Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘india’

AHF Cheers Victory on LGBTQ Rights in India!

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 settembre 2018

“Stigma and discrimination are a tremendous obstacle to healthcare access in India, particularly for men-who-have-sex-with-men and transgender people. As a physician specializing in HIV/AIDS, I know that the repeal of Section 377 will result in lives being saved because people who feel marginalized by the law will now be more empowered to seek the help they need,” said AHF India Cares Country Program Director Dr. V. Sam Prasad. “I feel proud that AHF and our partners had an opportunity to contribute our energy and efforts to this important victory. There is still much more work needed to overcome stigma, but this is a historic milestone for human rights in India.”“This is the most important victory for LGBTQ rights in many years,” said AHF President Michael Weinstein. “To have India – the largest democracy in the world – enshrine persecution in law was a terrible stain on its reputation. There is much cause for rejoicing in this decision and my sincere thanks to everyone who contributed to bringing about this momentous victory for human rights.”Currently, AHF provides antiretroviral treatment and services to 2,074 clients in India, including a large number of men-who-have-sex-with-men (MSM) and transgender people. For nearly 15 years, AHF India Cares has been at the forefront of successful advocacy efforts, which included the national adoption of a community-based rapid HIV testing model, launch of a first-ever “Condom Bank,” and participation in patent oppositions and drug pricings initiatives. To address stigma and help empower the LGBTQ community, in 2013 AHF launched Impulse India as a safe community space for MSM with a focus on sexual health and wellbeing.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Casting a spotlight on media and religion in India

Posted by fidest press agency su domenica, 15 luglio 2018

chandan mitraNEW DELHI — How can media coverage of religion contribute to greater understanding and foster social harmony? This question, among others, animated a dynamic forum co-hosted by India’s Baha’i community on Saturday in New Delhi.The event highlighted how, in the media, faith is too often associated only with negative expressions of religious practice, such as superstition, prejudice, oppression, and exclusion. With a rising tide of religious extremism over the past decades, religious violence has also garnered an abundance of attention in the media.Yet religion is vast and multifaceted, and its many constructive contributions to communities and to civilization itself are overlooked in popular discourse and media. This reality rings especially true in Indian society, according to Saturday’s panel of speakers, which included prominent media figures, government officials, scholars, and faith representatives.According to the Director General of the Indian Institute of Mass Communication (IIMC) K. G. Suresh, part of the problem is the lack of understanding about religion among media practitioners. “Journalists should understand the true nature of religion – that it contributes to love and unity, it inculcates virtues and morality,” said Mr. Suresh in his opening remarks as the chair of the forum on Saturday. “Religion should not be identified with the false godmen who exploit people and engage in criminal activities. They should focus on stories of harmony and loving co-existence between people of different religious communities and not just look for cases of conflict.” Panelists discussed some of the challenges associated with the current media model. For instance, they explored how the publication of stories is often driven by sensationalism. The pace at which news is reported often compromises the need for depth, accuracy, and nuance in a subject as complex as religion. While identifying the shortcomings of current media, the panel acknowledged the difficulty of finding a way forward. One of their main conclusions was that journalists need forums to pause and reflect on their coverage and the impact it has on perception and behavior.IIMC and the Office of Public Affairs of the Baha’is of India jointly hosted the gathering, called “Covering Religion with Sensitivity and Understanding in an Interdependent World,” held at the Institute’s campus in New Delhi.“We are trying to learn with others how the spiritual principles found in major religions can be applied to the transformation of individuals and society and for the betterment of the world. Given the great power of the media in shaping public perceptions and discourses, the Baha’i community of India and the IIMC felt there is a great need to have a conversation with media professionals about the way they cover religion,” explained Nilakshi Rajkhowa, Director of the Baha’i Office of Public Affairs in India.
At the event, print and broadcast journalists spoke frankly about what they perceive as challenges in reporting on religion, including the over-coverage of conflict and under-reporting of harmony among religious groups. Several speakers argued that in India, where religion is a strong presence in people’s lives, media’s responsibility to cover religion in a thoughtful and accurate manner takes on special importance and contributes to the way groups perceive their relationships to one another and society at large.Panelist Chandan Mitra, a Member of Parliament and the editor and managing director of The Pioneer newspaper, spoke about the need to appreciate religion’s unique influence on society. “If we are aiming for a value-based society, we cannot ignore religion. Religion gives us our sense of dharma or morality.” Reflecting on the event afterward, Mrs. Rajkhowa said, “Journalists can benefit from such spaces for deep, conscious reflection on their profession.” In the coming year, IIMC and the Baha’i community of India plan to continue the discussion on media and religion in a series of roundtable events.

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Advan Srl guarda all’India

Posted by fidest press agency su domenica, 10 giugno 2018

Amaro (Udine) È nata da poco, ma già guarda all’espansione internazionale. Advan Srl, società specializzata nello sviluppo digitale nel campo dentale, nata lo scorso febbraio ad Amaro e controllata da Plan 1 Health, ha “messo i ferri in acqua” per un proficuo dialogo con l’estero durante l’ultima edizione di Expodental Meeting nel quartiere fieristico di Rimini. Advan era presente presso lo stand del socio Astidental, nel settore riservato al digital workflow, con il suo sistema per l’implantologia dentale GTB. Oltre ai contatti con i visitatori della kermesse, l’azienda friulana ha incontrato oltre 15 distributori di oltre 10 Paesi, con gli operatori che hanno manifestato interesse a inserire nella propria gamma di prodotti il sistema GTB: con loro hanno dialogato Clara Pascotto, Export Manager di Advan, e il Product Specialist dell’azienda, Edoardo Ruzza. Fra le relazioni intessute con i professionisti stranieri, di particolare rilevanza quelli con dealer provenienti dall’India, un Paese in forte espansione e che promette di essere uno dei mercati più interessanti dei prossimi anni. Ulteriori contatti sono previsti per il mese di luglio, quando Advan Srl parteciperà a una missione economica organizzata dall’Unidi (Unione Nazionale delle Industrie Dentarie Italiane) in collaborazione con l’Ice a Mumbai, dove l’impresa friulana presenterà e promuoverà i suoi prodotti.Buoni, quindi, i riscontri ottenuti a Rimini da Advan Srl nel contesto di Expodental Meeting, la più importante manifestazione fieristica del settore dentale a livello nazionale e fra le prime per rilevanza su scala europea. L’industria dentaria italiana, va ricordato, occupa posizioni di eccellenza: le qualità di aziende e professionisti collocano il nostro Paese al secondo posto in Ue dietro la Germania e al terzo nel mondo. A Expodental hanno preso parte oltre 300 aziende espositrici e l’iniziativa ha visto l’arrivo di oltre 80 buyer esteri provenienti da 28 Paesi che, oltre a visitare la fiera, hanno incontrato le realtà italiane del settore durante meeting mirati di carattere B2B; i visitatori totali dell’evento sono stati oltre 20.000.«I risultati ottenuti durante la fiera – sottolinea Mario Zearo, presidente e amministratore delegato di Advan Srl – ci consentono di tracciare un bilancio particolarmente positivo: l’interesse per i prodotti di alta tecnologia italiana è molto vivo e la presenza delle più significative industrie fornisce una immagine positiva a tanti dealer che vengono da Paesi lontani, che magari conoscono maggiormente l’Italia per prodotti legati alla moda o al design in generale. Perciò – conclude – con queste iniziative siamo in grado di presentare anche altre eccellenze, come per esempio i nostri prodotti nel settore dentale».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legg Mason: “Il segreto della crescita economica indiana? Le riforme”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 giugno 2018

LONDRA. Da quando è entrato in carica nel 2014, il governo del primo ministro indiano Narendra Modi ha prodotto molteplici riforme con l’obiettivo di rafforzare le infrastrutture e i fondamentali economici.In particolare, le restrizioni agli investimenti diretti esteri sono state ridotte o eliminate in un’ampia gamma di settori, quali la difesa, l’immobiliare, l’aviazione civile e l’edilizia. In conseguenza di ciò, nel 2017 l’India ha ricevuto afflussi record dagli investitori stranieri, risultando di nuovo tra i paesi con maggiori investimenti diretti esteri nel 2017, avendo ricevuto durante l’anno investimenti per circa 45 miliardi di dollari USA. Da notare come metà delle nazioni di questo elenco provengano dai mercati emergenti, e come in molti casi l’aumento degli investimenti esteri possa essere ricollegato a specifici interventi di riforma.
Senza dubbio, l’anno scorso la riforma che ha fatto più notizia nel mondo emergente è avvenuta in India.“L’introduzione della Goods and Services Tax (GST) nel Luglio 2017 ha segnato una nuova era nell’economia dell’India, sostituendo oltre una dozzina di tasse federali e statali” spiega Kim Catechis, Head of Emerging Markets di Martin Currie (gruppo Legg Mason) “Nel fare ciò, ha unificato un’economia da 2 trillioni di dollari e 1,3 miliardi di persone in uno dei mercati comuni più grandi al mondo”.Semplificando la struttura fiscale, la riforma mira a facilitare l’attività economica, ridurre il peso fiscale e aumentare i consumi. Allo stesso tempo, con la GST il governo indiano ha cercato di ridurre l’evasione fiscale, aumentare le entrate statali e, potenzialmente, aumentare il PIL.Ma forse l’esempio migliore dei grandi propositi del programma di riforme indiano è Aadhar – il più grande database di identificazione biometrica al mondo – che punta a dare a tutti i cittadini un’identità ufficiale e verificabile (fino a poco fa circa metà della popolazione indiana non aveva nemmeno un certificato di nascita).Da quando si è insediato al potere, nel 2014, il primo ministro Modi ha cominciato a realizzare questo sistema, e lo ha rapidamente affiancato con un programma di inclusione finanziaria chiamato Jan Dhan, che ad oggi ha creato oltre 300 milioni di nuovi conti bancari low-cost proprio grazie alle identità schedate attraverso Aadhar. A completare il quadro, l’implementazione di un app per i pagamenti in tempo reale che utilizza l’United Payments Interface realizzata dal governo.Le possibilità di digital banking tramite Aadhar sono dunque immense. A seguito del processo di demonetizzazione avvenuto nel 2016 (quando circa l’86% del denaro contante del paese fu rimosso dalla circolazione), la rimonetizzazione del paese è sempre più caratterizzata da uno spostamento verso le transazioni online, preparando così la strada per un boom dei pagamenti digitali e dell’e-commerce.
Lo slancio positivo proveniente dalle riforme è evidente non solo in India, ma in molti altri paesi emergenti. Tuttavia, le varie iniziative riformatrici sono molto diverse l’una dall’altra, e i benefici che ne derivano non vengono sfruttati da tutti i paesi e da tutte le aziende. “Ridurre le barriere commerciali, favorire i flussi di capitali, migliorare le infrastrutture e l’assetto istituzionale: con riforme come queste si producono cambiamenti sociali ed economici durevoli” conclude Catechis “Crediamo dunque che un approccio di investimento attivo, basato sull’analisi fondamentale focalizzata sui titoli, sia il miglior modo per individuare e cogliere le opportunità del momento”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

South Asian Modern + Contemporary Art and Arts of India

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 maggio 2018

London – On 12 June, Christie’s will host the 24th annual sale of South Asian Modern + Contemporary Art alongside the Arts of India auction as part of Indian Art London. These sales will offer collectors an exciting opportunity to buy classical Indian art from early Gandharan sculpture to Company School painting, all the way through to iconic modern paintings by leading artists Vasudeo S. Gaitonde, Tyeb Mehta, and a never before seen sculpture by Ravinder Reddy. The South Asian Modern + Contemporary sale features Untitled (Goddess), illustrated above, a formative example of the artists’ now iconic representations of deified Indian women (Lot 46, estimate: £25,000 – 35,000). Bringing together the ancient and the contemporary, and linking temple, kitsch and Pop art, Reddy’s larger than life sculptures command attention from the viewer and challenge traditional notions of beauty, femininity, and domesticity.

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EMQ Partners with Kotak Mahindra Bank to Boost International Remittances into India

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 aprile 2018

EMQ, a fintech innovator with an extensive financial settlement network in Asia today announced a strategic partnership with Kotak Mahindra Bank (Kotak) to expand EMQ’s network footprint in India. This partnership will aid in meeting the growing demand for instant remittances to the country from over 16 million Indians residing abroad.Max Liu, Co-founder and CEO of EMQ said, “India is one of the most important strategic growth markets for EMQ as it is the largest recipient of remittances in the world with US$65 billion currency flow into the country in 2017, according to the World Bank. Our partnership enables us to provide more accessible and affordable financial services to the millions of Indians based overseas and their families across India.”Virat Diwanji, Sr. EVP & Head – Branch Banking & Acquisitions, Kotak Mahindra Bank said, “Remittances play a vital role in contributing to India’s economic growth and there is a great demand among our customers for international remittances. Our partnership with EMQ will complement our offerings and further strengthen our capabilities in serving our customers on cross-border payments across EMQ’s extensive financial settlement network.”“At EMQ, we strive to launch services that add value to our customers with greater flexibility and cost savings. But most importantly, we want to ensure that the people of India who rely on remittances from their loved ones overseas will receive their money fast and securely,” Liu added.
EMQ currently has a footprint in Hong Kong, Indonesia, Vietnam and the Philippines, with plans underway to expand across the fastest growing trade corridors and economic zones, spanning Asia, Europe, North America and the Middle East. The company received its Money Service Operator license from the Hong Kong Customs and Excise Department in September 2014 and its Fund Transfer Operator license from Bank Indonesia in March 2017.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

GSMA Appoints Manoj Misra to Spearhead Public Policy Development for India

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 febbraio 2018

PD*10827762New Delhi. The GSMA today announced the appointment of Manoj Misra as the GSMA’s new Senior Public Policy Director for India. Misra, who was most recently General Manager and Head of Regulatory & External Affairs for Vodafone India, takes on his new role effective immediately, reporting to Emanuela Lecchi, Head of Public Policy, Asia Pacific. Misra will work with the GSMA’s operator members in identifying opportunities that will advance the development of the mobile communications industry in India.“Manoj Misra brings to the GSMA a combination of deep market knowledge and broad experience in the telecommunication sector, both of which will be critical as he works with GSMA members to identify opportunities and implement strategies and initiatives that would benefit the local mobile industry,” said Alasdair Grant, Head of Asia Pacific, GSMA. “His appointment comes at a critical time for the development of public policy in India, and his experience will add depth to the ongoing debate about fundamental industry issues, including the future regulatory regime, treatment of data, improvements to socio-economic development that the industry can make and the cost-efficient deployment of networks.” Manoj Misra joins the GSMA from Vodafone India, which is the Indian subsidiary of UK-based Vodafone Group plc, the world’s second-largest mobile phone company, and the second largest provider of telecommunications services in India. As General Manager and Head of Regulatory & External Affairs, Misra engaged with government officials and national regulators to lobby and support Vodafone’s commercial activities, while he undertook relationship building and public affairs work with government and public authorities Prior to Vodafone, Misra was Deputy Advisor (Financial Analysis) for Telecom Regulatory Authority of India (TRAI), the national regulator of the telecommunications sector in India. At TRAI, he developed cost based pricing models for telecommunications network services, advised on matters of revenue share and examined issues related to competition. Misra holds a Bachelor of Commerce from the University of Lucknow, India, and is a Chartered Accountant with The Institute of Chartered Accountants of India (ICAI), New Delhi.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Toyoda Gosei to Exhibit for First Time at Auto Expo 2018 in India

Posted by fidest press agency su martedì, 30 gennaio 2018

Various types of airbagsToyoda Gosei Co., Ltd. will make its inaugural appearance at India’s largest motor show, the 14th Auto Expo 2018 – Components, to be held at the Pragati Maidan exhibition and convention center in New Delhi from February 8 to 11. The company will display its main products in the booth of Uno Minda Group, its business partner in India. In the area of safety, Toyoda Gosei will use a 360-degree full-surround passenger protection concept model to show its various types of airbags, for which there is growing demand in India, and millimeter wave radar compatible emblems that can be used in driver assistance systems. Environmentally-friendly products on exhibit will include lightweight plastic fuel filler pipes, which contribute to better fuel efficiency, and headlamp LEDs for reduced power consumption.Toyoda Gosei considers India to be an important market, and is taking aggressive steps to strengthen its supply network there. This includes plans to start production of airbags and other products in the fall of 2018 at a new Gujarat Plant in western India (Gujarat state), its fifth location in the country. The company will continue to meet customer needs in India with the aim of further growing its business. (photo: Various types of airbags)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Applied DNA Expands Internationally with New Central DNA Testing Laboratory in India

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 gennaio 2018

DNAApplied DNA Sciences, Inc. (NASDAQ:APDN, “Applied DNA,” “the Company”) today announced the establishment of a Central DNA Testing Laboratory in Ahmedabad, India providing full forensic authentication services. The laboratory supports Applied DNA’s growing global textile business in the Asia-Pacific region with expansion capability for other supply chains present in the region, such as fertilizer and pharmaceuticals. Officially opening on February 15, 2018, the Central Laboratory is strategically located in the state of Gujarat, an economic hub for the development and advancement of cotton, other textiles, fertilizers, petrochemicals and pharmaceuticals.Dr. Ila Lansky, a forensic scientist with over 11 years of forensic DNA experience, will direct the Central DNA Testing Laboratory. She currently oversees all aspects of forensic analysis, testing, authentication and reporting for all samples submitted, following the standard operating procedures established by Applied DNA’s New York forensic laboratories. The Central DNA Testing Laboratory is a high throughput laboratory, providing customers with accurate reports in a short turnaround time.
“This is an important opportunity for Applied DNA to bring our proven technologies to the heart of India’s textile industry, and share our impeccable standards and operational protocols,” said Dr. Lansky. “The laboratory will have the ability to process thousands of samples, serving our textiles customers in the region.”The Indian textile industry is currently estimated at approximately $135 billion USD and is expected to reach $230 billion by 2023 (IBEF 2017). It is home to such global textile brands and manufacturers as The Himatsingka Group and GHCL Limited. Additionally, India is home to the sixth largest pharmaceutical market in the world, with an expected value of $550 billion by 2020 (IBEF 2017).“Opening a lab in Gujarat has both strategic and practical importance for Applied DNA,” said Dr. James A. Hayward, president and chief executive officer of Applied DNA. “Our partnership with Himatsingka has proven remarkably successful, with uptake in the commercial ecosystem and endorsement by big box retailers. Adoption of our technologies by other textile companies is growing. Working closely with such India-based industry majors as Himatsingka and GHCL, we know Applied DNA’s value in enabling source-verified supplied chains and contributing the steady growth and ensured protection of the circular economy. It only makes sense for Applied DNA to have a facility where so many of our current and future partners are based.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

India: i Dalit protestano contro la discriminazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 gennaio 2018

PUNE, IndiaIn seguito alle proteste di massa dei Dalit in India, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha invitato il premier Narendra Modi sia a porre fine alla perdurante discriminazione di questo gruppo di popolazione particolarmente svantaggiato sia di prendere pubblicamente le distanze dalla violenza degli estremisti hindù contro le minoranze etniche e religiose del paese. Se si continua a non perseguire, a non punire e a non condannare pubblicamente le violenze e le aggressioni dei nazionalisti hindù contro Dalit, Cristiani e Musulmani, l’India rischia di dover affrontare un anno particolarmente difficile, durante il quale le prossime elezioni politiche possono fungere da pretesto per un aumento delle violenze contro le minoranze. E’ evidente che la tutela delle minoranze in India è insufficiente e necessita urgentemente di interventi politici decisi.Negli scorsi giorni centinaia di migliaia di Dalit hanno protestato a Mumbai contro il perdurare della discriminazione nei loro confronti e contro la violenza da parte dei nazionalisti hindù. Le proteste hanno in buon parte bloccato il traffico della metropoli. Le proteste erano state scatenate dalla morte violenta del 28enne Rahul Phatangale. Il giovane dalit è stato ucciso a Pune lo scorso 1 gennaio 2018 da un presunto nazionalista hindù durante le commemorazioni del 200esimo anniversario della battaglia di Bhima-Koregaon. La battaglia del 1818 aveva segnato la vittoria dei Dalit e dei soldati britannici contro i membri di una casta alta.I circa 200 milioni di Dalit, che una volta venivano chiamati anche “intoccabili”, avevano posto grandi speranze nella vittoria elettorale del 2014 dell’attuale premier Narendra Modi. Ma le loro aspettative di una progressiva riduzione delle discriminazioni e di un miglioramento della loro situazione sociale sono andate deluse. Oltre al perdurare della discriminazione nel sistema scolastico e nel mercato del lavoro, i Dalit sono sempre più spesso vittime di aggressioni, omicidi, stupri, rapimenti e saccheggi da parte degli estremisti hindù. La disoccupazione tra i Dalit è tuttora il doppio rispetto alla media nazionale. Il crescente malcontento tra i Dalit sta causando sempre più proteste pubbliche. Solamente nello stato federale del Maharashtra nel 2016 ci sono state quasi 60 manifestazioni pubbliche dei Dalit.La violenza degli estremisti nazionalisti hindù colpisce in modo crescente anche chi appartiene a una delle varie minoranze religiose dell’India e la protesta cresce anche tra Cristiani e Musulmani. Se il governo indiano non adotta finalmente misure per porre fine alla crescente violenza estremista, la maggiore democrazia dell’Asia rischia di essere minata dall’instabilità sociale.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Svelare l’India. Viaggio tra le pagine del Fondo Mercanti

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 dicembre 2017

Roma Lunedì 4 Dicembre 2017, ore 16:00 Biblioteca di Area Umanistica – Sala Joris CoppettiVia Ostiense 236 “Giorgio Petrocchi” presenta il “Fondo Mercanti”, volumi di letteratura, linguistica, arte, storia, filosofia e religione indiani e di teoria postcoloniale, raccolti da Stefano Mercanti negli anni trascorsi in India e donati alla biblioteca.Saluta il Direttore del Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere, intervengono Barbara Antonucci e Maria Paola Guarducci.In occasione della presentazione, che cade nell’anno in cui ricorre il settantesimo anniversario della Partition, sarà allestita una piccola mostra dei volumi rari e di pregio e di quelli maggiormente rappresentativi. La mostra sarà aperta fino alla fine dell’anno (orario 9.30-19.30).

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“L’inizio della trasformazione dell’India”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 luglio 2017

MUMBAI, IndiaL’India ha cominciato il 2017 all’insegna della solidità. Dopo il periodo turbolento di fine 2016, quando il governo riformista è intervenuto in maniera radicale ritirando da un giorno all’altro l’86% della moneta in circolazione per contrastare l’economia sommersa, la crescita economica si è ripresa e le azioni hanno guadagnato terreno.Il programma di riforme del primo ministro Narendra Modi ha ottenuto un enorme voto di fiducia a marzo, con la vittoria nello Stato dell’Uttar Pradesh, che con i suoi 200 milioni di abitanti è il più popoloso dell’India. Erano 15 anni che il partito BJP di Modi non vinceva in questo Stato, eppure in questa tornata elettorale ha conquistato l’80% dei seggi. Con le prossime elezioni nazionali in programma nel 2019, Modi sembra avere buone probabilità di vincere un altro mandato di governo e avere il tempo per apportare cambiamenti reali.Nel commento in allegato, Natasha Ebtehadj, gestore azionario di Columbia Threadneedle Investments, ritiene che sia il momento più propizio per investire in questo paese da quando abbiamo lanciato la nostra prima strategia dedicata all’India nel 1998. L’India si trova a un punto di svolta. Modi e il suo partito BJP stanno attuando riforme rivoluzionarie, spazzando via la vecchia paralisi governativa. Tali conseguimenti fanno crescere la loro popolarità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una piccola Lourdes nel cuore dell’India

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 luglio 2017

vailankanni5L’India è una terra che ti lascia senza fiato. Scenari di ineguagliabile bellezza, in cui coesistono gli aspetti più selvaggi con quelli più struggenti, soffusi di pacata dolcezza, si schiudono davanti agli occhi dei suoi visitatori, fra colori accesi e profumi così intensi che impregnano l’aria fino a stordire, in una sarabanda di luci e di voci assordanti. L’immenso subcontinente indiano è anche una terra dai mille contrasti, abitata da molteplici contraddizioni. Per dirla con le parole del celebre scrittore Rudyard Kipling, è un luogo dove “palazzi e topaie, miseria e orgoglio, fianco a fianco, si ignorano”. Due secoli di colonizzazione inglese vi hanno lasciato in maniera indelebile la loro impronta. Infatti, al tempo dell’Impero Britannico, che raggiunse il suo apogeo sotto la regina Vittoria, alla fine del XIX secolo, allorché poteva estendersi su un quarto della superficie terrestre, l’India era considerata il “gioiello della Corona”. Due culture, l’indiana e l’anglosassone, modellavano il suo volto millenario, in una fusione irripetibile di Oriente e Occidente. Ma, accanto ai segni del fasto e della scintillante mondanità, c’erano quelli assai più dolorosi e lancinanti della povertà e del degrado. Calcutta, la capitale del Bengala resa celebre dall’opera missionaria della Beata Madre Teresa, era una delle città più splendenti al tempo della Corona, e conserva ancora oggi alcuni tratti di quella metropoli, monumentale e magnifica, che era stata un giorno sotto l’Impero Britannico. Sulla costa del Golfo del Bengala, 250 km a sud della città di Madras, c’è un luogo assai singolare, un piccolo paese di appena cinquemila abitanti che oltre venti milioni di pellegrini, da ogni angolo dell’India e da altri Paesi della terra, vengono ogni anno devotamente a visitare. Questo ridente paesino indiano ricco di palmizi si chiama Vailankanni e a noi Occidentali il suo nome probabilmente non dice molto, ma nell’immaginario religioso dell’immenso Continente asiatico è conosciuto e venerato come la “Lourdes d’Oriente”.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riflessioni dall’India: il denaro secondo Modi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 maggio 2017

Narendra ModiDa Venkatesh Sanjeevi, Senior Investment Manager. L’India si è ripresa dallo shock della demonetizzazione, la strategia messa in atto a novembre dell’anno scorso per scoraggiare l’uso di contanti e combattere la corruzione.Lo scorso novembre Narendra Modi ha provocato un terremoto economico in India. Ritirando improvvisamente dalla circolazione tutte le banconote da 500 e 1.000 rupie e concedendo alla popolazione solo un breve periodo di tempo per convertirle nei nuovi biglietti, il primo ministro indiano ha scatenato l’equivalente monetario di un evento sismico. Ma come accade spesso nelle catastrofi naturali, una volta superato lo shock iniziale, gli Indiani si sono rimessi in corsa adeguandosi alla nuova situazione. La ripresa è stata molto più rapida di quanto prevedesse la maggioranza degli esperti.L’ultima volta che sono stato nel Paese, il mese scorso, l’economia sembrava quasi tornata alla normalità. I dati confermano la mia impressione. In dicembre, dopo la demonetizzazione, il nostro indicatore anticipatore dell’economia indiana registrava il calo mensile più marcato dal 1987, ma entro febbraio si era già normalizzato. Le vendite di auto hanno evidenziato un andamento analogo, con un crollo del 18% a/a in dicembre e un recupero dello 0,9% annuo a febbraio. A posteriori possiamo affermare che il trauma è stato forte ma di breve durata, un po’come il crollo seguito alla crisi finanziaria globale, che ha avuto anch’essa un effetto transitorio sull’India.Il vigoroso rimbalzo dell’economia indiana dipende da come ha o non ha funzionato la demonetizzazione.Uno degli obiettivi principali dell’iniziativa era sradicare l’evasione distruggendo la ricchezza accumulata grazie al mercato nero. In teoria, chi non era in grado di spiegare la provenienza del denaro non poteva convertirlo in nuove banconote. L’86% circa dei 253 miliardi di dollari del denaro circolante nell’economia, vale a dire 218 miliardi di dollari, era soggetto alla demonetizzazione. Dato che 1/5 o 1/4 di tale importo è probabilmente frutto del mercato nero, il potenziale di distruzione di ricchezza era notevole.Tuttavia, il governo Modi sembra aver sottovalutato l’ingegnosità degli Indiani nell’eludere le regole. Alla fine quasi tutte le banconote sono state convertite o depositate, con il risultato che non c’è stata quasi nessuna distruzione di ricchezza, ma solo una certa redistribuzione, dato che qualcuno ha pagato per regolarizzare la propria situazione.Nello stesso tempo, la Reserve Bank of India è riuscita a stampare nuovi biglietti a sufficienza, smentendo i timori che il Paese sarebbe rimasto a corto di contanti per parecchio tempo. La disponibilità di denaro liquido sembra tornata alla normalità. Personalmente non ho visto code ai bancomat, e solo uno o due sportelli sembravano sprovvisti di denaro.Per altri versi, la riforma valutaria di Modi sta funzionando, dato che incentiva le transazioni digitali.Sono stato a Mumbai, Bangalore, Chennai e Mysore sia per lavoro che in vacanza e ho riscontrato ovunque il tentativo di ridurre l’uso dei contanti, nel quadro del più ampio programma di governo contro l’evasione e la corruzione, che prevede fra l’altro la digitalizzazione di massa delle impronte e dell’iride degli Indiani per combattere furti e frodi a danno dello stato sociale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

India Commerce Ministry Trusts Frost & Sullivan’s Analysis to Revamp Trade

Posted by fidest press agency su domenica, 19 marzo 2017

london-centralLONDON, UK What will it take to increase and regulate India’s exports? This is what the Ministry of Commerce, Government of India is trying to establish. To answer this Frost & Sullivan was asked to conduct an in-depth analysis to support its efforts to revamp the Directorate General of Foreign Trade (DGFT).In its recent consulting analysis, the global growth partnership and consulting firm suggests greater autonomy for DGFT. A body under the Ministry of Commerce, DGFT has up till now been assigned the role of facilitator instead of enforcer. All this is set to change with the recommendations of this report.In April 2015, the Narendra Modi government set the mammoth target of increasing India’s exports to USD 900 billion by 2020. Today, the global market is in flux; competition with peer countries is at an all-time high as trade policies are being changed. In this context, the move to revamp export promotion assumes great significance as India seeks to increase its share of global trade.“We have conducted an exhaustive and comprehensive analysis on the scope and nature of the functions and operational tasks undertaken by DGFT,” explains Mani James, Vice President, Public Sector Practice, Frost & Sullivan. “In light of the key underlying policy objectives and regulatory concerns, we had to ascertain the relevance of these activities in terms of their content and execution modalities.”According to Frost & Sullivan, India needs a vibrant organisation to promote its trade interests. The way forward is a mix of restructuring and reform with a dose of global best practices.Frost & Sullivan has also predicted the possible implications of bringing in the change:
1) A positive impact on India’s ‘Ease of doing business’ ranking, which is at an all-time low
2) Increased transparency, less policy paralysis
3) Professionalism within the administration, better governance, compliance and monitoring
4) Export promotion is essential in global trade and can help turn around the economy and provide more jobs (by Frost & Sullivan)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

India: The times they are a changin’

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 dicembre 2016

india-crescita-pilIl governo riformista del Primo ministro Narendra Modi ha lavorato molto intensamente per rendere possibile la rinascita indiana attualmente in atto. Dalla sua elezione di due anni fa, sono state introdotte norme di legge importantissime, finalizzate a superare la burocrazia che da molto tempo bloccava l’economia indiana. Cambiamenti grazie ai quali l’India potrebbe affermarsi come prossima grande protagonista dei mercati emergenti. Il crollo dei prezzi delle commodity ha fatto scivolare il Brasile e la Russia in una lunga recessione. La Cina è alle prese con il rallentamento della crescita e con un debito societario esorbitante. È forse questa un’opportunità per l’India, sinora all’ombra degli altri Paesi BRIC? L’anno scorso, per la prima volta dal 1999, l’India ha registrato una crescita più sostenuta di quella cinese (cfr. Fig.1). Potrebbe essere l’inizio di un trend. Il prodotto nazionale indiano dovrebbe continuare a espandersi a un ritmo superiore al 7%, più del doppio del tasso di crescita globale medio previsto da Pictet Asset Management per i prossimi cinque anni. In verità, l’India deve recuperare parecchio per farcela. Il PIL pro capite indiano è pari al 3% di quello degli Stati Uniti, più o meno quello che la Cina registrava 10 anni fa. Il fatto notevole, però, è che l’India ottiene questo livello di crescita senza ricorrere a interventi di stimolo fiscale o monetario. A differenza di molte altre grandi economie, l’India negli ultimi anni è riuscita a ridurre il suo deficit. Allo stesso tempo, ha mantenuto una politica monetaria relativamente restrittiva. E non è neppure probabile che abbia bisogno di ricorrere a motori di crescita rischiosi. L’elevato tasso di risparmio dell’India, pari al 31% del PIL, dovrebbe consentirle di crescere in modo organico, evitando di fare ricorso a ingenti finanziamenti di investitori esteri, scelta che spesso prelude a future crisi economiche. La rinascita economica dell’India deve molto al solido programma di riforme strutturali avviato dal Primo ministro Narendra Modi. Il programma prevede una riforma fiscale, una nuova legge fallimentare, una politica di controllo dell’inflazione, la liberalizzazione delle norme che disciplinano gli investimenti esteri diretti e, in generale, maggiori sforzi finalizzati a snellire una burocrazia che complica la vita a imprese e riformecittadini.Sebbene l’India abbia più volte inutilmente cercato di implementare delle riforme nel recente passato, la grande differenza che contraddistingue l’attuale amministrazione politica è che si tratta della prima maggioranza monopartitica in parlamento da quasi tre decenni. È questo che ha consentito a Modi di superare le resistenze politiche che avevano impedito i precedenti tentativi di riforma.Stando ai riscontri positivi dei sondaggi, è ipotizzabile che il governo riuscirà a portare avanti il suo programma di riforme, realizzando interventi di carattere fondamentale, destinati quindi a durare. Nel complesso, i progressi dell’India rispetto ai cambiamenti strutturali di cui necessita l’hanno portata quasi in testa alla classifica OCSE dei riformatori dei mercati emergenti.
Ciò in parte si deve agli sforzi compiuti dal governo per stimolare una maggiore competitività tra i 29 Stati che compongono il Paese. Una maggiore concorrenza interna sostiene a sua volta la competitività dell’India a livello globale. La principale riforma di Modi è l’introduzione di un’imposta nazionale unica su beni e servizi, la cosiddetta GST. La GST va a sostituire un sistema caotico e frammentario di dazi, imposte e maggiorazioni, che rendeva gli scambi commerciali tra i diversi Stati indiani quasi tanto complessi quanto gli scambi con l’estero. In effetti, la riforma fiscale di Modi sarà molto efficace nel processo di trasformazione dell’India in un vero e proprio mercato unico, rispetto a cio’ che spesso è apparso come una federazione di feudi in concorrenza tra loro. Le stime del National Council of Applied Economic Research insinuano che le riforme fiscali potrebbero fare aumentare il PIL annuale di circa 0,9 – 1,7 punti percentuali, mentre il volume degli scambi commerciali potrebbe aumentare anche del 6,3%. Passando ad altri ambiti, si riscontra un numero eccessivo di asset tossici di proprietà di “imprese zombie”, di cui le banche, immobilizzate da leggi fallimentari primitive, non riescono a liberarsi. Il nuovo codice in materia fallimentare e di insolvenze dovrebbe rendere più semplice per le banche recuperare le sofferenze, rendendole così più propense e capaci di finanziare nuovi progetti e attività imprenditoriali.Tra le altre misure si annovera l’attribuzione a ogni cittadino di un proprio codice fiscale, grazie al quale i contributi previdenziali potranno essere versati direttamente sui conti correnti privati, evitando in tal modo a burocrati corrotti di appropriarsene. Sembra inoltre garantita l’indipendenza della Reserve Bank of India. Il mancato rinnovo del mandato di Raghuram Rajan, governatore della RBI, aveva destato qualche preoccupazione; ma la nuova nomina, conferita a Urjit Patel, è stata una sorpresa gradita. Come Rajan, il nuovo governatore è considerato un “falco” nella lotta all’inflazione e, nel ruolo di vicegovernatore, è stato uno dei principali artefici dell’attuale regime di controllo dell’inflazione seguito dalla RBI.
La presenza di livelli di debito relativamente contenuti assicura all’India maggiori capacità di aumentare la spesa per le infrastrutture dagli attuali livelli ai minimi storici, favorendo così il processo di urbanizzazione. Le solide finanze del Paese sono inoltre favorite dall’elevato tasso di risparmio nazionale.
tasso-risparmio-famiglieLe prospettive dell’India sono buone anche su un orizzonte temporale a più lungo termine. Le dinamiche demografiche sono favorevoli: la popolazione relativamente giovane preannuncia diversi decenni di sviluppo dinamico. Per contro, la politica del figlio unico seguita dalla Cina ne ha spostato il profilo demografico, rendendo più critiche le prospettive a lungo termine del Paese.
Nonostante il ritmo incalzante delle riforme, l’India pone ancora gli investitori azionari di fronte a un dilemma. Apparentemente, i titoli azionari indiani possono sembrare onerosi, con quotazioni che superano del 10% circa quelle dei mercati sviluppati1 – pur essendo inferiori del 20% circa rispetto al sovrapprezzo di valutazione storico.Naturalmente, le valutazioni dovrebbero essere considerate nel contesto della performance – le azioni indiane storicamente hanno generato valori di rendimento e di crescita degli utili superiori a quelli delle controparti globali, e le imprese indiane dovrebbero continuare a essere favorite dal miglioramento del clima di investimento. Un ricco terreno di caccia che offre numerose opportunità di investimento è costituito dai trasporti – si prevede che, nei prossimi 15-20 anni, l’India avrà uno dei mercati dell’aviazione in più rapida crescita nel mondo. Il settore delle compagnie aeree sarà favorito da una classe media in forte espansione, che può e vuole spendere di più per evitare la scomodità dei viaggi in treno sulle lunghe distanze. La nostra ricerca suggerisce che la compagnia low-cost IndiGo, snella, con pochi asset e ben gestita, ha buone probabilità di generare rendimenti elevati e sostenibili. (grafico: crescita pil, riforme)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

International Diploma on Mental Health, Human Rights & Law

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

World Health OrganizationThe International Diploma on Mental Health, Human Rights and Law is currently accepting applications for the academic year 2016-17. The Diploma, now in its ninth year of existence, is a collaboration between the World Health Organization and the Indian Law Society, India. The course builds the capacity of students to advocate for human rights and to influence national legislative and policy and service reform in line with the UN Convention on the Rights of Persons with Disabilities and other key international human rights standards. It is a one year Diploma and includes two residential sessions and distance learning. Students to date have comprised health and mental health professionals, lawyers, mental health service users/survivors, government officials, social workers, human rights defenders and families and carers. The course is taught by a faculty of renowned international experts in the area. More information about the Diploma is also available at: http://cmhlp.org/diplomaThe prospectus and application form for the Diploma are attached. Applications can also be submitted online at: http://cmhlp.org/applications-and-fees/how-to-enroll. In addition, the Open Society Institute (OSI) will provide funding for two students from Central & Eastern Europe/former Soviet Union to participate in the course. These are fully funded fellowships and include tuition fees, travel, accommodation & living expenses for the residential sessions.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rientro marò dall’India

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 maggio 2016

marò“Per l’Italia è una festa, per Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale una doppia festa! Non abbiamo mai smesso di credere che l’arbitrato internazionale fosse l’unica soluzione. Siamo felici del rientro di Girone, ma vogliamo capire, anzi far capire a tutti gli italiani, chi siano stati i responsabili di omissioni, depistaggi, trattative sbagliate. Per ora possiamo soltanto gioire. Speriamo che l’appello di Giorgia Meloni sia accolto: per la parata del 2 giugno, sarebbe bello vedere Girone e Latorre sfilare insieme davanti alle alte cariche dello Stato. Noi ci ricorderemo chi ha indegnamente ricoperto quelle cariche fallendo obiettivo di chiudere questa vicenda molto prima”. È quanto dichiara la deputata di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Giovanna Petrenga.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Make in India Investment Conference

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 gennaio 2016

india-travel-insuranceMilano 18 gennaio, presso Palazzo Parigi, Investment Conference a cura del Ministero del Commercio e dell’Industria dell’India. Scopo dell’evento è di sottolineare le iniziative portate avanti dal Governo indiano sotto il brand Make in India, gli obiettivi di crescita fissati per l’industria indiana della pelle e le favolose opportunità dell’India – con garanzia di alta qualità – come luogo per conciare e produrre prodotti in pelle, nonché di agevolare il networking e creare ulteriori sinergie e collaborazioni vicendevolmente profittevoli. L’iniziativa Make in India s’inquadra nella rinnovata attenzione che il Governo indiano sta prestando al settore manifatturiero. Make in India intende invitare gli investitori sia nazionali sia stranieri a investire in India. I comparti della pelle, dei prodotti in pelle e delle calzature sono stati identificati quali settori d’intervento dell’iniziativa. La Conferenza promuoverà l’India come destinazione per il design, l’innovazione e la manifattura, illustrerà i vantaggi di un investimento in India, le strutture offerte agli investitori e le prospettive di crescita dell’industria della pelle. In India, le imprese italiane possono effettuare investimenti diretti al 100% per aprire stabilimenti manifatturieri di proprietà o per avviare joint venture con aziende locali.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Marò: Detenzione illegittima?

Posted by fidest press agency su sabato, 12 settembre 2015

marò“Il governo non è stato deciso quanto avrebbe dovuto nel pretendere in tempi brevi e certi dall’India la natura dei proiettili che sono il primo elemento attraverso cui stabilire l’innocenza o la colpevolezza di chi ha sparato. Se quanto affermato dall’ambasciatore ed ex ministro Terzi, sarà ufficializzato dal Tribunale di Amburgo, sarà oltremodo certificata l’ingiusta detenzione per ben tre anni e mezzo dei due servitori dello Stato, i fucilieri Girone e Latorre. Conseguentemente, ci aspettiamo- un minuto dopo – le dimissioni di Renzi e la revoca dalla carica di senatore a vita di Mario Monti”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »