Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘ispra’

Ispra: licenziamenti in vista?

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 giugno 2017

IspraAll’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), risorsa strategica per il Paese, si apprestano a licenziare 93 ricercatori e tecnici precari, con anzianità media di un decennio. Tutti abbiamo il diritto/dovere d’impedirlo, d’intervenire perché le loro ricerche hanno tutelato e tutelano il nostro territorio e la nostra salute. Infatti, studiano il mare, le coste, il dissesto idrogeologico, le frane, la qualità dell’aria, la gestione dei rifiuti. Aprendo http://www.isprambiente.gov.it/it troviamo i temi, i servizi per l’ambiente, le banche dati, i progetti, la cartografia, le pubblicazioni, la biblioteca, le collezioni geologiche e storiche, i laboratori. Funzioni e concetti che rischiano di rimanere solo sulla carta. L’allarme è stato lanciato da tempo ma, dal 22 maggio 2017, in assenza di interventi da parte del Ministero dell’Ambiente, i lavoratori dell’ISPRA hanno occupato la sala dei convegni dell’Istituto. Si possono seguire gli eventi sulla pagina Facebook. Per quanto sopra scritto è importante che noi tutti entrassimo in azione, poiché non è utile per il nostro benessere accettare passivamente le soppressioni della banca dati Aria (BRACE), del gruppo di ricerca sui pesticidi nelle acque, della sezione ecotossicologia e bioindicatori, la continua erosione delle funzioni strategiche di un ente che, con le sue ricerche scientifiche indipendenti, ha bloccato varie opere dannose e inutili dal punto di vista ecologico ed economico. Nicola Lugeri, dell’USB PI ISPRA, ha dichiarato che i soldi ci sono, e per tutti gli enti di ricerca; infatti, un “tesoretto” di oltre 400 milioni di euro non è utilizzato da parte dell’IIT (Istituto Italiano di Tecnologia). I lavoratori chiedono al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti di NON destinare soldi pubblici agli enti privati, di rilanciare l’ISPRA attingendo dal “tesoretto” utilizzando solo 3 milioni di euro per 3 anni nonché procedendo subito alla restituzione dei 13 milioni tagliati al momento della costituzione dell’Istituto per destinarli ad avviare un piano di assunzioni straordinario secondo le norme contenute nel nuovo Testo Unico del Pubblico Impiego, in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Ognuno di noi ha il potere d’intervenire, sollecitando Governo e parlamentari, per riportare l’ISPRA all’indispensabile efficienza che la tutela della qualità della nostra vita richiede. (Pier Luigi Ciolli – nuove direzioni)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno Ispra: Una giornata per il suolo

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2016

suoloAzzerare le perdite di suolo e migliorare lo stato di salute di quello fertile, rappresentano due direttrici ineludibili per il Pianeta Terra nei prossimi anni. Vincere o perdere questa sfida rappresenterà la differenza tra la vita e la morte per milioni di persone e porrà i presupposti per nuovi equilibri sociali, politici ed economici. ISPRA stima che il consumo di suolo negli ultimi 3 anni (2012-2015) è costato alla produzione agricola italiana oltre 400 milioni di euro. Migliorare e diffondere la conoscenza e la gestione efficiente del suolo rappresenteranno sempre più delle necessità stringenti per il nostro Paese ed in particolare per l’agricoltura italiana. Il CREA oltre a proseguire l’impegno storico sulla particolare tematica, ininterrotta da oltre un secolo e mezzo, nel nuovo Centro di Ricerca Agricoltura e Ambiente rinnova le attività di studio e ricerca per valorizzare le funzioni ed i servizi ecosistemici del suolo, verso la reale intensificazione sostenibile: economica, agronomica ed ambientale». A parlare il Prof. Michele Pisante, Commissario delegato del CREA, in occasione del convegno dell’ISPRA Una giornata per il suolo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I dati Ispra sulle frane

Posted by fidest press agency su martedì, 4 ottobre 2011

Filicudi e Lipari - mezz'ora dopo il terremoto...

Image by CyboRoZ via Flickr

Secondo i dati diffusi recentemente dall’ISPRA (Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale), oltre la metà delle frane censite in Europa sono registrate in Italia: circa 486.000 su oltre 712.000. A fronte di ciò, l’ANBI torna a richiamare l’attenzione del Governo e del Parlamento sulle esigenze connesse alla necessità di ridurre il rischio idrogeologico, che interessa aree sempre più vaste. I dati già noti erano infatti posti in evidenza a luglio nella Relazione all’Assemblea ANBI 2011. Occorre ripetere che non solo è necessario ripristinare le opere danneggiate dagli eventi, ma definire un programma che assicuri un finanziamento permanente degli interventi di manutenzione, di consolidamento e di adeguamento della rete idraulica del Paese. La Proposta di Piano per la Riduzione del Rischio Idrogeologico, presentata dall’ANBI ancora nello scorso febbraio ed a tutt’oggi priva di concrete risposte, prevede 2519 interventi in tutta Italia per un investimento complessivo pari a 5.723 milioni di euro, importo che può ritenersi consistente, ma che è irrisorio rispetto alle spese sostenute per tamponare i danni delle catastrofi idrogeologiche (nel solo autunno-inverno 2010/2011: oltre 3 miliardi di euro). L’ANBI ricorda inoltre che il fabbisogno necessario alla realizzazione degli interventi per la sistemazione complessiva delle situazioni di dissesto idrogeologico sull’intero territorio nazionale è stato indicato dal Governo in complessivi 44 miliardi di euro, di cui 27 per il Centro-Nord, 13 per il Mezzogiorno e 4 per il settore del patrimonio costiero. Inoltre, la recente indagine SWG-ANBI sulla percezione del rischio idrogeologico degli italiani ha evidenziato come 3 cittadini su 4 sostengano che il Paese si trova a dover fronteggiare una crescente emergenza ambientale:disboscamento (58%), abusivismo edilizio (52%), cementificazione dei letti dei fiumi (38%), costruzione incontrollata di infrastrutture (32%), sono alcune delle cause ritenute alla base dei problemi di carattere idrogeologico (frane, smottamenti, inondazioni). Circa 6 italiani su 10 si sono trovati almeno una volta a dover affrontare qualche disastro legato a fenomeni naturali e il 43% della popolazione ha dovuto affrontare alluvioni, esondazioni o frane/smottamenti; il rischio di disastri idrogeologici, nella zona di residenza, preoccupa quasi la metà della popolazione, che richiede, oltre all’intervento delle Istituzioni (Ministero, Regioni, Comuni), anche quello di organismi specifici come i consorzi di bonifica

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: Non sparate alla ricerca

Posted by fidest press agency su domenica, 21 novembre 2010

Roma, 24 novembre ore 12.00, presso associazione Altroquando  via del Governo Vecchio 80 (piazza Pasquino) l’Unione Sindacale di Base e USI/RdB Ricerca organizzano la conferenza stampa di presentazione del libro “Non sparate alla ricerca. Dalla base al tetto: cronaca di una lotta”.  Nel corso della conferenza stampa verrà inoltre lanciata la costituzione del comitato nazionale di difesa e rilancio della ricerca pubblica “Paese senza ricerca, Giovani senza futuro”.  Il 24 novembre dello scorso anno iniziava l’occupazione del tetto dell’ISPRA da parte di un gruppo di ricercatori e tecnici organizzati  con USI/RdB. Quella lotta, che durò 59 giorni, andò oltre le rivendicazioni di difesa del posto di lavoro e di superamento della precarietà, divenendo  un simbolo della lotta per la difesa ed il rilancio della Ricerca Pubblica. Il libro “Non sparate alla ricerca” racconta quegli straordinari mesi di lotta attraverso le testimonianze di chi ne è stato protagonista. Alla fine della vertenza ISPRA, risolta positivamente con la firma di un protocollo d’intesa che proprio in questi giorni sta trovando completa attuazione, per dare continuità a quel movimento d’opinione nato durante l’occupazione venne organizzato il convegno “La Ricerca come bene comune”, che vide la partecipazione di ricercatori e scienziati di ambito internazionale, fra cui Margherita Hack. Il convegno si diede come obiettivo la costituzione di un comitato di difesa e rilancio della funzione sociale della ricerca pubblica. Quel comitato ha infine preso corpo: durante la conferenza stampa verranno illustrate le sue imminenti iniziative.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Economia e sostenibilità ambientale

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Pavia 16 aprile 2010, ore 15.00  Aula Scarpa dell’Università Con una conferenza sul tema Economia e sostenibilità ambientale si inaugura il Master in Valutazione e Controllo del Rischio Tossicologico da inquinanti ambientali dell’Università di Pavia. Ambiente e sicurezza chimica, ma anche aspetti economico-giuridici saranno alla base della lectio d’apertura – nel corso della quale saranno illustrate le nuove direttive in merito alla prevenzione del rischio di inquinamento ambientale – affidata al prof. Alberto Majocchi, docente a Economia e Presidente ISAE – Istituto di Studi e Analisi Economica. L’aspetto interdisciplinare dell’inaugurazione, che coinvolge le scienze umane, quelle sociali e quelle tecnologiche e biomediche, rispecchia anche l’indirizzo del Master, giunto alla sesta edizione e  rivolto a laureati in biologia, medicina, chimica, ingegneria, economia, giurisprudenza. Il programma didattico risponde, infatti, alle esigenze dell’industria e promuove una sintesi culturale, trattando di regolamentazione, ambiente, tossicologia, medicina, chimica, economia e società. La cerimonia vedrà gli interventi di Fabrizio Oleari (Direttore Generale Ministero della Salute) e Luigi Manzo (Coordinatore del Master), quindi la lectio di Alberto Majocchi (Università degli Studi di Pavia, Presidente ISAE – Istituto di Studi e Analisi Economica, Roma) sul tema Strumenti economici per migliorare la vita nelle are urbane, e la tavola rotonda Regolamento REACH. Esigenze di Formazione e Ricerca alla quale prenderanno parte Pietro Pistolese (Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria, Ministero della Salute), Dimosthenis Sarigiannis (European Commission Institute for Health and Consumer Protection, JRC, Ispra), Raffaella Butera (Servizio di Tossicologia, IRCCS Fondazione Maugeri, Università degli Studi di Pavia).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ispra

Posted by fidest press agency su sabato, 23 gennaio 2010

Dichiarazione dei senatori del PD Roberto Della Seta, Francesco Ferrante e Vincenzo Vita “Bene l’accordo ma ora si operi per dare certezza e continuità all’Ispra  e a chi ci lavora”. Così i senatori del Partito democratico Roberto Della Seta, Francesco  Ferrante e Vincenzo Vita commentano il protocollo di intesa sulla vertenza dei precari Ispra  siglato ieri tra il Ministero dell’Ambiente e le rappresentanze sindacali dell’Ispra.  “L’accordo – spiegano i senatori – è un primo risultato della mobilitazione messa in atto dai lavoratori dell’istituto che da mesi si battono per difendere  il loro lavoro e il futuro della ricerca ambientale in Italia. Grazie a questa prima intesa ora è possibile avviare una discussione di merito che porti rapidamente a scelte del Ministero e delle strutture direttive dell’Ispra capaci di assicurare stabilità, dignità a centinaia di ricercatori che devono essere sollevati dal continuo e ricorrente pericolo di perdere il posto di lavoro”.  “L’Italia – concludono i senatori Pd –  ha bisogno nel campo della ricerca e protezione  ambientale di una struttura pubblica solida e autorevole. Finora i lavoratori dell’Ispra si sono dimostrati più consapevoli del governo di questa necessità che è un interesse generale dell’intero Paese, l’auspicio dunque  è che il loro impegno generoso contagi anche chi tiene le redini delle politiche ambientali”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trattativa Ispra

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2010

Roma, 15 gennaio ore 10.30 ISPRA via Casalotti 300 assemblea cittadina su ricerca pubblica, precarieta’ e tutela dell’ambiente La trattativa è giunta ad un momento cruciale. In seguito al tavolo tecnico che si è tenuto lunedì 11 gennaio, a cui hanno preso parte il Ministero dell’Ambiente, la struttura commissariale, il Ministero della Funzione Pubblica e le organizzazioni sindacali, si prospetta l’ipotesi di un accordo: “Effettivamente nella seduta di lunedì abbiamo riscontrato delle aperture da parte del Ministero in relazione ai punti che per USI/RdB Ricerca sono fondamentali”, riferisce Cristiano Fiorentini della Segreteria Nazionale di USI/RdB Ricerca. “La formalizzazione di quei punti in un protocollo d’intesa per noi potrebbe essere una soluzione adeguata. E’ chiaro che tutto dipende dai contenuti, infatti non bisogna solo risolvere il problema contingente dei licenziamenti, ma dare una prospettiva vera a questi lavoratori”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ispra: assemblea precari ricerca

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2009

Roma, 14 dicembre  ore 11.00 presso l’ISPRA di via Casalotti 300.  “Anche dopo aver ricevuto in regalo dai precari ISPRA un albero di Natale, il Ministro Prestigiacomo continua nell’inerzia sul problema sollevato drammaticamente dalla protesta giunta al sedicesimo giorno sul tetto dell’istituto”, dichiara Claudio Argentini della Segreteria Nazionale dell’USI RdB Ricerca. “Questo comportamento appare come un chiaro segnale per la struttura commissariale a proseguire con il lavoro di smantellamento dell’ente ed i licenziamenti. Domani – prosegue Argentini – pubblicheremo una lettera aperta per raccontare ai cittadini come, in un periodo di crisi, un Ministro che potrebbe salvare centinaia di posti di lavoro ed un rilevante settore pubblico preferisce far finta di nulla”.  Sottolinea Argentini: “Ci preme inoltre smentire categoricamente i numeri al ribasso resi noti da qualche sindacato che evidentemente ha interesse a ridimensionare la protesta per cercare di metterla sotto controllo. I numeri veri parlano infatti di 217 precari a rischio, senza che ad oggi esista un solo atto ufficiale che ne determini il mantenimento in servizio per i prossimi anni. Lo ribadiamo con molta determinazione e con la tranquillità di poter provare questi dati, mai smentiti nemmeno dalla struttura commissariale”.  Aggiunge il dirigente Usi RdB: “Non vorremmo poi che la guerra dei numeri sortisca l’effetto di spostare l’attenzione dal vero problema, ovvero la difesa del lavoro per i precari dell’ISPRA e la difesa di un Ente fondamentale nella tutela dell’ambiente. La determinazione dei lavoratori precari dell’ISPRA ci induce a non mollare e la prossima settimana rilanceremo la mobilitazione con la convocazione di un’Assemblea Generale dei precari della Ricerca, che si terrà proprio all’ISPRA come segnale di solidarietà verso i colleghi e per far diventare questa lotta la lotta di tutti”,  conclude Argentini.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa sul tetto dell’Ispra

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2009

Roma 30 novembre, Via Casalotti 300 – ore  11.30. La lotta dei precari ISPRA comincia a dare i primi risultati in termini di impegno delle istituzioni. Ma allo stesso tempo i lavoratori USI RdB Ricerca continuano nelle iniziative.  “Siamo al quarto giorno di lotta – racconta Michela Mannozzi, del coordinamento precari dell’USI RdB Ricerca “Stamani siamo andati a manifestare davanti alla Presidenza del Consiglio, e, con il contributo dell’On. Pedica dell’IDV, un nostro rappresentante ha illustrato la nostra piattaforma rivendicativa al Segretario Generale, il Consigliere Manlio Strano. Il Segretario si è impegnato ad intervenire presso il Ministro Prestigiacomo per risolvere positivamente la situazione. Frattanto abbiamo ricevuto la convocazione per lunedì 30 presso la Regione Lazio del tavolo per le Emergenze a cui, oltre al nostro sindacato e agli Assessori, è stato invitato anche il Commissario”. Conclude la ricercatrice-sindacalista: “Ci prepariamo ad affrontare un fine settimana senza corrente elettrica, ma con moltissima solidarietà e con la convinzione che stiamo ribaltando una situazione che ci vedeva licenziati con la conseguente chiusura dei nostri settori di ricerca. Per questo rimaniamo sul tetto”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »