Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Posts Tagged ‘illegali’

Le droghe illegali al tempo del coronavirus

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 aprile 2020

Tutto in questo ultimo mese e mezzo ruota intorno all’emergenza coronavirus. Anche il mondo della droga illegale. Che come ogni mercato, ne ha risentito e anche molto. E mentre i traffici internazionali devono ancora accusare il colpo e, immaginiamo si stiano riempiendo i magazzini nei luoghi di produzione e nei vari hub di transito e di destinazione, il mercato al dettaglio ne risente e anche tanto. Non abbiamo barometri ufficiali per sostenerlo, ma solo l’osservatorio che Aduc fa settimanalmente sul numero di sequestri delle varie sostanze, gli arrestati e le sentenze di condanna.Navigando sulla stampa internazionale online abbiamo letto di dati ufficiali in alcune regioni spagnole, in Brasile, in Usa, ma niente di preciso nel nostro Paese e negli altri nostri partner europei. E’ probabile che qualcosa ci sia sfuggito. Ma per quanto abbiamo letto, c’è una tendenza diffusa: i consumatori sotto osservazione dei vari centri medici istituzionali (quindi quelli di cui si è a conoscenza che siano tali), quando non continuano le loro terapie e/o non si riforniscono al mercato clandestino per le evidenti difficoltà dovute al confino, si indirizzano verso maggiori consumi di tabacco e alcool. Le conseguenze le vedremo fa un po’ di tempo. E’ evidente che la gran parte dei consumatori, soprattutto quelli problematici, non sono controllati o monitorati da nessuno, e di loro non si sa nulla… se non le intuizioni dei vari osservatori.Altra caratteristica diffusa, molto anche in Italia, è l’arresto di trafficanti di piccolo cabotaggio e il sequestro di piccole partite di droga, legate a spacciatori al dettaglio o ai livelli medi del mercato. Sequestri e arresti che sono diventati anche più facili per le forze dell’ordine, visto che gli spacciatori sono più facilmente individuabili grazie alla scarsa circolazione di persone e mezzi, e anche quando circolano con dei mezzi visto che questi ultimi sono più spesso fermati per individuare coloro che violano le disposizioni di contenimento. Infatti, in questo lungo fine settimana pasquale, le cronache delle agenzie stampa riportano diversi arresti e sequestri, tutti piccoli o medi (i giornali non sono usciti per un giorno e, tranne casi particolarmente eclatanti, danno poche notizie in merito percé sono dediti essenzialmente a dare notizie sul coronavirus dal punto di vista sanitario e, quando sono notizie di ordine pubblico, privilegiano quelle che possono meglio attrarre l’attenzione del confinato medio sì da indurlo a non aggiungersi al numero dei trasgressori).Quindi ora stiamo registrando i primi effetti sugli ultimi anelli della filiera del traffico. Cosa succederà fra un po’ è prevedibile sia a monte che a valle.A monte, nei Paesi produttori e di transito, con le organizzazioni malavitose internazionali più o meno in attesa di un ritorno alla “normalità”, la forza lavoro di produzione (dal contadino messicano, boliviano, colombiano, afghano, marocchino al lavoratore dei laboratori chimici, oltre che in questi Paesi, anche olandesi, italiani, spagnoli e dei vari Paesi dell’Europa dell’est) si aggiungerà ai disoccupati dei mercati di prodotti legali, con la differenza che non potranno usufruire dei contributi statali che ogni Paese sta mettendo a disposizione per ridurre i danni; si parla di contributi anche per i lavoratori in nero, ma crediamo che difficilmente, almeno in Paesi come il nostro, riguarderanno i lavoratori in nero del mercato illegale delle droghe.A valle, nei Paesi consumatori, in attesa di un perfezionamento e adeguamento alla nuova realtà di mercati tipo l’online, il classico e consistente mercato per strada produrrà gli stessi effetti di quello che è successo a monte: disoccupati. Con un particolare: mentre i mercati legali faticano ad adeguarsi alla prevalenza dell’online (non ultima la burocrazia), non è altrettanto per i mercati illegali (senza burocrazia ed eterodiretti da capi/padroni che devono dar conto solo a se stessi). Differenza che ci porta a credere che molto presto, a differenza dell’economia legale, quella illegale (e quella delle droghe soprattutto) tornerà in auge. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le forze armate per fermare il traffico illegale di immigrati

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 luglio 2019

“Fratelli d’Italia chiede che le Forze armate siano destinate a presidiare i confini marittimi per fermare il traffico illegale di immigrati”. Lo dichiara Salvatore Deidda, deputato di Fratelli d’Italia e capogruppo FDI in commissione Difesa che assieme ai colleghi Prisco e Varchi ha presentato un emendamento al dl Sicurezza bis.
“Davanti ai nuovi sbarchi di algerini – aggiunge Deidda – che anche quest’oggi sono arrivati in Sardegna e davanti alla sfida lanciata dalle ONG alle leggi italiane e alla nostra Sovranità, dobbiamo utilizzare tutti i mezzi a nostra disposizione per garantire legalità ed evitare le morti in mare”. “Dobbiamo contrastare l’arroganza e il cinismo di chi non vuole rispettare le leggi – conclude il deputato di FDI – e la Guardia di Finanza, la Guardia Costiera e le nostre Forze Armate che ringraziamo per i quotidiani sacrifici, sono delle eccellenze che possono e debbono essere schierate in prima linea”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta ai contenuti illegali online: la Commissione avvia una consultazione pubblica

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 maggio 2018

In seguito alla raccomandazione della Commissione presentata a marzo e volta ad intensificare ulteriormente la lotta a qualsiasi forma di contenuto illegale, compresi i contenuti terroristici, l’incitamento all’odio e alla violenza, il materiale pedopornografico, i prodotti contraffatti e le violazioni del diritto d’autore, la Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica.
I partecipanti sono invitati a condividere la propria esperienza e le sfide affrontate relativamente alla diffusione e al rilevamento di contenuti illegali online. La consultazione mira a raccogliere informazioni sulle percezioni e le opinioni in merito all’efficacia delle misure volontarie di lotta ai contenuti illegali online e sull’eventuale necessità di nuove iniziative da parte della Commissione in questo ambito. La consultazione è destinata soprattutto ai cittadini, ma anche alle piattaforme online e agli altri prestatori di servizi di hosting online, nonché alle organizzazioni che rilevano e segnalano i contenuti illegali, alle organizzazioni per la difesa dei diritti digitali, alle autorità competenti, alle autorità incaricate dell’applicazione della legge, ai governi nazionali e alle università.
Il 28 settembre 2017 la Commissione ha adottato una comunicazione recante orientamenti sulle responsabilità dei prestatori di servizi online per quanto riguarda i contenuti illegali online, che è stata seguita il 1° marzo 2018 da una raccomandazione su misure operative per contrastare efficacemente i contenuti illegali online. La Commissione ha pubblicato una valutazione d’impatto iniziale e sta raccogliendo testimonianze sull’efficacia delle misure volontarie e sull’entità del problema. Entro la fine del 2018 la Commissione esaminerà eventuali misure supplementari per aumentare l’efficacia della lotta ai contenuti illegali online.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmacie online illegali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 dicembre 2013

“L’Italia, nel recepire la direttiva europea 2012/26 ha indubbiamente apportato un elemento di chiarezza che avevamo più volte richiesto, e cioè l’esplicito divieto di vendita on-line di medicinali soggetti a prescrizione medica anche nel momento in cui, fatte salve le garanzie poste a livello comunitario, si disciplina la vendita a distanza dei farmaci da automedicazione” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, senatore Andrea Mandelli, commentando il testo dei decreti legislativi che vertono su contraffazione farmaceutica, e-commerce e farmacovigilanza. “Un altro aspetto fondamentale è che oggi il Ministero della Salute ha il potere di oscurare i siti che commerciano farmaci al di fuori delle regole stabilite, sulla base delle segnalazioni delle forze di polizia competenti e dell’Agenzia del Farmaco” prosegue Mandelli. “Siamo felici per la definizione imposta a tutta la materia, che la Federazione ha sempre indicato come ormai non più rinviabile per la tutela dei cittadini”.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci illegali importati dalla Cina e dall’Albania

Posted by fidest press agency su domenica, 27 maggio 2012

English: Guardia di Finanza (Italian finance p...

English: Guardia di Finanza (Italian finance police) sign. Italiano: Stemma istituzionale della Guardia di Finanza, presente all’entrata di tutte le caserme. (Photo credit: Wikipedia)

Tutti farmaci per i quali è rigorosamente obbligatoria la prescrizione medica. Fiale contenenti sostanze liquide per il trattamento terapeutico intensivo di importanti patologie di natura cardiaca, neurologica, renale, epatica e virale sequestrate in queste ultime ore dalla Finanza alla dogana di alcuni aeroporti, trasportati senza né prescrizioni né autorizzazioni all’importazione. Secondo gli agenti i prodotti acquistati in Cina e nell’est europa dovevano essere consegnati, come lasciano ragionevolmente ipotizzare le indagini tuttora in corso, a medici senza scrupoli, verosimilmente di etnia asiatica, che li avrebbero somministrati ai loro pazienti in cambio di lauti compensi. L’ultima operazione è stata effettuata dai funzionari dell’Ufficio delle dogane di Bari. Durante i normali controlli finalizzati alla repressione di traffici illeciti nell’aeroporto di Bari- Palese hanno scoperto, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza, tre tentativi di illecita introduzione di farmaci privi della necessaria registrazione del Ministero della Salute.
In due casi i farmaci, confezionati in blister, flaconi e bustine, per un peso complessivo di 3,7 chilogrammi, erano nascosti nei bagagli di due cittadine cinesi, residenti in Italia, provenienti dalla Cina rispettivamente via Monaco e via Roma/Fiumicino. Nel terzo, invece, il sequestro di farmaci ha riguardato un cittadino italiano proveniente da Tirana. I trasgressori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica del Tribunale di Bari. Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” esprime grande preoccupazione, evidenziando come tra i principi attivi contenuti nei farmaci sequestrati spiccano l’adrenalina, il raceanisodamine cloridrato, il ribavirine ed il citicoline. Sostanze che avrebbero potuto causare gravissime patologie fino a diventare letali.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto Onu su farmaci illegali: vendita sfrutta social media

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 marzo 2012

Le farmacie illegali su internet sfruttano sempre di più il canale dei social media per vendere e distribuire farmaci ai giovani. L’evidenza emerge dal rapporto 2011 dell’agenzia International narcotics control board (Incb), dell’Onu secondo cui farmaci illegali e prescrizioni di medicine vengono fatte online, agganciando un elevato numero di ragazzi. «Le farmacie illegali online hanno iniziato a usare i social media per pubblicizzare i loro siti web, esponendo una platea molto ampia di persone a prodotti pericolosi» spiega il presidente dell’Incb, Hamid Ghodse «farmacisti disonesti si servono di YouTube o Facebook per avvicinare persone in chatroom attirandole in modi diversi, senza far capire all’inizio che stanno cercando di vendere farmaci all’inizio, e poi finiscono per bombardarli di annunci». L’Incb ha contato oltre 12 mila sequestri di sostanze controllate a livello internazionale e spedite per posta nel 2010, di cui 6.500 legali e 5.500 di origine illecita. L’India è il principale Paese da cui hanno origine queste sostanze illegali, per circa il 58%. A seguire ci sono Usa, Cina e Polonia. L’agenzia Onu ha pubblicato delle linee guida per i governi per la prevenzione della vendita illegale di sostanze via internet, ma «bisogna fare di più» conclude Ghodse «ci sono ancora carenze tecnologiche, regolatorie e di personale nei Paesi e la cooperazione internazionale e’ fondamentale».(fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Il governo dichiara guerra ai bookmaker illegali

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2012

Due fronti, un unico obiettivo: il governo Monti dichiara guerra totale ai bookmaker illegali. E non solo. Anche i siti di casinò online, poker, intermediazione di gioco. Si dirà: qual è la novità? C’è, ed è enorme. Ad essere colpiti, per la prima volta, sarebbero i giocatori. Sanzioni fino a 10 volte le somme giocate a carico di chi spenderà il proprio denaro al di fuori dei confini del gioco autorizzato dallo Stato. Il primo fronte è strettamente fiscale: l’evasione indiretta, spendendo soldi con bookmaker esteri che non pagano le tasse in Italia, per il Governo non è più tollerabile. Secondo fronte: mai più, se possibile, una Scommessopoli e il controllo all’origine di chi scommette può rappresentare un deterrente efficace. Stavolta, la scure potrebbe dunque abbattersi su chi gioca attraverso siti non autorizzati di casinò, scommesse e poker, non più (soltanto) su bookmaker, intermediari e Internet service provider come in passato. Secondo quanto apprende Agipronews, nel “pacchetto giochi” approntato dai tecnici del ministero dell’Economia – e attualmente al vaglio del governo in vista del varo del decreto fiscale – è previsto un pesante inasprimento delle sanzioni a carico di chi scommette con operatori esteri, fino al 1000 per cento delle somme giocate. Il controllo sarebbe possibile attraverso la tracciabilità sui conti correnti bancari, prevista dalla manovra estiva: banche, poste, operatori finanziari e carte di credito dovranno segnalare ai Monopoli di Stato (previste sanzioni fino a 1,3 milioni di euro per chi non lo farà) chi trasferisce danaro a favore di soggetti non autorizzati dallo Stato. Colpito anche chi semplicemente deposita una somma all’estero, con una multa che può arrivare fino al 200 per cento del denaro spedito a casinò o bookmaker stranieri. La misura rientra in una serie di provvedimenti del governo che,se approvati, dovrebbero portare nelle casse erariali 500 milioni di euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regione Lombardia: elezioni illegali?

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2011

Dichiarazione di Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani: “Oggi, anche a livello giudiziario, emerge una verità storicamente già acquisita: le elezioni regionali della Lombardia sono state elezioni illegali, portando colui che ha giovato di un sistema di firme false alla Presidenza della Regione e chi invece si era rifiutato di violare le leggi, i Radicali, a non potersi presentare.
Possibile che questa verità, sinora limitata a parziali notizie di cronaca, non porti ad aprire un dibattito pubblico sullo stato della non democrazia italiana e sulla distruzione dello Stato di diritto, approfondendo le cause strutturali che ne sono alla base? Intanto, si sta ripetendo quanto accadde alle regionali del Lazio quando, grazie ai Radicali, si riaprirono i giochi di un’elezione da tutti considerata persa. Nel suggerire agli antiberlusconiani di ferro di riflettere sulla capacità di noi Radicali di “far male” davvero a chi sostengono di voler abbattere, mi auguro che non si ripetano gli errori di allora e che all’interno del Partito Democratico qualcuno non giochi a perdere anche a Milano.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nomadi: “espulsioni per chi si accampa illegalmente”

Posted by fidest press agency su domenica, 5 settembre 2010

“Chi occupa un’area pubblica o privata deve subire il provvedimento di espulsione”. Lo ha dichiarato in una nota Fabrizio Santori, presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Roma, a margine dell’operazione condotta al viadotto della Magliana dai Carabinieri e dai militari dell’ottavo reggimento Lazio e il contestuale intervento della Polizia di Stato presso il campo nomadi di Castel Romano. “Questi interventi rappresentano ulteriori passi avanti nel processo di sgombero di tutti gli insediamenti abusivi e nell’azione di monitoraggio di quelli autorizzati. Il programma di sgombero predisposto dal Prefetto di Roma seguirà a pieno regime dalla prossima settimana con un intervento al giorno su tutto il territorio capitolino – spiega Santori – Risultano essere oltre 200 i micro- insediamenti su aree pubbliche o private da sgomberare, con un flusso di oltre 2500 persone per lo più comunitarie. Invadere terreni privati è un reato contro il quale hanno il dovere di battersi anche i proprietari degli appezzamenti che devono provvedere a recintare le aree in loro possesso, denunciando immediatamente  ogni tentativo di invasione da parte di nomadi o senza fissa dimora, altrimenti l’amministrazione si troverà a sgomberare e bonificare per l’ennesima volta, come nel caso del Viadotto della Magliana, un terreno che è stato già oggetto di 4 interventi” – conclude Santori.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gare illegali in moto

Posted by fidest press agency su martedì, 31 agosto 2010

“Un’altra nefasta moda, importata dagli USA, impazza fra i giovani  italiani, quella delle gare illegali in moto. Poi postate sul celeberrimo  Youtube. Il divertimento consiste nel correre a 300 km all’ora, fra inconsapevoli auto, su strade normali con l’ovvio rischio (certezza!) Di incidenti. E’ di ieri notte, infatti, l’ultimo raid effettuato dalle forze dell’ordine in Salento, dove sono stati arrestati diversi “centauri”, sequestrate moto e materiale per le riprese da postare su Youtube. Ottimo lavoro della Polizia, ma non crediamo sara’ sufficiente a stroncare questa “moda”. Siamo convinti che solo affrontando seriamente, ed alla base, la “questione socio-culturale” del rapporto fra giovani ed Internet, si possa limitare il proliferare di follie. Invece di fare a gara di “celodurismo”, la politica dovrebbe affrontare problemi seri, e che tenderanno sempre a crescere se non risolti.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta ai lidi illegali a Napoli

Posted by fidest press agency su martedì, 6 luglio 2010

“Dispiace che la fascia di popolazione evidentemente più colpita dalla crisi abbia come unica fuga dalla calura estiva i pochi tratti resi accessibili legalmente e che, di conseguenza, si rifugi a frotte presso i lidi organizzati abusivamente ma la lotta all’illegalità passa anche dalla rimozione degli stabilimenti balneari abusivi che violano le norme di sicurezza e le zone sottoposte a vincoli paesaggistici. Purtroppo, incidenti come il dramma di Ventotene, dove una frana del costone delimitante la spiaggia causò la morte di due ragazzine adolescenti, ci ricordano la concreta eventualità che altre sciagure possano verificarsi in zone non adibite alla sosta dei bagnanti”. Queste le parole della viceresponsabile per la Campania dell’Italia dei Diritti, Licia Palmentieri, alla notizia del maxi sequestro e sgombero di lidi abusivi in Campania nella zona di Posillipo, nell’area di Marechiaro e Nisida, dove gli esercenti non autorizzati facevano pagare un ingresso ai bagnanti dai 5 ai 10 euro e soprattutto invadevano zone protette da vincolo paesaggistico e potenzialmente pericolose per la caduta di massi. I gestori degli stabilimenti illegali sono stati denunciati per occupazione di suolo demaniale ed esercizio abusivo della professione. Spiega l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro: “Nell’ambito dell’operazione sono state sequestrate anche piattaforme-solarium non costruite a norma e i cittadini dovrebbero ringraziare la solerzia delle istituzioni nel proteggere la loro incolumità. Senza dimenticare che la vendita di derrate alimentari si verificava fuori controllo, magari con maggiorazione di prezzi nel peggiore sciacallaggio turistico o nella concreta possibilità di commercio di alimenti non sottoposti a controlli qualitativi. Oltre alla sicurezza della popolazione, tali operazioni sono volte anche alla prevenzione di attività che possano foraggiare in qualunque modo la criminalità organizzata, oltre alla necessità di tutelare un territorio dal turismo selvaggio. Auspico al più presto la messa in sicurezza e l’apertura di ulteriori zone attrezzate messe a disposizione della popolazione dal Comune stesso, vista la grande richiesta, anche se non possiamo dimenticare che il mare del golfo non rientra, purtroppo, tra le zone meno inquinate del Paese. Come disse qualcuno – conclude la Palmentieri – ‘il mare non bagna Napoli’. E’ lì ma è di difficile fruizione”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »