Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘inglese’

Incontri di letteratura in lingua inglese

Posted by fidest press agency su martedì, 12 marzo 2019

Parma Mercoledì 13 marzo alle 15.30, in Aula Miazzi, Michela Canepari, docente di Lingua e traduzione – Lingua inglese, interverrà sul tema From J.R.R. Tolkien and Anthony Burgess to Star Wars: Translating Artificial Languages, riflettendo in particolare sui linguaggi artificiali e sul loro rapporto con la realtà attraverso alcune opere di Tolkien, Arancia meccanica di Burgess e la saga cinematografica di Star Wars.Giovedì 4 aprile, sempre alle 15.30 in Aula Miazzi, Chiara Rolli, assegnista di ricerca del Dipartimento DUSIC, parlerà di Frankenstein di Mary Shelley: Mary Shelley’s “Frankenstein”: Between Nineteenth-Century Scientific Discoveries and the Classical World il titolo dell’incontro, che intende esplorare l’influsso dei trattati e delle scoperte scientifiche del diciannovesimo secolo, così come di alcune fonti letterarie classiche, su The Modern Prometheus. Al termine, chi lo richiederà potrà ricevere un attestato di frequenza.I docenti delle scuole superiori interessati ad accompagnare intere classi sono invitati ad avvisare la Segreteria Didattica del Dipartimento DUSIC al numero 0521-034711/905110

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Basta l’inglese nei testi legislativi

Posted by fidest press agency su sabato, 29 dicembre 2018

“Un ringraziamento non formale ai tecnici del Servizio Studi della Camera dei deputati per aver segnalato l’abuso di termini in inglese nelle relazioni alla manovra. Si tratta di un vulnus non solo per la nostra cultura e la nostra lingua ma anche e soprattutto un vulnus alla nostra democrazia perché rende incomprensibile il testo e quindi la norma a un’ampia fascia sociale di cittadini. Ho già avuto modo di denunciare pubblicamente questo vizio tutto italiano delle nostre Istituzioni – Governo e ministeri, Rai e Inps – di mutuare parole inglesi nelle nostre leggi e nelle relazioni tecniche che accompagnano atti amministrativi e normativi. La Camera dei deputati è parte della Repubblica italiana e l’italiano è la nostra lingua. Approfitto di questo scatto di reni per chiedere la calendarizzazione delle due proposte di legge: una costituzionale per inserire la lingua italiana all’art. 12, e l’altra – ordinaria – per proibire l’uso di forestierismi nella pubblica amministrazione in tutte le sue articolazioni centrali, periferiche e radiotelevisive”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Imparare l’inglese con un (con)corso: al via la quinta edizione di Wing4Students

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 dicembre 2018

Milano. Sono aperte le iscrizioni alla quinta edizione di Wing4Students 2019: il programma di edutainment italiano dedicato a universitari e laureati con meno di 28 anni che vogliano imparare l’inglese in modo efficace, flessibile, divertente e originale. Con Wing4students si partecipa a un’esperienza coinvolgente di pratica della lingua inglese e di competizione che, utilizzando il metodo DynEd, permette di studiare in qualunque momento, in modalità on o offline, e con ogni tipo di device tecnologico (Pc, tablet o smartphone). DynEd propone percorsi formulati automaticamente in base alle competenze personali di ognuno: i contenuti multimediali sono didatticamente ottimizzati e ritagliati su misura. Per chi, con qualunque livello di partenza, si impegna in una pratica efficace e arriva quindi per merito alla fase finale, Wing4Students mette in palio dei premi economici e ulteriori occasioni di apprendimento.L’iscrizione può essere effettuata esclusivamente online entro il 31 gennaio 2019 e il corso ha inizio l’1 febbraio con un placement test e l’avvio delle lezioni online, per poi concludersi alla fine di aprile.Al completamento dell’iscrizione ogni partecipante riceve le indicazioni necessarie all’installazione dell’applicazione DynEd sullo/sugli strumento/i di studio che intende utilizzare (Desktop, portatile, tablet…). Da febbraio si può iniziare il percorso di pratica con il software, e in ogni lezione è importante riascoltare la frase, registrarsi, confrontare la propria voce con lo speaker madrelingua. Tutti i dati come accessi, risposte, numero di clic sui pulsanti Ripetizione e Registrazione, accuratezza nel Riconoscimento Vocale vengono tracciati e continuamente rielaborati da un potente sistema di Intelligenza Artificiale integrato. Si è in grado così di valutare l’efficacia dello studio con un voto vero e proprio, il “Punteggio di Studio” e personalizzare automaticamente l’erogazione dei contenuti successivi. Ad ogni partecipante viene assegnato un tutor, che vede il lavoro di ogni studente nei minimi dettagli; scopo di ogni sessione Skype (5 sui tre mesi totali e prenotabili facilmente online secondo la propria disponibilità) è avere indicazioni su come aumentare l’efficacia dello studio individuale e poter fare conversazione in inglese con altri partecipanti su un tema dato e comunicato in precedenza.Il corso è impostato secondo la dinamica del videogame per cui si passa al livello più avanzato solo dopo aver raggiunto la padronanza su quelli precedenti. Ogni mese superano la selezione alla fase successiva solo due terzi dei partecipanti, quelli che hanno studiato meglio, cioè hanno il “Punteggio di Studio” più alto. I Punteggi sono determinati e misurati scientificamente dagli Analytics di DynEd. Ogni mese viene pubblicata la classifica e il punteggio è calcolato sulla media del periodo. Quest’anno il montepremi complessivo è di oltre12 mila euro, di cui 500 euro saranno assegnati al vincitore, 400 euro al secondo classificato, 350 al terzo e a diminuire fino al cinquantesimo. Inoltre ai primi venti sarà regalato anche un corso trimestrale DynEd.I primi cinquanta si aggiudicheranno premi economici, i primi cento otterranno il diploma con il livello di studio raggiunto e anche un biglietto e una tenda per l’accesso ed il pernottamento gratuito a Campus Party 2019, evento di risonanza mondiale sul tema della innovazione tecnologica. La premiazione avverrà a maggio nel corso di un evento pubblico come per le altre edizioni, i cui dettagli saranno definiti all’inizio del 2019.

Posted in Recensioni/Reviews, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Docenti specialisti della lingua inglese alla primaria, la Ministra Fedeli a fine mandato dà ragione all’Anief

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 aprile 2018

Dopo avere aperto all’insegnamento dell’inglese sin dalla materna, stavolta la Ministra dell’Istruzione va oltre affermando che “si dovrebbero rendere obbligatorie le lezioni di inglese con insegnanti madrelingua fin dalla primaria: assolutamente, e questa cosa di deve portare avanti anche alle superiori, è fondamentale”. Peccato che il proposito della Fedeli sia stato espresso da Anief da diverso tempo, già all’indomani della assurda cancellazione, risalente a dieci anni fa, di 10 mila posti a seguito della scellerata Legge 169/08 che, assieme alla Legge 133/08, ha prodotto un maxi-risparmio per lo Stato a spese dei fruitori e dei lavoratori della scuola pubblica.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Sono anni che chiediamo la reintegrazione di quei posti che garantivano una maggiore qualità dell’insegnamento della lingua divenuta oggi indispensabile per muoversi nel mondo e nel mercato globalizzato. Come ci siamo battuti in tutti i modi per l’insegnamento su moduli, quindi per il tempo pieno, la cui sottrazione portò a un taglio di ulteriori 30 mila posti e ai peggiori risultati di sempre dei nostri bambini sull’apprendimento. E pensare che prima di quei tagli, voluti dall’ultimo Governo Berlusconi, l’Italia era al quinto posto dei rapporti PIRLS per apprendimento e formazione studentesca. Ora che la Ministra uscente ammette la centralità dello stesso ripristino, invitiamo il nuovo inquilino di Viale Trastevere ad ascoltarci. Perché, in questi ultimi dieci, abbiamo già compromesso la formazione linguistica di tante generazioni. Non si può, per ragioni di mera economia, sacrificare il diritto a un’istruzione completa, specifica e migliore.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

John Peter Sloan si trasferisce in Sicilia e apre a Menfi la sua rivoluzionaria scuola di inglese

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 novembre 2016

sloanIl più famoso degli insegnanti di lingua inglese, che ha rivoluzionato i metodi di apprendimento della lingua britannica per bambini e adulti, si trasferisce in Sicilia «Per sempre».John Peter Sloan, il popolare attore e scrittore di decine di grammatiche inglesi, che ha sconvolto in meno di dieci anni il metodo di insegnamento della lingua d’Oltremanica – diventando riferimento dei docenti sia nelle scuole private che in quelle pubbliche d’Italia – ha deciso di trasferirsi in Sicilia e di aprire a Menfi la “Sloan scuola di inglese”, ovvero un vero e proprio luogo di apprendimento della lingua, che si rivolgerà ai bambini, agli adulti e ai docenti che voglio sviluppare al meglio l’apprendimento tra i propri allievi.La sede sarà la scuola paritaria Rotolo di Menfi, in provincia di Agrigento, in via Benvenuto Cellini 12.Sloan qui con Asia Gagliano – anche lei di Menfi e insegnante di inglese con cui Sloan ha curato il metodo rivolto ai più piccoli intitolato “Da zero kids” – porterà quello che nell’ambito dell’insegnamento della più diffusa delle lingue straniere del mondo è noto come “Metodo Sloan”, incentrato sulla convinzione che gli italiani fatichino ad apprendere l’inglese per colpa di corsi noiosi e inefficaci.Il “Metodo Sloan” è incentrato sul divertimento e sugli esempi basati su immagini e dialoghi diretti. E i risultati gli danno ragione. Quattordici sono le pubblicazioni editoriali firmate John Peter Sloan – noto a molti anche come comico di Zelig, Amici, Quelli che il calcio, opinionista nei talk show televisivi e speaker per numerose radio – che hanno venduto centinaia di migliaia di copie e che sono pubblicate, oltre che in Italia, in Francia, Germania, Spagna, Polonia e sloan1Brasile. Le stesse tecniche di Sloan oggi sono applicate per insegnare anche lo spagnolo e il francese.Tornando alla Sicilia, sarà Menfi il cuore pulsante di tutte le attività presenti e future di Sloan. Qui il 7 dicembre presenterà al pubblico la scuola in un grande evento. Le attività cominceranno a gennaio 2017. Sono intanto aperte le iscrizioni ai corsi.«Parto da un’aula – dice Sloan, nato a Birmingham il 27 febbraio 1969 e in Italia dal 1990 – e spero che col tempo diventeranno due o tre. Se ci saranno molti iscritti, porterò con me altri insegnanti già educati col mio metodo. Ci rivolgiamo a bambini e adulti. Serve tanto l’inglese qui in Sicilia. Non è colpa dei siciliani se non sono spigliati in inglese. Il problema è dei docenti che devono imparare a insegnare. I siciliani, così creativi, hanno di certo una carta in più per imparare le lingue. Non è importante avere una grammatica perfetta, ma sapere utilizzare la lingua per comunicare».Sulle origini del suo trasferimento da Milano in Sicilia, Sloan spiega: «Sono stato a Menfi tre anni fa in vacanza e da allora sono tornato più volte in Sicilia, fino alla scelta di trasferirmi definitivamente qui. Vivo a Menfi già da cinque mesi e sto vendendo la casa di Milano per comprarne una qui. Perché? Perché non capisco come ho fatto a vivere 20 anni a Milano, quando a Menfi posso lavorare, scrivere e vedere il mare dalla finestra della mia attuale abitazione. E vivere così è fantastico. Qui la vita è bella, semplice e ancora a misura d’uomo» Il progetto di Sloan per la Sicilia è semplice ed è figlia della sua esperienza a Roma e a Milano: «Bastano poche lezioni per imparare e parlare l’inglese da zero, semplicemente giocando. Voglio fare della mia lingua il passaporto dei siciliani nel mondo. E io voglio scommettere su quest’isola». (foto: sloan)

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Scuola di lingua inglese dell’anno”

Posted by fidest press agency su martedì, 11 ottobre 2016

scuola-lingua-ingleseI vincitori della prima edizione degli ESL Language Travel Awards sono stati scelti tra più di 400 scuole di lingua sui 5 continenti, che vanno dai piccoli centri indipendenti ai grandi gruppi internazionali. La cerimonia ha premiato 9 categorie, dalla “Scuola di lingua inglese dell’anno” al “Campione per la Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI)”.In un’industria caratterizzata da numerosi enti di accreditamento, gli ESL Language Travel Awards offrono agli studenti delle classifiche assolutamente oggettive. Sono basate su un’attenta analisi di oltre 7.000 recensioni di studenti e più di 180 valutazioni da parte dello staff di ESL ricevute negli ultimi 12 mesi. In più, sono stati consultati degli esperti di statistica per garantire il giusto equilibrio tra le opinioni degli studenti e le valutazioni dello staff e assicurare così un’oggettività su tutti i livelli.I nuovi premi fanno parte delle celebrazioni per il 20mo compleanno di ESL che hanno interessato tutto il 2016. La cerimonia si è svolta durante il workshop annuale di ESL a cui partecipano le scuole di lingua di tutto il mondo.I vincitori del 2016 sono:
· Scuola dell’anno – inglese: Brooklyn School of Languages, New York, United States
· Scuola dell’anno – altre lingue: Institut Européen de Français, Montpellier, France
· Gruppo di scuole dell’anno: EC English Language Schools
· Infrastrutture scolastiche dell’anno: Kings Education, London, United Kingdom
· Alloggio dell’anno: International House, Belfast, Ireland
· Programmi d’insegnamento dell’anno: St Giles International, San Francisco, United States & Alpadia, Lyon, France
· Programma d’attività dell’anno: British Study Centres (BSC), Brighton, United Kingdom
· Campione RSI dell’anno: EC English Language Schools
· Programma Junior dell’anno: LAL Language centres, Torbay, United Kingdom (foto: scuola lingua inglese)

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I cardiologi cinguettano in inglese

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 settembre 2016

cardiology congress-2016Roma. Nella ricerca di metodi sempre più efficaci di formazione continua si analizzano anche i social media più noti come Facebook e Twitter, basti pensare che il 5% di tutte le ricerche sul motore di ricerca Google riguarda proprio la salute. Un gruppo di ricercatori inglesi ha analizzato i contenuti dei cinguettii cercando le parole ‘cardiologo’ e ‘cardiologia’. Il monitoraggio aveva come oggetto sia il numero di presenze che i contenuti veicolati. “Sono stati selezionati 90 account e analizzati 8676 tweet: l’80% degli attivi era maschio, il 61% era americano con la Gran Bretagna al secondo posti nei paesi di lingua inglese, con il 20% degli utenti” – spiega Leonardo Bolognese – Direttore Cardiologia ospedale di Arezzo e ESC Local Press Coordinator. “Trentotto account postavano almeno un tweet al giorno e nove una attività molto intensa che superava i 9 cinguettii quotidiani. Il 55% dei tweet era un contenuto originale e il 45% un retweet. La maggior parte degli account intestati a cardiologi è attiva e twitta su argomenti sociali o legati alla professione. E’ interessante notare come il 90% dei contenuti sia risultato aderente alle linee guida sull’uso dei social media dettate dal General Medical Council inglese”.
Sono sempre di più le piattaforme di e-learning in medicina: i fornitori di contenuti scientifici (società, associazioni, istituzioni) diffondono articoli e novità mentre i professionisti possono creare discussioni con una comunità di colleghi, scambiarsi informazioni e valutare casi clinici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il folk inglese indipendente

Posted by fidest press agency su domenica, 27 marzo 2016

auroraaurora1Palermo martedì 29 marzo alle 21,30 nel locale al Cortile di San Giovanni degli Eremiti in via dei Benedettini – accanto Palazzo dei Normanni, raggiungibile da piazza della Pinta e via del Bastione – appuntamento con Aurora D’amico, accompagnata da Ruggero Micciché alla batteria.
Il folk inglese indipendente, così come può scriverlo e suonarlo una vera cantautrice palermitana, diplomata al Berklee College of Music di Boston. È una vera star del presente e del futuro quella che suonerà e canterà a “MasterCast”, la rassegna musicale che vede protagonisti tutti i martedì sul palco di Spillo la Birroteca i maestri della scuola di canto e musica CAST di Palermo. Concerti unici, speciali, sperimentali e mai visti nel capoluogo siculo, per chi vuole ascoltare sempre qualcosa di nuovo. Aurora, con in mano la sua inseparabile chitarra, porterà il suo particolare sound fatto di alcune delle trenta canzoni che l’artista, 22 anni, ha scritto da sola, raccontando in lingua inglese i suoi sentimenti, il suo mondo, il suo essere.
L’evento “Mastercast” è organizzato da CAST Agency, agenzia di management, produzione e distribuzione musicale, a Palermo in via Maggiore Tommaso de Cristoforis 8. (foto: aurora)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia non parla inglese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 marzo 2016

Grammatica essenzialeL’Italia, nel 2015, si attesta al 28° posto nel ranking mondiale delle 70 nazioni in esame, dopo Paesi come la Spagna e la Germania ma prima della Francia, con un lieve peggioramento rispetto al 2014, quando era al 27° posto. Questo è il quadro che emerge dai dati forniti da EF English Live, che dal 2007 monitora annualmente i cambiamenti connessi alla conoscenza della lingua inglese in diversi Paesi (ad oggi 70).L’Europa conferma il suo posto in testa all’indice, registrando i livelli di competenza più alti. I risultati migliori sono quelli ottenuti dall’Europa Settentrionale e da quella Centrale, le quali hanno via via rafforzato il proprio status. La Francia si distingue dal resto d’Europa per il suo basso livello di competenza d’inglese e si dimostra, in realtà, così indietro rispetto ai suoi vicini che il suo livello di competenza in inglese è simile a quelli dei paesi dell’estremo Est Europeo. Forse a causa di una avversione culturale all’inglese o dell’incapacità di riformare il sistema scolastico, la Francia sta seguendo una traiettoria diversa dai suoi vicini. (by http://englishlive.ef.com/it-it/op/corsi-di-inglese-online/)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scoprire i luoghi della città e imparare l’inglese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 giugno 2014

scoprire romascoprire roma1È partita a Roma un’idea innovativa che unisce arte, relax e studio delle lingue straniere. Non si tratta di una guida turistica, tutt’altro! Immaginate di trovarvi per strada al centro di una ‘square’ (piazza) e di dover comunicare in inglese suggerimenti e aiuto a un passante straniero. Oppure di esprimere le sensazioni che suscita un monumento mentre ci passate davanti, ovviamente usando soltanto l’inglese. E il tutto corretti da un docente di madrelingua inglese che, piuttosto che limitarsi ai soliti gruppi di conversazione al chiuso di un’aula, svolge invece lezioni d’inglese passeggiando e visitando i posti della città… il tutto dialogando con la lingua anglosassone. L’idea innovativa è stata lanciata dalla Michigan School Center di Roma e il primo incontro è avvenuto a Villa Borghese, nel Bioparco di Roma, in compagnia di un giovane docente di Londra, ma altri incontri seguiranno tra piazze, musei, ville e monumenti alla riscoperta della città eterna, pensando però da straniero in patria con la lingua degli Usa e del Regno Unito. (Michela Albanese)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Test medicina in lingua inglese

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 maggio 2012

Pavia 21 maggio alle ore 10, al collegio Volta (via Ferrata) il prof. Robert Wilkins, coordinator for admission dell’Università di Oxford terrà un seminario sul tema “The Use of Bmat in the Selection
of Medical Students at Oxford”, dedicato alle ammissioni ai corsi di laurea in Medicina in lingua inglese. Il seminario è organizzato dalla facoltà di medicina e Chirurgia dell’Università di Pavia e dal Cambridge Assesment, che per conto del MIUR organizza il test d’accesso per i corsi di laurea di Medicina in inglese.
L’Università di Pavia è stata la prima in Italia ad avviare nel 2009 un corso di laurea di Medicina interamente in lingua inglese, della durata di sei anni, denominato “Harvey”, in omaggio allo scopritore della circolazione del sangue e dell’eccellenza pavese in ambito cardiaco e cardiochirurgico. Nell’anno accademico 2012-2013 si inaugurerà quindi il quarto anno di lezioni, laboratori ed esami interamente in inglese, riservato a un centinaio di studenti italiani e stranieri.Il Corso di medicina in lingua inglese di Pavia unisce a una delle facoltà di Medicina più antiche e prestigiose d’Italia (fondata nel 1361) la convenzione con gli IRCCS di Pavia: Policlinico San Matteo, Fondazione Maugeri e Istituto neurologico Mondino, oltre alla presenza del CNAO – unico centro nazionale di Adroterapia Oncologica – e di altri ospedali convenzionati.
Il Ministero dell’Università ha definito che le prove concorsuali di ammissione (sia livello nazionale che a livello locale) per i corsi di laurea di Medicina si terranno nelle seguenti date:
Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria lingua italiana
4 settembre 2012
Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria
lingua inglese
5 settembre 2012
Professioni sanitarie
11 settembre 2012

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Reading letterario in lingua inglese

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 marzo 2012

Catania 3 marzo 2012 alle ore 17.30, nella sede della libreria in Corso Sicilia 91, il primo reading letterario in lingua inglese rivolto ai bambini di due fasce d’età (3-6 anni e 7-11 anni). L’ingresso all’incontro è gratuito.
Le lettrici, madre lingua inglese, svilupperanno attività di formazione volte all’apprendimento della lingua inglese tramite lo strumento del gioco. Letture, racconti, fiabe e storie coinvolgeranno i piccoli partecipanti in nuove avventure e mondi fantastici e diverranno essi stessi protagonisti delle attività di canto e di disegno che gli consentiranno di acquisire nuovi termini e impegnarsi nella loro corretta pronuncia. Una simpatica opportunità di avvicinarsi alla lingua inglese in un modo divertente. Proporre degli incontri di lettura in lingua inglese rappresenta un’opportunità di approcciarsi a questa lingua straniera superando con facilità le eventuali difficoltà di apprendimento. I reading, insieme ad altri laboratori e attività creative, fanno parte del programma didattico adottato dalla scuola internazionale.
Tutte le International School del mondo, infatti, adottano l’International Baccalaureate ® un programma specifico per scuole di orientamento internazionale attualmente seguito da più di 3.000 istituti in 140 paesi. Studiare in una scuola straniera vuol dire offrire ai propri figli una visione internazionale e consentirgli di sviluppare competenze comunicative di alto livello sia in italiano che in inglese
Il bilinguismo, infatti, rappresenta per questi studenti un ‘opportunità di sviluppo cognitivo e di competitività nel mondo della formazione e successivamente nel lavoro. (fonte Elisa Toscano Relazioni pubbliche e Marketing) (international school)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Inglese in 30 giorni in un insolito eBook edito da Bruno Editore

Posted by fidest press agency su domenica, 5 febbraio 2012

“Inglese Veloce 3x” è il titolo dell’opera scritto da Marco De Carlo. Si tratta di un insolito libro elettronico pensato per imparare l’inglese attraverso un metodo pratico e divertente in un solo mese! Basato sull’apprendimento attivo, nelle 267 pagine del testo vengono infatti non solo affrontate le basi della grammatica, i verbi con suggerimenti sul come semplificare il loro studio, le forme frasali e le tecniche per la conversazione, ma anche come memorizzare 1000 parole in pochissimo tempo e tanti altri preziosi suggerimenti, fra cui l’uso di social network, email e skype. L’autore Marco De Carlo è un giovane di soli 27 anni, laureato in Ingegneria Elettronica e autore di diversi libri che ormai parla regolarmente l’inglese dopo averlo imparato da autodidatta tramite le sue esperienze universitarie, professionali e finanziarie, ed è esperto anche di tecniche di memoria, lettura veloce e apprendimento rapido. La scelta di affidare un testo così intrigante ad una altrettanto giovane casa editrice è stata vincente: nel 2011 il gruppo editoriale di Giacomo Bruno ha infatti chiuso con un +47% e si è riconfermato leader nel settore dei libri elettronici.(Michela Albanese)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lauree in inglese in business and economics

Posted by fidest press agency su sabato, 16 luglio 2011

Pavia 18 luglio, dalle ore 9,30, presso la Facoltà di Economia dell’Università degli studi di Pavia, si laureeranno i primi 3 studenti del corso in lingua inglese in International Business and Economics (MIBE). Il corso, avviato nel 2009, ha permesso alla facoltà di Economia di rafforzare il processo di internazionalizzazione avviato dalla Facoltà negli anni precedenti. Sempre nell’ambito del MIBE e nella stessa seduta di laurea, si laureeranno altresì i primi 2 studenti tedeschi nel quadro del programma di doppia laurea che la facoltà di Economia ha in corso con l’Università di Hoheneheim (Stoccarda, Germania). L’accordo prevede che studenti tedeschi e italiani svolgano un anno nell’università del proprio paese e un anno nell’università partner completando 2 tesi di laurea e ottenendo sia il titolo italiano che quello tedesco. Alla seduta parteciperanno anche docenti della prestigiosa università di Stoccarda

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Impara l’inglese con Eni Smartenglish

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2011

San Donato Milanese (Milano), L’inglese è una lingua viva che consente di imparare e non un mezzo da imparare; non è dunque una semplice materia scolastica in cui ottenere un buon risultato per godersi le tanto sospirate vacanze estive. Per questo motivo Eni lancia il progetto Smartenglish, un corso di inglese gratuito, accessibile attraverso il sito http://www.eniscuola.net, dedicato alle scuole secondarie di II° grado, da utilizzare come integrazione al programma scolastico e come supporto per il recupero dei debiti in lingua inglese. Questa iniziativa rientra tra le operazioni messe in campo da Eni per sostenere il Ministero dell’Istruzione nella sua azione di riforma del sistema e di innovazione, come stabilito dal protocollo di intesa firmato il 7 luglio 2010.
Smartenglish rappresenta un utile supporto per studenti ed insegnanti, offre la possibilità agli studenti di seguire un percorso guidato e validato da esperti (webquest) con esercizi in autocorrezione e consente ai docenti di monitorare a distanza i risultati dei test, attraverso un registro elettronico in cui sono tracciate le attività svolte (tentativi effettuati, percentuali di risposte corrette, tempo impiegato). Si tratta di un modello di best practice basato sulle linee guida del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue e sulle Raccomandazioni del gruppo ad alto livello sul multilinguismo – Commissione Europea – che individuano nella multidisciplinarità e nella motivazione le chiavi dell’efficacia nell’apprendimento.
Le aree tematiche sono suddivise in livelli linguistici e trattano i seguenti “subjects” in cui l’inglese funge da lingua veicolare: 1-nature (sun – volcanoes), 2-science (renewable energy – oil), 3-society (technology – recycling), 4-media (music – cinema). Ogni area è corredata da diverse tipologie di esercizi interattivi che abbinano funzioni linguistiche a regole grammaticali per sviluppare un percorso gratificante di responsabilizzazione in un’ottica di riflessione autonoma sulla lingua di studio.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inchiesta inglese sull’Iraq

Posted by fidest press agency su martedì, 18 gennaio 2011

Londra 20 gennaio Commissione Chilcot palazzo Queen Elizabeth II Conference Centre, Broad Sanctuary, London, SW1P 3EE. Bonino e Pannella assieme a Parlamentari e militanti Radicali a Londra in veglia d’attesa dell’audizione di Iraq. Alla veglia, che inizierà con una conferenza stampa alla quale saranno presenti Emma Bonino, vice-presidente del Senato della Repubblica, Marco Pannella, Presidente del Partito Radicale Nonviolento e i parlamentari Radicali Rita Bernardini, Matteo Mecacci e Marco Perduca oltre che Marco Cappato, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni. il luogo verrà comunicato nelle prossime ore, ma comunque nelle immediate vicinanze della sede della Commissione Chilcot. La veglia è convocata perché sia dai mass-media portata a conoscenza di quanti chiedono e sperano giustizia e verità per rilanciare nella storia l’onore delle democrazie tradite e ferite, l’onore del “senso dello Stato” contro le vili e letali “ragion di Stato” che – come nel G4 del 1938 a Monaco fra Daladier, Chamberlain, Hitler e Mussolini – provocano di nuovo stragi di legalità e quindi di popoli, e che di nuovo sembrano apparire come vincenti. Insomma, Churchill e non Chamberlain o Mosley, De Gaulle e non Pétain, Roosevelt e Eisenhower e non Bush o Blair.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Pavia laurea in Medicina in inglese

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2010

S sono aperte presso lo “Spazio Matricole” dell’Università di Pavia le iscrizioni al corso di laurea in Medicina e Chirurgia in lingua inglese avviato dallo scorso anno nell’Ateneo pavese. Primo caso italiano di corso di medicina in lingua inglese, unisce a una delle facoltà di Medicina più antiche e prestigiose d’Italia (fondata nel 1361) la convenzione con gli IRCCS di Pavia: Policlinico San Matteo, Fondazione Maugeri e Istituto neurologico Mondino, oltre alla presenza del CNAO – unico centro nazionale di Adroterapia Oncologica – e di altri ospedali convenzionati. Il corso è denominato “Harvey”, in omaggio allo scopritore della circolazione del sangue e dell’eccellenza pavese in ambito cardiaco e cardiochirurgico: una laurea di Medicina interamente in lingua inglese, della durata di sei anni, attivata dall’anno accademico 2009/10. Proprio in queste settimane si è concluso il primo anno del Corso: 70 studenti, più di 500 ore di lezioni (in Physics, Chemistry and propedeutic Biochemistry, Biology and Genetics, English language, Scientific methods in Medicine, Histology and Embryology, Human Anatomy 1 e Biochemistry) e una intensa attività didattica interattiva (laboratori ed esercitazioni) è stata svolta da docenti dell’Università di Pavia che hanno anche esperienza didattica in Università inglesi e americane. Tutta l’attività didattica e gli esami si svolgono in lingua inglese. Grazie anche ai rapporti internazionali nell’attività di ricerca di numerosi docenti dell’Università di Pavia, è già programmata la completa copertura degli insegnamenti per gli anni futuri del Corso Harvey, il cui successo ha suggerito e già ottenuto dal MiUR un aumento di posti disponibili per l’anno accademico 2010/11: da 70 a 80 per candidati EU e da 10 a 20 per candidati non EU per un totale di 100 posti per l’anno accademico 2010/2011.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »