Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘jazz’

Roberto Masotti racconta la sua lunga storia con il jazz

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 aprile 2019

Torino Venerdì 26 aprile, ore 18 Circolo dei lettori, via Bogino, 9 Roberto Masotti Jazz area (Seipersei) Con Peppino Ortoleva e Carlo Serra Nell’ambito di Torino Jazz Festival.
Miles Davis, Keith Jarrett, Archie Shepp, Carla Bley, Sam Rivers, Cecil Taylor, Charles Mingus, Ornette… Questi sono solo alcuni dei protagonisti che Roberto Masotti nella sua carriera ha fotografato giungendo a realizzare questa opera editoriale insieme alla casa editrice Seipersei. Jazz area racchiude in sé quasi 50 anni di storia di musica jazz internazionale. Jazz area si basa su una particolare e necessaria prospettiva autobiografica. Jazz area parla della vita in musica attraverso i tanti incontri diretti e le infinite occasioni di musica dal vivo. Jazz area analizza ed esprime l’idea stessa d’improvvisazione nel suo tipico esprimersi afro-americano e nelle sue trasformazioni europee. Jazz area è la lente attraverso la quale Roberto Masotti ci parla della sua lunga storia con il jazz.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siena Jazz suona nel mondo grazie alla vittoria di bandi europei Erasmus

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 ottobre 2018

L’istituzione universitaria senese è stata nuovamente selezionata per usufruire dei finanziamenti destinati all’International Credit Mobility, ottenendo ben 157mila euro finalizzati a particolari progetti di mobilità pensati per gli studenti di istituzioni europee verso istituzioni di paesi extra-europei.In Italia solo cinque istituzioni musicali di alta formazione hanno ottenuto il fondi per i loro progetti e Siena Jazz è stata l’istituzione più premiata vedendo riconosciuti ben quattro iniziative, tre orientate verso le istituzioni extra europee dell’est e una all’America centrale.E così studenti e docenti di Siena Jazz voleranno al Conservatory Amadeo Roldàn di Cuba con cui è in atto una collaborazione sin dal 2003, oppure a Tirana all’Universiteti I Arteve – Facoltà di Musica dell’Università delle Arti dove il programma di mobilità proposto mira allo sviluppo della didattica della facoltà albanese con specifici interventi di insegnamento nell’ambito della musica jazz.Un altro progetto interesserà il Yerevan State Conservatory in Armenia, dove la cooperazione tra i due istituti mira all’interazione tra culture musicali diverse: quella jazzistica occidentale di cui Siena Jazz è espressione e quella folk e sacra di cui YSC è depositario e promotore.Infine si confermano gli scambi con V.Sarajishvili Tbilisi State Conservatoire di Tbilisi, in Georgia già attivi da tempo e forieri di risultati interessanti di grande reciproca soddisfazione.I progetti, che coinvolgono studenti e docenti e che mirano alla diffusione della cultura musicale jazz, alla sua comprensione, all’approfondimento e allo sviluppo artistico dei giovani musicisti, alterneranno formazione in aula, produzione musicale e attività concertistica.
“E’ un risultato che ci rende orgogliosi – commenta il direttore artistico di Siena Jazz, Franco Caroni -. E’ questa l’ennesima conferma di quanto sia importante e considerato il lavoro che stiamo facendo. Siena Jazz si inserisce così tra le realtà italiane di altissimo livello universitario. Un incoraggiamento a fare sempre meglio continuando la strada intrapresa con coraggio e tenacia. E intanto aspettiamo l’autorizzazione del Master biennale di specializzazione, un nuovo traguardo che confermerà la vocazione d’eccellenza musicale di Siena Jazz e contribuirà ad aumentare la presenza di giovani talenti nella nostra città”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il jazz italiano per le terre del sisma

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 agosto 2018

Scheggino (PG) Venerdì 31 agosto 2018 dalle 19.00 alle 23.30 piazza Carlo Urbani. Anche quest’anno l’Umbria, ed in particolar modo il comune di Scheggino (PG), con l’organizzazione e il sostegno di Associazione Visioninmusica, sarà coinvolta nel progetto del jazz Italiano dedicato alle terre colpite dal sisma, con una maratona di concerti che si svolgeranno il 31 agosto nella piazza principale del borgo umbro. L’iniziativa, che vedrà partecipare anche le Marche con Camerino (30 agosto, org. Musicamdo Jazz e TAM-Tutta un’Altra Musica), il Lazio con Amatrice (primo settembre, org. Fara Music) e l’Abruzzo con L’Aquila (2 settembre), è promossa da MiBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dal Comune dell’Aquila-Comitato Perdonanza, sostenuta da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, in qualità di main sponsor, con il supporto di NUOVOIMAIE e il contributo tecnico di CAFIM, e organizzata dalla Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano”, Associazione I-Jazz, MIDJ – Musicisti Italiani di Jazz e Casa del Jazz.
Centinaia di musicisti coinvolti, provenienti da tutta Italia: a Scheggino hanno confermato la propria partecipazione e si esibiranno rispettivamente, a partire dalle 19, il vincitore del Premio Internazionale Massimo Urbani Tommaso Perazzo, insieme al suo trio formato da Giuseppe Romagnoli al contrabbasso e Marcello Cardillo alla batteria, la cantante Karima, con Fabio Giachino al pianoforte, Jacopo Ferrazza al basso e contrabbasso e Ruben Bellavia alla batteria, e il sassofonista Claudio Jr De Rosa, in quartetto con Alessio Busanca al pianoforte, Tommaso Scannapieco al contrabbasso e Luigi Del Prete alla batteria. Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jazz & Wine in Montalcino 2018

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 giugno 2018

Montalcino. Nel meraviglioso borgo di Montalcino (SI), star mondiali arriveranno per dare nuova vita a una delle rassegne più longeve e conosciute nel panorama musicale italiano che nasce dalla collaborazione tra la nota azienda vinicola Banfi, la famiglia Rubei dell’Alexanderplatz di Roma ed il Comune di Montalcino.Anteprima entusiasmante giovedì 12 luglio con DAYNA STEPHENS GROUP protagonista dello straordinario concerto di “aspettando Jazz&Wine” che, come consuetudine, avrà luogo all’interno delle mura di Castello Banfi.Sassofonista e compositore tra i più stimati della nuova generazione, Dayna Stephens torna in Italia con un gruppo stellare che vede Taylor Eigsti (piano), Michał Barański (d.bass) e Greg Hutchinson (drums) e propone uno spettacolo trascinante, dove le trame acustiche si fondono a quelle elettroniche.Martedì 17 luglio il festival apre a Castello Banfi con il sound fresco ed accattivante del “contemporary jazz” dei DIRTY SIX la formazione che vede raggruppato un ensamble del meglio offerto dal jazz italiano in questi ultimi anni: Daniele Scannapieco (sax), Claudio Filippini (piano), Lorenzo Tucci (drums),Tommaso Scannapieco (bass), Gianfranco Campagnoli (trumpet) e Roberto Schiano (trombone).
Immancabile mercoledì 18 luglio l’appuntamento con la Jazz & Wine Orchestra diretta da Mario Corvini, che come ogni anno dà il via ai concerti nella Fortezza di Montalcino con un grande ospite internazionale. L’energica big band di quasi 20 elementi nata per celebrare il matrimonio tra vino e jazz, che ha reso questo festival famoso nel mondo, ospiterà il sassofonista e compositore argentino Javier Girotto all’insegna di un tango jazz come non l’abbiamo mai sentito.Una scommessa vinta quella della Jazz & Wine Orchestra: tra i primissimi credere in un progetto come questo, oggi l’orchestra, che si è aggiudicata il premio SIAE, è presente nei migliori festival nazionali ed è resident orchestra al festival di Montalcino dal 2015.
Giovedì 19 luglio ecco il primo di due grandi appuntamenti di blasone mondiale a cui Jazz & Wine ci ha abituato: sul palco l’eleganza, il carisma e l’energia di Billy Hart Quartet ft Joshua Redman.Joshua Redman, uno degli artisti più acclamati del panorama jazz internazionale, considerato fra i più importanti sassofonisti del mondo, sale sul palco al fianco del trio del batterista Billy Hart, leggenda del jazz statunitense, dando vita a una vera e propria all stars band, con Ethan Iverson al pianoforte, e Ben Street al contrabbasso. Un appuntamento assolutamente da non perdere.Nella volontà di celebrare il miglior jazz italiano, il festival propone “Around Gershwin” lo spettacolo che venerdì 20 luglio vede sul palco Giovanni Tommaso (c.bass), Rita Marcotulli (piano) due interpreti che vantano collaborazioni con star internazionali accompagnati da Alessandro Paternesi (drums). Il trio darà vita a un appuntamento trascinante con un repertorio dedicato a celebri standard di George Gershwin e ad alcune composizioni originali di Giovanni Tommaso.
Il festival prosegue sabato 21 luglio con “In Motion Beat”, la band che raggruppa musicisti di cinque diversi paesi e che porta in Europa il meglio del melting pot newyorkese, città dove vivono e lavorano da anni. Il sound del gruppo, rappresenta l’eterogeneo background culturale dei musicisti che lo compongono e che sono Juana Luna (vocals), Erin Bentlage (vocals), Daniel Rotem (saxophone), Mike Bono (guitar), Christian Li (piano), Luca Alemanno (bass), Roberto Giaquinto (drums).Gran finale domenica 22 luglio con l’altra grande star internazionale di questa edizione. Alla Fortezza di Montalcino arriva Christian McBride’s New Jawn.
McBride è uno dei musicisti più autorevoli e rispettati del mondo musicale contemporaneo. Vincitore di ben cinque Grammy Awards ha partecipato alla registrazione di più di 300 dischi di ogni genere.Il suo contrabbasso è il pilastro su cui hanno poggiato gli equilibri di innumerevoli band. Con lui Josh Evans (trumpet), Marcus Strickland (saxophone) e Nasheet Waits (drums).Tutti gli spettacoli di Jazz & Wine in Montalcino avranno inizio alle ore 21.45.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aaron Goldberg trio al Tatum Art in occasione della rassegna JAZZ VANGUARD

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 maggio 2018

Palermo 15 maggio 2018 alle 19,30 e alle 21,30, Aaron trio si esibisce all’ultimo appuntamento della rassegna “Jazz Vanguard” al Tatum Art di Palermo, in via dell’Università 38 (traversa di via Maqueda, a pochi passi dalla facoltà di Giurisprudenza), spazio per la musica di qualità creato e ideato da Toti Cannistraro e Francesco Costanzo.
Aaron Goldberg al pianoforte, Matt Penman al basso e Leon Parker alla batteria suoneranno alcuni noti standard jazz.
L’ingresso ai concerti al Tatum Art per la rassegna “Jazz Vanguard” costa 10 euro il turno delle 19,30, 15 euro il turno delle 21,30. La pagina Facebook è: http://www.facebook.com/tatumart38.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jazz On Movie… & Altro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 aprile 2018

Palermo giovedì 5 aprile alle ore 20.45 Real Teatro Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia n. 5) per la rassegna cinematografica organizzata dalla Fondazione The Brass Group, Jazz On Movie & …Altro, che vanta la direzione di Mario Bellone con le presentazioni di Gigi Razete. L’introduzione all’opera è affidata all’esperto di cinema Mario Tralongo. Quella del troppo giovane Harold (diciottenne) e della troppo anziana Maude (prossima agli ottanta) è, appunto, una storia d’amore tanto grande quanto breve, ma tale da riempire un’intera vita. Una storia d’amore impossibile, tenerissima e ricca di colpi di scena che Hal Ashby (tre anni prima aveva vinto l’Oscar per il miglior montaggio de “La calda notte dell’ispettore Tibbs” e nel 1979 sfiorerà la statuetta di miglior regista con “Tornando a casa” con Jane Fonda) riesce a raccontare con toni allo stesso tempo intensi e lievi, da commedia delicata e ricca di poesia, certo non con le tinte di dramma fosco o morboso. Un’idea semplice ma originale ed efficace che regia, sceneggiatura, interpretazione e fotografia (magnifica) sanno sviluppare con garbo, lambendo atmosfere favolistiche, senza mai scivolare nello scontato o in leziosità. Caratteristiche che hanno presto regalato all’opera lo status di autentico culto presso tutti i cinefili. Su tutto plana con suggestione evocativa il commento fornito da molte canzoni di Cat Stevens. Il folk-rocker londinese (che adesso pare ritornato al suo nome dopo la lunga parentesi islamica come Yusuf Islam) all’epoca del film aveva da poco conosciuto il successo con album come “Mona Bona Jackon” (in cui figura come flautista un ancora sconosciuto Peter Gabriel) e “Tea for the Tillerman” da cui, appunto, sono tratte le canzoni della colonna sonora, oltre a due inediti composti per l’occasione: “Don’t be shy” e “If you want to sing out, sing out”. Uno di quei casi in cui il connubio tra immagini e musica è talmente perfetto da sfiorare la magia. Con “Harold e Maude” si conclude la seconda edizione della rassegna “Jazz on Movie… e altro”. ‘appuntamento con la terza edizione è per l’autunno 2018.
Biglietti da euro 5 per la platea a 4,00 per la galleria incluso i diritti di prevendita. Sconti particolari verranno effettuati per gli studenti. http://www.thebrassgroup.it.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jazz On Movie… & Altro

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 dicembre 2017

Palermo-Panorama-bjs-2Palermo Giovedì 21 dicembre ore 20.30 – Real Teatro di Santa Cecilia Piazza Santa cecilia 5, in programma il film La La Land di Damien Chazelle – con Emma Stone e Ryan Gosling. Ancora un importante appuntamento per la rassegna cinematografica della Fondazione The Brass Group, Jazz On Movie …& Altro, con la direzione artistica di Mario Bellone e presentazione, interventi e clip a cura di Gigi Razete. in programma a La storia narrata da Chazelle è tutt’altro che originale: due giovani, Sebastian, pianista jazz, e Mia, aspirante attrice. Eppure, nonostante l’apparente banalità, il film è stato tra i più premiati degli ultimi anni con 6 Oscar e 7 Golden Globe: merito di una regia magistrale che con deliziosa leggerezza svaga dal sorriso alla commozione, di una grazia unica nel rievocare un’epopea ormai lontana, di interpreti dalla recitazione quanto mai fresca e ispirata, di un efficacissimo mix di musica ed immagini e merito anche di sequenze altamente spettacolari. Il film coglie due temi principali: è uno splendido tributo alla città di Los Angeles, scelta fortemente voluta dal regista ed è un magnifico affresco corale dedicato ai classici del musical degli anni Cinquanta e Sessanta. La colonna sonora è stata composta e orchestrata da Justin Hurwitz. Tra gli interpreti c’è anche il famoso cantante e pianista John Legend. La proiezione è preceduta da un video in tema e dai commenti del critico Daniela Cecchini.
Biglietti da euro 5 per la platea a 4,00 per la galleria incluso i diritti di prevendita. Sconti particolari verranno effettuati per gli studenti. (fonte: http://www.thebrassgroup.it)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jazz On Movie… & Altro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 dicembre 2017

newyork-poster (1)Palermo Giovedì 14 dicembre ore 20.30 – Real Teatro di Santa Cecilia Piazza Santa Cecilia n. 5 in programma il film New York, New York di Martin Scorsese con Liza Minnelli e Robert De Niro con la direzione artistica di Mario Bellone e presentazione, interventi e clip a cura di Gigi Razete. L’opera di Martin Scorsese è ricordata, soprattutto, per la canzone omonima interpretata nel film da Liza Minnelli e, tre anni dopo, consegnata a successo planetario da Frank Sinatra. Fin dalla sequenza iniziale (quella del corteggiamento), Robert De Niro, sorprendente nell’aderenza al ruolo di sassofonista, regala un’interpretazione da antologia ma è tutto il film ad affascinare col suo essere un magnifico compendio del musical classico in cui le atmosfere scintillanti di Hollywood e di Broadway sono velate da un fondo di amarezza. “La guerra era appena finita e il mondo ricominciava ad amarsi”, così recitava al tempo una delle locandine di “New York, New York”, sofferto e troppo dimenticato capolavoro di Martin Scorsese del 1977. Ed è proprio la Grande Mela la vera star del film consegnato alla storia anche dalla celeberrima canzone che ne assume il titolo. Giudicata dalla critica come “opera ambiziosa, audace, affascinante, fraintesa”, la pellicola di Scorsese offre scenografie mozzafiato, sfoggia un De Niro splendidamente nervoso e isterico e propone un delizioso confronto tra i brani jazz del protagonista e le canzoni di Liza Minnelli, tra le quali vi sono temi immortali come “Once in a while”, “You are my lucky star”, “The man I love” (di Gershwin), “Blue moon” (dell’aurea coppia Rodgers/Hart) e “Honeysuckle rose” (di Fats Waller). Nel cast figurano anche il celebre trombonista e bandleader Tommy Dorsey (interpretato da William Tole) e due grandi sassofonisti nel ruolo di attori: Georgie Auld (sullo schermo Frankie Hart) e Clarence Clemons (nel ruolo di Cecil Powell), quest’ultimo perno della E Street Band di Bruce Springsteen. Il costo del biglietto varia da euro 5 per la platea a 4,00 per la galleria incluso i diritti di prevendita. (foto: New York, New York)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La rivoluzione della musica Jazz del Novecento”: workshop con Maurizio Zerbo

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 novembre 2017

jazz sicilianaPalermo Martedì 28 novembre ore 17.30 – Real Teatro di Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia n. 5) lo storico del jazz Maurizio Zerbo terrà al Real Teatro Santa Cecilia una conferenza su “La rivoluzione del jazz nella musica del Novecento” – Una pratica musicale multiculturale, che ha anticipato la globalizzazione delle società multietniche nel terzo millennio. Attraverso ascolti musicali che vanno da Louis Armstrong al rap, dai Beatles all’Orchestra Jazz Siciliana, verranno enucleati i principi fondamentali di una musica inclusiva che ha influenzato la popular music (rock, pop, funk), modificando il paesaggio sonoro del Novecento. Maurizio Zerbo È nato nel 1964 a Palermo, dove si è laureato in Lettere Moderne con il massimo dei voti e la lode. Dopo gli studi di musicologia afroamericana con Stefano Zenni e di etnomusicologia con jazz1jazzGigi Garofalo, ha redatto saggi recensioni di cd, libri e concerti per le più autorevoli riviste italiane di jazz. Per il Centro Regionale per il Catalogo – Assessorato Beni Culturali della Regione Sicilia, ha ideato e curato la collana discografica “ I grandi concerti The Brass Group”. Negli anni accademici 2010/2011 e 2011/2012, ha insegnato Storia del Jazz presso il Conservatorio Statale di Musica “Vincenzo Bellini” di Palermo. Ingresso gratuito sino ad esaurimento posti.
In un’era sempre più globalizzata, dove le frontiere non hanno più confini portando le società in una determinazione multiculturale, anche i generi musicali subiscono notevoli influenze. Un fenomeno sociale quello del melting-pot, che ricade anche nella produzione artistica e nel conseguente
cambiamento del sound in particolare nella musica jazz. Di tutto ciò verrà discusso in un incontro promosso dalla FederTeatri Sicilia e organizzato dalla Fondazione The Brass Group, nell’ambito dell’iniziativa FormaTeatro 2017.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siena Jazz celebra la Festa Europea della Musica

Posted by fidest press agency su martedì, 20 giugno 2017

sienaSiena da martedì 20 a venerdì 23 giugno, avrà come protagonisti i docenti dell’itituzione senese e molti giovani talenti che si stanno preparando per acquisire il Diploma accademico triennale di primo livello nella scuola di jazz di Siena.Tutti i concerti – ad ingresso gratuito – avranno luogo presso il locale Un Tubo (via del Luparello). Inizio ore 21.45
Un appuntamento che fa parte di un più vasto programma di eventi che Siena Jazz ha deciso di offrire alla città in occasione dei festeggiamenti per i suoi primi quarant’anni di attività.In totale saranno oltre cento studenti, divisi in 23 formazioni ad esibirsi con il loro docente. Si potranno ascoltare i più diversi linguaggi musicali e apprezzare le tecniche di improvvisazione che gli studenti hanno avuto l’opportunità di perfezionare e approfondire nelle aule di Siena Jazz.
Si comincia martedì 20 giugno con l’esibizione di 5 gruppi musicali ciascuno capitanato da un docente dei corsi. Parteciperanno all’esibizione la contrabbassista Silvia Bolognesi, il pianista Alessandro Giachero, il bassista elettrico Franco Fabbrini e il batterista Francesco Petreni.
Mercoledì 21 giugno sul palco saliranno ben sei gruppi musicali con la partecipazione del batterista Alessandro Paternesi, del trombettista Fulvio Sigurtà, del chitarrista Roberto Spadoni e del sassofonista Maurizio Giammarco.Ancora sei i gruppi on stage giovedì 22 giugno con il trombonista Tony Cattano, il sassofonista Maurizio Giammarco, il batterista Ettore Fioravanti, il batterista Walter Paoli e e il sassofonista Achille Succi.La conclusione di venerdì 23 giugno prevede l’esibizione di sei gruppi musicali con ill trombettista Davide Boato, il pianista Stefano Onorati, il pianista Alfonso Santimone e il sassofonista Maurizio Giammarco.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jazz: “Note in biblioteca”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 giugno 2017

MAM Dinamic TrioMAM Dinamic Trio1Roma venerdì 9 giugno alle 20.30 presso la biblioteca comunale di Villa Leopardi in via Makallè appuntamento con il jazz: “Note in biblioteca” della IUC.
Protagonista di questo incontro musicale ad ingresso gratuito è il MAM Dinamic Trio, formato da Manuel Magrini al pianoforte, Francesco Angiuli al contrabbasso e Francesco Merenda alla batteria, che presentano un repertorio che spazia fra gli standard jazz più popolari e inoltre alcune proprie composizioni originali, dove risalta il lirismo dei solisti e la coesione di un trio già molto affiatato nonostante la collaborazione piuttosto nuova. Sono uniti dalla comune passione in comune per il pianista Fred Hersch e ovviamente per i classici, mancano, Bill Evans su tutti, che è uno degli esempi principali per il jazz trio, assieme ad Oscar Peterson.
MAM Dinamic Trio2Ognuno dei tre musicisti del MAM Trio vanta numerose collaborazioni con artisti di calibro internazionale, quali Benny Golson, Rosario Giuliani, Nicolas Folmer, Fabio Zeppetella, Maurizio Giammarco, etc. Numerosi sono anche i festival nazionali ed internazionali ai quali hanno partecipato. Grazie a tutto questo il trio propone un sound che sa spaziare dal classico al moderno senza mai perdere personalità, con uno spiccato interplay dei 3 musicisti che rende ogni performance unica ed irripetibile.
Introdurrà all’ascolto Silvia D’Annunzio, studentessa del corso di perfezionamento in Musicologia dell’Università La Sapienza.
“Note in biblioteca” è realizzato dalla IUC (Istituzione Universitaria dei Concerti) in collaborazione con il Sistema Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale, l’Università Sapienza e il Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma.
Quest’incontro fa parte della rassegna “Sapienza in musica” con il sostegno della Regione Lazio. (foto: MAM Dinamic Trio)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ritmi Jazz Brasiliani a Monte di Procida

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 agosto 2016

marcio rangelNonato LuizMonte di Procida 13 agosto – ore 21 Villa Matarese Ritmi Jazz Brasiliani. Suadenti sonorità brasiliane a chiudere la rassegna del Pozzuoli Jazz festival sabato 13 agosto con due grandi chitarristi Marcio Rangel e Nonato Luiz direttamente dal Brasile, che si esibiranno nel concerto Violoes Do Brazil nello scenario della bella Villa Matarese, dimora gentilizia di inizio Novecento a Monte di Procida. Marcio Rangel e Nonato Luiz, chitarristi e compositori, in tournée nel nostro paese per pochi giorni ad agosto, raccontano attraverso la musica di un BRASILE in continua evoluzione, dal Folk Classico al Jazz Ritmico. Il concerto ad ingresso gratuito, inedito per l’Italia e patrocinato dell’Ambasciata del Brasile per la sua rilevanza culturale, chiude la rassegna del Pozzuoli Jazz Festival che quest’anno ha accompagnato tutta l’estate flegrea a partire dal mese di valionegiugno estendendosi in tante località del territorio flegreo, da Pozzuoli a Baia fino a Monte di Procida. Marcio Rangel già noto per le sue innumerevoli esibizioni come solista nei maggiori festival nazionali ed internazionali. Eccletico, con una sonorità inconfondibile dovuto alla sua tecnica “mancina “lo candida a raccogliere la pesante eredità di leggendari chitarristi brasiliani. Ha diviso il palco con i migliori chitarristi come John Renbourn, Bireli Lagrene,Tuck e Patty e altri. Nonato Luiz curriculum prestigioso, le sue collaborazioni con Chico Buarque, Paco De Lucia, Egberto Gismonti e tanti altri, lo annoverano tra i più grandi chitarristi brasiliani. Detentore di tanti premi, tra i quali “Premio Sharp” come compositore, con lo scrittore Fausto Nilo. I suoi libri di composizioni sono editi in Europa e Stati Uniti. Annualmente è presente al Museo Mozart di Salisburgo come Ambasciatore della musica brasiliana.La rassegna è organizzata dall’Associazione Jazz & Conversation, impegnata da anni a testimoniare il proprio ruolo nella cultura dei Campi Flegrei, attraverso un percorso in cui la musica incontra il territorio, la suggestione dei suoi paesaggi, la sua storia e le sue contraddizioni. La manifestazione è organizzata in collaborazione con l’Azienda autonoma di Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e si avvale del patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, del Comune di Bacoli, del Comune di Monte di Procida e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, nonché del contributo dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli.Ingresso gratuito. Per i dettagli dell’evento http://www.pozzuolijazzfestival.it (foto: marcio rangel, Nonato Luiz, valione)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Roots Interchange European Live Tour”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 febbraio 2016

florioRoma Giovedì 11 febbraio Cotton Club via Bellinzona, 2. Parte a febbraio dal Cotton Club di Roma il “Roots Interchange European Live Tour” che vedrà impegnato il chitrarrista e compositore Jazz, Alessandro Florio, nella presentazione del suo nuovo album realizzato con due tra i più importanti e quotati musicisti della scena jazzistica internazionale: Pat Bianchi all’hammond e Carmen Intorre alla batteria, quest’ultimo fulcro della rhythm section di George Benson e di Joey Defrancesco, ed entrambi musicisti del trio di Pat Martino, leggenda della chitarra jazz.
Il tour che toccherà Italia e Belgio, farà tappa in alcuni tra i più importanti jazz club e vedrà il chitarrista Alessandro Florio accompagnato da due formazioni: si parte dal Cotton Club di Roma il prossimo giovedì 11 febbraio con il trio americano completato da Pat Bianchi all’hammond e Carmen Intorre alla batteria, per proseguire venerdì 12 al D’Ascoli Jazz Club di Pontecagnano (SA), sabato 13 al Gregory’s Jazz Club di Roma e concludere il giro italiano domenica 14 febbraio all’ Alhambra Jazz di Formia. Il tour proseguirà poi in Belgio con il trio italiano, che vedrà al fianco di Alessandro Florio, Alessio Busanca all’hammond e Armando Luongo alla batteria, in tre appuntamenti: venerdì 26 febbraio ad Hasselt, sabato 27 a L’ Aquilone Asbl a Liegi e domenica 28 febbraio in concerto ad Anversa.
florio1Per Florio quindi si preannuncia un inizio di 2016 ricco di impegni e di soddisfazioni e che fa seguito ad un 2015, segnato dalla pubblicazione di ‘Roots Interchange’, album che ha riscosso un notevole successo di pubblico e critica e che lo ha visto protagonista di una intensa attività ‘live’ da New York ad Atene. Florio è stato anche direttore artistico di un noto locale Milanese e della rassegna “Amalfi in jazz” che ha fatto il “tutto esaurito” per tutti i sei eventi svoltisi a cavallo tra luglio e agosto.
‘Roots Interchange’ il cd
Per Alessandro Florio la genesi di questo album è riassunta in un viaggio, prima verso il Nord Europa e poi verso gli USA alla ricerca delle “radici” (Roots) del jazz, del soul e del blues. Conosciuti e coinvolti i due famosi jazzisti italo-americani Pat Bianchi e Carmen Intorre, il viaggio diventa uno “scambio” (interchange) culturale e musicale; e per i due anche un ritorno alle loro “radici” italiane. Nasce così l’idea di “Roots Interchange” un incontro tra la migliore tradizione jazzistica americana e la cultura mediterranea ed europea di concezione melodica. «Un grande disco – come sostiene Freddie Bryant (chitarrista, compositore, professore associate al Berklee College) nelle note di copertina – nell’accezione più classica del termine: un album di melodie con contrasti di stili e di groove differenti tra loro che coinvolgono l’ascoltatore dall’inizio sino alla fine. Suonato da una sezione ritmica stellare, si rifà alla tradizione degli organ trio con tanto di Boogaloo, florio2blues e ballads».
L’album “Roots Interchange” è composto da sette tracce, per lo più brani originali firmati dallo stesso Alessandro Florio, ad esaltare il groove dell’hammond trio (“Feel Good Music”, “Il Dottor Thomas Non è In Sede”, “V”, “Ring Shout” e “Lo Zio del Mare”); e brani di Thelonious Monk: “In Walked Bud” e “Straight, No Chaser” che vede la partecipazione straordinaria di Gegè Telesforo. Il cantante pugliese ha abbracciato il progetto con grande entusiasmo e ha realizzato una versione inedita con un “testo che sembra sia stato registrato solo una volta precedentemente nella storia del jazz…”, come afferma scherzosamente lo stesso Gegè Telesforo. «Sono sempre stato un fan di Gege’ – afferma Alessandro Florio –, del suo carisma, del suo modo di cantare e della sua missione nel far capire, agli Italiani in special modo, l’importanza del Groove e del movimento nel Jazz, che è una musica che deve far ballare e ti deve entrare nello stomaco e non intellettuale e cerebrale. – e conclude – Se Gegè ha collaborato al mio disco lo devo ad Alberto Gurrisi (pianista e organista hammond ndr.) che mi ha spinto a chiamare Telesforo. Questa collaborazione oltre ad essere un vero piacere è stato un grande onore».
“Roots Interchange” è dedicato alla comunità italiana ed italoamericana nell’intento di rivendicare e non trascurare il ruolo chiave nella storia e nell’evoluzione del Jazz.
“Roots Interchange” il nuovo album soul jazz firmato dal chitarrista e compositore jazz Alessandro Florio con Pat Bianchi all’hammond e Carmen Intorre alla batteria, è disponibile sulle principali piattaforme digitali (iTunes, Amazon, CdBaby, etc.) è prenotabile anche nel classico formato in digipack tramite il sito internet ufficiale dello stesso Florio (www.alessandroflorio.com)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mirko Signorile performs at Jazz Bistro Toronto

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 novembre 2015

Mirko SignorileToronto Tuesday, November 10, 2015 7:00-8:15pm AND 9:30-10:45pm Istituto italiano di Cultura Jazz Bistro – 251 Victoria St, Mirko Signorile, Apulian pianist, class ’74, is active on the national jazz scene as leader of his own projects and as accompanist. Over the years, he has played with Dave Liebman, Greg Osby, Coung Vu, Enrico Rava, Paolo Fresu, David Binney, Gianluca Petrella, Fabrizio Bosso, Gaetano Partipilo, Roberto Ottaviano, Davide Viterbo. His artistic activity embraces also other arts like cinema, theatre and contemporary dance. His discography includes six albums: “In full life” (Soul Note, 2003), “The Magic Circle” (Soul Note, 2005) and “Clessidra” (Emarcy/Universal, 2009), which has had public and critics acclaim (it was considered the best album for “Argo Jazz”) and has brought to the win of the prestigious Italian Jazz Awards of 2010 for the section “Best Jazz Act”. In 2009 and in 2012 he recorded with Giovanna Carone “Betàm Soul” and “Far Libe”, two recording projects dedicated to the Yiddish music. On 30 November 2012 his last album was produced and released for the label Auand “Piano Series”. The award-winning Jazz pianist will have some fresh material for his Toronto concert off his new album Waiting For You, (available for digital download on November 15).
Mirko Signorile, Apulian pianist, class ’74, is active on the national jazz scene as leader of his own projects and as accompanist. Over the years, he has played with Dave Liebman, Greg Osby, Coung Vu, Enrico Rava, Paolo Fresu, David Binney, Gianluca Petrella, Fabrizio Bosso, Gaetano Partipilo, Roberto Ottaviano, Davide Viterbo. His artistic activity embraces also other arts like cinema, theatre and contemporary dance. His discography includes six albums: “In full life” (Soul Note, 2003), “The Magic Circle” (Soul Note, 2005) and “Clessidra” (Emarcy/Universal, 2009), which has had public and critics acclaim (it was considered the best album for “Argo Jazz”) and has brought to the win of the prestigious Italian Jazz Awards of 2010 for the section “Best Jazz Act”. In 2009 and in 2012 he recorded with Giovanna Carone “Betàm Soul” and “Far Libe”, two recording projects dedicated to the Yiddish music. On 30 November 2012 his last album was produced and released for the label Auand “Piano Series”. The award-winning Jazz pianist will have some fresh material for his Toronto concert off his new album Waiting For You, (available for digital download on November 15). (photo mirko signorile)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al Dorian un venerdì che trasforma il rock in jazz con i Mantropia

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 settembre 2015

mantropiaPalermo venerdì 25 settembre alle 21,30 sul palco del Dorian in piazza Don Bosco 11 un venerdì che trasforma il rock in jazz con i Mantropia. ‘Euforia della chitarra di Giovanni Licata, l’esuberanza di Gabriele indelicato al basso, il ritmo di Giulio Scavuzzo alla batteria, il brio della voce di Andrea Tripi e il genio di Gabriele Fanale al sassofono porteranno i presenti in un viaggio fatto di musica per solleticare l’orecchio di chi ascolta ,con i riarrangiamenti di “Basket Case” o “Baby one More Time” in chiave Swing, ma non solo. Il gruppo infatti ama spaziare dallo swing al soul, passando per il reggae con una spolverata di jazz ed un pizzico di rockabilly.(foto mantropia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donne in Jazz

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 gennaio 2012

Ornella Vanoni

Image via Wikipedia

Ortona e Chieti. Vivere il teatro nelle sue molteplici sfaccettature artistiche è l’obiettivo della dodicesima edizione della rassegna internazionale DONNE IN JAZZ che anche quest’anno non deluderà le aspettative proponendo un calendario di assoluto rilievo. Cinque grandi concerti tra il Teatro Francesco Paolo Tosti di Ortona e il Marrucino di Chieti saranno accompagnati, tra l’8 e il 15 marzo, da una serie di eventi collaterali all’interno delle due storiche cornici: tra installazioni, mostre, reading e degustazioni la manifestazione si propone di offrire un’esperienza globale improntata alla cultura musicale di qualità. La rassegna, che aprirà proprio il giorno dedicato alla donna con il progetto di Assunta Menna In corpo e anima project, special guest la campionessa di ginnastica ritmica Fabrizia D’Ottavio, entrerà nel vivo il 9 e 10 marzo con un’esibizione jazz di Ornella Vanoni pensata in esclusiva per il festival. A seguire, l’11 marzo, la virtuosa e divertente performance vocale di Simona Molinari con la Mosca Jazz Band e la storica formazione dei Matt Bianco insieme ad Elizabeth Antwi, una vera e propria chicca in anteprima per l’Italia. Inizio spettacoli ore 21,30. Biglietti in vendita al sito: http://www.bookingshow.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il jazz di Alberto Sordi

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 luglio 2011

Palermo 19 luglio, ore 21.30 Giardini sopra le mura dello Spasimo esibizione de La Civica Jazz Band di Enrico Intra. Prodotto maturo e di alto livello qualitativo dei Civici Corsi di Jazz, la Band esegue pagine legate al mondo filmico dell’Albertone nazionale, con un repertorio di musiche scritte da due grandi autori delle colonne sonore dei film di Sordi: Piero Piccioni e Armando Trovajoli, le cui pagine verranno eseguite in chiave jazz dalla trascinante orchestra milanese e abbinate a un montaggio di immagini tratte dai film di Sordi: dal Dottor Guido Tersilli a Fumo Di Londra, da Finché c’è guerra c’è speranza a Riusciranno i nostri eroi… Un cammeo di improvvisazione totale al piano solo vedrà Enrico Intra confrontarsi con il Sordi più surreale, completando un programma dall’impatto spettacolare assicurato.
Solisti: Emilio Soana (t), Roberto Rossi (tb), Giulio Visibelli (as), Marco Vaggi (cb), Tony Arco Introduzione al concerto a cura di Maurizio Franco Programma:musiche di Piero Piccioni, Armando Trovajoli e Enrico Intra Progetto e scelta dei filmati a cura di Emilio Sioli, Enrico Intra e Maurizio Franco.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

George Cables a Palermo

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 luglio 2011

Palermo Seacily Jazz Festival, alle 21,30 ai Giardini sopra le mura dello Spasimo si esibira il pianista jazz newyorkese George Cables. Per capire cos’è il piano jazz, basta ascoltare George Cables e il suo gioioso swing eseguito con leggerezza di tocco e fluidità di fraseggio. George Andrew Cables, classe ’44, ha suonato con Art Blakey, Sonny Rollins, Dexter Gordon, Art Pepper, e altri. Un concerto altamente istruttivo che permetterà all’ascoltatore di capire come mai Cables abbia già lasciato una traccia indelebile nel panorama jazz. Un artista dai grandi mezzi tecnici, rivolto essenzialmente a ricercare il dialogo con compagni di viaggio, con la musica locale e il pubblico. Ma tra le sue doti, ne spicca anche un’altra: il suo atteggiamento da sideman, da uomo comune che non ha bisogno di comportamenti divistici per ammaliare il suo pubblico che rimane comunque estasiato dalla leggerezza del suono, dalla espressività calda e vibrante, dai fraseggi postboppistici nervosi, ma allo steso tempoincredibilmente raffinati. Il tutto completato da un tocco secco ed asciutto, sinuoso e flessibile dalla voce ben definita. La sua è una musica che va dritta al cuore perché racconta non solo note ma anche storie. Cables ha la capacità di riassumere nei concerti la formula magica del jazz: comunicativa, swing, emozioni racchiuse nella sua musica. Il costo del biglietto è di 12 euro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jazz: tango e ballo folk

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2011

24 marzo appuntamento con l’improvvisazione creativa guidata da Toti Canzoneri e l’Orchestra di Casa per la serata Jazz Jams che vede sul palco di Maison Musique come ospite d’onore il cantante, compositore e chitarrista Solò Razafindrakoto. Nato in Francia da genitori malgasci, Solò Razafindrakoto, detto Razaf, fa ritorno ancora giovane nel suo paese di origine, dove inizia la sua carriera di musicista con i Pumpkins. Cronista e in seguito critico musicale per un quotidiano nazionale, incontra il jazz africano per eccellenza, il sassofonista Manu Dibango, del quale diventa collaboratore. Si trasferisce a Parigi per cercare fortuna e proprio nella capitale francese diventa il bassista prediletto da Myriam Makeba, iniziando a lavorare in ambito blues e country. Nel frattempo diventa anche un virtuoso della chitarra, affermato compositore e band leader.  I grandi nomi del jazz, tra cui Dizzy Gillespie, lo hanno voluto al fianco, come importante session man di organici nutriti, ed è solo da qualche anno che Razaf ha pure intrapreso un carriera in solitaria, a volte in duo, aumentando la sua notorietà internazionale. La notevole carica di simpatia che emana da ogni sua esibizione, la sua naturale modestia che rende quasi facili le complesse tessiture delle sue dita, colpiscono ed esaltano il pubblico più indifferente.Venerdì 25 marzo l’auditorium di Maison Musique si trasforma in una milonga; la dj resident Aurora farà ballare i tangueros presenti fino a chiusura con la sua selezione di tango contemporaneo. Sabato 26 marzo appuntamento con il ballo folk in compagnia del gruppo Oggitani, mix irresistibile di ritmi mediterranei e musica popolare dall’occitania al sud italia capitanati dal violinista e percussionista Sergio Caputo, già collaboratore di Francesco De Gregori e Subsonica.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il clarinetto da Mozart al jazz

Posted by fidest press agency su martedì, 8 febbraio 2011

Bologna 9 febbraio, alle ore 20.30 (Piazzetta Morandi) presso la Chiesa di Santa Cristina della Fondazza  The Gershwin String Quartet Giora Feidman clarinetto. «Il klezmer è un’interpretazione dell’arte e della vita che non si basa soltanto sul folklore ebraico, ma piuttosto su un coacervo cosmopolita di generi musicali. Per questo non è importante cosa si suona ma come lo si suona. Se per un attimo dimentichiamo il nome dei pezzi, l’epoca in cui furono scritti ed il nome del compositore, tutto ciò che rimane è la musica che condividiamo con il nostro pubblico – una gioia per l’anima». Parola di Giora Feidman, che da oltre quarant’anni attraversa il mondo per comunicare la ricchezza della propria tradizione, capace di unire uomini e culture in un unico viaggio melodico. È così che sotto il comune denominatore di klezmer si raccolgono retaggi della musica ‘colta’ (con le Three Miniatures del georgiano Tsintsadze) e canzoni popolari (come Kalaniyot, assurta ad inno dello stato israeliano sin dal ’48), spirito di danza (con lo sfrenato Jewish Wedding finale) e canti di preghiera, come le Intonazioni per lo Shabbat affidate al solo clarinetto.
Nato in Argentina, e divenuto il più giovane clarinettista dell’Orchestra Filarmonica Israeliana, negli anni Settanta Giora Feidman intraprende il suo percorso per la rinascita della musica klezmer, esibendosi con il Kronos Quartet e i Berliner Philharmoniker, e incidendo ben 35 cd, insigniti di numerosi riconoscimenti. Autore e interprete delle musiche per Schindler’s List, che gli valgono un Academy Award, nel 2005 si esibisce a Colonia per la Giornata della Gioventù, di fronte a 800.000 persone e alla presenza di Papa Benedetto XVI. The Gershwin String Quartet, fondato nel 1990 da Michel Gershwin, vincitore nel 1988 del Concorso “David Oistrach”, si esibisce in tutto il mondo con solisti quali Bashmet, Portal, Bashkirova, Gavrilov, facendosi apprezzare sia per lo straordinario virtuosismo tecnico che per il coinvolgimento emotivo

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »