Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Posts Tagged ‘interclssista’

Il cronista alle prese con la politica

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 agosto 2009

Non mancano dei critici, ed anche severi, al nostro operare “informativo” soprattutto in questa pagina politica. Ciò che ci rimproverano è che non ci limitiamo a riportare solo e comunque le iniziative che ci segnalano i partiti ma cerchiamo di entrare nel merito esternando giudizi e valutazioni che possono non essere di certo graditi a taluni ma che intendiamo proporre ai nostri lettori nella forma più obiettiva possibile. Alla fine ci rendiamo conto di scontentare un po’ tutti se lodiamo, ad esempio, la politica estera di Berlusconi e lo critichiamo per la sua politica interna. Se solidarizziamo con i partiti minori ma al tempo stesso non condividiamo il loro modo di criticare ritenendolo eccessivamente ancorato ad interessi o personali o ideologicamente chiusi ad una visione d’insieme. In altri termini sta scomparendo l’idea della lotta di classe per prendere il posto a quella interclassista che ci pone l’obbligo di saper contemperare le attese e le esigenze del vicino di casa e non osteggiarle per partito preso. Si può essere poveri da proletari e da borghesi come si può essere infelici da ricchi. La regola per tutti da far prevalere è che tutti hanno diritto a condurre una vita dignitosa e che il nemico peggiore è individuabile tra chi sfruttano il prossimo per i loro fini personali. Si pone, quindi, l’imperativo della condivisione delle risorse vitali ed il loro libero accesso e per farlo non è necessaria una rivoluzione ma più modestamente una scuola di vita, un insegnamento costante che parta dalla scuola e si eserciti diligentemente per ciascuno di noi.  Per questo non significa che il proprio avversario politico ha tutti i torti e noi restiamo i depositari di una verità indiscussa ed incrollabile. Tutt’altro. Vogliamo crescere e maturare con i nostri ed altrui errori, con le nostre ed altrui ragioni. Perché non viviamo da soli, perché non siamo soli, perché il nostro destino è vivere insieme in aree geografiche sempre più vaste.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »