Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘labomar’

Labomar sottoscrive una lettera d’intenti per l’acquisto del Gruppo Welcare

Posted by fidest press agency su sabato, 3 luglio 2021

Istrana (TV). Labomar (AIM Ticker: LBM), azienda nutraceutica italiana attiva a livello internazionale, ha una lettera di intenti per l’acquisizione del 70% del Gruppo Welcare, composto da Welcare Industries S.p.a. e Welcare Research S.r.l., aziende produttrici di medical devices dedicati alla cura della pelle. La lettera di intenti prevede un impegno di esclusiva sino al 30 luglio. Allo stato attuale, il completamento dell’operazione è atteso entro la prima metà del mese di luglio, a seguito del verificarsi di talune condizioni sospensive e, principalmente, all’esito positivo della due diligence. Fondato nel 2000, da Fulvia Lazzarotto e Franco De Bernardini, il Gruppo Welcare sviluppa, produce e commercializza dispositivi medici per la prevenzione e il trattamento di infezioni, e per la gestione di lesioni cutanee di varia eziologia. Ha sede a Orvieto (Terni) ed è presente in 22 paesi in tutto il mondo, tra Europa, Middle East, Sud America e Australia. Marco Grespigna, dal 2020 è socio e Consigliere di Amministrazione delle Società del Gruppo.Il progetto nasce dalla consapevolezza di una propensione crescente alla cura domestica del paziente allettato, in antitesi alle lunghe degenze in ospedale, cui si somma una dimensione del mercato del wound care, a livello globale, che evidenzia prospettive di crescita davvero interessanti. Il Gruppo Welcare è pioniere nel dare risposta a tali esigenze, con un’offerta dallo standard qualitativo particolarmente elevato e con alcune soluzioni tecnologiche brevettate di cui è proprietario, in perfetta sinergia con il business model di Labomar. L’integrazione del Gruppo Welcare nel perimetro del gruppo di Istrana, avrà un valore strategico rilevante, grazie alle forti interconnessioni che hanno i rispettivi prodotti, e all’assenza di eventuali sovrapposizioni siano esse di prodotto, di mercato o di clientela.I ricavi consolidati 2020 sono stati pari a circa 6,7 milioni di euro, di cui circa l’85% realizzati nei mercati internazionali, con 2,4 milioni di euro di Ebitda Consolidato Reported e una PFN positiva (cassa) di circa 3,3 milioni.Per effetto di tali accordi Labomar acquisterà il 70% del capitale del Gruppo Welcare, di cui il 63% al closing e l’ulteriore 7% entro la fine dell’esercizio 2021, mediante l’esercizio di una opzione Call da parte di Labomar o, in alternativa, entro il primo trimestre 2022, a seguito dell’esercizio di un’opzione Put a favore dell’azionista venditore.Il valore complessivo per l’acquisto del 70% del capitale sociale del gruppo, soggetto ad un possibile adjustment in base alle rilevazioni puntuali al 30 giugno 2021 sulla Posizione Finanziaria Netta, è pari a 9,5 milioni di euro. Tale valore comprende una Posizione Finanziaria Netta Attiva stimata tra i 2 e i 2,4 milioni di euro.L’acquisizione verrà finanziata con i proventi raccolti da Labomar in occasione della quotazione sull’Aim dell’ottobre del 2020, operazione che aveva, fra i suoi capisaldi strategici, proprio il sostegno alla crescita per linee esterne con operazioni di M&A.La restante quota del 30% del capitale del Gruppo Welcare rimarrà nelle mani dei due attuali soci Fulvia Lazzarotto, manager dell’industria farmaceutica con lunghissima esperienza internazionale (in particolare in Sherwood Medical, BMS, Johnson&Johnson Medical SpA) e Marco Grespigna, anch’esso manager di grande esperienza nel comparto (Sanofi, Teva, Angelini, Zentiva).Fulvia Lazzarotto rimarrà alla guida del gruppo come AD, mentre Walter Bertin, Fondatore e Amministratore Delegato di Labomar, assumerà la qualifica di Presidente.Labomar e i soci Fulvia Lazzarotto e Marco Grespigna, avranno rispettivamente una Call option e una Put option sul residuo 30% delle azioni del Gruppo Welcare, esercitabili nel 2025 e 2026.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Labomar: fatturato consolidato 2020 sale a €61,1 mln

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2021

Labomar (AIM Ticker: LBM), azienda nutraceutica italiana attiva a livello internazionale, ha chiuso il 2020 con un fatturato consolidato preliminare pari a circa 61,1 milioni di euro (a cambi costanti pari a circa 61,5 milioni di euro), in incremento del 26,3% (27,2% a cambi costanti) rispetto al fatturato consolidato realizzato nel 2019. Il dato 2020 include per la prima volta un intero anno di ricavi e marginalità della canadese ImportFab, acquistata nel mese di ottobre del 2019. Il fatturato della sola Labomar SpA nel 2020 è stato pari a circa 51,8 milioni di euro (+10,2% vs 2019).“Il 2020 è stato un altro anno di forte accelerazione per Labomar – ha spiegato l’AD e fondatore Walter Bertin – un anno non semplice, caratterizzato dall’emergenza Covid, che ci ha portato una volta di più a tirare fuori il meglio di noi. Nonostante qualche rallentamento temporaneo del mercato, abbiamo dimostrato la capacità di crescere anche in un contesto economico negativo capitalizzando il nostro patrimonio di esperienze e il know-how acquisito grazie agli investimenti in ricerca e sviluppo realizzati nel corso degli anni. La resilienza dell’azienda, la sua capacità di adattarsi e cavalcare i cambiamenti hanno consentito un robusto incremento del fatturato di cui siamo soddisfatti e orgogliosi. Il forte dinamismo di Labomar ci ha consentito, in un contesto complesso, al contempo di approcciare nuovi mercati e di consolidare le relazioni con i nostri clienti storici”. Il Consiglio di Amministrazione chiamato all’approvazione del progetto di Bilancio d’Esercizio 2020 sarà convocato per il 29 marzo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Labomar sigla nuovo accordo con Bayer

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 gennaio 2021

Labomar (AIM Ticker: LBM) ha sottoscritto un nuovo importante accordo commerciale con Bayer, una delle principali multinazionali farmaceutiche a livello mondiale, con cui collabora da oltre sei anni.La società fondata e guidata da Walter Bertin ha rafforzato il suo rapporto con Bayer stringendo una partnership esclusiva relativa a 4 referenze che fanno parte del recente ampliamento di gamma della linea Aspi Gola® di Bayer, che ora è caratterizzata da nuovi ingredienti nel marchio di “Aspi Gola® Natura”.Nel dettaglio, Labomar svilupperà e produrrà le referenze in diversi gusti e presentazioni farmaceutiche, mentre Bayer si occuperà della distribuzione. La sottoscrizione del presente deal è avvenuta insieme al lancio delle referenze Aspi Gola®, in concomitanza con la stagione di maggior richiesta per i prodotti posizionati nel segmento “Cough & Cold”.L’accordo arriva a breve distanza dalla quotazione di Labomar, che ha esordito sull’AIM Italia il 5 ottobre 2020, e impreziosisce ulteriormente un periodo già molto ricco di soddisfazioni per l’azienda veneta.
Labomar ha chiuso il 2019 con ricavi pro-forma di 56,6 milioni di euro (43,5 milioni di euro nel 2018), un EBITDA pro-forma adjusted di 12,2 milioni di euro (9 milioni di euro nel 2018), un EBIT pro-forma adjusted di 8,3 milioni di euro (6,2 milioni di euro nel 2018) e un utile netto pro-forma adjusted di 5,7 milioni di euro (4,3 milioni nel 2018). I conti 2019 tengono conto dell’acquisizione della società Canadese ImportFab, chiusa nel mese di ottobre dello scorso anno. Nei primi 6 mesi del 2020, Labomar ha registrato ricavi pari a 33,0 milioni di euro e un EBITDA consolidato pari a 7,8 milioni di euro.Labomar crede profondamente in un sistema aziendale fondato sulla sostenibilità, sull’attenzione alle persone, all’ambiente e alla comunità, e per questo motivo ha cambiato il proprio statuto divenendo Società Benefit: il nuovo status giuridico, introdotto in Italia nel 2016, formalizza la scelta di puntare su un modello di sviluppo responsabile, sostenibile e trasparente, che integra gli obiettivi economico-reddituali con aspetti di natura sociale e ambientale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Labomar sempre più sostenibile punta sulle energie rinnovabili

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2021

Istrana (TV), 15 gennaio 2021 —A partire dal 2021 Labomar utilizzerà solo energia prodotta da fonti rinnovabili. La società di Istrana ha infatti sottoscritto un contratto con A2A Energia S.p.A che garantisce a Labomar forniture di energia prodotta da impianti alimentati esclusivamente da fonti rinnovabili. Labomar potrà inoltre utilizzare il segno distintivo “Energia A2A Rinnovabile 100%”, che certifica la sostenibilità dell’energia prodotta, utilizzando le garanzie d’origine di cui alla Direttiva 2009/28/CE e alle disposizioni relative alle garanzie di origine previste dal Decreto Ministeriale 6 luglio 2012, attuativo del Decreto Legislativo n. 28/11. Una scelta che conferma l’interesse di Labomar per le tematiche ESG-Environmental, Social and Governance (ambiente, sociale e governance). Diventata una Benefit Company con un cambio di statuto nel 2020, Labomar ha reso ufficiale l’impegno a esercitare la propria attività economica operando secondo un modello di sviluppo responsabile, sostenibile e trasparente che integra gli obiettivi economico-reddituali con aspetti di natura sociale e ambientale. Lo status giuridico di Benefit Company, introdotto in Italia nel 2016, ridefinisce infatti in termini statutari le finalità delle aziende con forte vocazione sociale e ambientale. Obiettivo di una Società Benefit è il miglioramento della vita dei propri stakeholder attraverso la creazione di valore per tutti gli attori coinvolti lungo l’intera filiera produttiva, nel rispetto dell’ambiente. Il cambio di statuto si inserisce per Labomar in un progetto di più ampio respiro che ha portato l’azienda a rivedere, in ottica di sostenibilità, tutti gli aspetti della propria attività aziendale. Da sempre vicina alle esigenze del territorio e della comunità locale, di cui si considera parte integrante, Labomar ha intrapreso un percorso a tutto tondo verso una sempre maggiore sostenibilità, nella convinzione che questo impegno verso l’ambiente e la comunità rappresenti una delle principali sfide di un futuro sempre più prossimo. L’azienda di Istrana (TV), che produce farmaci, dispositivi medici, integratori alimentari e cosmetici in conto terzi dalla forte vocazione innovativa, conta 200 dipendenti dislocati su 5 stabilimenti produttivi e ha registrato 13 brevetti. Durante i mesi della pandemia da Covid-19 non ha mai interrotto la propria attività per la filiera farmaceutica e ha convertito i propri stabilimenti per la produzione di presidi di protezione individuale e di gel igienizzante, per donarli a enti, strutture sanitarie e forze dell’ordine. L’azienda ha chiuso il primo semestre del 2020 con un fatturato consolidato di 33 milioni di euro (di cui 5,4 realizzati da Enterprise Importfab Inc., la società canadese acquisita da Labomar nell’ottobre del 2019) e un incremento del 18,4 rispetto all’anno precedente. Nel luglio 2020 i suoi stabilimenti hanno festeggiato il traguardo del trecentomilionesimo prodotto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Labomar ammessa su AIM Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 ottobre 2020

Istrana (TV), 1 ottobre 2020 – Labomar, azienda nutraceutica italiana attiva a livello internazionale, comunica di aver ricevuto in data odierna l’ammissione delle proprie azioni ordinarie alle negoziazioni su AIM Italia, sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A..L’ammissione è avvenuta ad esito della conclusione, con un importante successo, del collocamento di complessive 4.983.250 azioni ordinarie (comprensive dell’opzione greenshoe) per un controvalore totale di 29,9 milioni di euro, a fronte di una domanda complessiva superiore a 120 milioni di euro, pari a circa 4,2 volte l’offerta (circa 5,7 volte escludendo dal calcolo gli ordini e la quota riservata agli anchor investors).Walter Bertin, Fondatore e Amministratore Delegato di Labomar ha commentato: “Siamo molto orgogliosi dell’esito del processo di IPO. Grazie al successo della quotazione avremo le risorse per realizzare i nostri progetti. Intendiamo consolidare la nostra posizione nel mercato italiano e continuare la nostra espansione geografica sviluppandoci anche per linee esterne e, dopo il successo dell’acquisizione di ImportFab in Canada, valutando possibili nuove acquisizioni in altri Paesi”.Il collocamento ha avuto ad oggetto (i) n. 4.333.333 azioni di nuova emissione oltre a (ii) n. 649.917 azioni rivenienti dall’esercizio delle opzioni di over allotment e greenshoe concesse dall’azionista LBM Holding a IMI – Intesa Sanpaolo, in qualità di Global Coordinator. Pertanto l’offerta complessiva ha riguardato un totale di n. 4.983.250 azioni ordinarie per un controvalore di circa 29,9 milioni di Euro.La domanda pervenuta al prezzo di collocamento, a testimonianza del grande successo riscosso presso la comunità finanziaria italiana ed europea, risulta superiore ai 120 milioni di Euro. Al prezzo di collocamento, la domanda complessiva è pari a circa 4,2 volte l’offerta; escludendo dal computo gli ordini ricevuti da e le azioni allocate a due anchor investor con cui Labomar ha sottoscritto, prima dell’avvio del collocamento, due separati accordi di investimento, la domanda risulta pari a circa 5,7 volte l’offerta di titoli.Si segnala che circa il 42% della domanda complessiva al prezzo di collocamento è pervenuta da investitori esteri.Il prezzo di collocamento è stato fissato in Euro 6,00 per azione; sulla base di tale prezzo è prevista una capitalizzazione di mercato pari a Euro 110,9 milioni. Il flottante della Società post aumento di capitale sarà pari a circa il 17,9% del capitale sociale, assumendo l’integrale esercizio dell’opzione greenshoe.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Labomar: presentata la domanda di ammissione a Borsa Italiana

Posted by fidest press agency su domenica, 4 ottobre 2020

Labomar, azienda nutraceutica italiana attiva a livello internazionale, annuncia di aver presentato in data odierna la domanda di ammissione, funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie sul mercato AIM Italia, sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.. La data di ammissione è attesa per il 1 ottobre 2020.Fondata da Walter Bertin nel 1998 a Istrana, in provincia di Treviso, Labomar è un CDMO (Contract Development and Manufacturing Organization), ossia società specializzata nello sviluppo e produzione di integratori alimentari, dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e cosmetici per conto terzi. Il suo team di ricerca lavora per creare, sviluppare e realizzare prodotti ad alto valore aggiunto nel campo della nutraceutica, con una particolare vocazione all’innovazione. Molti degli integratori prodotti da Labomar si avvalgono di tecnologie proprietarie in grado di aumentare la biodisponibilità degli attivi, modularne l’assorbimento gastrointestinale e migliorarne il gusto.Negli oltre 20 anni di vita, Labomar ha costruito un business model che la differenzia dai concorrenti del settore e che è in grado di generare valore per tutti i propri stakeholder, offrendo un servizio full service a 360 gradi, con elevati standard di qualità e produttività. Vanta un dipartimento di ricerca e sviluppo strutturato e all’avanguardia, una squadra commerciale in grado di rispondere tempestivamente alle richieste del mercato e un’elevata differenziazione di prodotto, anche grazie a brevetti e know-how proprietari.Nell’operazione di ammissione alle negoziazioni su AIM Italia Labomar è assistita da IMI – Intesa Sanpaolo (Global Coordinator & Joint Bookrunner), CFO SIM (Joint Bookrunner), Banca Mediolanum (Nomad e Financial Advisor), BModel (Corporate Financial Advisor), PwC (Business Plan Advisor), EY (Società di Revisione), Pavia e Ansaldo (Studio Legale dell’Emittente), Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners (Studio Legale del Global Coordinator, dei Joint Bookrunner e del Nomad), Thanai Bernardini (Communication Advisor) e Twin (IR Advisor).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Labomar, nel primo semestre 2020 fatturato a 33 mln di euro

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2020

Istrana (TV), 1 settembre 2020 – Labomar ha chiuso il 1° semestre del 2020 con un fatturato consolidato di 33 milioni di euro. La quota attribuibile alla capogruppo Labomar è pari a 27,6 milioni di euro nel semestre, con un incremento del 18,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre gli altri 5,4 milioni di euro di ricavi sono stati realizzati da Enterprise Importfab Inc.. (Enterprises ImportFab Inc., è la società canadese con sede a Montréal che opera nel mercato farmaceutico, cosmetico e nutraceutico nord-americano, entrata nel perimetro del Gruppo Labomar nell’ottobre del 2019).Labomar non solo non ha subito contraccolpi dall’emergenza economica legata alla pandemia di Covid-19, ma ha migliorato i propri risultati grazie a una continua attenzione alle esigenze della clientela e al costante efficientamento produttivo che ha consentito di rispondere prontamente alle richieste fatte dal mercato in questo difficile periodo, e ai forti investimenti che da sempre vengono effettuati in Ricerca.In termini di risorse umane, circa il 10% del personale italiano si dedica esclusivamente alle attività di ricerca, un team multidisciplinare formato da circa 20 figure professionali, perlopiù under 35, che sta implementando molti progetti legati al rafforzamento del sistema immunitario.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus, Labomar si riconverte per produrre gel igienizzante

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 aprile 2020

Istrana (TV) Indispensabili, ma introvabili. E così i gel disinfettanti per le mani, presidio irrinunciabile per evitare la diffusione del contagio da Covid-19, sono ora prodotti anche da Labomar, che in tempi record ha adattato i macchinari della nuova linea di cosmetici e ha avviato la produzione della soluzione a base alcolica in due settimane.«Una produzione che non era nei nostri piani» ha commentato Walter Bertin, fondatore e AD di Labomar, l’azienda del trevigiano che produce integratori alimentari, dispositivi medici e, dallo scorso anno, cosmetici. «Ma riteniamo che chiunque abbia la possibilità di farlo sia tenuto a mettere la propria struttura produttiva al servizio del bene comune, anche se questo vuol dire modificare la propria strategia. Apparteniamo alla filiera farmaceutica, e siamo tra le aziende che continuano a lavorare a pieno regime. Per garantire la sicurezza dei nostri collaboratori abbiamo innalzato ulteriormente i nostri livelli di sicurezza e vista la carenza di gel disinfettante, un prodotto semplice ma purtroppo quasi introvabile, abbiamo deciso di realizzarlo noi. Ce lo chiedevano in tanti e lo abbiamo sentito come un dovere, per preservare la salute di tutti.»I flaconcini da 50 ml (a cui presto si aggiungeranno anche quelli da 80 ml e 300 ml) saranno donati alle istituzioni locali e distribuiti attraverso la farmacia “di famiglia”, la farmacia Bertin di Istrana. Gli ordini su larga scala, sopra i 2.000 pezzi, saranno gestiti direttamente da Labomar con distribuzione in tutta Italia. La linea, che sarà operativa fino a quando continuerà l’emergenza Coronavirus, può produrre fino a 80 mila pezzi a settimana.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Labomar: i ricavi 2019 salgono a circa 57 milioni di euro

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Labomar, tra i principali produttori di integratori alimentari, dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e cosmetici, ha chiuso il 2019, secondo i dati preconsuntivi, con ricavi consolidati proforma pari a circa 57 milioni di euro, a fronte di 43,8 milioni di euro del 2018.L’incremento del fatturato ha beneficiato sia dell’apporto della crescita organica sia dell’acquisizione degli assets di una società con sede a Montréal che opera nel mercato farmaceutico, cosmetico e nutraceutico nord-americano, realizzata lo scorso novembre.
L’acquisizione delle attività canadesi è volta a consentire l’ingresso nel mercato nordamericano e l’ampliamento della quota di ricavi realizzati all’estero dal Gruppo: nel 2019 circa il 40% dei ricavi consolidati proforma sono già realizzati fuori dei confini nazionali, in oltre 30 diversi Paesi. Al fine di incrementare ulteriormente tale quota, Labomar ha messo a punto un portafoglio di soluzioni “ready to market” – circa 100 prodotti con formulazioni proprietarie – che consentono alle case farmaceutiche internazionali con distribuzione pluri-mercato di ridurre il time-to-market e servire più rapidamente mercati nuovi e presidiati.“Il 2019 è stato un altro importante anno per Labomar, contrassegnato da crescita e da un’operazione di M&A dalla grande valenza strategica” ha commentato Walter Bertin, fondatore e AD di Labomar, ricordando che “l’acquisto delle attività canadesi ci ha messo in una posizione privilegiata nel maggior mercato al mondo per il settore farmaceutico, cosmetico e nutraceutico, quello del Nord America e, in particolare, degli Stati Uniti che da soli valgono oltre 25 miliardi di dollari. Un’acquisizione che potrebbe non rimanere isolata poiché Labomar punta a proseguire nel proprio percorso di crescita sia per linee interne sia, ove ne ricorrano le condizioni, per linee esterne”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »