Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘lauree’

Domande ricevute dall’Università di Parma per i 9 corsi di laurea delle Professioni Sanitarie

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 agosto 2020

Parma Sono 1046 le domande ricevute dall’Università di Parma per i 9 corsi di laurea delle Professioni sanitarie (Fisioterapia, Infermieristica, Logopedia, Ortottica e assistenza oftalmologica, Ostetricia, Tecniche audioprotesiche, Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia). La prova di ammissione unica per l’accesso ai corsi di laurea delle Professioni Sanitarie dell’Università di Parma si terrà martedì 8 settembre al Padiglione 2 delle Fiere di Parma. La sede di svolgimento della prova è stata individuata dall’Ateneo nel rispetto delle misure anti COVID-19: spazi grandi e adeguati allo svolgimento dei test in piena sicurezza e con il necessario distanziamento, dati i numeri elevati degli ammessi. I candidati dovranno presentarsi davanti all’ingresso del Padiglione 2, per il riconoscimento, a partire dalle 9, e il test avrà inizio alle 12.
Tutte le informazioni relative ai corsi a numero programmato sono costantemente aggiornate sul sito dell’Università di Parma, alla pagina dei “Test di ammissione”. Le future matricole e le loro famiglie e gli studenti già iscritti all’Ateneo possono inoltre rivolgersi al Welcome Point Matricole, il punto di informazione, comunicazione e accoglienza dell’Università di Parma, realizzato in collaborazione con il Comune di Parma e ER.GO, l’Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori, aperto fino al 31 ottobre nel Sottopasso del Ponte Romano (orari di apertura: da lunedì a venerdì 10-19, sabato 10-13).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lauree Professionalizzanti”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 agosto 2020

Con il parere del 22 luglio scorso, ora trasmesso al Governo, della Commissione Istruzione delle Camera dei Deputati sullo “Schema di Decreto” relativo alle “Lauree Professionalizzanti” si è chiuso il cerchio su di una poco edificante vicenda, iniziata nel 2016. Il nuovo “laureato professionalizzante” non avrebbe potuto: 1. proseguire gli studi nè verso la (LM) laurea magistrale né convertire il percorso formativo in una (L) laurea triennale; 2. accedere ai pubblici concorsi; 3. accedere ad un Albo professionale, con le stesse possibilità offerte ai laureati triennali. Per rimanere solo alle criticità di maggior rilievo.Il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati (unico fra gli Albi professionali a farlo) si oppose decisamente al Decreto, minacciando di impugnarlo al TAR ed ottenendo quindi che venisse sospeso (febbraio 2017) e che fosse avviata una seria valutazione degli effetti delle nuove Lauree Professionalizzanti. Presso il MIUR venne quindi costituita una “Cabina di Regia” per valutare i problemi aperti la quale, a conclusione dei propri lavori, recepì alcune delle proposte degli Agrotecnici.
Altre vennero riprese dal CUN-Consiglio Universitario Nazionale nelle “Linee guida sulle lauree professionalizzanti” dell’ottobre 2018.Il quadro normativo regolatorio delle nuove “Lauree Professionalizzanti”, dopo le modifiche del Ministero e del CUN, si presenta dunque molto diverso da quello iniziale: ad esempio i nuovi titoli adesso possono “dialogare” con il restante sistema della formazione universitaria, consentendo in qualche modo il passaggio degli studenti ad altri corsi di studio universitari.
Il recente “Schema di Decreto” del Governo, che approva le nuove “Lauree Professionalizzanti”, riducendole da quattro a tre (e precisamente: “L-P01 professioni tecniche per l’edilizia e il territorio; “L-P02 professioni tecniche agrarie, alimentari e forestali” ed “L-P03 professioni tecniche industriali e dell’informazione”) si presentava particolarmente carente per quanto riguarda la laurea del settore agrario “L-P02” per la quale, diversamente dalle altre, non si prevedeva quale sbocco lavorativo l’esercizio della libera professione, dunque senza la possibilità di iscriversi agli Albi di settore.Per questo il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati era nuovamente intervenuto, il 13 luglio scorso, chiedendo alla VII Commissione Istruzione della Camera di condizionare il parere favorevole del Parlamento alla espressa previsione della possibilità per il futuri laureati “L-P02” di potersi, anche, iscriversi negli Albi professionali del settore.
Veniva poi inviato ai parlamentari il parere che il Collegio Nazionale aveva reso al Governo, in esito agli incontri con il CUN-Consiglio Universitario Nazionale, dove venivano evidenziate le preoccupazioni per la sovrapposizione delle nuove LP con i corsi ITS-Istruzione Tecnica Superiore.Il doppio intervento sortiva effetto ed il parere della Camera dei Deputati del luglio scorso reca puntuali “Osservazioni”, che recepiscono le richieste del Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati “Ci sentiamo di dover ringraziare On. Marco BELLA, e gli altri membri della Commissione Istruzione della Camera dei Deputati, per l’attenzione e la sensibilità dimostrata non già alle nostre tesi, ma piuttosto ad assicurare un futuro di maggiori certezze, e più flessibilità formativa, ai giovani che vorranno intraprendere questo nuovo percorso di studio”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Università Insubria: a Como nuovo corso e nuove lauree

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 luglio 2015

comoTra i Corsi di laurea del DiDEC, quello in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale è senz’altro il più affollato: nello scorso a.a. 2014-2015, le immatricolazioni hanno raggiunto un livello esorbitante, tanto da costringere l’ateneo all’adozione del numero programmato per chi vuole iscriversi nel prossimo a.a. 2015-2016, affinché non venga superato (o addirittura raddoppiato, come l’anno scorso) il numero massimo di studenti che la normativa consente per questa classe di laurea (230).Il gradimento di questo percorso di studi è infatti molto elevato, ciò che si spiega anche per il contesto economico globale e per i rivolgimenti socio-politici mondiali che comportano sia l’internazionalizzazione dei mercati sia la crescente necessità di fronteggiare le problematiche immigratorie e il multiculturalismo della società. Studenti e laureati in Scienze della Mediazione da anni ormai chiedono all’Ateneo di attivare un biennio specialistico per completare la formazione acquisibile con la laurea triennale. Richiesta esaudita, finalmente, con l’istituzione di un nuovo corso di Laurea Magistrale in Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale con due percorsi differenziati. Il percorso “Traduzione giuridica ed economica” è dedicato alla formazione di traduttori specialistici in ambito giuridico ed economico, richiesti, tra l’altro, sia dalle imprese che operano sui mercati esteri, sia dagli uffici legali o da quelli giudiziari come specialisti della traduzione nel processo civile e penale.Il percorso “Mediazione Linguistica, Culturale e Giuridica”, invece, prepara alle professioni che implicano competenze di mediazione e supporto in contesti conflittuali, spendibili in organizzazioni umanitarie, culturali, scientifiche nel ruolo di mediatore interculturale, nella gestione di programmi di integrazione o come interprete di trattativa e di comunità. Inoltre, poiché è in fase di completamento la stipula di un accordo di scambio tra l’Università degli Studi dell’Insubria e l’Università di Siviglia, gli studenti che frequenteranno per un semestre l’ateneo spagnolo, sostenendo tutti gli esami previsti dall’accordo, potranno conseguire un doppio titolo: sia la Laurea in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale dell’Università degli Studi dell’Insubria sia il Máster en Traducción e Interculturalidad dell’Universidad de Sevilla – Spagna, equivalente ad una laurea di secondo livello.Anche Scienze del Turismo è considerato un vero gioiello dalle aziende turistiche e alberghiere del territorio comasco che ne dimostrano l’apprezzamento non solo ospitando come stagisti molti studenti e laureati del corso spesso poi assunti come dipendenti, ma anche ripetendo l’esperienza delle Lauree in alto apprendistato che ha già coinvolto – negli anni 2012-2014 – il Corso di laurea in Scienze del Turismo e uno dei migliori alberghi del territorio, l’Hotel Metropole Suisse di Como: fu nell’ambito di quel Programma sperimentale di Regione Lombardia e Italia Lavoro, infatti che, nel 2014, la giovane Mirene Granato ha potuto diventare la prima laureata d’Italia «in alto apprendistato», con un progetto formativo personalizzato, studiato dai docenti del Corso e dai tutor aziendali del Metropole.La seconda edizione del programma di Regione Lombardia coinvolge, ora, altre due bravissime studentesse del DiDEC: Francesca Bassi, di Scienze del Turismo, con il Progetto di laurea in apprendistato “Web reputation e promozione del territorio” e Silvia Pellegrini, iscritta a Scienze della Mediazione interlinguistica e interculturale, con il Progetto “International web reputation e promozione del territorio”, entrambi rivolti, appunto, alla promozione del territorio e da realizzarsi presso l’Ente Bilaterale del Turismo della Provincia di Como. Il progetto che ha portato all’assunzione di Mirene Granato al Metropole Suisse con contratto di apprendistato e alla laurea con lode in Scienze del Turismo ha dato anche altri frutti, rinsaldando le già ottime relazioni tra il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture, e l’imprenditoria alberghiera e consentendo un altro pregevole progetto comune, finanziato dalla Regione, con l’attivazione del Master in apprendistato “International Hospitality Management”, presso il DiDEC, coordinato dalle professoresse Baseotto e Minazzi e destinato a dieci studenti, assunti con contratto di apprendistato in strutture alberghiere del territorio. Se ne sta or ora progettando una prossima edizione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lauree in inglese

Posted by fidest press agency su sabato, 22 ottobre 2011

London Stock Exchange Group

Image by uncoolbob via Flickr

Pavia 24 ottobre 2011 –ore 9,30 – Facoltà di Economia, Via San Felice, 5 nella Sala Consiglio (primo piano) della Facoltà di Economia dell’Università di Pavia, si laurea un gruppo di studenti del corso in lingua inglese in International Business and Economics (MIBE). Il corso, avviato nel 2009, ha permesso alla facoltà di Economia di rafforzare il processo di internazionalizzazione avviato dalla Facoltà negli anni precedenti. Sempre nell’ambito del MIBE e nella stessa seduta di laurea, si laureano alcuni studenti nel quadro del programma di doppia laurea che la facoltà di Economia ha in corso con alcune università straniere, tra cui le Università di Hoheneheim (Stoccarda, Germania), Tubingen (Germania) e Lione (Francia). L’accordo prevede che studenti stranieri e italiani svolgano un anno nell’università del proprio paese e un anno nell’università partner completando 2 tesi di laurea e ottenendo sia il titolo italiano che quello straniero. Il MIBE, a soli 2 anni dal suo avvio, ha infatti visto aumentare considerevolmente il numero di studenti iscritti con una significativa percentuale di studenti stranieri provenienti sia dall’Europa che da altri paesi del mondo. Ancora più significativo è tuttavia il riscontro che gli studenti laureandi hanno riscosso da parte del mondo delle imprese. Una larga parte di studenti ha infatti già ricevuto offerte di lavoro in imprese internazionali non solo in Italia ma anche in diversi paesi europei. Il direttore del MIBE, Professor Antonio Majocchi, commenta i risultati ottenuti: “E’ motivo di grande soddisfazione che importanti aziende come Adidas, Autrogrill, ZF e London Stock Exchange abbiamo selezionato studenti formati nell’ambito del MIBE.” Questo importante risultato relativo al placement degli studenti permetterà al MIBE di mantenere e sviluppare una rete di contatti con il mondo delle imprese anche attraverso la collaborazione con gli ex-studenti che avvieranno una carriera professionale internazionale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Lauree in inglese in business and economics

Posted by fidest press agency su sabato, 16 luglio 2011

Pavia 18 luglio, dalle ore 9,30, presso la Facoltà di Economia dell’Università degli studi di Pavia, si laureeranno i primi 3 studenti del corso in lingua inglese in International Business and Economics (MIBE). Il corso, avviato nel 2009, ha permesso alla facoltà di Economia di rafforzare il processo di internazionalizzazione avviato dalla Facoltà negli anni precedenti. Sempre nell’ambito del MIBE e nella stessa seduta di laurea, si laureeranno altresì i primi 2 studenti tedeschi nel quadro del programma di doppia laurea che la facoltà di Economia ha in corso con l’Università di Hoheneheim (Stoccarda, Germania). L’accordo prevede che studenti tedeschi e italiani svolgano un anno nell’università del proprio paese e un anno nell’università partner completando 2 tesi di laurea e ottenendo sia il titolo italiano che quello tedesco. Alla seduta parteciperanno anche docenti della prestigiosa università di Stoccarda

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Open day alle lauree magistrali

Posted by fidest press agency su sabato, 10 luglio 2010

Milano 14 Luglio dalle ore 10.00 alle ore 18.00 si terrà il primo Openday Post-laurea Virtuale. L’Università degli Studi di Milano ha allestito un campus virtuale grazie ad una piattaforma interattiva realizzata da Emblema per presentare la propria Offerta didattica di secondo e terzo livello (57 Lauree Magistrali, 29 Master e 81 Corsi di Perfezionamento). Sarà possibile visitare gli stand virtuali dei corsi di laurea magistrale, scaricare brochure, visionare contenuti multimediali, collegarsi direttamente ai siti dei vari percorsi didattici e soprattutto chattare con i docenti.  La registrazione del profilo guiderà gli utenti consentendo loro di accedere direttamente solo alle funzioni interattive effettivamente adeguate alla loro esperienza di studio: il tasto “Unimi Match” consentirà di effettuare ricerche in base all’area professionale di interesse o alla laurea di provenienza.  Gli iscritti alle 57 lauree magistrali dell’Università degli Studi di Milano sono attualmente 8.339. Il 73,70% proviene da triennali della Statale, l’11, 30% da altre università della Lombardia, il 13,50% da università di altre regioni italiane, mentre l’1,50% arriva da università estere. Nell’ultimo anno la percentuale di iscritti non provenienti da Unimi è passata dal 25 al 29%. In crescita sono anche i laureati delle magistrali, che dai 2084 del 2006/07 sono passati ai 2586 nel 2008/09. Tra le novità per il prossimo anno per le magistrali si segnalano le due nuove lauree  in Progettazione delle aree verdi e del paesaggio e in Scienze viticole ed enologiche: due percorsi “verdi” della Facoltà di Agraria, entrambi fortemente caratterizzate in senso interdisciplinare e costituite in partnership con altri atenei italiani. http://www.openday.unimi.it

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parma: prime lauree

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2009

Giovedì 16 luglio, a partire dalle ore 10, presso l’Aula dei Filosofi dell’Università degli Studi di Parma (via Università 12), verranno conferite le prime lauree del Corso di Laurea triennale in “Scienze dell’Educazione e dei Processi Formativi” della Facoltà di Lettere e Filosofia, istituito presso l’Ateneo di Parma solo 3 anni fa. Le due studentesse che discuteranno la tesi sono Gessica Santinelli (titolo della tesi Scuola dell’infanzia e bambini stranieri in Lunigiana – Un’indagine sui punti di vista degli insegnanti, relatore Prof. Ermanno Mazza) ed Elisa Tamanini (titolo della tesi Il nido d’infanzia: un contesto di qualità. Una ricerca empirica nei nidi del Trentino, relatore Prof. Massimo Marcuccio).  La Commissione, presieduta dal Prof. Marzio Pieri, ordinario di Letteratura generale e decano del Corso di Laurea in “Scienze dell’Educazione e dei Processi Formativi”, è formata dal Dott. Damiano Felini, dal Prof. Giovanni Gonzi (Presidente del Consiglio di Corso di Laurea in “Scienze dell’Educazione e dei Processi Formativi”), dal Prof. Massimo Marcuccio, dal Prof. Ermanno Mazza, dalla Prof.ssa Elena Luciano e dalla Prof.ssa Luana Salvarani.  Il Corso di Laurea in “Scienze dell’Educazione e dei Processi Formativi” (Classe 18 – Scienze dell’educazione e della formazione), articolato in due curricula (Scienze umane e Scienze dei servizi educativi), consente di conseguire una solida cultura di base nelle scienze della formazione, sviluppando competenze pedagogico-progettuali, metodologico-didattiche, comunicativo-relazionali e organizzativo-istituzionali per progettare, realizzare, gestire e valutare interventi, processi e servizi nell’ambito della formazione e dell’educazione. Il corso, inoltre, consente di acquisire conoscenze trasversali nelle discipline filosofiche, sociologiche, psicologiche, giuridiche e geografico-economiche con cui leggere e valutare il mutamento della realtà socio-culturale, prestando una particolare attenzione alle nuove esigenze educative del territorio e alle funzioni formative dei nuovi media. Dal prossimo anno accademico il Corso di studi si arricchirà anche di una Laurea Magistrale in “Ricerca pedagogica e organizzazione dei servizi educativi” (Classe LM-50 – Programmazione e gestione dei servizi educativi), articolata in due curricula (Ricerca pedagogica e Progettazione e coordinamento dei servizi educativi), che fornirà le competenze necessarie sia per svolgere ricerche di base o applicate in campo educativo, sia per lavorare nell’area del coordinamento o in quella dirigenziale di agenzie o servizi educativi.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »