Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘improvvisazione’

MusicaInFormazione. “L’improvvisazione musicale: aspetti teorici, storici e psicopedagogici”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

Roma Venerdì 1 Dicembre 2017, ore 9:30 Dipartimento di Scienze della Formazione – Aula Magna Via Principe Amedeo 182 nell’ambito della rassegna di concerti e cultura musicale “MusicaInFormazione”, promossa dal Dipartimento di Scienze della Formazione e curata dal prof. Raffaele Pozzi, si terrà un convegno di studi internazionale sul tema “L’improvvisazione musicale: aspetti teorici, storici e psicopedagogici”.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Obbligo a 18 anni, siamo all’improvvisazione

Posted by fidest press agency su sabato, 2 settembre 2017

valeria-fedeliQualche settimana fa, la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, aveva caldeggiato “una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici” premiando “la qualità dei percorsi didattici interni” e facendo presupporre l’intenzione di volere portare da 5 a 4 anni il percorso della scuola secondaria superiore. Alcune dichiarazioni, delle ultime ore, rilasciate dalla sottosegretaria Angela d’Onghia, cambiano tutta la prospettiva perché riportano di voler modificare “il ciclo di studi delle scuole medie da tre a due anni”.Per il sindacato Anief un Esecutivo che mette continuamente in dubbio gli assi portanti della nostra scuola, proponendo, a turno, soluzioni diverse non può essere preso in considerazione. Anche l’accostamento con l’Europa appare forzato: perché l’UE viene ignorata quando dice che non bisogna discriminare i precari rispetto al personale di ruolo? Perché non si guarda agli stipendi dei docenti europei? Perché non si vede l’istruzione europea anche per le ore di lavoro settimanali di lezione dei loro docenti, decisamente più basse di quelle dei nostri insegnanti?Sulla riforma dei cicli scolastici, Anief ha da anni presentato una proposta ragionata e supportata da studi scientifici: portare, sì, l’obbligo scolastico fino a 18 anni, riprendendo il progetto avviato quasi vent’anni fa dall’allora Ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer, ma non andando ad intaccare la durata del percorso formativo. La condizione che pone il sindacato, infatti, è quella di anticipare la scuola primaria a cinque anni, prevedendo in quella delicata annualità ludico-formativa la compresenza dei maestri d’infanzia. In caso contrario, si tratterebbe solo di un’operazione risparmio, finalizzata a far sparire a regime 35mila cattedre.Marcello Pacifico (presidente Anief): È chiara la differenza tra chi cambia prospettiva in continuazione, anche dentro lo stesso Governo, e chi, come noi, crede nell’obbligo formativo sino alla maggiore età da raggiungere attraverso un progetto ragionato. Bisogna guardare alle necessità pedagogiche e a quelle del personale. La riforma dei cicli è un terreno troppo importante, sul quale non si possono commettere errori, perché a pagare dazio sarebbero gli studenti, già penalizzati dai troppi tagli del tempo scuola e di organici dell’ultimo decennio: basta con le proposte improvvisate, utili più alla visibilità personale che a migliorare il sistema.Sulla riforma dei cicli scolastici il Governo naviga a vista. Nelle passate settimane, la Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, aveva caldeggiato “una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici” premiando “la qualità dei percorsi didattici interni”: il contemporaneo allargamento della sperimentazione del liceo breve a 100 istituti, faceva presupporre l’intenzione di volere portare da 5 a 4 anni il percorso della scuola secondaria superiore. Alcune dichiarazioni, delle ultime ore, rilasciate da un alto rappresentante del Miur e del Governo, la sottosegretaria Angela d’Onghia, cambiano tutta la prospettiva.“La sperimentazione del diploma delle scuole superiori in 4 anni può aiutare gli studenti ad affrontare meglio le sfide del mercato del lavoro sempre più dinamico e specializzato. Ma perché non esaminare l’intero percorso scolastico degli otto anni rimodulandolo nella sua interezza e semmai modificando il ciclo di studi delle scuole medie da tre a due anni?”, si chiede la senatrice pugliese. La quale chiede pubblicamente, dunque, di mettere mano non alle superiori, ma al ciclo precedente. La motivazione del taglio di un anno di scuola, comunque, è sempre la stessa: “consentirebbe alle nuove generazioni di accelerare l’ingresso nel mondo del lavoro come accade già in numerosi paesi europei uscendo dalla scuola a 18 anni. Dopotutto ce lo chiede già l’Europa di realizzare un unico segmento di scuola secondaria di 7 anni. Non si tratta solo di risparmiare – mette le mani avanti la d’Onghia – ma piuttosto di un investimento serio e innovativo”.Il sindacato ritiene che questo modo di procedere non conduca versa nulla di costruttivo: un Esecutivo che mette continuamente in dubbio gli assi portanti della nostra scuola, proponendo, a turno, soluzioni diverse, addirittura contrapposte, non può essere nemmeno presa in considerazione. Anche il continuo accostamento con l’Europa appare quantomeno forzato: perché l’Unione Europea non viene presa in considerazione, anzi viene totalmente ignorata, quando dice che non bisogna discriminare i precari rispetto al personale di ruolo e ci sono sentenze che ribadiscono la tesi dell’equiparazione? Perché non si guarda agli stipendi dei docenti europei, molto più alti dei nostri? Perché non si vede l’istruzione europea anche per le ore di lavoro settimanali di lezione dei loro docenti, decisamente più basse di quelle dei nostri insegnanti?

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campionato di Improvvisazione Teatrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2015

improvvisazioneimprovvisazione1Roma domenica 15 novembre alle 21,30 presso il Teatro Porta Portese Via Portuense, 102 biglietto unico euro 10. Accompagnati dalle note del maestro Francesco de Vincenzi, chi riuscirà a fare “la migliore improvvisazione…”? Solo i migliori potranno accedere alla finale del 13 dicembre. Assetto Teatro detiene i diritti in esclusiva per il Theatresport su Roma, diffidate dalle imitazioni.L’improvvisazione ha poche regole, semplici ma fondamentali: l’ascolto, l’attenzione e la disponibilità alle proposte degli altri e alla creazione collettiva. Il supporto del gruppo è fondamentale per la riuscita dell’improvvisazione, perché sul palco non ci sono scene, non c’è testo e non ci sono costumi, tutto si svolge sul momento.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: “No improvvisazione, servono competenza e larghe intese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2015

campidoglio“Oggi a Roma comincia una stagione nuova: via un sindaco più incompetente che corrotto, arriva un prefetto esperto e onesto. Sembra poco, ma non è così. il vero discriminante della buona amministrazione è la competenza e la capacità di collaborare, senza farsi travolgere da personalismi”. E’ quanto afferma la deputata di Area popolare Paola Binetti.
“Vogliamo un governo che nei prossimi mesi si qualifichi per queste due caratteristiche: competenza e larghe intese, con assessori che sanno fare e non si improvvisano. No a improvvisazione e a conflitti di basso profilo. Si invece – prosegue Binetti – ad una esperienza consolidata dai fatti e ad una apertura di orizzonti che permetta di riproporre nel governo cittadino un paradigma uguale a quello nazionale. Gestire il Giubileo con i tempi strettissimi che sono rimasti richiede perfetta padronanza della macchina amministrativa e ferma volontà di accantonare tensioni e divergenze a favore di un progetto comune forte per la città. Sara il miglior modo per i romani di arrivare preparati alle prossime elezioni di primavera”.”Si fa un gran parlare in questi giorni di Alfio Marchini, ago della bilancia nelle dimissioni di Marino. Ci piacerebbe – conclude la parlamentare di Ap – vederlo coinvolto in una squadra che si caratterizzi per un forte senso civico: traffico più ordinato, buche scomparse, periferie più sicure, iniziative culturali all’altezza della nostra storia. Che poi queste cose altro non sono che amore alla città e rispetto dei romani. Due cose essenziali per prepararsi ad accogliere i milioni di turisti- pellegrini che con il prossimo giubileo si attendono”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Centro Europeo Per l’Improvvisazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 settembre 2015

esino larioEsino Lario Sabato 26 settembre 2015 presso il Teatro Asilo Ore 10 presentazione del progetto e relazioni Ore 15 tavoli di discussione tematici e relazioni Ore 21 concerti di improvvisazione libera. L’idea del CEPI è di Barre Phillips, grande musicista improvvisatore che vive nel Sud della Francia, a St. Philomene, vicino Puget Ville, e che vorrebbe creare un Centre Européen Pour l’Improvisation proprio a partire dall’Abbazia in cui abita e dal Villaggio medievale circostante da ristrutturare. In Italia, a Esino Lario, si svolgerà un primo incontro preliminare di confronto per l’elaborazione collettiva di tale progetto. Il CEPI è aperto a tutte le pratiche di improvvisazione in qualsiasi ambito, artistico o sociale. Hanno contribuito a questa iniziativa l’Associazione Bassa Definizione di Lecco e numerosi musicisti dei gruppi di improvvisazione musicale Emir (Francia) e Fete Foreign (Italia), entrambi nati grazie all’impulso di Barre Phillips.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Missioni militari: favorire la cooperazione

Posted by fidest press agency su sabato, 9 luglio 2011

“Che molte delle missioni che impegnano le nostre Forze armate all’estero siano delle “guerre” è un fatto che credo non sia smentibile da nessuno, che il Ministro La Russa si sia sempre dichiarato favorevole e interventista idem, ma che adesso giungano pure autorevoli “precisazioni” che affermino che quello che il Consiglio dei ministri ha deliberato come decreto-legge sia solo una “ipotesi” di riduzione dei contingenti, non toglie agli Italiani l’impressione che sulla questione delle missioni la regna la confusione e l’improvvisazione. È poi strano che il “richiamo” abbia riguardato solo la riduzione numerica dei militari e non sia stato invece indirizzato a sostenere una maggiore e dovuta priorità degli interventi umanitari e di cooperazione reale che, rispetto all’uso delle armi, sono affermati dalla nostra Costituzione.” Lo dichiara Luca Marco Comellini – Segretario del Partito per la tutela dei Diritti di Militari e Forze di polizia (Pdm)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I Bugiardini in Micetro

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2011

Roma 26 giugno (ore 18.30) Teatro Le Sedie Vicolo del Labaro, 7 Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro Creato dal Guru dell’improvvisazione mondiale Keith Johnstone, uno spietato spettacolo di improvvisazione ad eliminazione in cui dei 12-14 attori che iniziano la serata, solo uno rimarrà in scena e sarà eletto Micetro della serata (La pronuncia inglese è “Maestro”). A stabilire l’andamento della gara sarà il giudizio del pubblico, che potrà votare le varie scene che si susseguiranno nel corso dello show con un punteggio da 1 a 5 che sarà assegnato a tutti gli attori presenti in quella scena. Il tutto sotto l’attento sguardo di due registi che, dall’esterno, aiuteranno gli attori a fornire scene emozionanti e divertenti. Uno spettacolo esilarante e coinvolgente che concede agli attori estrema libertà creativa e in grado di sorprendere il pubblico scena dopo scena. Direttamente dal Canada e per gentile concessione dell’International Theatresport Institute, il nuovo format dei Bugiardini.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto di Enrico Pieranunzi

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

Roma 21 gennaio 2011 ore 21 Centro culturale San Luigi di Francia largo Toniolo 22. Il pianista e compositore romano Pieranunzi è da molti anni tra i protagonisti più noti e apprezzati della scena jazzistica europea.  Il suo universo musicale fa convivere armoniosamente musica classica e jazz, improvvisazione e composizione. Questa visione così personale del far musica è valsa recentemente all’artista l’affermazione nel “Top Jazz” e per la terza volta come Miglior Musicista dell’anno.
Fra tutti i paesi europei fu certamente la Francia quello in cui l’irruzione del jazz determinò gli effetti più fragorosi:  nel 1918 Jean Cocteau definì il jazz un cataclisma sonoro. Forma musicale che colpì al cuore la fantasia e il corpo dei giovani musicisti francesi e di quei musicisti non francesi che in quegli irripetibili anni animavano la vita musicale parigina (Stravinskij, Martinu).  La traccia più palpabile di questo impatto (che riguardò anche le altre arti) è nelle  musiche in cui Milhaud,  Auric, Honegger, Poulenc si abbandonano al fascino di questo nuovo, inusuale linguaggio utilizzandone  gli aspetti più stimolanti.
Il Groupe des Six (Auric, Durey, Honegger, Milhaud, Poulenc e Tailleferre), vigili Satie e lo stesso Cocteau, ne coglie lo spirito, ne esplora il linguaggio innovativo. In Francia trova spazio la dimensione antiaccademica, vitale e gioiosa del jazz: una differente visione del mondo e l’esigenza di libertà d’espressione legano i Six ai roaring Twenties e avviano un’altra storia nella musica.
Nato a Roma nel 1949,  Enrico Pieranunzi è da molti anni tra i protagonisti più noti e apprezzati della scena jazzistica europea.  Pianista, compositore, arrangiatore, ha registrato più di settanta CD a suo nome spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto. Ha collaborato, in concerto o in studio d’incisione, con Chet Baker, Lee Konitz, Marc Johnson, Joey Baron, Paul Motian, Charlie Haden esibendosi nei più importanti festival internazionali, da Montreal a Copenaghen, da Berlino a Madrid a Gerusalemme.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Due di Picche

Posted by fidest press agency su martedì, 14 dicembre 2010

Roma dal 14 al 19 dicembre Via Del Boschetto 58 a Teatro Mahnattan  da martedì a domenica alle 21….domenica anche alle 18, doppio appuntamento. In scena ogni sera due attori tra Mariadele Attanasio, Patrizio Cossa, Tiziano Storti. “E’ un buon modo per conoscere l’Improvvisazione teatrale fatta di studio di anni e anni sui e dei Padri del Teatro, trainig e capacità di presenza scenica. E’ il momento giusto perché sia data all’improvvisazione teatrale quella luce che merita, perché affascinante. Nessuno o quasi conosce il grandissimo mondo dell’Improvvisazione… dei campionati italiani, i mondiali, gli europei, squadre che si scontrano e incontrano su un palco e d’istinto recitano all’impronta. Spettacoli teatrali di altissimo livello basati sulla fantasia, sull’eleganza, sulla bravura di saper gestire l’istante e renderlo proprio, li e ora. Nessuna scenografia, nessun testo, nessun canovaccio ma tanto studio, tantissima esperienza e altrettanto amore per l’ Imprò”.
Gli Appiccicaticci sono una Compagnia teatrale, tre giovani trentenni professionisti del buon teatro.  Attualmente impegnati anche su Rai Radio2 con Lillo e Greg in 610. Sono professionisti dell’Improvvisazione teatrale, tre improvvisatori italiani ben conosciuti in Europa. Due di loro,Tiziano Storti e Mariadele Attanasio, fanno parte della nazionale italiana francofona di Improvvisazione teatrale che attualmente detiene il titolo europeo vinto in Belgio lo scorso Maggio.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Due di picche: in amore tutto è impro-babile

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 dicembre 2010

Roma dal 14 al 19 dicembre Teatro Manatthan Via del Boschetto 58 (da martedì a sabato ore 21 domenica doppio appuntamento ore 18 e ore 21 ingresso 10€) Quando una storia d’amore nasce,vive,finisce,ma non muore mai….. Come funzionano i rapporti? Come nasce un amore? Quali sono le frasi giuste da dire al primo appuntamento? Se l’amore è cuore e imprevedibilità, gli Appiccicaticci, compagnia teatrale romana di improvvisazione teatrale, mettono in scena la vita di una coppia tutta totalmente improvvisata. Grazie agli input del pubblico, ogni sera due attori diversi metteranno in scena una IMPRObabile storia d’amore, tra appuntamenti, sogni, voglie, ma soprattutto passione…
E’ la storia di un amore assolutamente improvvisato pochi spunti,solo tre per la precisione,ed ecco che due attori improvvisatori diventano una storia d’amore  tutto è travolgente, passionale, falso, buffo, duro, violento, dolce ..nato dal nulla, improvvisato da un semplice incontro,la scintilla..dalla scintilla il fuoco.. una poesia,una canzone,due sogni,e due storie che si incontrano e si lasciano.
Due di Picche è la somma di uno,  che grazie all’improvvisazione fa sempre 3! Due di Picche..in amore tutto è impro-babile In scena ogni sera solo due attori tra Mariadele Attanasio, Tiziano Storti e Patrizio Cossa Coppie diverse ogni giorno,  domenica 19 nel doppio appuntamento ci sarà anche una coppia particolare … img, tiziano)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pablo & Pedro all’ombra del Colosseo

Posted by fidest press agency su sabato, 4 settembre 2010

Roma 4 settembre ore 21,45, Cala il sipario anche per questa stagione sulla rassegna di teatro comico più celebre dell’Estate Romana. Ultimo appuntamento“All’Ombra del Colosseo” con Pablo & Pedro che mettono in scena una comicità surreale, una satira tagliente ispirata al costume e al sociale, un continuo e fantasioso gioco d’improvvisazione con gli spettatori.
Si sono incontrati in un villaggio turistico nel 1994 e da allora hanno strappato risate nelle radio e nei teatri di tutta Italia per arrivare a trasmissioni TV famose come “Beato tra le donne”, “Quelli che… il calcio”, Buona Domenica” il Maurizio Costanzo Show” fino agli ultimi successi ottenuti a Zelig e Colorado Cafè.  Non c’è scampo per nessuno nel corso di “Pablo & Pedro Cabaret”, uno spettacolo che non è mai uguale a se stesso. Qualunque spunto è valido: uno spettatore che arriva in ritardo, un altro che ha una camicia troppo sgargiante, una signora che si sposta a fumare; nessuno verrà lasciato in pace nel gioco di botta e risposta fra i 2 comici romani che riescono a trasformare in battuta persino un clacson ascoltato in lontananza. Anche i componenti della band vengono continuamente chiamati in causa in sketch e gag, spesso anch’esse improvvisate. La lunga esperienza in locali e teatri di tutta Italia ha permesso a Pablo & Pedro, all’anagrafe Fabrizio Nardi e Nico Di Renzo, di affinare e sviluppare un repertorio vasto ed eterogeneo che abbraccia espressioni comiche disparate: la satira, la parodia, il surreal-demenziale.
Tornati alla kermesse di teatro comico dell’Estate Romana dopo le partecipazioni del 2008 e del 2009, i due cabarettisti offrono al pubblico anche alcuni dei cavalli di battaglia che li hanno consacrati a Zelig e Colorado Cafè, oltre a nuovi sketch basati su una satira di costume e sociale. Una band supporta l’esibizione con stacchi musicali creati ad hoc per lo spettacolo e canzoni interpretati dalla cantante del gruppo.  (paolo e pedro)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Extroversi il teatro senza briglie

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 settembre 2009

extroversi1CivitaCastellana, 16 settembre dalle 16 in piazza del Duomo, inserisce nei festeggiamenti in onore dei Santi Marciano e Giovanni, la giovane Compagnia Il Cerchio Invisibile con il compito di portare brio e vita alle piazze ed ai vicoli del Centro Storico. Nuove idee di teatro ed una giovane compagnia per un pomeriggio di brioso teatro itinerante in piazza Duomo.  Il teatro è occasione di incontro, confronto, curiosità e relazione, è viaggio  nell’immaginario, favola e realtà: il teatro è anche comicità, creativa e surreale, energia e coinvolgimento, gioco scanzonato e sperimentazione. Talento azione e gags – ed improvvisazione virtuosa – si fondono nell’alchimia dei ritmi incalzanti, portano corpo e pensiero dentro l’emozione di un’esperienza originale, danno vita ad uno spettacolo strutturato ma imprevedibile, che sceglie come palcoscenico il porfido dell’antico centro falisco e come scenario la Fontana dei Draghi in piazza Matteotti, l’austera facciata del Duomo, i balconcini, i cortili e la bellezza di un centro storico in festa. In un teatro innovativo che cerca il contatto con un nuovo pubblico, attori ludici e scanzonati recitano e mimano, giocano con il loro corpo – guidati nei movimenti di scena dalla bravissima Patrizia Salvatori, danzatrice e coreografa – scherzano e si relazionano con l’orchestra di abilissimi percussionisti,  e nei loro abiti singolari ed inverosimili – trucco e costumi dell’apprezzatissimo Carlo Adolini – cercano con grande ironia il divertimento intelligente dell’arte creativa. La regia di Sandro Nardi – anche autore della performance – è come sempre al servizio dell’immaginario, ironica e destabilizzante, essenziale e circense: Extroversi diventa, nelle sue mani, un gioco sapiente di intrattenimento ben concertato per i bambini come per gli adulti, innovativo ed al contempo familiare, nell’atmosfera di una festa popolare  attesa e condivisa. (Alessandra De Angelis)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mario Di Marco in “Le Stanze”

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2009

di marcoSenigallia (AN) 20 giugno 2009 Ore 21.00 Rotonda a Mare nell’ambito della Festa della Musica Europea., ingresso gratuito suite per clarinetto, elettronica e oggetti.  Mario Di Marco: clarinetto, oggetti, programmazione, composizioni.  Il concerto di Mario Di Marco, clarinettista tra i più acclamati della scena nazionale, è pensato come un racconto musicale che si realizza tra la musica classica e quella elettronica, senza dimenticare l’uso dell’improvvisazione tipico del jazz. Un’ora e trenta minuti ininterrotti di musica originale composta da Mario Di Marco, con l’artista unico protagonista della performance insieme al suo clarinetto. Partecipano attivamente effetti elettronici ed oggetti di scena che diventano veri e propri strumenti musicali. Mario Di Marco, clarinettista e compositore, è diplomato in clarinetto con il massimo dei voti presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma. Ha scritto per numerose ensemble musicali. (foto di marco)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le Stanze” di Mario Di Marco

Posted by fidest press agency su domenica, 17 maggio 2009

mariodimarcoRoma 21 Maggio 2009, ore 21,15 Teatro Arciliuto sala anfiteatro, Piazza di Montevecchio 5 (alle spalle di Piazza Navona. Dopo il successo al RomaEuropa Festival (finalista del contest di musica elettronica nella sezione RomaEuropa Web Factory), il musicista e performer Mario Di Marco presenterà al Teatro Arciliuto di Roma giovedì 21 maggio il suo ultimo lavoro musicale, “Le Stanze – suite per clarinetto, elettronica e oggetti”. Il concerto di Mario Di Marco, clarinettista tra i più acclamati della scena nazionale, sarà pensato come un racconto musicale che si realizza tra la musica classica e quella elettronica, senza dimenticare l’uso dell’improvvisazione tipico del jazz. Un’ora e venti minuti ininterrotti di musica originale composta da Mario Di Marco per l’occasione, con l’artista unico protagonista della performance insieme al suo clarinetto. Partecipano attivamente effetti elettronici ed oggetti di scena che diventano veri e propri strumenti musicali. Mario Di Marco, clarinettista e compositore, è diplomato in clarinetto con il massimo dei voti presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma. Ha scritto per numerose ensemble musicali. Tra queste, le più recenti, sono il duo con Riccardo Fassi, il quintetto di musica contemporanea Mario Di Marco Ensemble (flauto, clarinetto, viola, pianoforte e contrabbasso), il trio con Giulio Ceccacci e Roberto Palermo (del quale è in uscita un cd registrato live al Teatro Eliseo), e il quintetto jazz Okinerò. Negli anni ha composto per la danza, il teatro e le video installazioni, per le quali ha curato anche la realizzazione e la messa in scena. Dal 1995 é direttore del mensile “Prove Aperte”. Attualmente è direttore artistico del Jazz Festival del Teatro del Sogno di Roma, del Jazz Festival di Civitella Alfedena (AQ) e della rassegna di musica contemporanea dell’Anfiteatro Naturale della Camosciara (Parco Nazionale d’Abruzzo). Ha al suo attivo numerose collaborazioni, sia nell’ambito della musica classica che jazz e contemporanea; ha composto le musiche per video, spettacoli di danza e di teatro presentati in numerose rassegne sia nazionali che internazionali. Nell’ultimo anno ha scritto le musiche per gli spot pubblicitari di Grandi Stazioni.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Siena, faccia a faccia Sgarbi – Morgan

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 aprile 2009

Lunedì 4 maggio alle 21.00 in Piazza Duomo, il grande evento organizzato da Comune di Siena e Fondazione Monte dei Paschi di Siena attraverso Vernice Progetti Culturali e Complesso Museale Santa Maria della Scala  E’ un appuntamento da non perdere, a metà strada tra una lectio magistralis a due voci che prende le mosse dal tema della mostra “Arte, Genio, Follia. Il giorno e la notte dell’artista” in corso al Complesso Museale Santa Maria della Scala fino al 25 maggio e uno spettacolo vero e proprio, ricco di colpi di scena e incursioni all’insegna dell’improvvisazione e dell’ironia. In scena due mondi culturali talvolta distanti, quello dell’arte e della musica, che tornano a dialogare attraverso due straordinarie personalità con la fama di personaggi contro, che al “genio” e alla “follia” sono spesso accostati.  La serata – promossa dagli organizzatori della mostra “Arte, Genio, Follia”: Comune di Siena e Fondazione Monte dei Paschi di Siena, attraverso Vernice Progetti Culturali e Complesso Museale Santa Maria della Scala –  è aperta al pubblico, e avrà un suggestivo preludio teatral-musicale.  Si tratta della messa in scena  dell’Opera da Camera “Des Wandererswand – Vita, opere e follia di Adolf Wölfli” scritta, musicata ed interpretata dal musicattore Luigi Maio,  poliedrica figura di musicista, attore, scenografo e autore che, reinventando il Teatro musicale da Camera, ha vinto, tra gli altri,  il Premio dei Critici di Teatro e  il Premio Petrolini, cui si è aggiunto infine  il titolo di Ambasciatore UNICEF per l’alto valore pedagogico riconosciuto al suo lavoro. Luigi Maio, che nello spettacolo sarà accompagnato al pianoforte da Enrico Grillotti, nei panni del Dottor Morgenthaler, interpreterà Wölfli, il pittore, illustratore, compositore e scrittore di cui la mostra ospita nella sezione dell’Art Brut, una piccola ma significativa selezione di opere.  Wölfli, internato nel manicomio di Waldau nel 1895 come schizofrenico e criminale, nel 1907 incontrò Walter Morgenthaler, lo psichiatra che lo ebbe in cura e che, per primo, si accorse delle stupefacenti qualità artistiche di questo contadino svizzero apparentemente  incapace di comunicare con il mondo. Nel 1921 Morgenthaler scrisse un libro sul percorso clinico e artistico di Wölfli, divenuto uno dei capisaldi della letteratura medica dedicata al rapporto tra arte e follia. Nell’iniziativa, è coinvolta anche l’Università di Siena: gli studenti  saranno, infatti, protagonisti di sei laboratori che a partire dal tema della mostra, daranno vita e corpo ad alcuni progetti multimediali: video, reportage, file musicali e anche un originalissimo radiodramma, che sarà possibile ammirare ed ascoltare dal 4 maggio per tutta la durata della mostra.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »