Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘istituzione’

L’on. Nissoli (FI): Necessaria l’istituzione di un Consolato onorario a Nassau

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 gennaio 2019

L’on. Nissoli rilancia la proposta di istituire un Consolato onorario nelle contee di Nassau e Suffolk a servizio della consistente Comunità locale, che da tempo chiede il ripristino della struttura consolare già in essere in Long Island.Infatti, in questi giorni, l’on. Nissoli ha chiesto, dopo le iniziali interlocuzioni, al Console Generale italiano a New York, Francesco Genuardi, di conoscere lo stato dell’arte dopo la sua richiesta dell’istituzione di un Consolato onorario a Nassau, fatta alla fine del 2017. “Si tratta – ha affermato l’on. Nissoli – di un iter lungo ma che sicuramente andrà a buon fine”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Richiesta al nuovo Governo di istituire un Ministero della Pace

Posted by fidest press agency su domenica, 25 marzo 2018

Torino giovedì 5 aprile 2018, ore 20.30 Arsenale della Pace, Piazza Borgo Dora 61 l’incontro verrà moderato da Matteo Spicuglia, giornalista di Rai Piemonte. Saranno presenti Ernesto Olivero, fondatore del Sermig Arsenale della Pace, Giovanni Paolo Ramonda, Carlotta Benedetti, Segretaria generale di Azione Cattolica Italiana, Alfredo Scognamiglio per il Movimento dei Focolari, Mauro Scardovelli, presidente e fondatore di Aleph e Nicola Lapenta, coordinatore della campagna.
«La Pace è il nostro orizzonte comune, una necessità fondamentale per il presente e per il futuro del nostro Paese e del nostro mondo. Alla Campagna “Ministero della Pace, una scelta di governo”, che abbiamo lanciato lo scorso 19 dicembre 2017, abbiamo avuto l’adesione di molte importanti organizzazioni della società civile, che si uniscono in questa battaglia», spiega Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istituzione, da parte dell’Università di Parma, della figura del “Professore ad Honorem”

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 maggio 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma il 12 maggio alle ore 12, Gian Paolo Dallara Presidente di Dallara Automobili, nell’Aula G della Sede didattica di Ingegneria (Campus Scienze e Tecnologie di via Langhirano), nell’ambito dell’ICT DAY “La Fabbrica 4.0 – Nuove Competenze e Nuove Professioni nel Mondo ICT, sarà insignito del titolo di “Professore ad Honorem dell’Università di Parma in Ingegneria Industriale e dell’Informazione”.
Su impulso del Rettore Loris Borghi, il Senato Accademico dell’Università di Parma ha istituito, per la prima volta nella propria storia, la figura del “Professore ad Honorem dell’Università di Parma” nei seguenti ambiti: Agroalimentare, Economico, Farmaceutico, Giuridico e Politologico, Ingegneria e Architettura, Medico-Chirurgico, Medico-Veterinario, delle Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Umanistico e delle Scienze Umane.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apertura Anno Accademico 2015-2016, nel 69° anno dall’istituzione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 novembre 2015

Fori imperialiRoma, Sabato 14 Novembre 2015, alle ore 10.00 – Foro Romano. Apertura Anno Accademico 2015-2016, nel 69° anno dall’istituzione. La Cerimonia di Apertura del 69° Anno Accademico di Studi Hahnemanniani dell’Istituto Omeopatico SIMOH, si terrà a Roma, al Foro Romano, presso San Lorenzo in Miranda, sede del Nobile Collegio Chimico-Farmaceutico Universitas Aromatariorum Urbis (Via in Miranda 10). L’evento è organizzato dall’Istituto SIMOH in collaborazione con l’Accademia Italiana di Medicina Omeopatica Hahnemanniana AIMOH.
La Lezione di Prolusione sarà tenuta dal Prof. Carlo Ventura, M.D. Cardiologo, Professore Ordinario di Biologia Molecolare della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna, Fondatore e Direttore del National Institute of Biostructures and Biosystems (NIBB), Direttore di VID, Visual Institute of Developmental Sciences – Bologna e Scientific Director di GENICO, EuroBioBank (European Network of DNA, Cell and Tissue banks for Rare Disease) – Svizzera. (foto: fori imperiali)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una Cdp alla tedesca

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2011

Se ne parla da tempo, ma è venuta l’ora di rompere gli indugi e trasformare la Cassa Depositi e Prestiti in un’efficiente e potente macchina per la crescita della nostra economia. Ha, infatti, attività di bilancio per 235 miliardi di euro e una raccolta di risparmio attraverso la rete degli uffici postali pari a 196 miliardi. Ma il suo mandato la costringe ad un ruolo troppo secondario e marginale. È forse l’istituzione più vecchia del nostro paese. Fu creata prima dell’Unità d’Italia. Il suo statuto la vincola però ad operazioni primariamente interne come cassa di riserva dello stato e come istituto di finanziamento di progetti degli enti locali. Può invece diventare il motore principale del finanziamento a medio e lungo termine di grandi progetti nelle infrastrutture, nella ricerca, nelle nuove tecnologie per mettere il paese in condizione di rispondere alle sfide della ripresa e dell’economia globalizzata. In verità negli ultimi anni ha allargato il suo orizzonte, aprendo linee di credito a favore della piccola e media industria. Nel passato triennio ha globalmente concesso crediti per 33 miliardi di euro. Nel triennio 2011-2013 i prestiti dovrebbero essere per 43 miliardi, di cui 24 per investimenti in opere pubbliche e per le Pmi. Però se non cambia il suo statuto e la sua «mission», la Cdp rischia di rimanere un nano con tante potenzialità. In tutte le sedi nazionali e internazionali il presidente della CDP, Franco Bassanini e il suo amministratore delegato Giovanni Gorno Tempini giustamente chiedono una trasformazione della Cdp sul modello della Kreditanstalt fuer Wiederaufbau, la banca di ricostruzione tedesca. La KfW è uno dei meccanismi più efficienti dell’economica tedesca. Ha attività per oltre 400 miliardi di euro ed è il perno del “sistema paese”, soprattutto per le attività di investimento e di intervento nei mercati internazionali. Conta su una struttura di 12.800 operatori suddivisa in importanti settori strategici. Ha una banca per gli investimenti nelle Pmi e negli enti locali che nel 2009 ha svolto attività per 24 miliardi di euro. Opera attraverso la Ipex Bank con investimenti a medio e lungo termine in progetti internazionali e in finanziamenti all’export per 60 miliardi di euro. Ha anche creato una banca per lo sviluppo per sostenere progetti e infrastrutture nei paesi emergenti. La sua forza sta nel non aver abbandonato la sua mission iniziale a sostegno dello sviluppo a lungo termine dell’economia reale. Nacque insieme al Piano Marshall per la ricostruzione delle economie europee devastate dalla guerra. Si ricordi che all’epoca gli Usa non richiesero che i crediti concessi fossero ripagati in dollari ma in moneta nazionale, versando i pagamenti in un conto speciale detto «fondo di controvalore» presso le banche centrali. Alcuni stati come la Gran Bretagna lo utilizzarono per ridurre il debito dello stato. La Germania invece ottenne che il fondo potesse essere utilizzato per il finanziamento della KfW. Quindi oltre al sostegno pubblico iniziale, la KfW sviluppò il meccanismo di autofinanziamento, sempre mirato agli investimenti di lungo periodo nella ricostruzione e nella modernizzazione dell’economia reale. Nei passati decenni la KfW è cambiata molto nella sua struttura e nei suoi meccanismi senza mai venir meno alla sua mission di fondo per lo sviluppo. Oggi essa affianca le industrie tedesche sui mercati internazionali non solo come centrale di credito ma anche come garante di fatto degli accordi e come procacciatrice di commesse. Emette obbligazioni che hanno la garanzia dello stato tedesco e può operare sui mercati aperti. Nei passati 3 anni la nostra Cdp ha unito le sue forze con la KfW, con la francese Caisse des Depots et Consignations e con la Banca Europea per gli Investimenti (Bei) per creare la «Rete Marguerite» dei fondi equity e il Long Term Investors Club per riportare la finanza pubblica e privata a sostenere investimenti di lungo termine nelle infrastrutture e nei settori dell’energia e della ricerca. Molti stanno cercando di frenare il cambiamento della Cdp ventilando il rischio di un ritorno dello «stato padrone». Secondo noi sono paure e argomentazioni non del tutto fondate. In passato l’Italia ha potuto positivamente contare su istituti come l’Iri e la Cassa per il Mezzogiorno nel suo processo di ricostruzione e di sviluppo del dopoguerra. Poi col tempo in un processo di degenerazione della politica essi sono diventati dei pesanti ed inefficienti carrozzoni. Ciò portò alla loro soppressione senza però creare efficaci meccanismi alternativi per il credito agli investimenti a sostegno delle attività produttive. L’errore è stato quello di buttare il bambino con l’acqua sporca! Infatti le banche private e il mercato da soli hanno dimostrato di non essere capaci di farlo adeguatamente. Anzi hanno sempre più puntato sulla finanza a breve. Perciò discutiamo laicamente della Cdp tenendo conto delle esperienze passate e delle necessità attuali. (di Mario Lettieri Sottosegretario all’economia del governo Prodi e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rettori: difendete l’istituzione pubblica

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 luglio 2010

RdB/USB Università non condivide l’atteggiamento dei Rettori che, maltrattati come mendicanti dal Ministro Tremonti con la manovra economica, rafforzano la loro compiacenza alla riforma dell’Università (DDL 1905 – Gemini) già bocciata da tutte le componenti universitarie: personale tecnico amministrativo, precari, studenti, ricercatori e docenti.  I Rettori attraverso la CRUI con l’ultimo documento votato all’unanimità l’8 luglio scorso hanno  confermato l’evidente e subordinata alleanza con il governo di turno e con chi attraverso l’infamante propaganda del fannullone si fa esecutore del complessivo smantellamento dello stato sociale e delle Amministrazioni Pubbliche nel nostro paese. Il conflitto di interessi dei Rettori è evidente: stanno pianificando lo smantellamento generalizzato dell’Università Pubblica a favore delle nuove “governance aziendali” che attraverso precarietà e sotto finanziamento,  subordineranno al profitto l’occupazione, l’Alta Formazione e la Ricerca nel nostro paese. I Rettori mortificano il loro mandato per assumere una funzione da amministratore delegato al servizio di interessi che niente hanno a che vedere con l’autonomia, l’indipendenza, la libertà e i diritti/doveri che la Costituzione definisce per l’Università Pubblica in Italia. Non possiamo accettare la svolta aziendalista e privatistica che viene ulteriormente legittimata dai Rettori con la loro opposizione alla protesta che sta dilagando in tutti gli atenei italiani contro la manovra e la riforma Gelmini. La manovra economica che si avvia verso il voto di fiducia senza discussione parlamentare, è contrasta da ampi settori sociali. Chiediamo ai Rettori di ripensare e “magnificare” la propria  funzione schierandosi con la protesta e con l’Istituzione Universitaria, rigettando con chiarezza ogni miserevole compromesso corporativo con il governo, rigettando con forza lo smantellamento dell’Università Pubblica operato attraverso i tagli ai finanziamenti che daranno inizio a profonde crisi economiche negli atenei per giustificarne poi privatizzazione e selezione di classe nell’occupazione e nella formazione delle giovani generazioni di oggi e di domani. (RdB/USB Università)

Posted in Università/University, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rafforzare le politiche di parità tra i sessi

Posted by fidest press agency su martedì, 16 febbraio 2010

Promuovere l’imprenditorialità  femminile, colmare il divario retributivo tra uomini e donne, garantire i servizi di assistenza a bambini e anziani, rivedere il congedo di maternità e introdurre quello di paternità. E’ quanto propone il Parlamento per garantire la parità di genere e conciliare meglio lavoro e famiglia. Chiede poi l’istituzione di “quote rosa”, di adottare una direttiva per la lotta alle violenze sulle donne e di garantire un accesso agevole alla contraccezione e all’aborto.  Deplorando che i piani di ripresa economica “si concentrino principalmente sui posti di lavoro in cui prevalgono gli uomini”, i deputati incoraggiano gli Stati membri a promuovere l’imprenditorialità femminile nel settore industriale e “a fornire assistenza finanziaria, strutture di consulenza professionale e una formazione appropriata alle donne che fondano imprese”. Pongono l’accento, inoltre, sulla necessità di valorizzare, sostenere e rafforzare il ruolo delle donne nell’economia sociale e invitano la Commissione e gli Stati membri a prestare attenzione alla situazione dei coniugi coadiuvanti – nell’artigianato, nel commercio, nell’agricoltura, nella pesca e nelle piccole imprese a conduzione familiare.  Il Parlamento osserva poi che il differenziale retributivo medio tra donne e uomini “stagna a un livello importante (tra il 14% e il 17,4%) dal 2000”, nonostante le numerose misure attuate e gli impegni assunti. Chiede quindi alla Commissione per quali motivi non ha ancora presentato una proposta legislativa sulla revisione della legislazione vigente sull’applicazione del principio della parità di retribuzione tra uomini e donne.   Il Parlamento esorta le istituzioni UE e gli Stati membri a fare in modo che la crisi economica e finanziaria “non conduca a limitazioni delle prestazioni e dei servizi sociali, soprattutto per quanto riguarda la custodia dei bambini e l’assistenza agli anziani”. Anche perché l’accesso a tali servizi “è essenziale per assicurare una partecipazione paritetica degli uomini e delle donne al mercato del lavoro, all’istruzione e alla formazione” e per una “migliore conciliazione tra vita professionale e vita privata”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agenda Alemanno di lunedì 12 ottobre

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 ottobre 2009

Roma Ore 10.00 Piazza della Consolazione Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e il comandante generale del Corpo della Polizia Municipale partecipano alle cerimonie per il 139° anniversario di istituzione del Corpo. Ore 18,30: Mercati di Traiano, via IV Novembre, 94 Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, partecipa all’inaugurazione della mostra dell’artista spagnolo Gerardo Rueda. Intervengono il Ministro per le Politiche Europee, Andrea Ronchi, e l’ex Presidente del Governo Spagnolo, Josè Maria Aznar.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo segretario fondazione Valenzi

Posted by fidest press agency su sabato, 10 ottobre 2009

Roberto Race è stato nominato Segretario Generale della Fondazione Valenzi, dedicata a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo sindaco delle prime giunte di sinistra a Napoli dal 1975 al 1983. La Fondazione, nata con l’obiettivo di creare a Napoli un’istituzione internazionale, non schierata politicamente, attiva nella cultura e nel sociale, è stata presentata a giugno al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.  Sarà Napolitano ed il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta a concludere domenica 15 novembre la commemorazione per i cento anni dalla nascita di Maurizio Valenzi, nel corso della quale sarà lanciata ufficialmente la Fondazione. Nel corso dell’evento sarà inoltre presentato un libro, curato dalla presidente della Fondazione Lucia Valenzi e da Roberto Race con la prefazione del Presidente Napolitano, nel quale sono raccolti i ricordi di tanti amici ed anche avversari politici, capi di Stato e di Governo,  intellettuali, imprenditori e artisti. Il volume sarà pubblicato in due edizioni: una rilegata a tiratura limitata, stampata da Arti Grafiche Boccia, ed una in brossura, edita da Tullio Pironti Editore.
Race, classe 1980, napoletano,  laureato in scienze politiche, giornalista professionista ed esperto in comunicazione e public affair. Ha collaborato e collabora tuttora con alcuni dei più importanti giornali italiani ed è stato consulente di alcune importanti aziende italiane e di molte istituzioni del Mezzogiorno, per le quali si è occupato della comunicazione delle politiche industriali e di internazionalizzazione delle imprese.  Durante il Secondo Governo Prodi è stato consulente per le strategie di comunicazione del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assalto Cri

Posted by fidest press agency su martedì, 22 settembre 2009

Roma “La vile aggressione di questa mattina al Comitato provinciale di Roma della  Croce Rossa Italiana, in via Ramazzini, costituisce un inquietante episodio di intolleranza sul quale le Forze dell’ordine devono far luce al più presto colpendo anche i responsabili. Migliaia di volontari della CRI attivi nella capitale meritano il massimo del rispetto e della tutela. Il loro operato è degno di ammirazione e non è quindi giusto che pochi violenti offendano il lavoro di un’istituzione che aiuta tutti i cittadini e garantisce un’assistenza umanitaria anche nei CIE”. Lo afferma in una nota la senatrice del Partito democratico Mariapia Garavaglia.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Africa del Sinodo dei Vescovi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 settembre 2009

Città del Vaticano (Agenzia Fides) – “La Chiesa in Africa a servizio della riconciliazione, della giustizia e della pace. «Voi siete il sale della terra … Voi siete la luce del mondo» (Mt 5, 13.14)”. Con questo tema Benedetto XVI ha indetto la Seconda Assemblea Speciale per l’Africa del Sinodo dei Vescovi, che si terrà dal 4 al 25 ottobre 2009. L’Agenzia Fides intende accompagnare il cammino della Chiesa verso questa importante assise con una serie di Dossier che riguardano il continente africano. Il primo dossier, è stato pubblicato il 5 settembre e vuole presentare una lettura socio-economica del continente fatta dalla Commissione che ha preparato l’Instrumentum laboris per il Sinodo e da alcune grandi organizzazioni e istituzioni del continente africano, che esprimono la volontà degli africani di “prendere in mano” la propria storia e camminare con le proprie forze.  Questo il Sommario del dossier Fides: Introduzione; Il magistero di Papa Benedetto XVI e dei Vescovi africani; La situazione socio-economica vista dalla Chiesa africana; L’identità e la mission del gruppo della Banca Africana per lo Sviluppo; L’analisi della situazione socio-economica secondo la Banca Africana; Alcuni dati sull’economia africana; Conclusioni. (S.L.) (Agenzia Fides – 2009-09-05 Città del Vaticano)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Individuo, istituzioni e cultura

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 agosto 2009

Editoriale fidest. Sono i tre mattoni che tengono ancora in piedi la società contemporanea dopo che Socrate li aveva concepiti: individuo, istituzioni, cultura. Vanno, a questo punto, ad intersecarsi con i principi introdotti da Montesquieu nella sua opera più importante e monumentale, Lo spirito delle leggi (L’esprit des lois), dove traccia  la teoria della separazione dei poteri: quello legislativo, che fa le leggi, l’esecutivo per farle eseguire, il giudiziario, per giudicare i trasgressori. Condizione essenziale è che questi tre poteri restino nettamente separati e siano universalmente accettati. Ma Socrate è andato anche oltre intravedendo un flusso impalpabile e trasparente delle cose che possiamo indicare nell’astrazione ovvero la possibilità di trovare un significato trascendentale della vita che è intorno a noi impalpabile ma che domina i nostri pensieri ed è il filo conduttore per una corrente che ci mette in rapporto con l’ignoto. Ci è parso di capire, in tutto ciò, il tentativo di costruire un modello di società che sapesse al meglio stabilire un principio di convivenza dei popoli e ne conciliasse gli opposti interessi in nome del bene comune. Un dibattito che coinvolse non solo il mondo del pensiero laico ma anche quello religioso. La prima cautela sembra quella di voler neutralizzare la malizia dell’uomo e le sue degenerazioni. La ricerca, quindi, si sofferma sulle possibili tre forme di governo: la monarchia dove comanda uno, l’aristocrazia dove comandano i migliori o i virtuosi e la democrazia che è il potere del popolo. In proposito S. Tommaso scriveva: “Est etiam aliquod regimen ex istis comixtum, quod est optimum . (Vi è un certo regime, che è un misto di queste tre forme, il quale è il migliore)”. In tal modo il santo riapriva il dibattito in chiave dottrinale e biblica e dove S. Roberto Bellarmino ricorda:  “Quando gli ebrei chiesero un re, Dio si dispiacque; pur tuttavia permise che si scegliessero a sorte un re. Perciò Dio (I libro dei Re), in molti modi dichiarò che non gli era piaciuta la richiesta del popolo di aver un re, come lo avevano gli altri popoli… Poi, per far recedere il popolo da questa richiesta, comandò a Samuele di preannunciare il… giogo pesante che i re erano soliti imporre ai loro popoli… Tutte queste parole della S. Scrittura hanno lo scopo di far capire al popolo che non è vantaggioso avere un re, come i gentili; avendo avuto essi, per il passato, giudici scelti… da Dio… Poiché, tuttavia, il popolo persisteva per avere un re, Samuele diede loro il re Saul. (…) Saul, che da privato cittadino era il migliore, diventato re, divenne il peggiore… Poi Davide, prima di salire al trono, non volle mai recare alcuna offesa a Saul a lui nemico… Diventato re, uccise un soldato… e commise adulterio con la moglie. Tuttavia fece sincera penitenza e ritornò in grazia di Dio. Salomone, uomo all’inizio buono, nella vecchiaia adorò gi idoli e la sua salvezza eterna fu in pericolo (…) Di conseguenza, chi è tanto cieco da non vedere quanto sia pericoloso il governo del re ed anche dei prìncipi assoluti?”. Se noi, a questo punto, vogliamo rapportare tali riflessioni all’attualità e passare ad un confronto con gli eventi odierni, dobbiamo dire che nei paesi dove ancora esiste la monarchia essa è stata neutralizzata riducendola a un mero simbolo ma senza poteri effettivi. Abbiamo privilegiato la democrazia ma non siamo riusciti del tutto a preservarla dall’altro potere, in se pernicioso, dall’aristocrazia che da frutto della nobiltà si è trasformata nel frattempo in quella dei mercanti e degli arricchiti, degli arrivisti, di certo poco virtuosi ma intesi come i migliori tra i mestatori di torbidi. E qui il mondo laico e quello religioso hanno segnato i loro limiti. Abbiamo tollerato l’industrializzazione selvaggia dell’Europa e poi dell’America del Nord dal XVI secolo e subito i condizionamenti politici che non hanno permesso la tutela dei diritti delle classi più deboli. Abbiamo incominciato a riscattare le condizioni dei più deboli dal XIX secolo ma ciò non ci ha preservati dall’influsso dei poteri forti in quanto detentori di ricchezze. Ciò che ne è sortito è diventato la più oscena messa in atto poiché il potere delle classi dominanti ha solo compiuto un’operazione di maquillage. Abbiamo abolito sulla carta il colonialismo e lo abbiamo reintrodotto con i regimi corrotti e corruttibili. Abbiamo osannato la democrazia e persino rafforzata con l’espressione “compiuta” per poi servirsi di prestanome per lasciare che il potere restasse oligarchico. Abbiamo invocato la sovranità del popolo per blandirlo e illuderlo e sotto tale cortina fumogena continuare la politica dei soprusi. Socrate e lo stesso S. Tommaso di certo non avrebbero previsto la nascita, dopo aver tamponato la temuta “malizia”, della logica camaleontica di chi si sente re e aristocratico al tempo stesso e intende preservare tutti i privilegi della casta. E accetta di dialogare solo con i suoi pari. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maestri Chigiani in Terra di Siena”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 luglio 2009

AccardoSan Gimignano 29 luglio alle 21.15 Piazza delle Erbe, vedrà il celebre violinista impegnato nella doppia veste di solista e direttore in un concerto dedicato a Ludwig van Beethoven. E Salvatore Accardo con l’Orchestra della Toscana regalerà emozioni anche al pubblico che vorrà applaudirlo a Sovicille, in Piazza Marconi, giovedì 30 luglio.  Salvatore Accardo è molto amato e seguito a Siena dove si è esibito numerose volte e dove ha tenuto e tiene la cattedra di violino presso l’Accademia Musicale Chigiana (della quale peraltro fu allievo) dal 1973 al 1980 e di nuovo a partire dal 2003.
L’Orchestra della Toscana si è formata a Firenze nel 1980 per iniziativa della Regione Toscana, della Provincia e del Comune di Firenze. Nel 1983 è diventata Istituzione Concertistica Orchestrale per riconoscimento del Ministero del Turismo e dello Spettacolo. Attualmente la direzione artistica è affidata ad Aldo Bennici, uno dei padri fondatori dell’ORT. L’orchestra è interprete duttile di un ampio repertorio che va dalla musica barocca fino ai compositori contemporanei. Recentemente ha inciso per l’Accademia Musicale Chigiana i seguenti cd: Le Congiurate di Schubert con Gérard Korsten e il Requiem di Mozart con Gianluigi Gelmetti. (accardo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mantovani (PdL): “Milano crescerà”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 luglio 2009

“Non so quanti Sindaci di grandi città sarebbero riusciti ad ottenere quanto realizzato dal Sindaco Moratti: portare l’Expo a Milano”. Così afferma Mario Mantovani, sottosegretario alle Infrastrutture con delega all’edilizia abitativa e statale a commento dell’articolo odierno comparso su Repubblica Milano.  “Probabilmente non è ancora del tutto chiaro che Milano ospiterà nel 2015 l’Esposizione Universale proprio grazie all’alto profilo internazionale di Letizia Moratti che è riuscita ad aggregare in questo grande progetto le Istituzioni locali e nazionali oltre che tanti Paesi del mondo. Come europarlamentare –continua Mantovani- ho avuto modo di lavorare al fianco del Sindaco per sostenere il dialogo con alcuni paesi africani nel periodo della candidatura del capoluogo, personalmente constatando la passione e l’impegno della Moratti per la città”. “L’evidenziare pertanto la vittoria di Penati a Milano come un segnale di sfiducia verso il Sindaco è del tutto priva di significato. L’ex Presidente della Provincia –prosegue Mantovani- aveva infatti vinto anche nel 2004 quando a Palazzo Marino non governava la Moratti. Piuttosto il risultato dei ballottaggi è stato determinato in città, come è noto, dall’astensionismo”. “I miglioramenti nelle Infrastrutture, nei servizi, nell’occupazione e nell’ambiente che si realizzeranno da qui al 2015 a Milano sono merito anche del Sindaco Moratti. E i milanesi –conclude Mantovani- lo sanno bene”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energie rinnovabili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 luglio 2009

Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti, è stata selezionata per ospitare il segretariato dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA, International Renewable Energy Agency). Questa è la prima volta che viene scelta una città del Medio Oriente per ospitare una sede centrale. IRENA sarà ubicata a Masdar City, nell’emirato di Abu Dhabi, prima città al mondo senza emissioni di carbonio e a zero rifiuti, interamente alimentata da energie rinnovabili.  Per assicurarsi la sede di IRENA, gli EAU hanno dovuto affrontare un’aspra competizione da parte di Austria, Danimarca e Germania, leader indiscusse nel campo delle energie rinnovabili. A partire dall’istituzione di IRENA a gennaio, le nazioni candidate sono state coinvolte in una serratissima competizione. Tuttavia, la capacità degli EAU di fare da ponte tra i paesi in via di sviluppo e i paesi industrializzati, l’attrattiva derivante dall’essere la prima città al mondo senza emissioni di carbonio e una generosa promessa di sostegno politico e finanziario, hanno raccolto un seguito rilevante tra gli Stati membri della nuova organizzazione.  L’offerta degli EAU ha raccolto un diffuso consenso internazionale da parte di personaggi chiave quali Ban Ki Moon, Segretario generale delle Nazioni Unite, Tony Blair, ex primo ministro del Regno Unito e il dott. Rajendra K Pachauri, premio Nobel e presidente del Comitato intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPPC).
Masdar City rappresenta l’esempio più ambizioso di sviluppo sostenibile attualmente nel mondo — sarà la prima città al mondo senza emissioni di carbonio e a zero rifiuti, interamente alimentata da fonti di energia rinnovabile. Masdar City fa parte dell’Iniziativa Masdar di Abu Dhabi, un investimento dai vari aspetti per lo sviluppo e la commercializzazione di tecnologie innovative nel campo delle energie rinnovabili e sostenibili e della progettazione sostenibile.
IRENA è stata fondata nel gennaio 2009 e include 77 paesi membri tra Paesi avanzati e in via di sviluppo. IRENA aspira a diventare la forza motrice principale nella promozione di una rapida transizione verso la diffusione e l’uso sostenibile delle energie rinnovabili su scala globale. Agendo in qualità di portavoce per le energie rinnovabili, IRENA fornirà consulenza e sostegno sia ai paesi industrializzati che a quelli in via di sviluppo per aiutarli a migliorare la propria cornice normativa e creare capacità. L’agenzia faciliterà l’accesso a tutte le informazioni rilevanti inclusi i dati affidabili sul potenziale delle energie rinnovabili, sulle buone prassi, sui meccanismi finanziari efficaci e sulle competenze tecnologiche d’avanguardia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abolita la Commissione Antimafia

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 maggio 2009

Ha ottenuto il via libera del Consiglio comunale la soppressione della Commissione Antimafia. Il centrodestra ha votato in blocco a favore, mentre i membri dell’opposizione, contrari al provvedimento, dopo il voto hanno lasciato indignati l’aula. La Commissione Antimafia, che aveva avuto il via libera unanime il 5 di marzo avrebbe dovuto indagare sul rischio di infiltrazioni criminali anche in vista dei lavori per l’ Expo. Pochi giorni dopo dell’inizio dei lavori però il prefetto di Milano Lombardi aveva scritto una lettera al sindaco Moratti definendo illegittimo l’organismo, e da quel momento è iniziato il boicottaggio dei consiglieri del centrodestra che ha portato il 25 Maggio alla soppressione dell’istituzione. ” L’affossamento della Commissione Antimafia” commenta Annalisa Martino, responsabile dell’ Italia dei Diritti per la città di Milano ” riflette un trend nazionale di insabbiamento di realtà che potrebbero far emergere delle collusioni di certe lobby con la criminalità organizzata”. ” E’ altamente rischiosa questa operazione” conclude la responsabile milanese del movimento presieduto da Antonello De Pierro ” poiché è risaputo che in eventi così importanti infiltrazioni da parte di associazioni criminali non sono un semplice sospetto dei soliti facinorosi”.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soldà su ufficio tecnico anti-sismico a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 11 aprile 2009

“E’ una buona iniziativa, mi auguro che si intervenga con la massima rapidità ed efficacia “. Così Roberto Soldà, segretario romano dell’Italia dei Valori, ha commentato la notizia della prossima istituzione, da parte della giunta capitolina in collaborazione con i vigili del fuoco, di un ufficio tecnico deputato ad effettuare un monitoraggio degli edifici della città, per verificarne solidità e  stabilità. ” La recente sciagura che ha interessato l’Abruzzo – ha aggiunto il segretario romano del partito guidato da Antonio Di Pietro – ha colpito nel profondo la sensibilità nazionale e ha sollevato la questione della messa in sicurezza delle abitazioni. Nella nostra città sono molte le costruzioni vetuste e ogni crepa potrebbe essere indicativa di un pericolo. Ho delle perlessità sulla reale capacità operativa di una struttura che dovrà procedere ad un check-up di così tante unità immobiliari, ma non posso che esprimere il mio apprezzamento per questa misura”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »