-2024) this would help approximately 140 million rural people increase their production and raise their incomes through better market access, contributing to creating jobs and improving food security and nutrition for the world’s most vulnerable people. This includes women, youth, Indigenous Peoples and people living with disabilities.Three out of four of the world’s poorest people live in rural areas. A majority of them work in agriculture on small farms. While they produce 50 per cent of the world’s food calories on only 30 per cent of global agricultural land, many of them live in poverty and cannot feed their families.This has been amplified by the COVID-19 pandemic which has led to restrictions in trade and movement, preventing farmers from planting and harvesting crops, and from accessing markets to sell their produce and buy inputs. Disruptions to domestic and international food supply chains have also put millions of rural livelihoods at risk.Research shows that economic growth in agriculture is two to three times more effective at reducing poverty than growth in other sectors. Investing in rural areas promotes prosperity, food security and resilience to weather changes, natural disasters, price hikes and other shocks. IFAD is amongst the world’s largest multilateral financiers of agriculture and rural development, active in almost 100 countries around the world.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Second IFAD credit rating will help increase investments to fight poverty and hunger

Posted by fidest press agency su domenica, 22 novembre 2020

Rome. The prospect of eradicating hunger and poverty received a boost today as the UN’s International Fund for Agricultural Development (IFAD) obtained its second strong public credit rating, facilitating its access to private funds to invest in increasing rural prosperity and development in the world’s poorest countries. The AA+ rating was announced today by Standard and Poor’s (S&P) Global Ratings. This complements the AA+ Fitch rating that IFAD received on 2 October, when IFAD became the first fund in the United Nations system to receive a public credit rating. “As hunger grows in rural areas, the demand for our services is greater than ever and we need to broaden our investor base as much as possible,” said Gilbert F. Houngbo, President of IFAD.As the leading global development organization dedicated exclusively to eradicating poverty and hunger in rural areas, IFAD plays a critical role in achieving the Sustainable Development Goals (SDGs) by 2030.The recently released Ceres2030 report found that an additional US$14 billion a year, on average, is needed until 2030 to end hunger and double the incomes of 545 million small-scale farmers. This means roughly doubling the amount of aid given for food security and nutrition each year.IFAD has been exploring new funding models to help it double its impact on reducing poverty and hunger by 2030, and meet the changing needs of borrowing countries at a time when Official Development Assistance (ODA) is under severe pressure, and the economic impacts of COVID-19 threaten to push millions more rural people into hunger and poverty. IFAD-supported projects and programmes are currently funded through contributions from its 177 Member States, investment income and reflows, as well as cofinancing from other sources.“It is a new era and we need to keep pushing the boundaries of how we fund development,” said Houngbo. “This second rating strengthens the assessment of IFAD’s creditworthiness and allows us to develop a diversified, broader and more predictable funding base. By harnessing additional resources, we can stretch every dollar of taxpayer money we receive to ensure we reach the poorest of the poor.” Due to the COVID-19 pandemic, there could be up to 132 million more hungry people in 2020 alone, and extreme poverty looks set to increase for the first time in decades. With only 10 years left to achieve the SDGs, there is an urgent need to increase investment in the rural areas where most of the world’s extremely poor and hungry people live, and where IFAD focuses its activities.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

African Heads of State call on world leaders to increase investment in IFAD to end rural hunger and poverty

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 ottobre 2020

Ten African Heads of State have issued a strong call to other world leaders to increase their funding to the International Fund for Agricultural Development (IFAD) or risk jeopardizing Sustainable Development Goal targets for eradicating poverty and hunger, particularly in Africa.“We share IFAD’s vision of vibrant rural communities where people live free from poverty and hunger,” wrote the leaders of of Angola, Benin, Burkina Faso, Côte d’Ivoire, Ethiopia, the Gambia, Kenya, Senegal, Sierra Leone and Togo in letters to their counterparts in Europe, North America, the Middle East, Asia and Oceania. “Investing in building the resilience of rural people is now more important than ever in order to secure food supplies, safeguard rural livelihoods, ensure that progress made over the years is not lost and prevent more rural people from falling into poverty and hunger”. Right now, Africa is addressing conflict, changing weather patterns, pests and the socioeconomic impacts of COVID-19. Hunger levels on the continent are twice the world average. IFAD is the only multilateral development organization soley dedicated to eradicating rural poverty and hunger. In the letters, the African leaders called for a significant increase in contributions to IFAD’s Twelfth Replenishment (IFAD12) – a year-long consultative process during which Member States come together to agree on strategic directions and mobilize funds for IFAD to provide as concessional loans and grants to developing countries.“This support from the African Heads of State is a testimony to the real impact IFAD is having on the lives and livelihoods of rural people in these countries,” said Marie Haga, IFAD’s Associate Vice President for External Relations and Governance. “Their support demonstrates the importance of investing in rural areas to achieve national food security, environmental sustainability and economic development which has a monumental impact on global stability and resilience.”About 75 per cent of the world’s poorest people live in rural areas and depend on agriculture and related activities for their livelihoods. In the letters, the African leaders highlight the immense potential of African agriculture and the strong evidence that investing in agriculture is one of the most effective ways of reducing poverty.IFAD aims to deliver an overall programme of work of US$10 billion for the IFAD12 period (2022–2024), with over half of investments allocated to Africa. This would help more than 140 million small-scale producers increase their production and raise their incomes through better market access and resilience, contributing to creating jobs and improving food security and nutrition for those most at risk of being left behind.“A successful replenishment has the potential to unlock billions of dollars in financing to transform rural economies and food systems around the world, as well as enable IFAD to double its impact by 2030 and contribute to ending poverty and hunger,” wrote the leaders.As the pandemic sweeps across the world, the poor and the vulnerable are those who suffer most, among them rural women, young people and small-scale farmers. Faced with the socio-economic repercussions of the pandemic and the impact of prolonged drought and locust infestation, the African leaders called to collectively reaffirm the world’s commitment to end hunger.

Posted in Estero/world news, Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Humanitarian aid alone is not enough to address hunger, says new Vice President of UN agency IFAD

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 agosto 2020

Rome. We are failing in our response to increasing hunger levels by focusing predominantely on humanitarian aid, said Dominik Ziller, the new Vice President of the International Fund for Agricultural Development (IFAD) who took office today.
According to the report on the State of Food Security and Nutrition in the World released last month, hunger has increased in the past five years, and the impact of the COVID-19 pandemic is expected to leave an additional 83 to 132 million people hungry by the end of the year.IFAD is an international financial institution and specialized agency of the United Nations dedicated to eradicating rural poverty and hunger in developing countries. Ziller, a German national and the former Director General for International Development Cooperation at the German Federal Ministry for Economic Cooperation and Development (BMZ), starts his new role at IFAD at a pivotal time.The majority of the world’s poorest and hungriest people live in rural areas and depend on agriculture and related activities for their livelihoods. As the second in command of the Fund, Ziller will provide counsel and support on IFAD’s strategic direction and all aspects of its operations and activities, and will help strengthen the political and financial support for IFAD among Member States. In his previous role at BMZ, Ziller’s responsibilities included the European Union’s development cooperation, and the development pro­cesses of the G7 and the G20. During Germany’s G20 Presidency, he chaired the Development Working Group. He previously worked for the German development agency Deutsche Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit (GIZ), where he was a member of the Executive Management Committee.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IFAD. Il ministro Gualtieri: L’Italia farà la sua parte per finanziare il Fondo

Posted by fidest press agency su sabato, 15 febbraio 2020

Secondo Gualtieri “una collaborazione tra istituzioni è fondamentale nella lotta al cambiamento climatico che colpisce soprattutto i paesi più poveri”. E a proposito della dodicesima ricostituzione delle finanze del Fondo (IFAD12) che prende avvio oggi il ministro ha concluso: “inizieremo ufficialmente il processo per la ricostituzione del fondo. L’Italia è concretamente impegnata a sostegno di questo processo”.Durante la prima giornata della 43esima sessione del Consiglio dei Governatori IFAD, capi di Stato, ministri, leader dello sviluppo e celebrità hanno chiesto ai 177 Stati Membri di aumentare gli investimenti nelle aree rurali per accelerare il raggiungimento dell’obiettivo di un mondo senza povertà e fame entro il 2030.L’appello arriva in un momento in cui il numero di persone che soffre la fame cresce: la popolazione in tale condizione ammonta a 820 milioni ogni anno. Sono 737 milioni coloro che vivono in situazione di estrema povertà e il divario tra ricchi e poveri si amplia sempre più.
Il Presidente della Repubblica del Mali, Ibrahim Boubacar Keïta, ha aperto i lavori della due giorni. Così come altri paesi della regione del Sahel, il Mali sta lottando contro il duplice flagello del conflitto e dei cambiamenti climatici: nonostante i raccolti eccezionali, la popolazione vive una situazione di carenza di viveri. Gli agricoltori abbandonano i loro campi per fuggire dal conflitto e il risultato è che i mercati locali restano deserti. “Il Mali non mollerà mai. Né il Mali, né gli altri paesi del Sahel. Stiamo sanguinando, ma vinceremo – ha detto Keïta – L’ IFAD ha permesso alle popolazioni in balia dei peggiori attacchi di mantenere i loro valori e la loro dignità”.Un appello appassionato all’azione immediata è venuto anche dal Sottosegretario alla Cooperazione internazionale per il Ministero degli Affari Esteri del Regno di Norvegia, Aksel Jakobsen, che ha definito l’IFAD “un partner cruciale per piegare la curva della fame”.
“Dal Regno di Tonga a Timbuktu, i piccoli agricoltori lottano ogni giorno e questo è totalmente inaccettabile”, ha detto. E ha aggiunto: “Senza cibo non c’è sviluppo. Dobbiamo agire immediatamente tutti assieme”.A fargli eco Rodger Voorhies, colui che dirige gli sforzi della Fondazione Bill & Melinda Gates volti ad alleviare la fame e la povertà globali: “ dobbiamo passare dall’ambizione all’azione per il cambiamento – ha precisato -. Un cambiamento che abbiamo promesso ai piccoli agricoltori del mondo”. E ha concluso: “Abbiamo sia l’obbligo di concentrare i nostri sforzi che l’opportunità di agire e modificare la vita delle persone”.La coreografa, premio MTV VMA 2018 e prima Sostenitrice della gioventù rurale dell’IFAD, Sherrie Silver e il cantante Afrobeats Mr Eazi, hanno reso noti i risultati della loro campagna ‘sfida di ballo’. I due artisti che usano la loro fama per dar voce ai giovani delle aree rurali così da rendere “cool” il lavoro di agricoltore, hanno infatti organizzato una petizione di danza virtuale che chiede più investimenti sulle popolazioni giovani delle aree rurali. La petizione è oramai divenuta virale, con i suoi 102 milioni di visualizzazioni.
“Investire nell’agricoltura significa investire nello sradicamento delle differenze di genere e della disoccupazione”, ha detto Mr Eazi che ha visto recentemente due delle sue canzoni selezionate da Beyoncé e figura nell’ultimo album “the Gift” per il Re Leone. “In questo modo ci avviciniamo al raggiungimento degli obiettivi della prossima decade”, ha concluso.A chiudere i lavori della prima giornata della 43esima sessione del Consiglio dei Governatori IFAD l’attrice canadese Sabrina Elba che ha ribadito di sostenere l’IFAD assieme a suo marito, l’attore Idris Elba, e di supportare l’obiettivo fame zero perché, ha dichiarato, “crediamo fermamente che i piccoli agricoltori possano dare da mangiare al mondo e debbano quindi essere una priorità per il mondo stesso”.“Noi non possiamo cambiare la politica ma voi sì”, ha quindi detto ai 177 Stati Membri. E ha aggiunto: “Noi non possiamo investire di più sull’IFAD ma i vostri governi sì. Possiamo tutti alzare la nostra voce e parlare a nome delle popolazioni povere che sono troppo spesso lasciate indietro. Investire sul futuro delle popolazioni rurali significa anche investire sul nostro futuro”.
L’IFAD lavora nelle zone rurali più remote e altamente vulnerabili, dove pochi altri progetti di agenzie per lo sviluppo o istituzioni finanziarie internazionali arrivano. Oggi l’IFAD ha lanciato la dodicesima ricostituzione delle finanze (IFAD12), un processo di consultazioni lungo un anno durante il quale gli Stati Membri del Fondo si accordano sulle strategie da seguire e sulla mobilizzazione dei fondi che possono andare in prestiti agevolati e sovvenzioni per lo sviluppo dei paesi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IFAD: Nuovi fondi per lo sviluppo agricolo contro il moltiplicarsi dei conflitti armati

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 febbraio 2020

“Se la risposta umanitaria è adeguata ad affrontare i sintomi dei conflitti, lo sviluppo agricolo permette di affrontare le questioni di lungo termine e di sviluppare meglio la resilienza e favorire pace e stabilità”, ha detto oggi Donal Brown, vicepresidente associato del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) nella seconda ed ultima giornata del 43esimo Consiglio dei Governatori IFAD, tenutosi a Roma.In tale occasione leaders mondiali hanno chiesto alla comunità Internazionale di investire di più in sviluppo agricolo così da poter rispondere alla fame e alla povertà causati da conflitti e cambiamenti climatici.
Dal 2018 al 2019 nel continente Africano i conflitti armati sono aumentati di ben il 36 per cento, contribuendo a incrementare il numero di persone affamate e in situazione di povertà. Esistono prove che dimostrano come interventi di sviluppo agricolo accelerino il processo di ripresa dalla devastazione di una guerra e permettano alle popolazioni di trarre solidi benefici della pace.A titolo di esempio, Agnes Matilda Kalibata, Presidente dell’Alleanza per la Rivoluzione Verde in Africa (AGRA) e recentemente nominata Inviata Speciale del Food System Summit 2021, ha citato il caso del Ruanda. Kalibata ha infatti ricordato agli Stati Membri dell’ IFAD che proprio il Fondo “fu la prima istituzione multilaterale ad arrivare in Ruanda dopo il genocidio, quando nessuno voleva essere lì”.E proprio l’IFAD fu tra le prime realtà “ad investire sul governo locale in modo che potesse rafforzare il settore agricolo”. Dal genocidio del 1994 il Ruanda ha ottenuto risultati straordinari: grazie ad una crescita economica forte, le persone che soffrono povertà e fame sono drasticamente diminuite.Lo sviluppo ha un ruolo nella prevenzione dei conflitti anche secondo il capo del Direttorato Generale per le Politiche di Sviluppo Internazionale del Ministero Federale tedesco della Cooperazione e dello Sviluppo, Dominik Ziller: “Se le persone non hanno opportunità nei loro paesi aumenta il rischio che criminalità e terrorismo si diffondano maggiormente, e che i signori della guerra trovino nuove reclute”, ha spiegato. E ha aggiunto: “per farla breve, aumenta il rischio dell’instabilità e che gli Stati diventino più fragili”
Si stima che entro il 2030 i cambiamenti climatici creeranno 100 milioni di nuovi poveri. Di questi, 50 milioni si troveranno in una situazione di povertà a causa degli effetti dei cambiamenti climatici sull’agricoltura. I cambiamenti climatici aggravano i conflitti già in atto e hanno il potenziale per provocarne di nuovi poiché determinano una limitazione delle risorse disponibili.Nel 2018 eventi catastrofici hanno causato 17.2 milioni di sfollati, il 90 per cento dei quali fuggiva dai condizioni meteorologiche avverse e pericoli correlati al clima.Un focus particolare è stato dedicato nella giornata conclusiva del Consiglio dei Governatori alle persone con disabilità. Le emergenze climatiche colpiscono infatti in maniera sproporzionata queste persone anche a causa della loro vulnerabilità intrinseca: sono tra le più marginalizzate e a rischio in una comunità colpita da crisi. Si stima che ben 9.7 milioni di persone con disabilità siano oggi sfollate a causa di conflitti e persecuzioni.“Ci dobbiamo assicurare che la frase ‘ Non lasciare nessuno indietro’ non sia solo uno slogan”, ha detto Yetnebersh Nigussie, attivista etiope per i diritti delle persone disabili. Nigussie ha concluso sottolineando la necessità di sviluppare progetti che utilizzino nuovi sistemi di raccolta dati sia sulla localizzazione che sulla definizione dei bisogni delle persone con disabilità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

43esimo Consiglio dei Governatori IFAD

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 febbraio 2020

Roma 11-12 Febbraio 2020 orario: 11.00- 11.30, palazzo della FAO, Viale delle Terme di Caracalla,il Presidente della Repubblica del Mali, Ibrahim Boubacar Keïta, aprirà la 43esima sessione del Consiglio dei Governatori del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD).In occasione del lancio della dodicesima ricostituzione delle risorse del Fondo (IFAD12) per la mobilitazione di risorse finanziarie a favore degli persone piu’ marginalizzate del mondo, saranno invitati d’onore del Consiglio dei Governatori IFAD: Aksel Jakobsen, Sottosegretario alla Cooperazione internazionale per il Ministero degli Affari Esteri del Regno di Norvegia, Agnes Matilda Kalibata, Presidente dell’Alleanza per la Rivoluzione Verde in Africa (AGRA), nominata recentemente Rappresentante Speciale del Food Systems Summit 2021, Sherrie Silver, coreografa, premio MTV VMA 2018 e prima Sostenitrice della gioventù rurale dell’IFAD, e Mr Eazi, cantante e cantautore nigeriano.Il Consiglio dei Governatori avrà una durata di due giorni e si terrà l’11 e il 12 febbraio. Il tema principale della sessione di quest’anno sarà Investire in un Sistema alimentare sostenibile per porre fine alla fame nel mondo entro il 2030. Sessioni interattive ed eventi tematici mostreranno come l’IFAD, grazie al suo ruolo e alla sua esperienza nel supportare un sistema alimentare sostenibile, inclusivo ed efficiente, sia un attore fondamentale per centrare l’obiettivo fame zero.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consiglio dei governatori Ifad

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 gennaio 2020

Roma 11-12 Febbraio 2020 Uffici della FAO Capi di Stato, ministri, celebrità e leader mondiali dello sviluppo si incontreranno a Roma per rinnovare il loro impegno a porre fine alla fame nel mondo entro il 2030 e per definire le necessarie strategie d’azione. Quest’anno il Consiglio dei Governatori e l’accredito per i media saranno ospitati presso gli uffici FAO, in Via delle Terme di Caracalla a Roma.
OSPITI D’ONORE: Ibrahim Boubacar Keïta, Presidente della Repubblica del Mali, Agnes Matilda Kalibata, Presidente dell’Alleanza per la Rivoluzione Verde in Africa (AGRA), nominata recentemente Rappresentante Speciale del Food Systems Summit 2021 Sherrie Silver, coreografa, premio MTV VMA 2018 e prima Sostenitrice della gioventù rurale dell’IFAD Mr Eazi, cantante e cantautore nigeriano. Rodger Voorhies, Presidente della Divisione Crescita Globale e Opportunità della Fondazione Bill e Melinda Gates

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Former Norwegian minister and diplomat joins IFAD as Associate Vice-President

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

Åslaug Marie Haga, a Norwegian national, has joined the United Nations rural development agency, the International Fund for Agricultural Development (IFAD) as Associate Vice-President of the External Relations and Governance Department.In her role at IFAD, Haga is responsible for communications, global engagement, partnerships, and resource mobilization. In addition, she oversees the relations with the Fund’s 176 Member States.Haga has more than 35 years’ experience in conservation and food security, foreign affairs and politics. Most recently, she worked with the Global Crop Diversity Trust, where she was Executive Director from March 2013.
“I come to IFAD at an exciting moment as we enter a new decade in which the 2030 Sustainable Development Goals have to be delivered,” Haga said on her first day at IFAD. “I look forward to advancing IFAD’s mandate and serve the poorest in the rural world by mobilizing resources to invest in projects that align with partners’ objectives, aim for scalability, and lasting long-term results.”
Haga has served with Norway’s Foreign Service as a career diplomat and held various positions in the Norwegian Ministry of Foreign Affairs, including the Norwegian Mission to the United Nations in New York and the Embassy in New Delhi. She held the position of State Secretary/Deputy Minister in the Ministry of Foreign Affairs from 1997-1999.Haga’s political career includes serving as a Member of Parliament in Norway from 2001-2009. In addition, she also held three ministerial positions: Minister of Cultural Affairs, Minister of Local Government and Regional Development, and Minister of Petroleum and Energy.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Consiglio dei Governatori dell’IFAD

Posted by fidest press agency su domenica, 2 dicembre 2018

Roma 14 febbraio 2019. 42a sessione del Consiglio dei Governatori del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), agenzia delle Nazioni Unite. Il Consiglio dei Governatori – la riunione annuale dell’IFAD dei suoi 176 Stati membri – offre ai leader di governo l’opportunità di affrontare alcune delle sfide più persistenti al mondo in materia di povertà e fame nelle aree rurali remote dei paesi in via di sviluppo. Il tema dell’evento di quest’anno, “Innovazione rurale e spirito imprenditoriale”, esplorerà il ruolo che gli investimenti in tecnologia, innovazione e sviluppo delle piccole imprese possono svolgere per risolvere molte di queste sfide.
Questa sarà la prima volta in cui Papa Francesco parteciperà alla cerimonia di apertura della più importante riunione annuale dell’IFAD. Lo sradicamento della povertà rurale e della fame è al centro del mandato globale del Fondo, una questione cruciale continuamente sollevata dal Pontefice. Dalla sua fondazione, nel 1977, l’IFAD ha concentrato i suoi investimenti su milioni di donne e uomini delle zone rurali per dare loro la possibilità di coltivare più cibo, migliorare l’alimentazione delle loro famiglie e aumentare i loro redditi. I progetti sostenuti dall’IFAD hanno dimostrato che con l’accesso ai finanziamenti, ai mercati, alla tecnologia e all’informazione le popolazioni rurali possono costruire la loro capacità di ripresa, espandere le loro attività e prendersi carico del proprio sviluppo. http://www.ifad.org

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dirigente tedesca esperta in sviluppo si unisce all’IFAD

Posted by fidest press agency su sabato, 3 febbraio 2018

Fao-RomaCornelia Richter, di nazionalità tedesca, già direttore esecutivo e membro del consiglio di amministrazione dell’Agenzia tedesca per la cooperazione internazionale (GIZ), è entrata oggi a far parte del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) con la carica di vicepresidente.
Nel suo nuovo ruolo, la Richter sarà responsabile di definire l’orientamento strategico dell’IFAD, promuovere approcci e soluzioni corporativi, nonché supervisionare gli uffici che si occupano di budget, controllo qualità e questioni etiche.L’IFAD è un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite con il mandato di eliminare la povertà rurale nei paesi in via di sviluppo. Il settantacinque per cento delle persone più povere della terra – 1,4 miliardi di donne, bambini e uomini – vivono nelle aree rurali e l’agricoltura e le attività a essa correlate costituiscono il loro unico mezzo di sussistenza.“In un momento così importante, in cui puntiamo a raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, sono emozionata e onorata per questa opportunità di contribuire alla realizzazione del mandato – unico nel suo genere – dell’IFAD, sia come istituzione finanziaria internazionale sia come agenzia delle Nazioni Unite focalizzata sullo sviluppo rurale”, ha dichiarato la Richter.La Richter ha acquisito la sua vasta esperienza ricoprendo un’ampia gamma di incarichi nell’ambito della cooperazione internazionale, come consigliere per la pianificazione, la ricerca e le istituzioni multilaterali presso il Ministero tedesco della cooperazione economica e consigliere macroeconomico in Africa, nonché diverse posizioni direttive presso l’Agenzia tedesca per la cooperazione internazionale (GIZ), tra cui quelle di direttore generale per l’Asia e il Pacifico e direttore generale per gli Affari globali e settoriali. La Richter ha anche lavorato in partenariato con il settore privato, organizzazioni non governative e la Fondazione Gates, occupandosi di sviluppo di catene del valore e di questioni sociali.La Richter ha conseguito una laurea in scienze economiche e sociali presso l’Università di Gottinga. Ha completato studi post-universitari in gestione sistemica all’Università di San Gallo, in Svizzera, e in sviluppo organizzativo alla Columbia University, negli Stati Uniti. La Richter fa parte di diverse commissioni consultive, tra cui l’Associazione imprenditoriale tedesca Asia-Pacifico, l’Associazione latinoamericana per le imprese tedesche, l’Istituto tedesco di sviluppo, l’Associazione interuniversitaria europea, la Fondazione per la pace e lo sviluppo e la ONG Child Aid.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Madagascar firma un accordo di finanziamento da 53 milioni di dollari con l’IFAD

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 dicembre 2017

MadagascarUn nuovo accordo finanziario, firmato oggi tra il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e il Madagascar, farà aumentare in modo sostenibile i redditi, la sicurezza alimentare e la qualità dell’alimentazione per 320.000 famiglie rurali malgasce in otto regioni situate nella parte meridionale del paese. L’accordo per il Programma per lo sviluppo di catene del valore agricole inclusive (DEFIS) è stato firmato a Roma da Gilbert F. Houngbo, presidente dell’IFAD, e da Harison Edmond Randriarimanana, ministro dell’agricoltura e dell’allevamento del Madagascar.Il valore complessivo del progetto è di 250 milioni di dollari, e comprende un prestito di 26,5 milioni di dollari e una donazione di 26,5 milioni di dollari da parte dell’IFAD. Il progetto sarà cofinanziato dal governo del Madagascar (33,7 milioni di dollari), dalla Banca Africana di Sviluppo (50 milioni di dollari), dal Fondo per lo sviluppo internazionale dell’OPEC (20 milioni di dollari), dal Fondo Verde per il clima (15 milioni di dollari) e dai beneficiari stessi del progetto (14,3 milioni di dollari). I restanti 64 milioni di dollari potrebbero essere forniti da successivi stanziamenti di risorse da parte dell’IFAD o da altri partner finanziari da individuare durante l’attuazione del DEFIS. Il programma sarà attuato in un periodo di 10 anni, per poter fornire un sostegno finanziario stabile e prevedibile ai produttori.In Madagascar, nonostante la grande biodiversità e la varietà delle colture, la dieta del 76 per cento della popolazione non arriva a coprire il requisito energetico minimo di 2133 kilocalorie al giorno. L’incidenza della malnutrizione cronica nei bambini sotto i cinque anni è tra le più alte al mondo, mentre il tasso di povertà nelle aree rurali supera l’80 per cento. Gli scarsi investimenti nell’agricoltura e nelle aree rurali sono tra le cause principali della povertà, dell’insicurezza alimentare e della qualità inadeguata dell’alimentazione in Madagascar.Sostenendo i sistemi nazionali per lo sviluppo agricolo (Fonds de development agricole, Chambre d’agriculture, Centre de services agricole ecc.), il DEFIS contribuirà all’impegno per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile riproducendo su scala più vasta programmi rivelatisi efficaci nel paese, tra quelli finanziati dall’IFAD e dai suoi partner in Madagascar. Tra questi vanno annoverati anche i risultati ottenuti concentrando gli investimenti in poli produttivi selezionati, per facilitare la fornitura di servizi agricoli, la concentrazione dei prodotti e l’accesso ai mercati; rafforzando e sostenendo le istituzioni nazionali di agricoltori che si occupano di fornire servizi agricoli; e promuovendo l’istituzione di partenariati e di accordi contrattuali tra agricoltori e imprese del settore privato.Per aumentare la produttività delle piccole imprese agricole e per collegarle meglio con i mercati, il nuovo programma concentrerà i suoi investimenti su otto catene del valore prioritarie: riso, mais, manioca, arachidi, caffè, cipolle, piccoli ruminanti e miele, con tre prodotti prioritari selezionati in ogni regione. Inoltre, il DEFIS investirà nella promozione del sorgo per aumentare la capacità di resilienza dei sistemi produttivi dei piccoli agricoltori nelle zone semiaride delle regioni più meridionali del paese, particolarmente vulnerabili agli effetti negativi del cambiamento climatico. Ci si aspetta che il DEFIS, tra altri risultati, riabiliti 20.000 ettari di sistemi di irrigazione esistenti, sviluppi 8000 ettari di nuovi sistemi di irrigazione e apporti piccole migliorie su 7000 ettari. Sosterrà inoltre la costruzione di 300 punti di approvvigionamento d’acqua e di 50 bacini idrici sotterranei per i piccoli ruminanti.Inoltre, il DEFIS renderà possibile la formazione di fornitori di servizi finanziari che operino nell’area del programma, mettendoli in condizione di sviluppare e diffondere su scala più vasta prodotti e servizi finanziari adeguati alle necessità dei piccoli agricoltori. Realizzerà anche infrastrutture per immagazzinare i raccolti e per accedere ai mercati. Queste comprenderanno 490 magazzini, 45 centri di raccolta, 50 mercati locali, nonché 800 km di strade rurali riabilitate. Il programma contribuirà anche a mitigare i rischi del cambiamento climatico e ambientali, garantendo che gli investimenti e le nuove infrastrutture siano adeguati agli standard ambientali.Dal 1979, l’IFAD ha finanziato 16 programmi e progetti di sviluppo rurale in Madagascar, con un investimento da parte del Fondo pari a 329,5 milioni di dollari, o a 885,4 milioni di dollari considerando anche i cofinanziamenti, a beneficio di oltre un milione di famiglie rurali.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una nuova donazione dell’IFAD sostiene gli sforzi per aiutare le popolazioni indigene

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 dicembre 2017

agricoltoreIl Consiglio di Amministrazione del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) ha recentemente approvato una donazione di 3 milioni di dollari per sostenere le comunità indigene nei paesi in via di sviluppo, nel periodo 2017-2020.
“Con questa donazione, l’IFAD rafforza il suo impegno a favore delle popolazioni indigene e, soprattutto, della loro aspirazione ad assumere il controllo del proprio sviluppo”, ha dichiarato Antonella Cordone, specialista tecnico per le questioni indigene e tribali dell’IFAD. Al mondo ci sono oltre 370 milioni di persone che si autodefiniscono indigene, che rappresentano circa il cinque per cento della popolazione mondiale e vivono in almeno 70 paesi. Rappresentano il 15 per cento delle persone più povere del pianeta e sono tra i gruppi più vulnerabili e svantaggiati della Terra.”Non dovremmo percepire le popolazioni indigene come vittime. Possiedono una conoscenza unica e hanno capacità che possono contribuire ad affrontare molte delle sfide che oggi ci troviamo davanti, in particolare quelle legate al cambiamento climatico”, ha aggiunto Cordone.La donazione finanzierà fino a 35 progetti identificati in base alle esigenze espresse dalle comunità indigene, oltre ad aiutare tre organizzazioni che lavorano con le popolazioni indigene a potenziare le proprie capacità per difendere meglio gli interessi delle popolazioni indigene in Asia, Africa, America Latina e Caraibi.La donazione darà priorità ai giovani indigeni e a progetti che mirino a sviluppare le loro capacità, oltre a promuovere sistemi agricoli tradizionali, sviluppare mercati di nicchia e promuovere l’agricoltura come attività economica sostenibile e interessante per i giovani.La donazione per il periodo 2017-2020 finanzierà il quinto ciclo dello Strumento dell’IFAD per l’assistenza alle popolazioni indigene (IPAF). Creato nel 2006, l’IPAF è uno strumento unico basato sul principio dell’autodeterminazione del proprio sviluppo da parte dei popoli indigeni. Finanzia piccoli progetti formulati dalle stesse comunità indigene e dalle loro organizzazioni, basati sulla loro cultura, le loro conoscenze, le risorse naturali e i diritti umani.
Il Consiglio dell’IPAF è composto da una maggioranza di rappresentanti delle istituzioni delle popolazioni indigene e lo Strumento è gestito da tre delle loro organizzazioni regionali: Il Forum Internazionale delle Donne Indigene (FIMI) in America Latina e nei Caraibi, la Fondazione Tebtebba in Asia e nel Pacifico, e il Trust delle Donne Samburu in Africa. Queste organizzazioni riceveranno un finanziamento di 660.000 dollari dalla donazione dell’IFAD nei prossimi tre anni.La donazione è aumentata del 50 per cento, rispetto al precedente ciclo di tre anni, grazie a un contributo maggiore da parte dell’IFAD e al sostegno offerto dal Christensen Fund e dal Trust Tamalpais (due fondazioni americane), oltre che dal Fondo per lo sviluppo delle popolazioni indigene dell’America Latina e dei Caraibi (FILAC) e dal Gruppo internazionale di lavoro sulle questioni indigene (IWGIA). Il venti per cento della donazione sarà fornito dalle organizzazioni delle stesse popolazioni indigene. International Indigenous Women’s Forum (FIMI) in L’IFAD lavora con le popolazioni indigene da oltre trent’anni. Dall’adozione della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni nel 2017, l’IFAD ha moltiplicato il suo impegno a favore delle popolazioni indigene e si è progressivamente affermato come uno dei primi difensori del diritto delle comunità indigene di definire e intraprendere autonomamente il proprio percorso di sviluppo.Negli ultimi dieci anni, l’IFAD ha finanziato circa 123 progetti in paesi in via di sviluppo, per un valore complessivo di 1,6 miliardi di dollari in prestiti a favore delle popolazioni indigene e circa 40 milioni in donazioni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda del Messico per la riduzione della povertà rurale

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

messicoGilbert F. Houngbo, presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), il 24 novembre incontrerà alti funzionari del governo messicano per discutere del sostegno dell’IFAD all’agenda programmatica del Messico per la riduzione della povertà rurale e delle varie fasi del cammino da percorrere per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’Agenda 2030. È la prima visita ufficiale in Messico di Houngbo, da quando ha assunto la carica di presidente del Fondo ad aprile di quest’anno, e questa missione, parte di un viaggio più ampio nella regione dell’America Latina e dei Caraibi, con tappe in Argentina, Brasile e Repubblica Dominicana, sottolinea l’importanza del ruolo che l’IFAD – un’istituzione finanziaria internazionale e un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite – può avere nei paesi a reddito medio-alto.“Il Messico e l’IFAD hanno costruito un partenariato solido, nel corso degli anni, aiutando le popolazioni rurali più povere a partecipare più attivamente all’economia rurale. I progetti sostenuti dall’IFAD mettono gli abitanti delle aree rurali in contatto con mercati e servizi. Operano per trasformare la struttura economica e sociale delle comunità rurali e per promuovere l’inclusione. Si tratta di un’agenda che stiamo cercando di riprodurre su scala più ampia in tutta la regione latinoamericana, attraverso prestiti per finanziare investimenti e donazioni destinate alla ricerca applicata e al dialogo sulle politiche”, ha dichiarato Houngbo.L’IFAD ha con il Messico una collaborazione di lunga data e di recente ha appoggiato l’agenda programmatica del paese a favore dell’inclusione produttiva, incentrata su programmi di protezione sociale per i più poveri, in particolare trasferimenti condizionati di contante. Attualmente, l’IFAD si sta avvalendo dell’esperienza del Messico come modello di approccio innovativo per l’intera regione. Nel corso degli anni, il ruolo del Messico nella cooperazione internazionale allo sviluppo è andato evolvendosi, nel doppio ruolo di beneficiario di assistenza e di donatore. Durante la sua visita, Houngbo incontrerà Miguel Ruiz Cabañas, Sottosegretario per gli Affari multilaterali e i Diritti umani, per discutere con lui di una prossima valutazione del Programma di opportunità strategiche dell’IFAD nel paese, che sarà condotta dall’Ufficio Indipendente di Valutazione dell’IFAD nel 2018. Durante l’incontro, si parlerà anche della partecipazione attiva del Messico a iniziative di cooperazione Sud-Sud e triangolare.Houngbo incontrerà anche alti funzionari della Segreteria delle Finanze e del Credito pubblico, per valutare il ruolo dell’IFAD come istituzione finanziaria internazionale con il mandato di combattere la povertà rurale.In un incontro con Luis Enrique Miranda Nava, Segretario per lo Sviluppo Sociale (SEDESOL), Houngbo discuterà di un prossimo progetto finanziato dall’IFAD, incentrato sull’economia sociale e sull’inclusione produttiva, la cui esecuzione sarà affidata all’Istituto Nazionale di Economia Sociale (INAES), diretto da Narcedalia Ramírez. Da questo progetto trarranno particolare beneficio le popolazioni di Guerrero, Oxaca, Puebla e Chiapas, stati gravemente colpiti dagli uragani e dai terremoti che si sono abbattuti sul paese nei mesi scorsi.Il sostegno che i paesi richiedono per raggiungere i loro obiettivi di sviluppo spesso va oltre i finanziamenti e comprende assistenza tecnica, competenze per la definizione delle politiche pubbliche, capacità analitiche e servizi di consulenza. A tale proposito, Houngbo incontrerà José Calzada, Segretario dell’Agricoltura, dell’Allevamento, dello Sviluppo rurale, della Pesca e dell’Alimentazione (SAGARPA) per discutere del ruolo dell’IFAD nel ridurre le diseguaglianze tra gradi diversi di sviluppo nelle aree rurali e nell’aiutare i piccoli agricoltori ad aumentare le loro capacità di resilienza nei confronti del cambiamento climatico.
Dal 1980, l’IFAD ha finanziato in Messico, per un valore complessivo di 185,2 milioni di dollari, 10 programmi e progetti di sviluppo rurale, a beneficio di 143.205 famiglie.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »