Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘imballaggi’

EPAL: prosegue il trend positivo

Posted by fidest press agency su domenica, 2 dicembre 2018

Con una produzione in grado di soddisfare la domanda e di incrementare il miglioramento degli standard di qualità del settore degli imballaggi, nel terzo trimestre del 2018 il mercato dei pallet EPAL ha registrato un aumento complessivo del 7% con 2.574.148 pallet immessi sul mercato tra luglio e settembre 2018 per un totale di 7.933.714 unità, se si sommano anche i risultati dei primi due trimestri dell’anno. A confermare lo stato di benessere del settore è l’analisi trimestrale di Conlegno, il Consorzio per la tutela del legno e del sughero che ricopre il ruolo di soggetto gestore del marchio EPAL per l’Italia.
La crescita più importante ha riguardato il settore del nuovo, che nel terzo trimestre ha registrato un balzo nella produzione del 7%, con 1.602.811 unità, rispetto allo stesso periodo del 2017. Più contenuto ma comunque positivo il dato sul segmento della riparazione che segna un incremento del 2%, per un totale di 971.337 pallet. “La continua crescita del mercato dei pallet è rappresentativa del buono stato di salute dell’economia nel suo complesso – spiega Davide Dellavalle, Coordinatore del Comitato Tecnico EPAL Italia – Una maggiore richiesta di imballaggi a marchio EPAL da parte delle aziende è indice infatti di un incremento dei consumi e degli scambi di merci all’interno del mercato nazionale, specialmente nel settore della grande distribuzione”. I dati relativi alla produzione di pallet nuovi sommati al semestre precedente sottolineano una crescita complessiva del 15% rispetto al 2017, con 4.890.550 unità realizzate. I pallet riparati si fermano invece a quota 3.043.164, con una diminuzione dell’1%. Nel complesso, tra pallet EPAL nuovi e riparati si sono prodotte 7.933.714 unità, con un incremento rispetto allo scorso anno che si attesta all’8%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guerra commerciale e imballaggi certificati

Posted by fidest press agency su martedì, 20 marzo 2018

La guerra commerciale preannunciata dagli USA minaccia l’economia mondiale con importanti ripercussioni anche sull’Italia. Secondo le stime della Coldiretti, sarebbero a rischio oltre 40 miliardi di esportazioni Made in Italy, soprattutto nell’ambito agroalimentare. Una brusca inversione di tendenza è infatti stata evidenziata dai dati ISTAT che hanno registrato all’inizio del 2018 un calo dell’1,4% delle esportazioni italiane in America.Un fenomeno globale che si manifesta attraverso dazi doganali, svalutazione competitiva e rigida applicazione delle norme. A farne le spese gli imballaggi, prima ancora delle merci trasportate, l’andamento dei quali fornisce una prima indicazione sull’evoluzione del mercato e sullo stato di salute della domanda.
In particolare, secondo il rapporto Imballaggi in cifre del 2017, il mercato degli imballaggi in legno ha registrato nel 2016 un volume d’affari di oltre 1,56 miliardi di euro, con 2.520.000 tonnellate di imballaggi in legno prodotti. Numeri estremamente significativi che testimoniano la lenta ripresa economica degli ultimi anni.“Mai come oggi affermarsi nel panorama globale rappresenta una sfida importante e difficile a causa del rafforzamento generale delle barriere commerciali che ostacolano la libera circolazione delle merci – spiega Daniela Frattoloni, Coordinatrice del Comitato Tecnico FITOK – Il primo passo per contrastare i malumori delle potenze economiche è rappresentato dall’utilizzo di imballaggi certificati, conformi allo standard ISPM n.15 e realizzati con legno legale nel rispetto del Regolamento UE n. 995/2010 (EUTR), che non temono le dogane e garantiscono un trasporto sicuro dei beni di largo consumo. Solo nel 2017 sono stati sottoposti a trattamento fitosanitario quasi 2.550.000 m3 di legname di cui più della metà (58%) è stata impiegata per la realizzazione di pallet nuovi che hanno registrato un incremento del volume del 10% circa rispetto all’anno precedente passando da 1.345.451 m3 del 2016 a 1.477.406 m3.” In risposta all’intensificarsi dei controlli fitosanitari doganali, nel 2017 hanno registrato un incremento significativo anche i metri cubi di legname trattato utilizzato per la costruzione di dunnage (+23%) e i volumi di produzione di semilavorato conforme per la realizzazione di imballaggi (+12,7%). Risultato negativo invece per gli imballaggi industriali che, pur rappresentando quasi il 30% della produzione, perdono il 21,7% del volume, con 194.322 m3 di legname lavorato in meno rispetto al 2016 a causa dell’aumento dell’utilizzo di materiali esenti dall’applicazione dello standard ISPM n.15, come per esempio tavole di compensato e pannelli di OSB.Un imballaggio conforme garantisce quindi un importante vantaggio competitivo a livello internazionale incrementando la propria capacità di penetrazione nei mercati mondiali.In soccorso agli imprenditori che per mancata conformità presunta o reale degli imballaggi si imbattono in blocchi doganali interviene infine Conlegno, Consorzio Servizi Legno Sughero, impegnato da anni ad aiutare le aziende consorziate a dirimere controversie internazionali ricoprendo dal 2005 il ruolo di Soggetto Gestore in Italia del Marchio IPPC/FAO per l’ISPM n. 15, attraverso il Comitato Tecnico FITOK.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Filiera Bioplastica

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 gennaio 2012

bioplastic logo design contest entry

Image by Shira Golding via Flickr

Cereplast Italia, filiale di Cereplast, Inc. ( Nasdaq: CERP). A seguito dell’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro dell’Ambiente Corrado Clini pubblicata sul sito della camera dei deputati in data 17 gennaio la Cereplast Italia nota con piacere che all’interno del Parlamento Italiano comincia ad esserci la consapevolezza che la Green Economy può e deve rappresentare una risorsa sia per il rispetto dell’Ambiente, che per l’economia Italiana.In un momento non facile come questo che stiamo vivendo è necessario un impegno culturale affinché,soprattutto tra le nuove generazioni si diffonda un etica del rispetto dell’ambiente e si punti ad investire in settori come quelli della bioplastica che possono dare grandi soddisfazioni sia in termini economici che in termini ecologici.Sarà compito della Cereplast nel suo piccolo sensibilizzare l’opinione pubblica e chi ci amministra affinché si maturi la consapevolezza che non ci sono alternative all’innovazione ed alla sostenibilità ambientale.
Cereplast Italia e la filiale Italiana con sede a Milano e stabilimento ad Assisi (PG) di Cereplast, Inc. (Nasdaq: CERP) progetta e produce proprietarie a base biologica, materie plastiche sostenibili che vengono utilizzati come sostituti per la plastica tradizionale in tutti i principali processi di conversione – come lo stampaggio ad iniezione, termoformatura, soffiaggio ed estrusione – a una struttura di prezzo competitiva con le materie plastiche tradizionali. All’avanguardia di sviluppo materiale bioplastica, Cereplast adesso offre resine per soddisfare una varietà di esigenze dei clienti. ® resine Cereplast compostabili sono ideali per applicazioni monouso dove l’alta contenuti provenienti da fonti rinnovabili e la compostabilità sono vantaggiosi, soprattutto nel settore della ristorazione. Sustainables Cereplast ® combinano alto contenuto di resine provenienti da fonti rinnovabili con la durevolezza e la resistenza della plastica tradizionale, che li rende ideali per applicazioni in settori come l’elettronica di consumo automotive e imballaggio. Per saperne di più a http://www.cereplast.com. Si può anche visitare le pagine di Cereplast di social networking a Facebook.com / Cereplast, Twitter.com / Cereplast, Youtube.com / Cereplastinc e Stocktwits.com / simbolo / CERP. La Cereplast, il logo Inc. sono disponibili sul http://www.globenewswire.com/newsroom/prs/?pkgid=9567.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il packaging si ricicla con la sovrastampa per battere la crisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 gennaio 2012

I prezzi di petrolio e materie prime aumentano e le aziende non possono permettersi sprechi Rotoprint recupera imballaggi vecchi o sbagliati e nel 2010 ha salvato 18mila km di materiale Chilometri e chilometri di imballaggi nuovi ma inutilizzabili. È con questa realtà che devono fare i conti moltissime aziende, alle prese con errori di stampa, normative che impongono aggiornamenti sulle etichette, grafiche da rinnovare continuamente. «Un tempo, forse, si buttavano via più a cuor leggero: gli imballaggi in magazzino non vanno più bene? Al macero, e produciamone di nuovi. Ma oggi, con la crisi che morde e l’attenzione all’ambiente che per fortuna si sta diffondendo, sarebbe follia». Parola di Gian Carlo Arici, titolare di Rotoprint Sovrastampa, azienda di Lainate (MI) che grazie a un procedimento unico in Italia si è specializzata nel dare una nuova vita agli imballaggi già stampati. «Con l’aumento dei prezzi di petrolio, materie prime, trasporto e smaltimento, le aziende devono stare sempre più attente alla gestione delle scorte -continua Arici-. Ma nel mondo dell’imballaggio una nuova legge o un cambio di strategia di marketing imposto dall’azienda possono far sì che metri e metri di materiale nuovo e perfettamente utilizzabile diventino improvvisamente obsoleti. Per non parlare degli errori di stampa, a cui è difficile rimediare». Difficile, ma non impossibile. È un’esclusiva di Rotoprint lo speciale sistema di sovrastampa a registro in Rotocalco che consente di intervenire con precisione millimetrica su ogni tipo di packaging. Una tecnologia frutto dell’ingegno del fondatore Gian Carlo Arici, che oltre quarant’anni fa ha modificato le macchine rotative per venire incontro ai clienti alle prese con materiale difettoso o non più adeguato alle loro esigenze. «Allungare il ciclo di vita degli imballaggi porta alle aziende un risparmio significativo -continua Arici-. Non sono costrette a produrre nuovo materiale ed evitano i costi di stoccaggio e di smaltimento in discarica. Inutile dire che questo ha effetti positivi anche sull’ambiente, soprattutto in termini di risparmio di emissioni di CO2». Basti pensare che solo nel 2010 sono arrivati a Rotoprint, pronti a iniziare la loro nuova vita, oltre 18mila chilometri di materiali accoppiati in bobina, come dire un viaggio di andata e ritorno fra Milano e Rio de Janeiro. «Forse la crisi economica -conclude Arici- sarà anche l’occasione per pensare a quanti sprechi inutili si potrebbero evitare con un po’ di attenzione e di creatività». Un impegno per l’ambiente riconosciuto anche dalla E.R.A (European Rotogravure Association), che ha conferito a Rotoprint Sovrastampa l’Innovation Award 2011.
Rotoprint Sovrastampa S.r.l. Nata nel 1978 a Lainate (MI), Rotoprint Sovrastampa è specializzata nel modificare imballaggi già stampati, siano essi in formati (tetrarex, combiblok, elopak, scatole microonda, astucci, blister, cluster) o in bobina con supporto mono o pluristrato (alluminio, carta, poliammide, polietilene, polipropilene, poliestere, sleeves, tetrapak). Rotoprint Sovrastampa è una Società con Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001: 2008 e per il suo Procedimento Brevettato ha vinto l’Oscar dell’Imballaggio 1993 (conferito dall’Istituto Italiano Imballaggio). http://www.rotoprint.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riciclo della plastica

Posted by fidest press agency su martedì, 25 gennaio 2011

A conti fatti, nel 2010 la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggi in plastica in Toscana arriverà a sfiorare le 40.000 tonnellate, con una crescita rispetto al 2009 del17% e una contribuzione economica da parte di COREPLA a Comuni ed operatori di raccolta toscani a copertura dei maggiori costi sostenuti per lo svolgimento dei servizi stimabile in circa 10.000.000 di Euro. Un risultato importante, che cade in un momento di forte richiesta di imballaggi in plastica selezionati a valle della raccolta differenziata (bottiglie, flaconi, film) da parte dell’industria del riciclo, che compra da COREPLA i semilavorati tramite aste telematiche e li trasforma in nuove materie prime.
Una quota significativa della raccolta, tuttavia, costituita da plastiche miste molto eterogenee o di piccole dimensioni (il 15/20% del totale), fatica a trovare collocazione sul mercato del riciclo, per cui è necessario sviluppare la ricerca di nuove applicazioni ed interventi di incentivazione non assistenziali. In questa ottica si inserisce il nuovo accordo sottoscritto oggi dalla Regione Toscana con COREPLA,  Revet SpA, Pont-Tech, ANCI e ANCI Toscana, specifico per la filiera regionale del riciclo delle plastiche miste da raccolta differenziata, insieme ad uno di carattere generale con il Consorzio Nazionale Imballaggi CONAI e ad uno dedicato alla filiera del vetro. Questo nuovo accordo sviluppa una collaborazione già molto viva grazie ad un primo protocollo firmato da COREPLA, Regione e Revet un anno fa, che ha  dato come suoi primi fruttuosi esiti le componenti per scooter e le barriere fonoassorbenti presentate nel mese di novembre dello scorso anno e realizzate con “plasmix” rispettivamente per Piaggio e per la Società Autostrada Toscana.
La Regione destinerà  il 15% del gettito dell’ecotassa sui conferimenti in discarica, stimabile in un milione di Euro, al finanziamento di acquisti di manufatti in plastica riciclata da parte dei comuni (principalmente arredo urbano), mentre COREPLA e Revet si impegneranno per sviluppare ulteriormente la ricerca sui filoni di applicazione delle plastiche miste già individuati ed avvivati (arredi per esterni, pannelli fonoassorbenti, profilati cavi per prefabbricati, componentistica per auto motive, pallet), oltre che per attivare nuove iniziative nel settore “consumer” degli articoli casalinghi (secchi, scope, spazzoloni, ecc.), che potranno godere anche di un finanziamento di circa 75.000 Euro da parte della Regione Toscana.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifiuti di legno avviati al recupero

Posted by fidest press agency su martedì, 10 agosto 2010

La fotografia del sistema Rilegno mostra una continua crescita della raccolta dei rifiuti legnosi (sia imballaggi che rifiuti domestici). Il totale di legno recuperato in gestione diretta dal Consorzio è pari a 1.814.940 tonnellate, con una variazione di un più 12,4% rispetto all’anno precedente. Di questi, il 52,9% sono rifiuti di imballaggio (pallet, cassette ortofrutticole, imballaggi industriali), per un totale di 960.205 tonnellate (+15,7% rispetto al 2008).  Imballaggi: recupero ben oltre gli obiettivi fissati dalla legge Nel 2009 in Italia sono state recuperate complessivamente (sia dalla gestione Rilegno sia da soggetti terzi) 1.739.205 tonnellate di rifiuti da imballaggio in legno, pari al 60,82% sul totale di imballaggi in legno circolanti sul territorio nazionale nel 2007 (2.859.574 ton.), superando abbondantemente gli obiettivi fissati dal Testo Unico Ambientale (fissati al 35%). Nel dettaglio, il valore complessivo di rifiuti da imballaggio recuperati è dato da: 1.225.205 tonnellate avviate al riciclo meccanico a materia prima (di cui 960.205 ton. raccolte direttamente da Rilegno e 265000 ton. da altri soggetti operanti nell’industria del riciclo); 300.000 tonnellate dalla rigenerazione di pallet riparati, 14.000 tonnellate avviate al compostaggio e 200.000 avviate al recupero energetico.
Rilegno è il Consorzio Nazionale che coordina e promuove la raccolta, il recupero e il riciclo dei rifiuti di imballaggio di legno (pallet, cassette per l’ortofrutta, imballaggi industriali). Rilegno è un consorzio composto da oltre 2.300 consorziati, tra produttori di imballaggi di legno, importatori di materiale legnoso, imprese che riciclano il legno. E’•Aderente a CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno su imballaggi di legno

Posted by fidest press agency su domenica, 2 maggio 2010

Milano 7  maggio 2010, dalle 14 alle 17,30 Xylexpo, Fiera Milano – Rho Sala Sagittarius, Centro Congressi Stella Polare Ambiente, sicurezza, mercato: tre parole chiave al centro del quarto Convegno Nazionale del settore degli imballaggi in legno promosso da Rilegno, il consorzio nazionale che coordina e promuove raccolta, recupero e riciclaggio degli imballaggi in legno (pallet, cassette per la frutta, imballaggi industriali) e dal Consorzio Servizi Legno-Sughero. L‘incontro rappresenta un importante momento di riflessione sull’andamento del settore, e già nelle scorse edizioni (a Verona, Milano e Roma) è risultato particolarmente apprezzato dai numerosi partecipanti, produttori di imballaggi in legno e operatori del settore logistica provenienti da tutta Italia. Gli interventi in programma toccano diversi aspetti del comparso riconducibili alle tre parole chiave scelte, ambiente, mercato, sicurezza: si parlerà del trend del riciclo dei rifiuti di legno, dello studio del ciclo di vita (LCA) del sistema Epal svolto dal Politecnico di Milano, dei risultati di una ricerca sul trattamento termico ISPM 15 condotta da CNR e Università di Torino, del mercato nazionale e internazionale del legno per imballaggi, del marchio di qualità per gli imballaggi ortofrutticoli, della filiera degli imballaggi nelle regioni del Sud, dell’utilizzo di imballaggi industriali nei porti, di certificazione della portata con il modello PalOk.  Non mancherà infine la presentazione della rivista Imballaggi & Riciclo, nuovo organo di informazione per l’intero settore degli imballaggi in legno, e il primo Dossier dell’Imballaggio realizzato da Rilegno e Conlegno. La partecipazione al convegno è gratuita, ma la prenotazione è obbligatoria (Rilegno, tel. 0547 672946)Il convegno è organizzato in collaborazione con: Assoimballaggi, Federlegno-Arredo, Confartigianato Legno Arredo, CNA Unione Produzione Legno Arredo, UNITAL Unione Industrie Italiane Arredi Legno.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno su imballaggi di legno

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 marzo 2009

Roma venerdì 3 aprile 2009 Centro Congressi Frentani – via dei Frentani 4Terzo convegno nazionale degli imballaggi di legno  Per il terzo anno consecutivo Rilegno, in collaborazione con il Consorzio Servizi Legno Sughero, chiama a raccolta tutti gli operatori del settore degli imballaggi in legno (pallet, cassette per la frutta, imballaggi industriali). Tema di quest’anno Dalla teoria alla pratica,  per riflettere sullo stato attuale e sulle prospettive future del comparto Il mondo degli imballaggi in legno si dà appuntamento a Roma per il terzo Convegno Nazionale del settore, promosso da Rilegno, il consorzio nazionale che coordina e promuove raccolta recupero e riciclaggio degli imballaggi in legno (pallet, cassette per la frutta, imballaggi industriali) e dal Consorzio Servizi Legno-Sughero. Dopo la prima edizione del convegno a Verona nel 2007 e la seconda a Milano nel 2008, l’appuntamento si rinnova a Roma, venerdì 3 aprile, al Centro Congressi Frentani in via dei Frentani 4, dalle 10 alle 17. L‘incontro rappresenta un importante momento di riflessione sull’andamento del settore, e già negli anni passati è risultato particolarmente apprezzato dai numerosi partecipanti, produttori di imballaggi in legno e operatori del settore logistica provenienti da tutta Italia. Il convegno si sviluppa quest’anno secondo una modalità che viene incontro alle richieste pressanti degli operatori.  Dopo la mattina densa di un ricco programma di interventi sui diversi aspetti del comparto (il mercato del legno, il recupero dei rifiuti di legno, le prestazioni dei pallet l’idoneità igienico sanitaria delle cassette, il ruolo degli imballaggi industriali nella logistica, l’aggiornamento sulla legislazione per le imprese), il pomeriggio sarà riservato a una tavola rotonda di confronto tra gli operatori, occasione di dibattito e momento indispensabile per sviscerare le criticità del sistema e confrontarsi in modo diretto e costruttivo. La partecipazione al convegno è gratuita, ma la prenotazione è obbligatoria. Segreteria organizzativa: Consorzio Servizi Legno-Sughero, Tel. 02 80604377. Il convegno è organizzato in collaborazione con: CNA Unione Produzione Legno Arredo, UNITAL Unione Industrie Italiane Arredi Legno, Confartigianato Legno Arredo, Assoimballaggi Federlegno-Arredo. Partner tecnico: CRIL Centro Ricerche Imballaggi Legno e Logistica. Media partner: E-Pack, Rimagazine.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »