Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 318

Posts Tagged ‘instabilità’

L’export dell’Emilia-Romagna tra dazi, Trump e instabilità geopolitica

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 maggio 2018

L’effetto Trump sui mercati internazionali, il possibile rischio di guerre commerciali e l’aumento di episodi di violenza politica. Come possono le aziende dell’Emilia-Romagna affrontare le complessità del nuovo scenario globale, cogliendo le grandi occasioni che export e internazionalizzazione possono offrire? Quali le geografie su cui puntare? È da queste domande che ha preso le mosse oggi a Bologna, Presso Palazzo Gnudi, il convegno “L’export dell’Emilia-Romagna tra dazi, Trump e instabilità geopolitica” organizzato in collaborazione con Confindustria Emilia-Romagna, da SACE SIMEST, il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, per presentare la Country Risk Map 2018.
Al centro dell’evento, le testimonianze delle aziende protagoniste dell’export bolognese – Ducati Energia, Ferretti Group e Mae – che si sono confrontate con gli esperti di SACE SIMEST sulle strategie per affrontare i mercati internazionali.Nel 2017, con quasi 60 miliardi di beni venduti all’estero (+6,7% rispetto all’anno precedente), l’Emilia-Romagna è la terza regione italiana esportatrice. Le geografie di destinazione sono un buon mix di mercati dell’area Ue (57,4%) ed extra-Ue (42,6%). Tra i primi, Francia, Spagna e Polonia hanno garantito ottime opportunità alle imprese internazionalizzate della regione, ma segnali incoraggianti sono arrivati anche dai mercati ad elevato potenziale che presentano un livello di rischio medio-basso, così come evidenziato nella Country Risk Map. È il caso ad esempio di alcuni importanti player del continente asiatico (Cina, Giappone e Corea del Sud) e dell’America Latina (Brasile, Messico e Perù), geografie che continueranno a rappresentare una fonte di domanda importante per i prodotti Made in Italy anche in futuro.“Per sostenere l’impegno delle piccole e medie imprese all’estero – ha dichiarato Pietro Ferrari, Presidente di Confindustria Emilia-Romagna – occorre favorire un accesso più semplice, integrato ed efficace a tutti gli strumenti e servizi assicurativi e finanziari disponibili. Il sistema regionale Confindustria è a fianco delle imprese, con il supporto di Regione, ICE Agenzia e SACE SIMEST, per accrescere le competenze delle aziende e accompagnarle sui mercati. È importante rafforzare gli strumenti che favoriscono forme di presenza più stabile all’estero e, in generale, promuovere politiche e strumenti, anche di stimolo fiscale, che favoriscano fusioni, accorpamenti e aggregazioni tra aziende”.L’Emilia-Romagna, terza regione italiana per vendite all’estero, è un motore importante dell’export italiano – ha dichiarato Alessandro Decio, Amministratore Delegato di SACE –. Crediamo però che il potenziale della regione sia ancora più ampio, grazie alle eccellenze in tanti settori, a una economia viva, diversificata e coesa. Coltiviamo l’ambizione di mettere a disposizione di un numero maggiore di imprese emiliane e romagnole le soluzioni SACE SIMEST con l’obiettivo di continuare su questo percorso di crescita che speriamo possa accelerare di più quest’anno, anche grazie al nostro impegno. Per raggiungere insieme questo traguardo siamo pronti a lavorare e a dare il massimo per le aziende e gli imprenditori di questa regione”.
Solo nell’ultimo anno, il Polo SACE SIMEST ha servito 1.600 aziende dell’Emilia Romagna, in prevalenza PMI, mobilitando circa 1,4 miliardi di euro di risorse a sostegno di export e investimenti all’estero.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’instabilità dell’economia a livello globale crea opportunità di crescita e innovazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

londraLondra. Gli amministratori delegati delle aziende di tutto il mondo e i membri della comunità di Frost & Sullivan per la crescita, l’innovazione e la leadership (GIL) rivelano che l’instabilità del settore rappresenta una delle principali sfide che un amministratore delegato deve affrontare per la crescita.
Una percentuale sempre maggiore di amministratori delegati sta assistendo a cambiamenti radicali nei modelli di business che comportano la trasformazione totale dell’ecosistema del proprio settore. In un tale contesto, la resistenza interna al cambiamento e la mancanza del lavoro di squadra necessario per la trasformazione visionaria stanno ostacolando la capacità delle aziende di sviluppare e attuare potenti strategie di innovazione e di crescita. Le fusioni e le acquisizioni sono comunemente utilizzate dagli amministratori delegati per sviluppare e sostenere la crescita e l’innovazione. Ciò, tuttavia, è in conflitto con il dato di fatto che fusioni e acquisizioni sono le strategie di crescita con il più basso tasso di successo. Alla luce di queste informazioni, come potranno gli amministratori delegati sviluppare e sfruttare le best practice per trasformare le proprie aziende e dare slancio all’innovazione e alla crescita?
“Nell’economia globale fortemente dinamica di oggi, è estremamente importante che gli amministratori delegati dimostrino una leadership visionaria nel guidare le proprie aziende, specialmente nel momento in cui l’ecosistema del settore in cui operano subisce cambiamenti, crolli e trasformazioni”, afferma Sandeep Kar, Global Vice President di Frost & Sullivan. “La conoscenza delle tendenze nuove ed emergenti del settore, delle forze dirompenti, delle opportunità di crescita trasformazionale e delle best practice è necessaria agli amministratori delegati per prepararsi ai diversi scenari aziendali ed evitare la morte delle proprie aziende e dei relativi ecosistemi in seguito ai numerosi tagli richiesti”. Frost & Sullivan 2016 Annual CEOs Voice on Growth, Innovation and Leadership punta a fare chiarezza sul processo decisionale strategico offrendo approfondimenti potenti e concreti mutuati dalla nostra comunità globale di amministratori delegati appartenenti a una vastissima gamma di settori e regioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sud Sudan, allarme Amref: “L’instabilità sta dilagando in zone finora pacifiche”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 settembre 2015

sud sudanLa condizione conflittuale del Sud Sudan non accenna a migliorare. Sebbene sia stato firmato recentemente l’ennesimo “cessate il fuoco”, gli animi non sembrano placarsi. Ad aggravare ulteriormente la situazione si aggiunge l’apparente allargamento della zona rossa: dalle aree del Nord del Paese, in particolare Upper Nile e Jongley State, i disordini si stanno estendendo anche nelle aree a sud, in particolare nello stato di Western Equatoria, dove sono presenti i progetti di Amref. Un Paese stremato. Il conflitto, che si protrae ormai da circa due anni, ha ridotto allo stremo il Sud Sudan, Paese già straziato dalla ultra ventennale guerra di liberazione dal regime di Khartoum (capitale del Sudan), conclusasi solo nel 2005, che ha portato il Sud Sudan all’indipendenza nel 2011. Il costo della vita continua ad aumentare, la criminalità dilaga e mentre la miseria soffoca la popolazione, la stabilità politica appare un miraggio. (foto sudan)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ministeri a Monza

Posted by fidest press agency su martedì, 12 luglio 2011

“Il governo sta vivendo sulla luna. In una giornata come questa, in cui i mercati hanno messo nel bersaglio il nostro paese proprio per l’instabilità politica e per l’incapacità di dare risposte concrete alla crisi e alla riduzione del debito, ancora ci tocca sentire questa assurda idea di spostare i Ministeri a Monza, pensando di trovare altresì una soluzione per la mala-gestione della Villa Reale. Abbiamo bisogno di un segnale di responsabilità per il bene del Paese, non di incompetenti e superficiali demagoghi che credono che si possa continuare a ballare su un Titanic, cercando di arraffare quello che possono e chiudendo la porta. I Ministeri a Monza non li vogliono neppure i monzesi, perche loro, più di quanti ci governano, si rendono conto che di ben altre risposte c’è bisogno in questo momento”. Lo scrivono, in una nota congiunta, Enrico Farinone e Alessia Mosca, parlamentari monzesi del PD.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Instabilità  nel Maghreb

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 giugno 2011

Milano 29 giugno dalle ore 9,30 Palazzo Isimbardi Sala Affreschi della Provincia e nella sede meneghina della Camera di Commercio ItalAfrica Centrale (dalle ore 10 del 30 giugno, Corso Sempione 32B).“Le conseguenze delle instabilità nel nord Africa stanno incidendo sul processo di sviluppo di quel continente, modificando i rapporti di forza politico-imprenditoriali tra gran parte dell’Africa ed il resto del mondo. La cooperazione europea ed italiana non trovano più l’antico favore e la tradizionale condivisione di governi e popolazioni che continuano a condannare ogni forma di intervento militare straniero. Risulta quindi urgente ricucire il rapporto diplomatico-istituzionale con l’Africa: è l’unica strada per cercare di assicurare, al nostro sistema imprenditoriale, buoni margini di penetrazione in mercati che restano dalle straordinarie potenzialità”. Obiettivo per cui l’ing. Alfredo Cestari, presidente della Camera di Commercio ItalAfrica Centrale, ha organizzato il convegno “L’altra Africa: il continente delle opportunità. Economia e sviluppo”.  “Metteremo in contatto ministri ed ambasciatori africani con il sistema governativo ed imprenditoriale italiano perché si possa ipotizzare una strada condivisa di ripresa proficua dei rapporti. Il sistema imprenditoriale italiano, da sempre costruttore di sviluppo in Africa, non merita oggi di essere estromesso dai prossimi percorsi di radicamento che altri Stati stanno velocemente disegnando. Alle imprese costrette alla fuga dalla Libia vanno infatti sommate quelle che oggi, in parti sempre più vaste d’Africa, trovano spropositate difficoltà nel mantenere inalterate le quote di mercato acquisite in anni di duri sacrifici. Il danno subito dall’intero sistema-italia è già enorme: con il nostro convegno cercheremo di individuare la strada per porre un argine”, chiude Cestari.
Al convegno, che si aprirà con l’intervento del Presidente della Provincia Guido Podestà, saranno inoltre illustrati i programmi comunitari Pro Invest per lo sviluppo dei Paesi ACP per il settore privato.Parteciperanno, tra gli altri, il sottosegretario alle Infrastrutture ed ai Trasporti, Sen. Mario Mantovani; il vice presidente di Confindustria per l’internazionalizzazione, Paolo Zegna, il Presidente di Fiera Milano Spa,Michele Perini; gli Ambasciatori della Repubblica d’Uganda (Deo Kajunzire Rwabita), della Repubblica del Kenya  (Josephine Wangari Gaita), della Repubblica Gabonese (Charles Essonghé), di Sao Tomè e Principe (Carlos Gustavo Dos Anjos); i Consoli della Repubblica dell’Uganda a Genova (Giacomo Albrieux), della Repubblica d’Uganda (Roberto Randazzo), della Repubblica di Tanzania a Milano (Giovanni Giorgio), della Repubblica del Camerun a Firenze (Ildo Morelli) e della Repubblica Democratica del Congo; per la FEC (Fédération des Entreprises Congolaises) Simon Landu Panzu Konde, Président de la Commission Nationale Travaux publics e Dieudonné Kasembo, Président de la Commission Nationale Commerce et PME; per la CCAIMAG (Chambre de Commerce, d’Agriculture, d’Industrie, des Mines et de l’Artisanat du Gabon) Nestor Andome Ayi, Responsabile settore privato imprese Gabon; Yvon Capito, Responsabile relazioni istituzionali per il settore privato imprese Gabon; il PSF (Private Sector Federation of Rwanda); Don Giancarlo Quadri (Responsabile Ufficio Pastorale dei Migranti Diocesi di Milano). Presente l’Università Cattolica Sacro Cuore di Milano. Tra le imprese si segnala la testimonianza del Gruppo Cremonini, da anni in Africa. Modererà  il dr. Giancarlo Giojelli, vice direttore Rai International.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Catania: famiglie sempre più povere

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

Secondo un rapporto diffuso dall’Acli catanese, le famiglie della città siciliana appaiono sempre più a rischio povertà e piegate dalla disoccupazione dilagante, si attesterebbe intorno al 43% la quota delle persone senza lavoro. L’indagine denuncia crescenti problematiche sociali, legati all’instabilità economica, quali l’emergere di nuove paure. Secondo i dati Acli, oltre al timore di rimanere disoccupati, segue la paura di vivere in solitudine, di non riuscire a pagare cure mediche nel caso di malattia, di cedere al malaffare. “Alla radice di tutto questo – continua l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro -, c’è il problema della disoccupazione. Il governo centrale e, in questo caso, l’amministrazione siciliana non stanno facendo abbastanza. Per quanto riguarda Palazzo Chigi poi, bisogna che investa fondi per incrementare l’occupazione, non solo le poltrone da sottosegretario. I dati riportati dall’Acli catanese sono una triste conseguenza della mancanza di lavoro. C’è il rischio – conclude D’Angelo -, di una rivolta popolare, per il pane, per la casa. Quando viene a mancare la possibilità di accedere a beni di prima necessità la situazione è esplosiva”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maroni e l’uscita dell’Italia dall’Ue

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2011

“È sconcertante che un ministro dell’Interno minacci l’uscita dell’Italia dall’Unione Europea, o peggio ancora metta in dubbio l’essenzialità e la centralità della stessa. L’UE nacque  come risposta all’enorme disastro del secondo conflitto mondiale e venne immaginata come strumento di collaborazione affinché tragedie simili non si ripetessero. Dubitare oggi, in un momento di altissima instabilità internazionale, della sua esistenza appare una follia; sebbene sarebbe opportuno fare un’analisi profonda e obiettiva sull’attuale efficacia e funzionalità delle sue Istituzioni. Maroni accusa l’Europa di averci lasciato soli nella gestione dell’emergenza immigrazione, ma non si rende conto che,  se l’Europa non ci dà ascolto, ciò dipende dall’inadeguatezza e dalla caduta di credibilità del governo di cui fa parte.   I leghisti sono stati capaci di creare polemiche persino sull’indissolubilità della nostra Patria, ora lo fanno pure su quella comune europea. L’Italia, che è da sempre una colonna portante nel processo di integrazione europea, che ha contribuito sin dall’inizio alla costruzione politica e culturale dell’Unione rimarcando le comuni radici storiche, culturali e religiose merita di essere rappresentata da un governo che ne garantisca dignità, autorevolezza e rispettabilità, ciò che  l’attuale non è certo in grado di garantire. Lo dichiara l’on. ROBERTO MENIA, coordinatore nazionale di FLI.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Una Daspo per i parlamentari?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 dicembre 2010

“Per i parlamentari che nei giorni scorsi e ancora oggi propongono l’uso di sistemi e metodi di repressione preventiva classici del passato regime fascista, gli stessi che continuano senza pudore a sostenere una spregiudicata azione politica che sta causando forti tensioni sociali e una instabilità generale che sta portando il Paese a dover ricordare, se non rivivere i periodi più bui della storia passata, gli stessi che stanno mettendo a dura prova le basi stesse della democrazia o che sorridendo dichiarano di non comprendere le ragioni delle sempre maggiori manifestazione di piazza e di civile dissenso, gli stessi che esaltano i poliziotti e i militari dopo averli “accoltellati alle spalle” con provvedimenti normativi che di fatto stanno attuando uno smantellamento sistematico delle forze di polizia e delle forze armate, ma che poi li chiamano a difendere i palazzi della politica, a questi e solo a questi parlamentari bisognerebbe applicare il principio del D.A.SPO. affinché gli sia impedito di accedere al Parlamento e continuare a fare ulteriori danni al Paese.“ Lo dichiara Luca Marco Comellini, Segretario del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma, comune: falsa lettera ai cittadini

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 novembre 2009

“Alcuni cittadini del centro storico hanno ricevuto nei giorni scorsi una falsa missiva firmata dal sindaco Gianni Alemanno, nella quale si legge che ‘è stata rilevata una potenziale instabilità nel terreno nelle zone comprendenti Piazza di Spagna e Piazza del Popolo’.  “Per svolgere degli approfondimenti – è scritto nella lettera  – nelle zone precedentemente nominate sarà chiuso il transito ai pedoni ed agli autoveicoli, e per questo motivo si richiede ai cittadini residenti un momentaneo spostamento di abitazione”. “Il Comune di Roma precisa che la lettera e il suo contenuto sono privi di qualsiasi fondamento, e contro l’autore di queste dichiarazioni, al momento ancora ignoto, sarà inoltrata denuncia alla Procura della Repubblica per ‘procurato allarme’. Lo dichiara il portavoce del Sindaco, Simone Turbolente.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Instabilità da piccoli, obesità da adulti

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 settembre 2009

Il binomio obesità e problemi della sfera emozionale è stato più volte riscontrato da studi epidemiologici, ma non è chiaro quale dei due sia causa dell’altro. Uno studio ha fatto chiarezza sul tema rilevando che le difficoltà emotive vissute durante l’infanzia comportano un rischio elevato di sviluppare obesità in età adulta. Per giungere a queste conclusioni, gli autori hanno esaminato i dati di 6500 soggetti inseriti nel 1970 British Birth Cohort Study, che all’età di 10 anni erano stati valutati per problemi emotivi, autopercezione e indice di massa corporea (IMC). Lo stato emotivo dei bambini era stato analizzato mediante scala Rutter B, questionario LAWSEQ, e scala CARALOC; poi, all’età di 30 anni, i soggetti avevano nuovamente fornito i dati di IMC. E’ emerso che i bambini che mostravano una bassa autostima, scarso controllo della propria vita e frequente preoccupazione erano poi quelli che nei successivi 20 anni avevano aumentato di più il peso corporeo. In particolare, considerando l’IMC dei bambini, dei genitori e il loro livello sociale, le difficoltà della sfera emotiva erano predittive di un aumento di peso nelle donne. La bassa autostima aveva effetti in entrambi i sessi, anche se con un accento maggiore nelle donne, mentre la sensazione di poco controllo sulla propria vita toccava indifferentemente uomini e donne. Gli autori sottolineano che queste evidenze hanno importanti implicazioni cliniche e indicano un percorso per interventi precoci che possono contribuire a limitare l’attuale epidemia di obesità. (S.Z.)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »