Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Posts Tagged ‘integrale’

Nasce il Centro di Formazione Integrale UER

Posted by fidest press agency su domenica, 6 marzo 2022

“La Formazione Integrale rappresenta l’ideale educativo del nostro ateneo”, spiega Padre Gonzalo Monzón LC, Direttore del Centro. “Non vogliamo limitarci a proporre agli studenti soltanto un percorso accademico, ma anche e soprattutto un cammino di crescita personale ed umano”.L’attività di Formazione Integrale è presente nell’Università Europea di Roma fin dalla sua fondazione. Ora è stato istituito il Centro di Formazione Integrale ed approvato il suo regolamento, con una delibera del Consiglio di amministrazione. “La nascita del Centro di Formazione Integrale rappresenta, per noi, una grande gioia e uno stimolo ad impegnarci ancora di più nel percorso iniziato in questi anni”, afferma Padre Monzón. “L’obiettivo è sempre quello di cercare la realizzazione di tutte le potenzialità dei giovani, in modo armonico, attraverso quattro aree educative: la formazione intellettuale, umana, spirituale e sociale”.Il Centro di Formazione Integrale è suddiviso in settori, che rappresentano i suoi ambiti di azione: Eccellenza, Responsabilità sociale, Sport e Attività extracurriculari, Divulgazione. Ogni settore tocca aspetti diversi della formazione dei giovani: la ricerca dell’eccellenza umana e l’impegno di leadership positiva nella società, le attività sociali svolte con associazioni di volontariato, lo sport proposto come palestra di vita, le attività extracurriculari e di divulgazione, per dare spazio alla creatività dei giovani. Ad esempio, con il concorso UER’S Got Talent, ispirato a temi di solidarietà, e la partecipazione alle trasmissioni di Radio Onda UER, web radio che ha festeggiato recentemente il suo primo anniversario.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: La rivoluzione integrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Di: Giannozzo Pucci. Editore: Libreria Editrice Fiorentina Collana: Manifesti Pagine: 192 euro 14,00. Una rilettura di mezzo secolo di battaglie ecologiste alla luce della storica Enciclica di papa Francesco per disegnare un nuovo/antico progetto politico. Rivoluzione integrale è rivoluzione culturale, politica, economica, scientifica e tecnica e indica l’immane, entusiasmante lavoro di modifica di ogni aspetto della realtà attuale che dobbiamo affrontare. A differenza delle rivoluzioni degli ultimi due secoli motivate dall’egoismo, la rivoluzione integrale esige a tutti i livelli disegnare e costruire una civiltà comunitaria in simbiosi con la natura animati da uno spirito di gratuità. Il virus del progresso ha infettato tutte le attività umane e sta distruggendo il mondo. Questo libro è un contributo per sviluppare gli anticorpi necessari.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È nato il sito di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2020

://www.universitaeuropeadiroma.it/formazioneintegrale/ Ha l’obiettivo di offrire informazioni e notizie sulle attività di Formazione Integrale dell’ateneo: responsabilità sociale, eccellenza, mentoring, sport, attività extracurriculari, divulgazione. “Siamo lieti di annunciare questa bella novità che ci permetterà di dialogare ancora di più con le persone e di far conoscere le nostre iniziative”, spiega Padre Gonzalo Monzón LC, Direttore dell’Ufficio Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma. “Inoltre, attraverso il nuovo sito, avremo la possibilità di diffondere tante buone notizie, soprattutto sulle attività sociali e di solidarietà che portiamo avanti con i nostri studenti. In questo modo cerchiamo di rispondere all’invito di Papa Francesco ad illuminare il buono che c’è in questo mondo, in ogni cosa e in ogni persona, per aprire sentieri nuovi di fiducia e di speranza”. “Oltre alle sezioni dedicate alle varie aree di Formazione Integrale c’è una parte del sito che riteniamo significativa ed entusiasmante”, continua Padre Monzón. “Si chiama Spazio Studenti ed ospiterà articoli, interviste e video frutto della creatività e sensibilità dei nostri giovani. Sarà una bella opportunità per tutti gli studenti che hanno passione per la scrittura e la comunicazione”.La Formazione Integrale è quel progetto educativo che nasce da una visione della persona come unità indivisibile costituita di intelletto, volontà, emozioni, corpo, relazionalità e spiritualità.Ha l’obiettivo di sviluppare tutte le sfaccettature della persona, le sue facoltà, le sue abilità e competenze in modo armonico, completo e progressivo. “Nel contesto universitario la formazione intellettuale è fondamentale. Ma da sola non basta”, ricorda Padre Monzón. “Per preparare i professionisti di domani è necessario formare tutta la persona. Per questa ragione l’Università Europea di Roma si occupa anche della formazione umana dei giovani, affinché raggiungano la piena maturità.Nel nostro ateneo lo studente è veramente al centro dell’azione formativa, perché fa parte, prima di tutto, di una comunità umana. Attraverso questo percorso si cerca di favorire il suo inserimento consapevole, attivo e positivo nella società”. (Carlo Climati)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Auto a trazione integrale

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2011

Carrara nel week-end del 14/16 ottobre.Yokohama annuncia la partecipazione alla prossima edizione della fiera dedicata al mondo del fuoristrada e dei SUV “4×4 Fest”. Yokohama esporrà in primo luogo la linea Geolandar, pneumatici destinati a tutti i moderni modelli di vetture fuoristrada e SUV: in primis, il Geolandar G012 A/T, modello polivalente per eccellenza, poi il disegnoG051 H/T (Highway Terrain), indicato per una guida stradale e autostradale, e il Geolandar G001 M/T (Mud Terrain), studiato invece per un uso estremo, da fuoristrada puro.
Insieme alla gamma Geolandar, Yokohama proporrà anche il prodotto di punta dedicato ad un uso prettamente stradale e destinato ai SUV più potenti e performanti: l’ADVAN Sport V103B. Infine, sarà esposto anche l’ADVAN S.T., pneumatico polivalente per i SUV del segmento medio-alto. Oltre a questi modelli Yokohama mostrerà anche Parada Spec-X, destinato a incontrare le esigenze di personalizzazione degli utenti di SUV moderni e prestazionali grazie al suo look accattivante e ad un battistrada capace di dare prestazioni elevate in termini di controllo, tenuta di strada in curva, direzionalità e grip. Non mancheranno i pneumatici winter per SUV e 4×4: Yokohama V902, il top di gamma, e il 4×4 puro Yokohama Geolandar G071, studiato per un uso prettamente invernale dei 4×4. Yokohama sfrutterà l’importante palcoscenico di Carrara per presentare anche due nuovi invernali con “mescola nordica” la cui gamma presenta misure 4×4 e Suv: Iceguard IG30 e G073. Data la sempre maggior richiesta di prodotti specializzati, da quest’annoYokohama commercializzerà anche questi pneumatici spiccatamente invernali: Iceguard identifica infatti una famiglia di modelli adatti all’uso in zone montane che mantengono condizioni climatiche rigide, con fondi spesso innevati o ghiacciati.
Come da tradizione, Yokohama e MAK saranno anche impegnate, grazie alla collaborazione con la scuola di pilotaggio del Ciocco Centro Motori, nell’area esterna della fiera: le vetture della scuola che coinvolgeranno i visitatori in giri in pista e prove di guida off-road saranno equipaggiate infatti con pneumatici Yokohama e ruote MAK. Lo stand Yokohama/MAK sarà come di consueto all’interno del Padiglione C.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assegnazione premio “atoms for peace”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 ottobre 2010

Assisi Giovedì 21 ottobre 2010 ore 15.00 presso la sala stampa del Sacro Convento di Assisi,  si svolgerà la conferenza stampa di presentazione del primo Symposium Internazionale tra Religioni e Mondo del lavoro per realizzare il programma “Megatons to Development”. A seguire  l’assegnazione del premio “Atoms for Peace” da parte del WONUC/IISP, assegnato gli scorsi anni ad Elbaradei – IAEA e a Nakasone, già premier del Giappone. Il convegno dal titolo “Religioni e Mondo del Lavoro per la Conversione nucleare e lo sviluppo nel Sud del mondo:  nuova concezione dello sviluppo integrale con il nucleare di pace” verrà trasmesso in diretta web su sito http://www.sanfrancescopatronoditalia.it. Parteciperanno all’evento di Assisi: Vescovo di Assisi, Mons. Domenico Sorrentino, Presidente della Conferenza Episcopale Umbra, Mons. Vincenzo Paglia, Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Giuseppe Piemontese, membri del direttivo Comitato per una Civiltà dell’Amore, l’Ing. Giuseppe Rotunno e la Dott.ssa Maria Romana De Gasperi, il rappresentante di Religions for Peace, Prof. Luigi De Salvia, il Presidente del World Council of Nuclear Workers (WONUC), Mr. Andre Maissou, Associazione dei Sindacati Nucleari Mondiali, il Segretario generale della Flaei/Cisl, Dott. De Masi, ed il Sindaco di Assisi, Ing. Claudio Ricci.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il velo integrale islamico

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

(Afp) Bruxelles – La commissione Affari interni del Parlamento del Belgio ha approvato una proposta di legge per l’interdizione totale del velo integrale islamico. Il voto ha avuto l’appoggio di tutti i gruppi politici e, se fosse confermato in Parlamento, il Belgio diventerebbe il primo Paese europeo a proibire il burqa. Secondo fonti parlamentari il voto potrebbe essere messo in calendario il 22 aprile prossimo. «È un segnale molto forte che intendiamo inviare agli islamisti», ha detto il deputato liberale Denis Ducarme. La legge modifica il codice penale per imporre un’ammenda (o sette giorni di carcere) «a chi si presenterà in uno spazio pubblico con il volto coperto, del tutto o in parte, che ne impedisca l’identificazione». Il testo prevede eccezioni per le manifestazioni autorizzate dai Comuni come il carnevale.
Europa – Martedì il Consiglio di Stato ha respinto l’ipotesi di un divieto assoluto del velo integrale in Francia. Parigi si avvia quindi verso una messa al bando del burqa e del niqab limitata ai servizi pubblici, come autobus, metropolitane o uffici postali. Questa la situazione in altri Paesi europei. In Italia una legge del 1975 vieta di coprirsi completamente il volto nei luoghi pubblici. Alla legge hanno fatto riferimento alcuni sindaci per varare una serie di ordinanze che vietano a livello locale il velo integrale o il costume da bagno islamico. La Lega Nord ha depositato nello scorso ottobre un progetto di legge che prevede fino a due anni di reclusione e 2 mila euro di multa per coloro che per la «loro appartenenza religiosa rendono difficile o impossibile l’identificazione». In Danimarca il governo ha deciso lo scorso gennaio di limitare il burqa o il niqab nei luoghi pubblici ma senza vietarlo, lasciando cioè alle scuole, alle amministrazioni o alle imprese l’onere di fissare le regole. In Olanda diversi progetti di legge sono allo studio per vietare l’uso del velo integrale. In Gran Bretagna un partito euroscettico guida una campagna per il bando del burqa. In Austria il ministro socialdemocratico per le Donne, Gabriele Heinisch-Hosek, pensa di bandire il velo nei luoghi pubblici.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Mediterraneo protagonista

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2009

Bosforo, Suez e Gibilterra sono le tre porte d’ingresso per questo, se vogliamo, grande lago interno a tre continenti: l’Europa, l’Africa e l’Asia. Molti hanno cercato di attraversare queste porte per imporre una propria politica, una propria cultura, una propria professione di fede. Il risultato è che si è rimasti fondamentalmente quello che siamo, cristiani e laici da una parte e musulmani e religiosi dall’altra. Due ed anche tre culture che hanno trovato solo un punto di contatto condivisibile: i commerci possibili e praticabili tra le due sponde e persino, con una dose di cinismo, avvalendosi di una formula nuova di quello che un tempo si chiamava mercato degli schiavi favorendo una emigrazione di massa con barconi e battelli di ogni genere per superare lo spazio tra una sponda e l’altra di questo mare “nostrum”. E come gli Stati Uniti  a cavallo degli ultimi due secoli avevano bisogno di risorse umane per crescere, oggi l’Europa lo fa per rinsanguare il suo scarso indice di natalità. Ma in effetti l’Europa non è tutta protesa verso il Mediterraneo così come non lo sono il continente asiatico e quello africano. Vi sono spinte centrifughe che non concorrono di certo a creare un clima ideale per migliorare i rapporti non solo mercantili ed affaristici tra le diverse sponde del Mediterraneo. Si cerca, ovviamente, qualcosa di più che allontani in via definitiva lo spettro delle atrocità che sono in atto in primo luogo nelle regioni interne dell’Africa. Una presa di distanza dalle pulizie etniche, dall’insolenza e dalla protervia dei dittatori e per attrarla a quella immagine dell’Europa, forse troppo romantica per essere reale, benestante, dove c’è lavoro, operosità, possibilità di risparmio e di vita domestica, così come è stata l’America nel secolo scorso e tuttora si lascia intravedere per gli emigranti di questo secolo. Ma tutta l’Europa non si sente unita in questo progetto. Vi è un qualcosa che la sospinge verso il Nord-Est e il Nord-Ovest più forte del Sud e che spacca i continenti in aree di influenza atipiche secondo i canoni dell’ortodossia tradizionale e geografica. E’ la pretesa di sentirsi diversi e più evoluti. E’ la vocazione ad emarginare più che ad integrare o ad accogliere esseri umani pari per dignità e cultura e non una razza d’inferiori. E’ questo il vero limite di una civiltà che non sa riconoscere il valore e la portata storica delle altre civiltà e, quel che è peggio, a convivervi con esse in pace.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Novità per gli azionisti di Alitalia

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2009

Il componente nazionale del  Dipartimento Tematico Nazionale dell’Italia dei Valori “Tutela del Consumatore” Giovanni D’Agata sottolinea che Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri pomeriggio la manovra d’estate che contiene importanti novità per gli azionisti della vecchia compagnia di bandiera. Gli azionisti potranno cedere i titoli al Tesoro per un controvalore determinato sulla base del valore medio di borsa delle azioni nell’ultimo mese di negoziazione ridotto del 50%, pari a 0,2722 del valore nominale” Proprio nel Tribunale di Lecce è stata avviato il primo giudizio civile per il risarcimento del danno da parte di numerosi azionisti, difesi dal prof. Fernando Greco  e dall’avv. Francesco D’Agata, al fine di individuare la responsabilità del Presidente del Consiglio per aver interferito nella relazione commerciale in fieri tra Alitalia ed Air France.  Ciò ha reso sempre più impervia la prosecuzione delle trattative con Air France fino al punto in cui Air France ha deciso di ritirarsi dalle trattative, in considerazione delle avversioni italiane ed in particolare di colui che si proponeva come possibile futuro capo del Governo. Nello stesso giudizio, gli azionisti intervenuti  hanno formulato  la chiamata in causa del Ministero dell’Economia evidenziando che l’ostinata preservazione, nel tempo, dell’attività di Alitalia, malgrado lo Stato irreversibile e conclamato di crisi, abbia di fatto depauperato il patrimonio della società con evidente pregiudizio delle ragioni dei risparmiatori azionisti. Secondo gli azionisti le costanti rassicurazioni istituzionali in ordine alla continuità aziendale di Alitalia ed al rinvenimento di imprenditori disponibili ad acquistare la partecipazione di controllo detenuta dal Ministero dell’Economia  in Alitalia, avrebbero orientato i comportamenti economici dei piccoli azionisti che confidavano nel dichiarato impegno dello Stato ad attuare ogni misura idonea ad evitare lo stato di insolvenza della società. Il Ministero ha, per gli azionisti, una responsabilità anche nei confronti degli azionisti che hanno investito i propri risparmi acquistando o mantenendo la azioni della Compagnia di bandiera; si tratta di un danno da affidamento incolpevole nelle dichiarazioni del Ministero dell’Economia tese a rassicurare il mercato circa il mantenimento della continuità aziendale di Alitalia. Proprio di recente il Presidente Berlusconi era  intervenuto direttamente e personalmente lanciando un segnale di attenzione improntato alla individuazione di soluzioni miranti alla realizzazione degli interessi generali di migliaia di risparmiatori (azionisti ed obbligazionisti) rimasti imbrigliati nella rete di Alitalia. La scelta del Governo di aprire agli azionisti il risarcimento rappresenta, quindi,  una conseguenza dell’azione intrapresa dai piccoli azionisti e del conseguente impegno assunto dal Presidente del Consiglio e dal Ministero dell’Economia. Come sottolineano l’avv. Fernando Greco e l’avv. Francesco D’Agata “il Governo risponde all’appello che più volte gli azionisti di minoranza hanno lanciato. Abbiamo invitato il Governo a risarcire oltre agli obbligazionisti anche gli azionisti Alitalia. Certo i parametri individuati dal Governo per gli azionisti non sono soddisfacenti tenuto conto che si prende in considerazione il valore delle azioni dell’ultimo mese ed il limite del risarcimento in 50.000 euro. Siamo però fiduciosi che in sede di conversione del decreto ci sarà un ampliamento tenuto conto che la volontà di risarcire gli azionisti rimasti imbrigliati nella rete Alitalia è condivisa da tutte le forze politiche, anche dell’opposizione che spingono per un risarcimento integrale”. Il componente dell’Italia dei valori Giovanni D’Agata ritiene, allo stato, del tutto insufficienti le misure individuate dal Governo per gli azionisti della vecchia compagnia di bandiera, oggi in amministrazione straordinaria, e sottolinea che l’Italia dei valori si batterà, in sede di conversione del decreto, per ottenere il risarcimento integrale.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »