Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘inutili’

Troppi esami di laboratorio inutili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2016

UCBM - LaboratorioRoma Il 30 novembre all’Auditorium del Ministero della Salute si terrà un convegno nazionale, alla presenza dei massimi esperti del settore. Alle 12 si terrà la conferenza stampa ufficiale con la partecipazione di: Francesca Di Serio, U.O Patologia Clinica Ospedaliera, Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico, Bari, Mario Plebani, Dipartimento Medicina di Laboratorio, Azienda Ospedaliera-Universitaria, Padova, Renato Tozzoli, Dipartimento di Medicina di Laboratorio, Laboratorio di Patologia Clinica, Presidio Ospedaliero S. Maria degli Angeli, Pordenone, Tommaso Trenti, Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Anatomia Patologica, Azienda Ospedaliero-Universitaria e Azienda USL, Modena.la richiesta di esami di laboratorio è in continuo aumento nel nostro Paese, soprattutto da parte della medicina di famiglia: le stime indicano che l’incremento annuale delle prescrizioni da parte di questo settore può arrivare in qualche caso anche al 20%. Questo è dovuto a diversi fattori tra i quali la riorganizzazione dell’assistenza sanitaria, che ha spostato il centro di cura dei pazienti con malattie croniche (diabetici, insufficienza renale, malattie cardiovascolari) dall’ospedale ai servizi di cure primarie sul territorio. Un altro aspetto da non sottovalutare per giustificare l’aumento delle richieste di test è la medicina difensiva, cioè la volontà di evitare contestazioni e controversie con il paziente proponendo esami spesso inutili. Inoltre alcuni test possono produrre risultati anomali in pazienti che non presentano patologie e questo induce, a cascata, la richiesta di ulteriori esami diagnostici, spesso complessi.
Da questa consapevolezza, la SIBioC (Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare) ha deciso di proporre un percorso formativo iniziato nel 2015 sull’appropriatezza degli esami di laboratorio in alcune grandi patologie, soprattutto croniche. L’obiettivo è definire al meglio l’approccio più razionale per garantire diagnosi mediche esatte, senza sprechi, ma capaci di favorire il lavoro del clinico, a tutto vantaggio per il paziente.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“È ora di interrompere la pratica di prescrivere esami di laboratorio inutili”

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

diabete_21-300x224La Società Italiana di Diabetologia, in assoluta sintonia con il Ministero della Salute, nell’ottica di ottenere attraverso l’appropriatezza delle prescrizioni un risparmio che consenta di garantire un maggiore accesso all’innovazione e quindi una migliore assistenza sanitaria, fornisce il suo contribuito nel mettere in evidenza sprechi nella richiesta di esami di laboratorio alle persone con diabete. “In un momento di ristrettezze economiche com’è quello attuale – afferma il professor Enzo Bonora, Presidente della SID – la ricerca dell’appropriatezza in sanità rappresenta un capitolo importante della spending review. In quest’ottica, la Società Italiana di Diabetologia, consapevole che evitare sprechi è fondamentale per liberare risorse in campo diagnostico e terapeutico, ha redatto un Position Statement sull’appropriatezza nella prescrizione alle persone con diabete di oltre 20 parametri di laboratorio che risultano essere stati prescritti troppo spesso nel 2014. Il Servizio Sanitario Nazionale potrebbe funzionare benissimo e forse anche meglio con il Fondo Sanitario allocato per il 2016 , se tutti applicassero in ogni circostanza le ‘4 C’ indispensabili per fare bene il medico: Conoscenza, Competenza, Compassione e Coscienza. L’appropriatezza, sia nelle procedure diagnostiche che nelle scelte terapeutiche, ne sarebbe una logica conseguenza”.
La spesa per il diabete. Attualmente, l’assistenza medica ai circa 4 milioni di italiani con diabete costa al Servizio Sanitario Nazionale circa 16 miliardi di euro, pari a quasi il 15% del Fondo Sanitario Nazionale. Questa spesa (circa 4 mila euro per paziente per anno se vengono considerati i costi reali e non le tariffe virtuali) è così distribuita: 1% per visite specialistiche diabetologiche, 1% per esami di laboratorio di routine come l’emoglobina glicata, 4% per farmaci anti-diabete orali e iniettivi, 4% per dispositivi (siringhe, aghi, lancette e strisce reattive). A fronte del 10% circa della spesa totale attribuibile alla gestione ordinaria della malattia, ben il 90% è da riferire a ricoveri ordinari e Day Hospital (il 68% circa), altri farmaci (14%), consulenza specialistiche extra-diabetologiche, esami strumentali, esami di laboratorio diversi da quelli utilizzati per il monitoraggio ordinario della malattia ma spesso prescritti aille persone con diabete, procedure terapeutiche ambulatoriali (8%).
Le raccomandazioni della SID. Il documento non riguarda i parametri di laboratorio standard utilizzati nel monitoraggio del diabete e neppure l’automonitoraggio glicemico domiciliare, ma un’altra ventina di parametri di laboratorio che vengono spesso prescritti alle persone con diabete senza forti evidenze di una loro reale utilità clinica se non in casi particolari. Si va dal dosaggio dell’acido urico a quello degli enzimi epatici (ALT, AST, GGT), dal dosaggio del calcio a quello della vitamina D, dall’emocromo all’esame fisico-chimico delle urine. Ognuno dei parametri esaminati dagli esperti della SID, ha una sua utilità all’interno di condizioni situazioni cliniche particolari, ma è di limitata o nulla utilità nella grande maggioranza delle circostanze in cui viene prescritto. La SID stima che, su base nazionale, il risparmio annuo derivante da un minor ricorso a questi esami inappropriati nelle persone con diabete (prescritti da specialisti di tutte le discipline e da medici di medicina generale), ammonta a oltre 50 milioni di euro (equivalente alla somma degli stipendi lordi di oltre 600 diabetologi o a tutta la spesa per farmaci anti-diabete consumati in una regione con 5 milioni di abitanti). Il position statement si propone di offrire raccomandazioni evidence-based ai diabetologi, agli altri specialisti e ai medici di medicina generale. Queste raccomandazioni si riferiscono alle sole persone con diabete. Di seguito sono riportate in breve le principali raccomandazioni. “La SID ritiene – sottolinea il presidente Enzo Bonora – che se tutte le società scientifiche facessero altrettanto per le aree cliniche di loro competenza si potrebbe avviare un percorso virtuoso in grado di determinare risparmi ben superiori ai 100 milioni di euro annui ipotizzati dal Ministero della Salute”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: le bocciature sono inutili?

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 dicembre 2013

Representing Sri Lanka

Representing Sri Lanka (Photo credit: englishpen)

“Non è che è inutile bocciare, certamente la bocciatura è un po’ un fallimento della scuola, perché il compito della scuola è quello di accompagnare il ragazzo nel trovare la sua strada”. Così il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza a “Mix 24” intervistata da Giovanni Minoli su Radio 24. Minoli chiede al Ministro dell’Istruzione se è d’accordo con l’impostazione dell’Ocse che dice che è inutile, è un costo e non serve al ragazzo e il Ministro risponde: “Oggettivamente è un costo, in Italia ci sono fin troppe bocciature, specialmente di persone, di ragazzi che provengono da situazioni sociali o da territori più in difficoltà. Questo significa che noi non sappiamo accompagnarli meglio nel loro percorso” “Quindi è meglio non bocciare?” incalza Minoli. “Questa diciamo è una semplificazione… Eccessiva” risponde la Carrozza. “Anche se lo dice il rapporto Ocse?” Chiede ancora Minoli. “Sì, è una semplificazione, è una schematizzazione. Certamente bocciare è un costo. E’ un costo soprattutto per il ragazzo e la sua famiglia” chiarisce il Ministro dell’Istruzione. Minoli ricorda al Ministro Carrozza che il 17% degli studenti quindicenni dichiara di avere già ripetuto almeno un anno di scuola e chiede se “questa bocciatura è un costo per le famiglie come lei ha detto bene, è un costo anche per la società, non fa bene ai ragazzi, forse è inutile..” “Sì certo. Bisogna studiare questo meccanismo” conlude il Ministro dell’Istruzione.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commercio antidepressivi inutili

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 settembre 2010

“La Food and Drug Administration (FDA), l’Ente Federale USA che governa e regola l’immissione in commercio dei farmaci, sulla base di recentissime verifiche effettuate su più ricerche pubblicate nella letteratura scientifica internazionale, afferma che gli antidepressivi sono solo “marginalmente efficaci” rispetto al placebo (sostanza inerte) e che i risultati sbandierati dalle industrie farmaceutiche sulla loro grande efficacia sono solo notizie artificiosamente gonfiate per vendere più medicinali”. Così L’On. Scilipoti (IdV), con riferimento alla “truffa” a danno dei cittadini sul commercio del 98% degli antidepressivi. Per anni – continua l’On. Scilipoti – i poteri forti dell’establishment universitario, industriale e politico hanno osteggiato il processo di avanzamento delle Medicine non Convenzionali in Italia, affermando che si tratta solo di placebo, liquidando come sottocategoria di cittadini, quel 23% della popolazione che ne fa regolare uso. In questo modo – aggiunge l’On. Domenico Scilipoti – si va contro l’interesse di tutti coloro che vogliono una medicina centrata sulla persona, sostenibile, affidabile, non inquinante, umanistica ancorché scientificamente fondata. Da circa diciotto mesi – conclude l’On. Scilipoti – sono state depositate in Parlamento delle mie proposte di legge sulle Medicine non Convenzionali, ma non sono state mai calendarizzate e non se ne conosce il motivo, visto che le giustificazioni avanzate dal Presidente della XII Commissione Affari Sociali della Camera sono state finora sconsiderate e inutili. Sarebbe opportuno che il lavoro dei Parlamentari venisse espletato e non lasciato nell’oblio come sovente accade per questioni probabilmente legate a conflitti di interesse o di partito”.  http://www.imgpress.it/notizia.asp?idnotizia=54759&idSezione=1

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Inutile la metà dei farmaci

Posted by fidest press agency su domenica, 22 agosto 2010

Il 50% dei farmaci in circolazione è inutile e potrebbe essere eliminato senza problemi. E’ la dura ‘sentenza’ di Silvio Garattini direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano che punta il dito anche contro l’uso non appropriato o esagerato di buoni medicinali. Per Garattini la nostra è una società sempre più “farmacocentrica, perchè vede la soluzione di tutti i problemi nel medicinale” e dimentica, invece, la prevenzione. Inoltre gli “enormi interessi economici che gravitano attorno alle medicine” e la “tendenza al consumismo sanitario”, sono il quadro in cui si inserisce l’utilizzo non sempre migliore di pillole, fiale e sciroppi.”C’è evidentemente – spiega l’esperto – poca appropriatezza”, che si esprime a diversi livelli. “Il primo è quello dei farmaci totalmente inutili – precisa – come gli epatoprotettori, gli integratori, gli immunostimolanti, i dimagranti, ecc. Una paccottiglia che è solo frutto di pubblicità”. Ci sono poi i tanti medicinali “usati solo per curare le cattive abitudini, dal fumo all’eccesso di alcol, dal sovrappeso all’uso di droga”. Anche in questo caso si tratta di una spesa evitabile. “Il Servizio sanitario nazionale potrebbe risparmiare moltissimo con interventi più decisi sulle abitudini di vita”, dice Garattini, che sottolinea come “non esiste solo un diritto alla salute ma anche un dovere. E’ necessario un lavoro di informazione ed educazione su questo: chi si ‘procura’ una malattia deve sapere che attinge da fonti comuni e sottrae risorse a chi si è ammalato senza colpe”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »