Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘imbattibile’

L’imbattibile Presidente

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 marzo 2011

Da diciassette anni a questa parte dobbiamo prendere, alla fine, atto che ci troviamo al cospetto di un invincibile. Non ci hanno potuto le procure e i tribunali, non ci hanno potuto i partiti delle opposizioni e persino l’opposizione interna, non ci hanno potuto gli scandali supposti o reali delle escort, delle minorenni, del bunga bunga tanto che i bookmaker internazionali  con  Victor Chandler in testa danno per scontato che il presidente verrà assolto con formula piena al processo che lo attende, se pure si celebrerà. Persino il ripudiato amico libico al quale per riverenza gli ha fatto il baciamano, gli procura un inaspettato interesse internazionale e non lo mette nell’imbarazzo nemmeno il fatto che dopo il tanto dire che il trattato di amicizia con Gheddafi è sospeso per mancanza di un interlocutore ora si ritrova con un Gheddafi pimpante e che reclama il rispetto dell’Italia al trattato firmato con tanto clamore mediatico. Insomma tutto gli si può dire anche quando i pronostici, per sua ammissione, segnalano che il 49% degli italiani lo odia: tanti nemici tanto onore. Da qualche parte lo abbiamo sentito e ora questa memoria ripescata vale pure qualcosa per il nostro personaggio. Non c’è cronaca che riesce a fare a meno del suo nome: è rosa, gialla, nera, tricolore e quanto altro. In tutte le salse ritroviamo il suo nome. I politici si stracciano le vesti pur di parlare di lui. Nel bene e nel male, ma ne parlano. Tutto il mondo lo conosce e ci sorride. Cosa vogliamo di più? Persino chi lo odia al 49% sa bene che l’odio è l’opposto dell’amore e a volte si odia per troppo amore. Deve essere così se nel segreto delle urne l’odio, non tutto, ma buona parte di esso si trasforma in amore, quasi sviscerato. Si dice che la sua politica è quella di dividere gli italiani quando parla bene della scuola privata e dileggia quella pubblica, ma alla fine sono i giornalisti duri d’orecchio: lui voleva dire qualcosa d’altro ed è stato frainteso. Romiti interpellato in una trasmissione di Otto e mezzo da Lilly Gruber su quali possono essere i meriti di Berlusconi. E lui di rimando: è quello di essere riuscito quasi dal nulla a creare un grosso impero ora da palazzinaro ed ora da patron di televisioni ed è stata tanta la sua abilità, aggiungiamo noi, che è partito con tre televisioni ed ora se ne ritrova sei con le tre del servizio pubblico praticamente alle sue dipendenze e per queste ultime senza tirar fuori nemmeno un centesimo di euro. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »