Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°38

Posts Tagged ‘Italy’

Al via l’ottava edizione di Filming Italy

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2023

Los Angeles con l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles che si terrà dal 28 febbraio fino al 3 marzo 2023 a Los Angeles, in collaborazione con APA (Associazione Produttori Audiovisivi) e sotto gli auspici del Consolato Generale d’Italia a Los Angeles. Creato e organizzato da Tiziana Rocca, Agnus Dei e dall’Istituto Italiano di Cultura Los Angeles, Filming Italy – Los Angeles oltre a promuovere l’Italia come set cinematografico e ponte tra la cultura italiana e americana, sostiene la crescita culturale italiana attraverso il suo cinema, l’internazionalizzazione dei prodotti dell’audiovisivo italiani e supporta le relazioni interculturali tra i vari registi, produttori ed artisti.Uno dei protagonisti di questa edizione sarà Giancarlo Giannini. Al grandissimo attore, orgoglio del Cinema italiano nel mondo, verrà consegnato il Filming Italy Achievement Award la sera del 3 marzo, mentre il 6 marzo avrà luogo la cerimonia di posa della Stella a lui dedicata – la XVI italiana – sulla Walk of Fame di Hollywood. Per l’occasione, il Filming Italy proietterà una maratona di film a lui dedicati.Il Filming Italy – Los Angeles non può che essere dedicato alla memoria di Gina Lollobrigida, indiscussa diva e icona dell’italianità a livello globale. Grandissima amica del Filming Italy – che già nel 2018 si era adoperato per l’assegnazione della sua Stella sulla Walk of Fame – in suo ricordo avrà luogo una maratona di film che la vedono protagonista, come Pane, amore e Fantasia e Pane, amore e gelosia di Luigi Comencini.Tiziana Rocca, che è anche Direttore artistico del Festival, ha dichiarato: “Sono molto felice di annunciare questa nuova edizione del Filming Italy – Los Angeles, che per l’ottavo anno consecutivo si conferma un appuntamento molto importante per la valorizzazione del nostro cinema all’estero. Questo ormai consolidato percorso, che non si è arrestato neanche dinanzi alla pandemia, nonostante le innumerevoli sfide e difficoltà, ha persino raggiunto degli obiettivi e dei traguardi inaspettati, affermandosi tra l’altro già da diversi anni anche alla Mostra di Venezia e in Sardegna. Questa edizione, che tra i tantissimi eventi vedrà anche il conferimento della Stella sulla Walk of Fame a Giancarlo Giannini, voglio dedicarla a Gina Lollobrigida, donna e attrice straordinaria che lascia un vuoto incolmabile, grandissima amica mia e del Festival. Un’edizione che sarà più ricca e varia che mai, stiamo valutando tantissime opere – ne abbiamo già selezionate oltre 60, tra film, serie televisive, cortometraggi e docu-film italiani, molti dei quali ancora inediti in tutto il mondo. E naturalmente non mancheranno le masterclass e i panel con tantissimi ospiti e artisti italiani e internazionali, con cui affronteremo il futuro della settima arte e la sua ancora difficile ripartenza. Come lo scorso anno, il Festival si terrà al 50% dal vivo, non abbandonando così l’altra metà in digitale, che grazie alla piattaforma streaming ha permesso una sempre maggiore partecipazione del pubblico, tra cui tantissimi giovani studenti dislocati in diverse aree degli Stati Uniti”. Quest’anno il Festival proporrà un programma ancora più ricco, con ospiti italiani e internazionali, ponendosi l’obiettivo di valorizzare il cinema del nostro Paese: in programma oltre 60 titoli, tra film, serie TV, docufilm inediti e non inediti, cortometraggi, oltre a numerosissime masterclass. In programma anche due panel istituzionali.Filming Italy – Los Angeles, in modalità 50% live e 50% digitale, si terrà sulla piattaforma streaming MyMovies, che creerà per l’occasione una sala virtuale per il pubblico statunitense, che comprende anche produttori, distributori, artisti e studenti dei dipartimenti di italiano e cinema di università locali. Le proiezioni online saranno visibili solo negli Stati Uniti e rispetteranno i parametri previsti di sicurezza e protezione informatica con Hollywood Grade DRM.Anche quest’anno, Filming Italy – Los Angeles si avvale della partnership con Italy for Movies (www.italyformovies.it), il portale delle location e degli incentivi alla produzione realizzato da Cinecittà in collaborazione con Italian Film Commissions e coordinato dalla Direzione generale Cinema e audiovisivo del MiC. Il portale, disponibile anche in versione app scaricabile sugli store digitali, fornisce tutte le informazioni utili su location e incentivi disponibili per chi vuole girare in Italia il proprio film, oltre a notizie di settore e tantissime curiosità e suggerimenti di viaggio per gli appassionati che vogliono visitare i luoghi dei film. Per le tematiche inerenti e collegate alla salvaguardia ambientale, Filming Italy – Los Angeles rinnova la sua collaborazione con FareAmbiente, movimento ecologista europeo per lo sviluppo sostenibile, di cui è presidente il filosofo Vincenzo Pepe. (abstract)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Israel and Italy Have the Lowest Cost of Mobile Internet

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 gennaio 2023

Japan, US, and Switzerland Among the Most Expensive Countries. Mobile internet traffic almost doubled in the last eight years, and today, more than 60% of all website traffic comes from people using mobile devices. But, as the global mobile data coverage gap continues to narrow, the price gap remains wide.According to data presented by CasinosEnLigne.com, Israel and Italy have the cheapest mobile internet in the world, while Japan, the United States, and Switzerland are among the most expensive countries globally. US Mobile Data Cost 46x Higher than in Italy, Japan is 9x more Expensive than China. Many of the cheapest countries have excellent mobile and fixed broadband infrastructure, which allows providers to offer large amounts of data at reasonable prices. In some countries, economic outlooks also dictate the price, which has to remain low so people can afford it. According to data from the UK-based price comparison website cable.co.uk, which analyzed almost 5,300 mobile data plans across 233 countries, Israel has by far the cheapest mobile internet, with one gigabyte of data costing an average of $0.04 in 2022. Italy placed second in the global ranking, with a low cost of $0.12 per 1GB. India, France, China, and Spain follow, with $0.17, $0.23, $0.41, and $0.60, respectively. Although six times more expensive than Italy and almost 20 times more than Israel, the United Kingdom ranked somewhere in the middle of this chart with a cost of $0.79 per 1GB. On the other hand, Japan, the United States, and Switzerland have some of the costliest plans among developed countries. For instance, 1GB of mobile data in the US costs an average of $5.62, which is seven times more than in the United Kingdom, 13 times more than in China, and 46 times more expensive than the average cost in Italy. The price difference in Switzerland is even worse, with the average cost of mobile data being 61 times larger than in Italy and nine times the UK average cost. Japanese mobile data plans are also much more expensive than in other countries. Last year, 1GB of mobile data in the country cost an average of $3.85, nine times the price the Chinese paid and 16 times the average cost in France. North America the Most Expensive Region, with a 60% Higher Cost than Global Average Regionally, North America is the most expensive overall, with an average cost of $4.98 per GB, way above the global average of $3.12. Statistics show Canada is the most expensive country in the region, with a cost of $5.94, followed by the United States. The average cost of mobile internet in Western Europe was far below these figures. Last year, Europeans paid an average of $2.72 per 1G of mobile data, or 45% less than in North America and 12% less than the global average. That is still way more expensive than the price seen in Asia, which had an average cost of only $1.47 in 2022.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sventata la minaccia al made in Italy

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 gennaio 2023

“Lo avevamo detto, chiaramente, e lo stiamo facendo. Finalmente Bruxelles si accorge di noi e mette uno stop all’etichetta Nutriscore, un sistema grossolano, profondamente sbagliato e discriminatorio, che declassa la nostra dieta mediterranea, riconosciuta in tutto il mondo per il suo equilibrio, andando così a penalizzare il settore agroalimentare. Un vero e proprio atto di pirateria alimentare contro il quale ci siamo battuti senza sosta. Non potevamo consentire che i nostri alimenti e i produttori subissero un’ingiustizia così evidente e, per questo, un grazie particolare va al ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Francesco Lollobrigida, per essersi levato a difesa della nostra rete di produzione, di fronte alle istituzioni europee, sventando questo attacco al ‘made in Italy’. Ora, finalmente, attendiamo la messa a punto di un sistema di etichettatura alimentare completo e veritiero, perché non consentiremo a nessun semaforo di giudicare alimenti e ingredienti sani, cu sui l’Italia ha costruito una delle sue immagini più belle, sane e pulite”. Lo dichiara Simona Petrucci, senatrice di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New investigations by INGV on first and most important dinosaur discovered in Italy

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 dicembre 2022

The Microtomography Laboratory of the Vesuvius Observatory of the National Institute of Geophysics and Volcanology (INGV) has made available to paleontologists an innovative technology used in the study of volcanic rocks.The aim of the activities of the INGV researchers is to collect high-resolution virtual sections of the fossil Scipionyx samniticus (commonly called ‘Ciro’) found about 40 years ago in Pietraroja in Campania, and to study its skeleton and tissues in detail with 3D technology. In this way, paleontologists will be able to further investigate the anatomy and biology of the fossil and compare it with those of modern reptiles and birds.This, in fact, is the purpose of the new analyzes authorized by the Superintendency of Caserta and Benevento and sponsored by the Campania Region, currently underway in the Naples laboratory of the Vesuvius Observatory. The INGV volcanologists will produce the three-dimensional digitization of the fossil through very high resolution computed tomographic scans (microCT scanning). The Scipionyx samniticus fossil is unique in the world in that it preserves soft tissues such as muscles and internal organs, including the intestines. It therefore represents a unique opportunity to understand the anatomy of soft tissues and internal organs in dinosaurs, which have been extinct for 65 million years, and to further investigate how the transition occurred from reptiles to birds, actually considered ‘modern dinosaurs’. The ultimate goal of the scientific study is to better understand the anatomy and biology of “Ciro”, comparing them with those of modern reptiles and birds. The distribution of internal organs, in fact, differs considerably between birds and crocodiles (modern crocodiles are the closest reptilian cousins to modern birds from an evolutionary point of view) and these differences are reflected both in the digestive system and in the respiratory system. (by Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – INGV

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il marketplace del made in Italy cresce

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2022

Sono passati circa due anni da quando Postalmarket è rinato grazie all’imprenditore Stefano Bortolussi, che ha acquisito il marchio e si è affiancato alla tech company Projectmoon di Francesco D’Avella per rilanciare lo storico catalogo. Il General Manager oggi è Alessio Badia, impegnato nel percorso di crescita che ora registra una nuova accelerata. L’azienda ha infatti chiuso nei passati mesi un round di investimenti da 1,5 milioni di euro attraverso il veicolo di investimento Pm Angels e adesso si affaccia di nuovo al mercato per rilanciare il business. I numeri prodotti nella fase di start up sono interessanti. Dopo la stampa e diffusione in centomila copie del primo catalogo (che ora è una vera e propria rivista, le gabbie con gli elenchi dei prodotti sono sul web), sono stati selezionati circa 400 brand che hanno portato più di 50 mila prodotti sul sito internet, che registra una media di 450 mila accessi al mese. Ogni settimana si registrano circa una decina di nuovi merchant che hanno aderito al progetto. Il sito è anche un contenitore di informazione, con un blog che aggiorna sulle tendenze di settore. Il terzo numero della rivista è in edicola ad ottobre. Dal punto di vista dei partner, da registrare l’importante accordo con il centro logistico nel Veneziano, con Evology; ma anche con Ponyu per le consegne green dell’ultimo miglio nelle grandi città e con TeamSystem per la gestione dell’e-commerce Storeden. A Villorba, nel Trevigiano, c’è la sede operativa; presto sarà aperta una sede di rappresentanza anche a Milano. L’azienda continua ad assumere giovani talenti del web marketing e di fatto si pone come hub innovativo orientato sul digitale e sulla vendita on line.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Made in Italy pre-summit 2022

Posted by fidest press agency su martedì, 12 luglio 2022

organizzato dal Sole 24 Ore con Financial Times, in collaborazione con Sky TG24, che si svolgerà in diretta streaming mercoledì 13 luglio, a partire dalle ore 14:30. Al summit, che metterà a fuoco le principali tematiche geopolitiche e socio-economiche che stanno caratterizzando l’anno in corso, interverrà anche Nicole Della Vedova, Head of Corporate Finance Enel Group. Parteciperanno tra gli altri il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio, il Commissario al Servizi finanziari, stabilità dei capitali e Unione dei mercati della Commissione Europea Mairead McGuinness, il Presidente dell’Agenzia ICE Carlo Ferro, il Presidente di Simest Pasquale Salzano, la Vice Direttrice Generale della Banca d’Italia Alessandra Perrazzelli, la Presidente di Borsa Italiana Claudia Parzani, la Vicepresidente di Confindustria con delega all’Internazionalizzazione Barbara Beltrame.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Earthquakes in Italy, over 16 thousand recorded in 2021

Posted by fidest press agency su domenica, 16 gennaio 2022

16,095 are the earthquakes in Italy and in neighboring areas located by the National Seismic Network in 2021: an average of 44 earthquakes per day, or on average one event every half hour. “The trend of the last three years was also confirmed in 2021, with the strongest earthquakes located outside the Italian territory”, says Alessandro Amato, INGV seismologist. “As can be seen from the map published on INGVterremoti, the seismic events that recorded a magnitude equal to or greater than 5.0 took place in Algeria, Croatia and the Adriatic Sea, even if some of them had a resentment also in the Italian territory”. The number of earthquakes located in Italy in 2021 is slightly lower than in 2020 and has remained stable since 2019. Numbers lower than those recorded in the years 2016-2017-2018 characterized by the seismic sequence in central Italy. The contribution of this sequence that began on 24 August 2016, in terms of the number of events, is however important also in 2021, representing about 30% of the total seismicity in Italy. “The first Italian earthquake of 2021 occurred in the Modena area, in Pavullo nel Frignano, 1 hour and 3 minutes after the start of the new year. The last one, however, we located in Sefro, in the province of Macerata, less than half an hour from midnight: both recorded a magnitude of less than 2.5” explains Maurizio Pignone, geologist at INGV. “Sardinia is confirmed as the region with the lowest number of earthquakes, while Sicily has had over 80 events with a magnitude of 2.5 or greater, more than all other regions. However, if we also counted very small earthquakes, the primacy would be conditioned by the density of the seismic network and Marche and Umbria would ‘win’ with approximately 3,000 and 5,000 events respectively”.The strongest earthquake occurred in Sicily, near Motta Sant’Anastasia (CT), on 23 December 2021, within a seismic swarm with over 50 events within three days and was characterized by a magnitude 4.3. The smallest, however, was recorded near Gubbio (PG) on 13 August 2021 with a magnitude which, in this case, was 0.0, located by the National Seismic Network in an area of Italy where the sensitivity of the network is maximum. The earthquakes of 2021 are “navigable” with the interactive map and with a “dashboard” story map created by the INGVterremoti Team.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Vino: promozione Made in Italy

Posted by fidest press agency su sabato, 24 luglio 2021

Dal lockdown al pieno rilancio, ma non prima del 2022. Dopo l’anno della pandemia, che è costato al settore un crollo medio dei fatturati del 15%*, il vino Made in Italy ha innescato la risalita e per fine 2021 è atteso un rimbalzo del 9%. Ma per tornare ai livelli pre-Covid, vale a dire a quei 13 miliardi di euro di valore alla produzione del 2019, la strada da fare è ancora lunga. Bisogna attendere la ripresa stabile della ristorazione e del turismo, così come del commercio mondiale, confidando che la variante Delta non imponga nuove restrizioni, e nel frattempo puntare su nuovi canali, mercati e trend. Scommettendo sull’e-commerce (+120% nei primi sei mesi del 2021), sull’export in Paesi strategici come la Cina (+22% nel primo quadrimestre) e sul boom del vino rosato, che si affianca a quello delle bollicine italiane, avviate verso 1 miliardo di bottiglie prodotte entro i prossimi tre anni. Questo il quadro del comparto secondo il Forum Nazionale Vitivinicolo 2021, promosso da Cia-Agricoltori Italiani in collaborazione con Unione Italiana Vini e tenutosi oggi a Roma, all’Ara Pacis, alla presenza del ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli.Per colpa delle chiusure, il vino italiano ha perso nel 2020 circa un quarto del proprio business sul mercato interno, pari a più di 3 miliardi di euro, con i picchi negativi registrati sul fronte della ristorazione (-40%) e delle enoteche (-23%). Le perdite per il lungo stop al consumo fuori casa sono state solo in parte compensate da quello tra le mura domestiche, con l’aumento degli acquisti di vino nella Gdo (+12%), insieme alla sostanziale tenuta delle esportazioni, che hanno perso il 2,3% sul 2019 a 6,3 miliardi di euro, con una contrazione notevolmente inferiore rispetto agli altri Paesi esportatori (-20,4%). Quanto all’anno in corso, secondo Cia e Uiv, le previsioni per il vino tricolore sono di chiudere il 2021 con un giro d’affari di circa 11 miliardi di euro, mantenendo intatto il secondo posto nella classifica globale dei maggiori Paesi esportatori, dopo la Francia, con una quota del 20% sul totale del vino esportato nel mondo. Dal settore arrivano prove forti di ripartenza, anche grazie alle riaperture, e si comincia a riequilibrare anche il rapporto di forza tra off e on-trade, nel 2020 tutto sbilanciato sulla Grande distribuzione organizzata. Nella situazione attuale, infatti, escluso il rischio di nuovi stop legati alle varianti del virus, si stima che i consumi legati al canale Horeca cresceranno del 19% sul 2020, anche se il saldo resterà ancora passivo rispetto al 2019 (-26% pari a 4,6 miliardi), mentre nella Gdo l’aumento si attesterà al +8%. Positive le prospettive del vigneto Italia, con un potenziale produttivo in crescita fino a toccare gli 800.000 ettari entro il 2025, anche per merito della Pac con la proroga dei diritti d’impianto e nuove opportunità per migliaia di giovani. Intanto, per sostenere il rilancio post pandemia, è necessario cavalcare le nuove tendenze del vino. Come l’e-commerce e il coinvolgimento digitale. Per Cia e Uiv, infatti, il 52% dei consumatori ha acquistato vino online per la prima volta durante il lockdown. Di questi, almeno il 40% continuerà a usare il canale web per la spesa, abitualmente o meno frequentemente, con una crescita di siti aziendali e portali dedicati del 75%. A guidare invece la ripresa delle esportazioni Made in Italy, saranno ancora una volta gli spumanti, che rappresentano quasi un quarto dell’export vinicolo nazionale, per un valore di circa 2 miliardi di euro, per il 70% grazie al sistema Prosecco. Un trend in crescita costante, tanto che si stima il raggiungimento di 1 miliardo di bottiglie di bollicine entro il 2024, ossia oltre il 30% in più dell’attuale produzione nazionale di 750 milioni di bottiglie. Accanto, il nuovo fenomeno dei rosati, 120 milioni di bottiglie solo nel 2020 per un valore di 450 milioni di euro, con un effetto traino del nuovo Prosecco Rosé superiore al +10%. “Chiediamo fortemente che lo strumento della promozione Ue sia difeso a livello europeo, nell’ambito della riforma a cui sta lavorando in questi mesi Bruxelles, in quanto le politiche proibizioniste della Commissione potrebbero escludere il vino e altri settori del nostro agroalimentare dai finanziamenti a favore della promozione dei prodotti agricoli. È fondamentale nei prossimi mesi far fronte comune per impedire questo disegno, facendo leva sul ruolo insostituibile del vino e delle sue Dop e Igp sullo sviluppo e sostenibilità dei territori”. Questa la richiesta del presidente di Uiv, Ernesto Abbona al ministro Patuanelli nel corso del Forum vitivinicolo di Cia. “Al ministro -ha aggiunto- proponiamo inoltre di farsi promotore per l’avvio di una campagna istituzionale per il rilancio dell’immagine del nostro Paese attraverso la narrativa dei suoi territori vitivinicoli e delle sue tipicità agroalimentari”. fonte Ufficio Studi Cia e dell’Osservatorio Uiv

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la IV edizione del Programma UNYD Italy

Posted by fidest press agency su sabato, 17 luglio 2021

E’ realizzato dalla SIOI in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e con il patrocinio di Agenzia Nazionale Giovani Lo United Nations Youth Delegate Programme è il principale strumento attraverso il quale gli Stati Membri hanno l’opportunità di includere Delegati Giovanili all’interno delle rispettive missioni diplomatiche, consentendo loro di rappresentare l’interesse dei giovani presso le principali Conferenze ONU e, in particolare, durante l’Assemblea Generale. La SIOI, in qualità di Associazione italiana per l’ONU, è promotrice dell’attuazione del programma in Italia e, in collaborazione con il MAECI, ha lanciato la I edizione nel 2017.Per la IV edizione 2021-2022, sono stati appena designati i nuovi Giovani Delegati alle Nazioni Unite che rappresenteranno la voce dei loro coetanei nei più rilevanti contesti internazionali, partecipando ai lavori della 76° Assemblea Generale ONU e svolgendo una serie di incontri volti a promuovere il programma e a sostenere il ruolo dei giovani come “attori del cambiamento.” STEFANIA BAIT. 26 anni, nata e cresciuta a Trieste, nel 2015 si trasferisce a Roma per seguire il Corso di Studi in Ingegneria industriale e Gestionale presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Attualmente, è al II anno del Dottorato di Ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa dell’Università di Roma Tor Vergata, focalizzato sullo sviluppo del settore industriale in Africa. Ha svolto numerose esperienze, che hanno contribuito a formare le sue competenze professionali e a farle maturare preziose soft skills. “Sono tante le esperienze e le scelte che mi hanno permesso di poter essere la nuova giovane delegata italiana per l’ONU… ma più di tutto la passione verso il mio lavoro e verso le tematiche di sviluppo sociale sono state le vere motivazioni che mi hanno portata sino qui. Questo è il messaggio che porto dentro e che cercherò di comunicare ai giovani italiani durante il mio mandato.” MARCO DEMO. Classe 1997, nato a Motta di Livenza (TV), laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Sin dagli anni del Liceo Classico ha coltivato la passione per le relazioni internazionali come membro di associazioni giovanili e ha sviluppato quest’interesse in alcune summer school durante il periodo dell’università. Specializzato in diritto internazionale, ha apprezzato grazie all’esperienza del Programma Erasmus, l’importanza degli scambi culturali e annovera numerose esperienze come educatore di adolescenti e rappresentante di consulte studentesche.”Essere Youth Delegate dell’Italia presso le Nazioni Unite è per me un grande onore. Utilizzerò quest’anno per portare avanti al meglio le istanze dei giovani italiani all’interno del contesto delle Nazioni Unite. La rappresentanza della realtà giovanile italiana è ancora più importante nel contesto pandemico che stiamo vivendo, soprattutto perché i giovani hanno subito le maggiori ripercussioni sociali, economiche ed educative”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

400 milioni di potenziali consumatori cinesi interessati al Made in Italy

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2021

La Cina rappresenta già oggi, e anche in ottica futura, un mercato chiave per il Made in Italy di qualità, a condizione che le aziende italiane attive nel mercato cinese siano in grado di valorizzare i propri brand e prodotti con una adeguata e senza snaturare la propria identità di marca. Le società italiane possono trarre beneficio dalla forte awareness di cui gode il Made in Italy e promuovere la vendita di prodotti in un contesto in cui per il consumatore cinese non esiste grande differenza tra piattaforme e-commerce e social media. In particolare, fra 1,4 miliardi di abitanti cinesi, sono circa 400 milioni i consumatori nella fascia middle-class potenzialmente interessati ai prodotti italiani.Il potenziale è enorme: ad esempio, in occasione del Single Day Festival di novembre scorso, le imprese italiane hanno totalizzato in un solo giorno vendite per 400 milioni di euro sulle piattaforme online di Alibaba. Inoltre, secondo le stime di eMarketer, la Cina dovrebbe diventare nel 2021 il primo paese al mondo in cui l’e-commerce supererà il 50% del totale di vendite al dettaglio.Aprire un account aziendale WeChat è la prima cosa che un’azienda occidentale dovrebbe pensare di fare nel momento in cui decidesse di voler anche solo esplorare il mercato cinese: in Cina se non sei su WeChat praticamente non esisti.I siti web (spesso non facili da consultare causa firewall) e persino le e-mail sono sempre meno usati in Cina. La comunicazione passa di fatto tutta da WeChat e l’83% della popolazione lo utilizza quotidianamente: a livello business, invece di utilizzare le e-mail, è ormai normale mandare messaggi scritti o vocali alle singole persone su WeChat o a chat di gruppo, aggiungendo documenti, video, immagini; gli utenti finali, d’altro canto, cercano su WeChat informazioni sui prodotti e sulle aziende, prenotano servizi che variano dal pranzo al taxi, acquistano e pagano attraverso WePay.Ma aprire un account su WeChat o sugli altri social cinesi (Weibo, Red Book, Douyin/TikTok) per un’azienda italiana non residente di Cina può essere tutt’altro che facile e men che meno economico: “Per questo abbiamo deciso di sviluppare questa nuova divisione dell’agenzia”, ha aggiunto Rita Huang, Managing Director di DAG China. “Il nostro obiettivo è rendere semplice e accessibile l’accesso a questi canali che in Cina sono strategici. Il lavoro di questi anni al fianco di aziende del settore del design, della moda, del food&beverage, del turismo e della meccanica e gli ottimi risultati ottenuti ci hanno confermato che è un servizio essenziale e a grande valore aggiunto per il Made in Italy.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La cybersecurity è Made in Italy

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 Maggio 2021

Gyala è la tech company italiana specializzata in cybersecurity che mette a disposizione dell’ecosistema business nazionale il meglio della ricerca militare, con un portafoglio di soluzioni dedicate alle piccole, medie e grandi aziende. Nata nel 2017 dalla ventennale esperienza in ambito Difesa, Information Technology e Sicurezza dei tre founder – Gian Roberto Sfoglietta, Andrea Storico e Nicola Mugnato – Gyala coniuga l’approccio “agile” tipico di una startup innovativa, con il consolidato know how maturato nella gestione di progetti di cyber protection di infrastrutture critiche – tutte quelle infrastrutture strategiche e necessarie al funzionamento di un Paese – sviluppati con diverse unità del Ministero della Difesa e con i principali System Integrator nazionali.Il cuore delle soluzioni di cyber defence proposte da Gyala è costituito da sofisticati algoritmi di Intelligenza Artificiale, interamente “Made in Italy”, progettati e sviluppati all’interno dell’azienda romana – anche grazie ad un finanziamento ottenuto, nell’ambito del Piano Nazionale della Ricerca Militare (PNRM) – con l’obiettivo di realizzare piattaforme “all-in-one” in grado di prevenire, identificare e gestire automaticamente, h24, minacce e anomalie di tipo informatico.Dal rapporto Clusit 2021 è emerso che le aziende italiane, incluse le PMI, stanno vivendo una vera e propria Cyberpandemia. Si parla di un aumento del 78% nel numero di attacchi informatici negli ultimi quattro anni, un attacco informatico grave ogni 5 ore.La rapida diffusione dello smart working e la grande accelerazione nella digitalizzazione delle aziende e delle imprese, se da un lato ha reso il lavoro più flessibile e aumentato le opportunità di business, dall’altro ha sicuramente ampliato il perimetro di vulnerabilità delle aziende.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Andrea Padova participates at the “Bach & Italy” International Congress

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2020

Congress in Turin from November 22nd to 28th, 2020. The Italian pianist and composer Andrea Padova will give a lecture at the International Congress “Bach & Italy” organized by the Italian association JSBach.It, a form to present the research about the connection between Johann Sebastian Bach and the Italian music culture at an international level.The Association as well M° Padova, both try to promote and divulge initiatives and projects focused on Johann Sebastian Bach. In fact, last month the new production by Andrea Padova was released, the album “Preludes & Interludes – Andrea Padova & J.S. Bach” (you can listen it by clicking here ).This production by the Swiss record label BAM Music has been widely accepted by the general public and by the specialized media. The album intersperses the famous Preludes by J.S. Bach with the Interludes, composed by Padova himself. Conveniently for the release of the album, the JSBach.It association invited M° Padova to offer a lecture about it, in the program “The Italian reception of Bach” on Friday 27th November at 3:00 p.m.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Next Generation Italy: cosa pensano i giovani del loro futuro?

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 novembre 2020

Per un gran numero di giovani italiani, circa il 28%, la mancanza di posti di lavoro rappresenta uno dei due principali motivi di preoccupazione. Questo uno tra i tanti dati che si leggono nel Next Generation Italy report, studio condotto per conto del British Coucil sui bisogni, le aspirazioni e le possibilità dei giovani.Altre evidenze di nota positiva, invece, riguardano i temi della formazione e delle ambizioni di crescita professionale dei giovani italiani tra i 18 e i 30 anni, secondo cui: Il 65% dei giovani italiani ritiene di avere voce in capitolo nel determinare il proprio futuro; Il 77% dei giovani italiani si dichiara soddisfatto della formazione ricevuta; Il 40% degli intervistati aveva pianificato di vivere all’estero o era aperto all’idea di farlo. Un altro 7% l’aveva già fatto; Il 40% del campione ha indicato la crescita personale come uno dei due motivi principali per andare potenzialmente via dall’Italia. Il 31% ha indicato l’apprendimento di una lingua, mentre il 22% ha parlato di opportunità di studio. La serie di ricerche ‘Next Generation’ è parte integrante dell’impegno del British Council a esplorare i punti di vista e le scelte dei giovani con l’obiettivo di amplificare la loro voce e sostenere l’attuazione di politiche giovanili appropriate e al passo con il mondo che cambia. Il ‘Rapporto Next Generation Italy’ è stato prodotto per il British Council da un consorzio composto da Learn More, Quorum and Matter Agency, supportati da una task force di giovani consulenti ed esperti. Il rapporto è l’ultimo di una serie di Next Generation Report condotti in Europa, che unisce ‘Next Generation UK’, ‘Next Generation Irlanda-Irlanda del Nord’ e ‘Next Generation Germania’. L’anno prossimo seguirà un rapporto sulla Polonia. Quest’ultimo ‘Next Generation Italy’ è stato pubblicato immediatamente prima del lockdown di marzo, ma poi rivisto nel mese di settembre alla luce di un focus group condotto con un campione rappresentativo di giovani per discutere i risultati del Rapporto alla luce degli effetti di Covid-19 e per esplorare eventuali cambiamenti nei risultati a fronte del nuovo scenario.A sei mesi di distanza, sono emerse alcune differenze rilevanti per quanto riguarda il sistema scolastico italiano e il suo livello tecnologico, nonché il cambiamento del mercato del lavoro con l’introduzione dello smart working che sono state oggetto di una tavola rotonda dedicata, tenutasi per vie digitali lo scorso 30 settembre alla presenza di esponenti istituzionali di entrambi i Paesi.”Al British Council crediamo che i giovani abbiano il potere di trasformare il mondo. Attraverso la nostra Stagione UK/IT ‘Being Present’, vogliamo esplorare le opportunità emergenti per entrambi i Paesi in un momento in cui stiamo rivalutando il significato di Being Present sia nello spazio fisico che in quello virtuale. – ha dichiarato Rachel Launay, Direttore Italia del British Council – Il focus group condotto in autunno sui primi risultati di inizio anno ha offerto possibilità di riflessione su come i giovani nel Regno Unito e in Italia siano stati particolarmente colpiti dal passaggio al lavoro e allo studio a distanza, aiutandoci nello sviluppo di soluzioni a queste sfide condivise e a far sentire la voce dei giovani”.Christine Wilson, Head of Research del British Council, ha affermato: “Sono lieta di dare il benvenuto all’Italia nella serie Next Generation. Ascoltare i giovani e sbloccare la loro creatività e il loro impegno personale è più importante che mai, mentre immaginiamo il nostro futuro. E’ forte in seno al British Council il senso di responsabilità per riflettere insieme sulle evidenze di questo report per poter giungere a tradurne i risultati in azioni positive”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Four Conversations on a Changing World Between Canada and Italy

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2020

Sep 23, 2020 12:30 PM in Eastern Time (US and Canada) The ongoing global pandemic is forcing us to rethink the word VOID, that we all experienced with the lockdown and the social distancing – an empty space in our homes and cities, but also a feeling of unhappiness because someone or something is missing. Instead of filling the void, we’d like to explore the positive and generative possibilities of new forms of the empty space with Davide Pizzigoni, architect, scenographer and artist, author of The shape of the empty space, and Bruce Kuwabara, one of Canada’s leading architects, founding partner of KPMB Architects, in conversation with moderator Francesca Molteni.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Postcard from Italy

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 settembre 2020

Viareggio Plaza Project Art Room, Hotel Plaza e de Russie, fino al 30 settembre. Con Postcard from Italy, mostra della fotografa Carolina Sandretto a cura di Claudio Composti al Plaza Project Art Room di Viareggio, l’artista ci restituisce la memoria del suo personale Gran Tour con un progetto dedicato alla memoria dei luoghi storici e culturali italiani e alla trasformazione del nostro rapporto con il viaggio, i luoghi e la meraviglia.Visitando l’Italia come una turista e riprendendo nel corso degli anni monumenti iconici del nostro Paese, Carolina Sandretto ha esplorato l’evoluzione e la trasformazione, dovuta soprattutto alla tecnologia e ai social network, della relazione tra i visitatori e i luoghi stessi.Negli ultimi 50 anni il numero dei turisti con la possibilità di viaggiare e visitare luoghi storici in Italia è aumentato in maniera esponenziale; oggi viaggiare è una questione di ore e non più di settimane e la relazione con i posti è profondamente cambiata. Non restiamo più a Roma tre mesi studiandone palazzi e rovine come ai tempi del Gran Tour, ma abbiamo solo bisogno della prova di esserci stati, spesso una fotografia che dimostri che la nostra esperienza è stata reale, magari aumentando i nostri follower sui social media. Questo modo di viaggiare, sempre mediato da uno schermo, spesso a unico beneficio di una comunità virtuale, ha cambiato per sempre la nostra percezione dei luoghi.Obbligata ad aspettare il momento giusto della giornata per lavorare, ha fruito lentamente i luoghi prima di crearne una memoria fotografica. Immaginando l’emozione di vedere per la prima volta Piazza dei Miracoli a Pisa o passeggiare a Viareggio, ha trasformato queste fotografie in memorie di come avrebbe potuto essere questa esperienza unica nel XVIII secolo; ha sovrapposto poi a queste immagini delle vecchie cartoline che ritraevano gli stessi posti, dimostrando come non siano mai cambiati, mentre a cambiare è stata solo la nostra maniera di vederli e di viverli.Le immagini sovrapposte di Postcard from Italy portano il visitatore nel passato, quando il Gran Tour era un viaggio pieno di sorprese, quando il tempo era la risorsa più abbondante e non c’era alcuna mediazione tra il visitatore e le sue emozioni di fronte a uno straordinario monumento storico.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cannes Docs Online 2020 ospita la prima edizione degli Showcase Italy

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2020

L’edizione 2020 del Marché du Film di Cannes, che quest’anno si terrà online dal 22 al 26 giugno, porta a battesimo la prima edizione degli Showcase Italy, iniziativa realizzata all’interno di Cannes Docs grazie alla collaborazione tra Torino Film Festival e Festival dei Popoli, con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte e Toscana Film Commission.
Showcase Italy si terrà martedì 23 giugno alle 14:30 nella prestigiosa cornice di Cannes Docs, lo spazio che il Marché du Film dedica ogni anno al cinema del reale. Quattro i documentari presentati, 2 piemontesi e 2 toscani, attualmente in fase di post-produzione, e ognuno avrà a disposizione 5 minuti per presentare il proprio film e 10 ulteriori minuti per mostrarne un estratto. Tutto avverrà alla presenza dei professionisti accreditati, produttori, sales agents e selezionatori internazionali e verrà promossa attraverso i canali di Cannes Docs così come attraverso le comunicazioni ufficiali del Marché du Film.Questa iniziativa rappresenta inoltre l’avvio di una collaborazione tra i due enti piemontesi e i due toscani e si presenta come punto di partenza per una promozione internazionale del cinema documentario sempre più attenta e strutturata.“Con gli Italian Showcase a Cannes prosegue il percorso inaugurato nei mesi passati con ‘Torino Goes To Paris’, che ha portato Mother Lode del regista torinese Matteo Tortone ad essere inserito nei Work-in-Progress di ParisDoc al Cinéma du Réel. Torino Film Festival e Film Commission Torino Piemonte stanno attivamente collaborando allo scopo di favorire la crescita e l’internazionalizzazione delle produzioni locali – sottolineano Stefano Francia di Celle, direttore del Torino Film Festival, e Paolo Manera, direttore di Film Commission Torino Piemonte – e la presenza a Cannes è senz’altro un’occasione di rilievo. Da sempre TFFDoc e il Piemonte Doc Film Fund di Film Commission Torino Piemonte lavorano proprio per accelerare e incrementare la crescita del cinema documentario piemontese: la partnership con il Festival dei Popoli e con Toscana Film Commission è un ulteriore prezioso tassello che arricchisce le potenzialità di questo percorso.” “I due progetti scelti per Cannes Docs – aggiunge Davide Oberto, curatore di TFFDoc – propongono due idee di cinema tra loro molto differenti, due visioni di racconto del reale distanti e ugualmente efficaci e feconde. Seguiamo Bartolomeo Pampaloni dal suo folgorante esordio “Roma, Termini” e crediamo cha questo secondo film possa confermare con forza il suo talento. Il progetto di Andrea Parena è al contrario un’importante riconferma, da cui – come già accaduto in passato – ci aspettiamo frutti importanti.” La Managing Director del Festival dei Popoli, Claudia Maci e la Responsabile della Mediateca e dell’Area Cinema della Fondazione Sistema Toscana, Stefania Ippoliti, tengono inoltre a segnalare che “siamo orgogliosi di aver contribuito a realizzare il primo “Italian Showcase” di film documentari presentato a Cannes Docs del Marché du Film 2020. Crediamo sia importante sottolineare come questa iniziativa sia il frutto della collaborazione tra due storici festival italiani da sempre impegnati nella promozione del cinema documentario d’autore, Festival dei Popoli e Torino Film Festival, e delle rispettive Film Commission. Dopo un attento lavoro di selezione, che ha accolto un numero significativo di candidature toscane, la nostra scelta è ricaduta su due progetti di documentario innovativi in termini di sguardo e di linguaggio cinematografico. Due storie, una corale e l’altra individuale, due diversi modi di resistere nel tempo e nello spazio e di salvaguardare la memoria. Storie raccontate da due giovani autori, Alicia Caino e Tommaso Landucci, che contiamo di portare al Festival dei Popoli con i loro bellissimi lavori”.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce nel padovano il bonus pro made in Italy

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 Maggio 2020

Impegnata a rispondere alle richieste di un mercato internazionale in grande crescita nel campo della sanificazione di interni ed esterni, Idrobase Group, con sede a Borgoricco in provincia di Padova, da 3 mesi sta operando su doppi turni di lavoro (dalle ore 6.00 alle ore 14.00 e poi fino alle ore 22.00) grazie anche all’incremento di circa il 20% nella propria forza lavoro, raggiungendo quota 55 dipendenti con l’assunzione di 10 giovani, tra cui un progettista; in particolare, è stata rinforzata la linea produttiva “Lince”, macchina di grande successo in Francia per la sanificazione degli ambienti scolastici.“Il successo della nostra azienda, soprattutto in questo periodo caratterizzato dalle difficoltà della pandemia, è frutto di un grande impegno collettivo e del lavoro di squadra – precisa Bruno Ferrarese, Co-presidente di Idrobase Group – Per questo, assieme al mio socio, Bruno Gazzignato, abbiamo deciso di gratificare i dipendenti con un bonus, finalizzato però al sostegno dell’economia locale e nazionale: servirà ad acquistare solo prodotti made in Italy, privilegiando i negozi al dettaglio e del territorio. Nel nostro piccolo, l’impegno è di contribuire al rilancio dell’economia locale. Invitiamo altre aziende che, come noi non hanno risentito della pandemia, a fare altrettanto, perché la ripresa, dell’Italia passa attraverso lo sforzo responsabile di tutti.” E’ di questi giorni, in Idrobase Group, il lancio di un nuovo prodotto della linea BKM destinato ad autobus e treni, grazie all’alimentazione a corrente continua 12 volt; nuovo anche il design per distinguersi dalle molte imitazioni presenti sul mercato. Tali macchinari, adattando una tecnologia NASA utilizzata nelle stazioni spaziali, emettono una coltre di ossidanti, che attacca e distrugge i virus presenti, tra cui il Covid-19. In queste settimane, la sede aziendale di Borgoricco è diventata un quartier generale della lotta industriale al Coronavirus: dall’Europa alla Cina, dal Marocco agli Emirati Arabi Uniti, dall’Algeria alla Korea.Non a caso è annunciata, nei prossimi giorni, la presentazione di uno specifico catalogo anti-Covid 19, in cui sarà presente anche la più recente idea targata Idrobase Group: archi gonfiabili sanificatori da posizionare all’ingresso degli stabilimenti balneari.“E’ di questi giorni, da parte del Ministero della Sanità, la classificazione, come presidio medico chirurgico, di un nostro prodotto disinfettante, che potrà essere utilizzato, attraverso nebulizzazione, per sanificare persone ed i loro indumenti. Così, l’Italia si adegua alle nuove, indispensabili frontiere igienico-sanitarie anche per i luoghi all’aperto. Il rischio era che, soprattutto nel settore turistico, si venisse superati dall’immagine di sicurezza dai contagi, offerta da altri Paesi.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contraffazioni e difesa del “Made in Italy”

Posted by fidest press agency su sabato, 22 febbraio 2020

La lotta contro la contraffazione è un pilastro fondamentale nella difesa del made in Italy e della nostra agricoltura, in special modo ora che assistiamo a un inasprimento delle guerre commerciali a livello mondiale – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Il rispristino di barriere alle esportazioni, infatti, incoraggia operatori senza scrupoli a immettere sui mercati esteri prodotti che fanno leva sulla riconosciuta qualità dei marchi italiani per trarre in inganno il consumatore. Ma il problema è anche italiano.
Il rinnovato impegno espresso dalla ministra per le Politiche agricole Teresa Bellanova durante la sua visita in Sicilia, ci fa sperare che la questione resti prioritaria nell’agenda del Governo in questo 2020. In gioco non c’è solo la sostenibilità delle imprese che subiscono le contraffazioni, ma anche la salute e la fiducia dei consumatori in Italia e nel mondo – prosegue Tiso. Resta aperto il nodo delle risorse, nonostante i nuovi finanziamenti previsti nel decreto Milleproroghe a favore degli ispettorati.Il fenomeno ha dimensioni rilevanti. Secondo il rapporto dell’Ispettorato centrale repressione frodi (Icqrf) del ministero delle Politiche agricole, nel 2019 le irregolarità hanno riguardato il 17,5% degli operatori e l’11,4% dei prodotti, mentre il 10% dei campioni analizzati sono risultati irregolari. La merce sequestrata, grazie a oltre 55mila controlli, ha raggiunto circa 72 milioni di chilogrammi per un valore di oltre 301 milioni di euro.Queste cifre confermano che la minaccia della contraffazione è ancora diffusa e che bisogna mantenere alta la guardia. L’innovazione può essere un’importante arma per contrastare il fenomeno. Tecnologie come la blockchain, ad esempio, possono contribuire a migliorare la trasparenza e la tutela del marchio di origine a vantaggio del consumatore e delle imprese italiane.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un anno in chiaroscuro per le calzature made in Italy

Posted by fidest press agency su sabato, 28 dicembre 2019

Nel 2019 calano la produzione (-2,9% in quantità rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente) e gli acquisti delle famiglie (-3,3% in quantità) a fronte di una performance positiva dell’export (+6,7% a valore). Questi i dati più significativi evidenziati nella nota congiunturale relativa ai primi nove mesi 2019, elaborata dal Centro Studi Confindustria Moda per Assocalzaturifici.Il rapporto rileva come aumenti il divario tra le performance delle griffe e le piccole medie imprese con marchio proprio, che costituiscono l’ossatura dei distretti: oltre la metà del campione dichiara, con riferimento ai primi 9 mesi, un arretramento rispetto ai livelli di produzione dell’anno precedente (-2,9% il dato medio complessivo in volume, ma con flessioni decisamente più marcate per le aziende di minori dimensioni).
Per quanto riguarda i consumi interni, nessun miglioramento significativo dopo l’estate: gli acquisti delle famiglie registrano una contrazione del -3,3% in quantità nei primi 9 mesi, con un -2,6% in valore. Unico comparto in espansione quello delle calzature sportive e sneakers (+1,5% in volume e +3,5% in spesa). Battuta d’arresto invece per le scarpe “classiche” per uomo (nell’ordine del 10% in volume) e donna (-6%, nonostante una tenuta nei polacchetti e negli stivali alti).Tra le poche performance positive quella dell’export, che segna una crescita del +6,7% in valore, grazie al terzismo per le griffe del lusso, a fronte comunque di un calo contenuto in quantità (-0,8% nei primi 8 mesi dell’anno, ma che sale fino al -4,2% per le calzature in pelle) ed un prezzo medio in ascesa del +7,5%. Tra i mercati, segnali incoraggianti dalla Svizzera (+24,2% in valore) e dalla Francia (+9% sia a valore che a volume) che insieme coprono globalmente quasi 1/3 delle vendite estero in valore, mentre permangono difficoltà verso Germania (-8,7% in volume), Russia (-18,5%) e Medio Oriente (-14%), con una flessione del -12,8% in volume per gli Emirati Arabi. Rafforzamento dell’export verso gli USA (+11,6% a valore) e Far East (+9,2% globalmente). L’aggregato “Cina+Hong Kong”, divenuto il 5° mercato di sbocco in valore, mostra aumenti del 3,1% in volume e dell’8,5% in valore.Globalmente nei primi nove mesi il numero di calzaturifici si è attestato a 4.357 (con un calo di 148 unità, pari al -3,3%) mentre gli addetti sono rimasti pressoché stabili a 75.474 (-0,3%, pari a 206 lavoratori in meno). Da non trascurare anche l’aumento della Cassa Integrazione Guadagni nell’Area Pelle (+28,3% le ore autorizzate).Infine, pessimismo degli imprenditori verso il futuro. La maggioranza, intervistata sulle aspettative per l’anno prossimo, esclude previsioni di crescita; quasi la totalità ritiene inoltre che le misure contenute nel DEF 2020 non siano in grado di portare una ricaduta economica sulle imprese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Climate alarm, in July the peack in Italy

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 luglio 2019

(AJ-Com.Net) Canadian multinational Solar Power Network (www.solarpowernetwork.ca), global leader for industrial solar solutions, is very clear on what will soon come: the hottest month will be July, while in August we will face more showers. “Ferragosto” (mid-August) will hit Italy with cold rain at altitude, including afternoon thunderstorms, particularly in the internal areas, not excluding hailstorms and small tornados. During July, all the Country will be hit by hot african wind (sub-tropical anticyclone) just in part balanced by the Azores anticyclone. Those two main “pressure” players will gift people on holidays with long summer time during the entire month, but also will guarantee temperatures to rise over 36C° in many places, and sometimes again hitting 40C° or 42C° in Puglia and Sicily. High humidity rate will be responsible for sultry and unbearable weather conditions, in particular in big cities where temperature will stay high during nighttime also. Tropical nights for Rome and Milan, with red alert temperature also in Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Frosinone, Latina, Napoli, Perugia, Rieti, Torino, Venezia, Verona and Viterbo.
The title of hottest summer since 1880 could be indeed assigned to 2019. Results is extreme repercussions not just for citizens but also for industrial area and plants: from the refrigerated logistic to pharmaceutical and food chain: everywhere temperature and ambient conditions are critical to be under control and technologies is not anymore able to compensate even with facing high energy expenses.
Global leader in the solar industrial sector, from Canada to United States, from Japan to Australia and recently to some African regions, Solar Power Network (www.solarpowernetwork.ca) is managing about 700 commercial or industrial sites with an overall installed power of 400MW totally dedicated to green energy production and direct self-consumption.«We have cracked the code» assures Peter Goodman. As a matter of fact, Solar Power Network was able to achieve:
I) REDUCED COST. Solar Power Network will lower your electricity rate and that rate will be fixed for the life of the installation compared to the unpredictable price of grid electricity..
II) REDUCED CARBON. Onsite solar offsets coal and gas-fired utility scale generators. Solar alone offsets daytime emissions. Solar plus battery storage enables up to 100% carbon offset.
III) RELIABILITY AND BRAND AWARENESS. Solar puts power in the hands of business owners. Onsite solar provides a reliable additional or alternate source of energy. And it reduces dependence on the transmission grid. (AJ-Com.Net). AJ/LL 05 LUG 2019 10:00 NNNN
AJ-COM.NET – Media & Public Relations Info: http://www.aj-com.net

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »