Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘import’

Astronics Announces Collaboration with China National Machinery Import and Export Corporation

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 novembre 2019

Astronics Corporation (Nasdaq: ATRO), a leading provider of advanced technologies for global aerospace, defense, and other mission critical industries, announced today a new cooperation with China National Machinery Import and Export Corporation (CMC). The collaboration between Astronics and CMC will create a channel for Astronics to provide Chinese airlines, OEMs and service providers with state-of-the-art inflight entertainment and connectivity (IFEC) hardware and certification services for compliance in China and the United States. November 6, Michael Kuehn, President of Astronics Connectivity Systems and Certification (CSC), and Ruan Guang, Chairman of CMC, signed the cooperation agreement at the Second China International Import Expo (CIIE) in Shanghai, China. Top executives from Astronics and China Genertec, the shareholder of CMC, witnessed the signing ceremony.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Research Report on Paper and Paperboard Import in China, 2019-2023”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 marzo 2019

Based on this research, the demand for paper and paperboard imports in China will continue to grow from 2019 to 2023.The major driving forces include the lower average price of imports than domestic counterparts and the sluggish growth in domestic production of paper and paperboard resulting from the shortage of raw materials and the upward costs of labor, land, energy resources and other production factors.
According to this analysis, with the development of China’s economy and the improvement of living standards, the per capita consumption of paper and paperboard shows an upward trend. Meanwhile, China’s net annual population growth is between 8 million and 10 million, which leads to an increasing demand for paper and paperboard in China and promotes the development of China’s papermaking industry.However, the papermaking industry is dependent on forest resources which are scarce in China. As China tightens its environmental protection policies and the forest coverage rate decreases, the fiber materials for papermaking are in increasingly short supply. Besides, the labor costs in the Chinese manufacturing sector keeps rising. Therefore, China needs to import a large quantity of paper and paperboard to cover the shortage of domestic capacity.
The Chinese government has set no administrative barriers against paper and paperboard import, e.g. making paper and paperboard exclusive to state-owned enterprises, or introducing import quota administration for paper and paperboard. But import tariffs vary greatly among China’s paper and paperboard imports. For instance, the MFN rate and general rate on the commodity that has the heaviest tax burden is respectively 35% and 100%. The import tariffs on newsprint, kraft paper, etc. are lower with the lowest MFN rate being 2%.
According to this analysis, the import volume of paper and paperboard in China is rising in recent years. It reached 6.27 million tons in 2018, increasing by 122.3% as compared to 2014. And the import value reached USD 5.53 billion, increasing by 54% as compared to 2014.
The reasons for the growing paper and paperboard imports mainly include: (1) The price of imported paper and paperboard is lower than that of domestic counterparts; and (2) the quality of imported paper and paperboard is better than that of domestic counterparts. But market trends vary greatly among China’s paper and paperboard imports.Overall, product segments that have great price differences with domestic counterpart see faster growth. For example, with the development of Intermedia, the sales volume of newspaper, magazines and other print media is decreasing in China, which brings down the demand for newsprint. However, the import volume of newsprint in China grew by 860% from 2014 to 2018 because the price of imported newsprint was far lower than that of domestic newsprint.In recent years, the demand for liner board keeps rising with the rapid development of the e-commerce and logistics industries. As the import price differed little from the domestic market price, the import volume of liner board in China grew by only 65.10% from 2013 to 2017.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acciaio: salvaguardie sull’import

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 febbraio 2019

La conferma delle misure di salvaguardia imposte provvisoriamente la scorsa estate, e ora rese definitive dalla Commissione Europea con un ampio consenso dei Paesi membri, per Federacciai appare più che giustificata per tutelare la produzione europea da incontrollati e ingiustificati incrementi delle importazioni dovuti da un lato ai dirottamenti dei flussi commerciali derivanti dai dazi USA e dall’altro alla massiccia sovraccapacità produttiva esistente in molti Paesi produttori, prima fra tutti la Cina.“I primi dati del 2018” infatti “mostrano già alcuni fenomeni sui quali porre particolare attenzione, come ad esempio le importazioni dalla Turchia, che a fronte di una costanza del livello produttivo nel 2018 ha quasi raddoppiato le importazioni in Europa di prodotti siderurgici, o dell’Indonesia, esclusa dalla salvaguardia in quanto Paese in via di sviluppo con importazioni per esempio di coils e lamiere inossidabili nel triennio di riferimento inferiori al 3% del totale europeo, ma salite improvvisamente a più del doppio nel 2018”.Per il presidente di Federacciai, infine, bisogna anche “monitorare le importazioni dalla Cina, Paese destinatario di diverse misure antidumping che, ad esempio per i coils zincati, ha visto un significativo incremento delle importazioni in Italia nel 2018 nonostante l’industria destinataria di questi materiali, in particolare l’auto, abbia segnato il passo”.
Il settore siderurgico auspica quindi che a seguito dell’entrata in vigore delle misure di salvaguardia definitive venga ora avviato un lavoro di ricalcolo a livello europeo sulle quantità effettive, possibilità di revisione peraltro prevista dalla stessa misura di salvaguardia, e venga rinforzata l’attenzione dei singoli Paesi membri, per l’Italia da parte dell’Agenzia delle Dogane, alla sorveglianza e alla verifica sul campo della congruenza delle importazioni siderurgiche con tutti i requisiti di legge nazionali e comunitari.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ulteriore crescita nel 2017 dell’import italiano di prodotti ittici

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 Maggio 2018

Cresce ancora la domanda italiana di prodotti ittici esteri. Nel 2017 le importazioni dell’Italia sono cresciute rispetto al 2016 del +3,6% in volume e del +4,2% in valore. Un ulteriore incremento nel ricorso agli acquisti di prodotto estero che, come primo effetto, ha comportato il peggioramento del deficit della bilancia commerciale italiana di prodotti ittici, che, già strutturalmente in negativo, è giunta a superare la soglia record di 5 miliardi di euro. Un peggioramento nonostante i segnali positivi osservati sul fronte dell’export, cresciuto rispetto al 2016 del +3,7% in valore. E’ quanto emerge nell’analisi periodica sul mercato ittico realizzata da BMTI Scpa.Tra i singoli prodotti, ulteriore crescita si è osservata per le importazioni italiane di tonno, che in volume hanno superato nel 2017 le 100mila tonnellate (+15% rispetto al 2016), per un esborso monetario di poco inferiore ai 500 milioni di euro (+11%). La Spagna si è confermato principale mercato di approvvigionamento, con una quota pari al 53% dell’import italiano di tonno. In particolare, gli arrivi dal paese iberico hanno chiuso il 2017 in crescita del 27% rispetto al 2016.Spagna che si è confermata nel 2017 anche come principale destinazione dell’export italiano di prodotti ittici. Su base annua, tuttavia, le spedizioni verso il paese iberico hanno registrato delle difficoltà, accusando in volume un calo del 10,2%. Note positive per l’Italia sono invece giunte sul fronte dei consumi dei prodotti ittici freschi, che hanno messo a segno nel 2017 un aumento sia in volume (+3,3%, elaborazione su dati Eumofa) che in valore (+5%). Un buon risultato dipeso dalla crescita osservata per tutte le principali specie ittiche consumate.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Look into China’s Future Grains Trade

Posted by fidest press agency su domenica, 25 settembre 2011

Here is a look at China’s self-sufficiency rate for grains and oilseeds (other than rice) with soybeans and corn also shown separately. There is occasional talk in China about what level of self-sufficiency they can accept, and 95 percent is often mentioned, along with the idea that maybe they can settle for 90 percent self-sufficiency. The chart to the left shows that China has decided they do not need to be self-sufficient in soybeans. What will China accept for corn? China has a much stronger commitment to corn production than to soybean production. In the chart below, if China is setting goals for a self-sufficiency level of ‘other grains + oilseeds’ they already are at 16 percent import share. But if they separate the soybeans out, for all grains (excluding rice) they are only at 1.6 percent, and a 95 percent self-sufficiency policy would allow for 15 million metric tons of grain imports (mainly corn, wheat, barley). A 95 percent self-sufficiency in corn will allow for 8 million metric tons of imports. And a 90 percent self-sufficiency goal will allow for 16 million metric tons of imports.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Hong Kong, porta commerciale per la Cina e il Far East

Posted by fidest press agency su martedì, 21 aprile 2009

Il mercato di Hong Kong è aperto alle eccellenze del vino e agroalimentari regionali. Come ha affermato infatti Josephine Lam, manager dell’Hong Kong International Wine & Spirits Fair, in videoconferenza dal Paese asiatico nel corso del seminario rivolto alle imprese vitivinicole e organizzato dall’Azienda Speciale Imprese e Territorio-I.ter della Cciaa di Udine (con la collaborazione dell’ente governativo Hong Kong Trade Development Council-HK TDC e del locale Fogolâr Furlan), «le importazioni di vino a Hong Kong, nel 2008, sono cresciute del +78%. Un aumento significativo (il valore dell’import ha raggiunto quota 380 milioni di dollari), dovuto principalmente all’abolizione dei dazi sull’importazione di bevande alcoliche a bassa gradazione varata dal Governo asiatico lo scorso anno». L’incontro, che s’inserisce nel Progetto di promozione delle relazioni istituzionali tra Hong Kong e la provincia di Udine (finanziato dalla Regione Fvg nell’ambito della legge regionale 7/2002 volta a favorire il consolidamento dei rapporti con i corregionali all’estero) ha permesso alle aziende di valutare le opportunità commerciali in terra asiatica. «Sono molte le prospettive di sviluppo a Hong Kong per gli investitori stranieri, specie per chi vuole puntare al mercato cinese – ha aggiunto il direttore per le aree Italia, Cipro e Grecia dell’HK TDC, che ha sottolineato il ruolo di hub del vino, verso i mercati del Far East, assunto da Hong Kong -. Il Paese asiatico, infatti, gode degli accordi di libero scambio con la Cina (che prevedono l’abbattimento dei dazi doganali per le merci dirette al continente) e garantisce un’organizzazione logistica d’eccellenza, con oltre 10 mila tonnellate di merci al giorno smistate via aerea e il collegamento con 500 porti». A confermare la funzione di Hong Kong quale “porta d’ingresso” preferenziale per l’Estremo Oriente, il componente del Consiglio camerale Giorgio Colutta, che ha valutato di persona le potenzialità offerte dal Paese durante la missione scouting di marzo. «I vini friulani hanno tutte le carte in regola per conquistare il mercato asiatico: la presentazione, a Hong Kong, della Guida ai Vini ha riscosso un notevole apprezzamento da parte di sommelier e distributori locali», ha dichiarato Colutta, annunciando anche il prossimo outgoing di novembre a Hong Kong in occasione della Wine & Spirits Fair («le imprese interessate – ha aggiunto il direttore dell’Azienda Speciale I.ter, Maria Lucia Pilutti – potranno usufruire dei voucher per l’internazionalizzazione messi a disposizione dalla Cciaa di Udine per l’abbattimento dei costi di trasferta»). «La partita, però, va giocata nell’ottica del sistema – ha chiosato il vicepresidente della Cciaa di Udine, Marco Bruseschi – promuovendo il vino in sinergia con il nostro eccellente comparto agroalimentare». A conclusione del seminario, al quale è intervenuto anche il presidente del Fogolâr Furlan di Hong Kong Paolo Sepulcri che ha fornito alle imprese alcuni utili consigli su come approcciare il mercato asiatico, le aziende partecipanti hanno partecipato a una serie di incontri personalizzati con gli esperti dell’HK TDC.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »