Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Posts Tagged ‘infezione’

Covid-19: problematiche cardiovascolari dell’infezione

Posted by fidest press agency su domenica, 14 giugno 2020

È noto che il Covid 19 non provoca solo polmonite virale ma ha ripercussioni sul sistema cardiovascolare; sia i pazienti con i classici fattori di rischio cardiovascolare (diabete mellito, ipertensione arteriosa, obesità, età avanzata) che i pazienti con malattia cardiovascolare accertata costituiscono una popolazione vulnerabile in termini di maggiore morbilità e mortalità. Le complicanze cardiovascolari dell’infezione da nuovo coronavirus includono la sindrome coronarica acuta, la tromboembolia polmonare, la miocardite e i potenziali effetti aritmici del trattamento medico. Il Cardiocenter dell’ospedale Niguarda, che è sostenuto dalla fondazione De Gasperis, sta studiando i meccanismi biochimici che stanno alla base del danno cardio-vascolare. Si tratta di uno studio multicentrico europeo coordinato dal Parigi: Pierre Boutouyrie e Rosa Maria Bruno ( Université Paris-Descartes, Faculté de Médecine René Descartes, INSERM), cui partecipa il Niguarda COVID Resarch Group, seguito dai cardiologi Cristina Giannattasio e Alessandro Maloberti. In particolare, si studiano i mediatori dell’infiammazione e il ruolo della proteina spike. «Fin dall’inizio della pandemia COVID è apparso chiaro quante poche informazioni erano disponibili e quante invece fossero necessarie specialmente se si dovesse venire a determinare una recidiva nei prossimi mesi. Un altro punto caldo è quello relativo alle sequele a lungo termine nei sopravvissuti all’infezione – osserva il cardiologo Alessandro Maloberti -. Purtroppo non è ancora chiaro se vi potranno essere dei danni permanenti a livello polmonare ed ugualmente anche a livello cardiaco e vascolare. La necessità di ricerca su quanto accaduto e sulle sequele a lungo termine ha determinato a Niguarda la nascita del Niguarda COVID Research Group che si propone di raccogliere i dati di tutti i pazienti transitati da niguarda con questa patologia (ben 1000 persone circa) mentre le sequele a lungo termine saranno valutate con un programma di follow-up ambulatoriale pneumologico e cardiologico protratto nel tempo. Due particolari aspetti ci premono a livello cardiologico ovvero le sequele sulla funzione di regolazione autonomica (del sistema nervoso) del sistema cardio-vascolare e sulla sua risposta alla tempesta citokinica ed infiammatoria determinata dall’infezione. Nel primo caso ci proponiamo di valutare la frequenza cariaca, in quanto marcatore della regolazione cardiaca da parte del sistema nervoso centrale) e le sue variazioni nell’ambito del ricovero e nel successivo follow-up. Allo stesso modo la tempesta citokinica-infiammatoria potrebbe determinare danni a livello del sistema cardiaco e vascolare principalmente determinando fibrosi dei vasi e del tessuto del cuore. Tutti i pazienti seguiti presso il nostro ospedale faranno durante il follow-up a lungo termine una valutazione con ecocardiogramma e della rigidità arteriosa con metodica Pulse Wave Velocity».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’infezione da Covid-19 nei pazienti reumatologici

Posted by fidest press agency su domenica, 7 giugno 2020

Non è particolarmente frequente e il rischio di contagio non sembra essere aumentato. Quando però il virus colpisce questi malati la prognosi può essere severa. E’ quanto emerge da “Control-19”, il primo registro avviato al mondo sugli effetti del Coronavirus nei malati reumatologici. Il progetto è promosso dalla Società Italiana di Reumatologia (SIR) e i primi dati sono relativi a 165 pazienti in cura nel nostro Paese e che hanno contratto l’infezione. La ricerca è presentata oggi in una conferenza stampa on line della SIR che si tiene in occasione dell’avvio del congresso EULAR (European League Against Rheumatism). Nello specifico l’età media dei pazienti è di 62 anni e oltre l’80% proviene dalle Regioni del Nord più colpite dalla pandemia: Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Le patologie al momento dell’infezione erano: artrite reumatoide (35%), spondiloartrite (21%), connettiviti (19%) e vasculiti (12%). Più del 50% dei malati presentava almeno due comorbidità. I pazienti inclusi nello studio erano per il 70% ricoverati in ospedale e nel 7% dei casi si è resa necessaria la ventilazione meccanica in terapia intensiva. “Si tratta di dati preliminari e relativi a marzo e aprile, quando cioè la pandemia ha registrato gli effetti più devastanti su tutta la popolazione – afferma il dott. Luigi Sinigaglia, Presidente Nazionale della SIR -. Ora andranno analizzati nel dettaglio. La confluenza dei nostri dati nei registri internazionali, come quello patrocinato da EULAR, ci consentirà di disporre di informazioni molto preziose per tutta la comunità scientifica sulla base di un numero di casi molto maggiore. La Società Scientifica ribadisce l’invito a tutti i pazienti a proseguire con le terapie reumatologiche prescritte e a non modificare il trattamento in atto poiché la maggior parte delle infezioni si sono verificate in pazienti con malattia non completamente controllata”. Uno dei problemi emersi, negli ultimi due mesi in tutto il Vecchio Continente, è stata la carenza di alcuni farmaci e in particolare di clorochina e idrossiclorochina. Sono due molecole da anni utilizzate in reumatologia e di recente sono state sperimentate per la prevenzione o il trattamento di infezioni da Covid-19. La loro efficacia in realtà è risultata ridimensionata e adesso idrossiclorochina e clorochina non sono consigliate per uso comune al di fuori di studi approvati e tuttora in corso.”. “Anche altre terapie normalmente impiegate nel trattamento di malattie autoimmuni reumatologiche sono state sperimentate contro il Coronavirus – sottolinea Valesini -. E’ questo il caso dei farmaci inibitori di interleuchina 6 e del TNF-alfa. Potrebbero per la loro potente azione anti-infiammatoria avere un ruolo nella terapia dell’infezione. Tuttavia mancano al momento risultati definitivi”. “Molte di queste ricerche vengono condotte anche nel nostro Paese e questo dimostra come la reumatologia italiana sia davvero un’assoluta eccellenza del nostro sistema sanitario nazionale – prosegue il prof. Roberto Gerli, Presidente Eletto SIR -. La SIR si è fatta anche promotrice di due studi che sono stati approvati da AIFA sull’impiego di un ben noto farmaco reumatologico, impiegato nel trattamento di artriti da microcristalli e di malattie auto infiammatorie, la colchicina. Questi studi disegnati con rigore scientifico e patrocinati dalla Società, stanno reclutando nuovi pazienti e presto ci daranno risultati definitivi”. Proprio per facilitare il rapporto con i malati, la SIR avvierà poi nelle prossime settimane un nuovo progetto di telemedicina. Attraverso una piattaforma specifica sarà possibile organizzare televisite reumatologiche e rendere possibile lo scambio di informazioni cliniche tra personale sanitario e paziente. “E’ un esperimento interessante che auspichiamo possa presto essere esteso – sottolinea il professor Giandomenico Sebastiani, Segretario generale SIR -. L’emergenza Coronavirus ha dimostrato come si possono sfruttare alcuni sistemi di telemonitoraggio domiciliare per la gestione dei malati cronici da remoto. Si tratta però di strumenti supplementari al controllo medico diretto che deve comunque restare la base imprescindibile nel rapporto con il paziente”. “Il congresso EULAR quest’anno si svolgerà solo per via telematica e siamo riusciti lo stesso a coinvolgere migliaia di specialisti e pazienti – conclude la prof.ssa Annamaria Iagnocco, Presidente Eletto dell’Eular -. E’ l’occasione per analizzare e fare il punto su patologie in costante aumento in tutto il Vecchio Continente. Il ruolo dell’Italia è sempre di primissimo piano e il nostro Paese partecipa con numerosi contributi scientifici al più importante appuntamento della reumatologia europea”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo studio nazionale su infezione e immunità del virus

Posted by fidest press agency su sabato, 23 maggio 2020

48 laboratori italiani, afferenti ad alcuni fra i più importanti centri di ricerca e cura del Paese, hanno deciso di unire le risorse per lo studio collaborativo “Progetto Sierologia COVID-19”, con l’obiettivo di valutare se la presenza di anticorpi anti Sars-Cov2 protegge dalla reinfezione e per quanto tempo. Si tratta di un’informazione fondamentale per la ripresa delle attività lavorativo-sociali e la convivenza con il virus che ci aspetta nei prossimi mesi.Il progetto si basa sul test sierologico sviluppato da Istituto Europeo di Oncologia e Università di Pavia e messo a disposizione di tutti i laboratori di ricerca italiani. Un test che non richiede investimenti aggiuntivi in macchinari e materiali rispetto alle dotazioni normalmente presenti nei laboratori di ricerca. Il test ha una sensibilità e specificità elevatissima e costi enormemente inferiori rispetto ai test commerciali.
È proprio partendo dalle proteine glicosilate del virus SARS-CoV-2 che Federica Facciotti, immunologa dello IEO, insieme a Marina Mapelli e Sebastiano Pasqualato specialisti in biochimica del Dipartimento di Oncologia Sperimentale IEO, hanno messo a punto il test che valuta in maniera quantitativa il titolo degli anticorpi circolanti nel sangue. “Gli anticorpi che identifichiamo sono quelli che potenzialmente neutralizzeranno il virus, prevenendo seconde infezioni e quindi garantendo immunità nel breve termine” spiega Facciotti. “Diversamente dai test commerciali, il nostro esame può rilevare diversi tipi di anticorpi che caratterizzano l’intero spettro della risposta immunitaria all’infezione virale, con una alta sensibilità, cioè anche quando gli anticorpi sono presenti a livelli relativamente bassi, come ci si può aspettare da chi ha contratto la malattia in forma lieve, e con un alta specificità, ovvero escludendo anticorpi diretti contro altri virus della stessa famiglia di SARS-CoV-2, che causano le comuni sindromi da raffreddamento.”
L’adesione dei 48 laboratori al Progetto Sierologia Covid 19 fa seguito all’appello lanciato a governo e regioni da un gruppo di 290 scienziati il 26 marzo scorso affinché venissero aumentati i tamponi virali e introdotti i test sierologici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Valutare il possibile trattamento dell’infezione da Coronavirus con la colchicina

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2020

È questo l’obiettivo primario che si pone il nuovo protocollo di studio “COLVID-19”. Il progetto è promosso dalla Sezione di Reumatologia del Dipartimento di Medicina dell’Università di Perugia e realizzato sotto l’egida della SIR (Società Italiana di Reumatologia, che finanzia anche la ricerca), della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) e dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO). L’obiettivo è reclutare 308 pazienti ospedalizzati, colpiti da COVID-19, per i quali però non è ancora necessario il trattamento in terapia intensiva. “La colchicina è un vecchio farmaco che da molti anni utilizziamo contro alcune patologie infiammatorie acute, come gotta e pseudogotta, e altre forme infiammatorie croniche – afferma il prof. Roberto Gerli, Presidente Eletto di SIR e uno dei Principal Investigators dello studio -. Presenta delle peculiarità e delle potenzialità estremamente interessanti. Il farmaco può avere un’azione antivirale, ma contemporaneamente è in grado di bloccare la risposta infiammatoria del sistema immunitario senza però causare una immunodepressione. Sono tutte caratteristiche che possono essere sfruttate per limitare e quindi prevenire alti livelli di infiammazione responsabili dei danni d’organo determinati da un agente patogeno estremamente pericoloso e insidioso come il Coronavirus”. Lo studio COLVID-19 si svolgerà sull’intero territorio nazionale e potranno partecipare tutti i centri che inoltreranno una richiesta. “Dai dati finora disponibili emerge che circa il 25% dei pazienti ricoverati, a causa del virus, ha un peggioramento clinico che causa la necessità di ventilazione meccanica o il ricovero in terapia intensiva – prosegue il prof. Gerli -. Come comunità scientifica dobbiamo quindi trovare nuovi trattamenti per ridurre l’infiammazione polmonare e di altri organi e di conseguenza le ospedalizzazioni. Così sarà possibile dare nuove chances di sopravvivenza agli uomini e donne colpiti dal COVID e ridurre accessi e ricoveri nelle strutture sanitarie. Stiamo inoltre già lavorando a nuovi progetti di studio per il coinvolgimento di pazienti anche a livello domiciliare”. “La SIR e tutta la reumatologia italiana sono in prima linea per arginare questa terribile pandemia – conclude il dott. Luigi Sinigaglia, Presidente Nazionale SIR -. Siamo all’avanguardia nel mondo per il livello di ricerca scientifica prodotta e nel nostro Paese sono attive strutture sanitarie di riferimento a livello europeo. Fin dall’inizio dei boom di contagi alcuni farmaci anti-reumatici sono finiti sotto osservazione. Al momento diversi studi sono in corso per dimostrare se alcuni trattamenti utilizzati per la terapia di alcune patologie reumatologiche possono essere utilizzati anche per contenere l’infiammazione da COVID-19. Il nostro auspicio è di riuscire a breve a produrre evidenze scientifiche rilevanti da mettere poi a disposizione dell’intera comunità scientifica”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tracciamento digitale per individuare l’infezione da Coronavirus

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 aprile 2020

«Il commissario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri ha firmato un’ordinanza per la concessione gratuita di un’app di tracciamento digitale che dovrebbe aiutare a rintracciare individui potenzialmente infetti prima ancora che emergano sintomi. Benché l’installazione dell’app sia volontaria, quando si entra nella sfera del trattamento dati – soprattutto quelli sanitari – occorre andarci con i piedi di piombo perché il rischio è sempre molto alto. Per questo è assolutamente impensabile che basti una semplice ordinanza per diffondere il software: un passaggio in Parlamento è d’obbligo. Chi gestirà i dati? Come viene garantita la privacy dei cittadini? Tutti sanno che uno dei più grandi business del nostro tempo sono i dati personali, ed è bene che in un contesto come quello del Covid-19 i dati sensibili dei cittadini siano tutelati e non entrino in nessun modo nelle disponibilità di società private. Auspico che almeno su questa materia il Governo provveda subito ad avviare il confronto con il Parlamento».
Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Test molecolare scopre l’infezione in 90 minuti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 aprile 2020

Solo novanta minuti per sapere se una persona è positiva al coronavirus. È il tempo richiesto dal test “pronto all’uso” per la diagnosi dell’infezione da Covid-19 (STAT-NAT© COVID-19, certificato CE-IVD a fine marzo), disponibile in Italia e in Europa. È stato sviluppato da un’azienda milanese, Sentinel Diagnostics, in collaborazione con alcuni dei più importanti laboratori ospedalieri del nostro Paese impegnati nell’individuazione e trattamento di infezioni da Covid-19. “È un test di diagnostica molecolare, da eseguire in laboratorio – afferma Maurizio Gramegna, Chief Technology Officer di Sentinel Diagnostics -. Il tecnico estrae dal tampone rinofaringeo l’acido nucleico RNA, che poi viene inserito nella provetta di reazione. Il tempo per il risultato finale è di circa un’ora e mezza. È molto rapido, proprio perché è ‘pronto all’uso’, e la provetta contiene già tutti i reattivi necessari. In questo modo, i tempi sono dimezzati rispetto agli altri dispositivi utilizzati finora, che, invece, richiedono fino a 5 ore e prevedono diverse componenti liquide, che devono essere miscelate e ricostituite all’interno della provetta, sottraendo così tempo prezioso al lavoro del tecnico”. Sono disponibili due versioni del kit, a elevatissima sensibilità e specificità: STAT-NAT© COVID 19 HK (che segue il protocollo di Hong Kong) e STAT-NAT© COVID 19 B (basato sul protocollo di Berlino). “Entrambi sono in linea con i protocolli internazionali e permettono di analizzare tutte le sequenze di geni di Covid-19 definite a livello globale – spiega Maurizio Gramegna -. Infatti possiamo scoprire, attraverso il test di biologia molecolare PCR, tutte le sequenze specifiche del coronavirus. I due kit si basano sulla tecnologia brevettata STAT-NAT©, che garantisce il trasporto e la conservazione dei test a temperatura ambiente, assieme ad un’elevata sensibilità del test diagnostico, anche in presenza di campioni poco concentrati”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Kedrion: in 3-6 mesi terapia efficace contro Covid-19

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 aprile 2020

Potrebbe arrivare prima del previsto una terapia efficace per l’infezione da SARS-CoV-2, quella rappresentata dall’utilizzo di “plasma da convalescente” (donato da persone che hanno superato la malattia e quindi ricco di anticorpi anti-virus), che richiede l’utilizzo di metodiche per l’inattivazione di patogeni, e dalle immunoglobuline estratte dal plasma di persone guarite ed immuni al virus prodotte a livello industriale.Questo il piano di intervento Kedrion Biopharma ha messo a disposizione per fronteggiare la grave emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19.“Nel passato sono state numerose le patologie che hanno beneficiato di questo tipo di trattamento – dichiara il dott. Alessandro Gringeri, Chief Medical and R&D Officer di Kedrion Biopharma. “La probabilità di efficacia è molto elevata, vicina al 90-95%. Ciò ci ha spinti a concentrare risorse e investimenti per disporre nell’arco di 3-6 mesi di un concentrato di immunoglobuline iperimmuni con alto contenuto di anticorpi specifici neutralizzanti il SARS-CoV-2, in grado di contrastare la malattia in casi sintomatici gravi e – in futuro – di bloccare l’evoluzione della sintomatologia sia nei pazienti già ospedalizzati con Covid-19 sia nei soggetti a maggiore rischio”.“Come Kedrion – ha concluso Gringeri – ci siamo subito attivati consapevoli che il plasma è un materiale biologico prezioso, le cui proprietà biochimiche e i cui usi terapeutici sono in larga misura inesplorati, il suo potenziale è quindi ancora enorme e siamo convinti possa essere di grande aiuto anche in questa occasione”.La stessa terapia è stata utilizzata con successo per migliorare il tasso di sopravvivenza dei pazienti con sindromi respiratorie acute ugualmente gravi dovute ad altri coronavirus, quali SARS e MERS, e per ridurne la degenza ospedaliera.In attesa dell’avvio della produzione industriale sono molto positivi i risultati registrati dalla somministrazione di plasma iperimmune da convalescente a pazienti con COVID-19 in condizioni critiche effettuato da alcuni centri in Lombardia. In questi casi Kedrion Biopharma ha fornito e installato a tempo di record dispositivi capaci di trattare il plasma da soggetti COVID-19 convalescenti, inattivandolo viralmente in modo da poterlo infondere in sicurezza in pazienti in condizioni critiche. I centri trasfusionali di Mantova, Padova e Pisa hanno ricevuto gratuitamente la strumentazione per questa procedura, unitamente ai kit utili alla preparazione di circa 3.200 unità di plasma convalescente. I centri che hanno già a disposizione le macchine si stanno dotando dei kit necessari per l’inattivazione virale del plasma. Un protocollo clinico-sperimentale è stato già sviluppato dal Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del San Matteo di Pavia in collaborazione con altre strutture come quelle di Lodi e Mantova, e dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova.Questo plasma potrà essere utilizzato nella gestione dei pazienti più critici.Per aumentare la disponibilità di plasma da convalescente – principale alleato nella lotta a questa epidemia infettiva – Kedrion Biopharma metterà a disposizione del Servizio Trasfusionale Italiano le proprie tecnologie per realizzare l’inattivazione virale e i test aggiuntivi richiesti, incluso il titolo degli anticorpi totali e neutralizzanti specifici.Il procedimento potrà essere effettuato presso lo stabilimento produttivo di Sant’Antimo (Napoli), dove il plasma da pazienti Covid-19 convalescenti verrà analizzato per la presenza di virus trasmissibili con il sangue e trattato con solvente/detergente (S/D) per eliminare qualsiasi virus. In un prossimo futuro, con la disponibilità presso i Servizi Trasfusionali di test per titolazione di anticorpi anti-SARS-CoV-2, potrebbe essere utilizzato anche il plasma di donatori COVID-19 asintomatici e divenuti negativi alla PCR

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cosa fare se si sospetta di aver contratto l’infezione?

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 marzo 2020

Secondo l’OMS si è in presenza di un caso sospetto, che deve quindi essere sottoposto a test, quando si verifica uno di questi casi:
• il paziente presenta una infezione respiratoria acuta (febbre ed almeno un sintomo di difficoltà respiratoria, come tosse o mancanza di respiro) e nei quattordici giorni precedenti l’insorgere dei sintomi sia stato in un’area o in un Paese dove vi sia trasmissione comunitaria locale del virus;
• il paziente presenta una infezione respiratoria acuta di qualunque tipo ed è stato in contatto con un caso probabile o confermato di COVID-19 nei quattordici giorni precedenti l’insorgenza. In base alla definizione dell’OMS, “contatto” è una persona che, nei due giorni precedenti e nei 14 successivi all’insorgere dei sintomi in un caso probabile o confermato:
• abbia avuto un contatto faccia a faccia con il caso probabile o confermato a distanza inferiore ad un metro per più di 15 minuti;
• abbia avuto un contatto fisico diretto con il caso probabile o confermato;
• abbia avuto in cura il caso sospetto o confermato di COVID-19 senza aver utilizzato gli appropriati dispositivi di protezione individuale;
• altre situazioni definite a livello locale;
• il paziente presenta una infezione respiratoria acuta grave (febbre ed almeno un sintomo di difficoltà respiratoria, come tosse o mancanza di respiro), tale da richiedere il ricovero, e non c’è una diagnosi alternativa che spieghi completamente la presentazione clinica.In questi casi, le indicazioni del Ministero della Salute sono di non recarsi al Pronto Soccorso, ma di chiamare il medico di base, il pediatra di libera scelta, la guardia medica o i numeri regionali di emergenza, disponibili sul sito del Ministero della Salute.Se invece i sintomi sono lievi e non si è stati recentemente in zone a rischio epidemiologico, e non si sono avuti contatti con casi confermati o probabili, il consiglio del Ministero della Salute è di rimanere a casa fino alla risoluzione dei sintomi applicando le consuete misure di igiene delle mani e delle vie respiratorie.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus, ricerca: il particolato atmosferico accelera la diffusione dell’infezione

Posted by fidest press agency su sabato, 21 marzo 2020

Una solida letteratura scientifica descrive il ruolo del particolato atmosferico quale efficace “carrier”, ovvero vettore di trasporto e diffusione per molti contaminanti chimici e biologici, inclusi i virus. Il particolato atmosferico, inoltre, costituisce un substrato che può permettere al virus di rimanere nell’aria in condizioni vitali per un certo tempo, nell’ordine di ore o giorni.Un gruppo di ricercatori ha esaminato i dati pubblicati sui siti delle ARPA – le Agenzie regionali per la protezione ambientale – relativi a tutte le centraline di rilevamento attive sul territorio nazionale, registrando il numero di episodi di superamento dei limiti di legge (50 microg/m3 di concentrazione media giornaliera) nelle province italiane. Parallelamente, sono stati analizzati i casi di contagio da COVID-19 riportati sul sito della Protezione Civile. Dall’analisi si è evidenziata una relazione tra i superamenti dei limiti di legge delle concentrazioni di PM10 registrati nel periodo tra il 10 e il 29 febbraio e il numero di casi infetti da COVID-19 aggiornati al 3 marzo (considerando un ritardo temporale intermedio relativo al periodo 10-29 febbraio di 14 giorni, approssimativamente pari al tempo di incubazione del virus fino alla identificazione della infezione contratta).In Pianura padana si sono osservate le curve di espansione dell’infezione che hanno mostrato accelerazioni anomale, in evidente coincidenza, a distanza di 2 settimane, con le più elevate concentrazioni di particolato atmosferico, che hanno esercitato un’azione di boost, cioè di impulso alla diffusione virulenta dell’epidemia, come sottolinea Leonardo Setti dell’Università di Bologna: “Le alte concentrazioni di polveri registrate nel mese di febbraio in Pianura padana hanno prodotto un’accelerazione alla diffusione del COVID-19. L’effetto è più evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stati Uniti d’Europa. Coronavirus: perché non capiscono?

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 marzo 2020

Prima erano convinti che il problema della infezione da Coronavirus era solo cinese, poi sono andati alla ricerca dell’untore zero, da quale sarebbe partita la diffusione virale, attribuendo a questo o quel Paese europeo il primato dell’infettato. Non hanno capito che l’infezione era a ventaglio, che prima o poi sarebbe toccata a tutti. Ci riferiamo ai 28 paesi dell’Unione europea (ci mettiamo, momentaneamente, anche il Regno Unito), o meglio ai loro governanti, ma facciamo riferimento anche agli USA.Possibile che l’espressione più alta della rappresentanza politica ed elettorale europea, e non solo, non abbia capito la gravità della situazione?
Si, è stato possibile. Sorge spontanea la domanda: ma chi eleggiamo per governare?Se ci rappresentano, vuol dire che siamo così anche noi, o perlomeno, in buona parte.In Italia i partiti, o movimenti, che hanno sottovalutato il problema rappresentano il 74% degli elettori.Molti di loro, addirittura, vorrebbero tornare indietro, all’Italia dell’800. Abbiamo sentito dire, in campagna elettorale, lo slogan “vogliamo coltivare ciò che mangiamo e mangiare ciò che coltiviamo”. Il che significa fare la fame; ma è arrivata una valanga di voti.Ancor oggi si pensa che i problemi del nostro Paese si risolvano isolandosi: il sovranismo, ovvero il nazionalismo, è la proposta.Se non basta questa esperienza virale, quale nuovo passaggio servirà per convincere che uniti si vince e che affrontare i problemi insieme è la carta vincente? Se non ora, quando ci convinceremo che servono gli Stati Uniti d’Europa? (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ora c’è il primo caso di infezione da coronavirus a Firenze

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 febbraio 2020

Un imprenditore italiano tornato qualche settimana fa dalla sua azienda in Oriente e aveva preso un volo da Singapore (neanche dalla Cina….). E quindi non ha gli occhi a mandorla. Come la mettiamo ora che ci avevano detto di stare attenti a tutti i cinesi (o assimilabili ad essi per le caratteristiche somatiche), con il consolato cinese di Firenze in prima fila per quasi costringere i propri connazionali ad ottemperare alle misure di prevenzione anche quando le ipotesi di infezione erano lontanissime, ma sì da fugare qualunque dubbio che facesse della comunità cinese un capro espiatorio? Una situazione che va di pari passo con quella di aver sospeso i voli diretti da/per la Cina e non aver prestato attenzione ai voli che provenivano da qualunque altra parte del mondo in cui un cinese verso l’Italia avrebbe potuto prendere una coincidenza… e invece di fare prevenzione su quelli che arrivavano direttamente dalla Cina, ci si è trovati con zero prevenzione per tutti. Storie di ordinaria amministrazione.Di cui però è più che opportuno farne tesoro e non farci speculazione politica o elettorale. Chè in questo momento politica ed elezioni vengono in secondo piano, essendo il primo problema quello sanitario. Che si può affrontare solo pensando come se fossimo tutti su una stessa barca alla deriva, lo stesso modo in cui dobbiamo comportarci rispetto al Pianeta e all’emergenza ambientale. Consapevoli che sulla barca alla deriva ci sono quelli che buttano a mare i più deboli o i più lontani da loro, e sul Pianeta ci sono quelli (e non sono terrapiattisti…) che negano le evidenze del disastro procurato dal modello di sviluppo imperante. E questi personaggi non vanno soppressi, né emarginati, ma solo aiutati a farsi meno male da soli e per gli altri.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un evento informativo sull’infezione da Rotavirus

Posted by fidest press agency su martedì, 11 giugno 2019

Milano. Proseguono le attività di unapreoccupazioneinmeno, la campagna di sensibilizzazione di GSK patrocinata da FIMP per aiutare i genitori a proteggere i propri figli e la propria famiglia dalle conseguenze della gastroenterite da Rotavirus (GARV). Si è infatti tenuta ieri al Parco Indro Montanelli di Milano una giornata di gioco e informazione dedicata a grandi e piccini, che ha visto una grande affluenza di pubblico.
La GARV causa una serie di sintomi intestinali altamente stressanti sia per il bambino, sia per i suoi genitori. «Il Rotavirus, dal punto di vista della frequenza, è come il raffreddore, cioè tutti i bambini prima o poi lo prenderanno – dichiara Giovanni Vitali Rosati, Rete Vaccini FIMP Regione Toscana –ma a sua differenza può essere anche molto grave: si presenta, con febbre, diarrea e vomito, singolarmente o tutti insieme. In quest’ultimo caso, specialmente se il bambino non ha ancora compiuto un anno, l’insieme dei sintomi può provocare una disidratazione pericolosa che spesso rende necessario il ricovero ospedaliero».Per cui è prassi comune dover ricorrere all’ospedale con il corollario di ansia, tensione e stress e perdita di giornate lavorative che il ricovero ospedaliero di un bambino piccolo comporta. «È stata un’esperienza dolorosa vedere mio figlio di 13 mesi in un letto d’ospedale, disidratato, stanco, debilitato, con le occhiaie, che mi guardava tra le lacrime per avere dell’acqua che non potevo dargli – ricorda Samantha Bucci, una mamma che ha vissuto la brutta esperienza dell’ospedalizzazione del suo bambino a causa del Rotavirus – avevo un macigno sul cuore perché mi sentivo impotente. Quando è arrivata la mia seconda figlia non esitato a farle somministrare il vaccino per il Rotavirus in gocce, che non ha provocato alcun problema e che la bimba ha anche gradito perché è in soluzione zuccherina».Nel corso della giornata al Parco Montanelli, esperti pediatri sono stati a disposizione per ogni dubbio e perplessità dei genitori, diffondendo informazioni essenziali su questo insidioso virus, su come si manifesta e sulle sue conseguenze.
Ma dagli esperti presenti all’iniziativa i neo-genitori hanno potuto apprendere anche e soprattutto come evitarlo in modo semplice e senza rischi attraverso la somministrazione orale di un vaccino ad hoc. «La prevenzione dell’infezione da Rotavirus più efficace – dichiara Catia Rosanna Borriello, Direttore UOC Vaccinazioni ASST Fatebenefratelli Sacco, Milano – è indubbiamente il vaccino. Dopo 1-2 anni di follow-up, l’efficacia del vaccino si è dimostrata superiore dell’80%: sulle forme più gravi di gastroenterite, che costringono il bambino al ricovero in ospedale, l’efficacia supera il 90%».
uloconosciGarvy non è stata solo informazione scientifica per una prevenzione sempre più consapevole e mirata, ma anche e soprattutto un momento ludico e ricreativo nella bellezza rigenerante della natura, con molte sorprese per i bambini e uno spettacolo speciale per piccoli e grandi. All’insegna della gioia e del benessere di tutta la famiglia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Utilizzo della spettrometria di massa per la rivelazione e la differenziazione di Entamoeba histolytica ed Entamoeba dispar

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 aprile 2015

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma Università. L’importante studio è stato realizzato dalla prof.ssa Adriana Calderaro in collaborazione con i proff. Carlo Chezzi, M. Cristina Arcangeletti, M. Cristina Medici, Flora De Conto e con i dott. Maddalena Piergianni, Mirko Buttrini, Sara Montecchini, Giovanna Piccolo, Chiara Gorrini e Sabina Rossi dell’Unità di Microbiologia e Virologia del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Parma. Entamoeba histolytica ed E. dispar sono amebe (protozoi parassiti) che possono colonizzare l’intestino umano in seguito all’ingestione di acqua o alimenti (soprattutto frutta, ortaggi, verdure appena raccolte o fresche imbustate pronte all’uso) contaminati da feci umane, rientrando nella categoria degli agenti di infezioni veicolate da alimenti. L’uomo è l’unica sorgente di infezione per queste amebe considerate “gemelle diverse”. Infatti Entamoeba histolytica è un’ameba patogena morfologicamente identica a E. dispar, gemella non patogena. E. histolytica è causa di dissenteria amebica, nota anche come amebiasi intestinale, che può presentarsi con quadri clinici di severità variabile, dalla diarrea muco-sanguinolenta alla dissenteria acuta fulminante. A volte il quadro clinico si può aggravare con la forma extraintestinale (amebiasi viscerale), dovuta alla disseminazione del parassita dall’intestino attraverso il circolo ematico a sedi diverse (fegato, polmoni, cervello), dove è causa di ascessi, spesso con esito fatale.L’Organizzazione Mondiale della Sanità descrive l’amebiasi come una delle maggiori cause di morte dovute a malattie a eziologia protozoaria, con approssimativamente 50 milioni di casi e 100.000 morti l’anno. E’ un’infezione cosmopolita riscontrata a tutte le latitudini, ma essendo favorita da carenze igieniche e da climi caldo-umidi, il suo riscontro è comunque più frequente nelle regioni tropicali e sub-tropicali dei Paesi in via di sviluppo.La prevalenza dell’infezione da E. histolytica e da E. dispar nella nostra realtà è pari circa all’1% e al 7%, rispettivamente, e i casi di amebiasi (diagnosticati sia a soggetti italiani che stranieri provenienti da Paesi in via di sviluppo) sono per il 50% intestinali e per il 50% sono caratterizzati da complicanze extraintestinali. Tuttavia tale prevalenza dei casi di amebiasi è destinata ad aumentare a causa dei flussi migratori da Paesi in via di sviluppo.L’identificazione di E. histolytica e la sua differenziazione da E. dispar è indispensabile al fine di provvedere ad una terapia specifica e tempestiva ai soli pazienti con infezione sostenuta dall’ameba patogena e a provvedere alla corretta igiene alimentare anche nei casi di infezione da E. dispar, gemella non patogena, evitando la diffusione della contaminazione degli alimenti adottando adeguate misure di igiene alimentare.
Ad oggi i metodi più utilizzati per differenziare le amebe gemelle E. histolytica “gemella cattiva” ed E. dispar “gemella buona”, sono i saggi di analisi del DNA di queste amebe, i quali, pur essendo altamente sensibili e specifici, sono anche di complessa esecuzione e notevolmente costosi.Negli ultimi anni la spettrometria di massa (MS) mediante tecnologia MALDI-TOF ha assunto sempre più importanza nei laboratori di microbiologia clinica, compreso quello dell’Ateneo di Parma, come strumento per l’identificazione rapida e accurata di batteri, virus e funghi; tuttavia la sua applicazione in campo parassitologico resta ancora molto scarsa. Nello studio recentemente pubblicato è stata valutata per la prima volta la possibile applicazione della tecnologia MALDI-TOF MS all’identificazione ed alla differenziazione a fini diagnostici di Entamoeba histolytica ed E. dispar in campioni biologici di pazienti con sospetta parassitosi intestinale. Mediante tale tecnologia si costruisce una vera e propria impronta proteica (che prende il nome di spettro) relativa ad un determinato microrganismo in base al rapporto massa/carica delle molecole che lo costituiscono. Tale spettro viene poi confrontato mediante un software dedicato con gli spettri presenti nella banca dati di cui è dotato lo strumento.Questi risultati, frutto di un’attività sperimentale che si è svolta presso il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, dimostrano che all’Università di Parma esistono grande entusiasmo e competenze specifiche che consentono di raggiungere importanti risultati scientifici riconosciuti a livello internazionale.Questo lavoro è di particolare importanza, dal momento che Parma per tradizione è la capitale della Valle del gusto, la “Food Valley” italiana e dal 2002 anche la sede dell’EFSA, “Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare”, che ha il compito di valutare e comunicare al consumatore e al Parlamento Europeo i rischi associati alla catena alimentare anche in previsione dell’aumento dei flussi migratori da Paesi in via di sviluppo.Infatti, l’importanza della salubrità degli alimenti e l’impatto economico, sociale e sanitario è rilevante, in considerazione del fatto che la diarrea causata da agenti a circolazione fecale interumana trasmissibili con alimenti è responsabile nel mondo di più di 1,8 milioni di decessi all’anno. Notevole importanza assume lo sviluppo di metodi diagnostici molecolari innovativi e rapidi, quale quello descritto in questo lavoro, per la realizzazione di interventi tempestivi atti a ridurre la diffusione delle infezioni veicolate da alimenti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata informativa sull’infezione da VIRUS EBOLA

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 gennaio 2015

Ebola/Roma, stazionarie le condizioni del medico colpito da virus EbolaRoma, sabato 31 Gennaio 2015 dalle ore 08.30 alle ore 14.00, presso la Sala Conferenze dell’Ordine (Roma – Via A. Bosio, 19/A) si terrà una “Giornata informativa sull’infezione da VIRUS EBOLA e sulle attuali conoscenze mediche e strategie per la prevenzione”, organizzata dall’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma. Interverranno come relatori: Giovanni Rezza (Direttore Dipartimento Malattie Infettive, Istituto Superiore di Sanità), Giuseppe Ippolito (Direttore Scientifico, Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” I.R.C.C.S.), Gianfranco Tarsitani (Ordinario di Igiene Università di Roma “Sapienza”), Giulia Civitelli (Medico in formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva, Università di Roma “Sapienza”).Porterà il saluto dell’Ordine il presidente Roberto Lala.Nel corso dei lavori sarà fatto il punto sull’origine e l’evoluzione dei focolai di Ebola, con particolare riguardo all’epidemia in corso in Africa occidentale, la trasmissione delle malattie Infettive e la comunicazione del rischio, le esperienze e le criticità di gestione nelle strutture sanitarie.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trattamento dell’infezione da HIV

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 gennaio 2015

Foster-CityFoster City, CA. Gilead Sciences, Inc. (Nasdaq: GILD) ha annunciato che il regime sperimentale sviluppato dall’azienda e costituito da una singola compressa contenente elvitegravir 150 mg, cobicistat 150 mg, emtricitabina 200 mg e tenofovir alafenamide (TAF) 10 mg (E/C/F/TAF), da somministrare una volta al giorno per il trattamento dell’infezione da HIV-1 nei pazienti adulti e adolescenti, è stato definitivamente convalidato ed è ora sottoposto a valutazione da parte dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA). Se venisse approvato, E/C/F/TAF sarebbe il primo regime a singola compressa di Gilead a contenere TAF.I dati inclusi nella domanda supportano l’uso del regime in una vasta gamma di pazienti affetti da HIV, inclusi gli adulti e gli adolescenti mai trattati in precedenza, i pazienti con soppressione virologica provenienti da un altro regime terapeutico e quelli con compromissione della funzionalità renale.“Questo regime basato su TAF è il primo di una nuova generazione di terapie contro l’HIV, che per una vasta gamma di pazienti affetti potrebbe rappresentare un’opzione terapeutica nuova e altamente efficace.”- ha dichiarato Giovanni Di Perri, Professore ordinario di Malattie Infettive dell’Università degli Studi di Torino, intervistato sulla tematica – “Oltre a semplificare la terapia dell’HIV grazie al regime in singola compressa giornaliera, TAF rappresenta un progresso fondamentale verso la “pillola perfetta” poiché, grazie alla sua formula innovativa che la distingue dalle terapie precedenti, riduce al minimo il rischio di tossicità renale, confermando quindi il profilo di sicurezza e tollerabilità del farmaco”.TAF è un nuovo nucleotide inibitore della trascrittasi inversa, che ha dimostrato un’elevata efficacia antivirale a un dosaggio 10 volte inferiore a quello di Viread® (tenofovir disoproxil fumarato) di Gilead, nonché un migliore profilo di sicurezza a livello renale e osseo.
La Domanda di Autorizzazione all’Immissione in Commercio per E/C/F/TAF è supportata dai dati a 48 settimane di due studi registrativi di Fase III (GS-US-292-0104 e GS-US-292-0111), nei quali E/C/F/TAF è risultato non inferiore a Stribild® di Gilead (elvitegravir 150 mg/cobicistat 150 mg/emtricitabina 200 mg/tenofovir disoproxil fumarato 300 mg) nella soppressione dell’HIV tra i pazienti naïve al trattamento antivirale. Nel corso di questi studi, E/C/F/TAF ha dimostrato una maggiore sicurezza a livello renale e osseo rispetto a Stribild. La domanda è anche supportata dai dati di altri studi di Fase III che hanno valutato il regime a base di TAF negli adolescenti, nei pazienti con compromissione della funzionalità renale (velocità stimata di filtrazione glomerulare [GFR] secondo la formula di Cockroft-Gault pari a 30-69 ml/min) e nei pazienti con soppressione virologica (<50 copie/ml di HIV nel sangue), senza anamnesi di fallimento virologico, che sono passati a E/C/F/TAF da tutte e tre le classi di trattamenti antiretrovirali (NNRTI, inibitori della proteasi e inibitori dell’integrasi). TAF e i regimi a base di TAF sono prodotti sperimentali e la loro sicurezza o efficacia non sono ancora state confermate.
Gilead Sciences è una società biofarmaceutica impegnata nella scoperta, sviluppo e commercializzazione di terapie innovative in aree caratterizzate da necessità mediche insoddisfatte. La mission dell’azienda è quella di migliorare in tutto il mondo le terapie per i pazienti che soffrono a causa di patologie potenzialmente letali. Gilead ha sede a Foster City, in California, e opera in oltre 30 Paesi del mondo.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Novartis: Consegnati 100 milioni di antimalarici pediatrici

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 febbraio 2012

Malaria testing

Malaria testing (Photo credit: Gates Foundation)

Medicines for Malaria Venture (MMV) ha annunciato che Novartis ha consegnato cento milioni di trattamenti di Coartem® Dispersibile (artemetere-lumefantrina), antimalarico sviluppato specificamente per i bambini affetti da malaria causata da P. falciparum, a 39 paesi nei quali la malaria è endemica. E’ il primo ACT (associazione fissa a base di artemisinina) prequalificato dall’OMS ‘a misura’ di bambino, in grado di rispondere a un’esigenza insoddisfatta di farmaci pediatrici. Incentrata su accesso ai farmaci, trattamento, ricerca & sviluppo e capacity-building, Novartis Malaria Initiative rappresenta, per numero di pazienti raggiunti ogni anno, uno dei più ampi programmi di accesso ai farmaci del settore farmaceutico. Co

n il raggiungimento di questo traguardo, Novartis Malaria Initiative e MMV hanno dimostrato che le partnership per sviluppare un farmaco possono realmente far progredire la lotta alla malaria.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Infezione colpisce neonati

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2012

Serratia marcescens

Image by AJC1 via Flickr

“Chiederemo all’assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Luciano Bresciani, una relazione in merito all’infezione batterica da ‘serratia marcescens’, che nei giorni scorsi ha colpito due neonati prematuri ricoverati nell’ospedale Carlo Poma di Mantova. Sul tema delle infezioni ospedaliere, tanto grave e diffuso quanto troppe volte sottovalutato, la Commissione che presiedo ha, da tempo, rivolto la propria attività di inchiesta, al fine di stimolare le istituzioni sanitarie ad intervenire adeguatamente, soprattuto in via preventiva”. E’ quanto dichiara il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, l’on. Leoluca Orlando, che provvederà ad inoltrare, all’assessore competente, una richiesta di relazione in merito all’infezione scoperta mercoledì scorso nel nosocomio mantovano. Il batterio è stato isolato nell’organismo di due prematuri, ora sottoposti a terapia antibiotica, che non sarebbero in pericolo di vita. Intanto, nel reparto di Patologia Neonatale dell’ospedale sono stati bloccati i ricoveri ma i vertici della struttura assicurano, dopo aver effettuato controlli su tutti i bambini ricoverati, che ”non vi e’ in atto alcuna epidemia e che la situazione e’ sotto controllo”. “La Commissione d’inchiesta sugli errori sanitari – ha aggiunto Orlando – intende conoscere ogni dato utile a far luce sull’episodio. Con riferimento e aldilà dello specifico caso, sollecitiamo la massima attenzione da parte del Ministero della Salute e da parte delle Regioni tutte, affinché provvedano ad adeguare le rispettive linee guida in materia e ne garantiscano la puntuale applicazione da parte delle autorità sanitarie locali”.

 

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salute: consigli sul batterio Escherichia Coli

Posted by fidest press agency su martedì, 7 giugno 2011

Situazione sotto controllo, non ci sono rischi in Italia di infezioni causate dal batterio – al momento circoscritto nella zona di Amburgo nella Germania del nord. Il ministro Fazio ha ricordato come l’Italia abbia un efficiente sistema di sorveglianza sindromica in grado di segnalare e curare tempestivamente eventuali casi. Ad oggi non è giunta nessuna segnalazione di infezione da parte di questo ceppo di batterio E.coli, né nella popolazione italiana residente, né in turisti provenienti dalla Germania. Tuttavia, il ministero della Salute a titolo precauzionale ha allertato le Regioni, le strutture sanitarie e gli uffici sanitari alle frontiere, responsabili dei controlli sulle importazioni alimentari e suggerisce alla popolazione italiana, di mantenere le normali norme igieniche: lavarsi frequentemente le mani dopo aver maneggiato alimenti; lavare a fondo le verdure; evitare il consumo di carne cruda; lavare bene coltelli, taglieri e altri utensili usati per la preparazione dei cibi; evitare di utilizzare senza lavare lo stesso tagliere e/o utensile per più alimenti; lavare bene le mani prima di manipolare i cibi e dopo aver usato la toilette. (Dossier Batterio Escherichia Coli: le norme di prevenzione)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Escherichia coli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 giugno 2011

Le autorità sanitarie tedesche hanno confermato che le indagini epidemiologiche sui pazienti colpiti da Sindrome uremica emolitica (HUS) puntano il dito su: cetrioli, pomodori e insalata come veicolo dell’infezione. Ma le analisi microbiologiche di conferma sono ancora in corso e si lascia intendere che ci potrebbero essere altre cause. In altre parole le autorità hanno individuato con sicurezza sui pazienti il ceppo epidemico responsabile (Escheichia coli O 104), ma lo stesso ceppo non è stato isolato con precisione sui cetrioli. C’è stato inizalmente un fondato sospetto che però gli accertamenti successivi non hanno confermato. In assenza di questo dato la situazione è un pò ferma e si attendono ulteriori sviluppi. Vi è incertezza sulle cause che potrebbe essere stata alimentata dalla presenza del batterio nell’acqua di scolo degli allevamenti bovini che arrivando nei campi ha contaminato la falda. Sul fronte sanitario in Germania è iniziata la sperimentazione su 19 pazienti con un anticorpo monoclonale IG umanizzato: Eculizumab per cercare di evitare conseguenze tragiche per le persone in gravi condizioni. Questo aspetto non è da sottovalutare perchè l’HUS provoca danni irreparabili ai reni. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di IDV e fondatore dello “Sportello Dei Diritti” in attesa di conferme invita ad usare la massima attenzione osservando poche norme d’igiene, come ad esempio lavare molto bene le verdure, gli utensili utilizzati in cucina, lavarsi bene le mani ed evitare il contatto di prodotti già lavati con quelli da lavare.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dengue: diagnosi precoce con la PCR

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 gennaio 2011

Un esame PCR specifico in tempo reale può identificare i virus della dengue nella fase sintomatica acuta, garantendo quindi una diagnosi precoce, migliorando la gestione del paziente e forse anche una prognosi migliore. Questo metodo può fornire un risultato anche entro tre ore dalla raccolta del campione di sangue, e può essere implementato in qualsiasi laboratorio grazie alla sua semplicità. La dengue è la più importante malattia da arbovirus nelle zone tropicali e subtropicali, e può essere causata dall’infezione da uno qualsiasi dei quattro sierotipi del virus. La diagnosi di conferma della dengue si effettua di solito tramite il rilevamento delle IgM, ma questi anticorpi compaiono dopo una settimana dall’infezione, nella fase della convalescenza oppure quando il paziente ha già sviluppato una forma più grave della malattia. Gli anticorpi contro la dengue, inoltre, sono ampiamente reattivi anche contro altri flavivirus. L’esame PCR è altamente specifico, consentendo anche la diagnosi differenziale, e permette di effettuare anche valutazioni quantitative grazie alla sua rapidità, al basso rischio di falsi positivi ed all’elevata sensibilità e specificità. Esso potrebbe servire da eccellente strumento per la diagnosi di laboratorio di routine dell’infezione acuta da dengue e per studiare l’associazione fra carica virale e gravità della malattia. (J Med Virol 2008; 80: 1426-33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »