Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘interferone’

Merck presenta dati sull’interferone beta-1a e su Cladribina compresse per la Sclerosi Multipla

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 Mag 2016

sclerosi_multiplaDarmstadt, Germania, 26 maggio 2016 – Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha annunciato oggi che, nel corso del secondo Congresso dell’European Academy of Neurology (EAN), che si terrà dal 28 al 31 maggio 2016 a Copenhagen (Danimarca), presenterà dati clinici sul suo interferone beta-1a ad alto dosaggio e alta frequenza per le forme recidivanti di Sclerosi Multipla, e su Cladribina compresse, una molecola di sintesi sperimentale orale per il trattamento della SM recidivante-remittente (SMRR)..
Per quanto riguarda l’interferone beta-1a di Merck, saranno presentati i risultati intermedi di due studi osservazionali sull’aderenza in pazienti con SM recidivante-remittente che usano il device RebiSmart® e RebiSTAR®, programma di supporto ai pazienti attivo in Germania. Saranno inoltre presentati i dati clinici e radiologici di uno studio retrospettivo osservazionale a lungo termine, condotto in Spagna su pazienti con SMRR in trattamento con l’interferone Merck da oltre 10 anni. Infine, saranno presentati dati retrospettivi “real-world” che descrivono i fattori che portano, nel tempo, i pazienti con SMRR ad interrompere la terapia con interferone beta-1a.
Per quanto riguarda Cladribina compresse, verrà presentata una nuova analisi che ne esplora gli effetti in pazienti che oggi verrebbero classificati come aventi una forma di sclerosi multipla allo stadio iniziale. Inoltre, saranno presentati i risultati emersi da un’analisi esplorativa dello studio CLARITY, volto a valutare l’effetto di Cladribina compresse sul tasso di atrofia del cervello in pazienti con SMRR.
Infine, verranno presentati i risultati su sicurezza e tollerabilità dello studio di fase II ONWARD, che ha valutato Cladribina compresse in aggiunta alla terapia con interferone beta 1-a in pazienti con SM recidivante con malattia attiva.
La sclerosi multipla (SM) è una malattia infiammatoria del sistema nervoso centrale a decorso cronico; essa costituisce il più comune disturbo neurologico disabilitante d’origine non traumatica in giovani adulti. Si stima che, nel mondo, le persone affette da sclerosi multipla siano circa due milioni. Nonostante la sclerosi multipla sia caratterizzata da un’ampia varietà di sintomi, quelli osservati con maggiore frequenza includono disturbi focali, intorpidimento e formicolii agli arti, diminuzione della forza muscolare e disturbi della coordinazione. Le forme recidivanti di SM sono le più comuni.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Epatite C

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2011

Ingelheim, Germania, Boehringer Ingelheim ha presentato il suo programma di studi clinici di Fase III per studiare BI 201335, il suo inibitore di proteasi orale in monosomministrazione giornaliera, nell’Epatite C cronica di genotipo 1, la più difficile da trattare, sia in pazienti naïve, che in pazienti già trattati. In parallelo, l’FDA ha concesso la procedura accelerata per BI 201335 sia in associazione con la terapia standard (SOC) che in associazione con l’inibitore di polimerasi, BI 207127, in regimi terapeutici privi di interferone nei pazienti con epatite C cronica di genotipo 1.BI 201335 verrà valutato in studi multipli randomizzati in doppio cieco con gruppo di controllo verso placebo in associazione a interferone pegilato e ribavirina (PegIFN/RBV), l’attuale terapia standard per l’HCV. Gli studi di Fase III comprendono due studi in pazienti naïve al trattamento e uno studio in pazienti già sottoposti ad altre terapie per l’Epatite C di genotipo 1. I due studi su pazienti naïve al trattamento verranno condotti nell’Unione Europea e in Giappone, oltre che negli Stati Uniti, in Canada, a Taiwan e in Corea. Lo studio sui pazienti pre-trattati sarà condotto in tutto il mondo. BI 201335 sarà somministrato una volta al giorno al dosaggio di 120mg o 240mg in associazione a PegIFN/RBV e la durata del trattamento sarà compresa fra le 24 e le 48 settimane. L’endpoint primario di tutti gli studi sarà la Risposta Virologica Sostenuta (SVR) che è considerata il parametro di cura della malattia. Questi studi fanno parte di un programma più vasto di trial di Fase III, il cui inizio è previsto per il secondo trimestre 2011.L’Epatite C è una malattia infettiva che colpisce il fegato ed è la principale causa di epatopatia cronica e di trapianto di fegato. Si stima che i malati di Epatite C cronica nel mondo siano 170 milioni e ogni anno ci siano 3-4 milioni di nuovi casi di infezione. Solo il 20–45% circa dei pazienti riesce a eradicare il virus nella fase acuta. Nei restanti casi, il 20% sviluppa cirrosi in media entro 20 anni. Il tasso di mortalità dopo l’evoluzione in cirrosi è del 2-5% annuo. L’epatopatia di fase finale causata da infezione da HCV è attualmente la principale indicazione di trapianto di fegato nel mondo occidentale.Boehringer Ingelheim vanta una rete mondiale di Ricerca & Sviluppo con più di 6.900 ricercatori che lavorano in team multidisciplinari in sei vaste aree terapeutiche fra cui la virologia. Oltre al suo programma di ricerca sull’HCV, Boehringer Ingelheim ha una lunga tradizione di Ricerca e Sviluppo di antivirali/antiretrovirali fra i cui farmaci per la terapia dell’HIV, nevirapina compresse /soluzione orale, il primo inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa (NNRTI) ad essere stato approvato e tipranavir, un inibitore di proteasi. L’azienda dispone di un centro di ricerca consolidato a Laval, in Canada, dedicato alla ricerca in ambito virologico sin dai primi anni ‘90, ed è impegnata nello sviluppo di nuove terapie per le malattie virali per cui esiste un forte bisogno terapeutico insoddisfatto.Il Gruppo Boehringer Ingelheim è una delle prime 20 aziende farmaceutiche del mondo. Il gruppo ha sede a Ingelheim, Germania, e opera a livello globale con 142 affiliate in 50 paesi e più di 41.500 dipendenti. Sin dalla sua fondazione nel 1885, l’azienda a proprietà familiare si dedica a ricerca, sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti innovativi dall’elevato valore terapeutico nel campo della medicina e della veterinaria. http://www.boehringer-ingelheim.com

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più vicino vaccino italiano per curare melanoma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 marzo 2010

Più vicino il vaccino ‘made in Italy’ per curare il melanoma, neoplasia che conta 7.500 nuovi casi l’anno in Italia. L’Istituto superiore di sanità (Iss), in collaborazione con l’Istituto tumori Regina Elena (Ire) e il San Gallicano di Roma, avvia infatti la fase II della sperimentazione per testare una nuova terapia di vaccinazione nei pazienti operati per metastasi da melanoma. Lo studio, hanno spiegato gli esperti riuniti ieri a Roma, coinvolgerà 50 persone, 20 delle quali già selezionate. «Dopo una prima fase pilota di ricerca su questo vaccino combinato con chemio o interferone alfa, abbiamo deciso di avviare la fase II – spiega Enrico Garaci, presidente dell’Iss. Si tratta per noi di un lavoro strategico, che mostra come il risultato di una ricerca di base svolta in Istituto da oltre 20 anni possa essere trasferito nella pratica clinica. Questo studio – prosegue – nel quale abbiamo investito un milione di euro e di cui abbiamo già testato la sicurezza e la tollerabilità, potrà dare risultati in tempi abbastanza brevi. E costituisce un’opportunità terapeutica enorme per quei pazienti che oggi non hanno alternative dal punto di vista della cura». «Qualora questo vaccino terapeutico si rivelasse efficace – sottolinea Garaci – potremo inoltre applicarlo come prevenzione, nei casi in cui il tumore è ad alto rischio di recidiva». «A questo punto siamo ottimisti – dice Caterina Catricalà, direttore del Dipartimento clinico sperimentale di dermatologia oncologica e della melenoma Unit del San Gallicano – la scienza deve esserlo sempre. E il nostro obiettivo è quello di avere un’arma in più contro un tumore in costante aumento».(fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »