Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘intercettazioni’

Intercettazioni: abrogazione art.13 legge Falcone

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 luglio 2010

“La maggioranza mette a rischio la sicurezza dei cittadini  per ragioni di equilibrismi interni: il testo che esce dalla commissione è una colossale porcata” lo dichiara Federico Palomba, capogruppo di IDV in Commissione Giustizia. “Hanno respinto tutti gli emendamenti di Italia dei Valori, mantenendo in piedi gli aspetti più odiosi che rendono questo ddl del tutto inaccettabile – spiega Palomba – tra questi, un’estensione del tutto insufficiente delle intercettazioni ai reati spia ed il depotenziamento delle indagini nei confronti della criminalità organizzata, attraverso il mantenimento dell’abrogazione dell’articolo 13 della cosiddetta legge Falcone, la cui soppressione era stata fortemente caldeggiata dal procuratore nazionale antimafia Grasso, dall’Anm e recepita da un emendamento di IDV”. “Con questa decisione, la maggioranza si assume la responsabilità davanti al Paese di aver indebolito gli strumenti di contrasto al crimine facendo un enorme regalo alla criminalità organizzata. Abbiano il coraggio di dire la verità agli italiani” conclude il capogruppo di IDV in Commissione Giustizia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emendamento al ddl intercettazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2010

“Nonostante le modifiche, quella che il Governo Berlusconi vuole far approvare resta comunque una legge bavaglio”. La viceresponsabile per la Giustizia dell’Italia dei Diritti Manuela Bellantuoni boccia l’emendamento presentato ieri dal governo sul disegno di legge sulle intercettazioni. La riduzione delle restrizioni a carico dell’editoria, secondo la Bellantuoni , “non priva il ddl del suo carattere liberticida e continua a non tutelare il diritto all’informazione del cittadino; nulla poi si è fatto per modificare le restrizioni all’utilizzo di questo importantissimo strumento investigativo, senza il quali tantissimi reati sarebbero rimasti nell’ombra e impuniti”. Per l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro l’emendamento governativo presenta invece un fine molto più strumentale e attuale, quello cioè di “distogliere l’attenzione dalle vicende che riguardano il sottosegretario Giacomo Caliendo, che del testo legislativo è il curatore, ma anche coinvolto recentemente nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta P3”. E al premier Berlusconi il quale, deluso dalla modifica, ritiene che gli italiani non potranno ancora parlare liberamente al telefono, la Bellantuoni seccamente risponde che “chi non ha nulla da nascondere, nulla ha da temere dalle intercettazioni”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso eolico e le intercettazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2010

«La vicenda sull’eolico e il presunto coinvolgimento di Forlì nell’inchiesta dimostra quando sia giusta, doverosa, moralmente necessaria la battaglia che il Partito Democratico, assieme ad un vastissimo movimento di opinione, sta compiendo nel nostro paese e anche a livello locale per contrastare la scellerata ‘Legge Bavaglio’. E ci auguriamo che anche qualche autorevole esponente del PdL, che senza intercettazioni non avrebbe mai saputo quanto stava avvenendo nel suo partito, si unisca coerentemente a noi in questa battaglia di libertà e legalità».
Lo afferma Marco Di Maio, segretario territoriale del Partito Democratico forlivese.  «Senza le intercettazioni pubblicate – fa notare Di Maio – questo territorio oggi non conoscerebbe nulla circa le relazioni forlivesi del faccendiere Flavio Carboni, e delle relazioni che egli avrebbe avuto (secondo quanto risulta dagli stralci pubblicati) con alcuni dei massimi esponenti locali del PdL locale, che siedono anche in consiglio comunale a Forlì».  «Avere amicizie non costituisce di per sé un reato, tutt’altro – precisa Di Maio -. Resta però il fatto che quando si parla di trasparenza, quando si tenta di dare l’idea di un territorio su cui incombe una presunta ‘cappa di potere’ costituita da un presunto ‘sistema di potere di sinistra’ (come puntualmente cerca di fare in modo irresponsabile la destra) è chiaro che si sbaglia bersaglio. Ed è altrettanto chiaro che chi muove queste accuse farebbe bene, anche a Forlì, guardare prima di tutto in casa propria».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni: intercettata

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2010

Stasera alle ore 19.00 da Radio Radicale Rita Bernardini ha effettuato un’intercettazione mandando in onda integralmente la pubblicità della seduta così com’era e stata richiesta dalla capogruppo del PD in Commissione Giustizia Donatella Ferranti e a fronte del diniego opposto dal Gruppo del PDL alla trasmissione nel circuito interno della Camera, della riunione odierna della Commissione Giustizia con all’ordine del giorno il DDL Alfano sulle intercettazioni.  In proposito Rita Bernardini, deputata radicale, membro della Commissione Giustizia ha dichiarato:  “La Commissione Giustizia della Camera non è una società segreta e non si comprende il motivo che ha portato il capogruppo PDL Enrico Costa a negare la pubblicità della seduta. Siamo convinti che ai cittadini e ai giornalisti interesserà seguire il dibattito che in commissione si è svolto sulla pubblicità della seduta, sulla richiesta PD rivolta al Sottosegretario Giacomo Caliendo di fare un passo indietro esonerandosi dal seguire a nome del Governo il provvedimento e sull’emendamento presentato dal Governo stesso e firmato da Caliendo chiamato in causa sulla vicenda P3  proprio sulla base di intercettazioni telefoniche. Non so se  da questa “disobbedienza civile” conseguiranno “deplorazioni” da parte della Camera, quello che so è che se fosse in vigore il DDL con l’emendamento di Caliendo il rischio sarebbe quello della galera fino a tre anni”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni: E’ un ddl criminogeno?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2010

“Dopo il Dipartimento della giustizia americano, dopo l’Osce, ora persino l’Onu dice che il ddl intercettazioni va abolito. Una simile concentrazioni di critiche, tutte provenienti da organismi internazionali che per prassi consolidata ben si guardano, in circostanze normali, dall’intervenire nelle faccende interne di altri stati, non conosce precedenti e si giustifica soltanto con l’inaudita gravità di un provvedimento che è insieme criminogeno e lesivo del fondamentale diritto costituzionale alla libertà di informazione. Ci domandiamo cosa aspetti ancora questa maggioranza a prendere atto che, per seguire i deliri senili anti-giudici e anti-stampa di Berlusconi, sta mettendo a rischio la sicurezza e la credibilità del Paese” lo dichiara Massimo Donadi, presidente dei deputati di IDV.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Intercettazioni ed emendamenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2010

“Dopo la denuncia dell’Onu, appare ancora più evidente che gli emendamenti presentati dal ministro ombra della Giustizia sono specchietti per le allodole, pannicelli caldi che non spostano di una virgola l’inaccettabilità di questo provvedimento. Sono una miseria che non migliorano affatto, se non in minima parte, i tanti, troppi, aspetti osceni di questo provvedimento” lo dichiara Federico Palomba, capogruppo di IDV in commissione Giustizia alla Camera. “Pochissime delle considerazioni della magistratura e della stampa sono state recepite. Permane la grave limitazione delle indagini sui reati spia, l’impronta fortemente punitiva verso la stampa, gli editori e le gravi limitazioni temporali alla pubblicazione degli atti. Non si pone complessivamente rimedio alle gravi lacune per le indagini, questioni denunciate sia dal procuratore Grasso che dall’Anm” spiega Palomba. Italia dei Valori, nei 170 emendamenti che ha presentato, si è fatta carico di recepire le giuste osservazioni e istanze di magistrati, editori e giornalisti. Daremo battaglia per ottenere l’affossamento del ddl o la sua radicale trasformazione” conclude il capogruppo di IDV in Commissione Giustizia alla Camera.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni: Per Mazzuca (PdL), serve un Giurì

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2010

Giancarlo Mazzuca, deputato del PdL e Commissario della Vigilanza Rai, già direttore del Resto del carlino e del Quotidiano Nazionale, ha depositato un emendamento al disegno di legge del Ministro Alfano sulle intercettazioni telefoniche. “L’emendamento – sottolinea Mazzuca – è la conseguenza di una mia recente intervista ad un quotidiano, dove avevo parlato della necessità di istituire un Giurì che esprimesse un parere sulle questioni attinenti alla privacy in materia di intercettazioni. Per questo ho proposto che il Giurì trovi la sua naturale collocazione all’interno dell’Autorità  Garante per la privacy, ovviamente senza ulteriori oneri per il bilancio dello Stato”.
Il Comitato con funzioni di Giurì – si legge nell’emendamento –  è composto da 7 membri, dei quali due nominati dal Garante di cui uno con funzioni di Presidente, uno nominato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, di norma il presidente del Comitato per l’applicazione del Codice in materia di rappresentazione delle vicende giudiziarie nelle trasmissioni radiotelevisive istituito presso la medesima Autorità,  uno nominato tra i magistrati di corte di appello con funzioni di Vice Presidente, uno nominato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, di norma il suo Presidente, 2 nominati dal Garante su indicazione delle associazioni di categoria dei giornalisti e degli editori, maggiormente rappresentative a livello nazionale. Il Comitato dura in carica cinque anni non prorogabili. I componenti del Comitato, scelti fra persone dotate di alta e riconosciuta professionalità e competenza, a pena di decadenza, non possono esercitare, direttamente o indirettamente, alcuna attività professionale o di consulenza nel settore di competenza del medesimo Comitato né ricoprire incarichi elettivi o di rappresentanza nei partiti politici o in associazioni e fondazioni ad essi direttamente o indirettamente riconducibili. L’organizzazione del Comitato, il suo funzionamento, nonché le procedure e i termini per l’espletamento dei compiti e delle funzioni istituzionali ad esso assegnati, sono disciplinati da un apposito regolamento, adottato entro 90 giorni dall’entrata in vigore della presente legge con provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali, d’intesa con il Ministro della Giustizia, il Ministro dello Sviluppo Economico e il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni, su proposta del Comitato stesso e sentite le associazioni sindacali di categoria e le associazioni dei datori di lavoro maggiormente rappresentative a livello nazionale. (On . Giancarlo Mazzuca)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mozione sfiducia a Cosentino

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2010

“Sta emergendo una questione morale nella maggioranza di dimensioni imbarazzanti, che farebbe arrossire anche l’ultima repubblica delle banane. Quanto sta accadendo in queste ora getta un ombra oscura e dà una chiave di lettura nuova sulle fretta di Berlusconi di approvare il ddl sulle intercettazioni. E’ del tutto evidente che, a questo punto, c’è di nuovo l’esigenza non più dilazionabile di affrontare il caso Cosentino. Italia dei Valori presenterà una nuova mozione di sfiducia e la valuterà insieme al Pd lo dichiara in una nota il presidente dei deputati di IDV, Massimo Donadi.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni: Sì alle regole, no alla censura

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 luglio 2010

In nome della riservatezza non si possono privare i cittadini delle notizie. Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti riunito a Roma aderisce incondizionatamente alla protesta indetta dalla Federazione della Stampa contro il disegno di legge sulle intercettazioni che pone intollerabili limiti al diritto di cronaca; invita tutti i giornalisti italiani a partecipare allo sciopero per giungere al “silenzio” dell’informazione nella giornata di venerdì 9 luglio in difesa della libertà di stampa e dell’etica professionale; impegna il Presidente e il Comitato esecutivo del Cnog a esperire ogni tentativo per modificare il disegno di legge in sede parlamentare in modo da impedire il bavaglio all’informazione; dà mandato al Presidente e al Comitato esecutivo del Cnog, nella malaugurata ipotesi che il ddl venisse approvato nell’attuale formulazione, a ricorrere a ogni possibile azione legale per difendere il diritto dei cittadini a essere informati e il dovere dei giornalisti a informare correttamente; fa voti affinché le forze parlamentari si rendano conto della profonda ferita che le limitazioni alla libertà d’informazione arrecherebbero alla vita democratica del nostro Paese. Approvato con 122 voti favorevoli e 1 contrario. Primi firmatari: Michele Partipilo e Alberto Vitucci (fonte http://www.francoabruzzo.it)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni e libertà informazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

“Sono giusti i moniti del presidente Fini e del garante Calabrò ma la libertà di stampa, in questo Paese, non esiste più, siamo già alla canna del gas” così Massimo Donadi, capogruppo di Italia dei Valori alla Camera, dopo l’intervento di questa mattina del Garante Corrado Calabro’ e del presidente della Camera Gianfranco Fini. “Contrastare il disegno di legge sulle intercettazioni significa impedire che la libertà di informazione venga ulteriormente compressa – spiega Donadi – e significa anche impedire che il nostro Paese scivoli ancora più in basso classifica di Freedom House”. “Forse qualcuno non si è accorto che la libertà di stampa in questo Paese è pericolosamente vicina a quella degli stati totalitari – conclude Donadi – siamo in trincea a difendere quei pochi brandelli di libera informazione che ancora esistono nel nostro Paese”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No alla legge bavaglio

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

Piazza Navona ieri ha dato spettacolo. Giornalisti, politici e pubblico delle grandi occasioni ha riempito la piazza per la manifestazione contro il ddl intercettazioni. Lo stesso si è verificato nelle altre piazze d’Italia. E’ stata una lunga maratona che dalle 17 alle 22 ha visto avvicendarsi sul palco degli oratori numerosi personaggi della cultura e dello spettacolo e gente comune. Tutti per dire no alla legge bavaglio. I commenti non sono mancati raccolti  qua e là dal cronista.  Per Franco Siddi segretario della Fnsi i giornalisti sono espropriati “perché lo stato diventa censore”. Una nota di colore l’ha data la escort barese Patrizia D’Addario, quella per intenderci che è balzata agli onori della cronaca per essere stata coinvolta insieme a Berlusconi nell’inchiesta barese. Anche lei in piazza per solidarizzare per la libertà di stampa. Ma molti astanti l’hanno contestata ritenendo la sua presenza fuori luogo. Da La Valletta il Presidente Napolitano si è fatto sentire ricordando con amarezza, che le sue esortazioni alle forze politiche a concentrarsi nell’esame e nell’elaborazione della manovra economica “non sono state ascoltate” visto che “sono state prese determinate decisioni a maggioranza nella Commissione dei capigruppo. Per il presidente del Senato Renato Schifani, “non ci sono i tempi tecnici”, volendo significare che prima dell’approvazione della legge ci sarà un ulteriore momento di riflessione. Un’altra autorevole considerazione è venuta dal procuratore Grasso colta dal presidente della Camera Fini che ha precisato: “Non ho interesse a fare il controcanto ma su alcune questioni non faccio finta di non vedere. Se si è in buona fede le soluzioni si trovano, senno’ non accetto che non si possa contestare una decisione già presa”. Per  il ministro delle Riforme Umberto Bossi. “La gente non ci tiene ad essere intercettata ma in alcuni casi è chiaro che la magistratura deve potere intercettare, non però tutto e tutti. Bisogna trovare una mediazione su questo e la troveremo”. Per le opposizioni da Bersani a Di Pietro, sia pure con toni diversi, l’unica strada è quella del ritiro  del ddl. Critico anche l’Udc di Pier Ferdinando Casini.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ultima chiamata per i finiani”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 luglio 2010

“Finora belle annunciazioni di principio ma pochi fatti. Ora, arriva l’ultima chiamata per i finiani. Il ddl intercettazioni è inemendabile, se ne sono resi conto anche loro. A questo punto, dovranno scegliere tra la coerenza con quanto affermano o seguire gli ordini di scuderia, avvallando quel deficit di legalità che lo stesso presidente Fini ha denunciato” lo dichiara in una nota l’on. Massimo Donadi, capogruppo dei deputati di IDV.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Salta riforma ordine giornalisti

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 luglio 2010

Giancarlo Mazzuca, deputato del PdL esprime il suo disappunto perchè in sede di comitato ristretto in VII Commissione Cultura della Camera i rappresentanti del Partito Democratico hanno annunciato la loro intenzione di disertare i lavori che avrebbero dovuto definire i dettagli della riforma della Legge del 1963 che aveva istituito l’Ordine dei Giornalisti. “Su tale riforma – informa Mazzuca – che era stata piu’ volte sollecitata dallo stesso Ordine dei Giornalisti, c’era la piu’ ampia convergenza da parte di tutte le forze parlamentari. Una scelta politica – prosegue Mazzuca – quella del Partito Democratico, giustificata dal prossimo varo della legge sulle intercettazioni che coinvolge anche i giornalisti e che e’ stata calendarizzata dalla Camera a partire dalla fine di  luglio. E’ una occasione perduta – conclude Mazzuca – che non tiene conto delle richieste dei giornalisti e che finisce per far slittare ancora un provvedimento molto atteso dalla categoria”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intercettazioni e audizioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2010

“C’è una cosa che neppure tra mille anni si potrà comprendere, ma se i nostri politici ed amministratori hanno un problema agli occhi, vanno a chiedere consiglio al macellaio ignorando l’oculista? E se devono preparare un arrosto, vanno a fare la spesa in farmacia? Immaginiamo proprio di no. Ed allora, si può sapere perché se devono prendere decisioni in comparti ad alta specificità come giustizia o sicurezza con tutti si confrontano tranne che con chi in quei settori ci opera quotidianamente? Il fatto che ciò non avvenga, ci si passi la malizia, è davvero un pochino troppo strano!”.  Così  Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, commenta la notizia di alcuni giorni fa che il presidente della commissione Giustizia della Camera, Giulia Bongiorno, ha autorizzato sette audizioni a proposito del ddl intercettazioni, ritenendo opportuno un ulteriore approfondimento rispetto al testo licenziato dal Senato. “Dobbiamo certamente riconoscere il merito alla presidente Bongiorno di aver ragionevolmente deciso di aprire la discussione anche ad interlocutori fondamentali, come certamente sono, ad esempio, il procuratore nazionale Antimafia Pietro Grasso, il procuratore capo di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, e gli altri illustri e competenti soggetti con i quali è previsto un incontro. Ma nella stessa ottica non sarebbe stato naturale, e diremmo addirittura ovvio, ascoltare anche i rappresentanti delle Forze di Polizia? Non averlo previsto è esattamente come perdersi in un bicchiere d’acqua!”.   “Con la questione intercettazioni – conclude il Segretario Generale del Coisp – si sta adottando il solito pessimo metodo del ‘gettare via il bambino con l’acqua sporca’. E si stanno trascurando le cose più utili: anzitutto confrontarsi con chi utilizza materialmente quello strumento indispensabile per assolvere ai propri doveri verso i cittadini; e, non ultimo, guardare un pochino più in là del proprio naso… oltre i confini dell’Italia, magari là dove le cose funzionano, per vedere come mai altrove non regna il disastro!”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

No alla legge bavaglio sulle intercettazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2010

Roma il 1° luglio 2010 dalle ore 17, in piazza Navona. MicroMega aderisce all’iniziativa del 1 luglio contro il ddl intercettazioni promossa dal Comitato per la libertà e il diritto all’informazione e alla conoscenza, un cartello che raggruppa Fnsi, Cgil, Arci, Popolo Viola e molte altre associazioni. Sarà una giornata di mobilitazione che avrà il suo centro nella manifestazione di Roma a Piazza Navona, ma si estenderà anche a decine di altre piazze in tutta Italia (a Milano alle 18.30 a piazza Cordusio). Sul sito di MicroMega, a partire dalle 17, diretta web in collaborazione con liberarete.tv. Martedì 29 giugno, alle ore 11, nella sede romana della Fnsi si terrà la conferenza stampa di presentazione di tutte le iniziative in programma. Il primo luglio è prevista anche una ‘notte bianca’ della Fnsi, dell’Associazione di Stampa dell’Emilia-Romagna, dell’Anpi e dell’amministrazione cittadina a Conselice, il comune del Ravennate dove c’è l’unico monumento italiano alla libertà di stampa.
“Una grande mobilitazione per dire no al disegno di legge Alfano, che ostacola il lavoro di magistrati e giornalisti e rende i cittadini meno sicuri e meno informati; per dire no ai tagli alla cultura italiana previsti dalla manovra economica. Una manifestazione per far sentire che non può essere sottratto al Paese il racconto di vicende giudiziarie di rilievo pubblico, pur nel rispetto del diritto delle persone alla riservatezza; per respingere gli interventi punitivi ai danni della produzione culturale e salvaguardare il diritto dei cittadini alla conoscenza; per contrastare il pericolo di chiusura di testate giornalistiche colpite dall’indiscriminata riduzione dei fondi pubblici; per tenere accese le luci dei media sul mondo del lavoro e sui drammatici effetti della crisi. Un’iniziativa a difesa della Costituzione, per dare voce ai tanti soggetti e temi che rischiano l’oscuramento”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iter parlamentare sulle intercettazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

“Di fronte ai profondi cambiamenti accorsi al ddl intercettazioni nel corso dell’iter parlamentare, abbiamo chiesto al presidente della Commissione Giustizia alla Camera, Giulia Buongiorno, una serie di audizioni, per noi fondamentali ed improcrastinabili. Italia dei Valori, unitamente a Pd e Udc, ha richiesto alla presidenza che vengano auditi l’Anm, la Fnsi, Anfp, la Fieg, il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, il dottor Camillo Davigo, giudice alla Corte suprema di Cassazione ed il professor Vittorio Grevi” lo dichiara l’on. Federico Palomba, capogruppo IdV in Commissione Giustizia alla Camera. “E’ il senso di responsabilità che ci impone il dovere innanzitutto di ascoltare, riflettere e trarre le opportune conseguenze dalle valutazioni che tali associazioni e tecnici del settore, alla luce della loro esperienza, daranno circa l’impatto e gli effetti di una legge che, comunque, continuiamo a giudicare una vera e propria sciagura per il Paese” conclude Palomba.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La grande famiglia ringrazia il cavaliere

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2010

Lettera al direttore. Il Cavaliere, intervistato dal settimanale Oggi, ha dichiarato: “So per certo che la stragrande maggioranza degli italiani è d’accordo con me sull’assoluta necessità della legge sulle intercettazioni…E quando la legge sarà approvata il nostro Paese sarà davvero più europeo, più civile e più moderno…Il mio obiettivo è porre fine a un sistema di abusi che in tanti anni ha di fatto cancellato il nostro diritto alla privacy”. Noi facciamo parte della stragrande maggioranza degli italiani che sono d’accordo col premier, e vorremmo ringraziarlo per l’impegno che si è assunto. Come non dargli ragione? Non è giusto entrare nella vita privata delle persone e soprattutto in quella delle famiglie italiane. E noi siamo italiani e siamo una famiglia. La grande famiglia. Grazie di cuore, presidente. (Francesca Ribeiro)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Informati e informare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 giugno 2010

Lettera al direttore. “La legge – bavaglio nega ai cittadini il diritto di essere informati”. Era questo lo slogan su una copertina speciale tutta bianca con cui il grande quotidiano italiano la “Repubblica” è uscito l’altra settimana. Nel frattempo, lo slogan è stato ripreso da tutti i giornali italiani, indipendentemente dall’orientamento politico. Gli editori, i giornalisti e le varie associazioni della categoria sono seriamente preoccupati per il disegno di legge sulle intercettazioni che limita drasticamente la libertà dei giornalisti e il diritto dei cittadini ad essere informati come sancito l’articolo 21 della costituzione italiana. Nella loro “battaglia”, i giornalisti hanno trovato l’appoggio dell’intera società civile, della stampa estera e di tanti gruppi e movimenti come per esempio il “Popolo Viola” che organizzerà nella giornata del 1 luglio una manifestazione di protesta contro il disegno di legge! Senza eccezione, tutti concordano sul fatto che questa legge danneggi il mestiere dei giornalisti.”.  Eppure sorprende che a volte sono gli stessi giornalisti ad ignorare incredibilmente alcune notizie come è successo nel mio caso. Mi chiamo Jivis Tegno, vivo in Italia da 18 anni. Sono regista, scrittore, ma anche il primo editore extracomunitario in Italia. In 6 anni di fatiche e sacrifici, ho realizzato un documentario sui Musulmani d’Italia e sull’Islam in generale. Circa 120 minuti d’immagini e testimonianze inedite. È un prodotto socio – demografico e Politico Religioso Ho visitato 112 moschee in Italia, intervistando sia i più riconosciuti esperti italiani in questioni islamiche, sia i leader delle più importanti comunità musulmane in Italia. Il documentario è stato realizzato prevalentemente in Italia, Città del Vaticano, Siria e Irak. Per farlo conoscere ai giornalisti, avevo organizzato una conferenza stampa esclusivamente per i media italiani il 10 Dicembre 2009 ( 6 mesi fa) alla Libreria Griot a Roma. Purtroppo quel giorno, nessun giornalista, dico bene nessun giornalista si è presentato malgrado mi avessero confermato la loro presenza. Ugualmente, il feedback sui 10.000 mail inviate, 500 fax spediti, chiamate per più di 200 ore è stato nullo fino ad ora. Da più di 6 mesi, nessun giornale, televisione, giornalista mi ha nemmeno richiesto una copia del DvD per visionarlo. Nessuna intervista, nessuna recensione. È davvero incredibile!!!  Nonostante io sia discriminato nel mio lavoro, sostengo incondizionatamente i giornalisti italiani contro ogni forma di limitazione dei loro diritti. Sarò presente il 1 luglio in Piazza Navona a Roma per la manifestazione contro questa legge – bavaglio. Intanto, aspetto ancora che qualche giornalista o associazione della categoria si interessi a questo documentario che credo rientra pienamente nel diritto dei cittadini di essere informati in maniera imparziale sulla seconda comunità religiosa in Italia. Guarda il video nel quale lancio il mio appello contro le raccomandazioni e le discriminazioni in Italia. http://www.youtube.com/watch?v=ZYglNNS-qbs (Jivis Tegno)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Editori su intercettazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 13 giugno 2010

“Un provvedimento fortemente lesivo per gli editori, sia nel loro ruolo di operatori culturali, sia in quanto imprenditori economici”. Il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo torna a prendere duramente posizione contro il testo del ddl intercettazioni, licenziato ieri dal Senato e ora in via di discussione in terza lettura alla Camera, dal vertice degli editori europei (FEE-FEP) che si conclude oggi a Roma. “Si tratta di un’ingiustificata limitazione della libertà di informazione e di stampa – ha proseguito Polillo – che incide  in modo significativo sulla nostra attività. Le pesantissime sanzioni pecuniarie a carico dell’editore che pubblica  gli atti di indagine non più coperti da segreto,  il divieto di pubblicazione,  anche per riassunto  delle intercettazioni, l’estensione della condizione di segretezza fino a comprendere genericamente le “attività” di indagine, ci costringono ad una sostanziale censura preventiva. Nulla di questo ha a che vedere con l’obiettivo, giusto e condiviso, di tutela della privacy finendo viceversa per privare i cittadini di una indispensabile e necessaria informazione su fatti di pubblico interesse”.  “Ci appelliamo al  Parlamento – ha concluso Polillo  –  perchè riconsideri le norme appena approvate al Senato introducendo quei necessari correttivi che non mortifichino i principi cardine della libertà  di espressione nel rispetto delle regole”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La stampa cattolica e le intercettazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2010

Un giudizio negativo sulla approvazione al Senato del DDL anti-intercettazioni viene confermato dall’Unione Cattolica Stampa Italiana. “Si è persa l’occasione per evitare una prova ‘muscolare’ – ha dichiarato il Presidente dell’UCSI Andrea Melodia – rinunciando così a discutere e approfondire. Siamo di fronte a un provvedimento che, se definitivamente approvato, nonostante alcuni miglioramenti limiterà il diritto dei cittadini a essere informati e il dovere dei giornalisti di informarli, porterà l’Italia agli ultimi posti tra i Paesi occidentali nella classifica sulla libertà di informazione, aprirà una nuova stagione di scontro tra le istituzioni e di dubbia autorevolezza nel nostro sistema dei media.”

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »