Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘inquilini’

Gli italiani e gli inquilini stranieri

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 Mag 2012

EasyStanza.it, il principale sito italiano dedicato alla ricerca e all’offerta di alloggi in condivisione, ha condotto una ricerca sulle principali caratteristiche che gli italiani prediligono nella scelta del proprio coinquilino e sulle diverse nazionalità delle persone che condividono un alloggio.Per prima cosa il sondaggio ha voluto indagare i pregi e i difetti principali che gi italiani riscontrano nelle persone con cui condividono l’abitazione: per il 56% degli intervistati ordine e pulizia sono le caratteristiche più apprezzate, per il 42% la puntualità nel pagare l’affitto e le spese, la simpatia per il 41%, e per il 28% la disponibilità a collaborare nelle faccende domestiche. Per qualcuno sono invece fondamentali le qualità relazionali del coinquilino, cioè se fa conoscere gente nuova (6%) o se è un bravo organizzatore di feste (3%).
Al contrario i difetti principali che gli italiani proprio non sopportano sono: punti di vista e abitudini differenti per il 41%, poca collaborazione nelle faccende domestiche per il 31%, disordine e poca igiene per il 30%, ritardo nel pagare l’affitto e le spese per il 13,5% e infine le abitudini di portare troppa gente sconosciuta in casa e organizzare troppe feste, rispettivamente per il 13% e il 5%.Anche la nazionalità del proprio coinquilino risulta essere un punto molto importante nella scelta di quest’ultimo, e dalle risposte emerge comunque un buon grado di integrazione fra diverse culture nel condividere un’abitazione: il 39% degli intervistati infatti, convive con persone di diversa nazionalità. Di questi, il 40% divide la propria casa con cittadini europei (per la maggior parte francesi, spagnoli e tedeschi), il 18% con asiatici (di cui per lo più cinesi), circa il 9% con persone provenienti dal Nord America (soprattutto dagli Stati Uniti), il 7% con sudamericani e il 5% con africani. Dal sondaggio emerge che ben il 31% degli intervistati dichiara di preferire un coinquilino straniero piuttosto che italiano. Si tratta di un dato significativo considerando che gli italiani sono per definizione un popolo molto legato alle proprie abitudini e che mantiene un legame particolare con i connazionali e con le proprie origini in qualsiasi parte del mondo si trovi. Tra le nazionalità “più gettonate” con cui gli italiani vorrebbero dividere l’alloggio troviamo Spagna, Regno Unito, Germania e Francia per l’Europa, gli USA per chi ha scelto l’America del Nord e il Giappone per chi ha dato la propria preferenza al continente asiatico. L’Europa risulta comunque il continente privilegiato con il 59% delle preferenze, mentre il 17% degli intervistati dichiara che accetterebbe volentieri coinquilini di qualsiasi nazionalità.
La ricerca, in modo più approfondito, ha provato a capire quali sono le qualità fondamentali dei coinquilini stranieri rispetto a quelli italiani e viceversa. Dalle risposte date emerge che l’83% preferisce uno straniero perché può entrare in contatto con culture diverse, il 53% perché può esercitarsi nel parlare lingue straniere e il 28% perché la convivenza permette di sperimentare la cucina di altri Paesi.
Viceversa, chi preferisce condividere la propria abitazione con un connazionale ha risposto con il 64% perché lo stile di vita simile rende più semplice la gestione degli spazi comuni, seguito poi dalla facilità di comunicazione per il 48% e dalle stesse abitudini alimentari per il 15%.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea inquilini enti privatizzati

Posted by fidest press agency su sabato, 6 novembre 2010

Roma. 8 novembre 2010  alle ore 17 presso il salone dell’INPDAP in via S. Croce in Gerusalemme 55 si terrà una importante assemblea cittadina alla quale interverranno l’On. Sergio Piffari e l’On. Chiara Braga (presentatori nel mese di luglio delle due mozioni sulla moratoria in VIII Commissione della Camera), Teodoro Buontempo assessore alla casa della Regione Lazio, Mario Di Carlo consigliere regionale (ex-Assessore alla Casa della Regione), Alfredo Antoniozzi (assessore alla casa del Comune di Roma), Luigi Nieri consigliere regionale (ex-Assessore al Bilancio del Regione) e i Movimenti per il diritto all’abitare.  I comitati inquilini degli Enti previdenziali privatizzati, aderenti alla ASIA/USB, che in questi mesi hanno dato vita a molte iniziative di protesta, lanciano la mobilitazione  per fermare, con una MORATORIA, il caro affitti, le vendite speculative, tutti gli sfratti  e rivolgono l’appello “E’ GIUNTA L’ORA DELLE SOLUZIONI” ai rappresentati istituzionali del Governo, del Parlamento, della Regione Lazio e del Comune di Roma .
Chiedono di fermare la gestione immobiliarista degli Enti privatizzati (Casse o Fondazioni), di quelli assicurativi, dei Fondi pensione, di quelli immobiliari (le cosi dette SGR); di ridare una funzione sociale e calmieratrice a questo patrimonio utilizzando i fondi destinati all’housing sociale; l’apertura di un tavolo inter-istituzionale (Governo, Enti locali e rappresentanti degli inquilini) che affronti questa nuova emergenza abitativa; di ratificare in tempi brevi una legge di riforma delle politiche abitative, mettendo a disposizione mezzi e risorse necessarie, superando la L. 431/98.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: buono casa 2008

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 ottobre 2010

I sindacati degli inquilini Sunia, Sicet, Uniat-Uil, Unione Inquilini e Federcasa si sono incontrati ieri presso l’Assessorato alle Politiche per la Casa del Comune di Roma con l’Assessore delegato per affrontare le problematiche relative al contributo all’affitto per l’annualità 2008, ancora non erogato ai 12.853 inquilini aventi diritto. Preso atto che il Comune di Roma è in attesa dei fondi della Regione Lazio relativi alla graduatoria definitiva approvata e pubblicata nel giugno 2010, le parti concordano la necessità di un urgentissimo incontro congiunto Regione-Comune-Sindacati per ottenere l’immediata erogazione dei fondi.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Condizione abitativa a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 17 luglio 2010

Lettera al direttore Abbiamo appena appreso, dal TG Regionale, con molto piacere che oggi Alemanno insieme a Corsini e Antoniozzi hanno dato il via a due appalti per la costruzione di un totale di circa 3000 e rotti nuovi alloggi – che verranno affittati a circa 6,… euro mq – da destinare a chi non percepisce alcun reddito (?), ai precari, alle giovani coppie, alle famigle con portatori di handicap etc. etc. A conti fatti una casa di circa 60 mq, ha detto la giornalista del TG regionale, costerà all’inquilino intorno ai 400/500 euro; il tutto per un impiego ha detto Alemanno di circa un miliardo di euro; dice Alemanno che questo fantastico progetto sarà senz’altro ripreso da molte altre amministrazioni e allora perché Sig. Primo Cittadino di Roma questi poveracci degli  inquilini degli Enti, Casse e Fondazioni con la Sua consapevolezza e con il Suo placet vengono perseguitati da mesi? Sta dando il via alla costruzione di 3000 nuovi alloggi, una goccia nel mare del disastro abitativo di Roma, con tanto clamore e a noi “INVISIBILI” che oggi stiamo perdendo la casa l’unica certezza per gente che rientra a tutti gli effetti in quelle stesse categorie che sta decidendo di proteggere quando saremo sfrattati dove ci metterà?
Se di edilizia popolare parliamo, ma maggiormente di giustizia, sarebbe fantastico la personalizzazione del canone d’affitto, fatto salvo il diritto alla casa. Non potendo raggiungere questo utopico traguardo, secondo me, non si dovrebbero superare le 300-400€/mese. Faccio un esempio, tra noi disperati: se da uno stipendio medio/basso mettiamo pure di 1.700€ togliamo al mese: – 20€ per la luce – 100€ per il gas domestico – 80€ per il telefono – 200€ per la macchina – 200€ per vestiario, scuola, etc. ed infine metti anche 400€ per l’affitto, rimangono all’incirca 700€/mese per mangiare e per tutto il resto. Non devi mangiare più di tanto e in particolare prodotti di marca, devi pregare Dio che non ti serve un dottore, che non ti si rompe un elettrodomestico o la macchina, devi rinunciare alle vacanze come pure ad una pizza ogni tanto in trattoria, o ad un film al cinema, per non parlare di un cappuccino al Bar o di chi fuma. (lettera firmata)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: disagio abitativo

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 luglio 2010

Lettera al direttore. Abbiamo appena appreso, dal TG Regionale, con molto piacere che oggi Alemanno insieme a Corsini e Antoniozzi hanno dato il via a due appalti per la costruzione di un totale di circa 3000 e rotti nuovi alloggi – che verranno affittati a circa 6,… euro mq – da destinare a chi non percepisce alcun reddito, ai precari, alle giovani coppie, alle famigle con portatori di handicap etc. etc. A conti fatti una casa di circa 60 mq, ha detto la giornalista del TG regionale, costerà all’inquilino intorno ai 400/500 euro; il tutto per un impiego ha detto Alemanno di circa un miliardo di euro; dice Alemanno che questo fantastico progetto sarà senz’altro ripreso da molte altre amministraziopni e allora perché Sig. Primo Cittadino di Roma questi poveracci degli  inquilini degli Enti, Casse e Fondazioni con la Sua consapevolezza e con il Suo placet vengono perseguitati da mesi? Sta dando il via alla costruzione di 3000 nuovi alloggi, una goccia nel mare del disastro abitativo di Roma, con tanto clamore e a noi “INVISIBILI” che oggi stiamo perdendo la casa l’unica certezza per gente che rientra a tutti gli effetti in quelle stesse categorie che sta decidendo di proteggere quando saremo sfrattati dove ci metterà? (lettera firmata)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assemblea inquilini resistenti

Posted by fidest press agency su domenica, 13 giugno 2010

Roma 15 giugno ore 16  via IV novembre 119/a (p.za s.s. apostoli) assemblea pubblica degli inquilini resistenti nella sala di liegro a palazzo Valentini.  Partecipano e sono invitati I Parlamentari Marco Causi – Massimo Donati – Luciano Ciocchetti Andrea Catarci, Presidente XI Municipio – Marco Visconti Delegato alla casa Alfredo Antoniozzi, Assessore alla casa del Comune di Roma Teodoro Buontempo, Assessore alla casa della Regione Lazio I Consiglieri regionali Mario Di Carlo – Luigi Nieri – Antonio Paris – Fabio Nobile Il consigliere provinciale Gianluca Peciola I Consiglieri comunali Massimiliano Valeriani – Gemma Azuni – Andrea Alzetta

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: aperto sportello inquilini

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2010

Roma. «Partirà all’inizio di maggio, e durerà per tutto il mese, lo Sportello cittadino che il IV Municipio ha deciso di aprire per raccogliere le segnalazioni degli inquilini delle case degli enti previdenziali privatizzati».Lo annuncia Cristiano Bonelli, presidente del IV Municipio e incaricato del sindaco Alemanno per le problematiche inerenti i canoni di affitto degli inquilini delle case di proprietà degli enti previdenziali privatizzati. «Lo Sportello sarà attivato nella sede di Piazza Sempione e sarà gestito dall’Associazione Azione Legale e da alcuni dei rappresentanti dei comitati degli inquilini. L’obiettivo è quello di raccogliere direttamente dai cittadini interessati da questo problema informazioni che consentano di predisporre una vera e propria piattaforma condivisa da utilizzare come base per le contrattazioni con i diversi enti proprietari. Lo Sportello – conclude Bonelli – sarà aperto, a partire dal 4 maggio, il martedì e il giovedì dalle 14.00 alle 16.30 e il venerdì dalle 10.00 alle 12.30».

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli inquilini delle case degli enti previdenziali

Posted by fidest press agency su sabato, 24 aprile 2010

Oltre 3.500 lavoratori dell’INPS hanno partecipato alle assemblee regionali, indette ieri in tutta Italia dalla RdB Pubblico Impiego, per protestare contro il nuovo assetto organizzativo delle sedi dell’Ente. La RdB INPS critica fortemente l’abbandono un modello organizzativo adeguato, che nel 2009  ha portato ad un aumento del 10% della produttività, per affidare alla multinazionale KPMG un progetto appaltato dal costo di 17 milioni di Euro che prevede il ridimensionamento della presenza dell’Ente sul territorio ed un ritorno al lavoro parcellizzato, sul modello della fabbrica. “Erano anni che non si vedevano tanti lavoratori in assemblea”, commenta Luigi Romagnoli, coordinatore nazionale della RdB INPS. “La maggior parte delle venti sedi nelle quali è in corso la fase sperimentale della riorganizzazione è stata invasa pacificamente da una marea di lavoratori preoccupati per il futuro dell’Ente previdenziale e per il peggioramento delle condizioni di lavoro”. “Questa riorganizzazione – prosegue il rappresentante RdB – si inserisce nel più ampio disegno di smantellamento dello Stato Sociale, che si traduce in una minore offerta di servizi ai cittadini nella scuola, nella sanità e nella previdenza. Dopo anni di martellante campagna diffamatoria nei confronti dei lavoratori pubblici, evidentemente si giudicano maturi i tempi per un attacco a tutto campo alla Pubblica Amministrazione”. Conclude Romagnoli: “La RdB vuole rompere il muro di contrapposizione tra cittadini utenti e lavoratori pubblici, per costruire una comune difesa del Welfare. Nelle prossime settimane proporremo altri momenti di mobilitazione per costringere l’amministrazione a rivedere le proprie scelte e ad aprire un confronto sindacale dal quale scaturiscano certezze sul futuro dell’INPS e sull’attività dei lavoratori”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: emergenza casa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 marzo 2010

«Dobbiamo fronteggiare un’emergenza sociale che riguarda almeno 30mila famiglie romane che rischiano di non poter sopportare aumenti insostenibili degli affitti, o addirittura di perdere la propria abitazione, per le manovre finanziarie degli Enti pubblici privatizzati. Mentre il Comune di Roma ha varato un Piano Casa di 27500 alloggi, rischia di prodursi un buco nell’offerta alloggiativa per i redditi medio bassi che ridimensionerebbe gli effetti del nostro Piano Casa».  È quanto dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Di fronte a questa situazione – aggiunge il Sindaco – il Comune non può rimanere inerte, anche se si tratta di operazioni formalmente corrette e avallate da accordi con i sindacati degli inquilini. La creazione dell’Ufficio per la tutela degli inquilini degli Enti previdenziali, di un coordinamento dei rappresentanti degli inquilini dei diversi Enti, oltre alla delega in questo settore al presidente Bonelli, sono le basi operative per un deciso intervento che porti a rinegoziare completamente i rapporti tra inquilini ed Enti previdenziali». «Il nostro obiettivo – spiega Alemanno –  deve essere quello di ottenere degli aumenti degli affitti in percentuali socialmente sostenibili e dare agli inquilini una effettiva possibilità di acquisto della propria abitazione. Contiamo sulla collaborazione dei vertici degli Enti previdenziali anche attraverso il coinvolgimento dei proprietari di questi Enti, ma avvertiamo che il Comune di Roma metterà in atto ogni forma di pressione affinché il negoziato si riapra e abbia degli esiti di effettiva tutela delle famiglie che abitano in questi edifici».

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inquilini Enpaia: aumenti affitto

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2010

Roma. “Dopo aver svolto un importante ruolo calmierante nel mercato immobiliare, da alcuni anni ormai gli enti assistenziali si sono trasformati in imprenditori”. Questo il commento di Oscar Tortosa, vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori, in merito alla protesta degli inquilini dell’Enpaia, davanti alla sede romana della fondazione. I locatari delle case di proprietà dell’Ente nazionale di previdenza per gli addetti e gli impiegati dell’agricoltura, si aspettavano infatti un leggero ritocco del canone d’affitto, compreso tra i quattrocento e i cinquecento euro, salvo poi scoprire aumenti pari a più dell’ottanta per cento. Le vibranti lamentele degli affittuari sono inoltre rivolte ai sindacati, rei di aver firmato senza delega a rappresentarli, l’accordo per il rinnovo delle condizioni di locazione, che priva il conduttore del diritto di prelazione in caso di vendita e prevede un cospicuo aumento del deposito cauzionale. “Siamo di fronte ad una nuova emergenza abitativa – prosegue l’esponente del partito guidato da Antonio Di Pietro – che rischia di lasciare senza un tetto centinaia di famiglie. Invece di porre un freno all’escalation dei prezzi degli affitti, si mettono i cittadini di fronte all’alternativa di abbandonare la propria casa o rischiare lo sfratto. Il Paese è alla deriva e la disperazione dei più disagiati dilaga – conclude amaramente Tortosa – nella totale indifferenza delle istituzioni preposte”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »