Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘immagini’

Steven Spielberg: Immagini dal futuro

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 dicembre 2018

Roma domenica 16 dicembre 2018 ore 18 Teatro Palladium Fondazione Roma Tre Piazza Bartolomeo Romano, 8 show conference di Patrizia Genovesi. “Sogno per vivere”: da questo aforisma di Steven Spielberg, maestro del cinema creatore di immagini memorabili che si sono impresse nel corso dei suoi 50 anni di carriera nel nostro subconscio collettivo, la speaker e docente Patrizia Genovesi ha costruito un itinerario multimediale sulla sua vita, opere ed idee che svilupperà in forma di autentico “show-conference” domenica 16 dicembre alle ore 18 al Teatro Palladium di Roma.
Steven Spielberg, immagini dal futuro è dedicato in particolar modo al suo percorso tecnico, alla sua vicenda personale e artistica, alla sua tecnica rivoluzionaria, al suo grande talento come sceneggiatore e regista. Dai valori espressi attraverso un linguaggio inconfondibile, ma in ogni opera sorprendente, allo stile fotografico e all’uso innovativo della luce e del colore, molteplici saranno i temi trattati attraverso il racconto di opere, tra cui A.I., Lincoln, Schindler’s List, Salvate il Soldato Ryan, Minority Report e molti altri.
Il confronto tra Scienza e Fantascienza, Predestinazione e Libertà, Fantastico e Sogno, ma anche l’atto creativo, l’osare avventuroso e il rischio: tutti frammenti di una biografia unica nel suo genere che Patrizia Genovesi, attiva da anni in eventi sinergici tra la fotografia ed altri linguaggi di espressione artistica, dipanerà ritmicamente tra vicenda personale del regista, percorso artistico e specifiche produzioni.
Un format “edu-tainment” atto a mescolare lo stile didattico allo spettacolo, rivolto ad un pubblico multigenerazionale, sia esso cresciuto a “pane e Spielberg” sia esso curioso di scoprire i lati più reconditi e appassionanti di un uomo e artista innamorato della vita e della fantasia che da essa scaturisce.
Patrizia Genovesi è conosciuta al grande pubblico per i ritratti fotografici dei vincitori di premi Nobel, pubblicati dalla stessa Nobel Prize nel proprio sito ufficiale, e che hanno fatto il giro del mondo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra 105 immagini in bianco e nero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 giugno 2018

Bard (Ao) Dal 17 giugno al 21 ottobre 2018 la mostra Landscapes realizzata dal Forte di Bard in collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, presenta 105 immagini in bianco e nero, personalmente selezionate da Henri Cartier-Bresson, scattate tra gli anni Trenta e gli anni Novanta fra Europa, Asia e America.
Ciascuna fotografia è rappresentazione di quell’istante decisivo che per il maestro è il “riconoscimento immediato, nella frazione di un secondo, del significato di un fatto e, contemporaneamente, della rigorosa organizzazione della forma che esprime quel fatto”.
Sebbene in alcune foto compaiano anche delle persone, l’attenzione dell’autore è concentrata in modo particolare sull’ambiente, tanto che si può parlare di Paesaggio della Natura e Paesaggio dell’Uomo. Le immagini in bianco e nero di colui che è stato denominato l'”occhio del secolo”, sono raggruppate per tema: alberi, neve, nebbia, sabbia, tetti, risaie, treni, scale, ombra, pendenze e corsi d’acqua. A proporre una “promenade” tra paesaggi urbani e paesaggi rurali.
Sono immagini che riflettono il rigore e il talento di Henri Cartier-Bresson che in esse ha saputo cogliere momenti e aspetti emblematici della natura. Spesso immortalando la perfetta armonia tra le linee e le geometrie delle immagini. Armonia perfetta e serena, ad offrire una interpretazione naturale, calma e bella di un secolo, il ventesimo, per altri versi magmatico e drammaticamente complesso. Nato nel 1908 a Chenteloup, Seine-et-Marne, Cartier-Bresson fu co-fondatore nel 1947 della celebre agenzia Magnum ed è una figura diventata mitica nella storia della fotografia del Novecento. Dopo gli studi di pittura, la frequentazione degli ambienti surrealisti e dopo l’esperienza in campo cinematografico al fianco di Jean Renoir, nel 1931, in seguito a un viaggio in Africa, decide di dedicarsi completamente alla fotografia.
Da Città del Messico a New York, dall’India di Gandhi alla Cuba di Fidel Castro, dalla Cina ormai comunista all’Unione Sovietica degli anni cinquanta: HCB percorre la storia del secolo breve con la fedele Leica al collo, scegliendo con cura il punto di ripresa, cogliendo il “momento decisivo” e dando vita a immagini ormai entrate nell’immaginario comune e che gli sono valse l’appellativo di “occhio del secolo” .www.fortedibard.it
Orari martedì-venerdì: 10.00-18.00 Sabato, domenica e festivi: 10.00-19.00 Aperta tutti i giorni dal 23 luglio al 2 settembre 10.00-19.30. Tariffe Intero: 8,00 euro Ridotto: 7,00 euro Ragazzi 6-18 anni: 5,00 euro 0-5 anni: gratuito.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Roma che piace al turista

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2018

La bellezza di Roma sta nella sua storia antica. Il suo centro storico è ricco di opere che ci richiamano a un passato che ha riempito intere pagine di immagini e di racconti che partono dal mito e si concretizzano nella sua avventura di città che può raccontare momenti di grandezza e di follia, di gioie e di dolori, di debolezze, tutte umane, e di esaltazioni. Ma è anche una città che da diversi anni a questa parte ha trascurato il suo look e ora mostra di se anche aspetti poco edificanti. Non vogliamo parlare dei vandali che un tempo l’hanno saccheggiata e messa a ferro e fuoco e nemmeno dei contemporanei che si sono dedicati a una forma diversa ma anche più raffinata di vandalismo con l’uso di risorse male impiegate o dirottate a vantaggio di interessi partigiani o a ruberie. Ora se il turista percorre le stradine del foro romano con qualche inciampo di troppo forse si sente con quella stessa atmosfera se cammina per le strade del centro con buche stradali e la pavimentazione dei marciapiedi sconnessa. Di certo non è un bel vedere o per meglio dire camminare o essere alla guida di un’auto o di una moto o bicicletta che sia. Noi conversando con un consigliere comunale dello stesso movimento della sindaca ci ha precisato che le casse del comune sono vuote mentre per mettere mano ai lavori e a farli bene, tenendo in considerazione l’intera viabilità urbana, sono necessari non meno di 350 milioni di euro. Una cifra enorme e irraggiungibile. Ma ci sarebbe un’alternativa proprio pensando ai turisti più danarosi. Perché, mi dice, non si tenta questa strada? Per renderla allettante si potrebbe aprire un fondo internazionale e i donatori potrebbero adottare una via o un marciapiede romano lasciando il loro nome sull’asfalto a memoria dei contributi elargiti. Sarebbe, se non altro, un’idea d’approfondire. Di certo qualcosa va fatto di là delle pezze per coprire le buche e i lavori appena rabberciati che finiscono con l’essere vanificati con la prima pioggia. (redazione Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parole e Immagini in Omaggio a Remo Pagnanelli

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

Silvio CraiaCarlo IacomucciMacerata Inaugurata la preziosa mostra alla Biblioteca Comunale Mozzi-Borgetti di Macerata, piazza san Giovanni con “I colori della poesia in mostra- IO, REMO”. 15 artisti invitati che hanno magistralmente illustrato le poesie del poeta Remo Pagnanelli (Macerata, 6 maggio 1955 – Macerata, 22 novembre 1987).Una mostra ben curata in particolar modo nell’allestimento, un ringraziamento va all’Associazione culturale”Remo Pagnanelli” con la collaborazione di Art Club Studio.Sono intervenuti: Roberto Cresti, Guido Garufi ,Stefania Monteverde, Sabina Pagnanelli, Domenico Sirocchi, Daniele Taddei.Una mostra davvero significativa dove 15 Artisti interpretano e rappresentano il pensiero di REMO PAGNANELLI per non dimenticarlo ricordandone tutta la sua sensibilità, curiosità e spiritualità. 15 Artisti dai linguaggi diversi, dai percorsi diversi, dai supporti diversi, dalle tecniche diverse, dai pensieri diversi, ebbene tutte queste differenze fanno di questa mostra un raro esempio di sapienza e di creatività che albergano del territorio. Il territorio non sempre è generoso con gli Artisti, spesso non agevola il percorso ed il riconoscimento, ma in questa mostra, in questo incontro magico tra poesia e arte visiva si è raggiunto un risultato encomiabile , destinato a far parlare di se anche in ambiti nazionali, ancora una volto lo stare assieme ritorna premiante, alimentando l’entusiasmo e la passione, alla base di ogni manifestazione artistica. (foto: Silvio Craia, Carlo Iacomucci)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cuore e diagnostica per immagini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 gennaio 2018

cuorePisa dal 25 al 27 gennaio 2018 Polo Didattico Fibonacci – Università degli Studi di Pisa, Aula Magna Fratelli Pontecorvo, Largo Bruno Pontecorvo. Ecocardiografia, risonanza magnetica e TAC cardiaca sono tra i principali test di diagnostica per immagini oggi ben conosciuti dalla maggioranza della popolazione. Negli ultimi decenni la diagnostica per immagini non invasiva ha assunto un ruolo sempre più importante nella diagnosi e nella valutazione delle patologie cardiovascolari, contribuendo a individuare le migliori decisioni cliniche e guidando i medici nelle strategie farmacologiche e mediche più efficaci. «Si tratta di un settore della medicina in costante evoluzione, soprattutto tecnologica. In particolare diventa sempre più rilevante un approccio multimodale, comprendente non soltanto l’ecocardiografia, ma anche altri esami come la PET-TAC, per una migliore caratterizzazione dei meccanismi cardiaci e delle possibili disfunzioni, approccio che offre un’opportunità unica per valutare le dinamiche cardiache con tecniche non invasive» spiega Vitantonio Di Bello, professore di Cardiologia all’Università degli Studi di Pisa e presidente del Simposio “Translational Non-invasive Cardiovascular Imaging” in programma dal 25 al 27 gennaio a Pisa e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini. «In questo simposio sarà presentato un nuovo approccio globale della diagnostica cardiaca per immagini, dalla biologia alla pratica clinica. Sarà in particolare l’occasione per parlare di cardiologia translazionale, che si basa sulla capacità di trasferire in modo rapido nuove conoscenze dalla scienza di base a quella biomedica, ovvero dal laboratorio direttamente alla clinica, in modo da generare applicazioni diagnostiche e terapeutiche avanzate, offrendo nel contempo nuovi strumenti di indagine» prosegue Di Bello. Il simposio tratterà di patologie cardiocircolatorie come l’ischemia, la stenosi a ortica valvolare, lo scompenso cardiaco, le vasculiti, le trombosi, associando a ogni patologia le modalità di imaging più appropriate.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quando le immagini e gli scritti ricordano il passato

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 settembre 2017

Dux-1“Sono contrario all’abbattimento di monumenti, ma l’abrasione della scritta è una cosa che è stata fatta in Italia in tanti posti. L’abrasione della sola scritta è giusta”. Così Emanuele Fiano, onorevole del Pd e promotore della legge sull’apologia del fascismo, ha risposto alla domanda di Luca Telese a 24Mattino su Radio 24 sulla proposta di abradere la scritta ‘Mussolini dux’ sull’obelisco del Foro Italico a Roma.
Su Predappio Fiano ha poi spiegato: “Accoglierei la proposta del sindaco di Predappio che, al posto di quei negozi, ha proposto l’istituzione di un museo storico anche in quella città che ovviamente ha un legame con la figura di Mussolini, un museo di spiegazione di cosa è stato il fascismo, di tutto il percorso della sua storia, di ciò che ha prodotto, causato, di ciò di cui è colpevole. In Germania ci sono esempi di musei legati alla storia del nazismo che insegnano alle nuove generazioni o anche a quelle vecchie esattamente tutto quello che è successo. Raccontare, spiegare anche introdursi nelle contraddizioni di un pezzo di storia è giusto senza infingimenti”. Telese ha poi chiesto se il vino Dux è un gadget che fa propaganda al fascismo e Fiano ha risposto: “Ci sono casi in cui questo è oggetto di propaganda, ci sono vetrine in Italia in cui viene propagandata l’ideologia fascista e in più c’è la bottiglia con l’effige di Benito Mussolini o di Hitler e altri casi in cui è un esercizio di collezione privata. Rifacendo l’esempio della Germania, in Germania è reato vendere oggetti con quelle effigi e nessuno se ne scandalizza. Il problema della legge è la propaganda non l’opinione, bisogna esercitare l’atto di propaganda”. (foto: dux)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovanni Scarafile: “Etica delle immagini”

Posted by fidest press agency su domenica, 19 marzo 2017

etica immaginipp. 160, € 16,00 novità di Morcelliana – Els La scuola. Un’immagine, talvolta, è capace di dire più di molte parole: ha in sé un potere “significante”, che pertiene all’ambito di comunicazione suo proprio. Un linguaggio che permette anche di fare l’esperienza del “valore”. Interrogarsi sulle possibilità e sui limiti di questo linguaggio porta a fare i conti, per esempio, con la sua “oggettività” e con il ruolo dello “spettatore”.
In tale prospettiva, esplorata nel volume con approccio interdisciplinare facendo dialogare fra loro diversi saperi ed esperienze visive, viene delineato il senso di un’“etica delle immagini”, come loro destinazione e presupposto, che invita appunto la filosofia a una riflessione non solo estetica ma morale. Un senso delle immagini che affiora in queste pagine seguendo l’andamento della pratica filosofica, dove all’esercizio del concetto è complementare la parola – dei classici, commentati – e la visione, che diviene emblematica nel confronto istituito fra Lord Chandos e Johannes, i due protagonisti delle opere di Hugo von Hofmannsthal e Kay Munk. (foto copertina: etica immagini)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ejzenštejn: la rivoluzione delle immagini

Posted by fidest press agency su sabato, 4 marzo 2017

Firenze 7 novembre 2017 – 7 gennaio 2018 Uffizi, Sala Edoardo Detti In occasione del centenario della Grande rivoluzione socialista in Russia a cura di Marzia Faietti, Gianluca Farinelli, Pierluca Nardoni ed Eike Schmidt. La rivoluzione narrativa del montaggio cinematografico sviluppato da Sergej Ejzenštejn ha influenzato i mezzi espressivi del Novecento fino ad oggi come poche altre innovazioni. La mostra, organizzata in collaborazione con il Museo Puškin di Mosca e la Cineteca Comunale di Bologna, ripercorre le ricerche di linguaggio e la riflessione visiva del grande regista e teorico del cinema in base ai sui disegni, che dimostrano una particolare attenzione per l’arte del rinascimento italiano.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il giornalismo: un’arte fatta di informazione e immagini

Posted by fidest press agency su martedì, 21 febbraio 2017

GiornalistiQuali devono essere le competenze del giornalista moderno? Curiosità, resilienza e pensiero critico fanno sicuramente parte di quelle abilità consolidate e necessarie per coloro che fanno dell’informazione un mestiere. Tuttavia, il nuovo mondo della comunicazione, sempre più digitale e legato ai social media, rende impellente e inevitabile la necessità di ampliare le competenze dei giovani giornalisti. Quest’ultimi infatti devono saper realizzare live blog, gallery fotografiche e video racconti per riuscire a cogliere l’attenzione del lettore e dar nuova forza ai propri messaggi.Canon Italia si impegna al fianco di una delle più accreditate scuole di giornalismo italiane, la Scuola Superiore di Giornalismo dell’Università LUISS di Roma, mettendo a disposizione le proprie tecnologie e competenze in ambito di imaging, per supportare i giovani talenti nel loro percorso di formazione. La collaborazione nata fra Canon e La Scuola, nasce dalla volontà di migliorare e ampliare la conoscenza dei futuri reporter in ambito di comunicazione visiva e con l’intento di fornire loro gli strumenti per sfruttare a pieno il linguaggio universale delle immagini.La direzione del progetto presso l’Università LUISS è affidata a Roberto Cotroneo – giornalista, scrittore e fotografo italiano – che, insieme a Canon, offrirà agli studenti del Corso di Giornalismo un approfondimento dedicato al mondo della fotografia. L’esperienza e i preziosi insegnamenti dello scrittore si uniscono alla qualità delle macchine fotografiche Canon, messe a disposizione degli studenti per scoprire il mondo del fotogiornalismo e apprendere le tecniche di narrazione attraverso le immagini.Inoltre, in qualità di “Academy Partner Didattico”, Canon organizzerà insieme alla Scuola di Giornalismo dei seminari dedicati all’uso della strumentazione fotografica e non solo, mettendo così a disposizione dei giovani giornalisti tutte le migliori competenze in ambito di imaging.
Roberto Cotroneo racconta: “Da ormai dieci anni dirigo la Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss Guido Carli a Roma. E in questi dieci anni ho visto crescere il rapporto tra giornalismo e fotografia come mai era stato prima. Anzi, più di una crescita parlerei di una vera e propria rinascita. Con i nuovi mezzi e le nuove tecnologie digitali lo sguardo dei giornalisti, degli allievi della mia scuola, può realizzarsi in una maniera nuova e più efficace. E con il progredire delle tecnologie, dello spazio del web, la possibilità di pubblicare reportage e di utilizzare l’immagine per raccontare è sempre più forte. Era dunque nelle cose che Canon Italia e Scuola di Giornalismo Luiss potessero trovare un punto di incontro, di interazione e di collaborazione. Si tratta di creare una nuova sensibilità fotografica nei giornalisti. Un nuovo modo di scattare e di raccontare le cose. Con il know how di Canon con la passione e le competenze dei ragazzi tutto questo porterà lontano”.
“Nel corso del 2016, sono state varie le attività che hanno visto Canon sostenere progetti per stimolare l’interesse e la sensibilità verso il fotogiornalismo”, afferma Paolo Tedeschi, Corporate Communication Senior Manager di Canon Italia “dall’iniziativa con Reuters e il fotoreporter Siegfried Modola che ha raccontato il fenomeno dell’emigrazione di un paese del Centro Italia, fino al progetto di responsabilità sociale “Scatta la Notizia” ad alto valore formativo e orientativo con gli studenti di un istituto superiore in provincia di Napoli.
Nel 2017, anno di numerose celebrazioni per Canon Italia, proseguiamo il percorso intrapreso, annunciando come prima iniziativa di prestigio, la collaborazione con la Scuola Superiore di Giornalismo della LUISS, in quanto siamo certi che ci consentirà di esprimere la nostra volontà e attenzione nel sostenere i giovani talenti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce “Cinema Verità”

Posted by fidest press agency su sabato, 28 gennaio 2017

mimmo-caloprestiE’ una nuova piattaforma di streaming gratuito, a cura del regista Mimmo Calopresti in veste di direttore editoriale e di Gianluca Curti, Presidente della Minerva Pictures, come editore. La piattaforma sarà una commistione fra informazione e cinema e prende il via oggi, Giornata della Memoria. Verrà inaugurata con il documentario Volevo solo vivere, di Mimmo Calopresti, presentato fuori concorso al 59° Festival di Cannes e prodotto da Steven Spielberg. “Ho sempre pensato che la memoria si colleghi inevitabilmente alla verità“ ha spiegato Calopresti all’incontro di presentazione del progetto, ieri pomeriggio alla Casa del Cinema di Roma. “Quando ho girato il mio documentario 11 anni fa, all’inizio ero tentato di stare lontano da tutte quelle testimonianze e da quelle immagini. Ma poi mi sono convinto, è diventata una missione, perché la maggior parte delle vittime dei campi quando tornavano non raccontavano nulla poiché erano convinti che nessuno avrebbe creduto a ciò che dicevano. Il punto è che affermare una verità di questo tipo non è mai facile. Da qui l’importanza del cinema verità e la rete, se ben usata, è uno strumento utilissimo a questi fini. Sarà un modo per raccontare storie che spesso rimangono nascoste”. (foto: Mimmo Calopresti)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donatella Versace: Un racconto per immagini intimo e personale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2016

donatella-versaceDiventata direttore artistico della maison nel 1997, dopo la tragica perdita del fratello Gianni, l’enigmatica figura di Donatella Versace ha da allora catapultato il brand nel futuro. Questo libro racconta e illustra l’interpretazione che Donatella ha dato di Versace e ripercorre il suo straordinario lavoro di cura e definizione dell’identità della maison attraverso il ventunesimo secolo. Il libro scritto da Donatella Versace con Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi Contributi di Tim Blanks, Ingrid Sischy e altri, fotografa il presente di Versace e il suo archivio storico, dalle passerelle agli scatti backstage fino a raccontare i segreti di Atelier Versace. VERSACE è accompagnato da contributi scritti da alcune delle voci più autorevoli del mondo della moda. Il libro raccoglie foto di Richard Avedon, Steven Meisel e Mario Testino, per citarne alcuni; le immagini di supermodelle come Christy Turlington, Naomi Campbell e Linda Evangelista; questo volume racconta l’energia magnetica, il lusso e il fascino che definiscono Versace.
G Donatella Versace è direttore artistico e vice presidente della Gianni Versace SpA, Maria Luisa Frisa è professoressa alla Università IUAV di Venezia, critica e fashion curator. Stefano Tonchi è direttore di W Magazine. Tim Blanks è editor at large di Business of Fashion, Ingrid Sischy è stata scrittrice, critica e international editor per Vanity Fair e Vogue. Cartonato / 10.5” x 13.5” / 336 pagine / 250 fotografia a colori e in bianco e nero Euro 95 / Rizzoli Data di pubblicazione: Novembre 2016 (foto: donatella versace)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La vita di Cristo in 33 immagini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 agosto 2016

improntaMilano spazio espositivo di Palazzo Lombardia,20 settembre – 31 ottobre 2016. (lunedì – venerdì dalle h. 13.00 alle h.19.00 Ingresso libero) Il progetto è incentrato sulla figura più rappresentata nella pittura occidentale, Gesù, celebrata attraverso un dialogo fra il mondo antico e contemporaneo nelle opere originali o riprodotte di Giovanni della Robbia, Beato Angelico, Zeitblom Bartholomaeus, Francesco Pignatelli e molti altri.
Oltre ad una terracotta invetriata di Giovanni Della Robbia rappresentante il Redentore proveniente dalla Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo, il percorso propone anche delle riproduzioni 1:1 di scene del ciclo dell’Armadio degli Argenti dipinto dal maestro toscano Beato Angelico e dal Baldovinetti, una copia della Madonna con il Bambino del Correggio, il Battesimo di Cristo del Bartholomaeus e diversi altri lavori di pittori italiani e fiamminghi della collezione della Fondazione Cariplo, che si affiancano all’opera in 33 episodi – quanti gli anni della vita di Cristo – realizzata dall’artista visivo contemporaneo Francesco Pignatelli.
Pignatelli ha selezionato e reinterpretato fotograficamente una selezione di capolavori provenienti da musei di tutto il mondo, in prevalenza del XV e XVI secolo, dall’Annunciazione del Beato Angelico alla Pesca Miracolosa di Raffaello, alla Resurrezione di Giovanni Bellini, per raccontare la storia di Gesù, creando un dialogo fra il linguaggio pittorico e fotografico, la visione e la percezione.Il progetto è ideato e sviluppato dall’artista Francesco Pignatelli, con la Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus e Nicoletta Rusconi Art Projects, in collaborazione con la Regione Lombardia e il sostegno della Fondazione Cariplo, ed è accompagnato da un saggio del filosofo Salvatore Natoli e un testo della storica dell’arte Elena Chernyak.Le fotografie raffigurano i momenti più significativi della vita di Gesù, espressione della sua natura umana e non di quella divina, e inducono il visitatore ad avvicinarsi alla sua figura come fonte di ispirazione nella vita quotidiana, lo invitano alla riflessione e alla riscoperta di valori quali l’amore, l’accoglienza, la responsabilità, che accomunano tutti gli uomini, a prescindere da sesso, razza e credo religioso.In questa mostra Gesù viene presentato come uomo tra gli uomini. Compiere un “viaggio” attraverso gli episodi più significativi della sua vita, offre al visitatore l’opportunità di riflettere, mediante la forza e la bellezza delle opere in sé quanto sul suo messaggio di amore universale. Come scrive Salvatore Natoli nel suo saggio, quella di Gesù è “una vita che, almeno nella storia d’Occidente, ha segnato una cesura, ha diviso il tempo – prima di Cristo e dopo Cristo – ma soprattutto ha conferito ad esso senso e meta. Una meta, per taluni, fatta coincidere con la vita venturi saeculi con l’altro mondo e la fine di questo, per altri, più laicamente, come quel magistrale insegnamento su come vivere in questo mondo per viverci bene”.
Il corpus delle 33 immagini realizzate da Francesco Pignatelli con la tecnica di elaborazione di luci e cromie del negativo, segue due percorsi espositivi ben distinti, insieme collegati dalla visione dell’Annunciazione (del Beato Angelico) che è anche l’immagine che apre la mostra.
Seguendo il disegno architettonico della grande sala espositiva al primo piano di Palazzo Lombardia, il progetto espositivo si apre e si divide in due parti. Mentre alla destra dell’Annunciazione troviamo le immagini, in ordine cronologico, che raccontano la nascita, l’infanzia e la crescita spirituale di Gesù, alla sua sinistra è possibile entrare nel mondo dell’Uomo adulto, dove le opere, in ordine sparso, raccontano della sua maturità intellettuale e spirituale fino a culminare nell’immagine della Crocifissione (del Perugino).Al termine di quest’ultima sala, come in un ciclo senza fine, il visitatore può ripercorrere la drammatica scena del Compianto sul Cristo Morto (di Botticelli), e ammirare la celebre immagine del Cristo Morto del Mantegna, fino ad arrivare alla Resurrezione (di Giovanni Bellini), che ricollega la morte alla vita. “Una tomba vuota: al di là di ogni facile buonismo essere cristiani è difficile, ma ciò non toglie che il cristianesimo rappresenti una via per liberare la potenza del divino che è in noi, far sì, come scrive Spinoza, che ogni uomo sia homo homini Deus, un Dio per l’altro uomo. Il che vuol dire riconoscere e rispettare in ogni uomo la sua umanità.” (Salvatore Natoli)
A conclusione del cammino, lo spettatore è introdotto nella terza sezione, dove sono esposte le opere antiche appartenenti alla Fondazione Cariplo e alla Casa Museo Bruschi di Arezzo, e dove viene data importanza alla figura femminile che completa la figura di Cristo Gesù. Le scene della vita di Cristo nel ciclo dell’Armadio degli Argenti e dipinto dal maestro toscano Beato Angelico e dal Baldovinetti e riprodotto in scala 1:1 sono rappresentative perché mostrano il percorso inverso, tipico dell’epoca, di dedicare più attenzione all’aspetto divino che a quello umano.La mostra ‘UOMO’ si pone tre obiettivi principali. La scoperta di Gesù, attraverso gli episodi della sua vita terrena, e come modello di valori da riscoprire e al quale ispirarsi ancora ai nostri giorni.
La necessità di riportare l’uomo al centro, svincolandolo da modelli effimeri imposti dalla nostra società, per puntare su valori quali l’amore verso il prossimo, la responsabilità e la condivisione.
La presentazione ai giovani, a volte poco attratti dall’arte antica, del patrimonio artistico rinascimentale, presentato in chiave contemporanea. Una lettura maggiormente vicino alla nostra sensibilità.Infine, un’opera interattiva dal titolo Permanent Blackboard, raccoglierà le osservazioni dei visitatori: una lavagna su cui essi potranno lasciare un segno in risposta alla domanda “Cosa significa Uomo?”. L’opera rimarrà a testimonianza del percorso interiore intrapreso e quale spunto per un futuro progetto espositivo. (foto: impronta)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nizza: attentato e immagini sui media

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2016

Zombie Splatter“Siamo solidali con il popolo francese e condanniamo con fermezza gli autori della strage. Non ci pieghiamo di fronte a quello che vuole essere un atto per incutere paura e destabilizzazione nel mondo occidentale. Ci auguriamo che gli italiani dispersi non siano tra le vittime di questa follia omicida. Condividiamo l’appello del Ministero degli Interni francese a non pubblicare sui social media contenuti non verificati.
Auspichiamo che presto venga inaugurata una nuova tendenza giornalistica, quella di non trasmettere le immagini più cruente e drammatiche, questo a tutela della privacy delle vittime e per detonare lo schema di propaganda dell’Isis. Il terrorismo ha, infatti, abbracciato il web come un vistoso canale dove promuovere se stesso, intimidire la gente, e radicalizzare le nuove reclute: con la comunicazione e la diffusione del sangue non si fa altro che perpetuare il terrore e moltiplicare il valore mediatico di questi criminali.” Queste le dichiarazioni di Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale del Dipartimento tutela Vittime di Fdi AN, a seguito della strage avvenuta a Nizza nelle scorse ore. (foto: Zombie Splatter)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Milano: Presentazione, consegna reward e incontro con l’autore Matteo Di Giovanni

Posted by fidest press agency su sabato, 18 giugno 2016

Åland IslandsGiulio LimongelliMilano Mercoledì 29 giugno, alle ore 19.00 presso Micamera (via Medardo Rosso 19, Milano), Matteo Di Giovanni incontrerà gli ospiti, gli sponsor e i sostenitori della campagna di crowdfunding, lanciata nel settembre 2015 su Kickstarter, alla quale hanno aderito quasi 300 persone che, con il loro contributo, hanno reso possibile la realizzazione di questo viaggio. Matteo Di Giovanni è infatti un fotografo che, nel 2011, in seguito ad un grave incidente ha subito l’amputazione transfemorale di una gamba. Il suo percorso professionale ha subito un arresto, ma con Reaching the Cape ha voluto e potuto provare a sé stesso che esistono limiti ma non confini, partendo per un’avventura fotografica on the road di due mesi. La serata è l’occasione per l’autore di incontrare e ringraziare chi l’ha sostenuto, con la consegna delle prime stampe del progetto e degli altri reward della campagna. Tutti gli ospiti potranno ascoltare il racconto della sua esperienza, vedere una prima selezione delle immagini realizzate durante il viaggio e acquistare le stampe a prezzo speciale. Sarà così possibile contribuire anche alla realizzazione del libro e della mostra di Reaching the Cape.
New Old Camera è lo storico negozio situato nel cuore di Milano, fondato da Ryuichi Watanabe e da oltre trent’anni punto di riferimento nel panorama fotografico italiano per collezionisti, fotoamatori e fotografi professionisti. (foto: Åland Islands, Giulio Limongelli)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Italia: Immagini e visioni”

Posted by fidest press agency su sabato, 27 febbraio 2016

madridMadrid. Esta es la síntesis de la programación cultural del Instituto Italiano de Cultura de Madrid para el año 2016 y que se presentó el pasado 18 de febrero en el IIC Madrid. Un programa que narra cómo el país de la “Grande Bellezza” es asimismo el país de la belleza cotidiana, de esa continuidad entre arte y vida, entre arte y artesanía, entre cultura, territorio y paisaje, que el resto del mundo nos reconoce desde siempre. Un programa que toma forma en el diálogo constante entre las más importantes realidades culturales españolas e italianas, públicas y privadas, siguiendo la máxima de la colaboración y de la creación conjuntas.IMÁGENES, como por ejemplo:
– las de la innovadora exposición Illustrazione per Ragazzi: Eccellenze italiane, realizada junto con la Feria de Bolonia, la mayor cita internacional del sector, y con la Región de Emilia Romaña.
– las de la gran muestra “Gabriele Basilico. Fotografia dalle Collezioni del MAXXI” de Roma, comisariada para PhotoEspaña por Giovanna Calvenzi y Francesca Fabiani, a partir del 26 de mayo;
-las del Festival de Cine Italiano de Madrid, patrocinado por ENEL Endesa, que en noviembre celebrará su IX edición habiendo alcanzado la cifra de 9000 asistentes en su anterior edición.
IMÁGENES entendidas también como palabras de los escritores italianos contemporáneos. Literatura, escritura y edición son sectores por los que el Instituto Italiano de Cultura apuesta fuerte:
– trayendo a España los principales acontecimientos literarios italianos – desde el Festival Libri Come en abril, al de Pordenonelegge, que mantendrá un diálogo con el Festival de Poesía de Granada de mayo, pasando por el Salone del Libro de Turín, protagonista de la Semana de la Lengua Italiana de octubre.
– participando en las citas relacionadas con el libro y la lectura, desde la Feria del Libro de Málaga, donde Italia es el país invitado de honor, hasta la Noche de Los Libros, pasando por el Festival Gutun Zuria de Bilbao.
– inaugurando el ciclo “E3+ – Encuentros + escritores + editores”, que abre el diálogo entre autores y editores italianos y españoles.
– celebrando los grandes aniversarios literarios como el centenario del nacimiento del escritor de Ferrara Giorgio Bassani (1916- 2016).
Y así, de las IMÁGENES pasamos a las VISIONES, como nexo de unión entre arte, artesanía y ciencia, entre mente, experiencia y cuerpo, de ese “saber hacer” que en el mundo constituye una de las características del Made in Italy y que en la actualidad quiere, cada vez más, contribuir a diseñar un modelo europeo de crecimiento inclusivo.
Un programa, por último, que no se fija solo en España, sino en Europa, con la vista puesta en 2017, fecha en la que el Instituto Italiano de Cultura asumirá la presidencia de EUNIC, la red de los institutos culturales europeos con sede en Madrid.
– desde el diseño, tema fundamental de 2016 en el que el IIC de Madrid colaborará con el Instituto Europeo de Design en el último “proyecto secreto” del gran crítico de arte Gillo Dorfles, con una serie de serigrafías realizadas por los alumnos del IED, que se expondrán durante el mes de abril en el Palacio de Abrantes.
– a la creación de perfumes, con la conferencia de la experta Laura Tonatto, en el ámbito de la colaboración con el Festival “Ellas Crean”, el 11 de marzo;
– pasando por las Estancias de artistas “L’arte che verrà”, que comenzaron precisamente durante la feria de ARCO con el escultor de Turín Paolo Peroni, el 18 de febrero.
– por la colaboración con el festival “Una mirada diferente”, del Centro Drámatico Nacional, que el 22 de mayo acogerá a las escritoras italianas Alessandra Sarchi y Barbara Garlaschelli con el espectáculo “Sex and disabled people”.
– y por las citas del ciclo Suono Italiano Madrid realizado con el patrocinio de Unión Fenosa Gas, y con la colaboración del Comitato Nazionale Italiano Musica – CIDIM.
Un programa, además, que abarcará toda España:
– desde la Comunidad de Madrid, con el Corral de Comedias de Alcalá de Henares, que acogerá a Antonio Tagliarini el 28 de abril;
– hasta Castilla y León con la exposición “Mirada Interior” de Valerio Bispuri en el Palacio Quintanar de Segovia, (del 18/3 al 1/5);
– pasando por Castilla-La Mancha y la Semana de Música Religiosa de Cuenca con Federico Maria Sardelli y la Orquesta Modo Antiquo, el 19 de marzo;
– y por Canarias, apoyando al Centro Coreográfico de La Gomera.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Capri Watch

Posted by fidest press agency su domenica, 28 settembre 2014

Capri Watch (5)Le immagini dell’orologio simbolo dell’isola azzurra hanno letteralmente occupato gli spazi della metrò di Milano. La griffe caprese di oggetti di lusso ormai conosciuta in tutto il mondo rimanda la sua immagine da centinaia e centinaia di impianti con i volti noti dei suoi testimonial. Veronica Maya, la brillante conduttrice televisiva e Fabio Fognini, il numero uno del tennis italiano che impugna la racchetta sui campi da tennis di tutto il mondo portando al polso un particolare modello di Capri Watch in edizione limitata creata apposta per il campione. E la maxi operazione di immagine, ideata da Asperula Stellina, la maison caprese che produce il Capri Watch, è stata accolta dal pubblico milanese, migliaia e migliaia di persone che attraversano gli spazi del metrò, con grosso entusiasmo e curiosità. E il nome di Capri con i suoi simboli addirittura fa da sfondo a numerosi “selfie” o foto scattate con i cellulari. Un successo che è stato confermato dai rilievi effettuati dacapri un’importante agenzia milanese che ha comunicato ai titolari dell’azienda Silvio ed Alba Staiano che dai dati in loro possesso è emerso che “in tutta la comunicazione pubblicitaria indoor e outdoor su Milano, Capri Watch è risultato essere l’unico marchio di orologi che è attivo nell’intera città”. “Un risultato che premia il nostro impegno” hanno dichiarato i due imprenditori isolani, che in agosto avevano già sperimentato l’operazione a Venezia dove erano stati installati gli impianti retroilluminati su tutti gli imbarcaderi della città lagunare, riscuotendo un grande consenso. Dopo Milano è al vaglio degli esperti di comunicazione la scelta di un’altra importante città italiana che sarà invasa dalle immagini luminose dell’orologio Capri Watch che è diventato un’icona nel campo del lusso griffato Capri.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma Campidoglio: esposte immagini due maro esercito

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 febbraio 2012

«Aderiamo all’appello lanciato da Ignazio La Russa e domani, in Campidoglio, verranno esposte le immagini dei nostri due Marò, il maresciallo Massimiliano Latorre e il sergente Salvatore Girone. Non intendiamo, ovviamente, entrare né nel merito dell’inchiesta né negli ambiti di competenza della nostra diplomazia, ma riteniamo che l’iniziativa di La Russa di esporre le immagini dei nostri due soldati per tenere desta l’attenzione del Paese a favore di questi ragazzi, debba essere condivisa. Mi auguro che tutte le forze politiche e le altre Istituzioni si uniscano senza esitazioni». Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Personale di Stefania Boniotti

Posted by fidest press agency su martedì, 24 maggio 2011

Calvisano (BS) Dal 29 maggio al 19 giugno 2011 inaugurazione: domenica 29 maggio 2011, ore18.30 Mimesis Gallery piazza San Silvestro, Personale di Stefania Boniotti funambolismi. La mostra della giovane artista (Breno,1983) propone una decina di opere che ruotano attorno ad un registro tematico rappresentato dalle suggestioni del “funambolo”, figura in perenne equilibrio sul filo sottile tra la vita e la morte. Nei suoi lavori – tecniche miste su carta – Stefania Boniotti è interessata all’instabilità e provvisorietà della condizione umana del nostro tempo. Il funambolo decide di sfidare le leggi della fisica ed intraprendere con il solo ausilio della propria volontà un percorso incerto e instabile in cui la posta in gioco è la vita stessa. Questo ciclo di lavori dell’artista, immagini che vivono in un tempo onirico e sospeso, sono pervase di lirismo e speranza, quasi a suggerire allo spettatore l’esito positivo del “viaggio” sul vuoto. Stefania Boniotti, crea così delle opere poetiche, spiazzanti, semplici e surreali nello stesso tempo, supportate da un uso sapiente della tecnica. La giovane artista nonostante abbia piena consapevolezza della destabilizzante realtà in cui viviamo, non si fa travolgere dallo sconforto e dal disfattismo, ma quel filo dell’equilibrista da lei teso, diviene filo d’Arianna, pronto a condurla e a condurci al di fuori del dedalo delle nostre paure ed inquietudini. L’ingresso è libero.
Stefania Boniotti nasce a Breno (Bs) nel 1983. Nell’anno accademico 2007/2008 si diploma in Arti Visive presso la Libera Accademia di Belle Arti di Brescia. Tra le serie realizzate dall’artista si ricordano “Quello che fanno le ombre quando noi non le guardiamo…” e “Ombre rupestri”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oltre la mostra: lezioni d’arte

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 maggio 2011

Roma 10 maggio 2011 alle ore 18.30 Auditorium del Museo dell’Ara Pacis, Via di Ripetta 160, Lezioni d’arte Testi, immagini e filmati raccontano artisti e opere d’arte Ingresso libero (tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00) In occasione delle grandi mostre romane in corso, con l’obiettivo di stimolare l’esperienza personale dello studio e della fruizione piacevole, torna l’appuntamento dedicato a studiosi e appassionati di storia dell’arte. “Oltre la mostra. Lezioni d’arte a Roma. Testi, immagini e filmati raccontano artisti e opere d’arte”, ultimo di quattroincontri ad ingresso gratuito, si svolgerà il 10 Maggio presso l’Auditorium del Museo dell’Ara Pacis in via di Ripetta 160. Il progetto è ideato e curato da Fabiana Mendia per ArteInDiretta, promosso da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura.
La lezione, tenuta dalla giornalista e storica dell’arte Fabiana Mendia, della durata di due ore circa, si basa sull’esame di testi e immagini ed è inframmezzata da brani letti e interpretati da Antonio Merone (per questa lezione testi tratti da: Vasari, Aretino, Lotto, Trismosin, Berenson, Zampetti, Bolzoni ). Nella seconda parte sarà proiettato un montaggio di un film-documentario ( Aspetti del carattere indagatore di Lorenzo Lotto: un colloquio ancora aperto tra l’artista e noi stessi).
Lorenzo Lotto nasce a Venezia verso il 1480. Al contrario dei suoi contemporanei Giorgione, Palma il Vecchio o Tiziano che esercitano la loro arte nella città dei dogi, Lotto la lascia subito. La sua formazione resta ancorai un mistero. Passa il primo decennio della sua carriera a Treviso (1503-1506), nelle Marche (1506-1508), a Roma (1508-1510) poi Bergamo a partire dal 1513. Rientra a Venezia nel 1525, a 45 anni, e vi fonda una bottega dalla quale si assenta spesso. Nel 1549, parte per Ancona, cinque anni più tardi, entra come oblato nella comunità francescana di Loreto. Muore nel 1557. Alla sua morte, Lotto cade nell’oblio. E’ alla fine dell’800, grazie alla monografia che lo consacra di Bernard Berenson del 1895, che il pittore è riscoperto. Nel 1953, il grande pubblico scopre la sua opera nell’ambito di una serie di esposizioni consacrate, a Venezia, alla pittura veneziana. Seguono le mostre del 1998 di Bergamo, Parigi e Washington (lotto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Misteri Trapani: la processione lunga un giorno

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2011

Salemi – S’inaugura alle ore 21,00 di oggi nelle sale del Castello normanno-svevo la mostra fotografica sulla processione del Venerdì Santo a Trapani  di Arturo Safina dal titolo «Misteri. La processione lunga un giorno»: ventiquattro anni di immagini in bianco e nero, scattate dal 1985 al 2008, che documentano le ventiquattro ore della processione del Venerdì Santo a Trapani.    La mostra fotografica è raccolta nell’omonimo volume «La processione lunga un giorno» (introdotto da Vincenzo Consolo, con la prefazione di Romano Cagnoni, Edizioni Di Girolamo) presentato a Salemi in occasione della «XIII Settimana della Cultura»,. Arturo Safina, fotoreporter trapanese, appartiene alla grande tradizione di fotografi siciliani che da Sellerio, a Minnella, a Scianna, a Leone hanno rappresentato attraverso i loro scatti quella grande manifestazione umana che è la festa religiosa. Comincia a fotografare nel 1983, realizzando immagini in bianco e nero nei quartieri della propria città. Ha collaborato per diversi anni con l’agenzia fotografica «Realy Easy Star» e con la cooperativa fotografica «Asadin»  di Palermo.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »