Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘lavoro domestico’

Nuovo contratto nazionale del lavoro domestico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2020

Risponde in modo cogente alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori di un comparto sempre più essenziale nel nostro Paese dove la prestazione viene sempre più spesso affidata alle mani esperte degli assistenti familiari, nell’accezione più ampia del termine riconosciuta dal rinnovo contrattuale, che valorizza la prestazione d’opera riconducibile alla gestione familiare quotidiana e al lavoro di cura e assistenza a minori e ad anziani e a persone non autosufficienti». Così il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini ha commentato il rinnovo del contratto nazionale del lavoro domestico, siglato oggi a Roma dai sindacati di categoria e dalle associazioni datoriali di settore Fidaldo e Domina.«La nuova denominazione di assistente familiare introdotta dal nuovo contratto – ha aggiunto Guarini – rappresenta un notevole cambio di paradigma che non solo qualifica la professione, permettendo al lavoratore di avere una percezione della propria prestazione svolta, ma anche alle famiglie che usufruiscono del servizio di apprezzare il lavoro di cura e assistenza al di là del costo sostenuto».
Blanca evidenzia anche «la definizione dei nuovi livelli di inquadramento per chi assiste minori e il riconoscimento dei carichi di lavoro con aumenti economici e indennità ad hoc per chi assiste persone non autosufficienti o bambini fino ai sei anni di età», un passaggio che passa anche «dalla certificazione delle competenze, percorso avviato dall’Ente Bilaterale di settore Ebincolf che raggiungerà il suo scopo entro 2021». La sindacalista sottolinea inoltre «l’importante risultato raggiunto sulle quote contrattuali destinate alla bilateralità settoriale a fronte del riconoscimento di prestazioni e servizi aggiuntivi per gli assistenti familiari e i datori di lavoro». «Nel corso della fase pandemica – ha concluso Blanca – le Parti Sociali si sono contraddistinte per il lavoro sinergico che proseguirà convintamente nei prossimi mesi per dare dignità ad un comparto in crescita nel nostro Paese».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lavoro domestico. Regolarizzazione migranti

Posted by fidest press agency su martedì, 23 giugno 2020

Il 91% delle domande dal lavoro domestico e dall’assistenza alla persona. I dati del Viminale, a due settimane dall’apertura della procedura. Soddisfatta Domina, Associazione dei datori di lavoro, che chiede più impegno allo Stato per far emergere il lavoro nero. A due settimane dall’apertura della procedura di regolarizzazione dei migranti, il Viminale ha diffuso i primi dati. Delle 32mila domande di regolarizzazione presentate finora dai datori di lavoro, quelle relative al lavoro domestico e di assistenza alla persona sono più di 27mila: rappresentano il 91% delle domande già perfezionate (21.695) e il 76% di quelle in lavorazione (5.906).“Numeri importanti – sottolinea Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina, Associazione nazionale famiglie datori di lavoro – che evidenziano la volontà delle famiglie di mettere in regola chi si dedica ogni giorno ad anziani e bambini”. “Una sanatoria una tantum, tuttavia, non basta – continua Gasparrini –. Da tempo chiediamo una riforma fiscale e sociale strutturale, in grado di far emergere il nero e di aumentare il gettito per lo Stato, salvaguardando sia i lavoratori che i datori di lavoro”.La percentuale del lavoro nero nel settore del lavoro domestico è molto alta: su 2 milioni di lavoratori stimati in Italia, 1,2 milioni (il 58%) sono irregolari. Considerando che il 75,4% delle badanti e il 67,8% delle colf sono straniere, la necessità di una regolarizzazione appare lampante. Tutti i dati sono pubblicati nel primo “Rapporto sul lavoro domestico”, realizzato dall’Osservatorio nazionale Domina sul lavoro domestico.Il ministero dell’Interno comunica il trend positivo dell’operazione, in corso fino al 15 luglio. L’andamento giornaliero delle domande per la procedura di regolarizzazione è in costante crescita: il giorno di apertura, il 1° giugno, le domande perfezionate erano 870; venerdì 13 giugno sono salite a 3.229. Nella distribuzione geografica delle domande relative al lavoro domestico, la Lombardia, la regione con più lavoratori del settore in Italia, è al primo posto. I primi Paesi di provenienza dei lavoratori risultano il Marocco, l’Egitto e il Bangladesh.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mettere al centro il lavoro domestico regolare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 maggio 2020

La regolarizzazione di colf e badanti consentirà tutele e diritti per oltre 1 milione di lavoratori, di cui circa 200 mila senza permesso di soggiorno, e incrementerà gli introiti dello Stato che risparmia già, grazie al settore, 10 miliardi di euro annui”.
Queste le parole di Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie Datori di lavoro domestico. Senza l’investimento delle famiglie infatti la spesa pubblica per l’assistenza degli anziani in strutture raggiungerebbe i 31,3 miliardi di euro, +45% rispetto ai 21,6 miliardi attuali. “Il prossimo passo per rilanciare il settore del lavoro domestico nel post Covid-19 – prosegue Gasparrini – è la deducibilità del 15% della retribuzione per i collaboratori domestici e del 30% della retribuzione per le badanti”.’Gli oneri contributivi a carico delle famiglie datori di lavoro domestico – prosegue Gasparrini – sono un altro ostacolo all’emersione dal nero, è necessario adottare politiche che alleggeriscano il carico fiscale, riducendo il divario tra il costo di un lavoratore regolare e quello di uno irregolare”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreti d’urgenza e lavoro domestico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2020

“La paura del contagio, lo smart working e le difficoltà negli spostamenti – dichiara Lorenzo Gasparrini segretario generale di Domina – stanno mettendo in ginocchio il settore spingendo le famiglie, costrette a d interrompere il rapporto di lavoro coi propri collaboratori”. “Inoltre – continua Gasparrini – molti lavoratori domestici in regime di convivenza stanno perdendo il lavoro, la retribuzione e anche il vitto e l’alloggio previsto dal contratto, con l’impossibilità di tornare nei Paese di origine a causa delle chiusure delle frontiere”. Il settore del lavoro domestico è considerato dagli ultimi un lavoro essenziale ma non degno di tutele nonostante la crisi emergenziale. Il segretario generale di Domina, Lorenzo Gasparrini chiede al Governo l’immediata revisione dei testi normativi, includendo i lavoratori domestici e i datori tra i destinatari dei sostegni al reddito. “Questo è il momento di essere tutti uniti e di collaborare, datori di lavoro e lavoratori domestici, organizzazioni datoriali e sindacali, Parti Sociali e Governo. L’esclusione del lavoro domestico dai decreti di urgenza ravvisano gravi profili di incostituzionalità, delineando cittadini di serie A e di serie B. Inoltre sono in piena violazione della Convenzione ILO C189.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro domestico

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 febbraio 2020

A Roma sono stati sottoscritti i nuovi minimi retributivi 2020 per i lavoratori domestici (colf, badanti e baby-sitter). I nuovi valori, fissati al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sono stati firmati dalle parti sindacali e datoriali, tra cui DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie datori di lavoro domestico. Come ogni anno le retribuzioni minime di colf e badanti, devono essere rivalutate tenendo conto dell’aumento del costo della vita, infatti, la retribuzione minima è soggetta ad una rivalutazione annuale dell’80% rispetto all’indice Istat (0,1%). Nel 2019, l’Osservatorio Nazionale DOMINA, ha calcolato che la spesa delle retribuzioni è costata alle famiglie italiane 5,6 miliardi di Euro (Rapporto Annuale DOMINA sul lavoro domestico). “Nonostante la variazione retributiva del 2020 sia contenuta – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA – l’aumento costerà alle famiglie che hanno assunto regolarmente colf e badanti circa 5 milioni di Euro”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Contratti lavoro domestico

Posted by fidest press agency su domenica, 24 giugno 2018

Nel 2017 la quota di lavoratori domestici con regolare contratto ha registrato un decremento del -1,0% scendendo a 864.526 unità.“Rispetto al 2016 ci sono 8.724 lavoratori domestici in meno eppure – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico – la popolazione continua ad invecchiare e l’11,2% degli over 65 ha difficoltà a svolgere attività quotidiane come mangiare o vestirsi”.Il dato INPS è indice di una situazione preoccupante, le famiglie per risparmiare non assumono regolarmente colf e badanti. Secondo i nuovi dati dell’Osservatorio INPS, in controtendenza con il decremento totale del numero dei lavoratori domestici, c’è un incremento della quota dei lavoratori italiani (+6,9%). “E’ evidente – prosegue Gasparrini – che il settore del lavoro domestico sta diventando un vero e proprio salvagente contro la disoccupazione, non è un caso che le zone in cui sta aumentando la quota di italiani siano le isole (con 47.784 lavoratori italiani a fronte di 31.098 stranieri) e le regioni del Sud”.“Oltre a rappresentare uno strumento fondamentale per la prosecuzione della vita familire – continua la nota – il settore domestico sta consolidando anche il suo ruolo economico (vale l’1,3% del PIL nazionale) ed è indispensabile che il Governo investa in questo ambito, in termini di politiche di welfare, per supportare le famiglie datori di lavoro ma anche per favorire le possibilità di occupazione legate al settore”

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il lavoro domestico in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 17 giugno 2017

tempio adriano romaRoma mercoledì 21 giugno 2017 alle ore 9,45 presso la Sala del Tempio di Adriano – Camera di Commercio di Roma, Piazza di Pietra si parlerà del lavoro domestico in italia e delle dimensioni del fenomeno. Nel 2015 presso le famiglie italiane sono assunti in regola 886.125 lavoratori domestici (57,6% Colf, 42,4% Badanti). Dal 2007, il numero complessivo è cresciuto mediamente del 42%. Secondo le stime DOMINA, considerando anche i lavoratori irregolari si supera la soglia di 1 milione di lavoratori domestici, a sostegno delle famiglie.Continua a prevalere l’Est Europa, ma negli ultimi anni molte donne italiane che prima non lavoravano sono entrate (o rientrate) nel mercato del lavoro, specialmente nel lavoro domestico. Si tratta in prevalenza di lavoratori non qualificati (97%) ma con molti anni di esperienza (85% oltre 3 anni).L’impatto economico e sociale. Dall’analisi dei dati INPS e DOMINA si può calcolare una spesa delle famiglie di circa 7 miliardi di euro l’anno, di cui poco meno di 1 miliardo in contributi versati allo Stato. Questo genere di rapporti contrattuali non solo permette allo Stato di risparmiare costi di gestione di strutture per l’assistenza, ma permette alle donne autoctone la possibilità di entrare e rimanere nel mercato del lavoro, affidando ad altre persone il compito di risolvere il problema della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro. Considerando gli irregolari, il volume d’affari e il gettito fiscale potrebbero raddoppiare.
DOMINA stima che le somme non incassate potrebbero rientrare grazie a politiche fiscali ad hoc a sostegno delle famiglie che assumono un lavoratore domestico.Nei paesi mediterranei, in particolare, la gestione dell’assistenza e della cura è affidata alle famiglie, con un impegno dello Stato molto minore rispetto ai paesi nordici. Per questo, in Italia è più diffuso il lavoro domestico rispetto alle strutture assistenziali: i lavoratori domestici in Italia sono il 3,5% di tutti gli occupati (contro l’1,0% della media Ue 28).
Tuttavia, l’incontro tra Domanda e Offerta resta informale (in 6 casi su 10) e solo 1 famiglia su 10 riceve sovvenzioni pubbliche per il lavoro domestico. Anche qui, un maggiore sostegno pubblico porterebbe emersione e benessere per lavoratori e famiglie.
Alcuni passi avanti. Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Domestico del 2013 ha portato benefici concreti sia per le famiglie che per i lavoratori, introducendo maggiori tutele e garanzie. Tra le misure concrete apportate, l’assunzione per sostituzione, le precisazioni burocratiche, tutele per malattia e maternità, la regolarizzazione dei permessi e dei riposi, la risoluzione dei rapporti di lavoro e preavviso.
Altro passo in avanti è stata la Convenzione ILO 189/2011, che dà pieno riconoscimento al lavoro domestico e fornisce strumenti per il contrasto al lavoro nero.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Famiglie, lavoro domestico e sostegno fiscale

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 maggio 2017

fisco2005a“A fronte degli emendamenti presentati alla manovra – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico – sono molte le proposte per la sostituzione dei voucher, tuttavia ciò che manca è una politica fiscale adeguata a sostenere le 900 mila famiglie con contratto regolare che ogni anno si fanno carico di circa 7 miliardi di spesa per l’assistenza”.
“Dunque se da un lato apprezziamo l’attenzione al settore – continua la nota – e la varietà delle proposte tra cui i “coupon per il lavoro breve”, la “card” per il lavoro saltuario e anche un “libretto famiglia” (tutti strumenti per pagare le prestazioni occasionali di colf, badanti e baby-sitter temporanee) dall’altro riteniamo che serva uno sforzo maggiore per delineare delle iniziative di più ampio respiro in grado aiutare concretamente i datori di lavoro domestico nei conti del bilancio familiare”.
“Tutte le misure presentate sono rivolte, infatti, ad esigenze sporadiche delle famiglie datori di lavoro domestico – spiega Gasparrini – quelle coperte dagli ex-buoni lavoro e che in 8 anni hanno inciso solo per il 3,3% sul totale dei voucher venduti”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »