Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘inaugurazione’

Università Cattolica del Sacro Cuore: Inaugurazione anno accademico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 novembre 2019

Milano Giovedì 28 novembre nell’Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (largo Gemelli, 1 – Milano) si terrà l’inaugurazione dell’anno accademico 2019/2020. Sarà il cardinal Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, a pronunciare la prolusione dal titolo: “Una diplomazia al lavoro per la pace”.La cerimonia inizierà, alle ore 9.45, nella Basilica di sant’Ambrogio con la Celebrazione Eucaristica presieduta da monsignor Mario Delpini, arcivescovo di Milano. Alle ore 11.30, nell’Aula Magna il rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli terrà il Discorso inaugurale. Dopo il saluto di monsignor Mario Delpini, in qualità di presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori, interverrà il cardinal Pietro Parolin.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parma: Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all’inaugurazione dell’anno accademico

Posted by fidest press agency su martedì, 8 ottobre 2019

Parma Sarà il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’ospite d’onore della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2019-2020 dell’Università di Parma, in programma per venerdì 29 novembre alle 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo (via Università 12). «Siamo onorati del fatto che il Presidente della Repubblica abbia accettato il nostro invito. La sua è una presenza che ci riempie di orgoglio e di soddisfazione – commenta il Rettore Paolo Andrei – e che testimonia la grande attenzione rivolta al nostro Ateneo e, più in generale, al mondo dell’educazione e della ricerca. Questa importante testimonianza arriva in un momento particolarmente significativo: la crescita continua degli studenti si accompagna, infatti, alla recente collocazione in “Fascia A”, con il punteggio più alto conseguito dagli Atenei italiani finora accreditati, da parte dell’Agenzia Nazionale per la Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca – ANVUR, una chiara dimostrazione della qualità della nostra Università. Stiamo lavorando intensamente in tutti gli ambiti, puntando sul gioco di squadra e sulla consapevolezza di essere una comunità: è questo che fa la differenza. Di tutto ciò vogliamo dare testimonianza al Presidente Mattarella». La cerimonia si aprirà con l’ingresso del corteo accademico e con gli interventi musicali del Coro Universitario “Ildebrando Pizzetti”, diretto da Ilaria Poldi.A seguire è prevista la relazione del Rettore Paolo Andrei. Interverranno poi il Presidente del Consiglio degli Studenti Yuri Ferrari e la Presidente del Consiglio del Personale tecnico amministrativo Rita Ollà.La prolusione sarà dedicata al tema dello sviluppo sostenibile, sul quale l’Ateneo di Parma si sta impegnando con sempre maggiore vigore e con iniziative concrete. A tenerla sarà Enrico Giovannini, Professore ordinario di Statistica economica e portavoce dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), che interverrà sul tema Salvare il pianeta e salvare l’umanità. Utopia o dovere morale?

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inaugurazione gigantesca installazione “Il Giardino di Zyz”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 luglio 2019

Matera Lunedì 15 luglio sarà inaugurata in piazza la gigantesca installazione “Il Giardino di Zyz” dell’artista veneto Gianfranco Meggiato. L’installazione sarà presentata il 15 luglio alle 10,30 presso la Sala Mandela del Comune di Matera. Sarà la più grande installazione artistica realizzata nell’ambito di “Matera Capitale europea della cultura”, legata ai temi della pace e dell’incontro fra culture.
Un vero e proprio percorso di simboli e sculture all’interno di un’area di 26 metri per 20 delimitata da cinque mila sacchi nei sette colori della pace. È Il Giardino di Zyz, l’opera dell’artista veneziano Gianfranco Meggiato, che dal Belvedere del Parco della Murgia Materana guarderà la città dei Sassi: una mano aperta, simbolo in molte culture di protezione, apertura e spiritualità.Un progetto artistico promosso da Ente Parco della Murgia, Comune di Matera e Associazione ITRIA (Associazione per il dialogo interreligioso e interculturale) e curato dalla critica e storica dell’arte Daniela Brignone. Così come con La Spirale della vita, realizzata per Manifesta 12 a Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018 in memoria di tutte le vittime innocenti di mafia, Meggiato crea opere monumentali ispirandosi a valori e temi che invitano alla riflessione e alla meditazione attraverso l’arte.
Per Meggiato Zyz – come gli antichi fenici definivano il fiore – è “l’essenza primigenia della conoscenza e della cultura. Il fiore che può e deve ancora sbocciare nel giardino di un presente lacerato da divisioni e incomprensioni, trovando ciò che unisce”. Per questo, all’interno della mano – che per i musulmani è la mano di Fatima, per gli Ebrei è la mano di Miriam, per i Cristiani Ortodossi è la mano di Maria e per i Cattolici, più in generale la mano dell’accoglienza verso l’altro – è un fiore che custodisce la scultura più alta dell’artista e il suo invito esplicito all’unità e al dialogo attraverso la frase “Tutto è uno”, scritta nelle trenta lingue più parlate al mondo.Di origini veneziane, Gianfranco Meggiato dal 1998 partecipa ad esposizioni in Italia e all’estero e ad eventi internazionali. Dal 2016 realizza opere urbane e installazioni di grande potenza evocativa. Nel 2017 ha ricevuto il premio ICOMOS-UNESCO “per aver magistralmente coniugato l’antico e il contemporaneo in installazioni scultoree di grande potere evocativo e valenza estetica”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 febbraio 2019

Roma Lunedì 18 febbraio 2019, alle 11.00, in via degli Aldobrandeschi 190, si terrà la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018 – 2019 dell’Università Europea di Roma.
Sarà aperta dal saluto e dalla relazione del Rettore Padre Pedro Barrajón LC.Il tema dell’incontro sarà “I Giovani e l’Europa”.
Ne parleranno l’On. Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo, Mons. Paolo Selvadagi, Vescovo Ausiliare della Diocesi di Roma per il Settore Ovest, e il Prof. Filippo Vari, Ordinario di Diritto Costituzionale all’Università Europea di Roma.“L’università – ha spiegato il Rettore Padre Pedro Barrajón LC. – deve essere al servizio della persona umana, del vero sviluppo sociale, culturale ed economico, della grande potenzialità che sono i giovani, vera speranza di una nazione.È più che mai necessario realizzare nella formazione universitaria quella combinazione tra competenze professionali, giustamente richieste dal mondo del lavoro, con una profonda visione etica che sia capace di umanizzare la cultura, l’economia, la politica, le relazioni”.L’Università Europea di Roma, infatti, ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali ma che orienti anche lo studente ad una crescita personale e sviluppi uno spirito di servizio per gli altri.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione nuovo centro medico vivavoce

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 gennaio 2019

Milano Mercoledì 30 gennaio 2019 – ore 11.00 via Giovanni Battista Pergolesi 8, (MM1-2 Loreto o MM2 Caiazzo) inaugurazione nuovo centro medico vivavoce.In Italia i disturbi specifici del linguaggio sono molto diffusi, colpiscono il 10% dei bambini in età prescolare e il 5-6% dei bimbi in età scolare. Ad oggi i disturbi del linguaggio, tra i quali la balbuzie viene comunemente inserita, sono considerati un insieme di sintomi. I bambini con disturbi specifici di linguaggio presentano difficoltà, di vario grado, nella comprensione, produzione e uso del linguaggio.Partendo dalla propria esperienza nella cura della balbuzie, quasi sempre trascurata clinicamente ma con importanti risvolti psicologici ed emotivi, il centro medico Vivavoce mette a disposizione il suo team multidisciplinare per affrontare anche altri disturbi del linguaggio e dell’apprendimento.L’inaugurazione del nuovo centro rappresenta un’occasione per conoscere meglio questi disturbi, con un occhio di riguardo alla balbuzie, e per approfondire il Metodo ideato da Vivavoce per combattere la balbuzie con la possibilità di provare (in un percorso esperienziale) alcune fasi del percorso riabilitativo.Parteciperanno:
Giulio Gallera, Assessore al Welfare, Regione Lombardia
Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche Sociali, Salute e Diritti, Comune di Milano
Pasquale Cannatelli, Direttore Sanitario Vivavoce
Valentina Letorio, Psicologa e Responsabile Clinico Vivavoce
Giovanni Muscarà, Fondatore Vivavoce
Testimonianze di chi ha superato la balbuzie.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione Sinagoga di Ostia Antica “Arte in memoria”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 gennaio 2019

Ostia Antica-Roma. Domenica 20 gennaio alle ore 11.00 sarà inaugurata, nella Sinagoga di Ostia Antica “Arte in memoria”, Parco Archeologico di Ostia Antica Viale dei Romagnoli 717, la rassegna biennale di arte contemporanea di respiro internazionale giunta alla sua decima edizione, a cura di Adachiara Zevi e organizzata dall’Associazione Culturale arteinmemoria.
ARTE IN MEMORIA partecipa al Giorno della Memoria, istituito dai Parlamenti europei nella data di apertura dei cancelli di Auschwitz, con la convinzione che un progetto sulla memoria non debba attestarsi a un livello meramente episodico e commemorativo, ma trovare una continuità nel tempo, impegnando ogni volta artisti diversi a cimentarsi con un tema così drammaticamente attuale e con un luogo così significativo dal punto di vista storico, artistico e simbolico.
La mostra, aperta al pubblico fino al 14 aprile 2019, è promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali – Parco Archeologico di Ostia antica, si avvale del patrocinio del Comitato di Coordinamento per le Celebrazioni in Ricordo della Shoah della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, della Comunità Ebraica di Roma, e ha il sostegno di: Forum austriaco di cultura, Istituto polacco di Roma, American Academy in Rome, Ferrovie dello Stato e Fondazione FS italiane.L’idea nasce dalla storia della Sinagoga di Stommeln, in provincia di Colonia, sopravvissuta al nazismo dove, dal 1990 ogni anno un artista è invitato a creare un lavoro originale per il luogo.Perché la memoria delle tragedie trascorse, recenti e in atto non si risolva nelle commemorazioni e nei discorsi rituali di un giorno, ARTE IN MEMORIA coinvolge la comunità degli artisti perché trasformi un luogo di culto in luogo di cultura, ripopolandolo con visioni ispirate alla storia ma radicate nell’attualità.
Gli artisti invitati alla decima edizione sono: Ruth Beraha (Milano, 1986), Norbert Hinterberger (Altmünster, Austria, 1949), Zbigniew Libera (Pabianice, Polonia, 1959), Karyn Olivier (Trinidad e Tobago, 1968) che, così come i 46 artisti che hanno esposto nelle 9 edizioni precedenti, creeranno un lavoro appositamente per il luogo sul tema della memoria. Si tratta di grandi installazioni collocate negli spazi della Sinagoga: la lunghissima rotaia di Libera a fianco del cancello; il grande muro-lavagna di Olivier lungo la cancellata che separa la Sinagoga dalla strada ad alta percorrenza; la grande buca dove è caduto Golia colpito da Davide di Beraha; l’anomalo capitello poggiato da Hinterberger in prossimità delle quattro alte colonne all’ingresso della Sinagoga. Il progetto di Karyn Olivier è stato reso possibile grazie al Fellows’ Project Fund dell’American Academy in Rome.Il catalogo di ARTE IN MEMORIA 10 sarà pubblicato in occasione dell’apertura di ARTE IN MEMORIA 11.Il sito http://www.arteinmemoria.it, documenta interamente le prime nove edizioni: gli intenti, il sito, gli artisti, le loro biografie e le opere esposte, i cataloghi relativi a ogni edizione, la rassegna stampa.
A memoria dell’iniziativa e come abbrivio di una possibile collezione di opere d’arte contemporanea in un sito archeologico, al termine dell’esposizione del 2002 hanno donato il loro lavoro Sol LeWitt (Senza Titolo), e Gal Weinstein (Blaster), cui si sono aggiunti: nel 2005 l’artista portoghese Pedro Cabrita Reis con Untitled; nel 2011 Liliana Moro con Stella polare; nel 2013 Michael Rakowitz con Gheniza per Ostia, mentre a conclusione dell’ottava edizione del 2015, Stih&Schnock hanno lasciato due esemplari di Sinergia. Infine, nel 2017, Ariel Schlesinger e Horst Hoheisel hanno lasciato le loro tracce nella Sinagoga. Le opere, in dialogo permanente con le rovine, sono visibili dalla strada che collega gli Scavi di Ostia all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione dell’archivio Maccarese

Posted by fidest press agency su martedì, 4 dicembre 2018

Fiumicino (RM) Mercoledì 7 dicembre a Fiumicino, ore 10.30 negli spazi da poco restaurati del Castello di San Giorgio Inaugurazione dell’archivio Maccarese. La storia di questa grande azienda romana è strettamente connessa con alcuni grandi temi della storia italiana del Novecento (le bonifiche e le migrazioni interne, le tecniche e le politiche di produzione agraria e zootecnica, le lotte sindacali del secondo dopoguerra) e altrettanto strettamente con la comunità che attorno alla sua attività si è sviluppata – in alcuni periodi vorticosamente – passando da meno di cento abitanti a fine Ottocento ai quasi cinquemila alla fine degli anni trenta del Novecento.
Nella giornata inaugurale dell’’archivio sono previsti due momenti. Il primo, a partire dalle 10.30, propone un incontro pubblico nel corso del quale Paolo Conti, giornalista del «Corriere della Sera», si soffermerà sull’importanza e l’’attualità dell’’apertura di un archivio come quello della Maccarese. Seguiranno le testimonianze di Silvio Salera, amministratore delegato di Maccarese Spa Società Agricola, e di Marco Tamaro, direttore della Fondazione Benetton Studi Ricerche, e la visita all’’archivio nella sua nuova sede.
Il pomeriggio, dalle ore 14.30, sarà riservato all’approfondimento scientifico con un seminario a invito, con l’’obiettivo di analizzare il lavoro compiuto, quanto ancora resta da fare e mettere a fuoco idee e suggestioni per le possibili prospettive di utilizzo e valorizzazione dell’’archivio, in relazione con istituzioni e territorio.
Il recupero e la valorizzazione dell’’archivio storico sono stati decisi dalla Società Maccarese con la collaborazione scientifica della Fondazione Benetton Studi Ricerche.
Nella seconda metà dell’Ottocento, 1500 capi bufalini, 900 capi vaccini, 300 pecore, 200 cavalli pascolano nei 5000 ettari della tenuta. Dove le condizioni di vita dei lavoranti sono drammatiche. Portata la capitale a Roma, il Governo Unitario, su proposta di Giuseppe Garibaldi, decide di deviare il Tevere e di bonificare l’’Agro Romano, infestato dalla malaria e abbandonato dalle popolazioni. Giungono da Ravenna i primi braccianti che a partire dal 1884 sono incaricati della bonifica dei territori di Ostia e Maccarese: ne giungono 500 ma presto un centinaio muore per malaria, polmonite e tetano.
Stato e Rospigliosi si palleggiano per alcuni decenni il finanziamento dei costosissimi interventi di bonifica. Nel 1920, 300 ettari vengono ceduti per la creazione del nuovo centro di Fregene. A metà degli anni venti, la proprietà dell’’immenso latifondo passa alla Società Generale Italiana Bonifiche che dà vita alla Maccarese. Arrivano da tutta Italia nuovi braccianti e presto la comunità locale raggiunge una consistenza mai vista. Attorno al Castello, nascono vari insediamenti, arrivano l’’acqua potabile e una rete di strade, la scuola, la stazione sanitaria e tutti i servizi necessari ad una piccola città. Nel marzo del 1930, Mussolini visita la Maccarese che pochi mesi dopo passa all’’IRI – Istituto per la Ricostruzione Industriale.
Per limitare le decise proteste salariali e per incardinare i lavoratori alla terra, si introduce la Compartecipazione Collettiva che presto si mostra incapace di rispondere alle attese sociali e viene perciò sostituita dalla mezzadria. Le mutate condizioni attraggono molti contadini soprattutto dal Veneto e molti dal Trevigiano. A metà degli anni trenta, la Maccarese gestisce 13 mila ettari e accoglie alcune migliaia di lavoratori.
Con l’’occupazione tedesca nel corso della seconda guerra mondiale, 200 ettari di terreno vengono allagati per ostacolare possibili sbarchi sul litorale romano. Bombardamenti e poi saccheggi mettono in crisi l’’azienda. Gli addetti scioperano e le tensioni crescono. Le lunghe lotte sindacali aprono la strada alla contrattazione nazionale e portano anche, in anticipo di anni rispetto ad altre realtà, al riconoscimento della parità salariale uomo-donna. Alla fine degli anni sessanta, viene perduto oltre un terzo della manodopera, i bilanci segnano profonde perdite che diventano insostenibili negli anni ottanta. Si tenta il rilancio, che fallisce, e nel 1999 Maccarese viene messa sul mercato e ad acquistarla è il Gruppo Benetton che tuttora la gestisce.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione Carlo Cecchi Matinée

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 ottobre 2018

Ostia Lido (Roma) 14 ottobre 2018 ore 11.30 domenica 14 ottobre 2018 ore 11.30 Fino al 4 novembre 2018 Sporting Beach Art Lungomare A. Vespucci 6. (Orari: sabato e domenica 11.00 -17.00, altri giorni su appuntamento) inaugurazione Carlo Cecchi Matinée a cura di Paola Pallotta. Con impegno convinto, lo storico stabilimento balneare Sporting Beach apre all’arte per la terza stagione consecutiva, con il preciso intento di ampliare lo sguardo e pensare un futuro migliore e realizzabile. SBA Sporting Beach Arte è un progetto culturale temerario, un luogo d’incontro per l’arte che accoglie quegli artisti che accettano di esporre all’interno di uno stabilimento balneare, a Ostia. SBA quindi non è una semplice galleria, ma un ambiente non convenzionale volto a stimolare la riflessione degli artisti sulle problematiche dell’ambiente naturale e sociale in cui opera, a dare visibilità e sostegno agli artisti e a portare i loro lavori e i loro linguaggi al pubblico della periferia, certo che lo scambio sia fonte di energie e nuove idee.
Esposte questa volta le opere di Carlo Cecchi, in una mostra unitaria di lavori inediti. Un unico dipinto a olio su tela, a fondo nero, Giallo mare, genera la serie di disegni in tecnica mista su carte lavorate a mano dall’artista, stratificate in fasi susseguenti. L’inchiostro, l’acrilico, la matita, la china, modellano su queste carte spesse forme e figure consuete all’artista – animali, tavoli, attrezzi da lavoro, nuvole, colline – ma nuove negli accostamenti, di fascinazione surrealista, e nella composizione, sbilanciata e dinamica. Nella tensione del segno si trovano la memoria e l’archivio delle immagini, degli eventi e delle loro relazioni apparentemente squilibrate, in realtà soltanto mutevoli, così come è mutevole, ma solida, la realtà tutta. La mostra restituisce i nuclei della poetica dell’artista tramite le tracce della sua arte e del suo vivere, nell’esperimento della ricerca del segno scuro, forza motrice che definisce il campo di energia attraverso sequenze formali dinamiche.
Carlo Cecchi è nato a Jesi nel 1949, vive e lavora nelle Marche e a Roma. Docente di Pittura negli Istituti d’arte e nei Licei artistici, si diploma all’Istituto d’arte di Ancona con il massimo dei voti, dopo essere stato bocciato in disegno alle scuole medie. Conosce lo scultore Edgardo Mannucci e il critico Vittorio Rubiu, che lo seguirà negli anni.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Inaugurazione anno accademico 2018-2019 Ateneo Pontificio Regina Apostolorum”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 ottobre 2018

Roma Via degli Aldobrandeschi 190. L’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum inaugura l’anno accademico 2018/2019, Relatio Annualis a cura del Magnifico Rettore P. Jesús Villagrasa LC, Lectio Magristralis a cura di S.E. R.ma Card. Luis Francisco Ladaria Ferrer, SI “Sancta Trinitas unus Deus”. “La relatio, in questo 25º anniversario dalla fondazione rivolge lo sguardo alle persone cha hanno percorso il camino che ci ha portato qui. La relatio si sofferma di più negli ultimi 5 anni che ho avuto l’onore di vivere come Rettore, e allarga lo sguardo alle sfide del prossimo futuro – apre il Rettore Villagrasa – Voglio invitarvi a manifestare i sentimenti e gli atteggiamenti di gratitudine, di impegno responsabile e di fiducia, che in diverse occasioni hanno sollecitato i papi san Giovanni Paolo II e Francesco: «Guardare il passato con gratitudine, vivere il presente con passione, abbracciare il futuro con speranza». Questo anniversario ci invita a ringraziare Dio, Uno e Trino, per i doni che ci ha elargiti, perché possiamo svolgere la nostra missione evangelizzatrice in obbedienza al mandato missionario di Cristo. Ringraziamo Maria Regina degli Apostoli che ci ha accompagnati e confortati. Con riconoscenza voglio ricordare i docenti che il Signore ha richiamato alla sua casa, i Professori emeriti che hanno dedicato, e continuano a dedicare, all’Ateneo gran parte dei loro anni, con viva dedizione, costanza e professionalità. Il nostro cuore è fiero quando pensiamo ai tanti nostri alunni oggi sacerdoti, consacrati e laici impegnati che attraverso la loro testimonianza e il loro ministero diffondono il Regno di Cristo nel mondo.” “Il nostro presente si inquadra nel Piano quinquennale 2014-2019. La pianificazione strategica, partendo dall’identità e missione e da un’analisi della situazione attuale, si propone di orientare gli sforzi dell’istituzione con l’intento di porre in essere la propria missione: formare apostoli, leader cristiani, religiosi e laici, al servizio della Chiesa per testimoniare il mistero di Cristo; creare correnti culturali di pensiero cristiano che, in piena comunione con il magistero della Chiesa e in risposta agli interrogativi teorici ed esistenziali dell’uomo, impregnino di spirito cristiano la società.“Per il futuro mi limito ad alcune sfide che provengono dalla nostra identità istituzionale e dagli orientamenti della Costituzione apostolica Veritatis Gaudium (VG). La maturità che vogliamo raggiungere a livello istituzionale ci richiede di affrontare quattro sfide specifiche: accrescere la nostra condizione di “laboratorio culturale”; potenziare il «dialogo a tutto campo, il potenziamento della ricerca e della interdisciplinarietà, e «la necessità urgente di “fare rete” tra le diverse istituzioni.” “Tutte queste sfide che ci presenta il futuro ci portano ad allargare il nostro spirito. Il nostro impegno è di essere un’università ecclesiastica, secondo lo spirito e gli orientamenti della costituzione apostolica Veritatis gaudium.” “Con questa fiducia nel Dio uno e trino, e nella Regina degli Apostoli, iniziamo l’Anno Accademico 2018-2019, XXVIº dalla fondazione, che in virtù dell’autorità che mi è stata conferita, dichiaro solennemente aperto.”

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Camerino: inaugurato il nuovo studentato

Posted by fidest press agency su martedì, 7 agosto 2018

Oggi a Camerino, nelle Marche, è stato inaugurato il nuovo studentato universitario, realizzato grazie al contributo finanziario della Provincia autonoma di Trento, di quella di Bolzano e del Land austriaco del Tirolo. Dal prossimo ottobre, con l’inizio del nuovo anno accademico, ospiterà 456 studenti. Alla cerimonia sono intervenuti il rettore Claudio Pettinari, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Salvatore Giuliano, il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, l’assessore provinciale alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi, il commissario straordinario alla ricostruzione Paola De Micheli, il capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui.
“Vi porto il saluto dei presidenti Kompatscher e Platter con i quali abbiamo condiviso la volontà di realizzare questo studentato – ha sottolineato il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi – Abbiamo deciso di rispondere affermativamente alla richiesta che ci era stata fatta perché per noi la speciale autonomia che caratterizza il Trentino significa, innanzi tutto, responsabilità e disponibilità a mettersi al servizio di chi ha bisogno di un aiuto. Il nostro sì è la risposta di un popolo abituato a darsi da fare e ad esercitare con responsabilità l’autogoverno. Sono convinto che i cittadini trentini siano orgogliosi di questa inaugurazione e che il valore dei territori ed il lavoro in squadra siano decisivi per il nostro Paese. Concludo con l’augurio di continuare a crederci come ci hanno creduto tutti quelli che in questi mesi hanno reso possibile la realizzazione di quest’opera”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione installazione scultorea dell’artista Alberto Timossi

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 Mag 2018

Roma venerdì 18 maggio 2018 alle ore 11.00 presso la Fontana della Minerva della Sapienza Università di Roma, sarà inaugurata l’installazione scultorea dell’artista Alberto Timossi “Fata Morgana/La fonte sospesa”, un’iniziativa curata dal direttore del Museo di Arte Classica, Marcello Barbanera.”Fata Morgana /La fonte sospesa“ pone l’attenzione su di un tema di grande attualità: l’acqua. La linea di galleggiamento/equilibrio dell’installazione, che equivale alla quota 2722 del precedente intervento sul laghetto del Rock Glacier del Col d’Olen, rimane fissa a mezz’aria, segnalata da una sottile linea nera. Il valore simbolico della Fontana, che rappresenta il desiderio di conoscenza, alimentato da Atena/Minerva, coincide qui con la necessità di studio e di indagine dei fenomeni che indicano il cambiamento.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa e inaugurazione sede “Pensionati d’Europa”

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 marzo 2018

Napoli sabato 24 marzo alle ore 10,30 sarà inaugurata la nuova Sede Nazionale del Partito Pensionati d’Europa a Napoli, in Via Gabriele Jannelli, 392.Nell’occasione il segretario nazionale Fortunato Sommella terrà una conferenza stampa sul tema: I “Pensionati d’Europa” e le novità politiche scaturite dalle elezioni del 4 marzo. Nell’occasione sarà presentato il programma del Partito in previsione delle prossime scadenze elettorali amministrative. “Senza la presenza di un forte Partito Pensionati, la politica continuerà a truffare i Pensionati ed a mentire sulla consistenza delle risorse necessarie a sostenere la spesa Pensionistica in Italia. Le Pensioni sono sotto attacco. E’ incredibile che ancora si pensi a ridurre o addirittura ad abolire le Pensioni ai superstiti”. Lo ha dichiarato il segretario nazionale Fortunato Sommella.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: inaugurata la Sala degli Orazi e Curiazi

Posted by fidest press agency su martedì, 21 febbraio 2017

orazi-e-curiaziDa oggi la Sala degli Orazi e Curiazi, all’interno dei Musei Capitolini, torna al suo massimo splendore per essere nuovamente ammirata nella sua bellezza e apprezzata con l’eleganza di una sua rinnovata veste. Ad inaugurare la Sala al termine dei lavori di restauro la sindaca di Roma Virginia Raggi, il vicesindaco Luca Bergamo, il Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali Claudio Parisi Presicce e il presidente della Federazione Italiana di Scherma, Giorgio Scarso.Un intervento di restauro, reso possibile grazie all’atto di mecenatismo di Mr. Alisher Usmanov che ha contribuito destinando a questo progetto la somma di 300.000 euro, consentendo così di ripristinare la bellezza del ciclo pittorico che era stato pesantemente interessato dagli effetti di infiltrazioni d’acqua dovute alla pioggia.Sono quindi terminati i lavori di restauro che hanno riguardato, in particolare, la fascia superiore delle pareti interne dove si trovano gli affreschi di Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d’Arpino e il soffitto ligneo cassettonato, realizzato nel 1884 in sostituzione di quello cinquecentesco. Il soffitto presentava un generale sbiadimento e diverse disconnessioni: mancavano molti motivi ornamentali ed era presente un diffuso deterioramento per l’attacco di insetti xilofagi.I lavori, avviati il 9 maggio scorso con la consegna della Sala alla ditta aggiudicataria della gara di appalto, si sono svolti in modalità “open”: anche per questo cantiere, infatti, la Sovrintendenza Capitolina ha previsto un passaggio all’interno della sala per dare ai visitatori l’opportunità di vedere i lavori in corso d’opera.Inoltre, per fare avvicinare il pubblico alla tecnica di esecuzione dell’affresco, sono state organizzate speciali visite didattiche che, grazie ad una passerella all’uopo predisposta, hanno “elevato” i visitatori all’altezza degli affreschi, regalando loro una esperienza memorabile e unica nel suo genere.“Oggi restituiamo ai romani e al mondo intero una delle più belle sale dei Musei Capitolini dopo gli importanti lavori di restauro – dichiara la sindaca Raggi – La Sala Orazi e Curiazi torna al suo antico splendore proprio quando manca poco più di un mese al 60°anniversario dei Trattati di Roma che ci stiamo preparando a celebrare. Un ringraziamento particolare va ad Alisher Usmanov che ha contribuito al restauro. Un esempio di passione per l’arte e di amore per la nostra città”.“Il mecenatismo è uno strumento fondamentale per mantenere nelle migliori condizioni il nostro eccezionale patrimonio storico-archeologico. Spero che a questi contributi ne seguiranno molti altri per aiutarci a tenere viva e a restituire al mondo la grande bellezza di questa città” conclude.
La Sala degli Orazi e Curiazi è collocata nel piano nobile del Palazzo dei Conservatori dove “l’Appartamento” costituisce il complesso delle sale di rappresentanza dell’antica magistratura civica. Destinata in origine alle udienze del Consiglio Pubblico, la Sala è decorata da un ciclo di affreschi affidato nel 1595 a Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d’Arpino (1568-1640), esponente di spicco del manierismo romano. La conclusione dei lavori era prevista per il Giubileo del 1600, ma nel 1613 erano compiute solo le prime tre scene. Dopo una interruzione di oltre vent’anni i lavori terminarono nel 1640.Il ciclo degli affreschi illustra alcuni noti episodi della storia delle origini di narrati da Tito Livio e resi come una serie di arazzi divisi da festoni di frutta e fiori, trofei d’armi e vasi. L’affresco che dà il nome alla Sala raffigura il combattimento tra gli Orazi e i Curiazi, episodio della guerra di Roma contro la vicina città di Albalonga, che si concluse con un duello tra i tre fratelli Orazi, vittoriosi, che rappresentavano Roma e i tre Curiazi per Albalonga.
Nei lati corti della Sala vi sono due magnifiche statue onorarie di Papi: l’una, in marmo, scolpita da Gian Lorenzo Bernini tra il 1635 e il 1640, raffigura Urbano VIII Barberini (1623-1644); l’altra, realizzata in bronzo tra il 1645 e il 1650 in onore di Innocenzo X Pamphilj (1644-1655), è opera dello scultore bolognese Alessandro Algardi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 febbraio 2017

universita-europeaRoma Giovedì 2 marzo 2017, alle 11.00, in via degli Aldobrandeschi 190, si terrà la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2016 – 2017 dell’Università Europea di Roma. Sarà aperta dal saluto e dalla relazione del Rettore Padre Pedro Barrajón LC.
Il tema dell’incontro sarà “Le sfide dell’università oggi: interculturalità ed etica”.
Ne parleranno Mons. Nunzio Galantino, Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana, e Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione.
L’incontro proseguirà con la menzione di merito dei migliori studenti e con l’intervento di un docente e di uno studente.
Parteciperà anche il Coro dell’Università Europea di Roma, con l’inno della Repubblica Italiana e un intermezzo musicale.
L’Università Europea di Roma ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali ma che orienti anche lo studente ad una crescita personale e sviluppi uno spirito di servizio per gli altri. (foto: università europea)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione solenne della Elbphilharmonie Hamburg

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2017

elbphilharmonie-hamburgelbphilharmonie-hamburg2Amburgo, Germania, /PRNewswire/ La Elbphilharmonie Hamburg è stata inaugurata con una cerimonia ufficiale e con il primo concerto. La Elbphilharmonie è il nuovo cuore della metropoli musicale nel nord della Germania. Questa spettacolare Konzerthaus coniuga eccellenza artistica e massima apertura nella sua architettura e nel suo programma. Progettata dallo studio di architettura Herzog & de Meuron e maestosamente situata tra la città e il porto, la Elbphilharmonie è composta da un vecchio magazzino portuale (Kaispeicher) e da una nuova struttura sovrastante in vetro, caratterizzata da un ampio tetto ad andamento ondulato. Oltre a tre sale da concerto, l’edificio ospita tra l’altro un hotel e una piattaforma panoramica aperta al pubblico, che sottolinea il carattere di “casa per tutti” del nuovo simbolo architettonico di Amburgo.I festeggiamenti per l’inaugurazione sono stati introdotti da una cerimonia ufficiale nella Grande Sala con i discorsi del Presidente della Repubblica Federale Joachim Gauck, del Sindaco di Amburgo Olaf Scholz, di Jacques Herzog dello studio di architettura Herzog & de Meuron e del Direttore Generale Christoph Lieben-Seutter. Erano presenti tra gli altri la Cancelliera Angela Merkel e numerosi ospiti di prestigio in campo politico e culturale.Nella Grande Sala la NDR Elbphilharmonie Orchester, sotto la conduzione del suo direttore d’orchestra principale Thomas Hengelbrock, si è esibita con il coro della Radio Bavarese e con rinomati solisti ospiti, come Philippe Jaroussky (controtenore), Hanna-Elisabeth Müller (soprano), Wiebke Lehmkuhl elbphilharmonie-hamburg1elbphilharmonie-hamburg3(mezzosoprano), Pavol Breslik (tenore) e Bryn Terfel (basso-baritono).Uno dei momenti chiave dell’evento è stata la prima esecuzione di un’opera su commissione composta per l’occasione dal compositore contemporaneo tedesco Wolfgang Rihm: “Reminiszenz. Triptychon und Spruch in memoriam Hans Henny Jahnn für Tenor und Großes Orchester” (Reminiscenza. Trittico e verso in memoria di Hans Henny Jahnn per tenore e grande orchestra). Di seguito l’orchestra ha suonato una serie di opere evocative di secoli diversi, che ha permesso al pubblico di apprezzare al meglio la magnifica acustica della Grande Sala, nata dalla collaborazione con Yasuhisa Toyota, consulente acustico giapponese di fama mondiale. La serata concertistica è culminata con l’esecuzione della parte finale della Nona Sinfonia di Beethoven, il cui coro conclusivo “Freude schöner Götterfunken” ha espresso in modo ineguagliabile l’atmosfera inaugurale della nuova Konzerthaus.Durante il concerto la facciata della Elbphilharmonie è diventata lo sfondo per un eccezionale spettacolo di luci. La musica che risuonava nella Grande Sala è stata tradotta in tempo reale in colori e forme e proiettata sull’edificio. Sotto gli sguardi estatici di migliaia di spettatori la Elbphilharmonie, nuovo simbolo architettonico amburghese, risplendeva sul magnifico sfondo della città e del porto.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurati “… tutti i presepi del mondo”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 dicembre 2016

inaugurazioneAssisi. Francesco d’Assisi era un innamorato e come tale desiderava ardentemente stare con il proprio amato, Gesù Cristo. Bramava una vicinanza non soltanto spirituale, ma che potesse coinvolgere tutto sé stesso, utilizzando i 5 sensi che il Signore ci ha donato. Lo Spirito Santo gli suggerì una via, molto semplice e concreta: il santo presepe vivente.Quasi 800 anni sono trascorsi da quella notte di Greccio, ma è con la medesima intenzione che oggi ha aperto i battenti la ricchissima mostra internazionale di presepi “… tutti i presepi del mondo …”, nei locali del Santuario e nel chiostro della Porziuncola.La benedizione di mons. Paolo De Nicolò – al termine della Messa solenne da lui presieduta – è stata accompagnata dal canto della Corale Porziuncola di un paio di canti tipici natalizi e dalla presenza del sindaco di Assisi – Stefania Proietti – e di Betlemme – Vera Baboun –, per la prima volta in visita nella città della Poverello. Entrambe mamme, entrambe docenti universitarie, entrambe cattoliche da sempre impegnate nel sociale, entrambe prime donne a ricoprire il ruolo di primo cittadino in due città di così grande importanza simbolica a livello internazionale.Le due città, gemellate dal 1988, sono unite da un forte legame spirituale che ha fatto sbocciare questa iniziativa, come testimoniava tempo fa il sindaco di Assisi: “Siamo in contatto dall’indomani della mia elezione. Entrambe pensiamo che l’incontro che avverrà proprio nella Città Serafica per celebrare una delle ricorrenze più importanti del tempo dell’Avvento, quella dell’Immacolata Concezione, assumerà un significato importantissimo in questo momento in cui il mondo ha bisogno più che mai di speranza e di pace. Il legame con la città di Betlemme, sulle orme di San Francesco, è fondamentale per le relazioni che la città di Assisi mantiene nel mondo e rafforza la rete che ci vede centrali nel dialogo interreligioso e interculturale in piena attinenza con lo ‘Spirito di Assisi'”.
inaugurazione1La mostra, ogni anno più ricca, nel 2016 giunge ad ospitare ben 72 nazioni che, con stili e sensibilità differenti, provano ad esprimere il mistero scandaloso di un Dio che si fa uomo per amore. L’Altissimo, che nemmeno i cieli possono contenere, che non resiste all’urlo di nostalgia della sua creatura e si fa carne e sangue per salvarlo dalla solitudine che l’abita nel profondo.Tanti i motivi per regalarsi – da oggi all’8 gennaio – qualche ora fra questi capolavori di creatività e preghiera – ci dice il responsabile della mostra, padre Massimo Lelli – alcuni si distinguono per il significato che nascondono:Il “Presepe degli Angeli”, realizzato per i più piccoli, nel chiostro di santa Chiara; quest’opera è un albero che affonda le RADICI nella “Festa degli Angeli” – nata nel 2010 per ricordare 3 bambini prematuramente scomparsi e pregare insieme alle loro famiglie – ed ha come FRUTTO il “Presepe degli Angeli” – un piccolo presepe in legno da regalare, con cui si raccoglieranno soldi per progetti di beneficienza.
Il grande presepe al centro del chiostro del Convento che il 26 dicembre, dalle ore 16, vedrà l’arrivo dei “Santi pellegrini”. Questi compiranno, insieme ai presenti, un simbolico pellegrinaggio dalla piazza della Porziuncola alla suddetta suggestiva capanna della Natività: si tratta di una rievocazione del cammino di Maria e Giuseppe verso la grotta di Betlemme.
Prima di salire ad Assisi per l’accensione dell’albero di Natale – offerto dalla regione Piemonte – nella piazza inferiore di San Francesco, il Sindaco di Betlemme si è fermata a mensa con i frati, insieme al Sindaco di Assisi, agli ospiti della Casa Papa Francesco e a mons. De Nicolò. Al termine del pasto ha voluto ringraziare la fraternità per l’accoglienza con il dono di una medaglia, la “stella di Betlemme”, e ricordare la sua gioia di poter condividere ad Assisi lo stesso gesto portatore di luce e di speranza fatto pochi giorni orsono nella sua cittadina. Che il Signore, che è venuto, viene ogni giorno e verrà alla fine per portarci con Lui, possa guidarci nell’Avvento ad un incontro sempre più vero e profondo con Quel bimbo, maestro di Vita Eterna. (foto: inaugurazione)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione mille presepi

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 novembre 2016

Roma 24 novembre alle ore 11,00, inaugura a Roma la storica Esposizione Internazionale “100 Presepi”, che si svolge da 41 anni nelle Sale del Bramante in Piazza del Popolo.
Alla cerimonia inaugurale interverrà : Sua Eccellenza Arcipresepe di salevescovo Mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita, Gran Cancelliere del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II ; la Ministra per le Riforme Costituzionali, Maria Elena Boschi; il sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia, Prefetto Cosimo Maria Ferri; una folta rappresentanza del Corpo Diplomatico, Autorità Ecclesiastiche e Istituzionali.
Durante l’inaugurazione i bambini della Scuola dell’Infanzia “Giuseppe Mazzini” di Roma realizzeranno un Presepe Vivente dal tema “Ad Amatrice, il Campanile scocca la Mezzanotte Santa”: è un abbraccio dei piccoli attori alle popolazioni colpite dal terremoto. In questa occasione verrà proposto di sostenere la campagna di raccolta della Regione Lazio a favore delle popolazioni colpite , pubblicizzando durante l’inaugurazione e per tutto il periodo di Mostra l’apposito IBAN dell’Ente.
150 presepi esposti , tutti nuovi, provenienti da 13 regioni italiane e da 40 paesi esteri, opere artistico-artigianali , classiche o di fantasia realizzate con materiali tradizionali o del viver comune del proprio territorio, in rappresentanza dell’arte presepiale mondiale.
Nell’ambito della Mostra, viene organizzato ogni anno un Laboratorio “Il Presepe come Gioco” dove i bambini, sotto la guida dei docenti e studenti dell’Accademia Belle Arti di Roma, costruiscono con materiali vari uno o più personaggi del presepe, che poi possono portare a casa (info 06.8542355).Quest’anno l’enciclica di Papa Francesco “Laudato sì, sulla cura della casa comune” ci ha suggerito di far utilizzare ai bambini, nella realizzazione dei personaggi del presepe, materiale riciclato per sensibilizzarli su questo importante problema che coinvolge tutto il mondo.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Inaugurazione dell’Anno accademico 2016/2017

Posted by fidest press agency su sabato, 1 ottobre 2016

università santa croceRoma Lunedì 3 ottobre 2016 si terrà l’inaugurazione dell’Anno Accademico 2016/2017 della Pontificia Università della Santa Croce, XXXII di attività.Dopo la Santa Messa nella Basilica di Sant’Apollinare (ore 9.30), presieduta dal Vescovo Prelato dell’Opus Dei, Javier Echevarría, Gran Cancelliere dell’Università, avrà luogo il solenne Atto accademico nell’Aula magna “Giovanni Paolo II” (ore 11.00).
La lezione inaugurale è affidata quest’anno al prof. Juan José Sanguineti, della Facoltà di Filosofia, sul tema “Volere e sentire”.
In concomitanza con il nuovo Anno Accademico, l’Ufficio Comunicazione ha anche lanciato la nuova pagina web dell’Università, raggiungibile al sito http://www.pusc.it, che si presenta molto più moderna e dinamica a livello grafico, fruibile da dispositivi mobili, e ottimizzata per rispondere in maniera immediata alle richieste degli utenti.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum:il Cardinale Gerhard Ludwig Müller presente all’inaugurazione dell’anno accademico

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 settembre 2016

Ateneo Pontificio Regina ApostolorumRoma 3 ottobre alle ore 10, si celebra l’inaugurazione dell’anno accademico 2016- 2017 con la Relatio Inauguralis del Rettore Magnifico P. Jesús Villagrasa L.C. e a seguire la Lectio Magistralis del S.E. Rev. il Card. Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, dal tema “Vivere l’Anno della misericordia con Maria”. Presente alla cerimonia il Gran Cancelliere dell’Ateneo e Direttore Generale della Congregazione dei Legionari di Cristo, P. Eduardo Robles- Gil, L.C., e altre autorità accademiche e civili di Roma. Anche per l’anno 2016-2017 il Regina Apostolorum, rinnova il suo impegno nel formare apostoli, leader cristiani, al servizio della società e a promuovere lo studio e la ricerca. Allo stesso tempo l’Ateneo si propone di continuare a sviluppare la sua “terza missione” favorendo la valorizzazione della conoscenza e cercando un contributo concreto allo sviluppo spirituale, economico, sociale e culturale della società. Questo lo fa promovendo il dialogo e la comunicazione con la cultura.
In quanto ateneo pontificio il “servizio”, si traduce in primo luogo come servizio alla Chiesa e alla sua missione in favore dell’uomo, facendo sì che questa diventi proprio quella “Chiesa in uscita”, di cui parla Papa Francesco (cf. Evangelii gaudium 20-24), rimarcando la dimensione sociale e culturale dell’evangelizzazione.
Per questa ragione l’Ateneo propone una variegata offerta formativa tra cui: corsi per i formatori di seminaristi, per sacerdoti e religiose; corsi che incentivino il dialogo interreligioso ed tra le novità va annoverato il corso di Omiletica organizzato dalla facoltà di Teologia. Mentre la facoltà di Bioetica ha programmato per luglio 2017 il corso estivo “Medicalizzazione nella sessualità”. L’Istituto di Studi Superiori sulla Donna propone invece la prima edizione del “Master di 1° livello in “Corpo, Relazioni e Genere: Psicologia e Diritto a Confronto” che partirà a febbraio 2017.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “Racconto” di Primo Formenti arriva all’ospedale Papa Giovanni XXIII

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 Mag 2016

primo formentiBergamo. E’ stata inaugurata all’Ospedale Papa Giovanni XXIII l’opera di Primo Formenti “Racconto”, installata nei pressi dell’ingresso sud, e donata all’Ospedale di Bergamo dalla ditta Cropelli S.r.l. di Palazzolo sull’Oglio (Brescia).
L’opera è divisa in due parti: la prima è costituita da un mosaico pavimentale che descrive l’insorgere della malattia, la fase travagliata del suo decorso e la guarigione. La seconda è costituita da una grande struttura d’acciaio in blu oltremare alta più di 2 metri e mezzo, che simboleggia la speranza e la gioia che accompagnano la salute riconquistata.“Quest’opera trasmette un messaggio di speranza e di ottimismo e la scelta di posizionarla lungo una della principali vie di accesso al nostro ospedale è particolarmente significativa – ha commentato Fabio Pezzoli, direttore sanitario dell’ASST Papa Giovanni XXIII -. Avevamo fatto una scelta simile già con l’opera Fukinagashi di Francesco Pedrini, preziosa rappresentazione della fragilità della condizione umana e della sua capacità di resistere anche nelle condizioni più difficili, che abbiamo collocato nei pressi dell’ingresso est. Sono messaggi di speranza che vogliamo trasmettere alle 10 mila persone che ogni giorno transitano da qui attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea, che ha trovato nel nostro ospedale un luogo privilegiato e non scontato di visibilità ed espressione. Grazie quindi alla famiglia Cropelli per il dono così prezioso che ha voluto fare al Papa Giovanni, a Bergamo, ai malati e alle loro famiglie”.
primo formenti1“Trovare le parole per esprimere il nostro stato d’animo non è facile – ha commentato Elena Cropelli della CROPELLI s.r.l. -. Quando una famiglia viene colpita dal dolore di una malattia, come lo è stato per noi, la forza, la speranza di vincere questo male non devono mai mancare. La sofferenza di una famiglia che conosce per la prima volta la malattia, gli sforzi e tutta la forza impiegata per curarsi, la speranza e la gioia di aver lottato per vincere sul male. È questo il messaggio che ci permettiamo di trasmettere alle famiglie, attraverso questo RACCONTO di Primo Formenti. Malattia, speranza…. RACCONTO. L’arte non ha limiti, può fare anche questo, aiutare con la sua libertà a donare messaggi di speranza e magari anche un sorriso a chi lotta ogni giorno per la sua vittoria”.Con quest’opera il Papa Giovanni aggiunge un’altra tessera al prestigioso patrimonio artistico che custodisce, costituito non solo da quadri, mobili e testi antichi, ma anche da importanti opere di artisti contemporanei come l’opera di Alberto Garutti ‘Ai Nati oggi’ nelle sale parto, il quadro di Yan Pei-Ming ‘Papa Giovanni XXIII’ in Hospital street”, il progetto di arte pubblica “The TUBE-ONE”, a cura dell’artista Manuel Bonfanti, il Fukinagashi di Francesco Pedrini e il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, in corso di fioritura, al Parco Ovest.
Primo Formenti nasce nel 1941 a Palazzolo sull’Oglio in provincia di Brescia, dove tuttora svolge la sua attività. Inizia la sua carriera artistica nell’ambiente parigino dei primi anni ‘60 dove risente del fermento culturale di quegli anni, che l’artista rielabora in una costante ricerca e trasformazione di colore e materia.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »