Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘intrighi’

“Lo strano triangolo di Sophie”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

lo-strano-triangoloRoma Dal 14 al 19 febbraio 2017 Teatro Petrolini Via Rubattino 5 a Testaccio Ore 21.00 festivi ore 17.00 arriva “Lo strano triangolo di Sophie”. Intrighi, avventure amorose, colpi di scena sono alla base della commedia “Lo strano triangolo di Sophie”, scritta e diretta da Massimiliano Bruno, che segue la formula canonica della “pochade” francese. La pièce, che debutta al Teatro Petrolini racconta le vicende di Sophie Giraux una piacente quarantenne parigina, che porta avanti con eleganza la complicata relazione a tre: lei, il marito e l’amante che risulta simpatico allo stesso consorte. I guai cominciano quando il triangolo, a insaputa della stessa Sophie, si trasforma in un quadrangolo: lei, il marito, l’amante n° 1 e l’amante n° 2. Risate e divertimento con la brillante perfomance dei tre attori protagonisti: Roberta Chelini, Roberto Pucci, Marco Siotto, capaci di conquistare con la giusta dose di complicità e ironia. Tra sospetti, equivoci e congetture i personaggi ruotano sulla scena con ritmo ed affiatamento, tali da rendere la storia una garbata forma di satira sociale. Aiuto regia Roberto Bubbico.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Francesca – Il mondo dietro un vetro

Posted by fidest press agency su domenica, 29 aprile 2012

Collana Narrando di AlbusEdizioni – Romanzo Pagg. 212; € 10,00; Codice ISBN: 978-88-96099-66-7www.albusedizioni.it Fascino, potere, lusso, devozione e ammirazione da chiunque la circondi… cosa può desiderare di più una donna dalla vita? Francesca: giovane, bellissima e sensuale, ricca e intraprendente manager della grande azienda di famiglia, conduce la sua vita piena d’impegni, professionali e mondani, inconsapevole che dietro uno dei tanti incontri d’affari si cela una nuova vita, incentrata sull’amore e sulla passione, con il contorno di tutti i confort di sempre. Quello che di primo impatto le si mostra come un uomo presuntuoso e scostante, inspiegabilmente, dal primo istante, esercita su di lei una forte attrazione che la spinge a concedersi cose fin ora impensabili, a compiere gesti assurdi per una persona ligia e coerente com’è sempre stata lei.Un romanzo che coinvolge fin dalle prime righe e, pagina dopo pagina, diventa sempre più avvincente tingendosi di giallo, impregnandosi di avventura, profumandosi di eros.
Amore, intrighi, misteri e passioni sono gli ingredienti dosati sapientemente dalla bravissima autrice, M. Rosaria Franco, per accompagnare la piacevole lettura verso la scoperta di un mondo tutto nuovo agli occhi della protagonista, una bellissima evasione per il lettore…

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

101 donne più malvagie della storia

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 luglio 2011

Lido d’ostia Pontile d’Ostia 15 luglio – ore 21,30 Stefania Bonura presenta il suo libro 101 donne più malvagie della storia Con l’Autrice interviene Laura Mauti. Una lista nera di eroine assetate di potere e di sangue, di vendetta e di denaro: maghe, streghe, tessitrici di intrighi, efferate criminali, vedove per vocazione, contesse annoiate e nevrotiche. Dalle regine intriganti alle criminali armate di calibro 38, dalle infermiere assassine alle guardiane naziste, e poi serial killer, avvelenatrici, mafiose, gangster e casalinghe disturbate… cui si aggiungono personaggi di un composito mondo irreale, dalle vampire dell’epoca romantica alle vendicatrici in tuta gialla del cinema pulp, dalla letteratura al fumetto, da Euripide a Hitchcock: l’elenco delle donne fatali è lungo. DaIsabella di Castiglia e la sua Inquisizione a Maria i Tudor la “sanguinaria”, dalle sevizie della contessa Bathory ai colpi di scure di Lizzie Borden, daIlse Koch e le sue torture a Buchenwald alla saponificatrice di Correggio: 101 ritratti di donne che, dall’antichità fino ai giorni nostri, hanno delineato un bizzarro percorso storico della malvagità di genere femminile. Uno straordinario affresco noir dove “mani gentili” disegnano trame oscure e finali tragicamente a sorpresa.CEM 76 PAG. 210 ISBN; 9788854127739 EURO: 9,90

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia in “mutande”

Posted by fidest press agency su domenica, 13 febbraio 2011

La situazione politica italiana è diventata tragicomica. Sembra a tratti schizofrenica. I giornalisti che di solito scrivono di politica diventano cronisti di rosa e di cronaca nera tra escort, alias prostitute, bunga bunga, intrighi di palazzo con festini, peccati che si confessano in pubblico come se fosse una bravata da pubblicizzare e telefonate che si incrociano dove i politici sanno solo parlare di incontri galanti e di cene un po’ spinte. Dove sono andati a finire i problemi del paese? Chi fine hanno fatto i disoccupati, i cassa integrati, i precari, le imprese in difficoltà, la malasanità, gli sprechi, le evasioni e via di questo passo? Tutto si sta avvitando sulla vita privata del leader maximo. Qualcuno lo ha chiamato un “fantasma” che turba i nostri sogni e ci illude con promesse che immancabilmente non da loro seguito. E’ davvero triste che un uomo che gode della maggioranza assoluta degli elettori italiani sia stato schiacciato da una vita privata così sconcertante. Ma lui imperterrito si difende accusando: i magistrati sono ora terroristi, ora golpisti, ora violatori della costituzione e della privacy e via di questo passo. Per chi dovesse prendere seriamente tali accuse dovrebbe farsi un’opinione dell’Italia inquietante: Abbiamo magistrati che fanno tutte queste cose orrende ad un povero uomo che per sua sfortuna è stato eletto dagli italiani e gli tocca fare il presidente del consiglio e per questo sta pagando un prezzo altissimo. Perché, si chiedono, non si interviene? Perché non si mandano i carabinieri o la guardia di finanza o la polizia o insieme ad arrestare questi maramaldi e si ristabilisce la legalità? E noi di rimando: perché non si dimette? Chi glielo fa fare? Quanti italiani lo invidiano e persino lo ammirano? Era uno di noi e ora è diventato un self made man, un miliardario, una specie di re Mida: tutto quello che tocca si trasforma in oro. Ma lui, imperterrito, vuole salvare l’Italia dai comunisti. Forse ha dimenticato che il sogno bolscevico è crollato ancor prima del muro di Berlino. Vuol salvare l’Italia dalla bancarotta. Forse ha dimenticato che ci ha pensato il ministro Tremonti con i suoi tagli lineari che ha messo tutti in ginocchio. Chi lo avrebbe detto che per festeggiare i 150 anni dell’unità d’Italia ci rimangono solo le mutande prima che ci denudano del tutto? (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Editoriale: La politica spettacolo

Posted by fidest press agency su domenica, 15 agosto 2010

Editoriale Fidest. Dobbiamo, oramai abituarci alla politica spettacolo. Questa tendenza che già da molti anni ha conquistato gli onori del palcoscenico negli Usa ma che è stata accolta con un certo imbarazzo nella vecchia Europa, ora è esplosa anche da noi. Ci dicono che un piccolo esercito di esperti militano nelle segreterie dei partiti di tutto il mondo occidentale e forse anche in quello orientale per studiare i possibili interventi per conquistare gli onori delle cronache e far parlare i media. Si inventono, di sana pianta liti, dichiarazioni da doppia lettura, storie sentimentali, intrighi di palazzo e chi più ne ha ne mette. Così il cronista politico diventa giornalista investigativo, esperto in cronache rosa, di nera e si abitua a mescolare la politica con gli intrighi di palazzo e la fantapolitica. Accade così che un lettore, un video dipendente, un navigatore nel web stenta a capire se le rocambolesche avventure di un certo uomo politico o dei suoi amici, e non guasta se si può insinuare il sospetto che siano in odore di mafia, siano solo ad effetto glamour o reali e alla fine non si chiede più cosa ci azzeccano con il ruolo istituzionale che questo stesso personaggio è investito. Si finisce, in pratica, che lo stesso appello del Capo dello Stato e di altri qualificati personaggi volto a far abbassare i toni dell’aggressività verbale e mediatica diventi anacronistico. Vi sono poi delle verità caricate ad arte per farle apparire assurde e da qui nasconderne la reale portata. Ricordate la storia del bacio da parte di un noto politico a un mafioso? Apparve così strana che alla fine si mise in dubbio la portata degli altri riscontri. Ma cosa significa per l’elettore? Significa che deve saper scegliere lo spettacolo non con la stessa misura di chi comodamente seduto in una poltrona di prima fila in platea vede sul palco la sfilata dei personaggi e si lascia sedurre dalle sceneggiate, ma distinguendo l’effettiva portata del problema. Se la disoccupazione aumenta e con essa il livello di povertà della popolazione, se non si fanno riforme strutturali con il fine di migliorare i servizi ed abbassare i costi, eliminando gli sprechi, se si fa emergere con efficacia il lavoro nero, se si assicura certezza del diritto e rispetto delle regole, tutto questo ha nulla a che vedere con le amanti, supposte o reali del capo. In altri termini il giudizio finale, l’attenzione voluta, l’interesse suscitato non deve farci distrarre da quella parte della realtà che esce dalle sale teatrali e si immerge nella vita di tutti i giorni. Se noi impariamo a fare questi distingui come cittadini elettori allora faremo perdere significato ad una politica spettacolo e a ricondurla sui binari della concretezza e del pragmatismo.(Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mossad base Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 marzo 2010

“Eric Salerno, giornalista e inviato speciale del Messaggero, esperto di questioni mediorientali, ha scritto nel 2010 un interessante e documentato libro intitolato. Mossad base Italia Le azioni, gli intrighi, le verità nascoste (Milano, Il Saggiatore, 258 pagine, 19 euro). L’Autore cerca di far luce sulla cronaca italiana degli ultimi sessant’anni, durante i quali gli agenti del Mossad hanno iniziato le loro attività, con la complicità almeno implicita dei governi italiani, a partire dal 1945 con l’immigrazione clandestina degli ebrei europei in Italia per farli poi espatriare in Palestina”. Lo scrive Don Curzio Nitoglia nella sua nota critica. Sono pagine dense di avvenimenti, di contatti, di iniziative che si intersecano con il governo italiano e la comunità ebraica nazionale. Ma pur con i suoi limiti, osserva Nitoglia, sappiamo bene che “le sorti delle due guerre mondiali sono state decise in gran parte dal ruolo dei servizi segreti dei Paesi belligeranti; come in ogni guerra che è stata fatta su questa terra, non ci si è serviti solo delle armi, ma anche dell’Intelligence”. Lo stato ebraico in Palestina si è fortificato anche grazie ad una immigrazione massiccia di ebrei da tutto il mondo e l’Italia divenne, da subito, uno dei territori di transito di questa massa di migranti provenienti dal Nord e dall’Est europeo. Chi si opponeva a questo flusso fu preso di mira dai servizi segreti israeliani denominati Mossad. Sta di fatto che “La prima nave clandestina a salpare dall’Italia verso il futuro Stato d’Israele partì dal porto di Bari il 21 agosto 1945 e riuscì a raggiungere il porto di Tel Aviv il 25, senza farsi intercettare dagli inglesi i quali si attenevano alle disposizioni del ‘Libro Bianco’ del 1939, che limitavano l’immigrazione ebraica e l’acquisto delle terre dei palestinesi”.  Nel 1948 l’obiettivo principale del Mossad non erano più i profughi, oramai già giunti in Palestina, ma le armi per Israele ed impedire che gli arabi ne ottenessero in egual misura. Ma ricorda Nitoglia citando alcuni passi del libro: “ L’Italia è stata teatro di azioni ancora più eclatanti. Il 30 settembre 1946 a Roma vicino alla Breccia di Porta Pia, in via XX settembre, venne fatta esplodere una bomba presso l’Ambasciata britannica, che cercava di far rispettare i patti del ‘Libro Bianco’ del 1939. Eric Salerno conclude citando un incontro avuto col professor Yehezkel Dror dell’Università ebraica di Gerusalemme, studioso dei cosiddetti “regimi canaglia”, il quale gli disse che «se Gheddafi non fosse esistito, toccava inventarlo. Era così comodo addossare a lui tutto ciò che di nefasto succedeva tra il Mediterraneo e l’Africa”.  Il capitolo VI del libro di Eric Salerno (pp. 83-96) è dedicato al sabotaggio delle industrie italiane che rifornivano i Paesi arabi.  Il capitolo XI (pp. 131-147) tratta della nascita dell’aviazione da guerra israeliana a Roma, ove nel 1948 presso l’aeroporto dell’Urbe sulla via Salaria venivano addestrati in segreto, da piloti italiani e americani, volontari e anche mercenari ebrei, che si sarebbero ingaggiati nell’aviazione da guerra dello Stato d’Israele.  “Eric Salerno fa una considerazione – osserva don Curzio – che mi sembra non priva di fondamento: «Separare la causa dall’effetto significa mantenere nel buio ciò che è molto chiaro e semplice. Non si può fingere di credere che a Monaco, per esempio, vi sia stata un’esplosione di violenza in una situazione di pace: la violenza in Medio Oriente è endemica da più di sessant’anni, precisamente da quando l’Occidente intese assicurare i propri interessi imperialistici a spese di un popolo i cui interessi non furono, allora come oggi, tenuti in considerazione». Vale a dire: senza l’invasione della Palestina nel 1948, non vi sarebbe stata Monaco 1972, “sine causa nullo effectu” direbbe Aristotele”. E così tra causa e effetti incomincia la storia d’Israele, quella nostra e del mondo intero.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il romanzo dei mille

Posted by fidest press agency su sabato, 27 febbraio 2010

Di Claudio Fracassi Per le cancellerie europee erano «una banda di filibustieri». Per Cavour la loro era un’impresa «folle». Quando, nel maggio del 1860, sbarcarono a Marsala 1089 garibaldini – senza divise, con vecchi fucili quasi inservibili, poche munizioni, pochissimi soldi – la loro vittoria sull’esercito borbonico delle Due Sicilie pareva una missione impossibile.  Con gli occhi stupefatti dei volontari venuti dal Nord, e attraverso i loro racconti, il libro ripercorre quelle ore e quei giorni: il finto sequestro delle navi a Genova, la tumultuosa traversata, la fredda accoglienza iniziale e il crescente entusiasmo di una popolazione sconosciuta, la fame e le pene degli accampamenti, le paure e il sangue delle lotte corpo a corpo, le barricate di Palermo. Sullo sfondo, gli intrighi della diplomazia, lo sgretolamento del regime dei Borboni, il febbrile interesse dell’opinione pubblica europea. Un’originale ricostruzione dell’impresa che fece l’Italia unita, documentata come un resoconto di viaggio, appassionante e avvincente come un romanzo. (Pagine 416 Euro 19,00 Codice 14149K ISBN 978-88-425-4441-8)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »