Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°185

Posts Tagged ‘lavoro’

Sicurezza sul lavoro, rafforzare l’attività ispettiva e introdurre il reato di omicidio sul lavoro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 Maggio 2023

Civitavecchia mercoledì 31 maggio presidio USB a Civitavecchia davanti alla ASL RM 4. La piaga dei morti sul lavoro nel nostro paese continua purtroppo a mietere vittime. I decessi avvenuti nel corso del 2022, al netto di quelli connessi al Covid, sono risultati maggiori di quelli del 2021 e sostanzialmente in linea con quelli pre-pandemia: in tutto ben 1.090, ossia circa tre morti ogni 24 ore come evidenzia la triste contabilità dei dati. Numeri elevatissimi anche per gli infortuni. Un bilancio drammatico, quindi, oltretutto sottostimato visto il peso dell’economia sommersa nel paese, a cui anche Civitavecchia ha dato di recente il suo doloroso contributo con un evento fatale che ha scosso le coscienze della comunità portuale e dell’intera città. Il tema della sicurezza è indubbiamente legato a quelli della crisi e del peggioramento delle condizioni in cui sono costretti oggi i lavoratori, sempre più ricattabili a causa di appalti e sub- appalti, precarietà diffusa, bassi salari e mancanza di tutele.Ma occorre anche dire con forza che nelle aziende persiste un macroscopico problema di illegalità. Si muore e ci si fa male perché si taglia sui costi per la sicurezza, perché le leggi non vengono applicate e perché chi lo fa ha purtroppo imparato due cose: primo, che le probabilità di subire un controllo sono di fatto remote, e, secondo, che anche se accadesse un qualche infortunio le pene comminate ai responsabili sono in genere di scarsa rilevanza. Per questo non possiamo accettare che in dieci anni gli ispettori ASL in Italia siano diminuiti del 50% e che anche in questo territorio, che tra l’altro comprende due centrali elettriche e un porto di grande rilevanza, la ASL RM 4 possa contare su appena 4 tecnici della prevenzione. Così come non possiamo accettare che – come lamentiamo da tempo – non esista ancora un quadro normativo atto a realizzare una efficace deterrenza verso chi, in nome del profitto, causa morti e lesioni gravi per avere omesso di applicare le dovute misure in tema di sicurezza. Sappiamo bene che per conquistare maggiori tutele su questi aspetti c’è bisogno di interventi a più livelli, che attengono all’efficacia delle norme applicabili, allo sviluppo della prevenzione, al contrasto del lavoro irregolare e così via, ma siamo altresì convinti che qualsiasi iniziativa volta a ridurre gli incidenti sul lavoro non possa prescindere da due punti focali: un deciso rafforzamento dell’attività ispettiva e una legge che finalmente introduca il reato di omicidio sul lavoro. Su questi due obiettivi invitiamo quindi i lavoratori a manifestare con USB il prossimo mercoledì, 31 maggio, dalle ore 9.00 sotto la ASL RM4 in Via Terme di Traiano. All’iniziativa sarà presente Francesco Tuccino, Responsabile Nazionale Sicurezza di USB, che illustrerà la proposta di Legge presentata insieme a Rete Iside per l’introduzione del reato di omicidio e lesioni gravi sul lavoro.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lavoro, M5S-LcR: “Tutti in piazza il prossimo 17 giugno contro le politiche del governo Meloni”

Posted by fidest press agency su sabato, 27 Maggio 2023

Roma “Il prossimo 17 giugno invitiamo a partecipare in massa tutti i cittadini e tutti i nostri sostenitori alla manifestazione di piazza indetta ai Fori Imperiali dal Presidente del M5S Giuseppe Conte per ribadire la nostra indignazione e la nostra contrarietà alla scellerate politiche contro il lavoro messe in campo dal governo Meloni. Il Primo Maggio l’attuale Premier ha introdotto maggiore precarietà e in più ha tagliato la spesa sociale per le persone in difficoltà, accusandole di essere ‘divanisti’: i signori dell’esecutivo hanno in compenso trovato i soldi per aumentare le spese militari. Non sono queste le politiche che vogliamo e allora sfileremo in corteo tutti insieme per contrastare questo governo amico della precarietà: vi aspettiamo tutti in piazza sabato 17 giugno a largo Corrado Ricci”. Così in una nota congiunta i gruppi consiliari capitolini M5S e Lista Civica Raggi.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Colombi (UILPA). P.A.: posti stabili al minimo storico, aumentano i precari. L’indagine “Lavoro Pubblico 2023”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Maggio 2023

pubblicata da ForumPA, si concentra in buona parte sulla grave crisi demografica e occupazionale del pubblico impiego. Un tema ormai da tempo al centro del dibattito politico ma a cui finora la stessa politica non ha dato risposte adeguate.Per quanto ci è dato leggere, la quasi totalità della stampa cerca di sminuire, addolcire e persino mascherare i risultati dell’indagine contraddicendo ai suoi doveri deontologici. Ma non è una novità. Comunque sia, l’evidenza dei numeri parla chiaro: nel pieno della corsa per l’attuazione del PNRR, le pubbliche amministrazioni italiane si trovano in una palude dalla quale nessuno riesce a tirarle fuori. L’evidenza dei numeri dice che i dipendenti a tempo indeterminato hanno toccato il minimo storico nel 2021. E che la cosiddetta inversione di tendenza del 2022, strombazzata da molti organi di informazione, deriva in realtà da stime previsionali della Ragioneria Generale dello Stato, ma i dati ufficiali si conosceranno solo nel 2024. L’evidenza dice che gli unici posti di lavoro che aumentano nella P.A. sono quelli flessibili, cioè i precari, che ormai hanno raggiunto il 15% dei posti stabili, con i tempi determinati in testa. A proposito di precariato, il ministro Zangrillo, ha recentemente dichiarato che per i giovani: “Il mito del posto fisso sta per essere soppiantato dal mito del lavoro figo.” Peccato che non tutti i giovani siano figli di milionari. Ma buon per il ministro Zangrillo che da oggi occupa sia il dicastero della Mitologia sia quello della Funzione Pubblica.L’evidenza dice che nel 2022 la spesa pro-capite per il reddito dei dipendenti (al netto dell’inflazione) è calata ulteriormente rispetto all’anno prima ed è la più bassa dal 2015. E ancora, l’evidenza dice che nei Ministeri quasi un terzo dei dipendenti ha più di sessant’anni, mentre quelli con meno di trent’anni sono lo 0,7%.Serve altro per descrivere lo stato comatoso in cui la politica col sostegno della stampa ha ridotto il lavoro pubblico a colpi di “Ce lo chiede l’Europa”? Penso di no.Siamo disposti a fingere di non sentire le scempiaggini giornalistiche sui paragoni impossibili fra le retribuzioni dei dipendenti pubblici e quelle dei privati per poi concludere che, in fondo, nella P.A. non si sta poi troppo male.Ma non siamo più disposti ad ascoltare dalla politica e dal ministro della pubblica amministrazione le favolette sul merito, sulla performance individuale e sulla retribuzione collegata alla produttività. Basta, non se ne può più.Sono più di vent’anni che prendono a picconate il lavoro pubblico con la storia del merito, che poi non riguarda mai politici, i manager, i raccomandati, i consulenti, i privati che si riempiono le tasche di soldi pubblici. E intanto gli uffici si svuotano, i giovani rinunciano al posto pubblico perché non reggono i costi della vita fuori sede.Invece di rilasciare interviste lunari e pubblicare bizzarri commenti sui blog, forse sarebbe meglio scendere con i piedi per terra, fare un bagno di umiltà e guardare in faccia la realtà. Sandro Colombi, Segretario generale UIL Pubblica Amministrazione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Donne, lavoro, famiglia, pari opportunità

Posted by fidest press agency su domenica, 21 Maggio 2023

Di tutto questo si è parlato nel corso del convegno “Donne, lavoro, famiglia, pari opportunità – Gender gap, precarierà e conciliazione” tenutosi il 20 maggio a villa Cattolica a Bagheria e organizzato dal comitato pari opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Termini Imerese insieme alla Rete Sicilia comitati pari opportunità degli Ordini degli Avvocati di Sicilia, con il patrocinio dell’Assessorato regionale della Famiglia del Lavoro e delle Politiche sociali e il Comune di Bagheria. Al convegno ha partecipato l’assessore regionale alla Famiglia Nuccia Albano e il vicesindaco di Bagheria Daniele Vella ha portato i suoi saluti istituzionali. Tra gli intervenuti, l’avvocato Provvidenza Di Lisi, vice presidente della Rete Sicilia Cpo, ha parlato di gender gap, precarietà e conciliazione, mentre l’avvocato Gabriella Lattuca, componente del Comitato pari opportunità Ordine avvocati Termini Imerese, ha trattato di Pnrr e pari opportunità, puntando in particolare alle certificazioni di parità di agevolazioni per imprese e professioniste. Sul palco anche l’avvocato Antonello Armetta, che ha elencato i numeri del rapporto Censis 2023 e i numeri dell’Avvocatura, punto di partenza per una nuova legislazione professionale e previdenziale l’avvocato Rosy Musciarelli, presidente della Rete Regionale dei Comitati pari opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Sicilia «purtroppo, a oggi, la discriminazione di genere trova il suo terreno più fertile nel campo del lavoro, dove le donne, troppo poco supportate da adeguate politiche di sostegno, sono spesso oggetto di discriminazioni e ghettizzazione, poste in ipotesi limite a scegliere tra carriera e famiglia a discapito comunque della piena realizzazione di sé stesse. La Rete Regionale dei Comitato pari opportunità di Sicilia è sempre in prima linea nella lotta alla sensibilizzazione sul tema e per la piena diffusione dei principi di pari opportunità in ogni ambito della nostra società».La Presidente del Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Termini Imerese, Debora Sansone, ha auspicato che «in un prossimo futuro ci sia una reale parità tra uomo e donna in un’ottica di condivisione e rispetto reciproco dei ruoli. Sicuramente il Comitato pari opportunità non perderà’ di vista la spinosa questione della parità di genere e si impegna sin d’ora ad organizzare nuovi momenti di confronto e di dialogo da porgere agli avvocati e a tutta la società civile”. By (Vassily Sortino)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza sul lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 Maggio 2023

Gli operatori del Servizio di Prevenzione nei luoghi di lavoro della ASL Toscana Centro Area Empolese, hanno condiviso con le aziende presenti alcuni argomenti di interesse del comparto calzaturiero e conciario. La dottoressa Tonina Enza Iaia, responsabile della Prevenzione, igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro di Empoli ha illustrato in dettaglio la metodologia di intervento del Piano Mirato con gli obiettivi, gli strumenti di lavoro ed i risultati attesi. Presentati anche i dati relativi ai casi che negli anni hanno sviluppato un tumore del naso e le cui storie lavorative indicavano una forte correlazione con le esposizioni a polveri di cuoio e/o pelli. Distribuzione dei casi di tumori epiteliali delle cavità nasali e seni paranasali per comparto produttivo di prevalente impiego:(Incidenza dei casi anni 1980-2022) Calzaturiero : 57; Conciario: 25; Legno: 9; Agricoltura:11; Altri Comparti 21 – Totale caso 121La ricostruzione sistematica delle storie lavorative di tutti i casi ed una attenta valutazione delle esposizioni pregresse ai fattori di rischio noti per i tumori del naso e seni paranasali , hanno consentito di individuare i casi lavoro-correlati che sono stati complessivamente 92 su 121 pari al 76% di quelli occorsi e indagati nel territorio.I soggetti avevano svolto prevalentemente o esclusivamente mansioni di addetti alle lavorazioni meccaniche del cuoio quali quelle di tranciatura, fresatura, molatura, grattatura per la produzione di suole, tacchi e guardoli per calzature o lavorazioni meccaniche a secco in conceria come la smerigliatura, rasatura ma anche manipolazione di agenti chimici per la concia del cuoio.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Col decreto Lavoro viene estesa l’assicurazione per i rischi di docenti, Ata e studenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 Maggio 2023

Il sindacato Anief reputa positiva la decisione del ministero dell’Istruzione e del Merito di estendere la copertura assicurativa per i rischi del personale scolastico e degli studenti nel corso dello svolgimento delle attività di insegnamento/apprendimento, anche per il danno in itinere, le visite culturali e le gite.Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, il provvedimento, approvato nel decreto Lavoro e già in vigore, “rappresenta un passo in avanti verso quella maggiore sicurezza che tutti coloro che operano nelle scuole meritano di avere. Siamo d’accordo anche con il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara quando sostiene che questi miglioramenti sono importanti, oltre che per la sicurezza, anche per salvaguardare la serenità di chi vive la scuola quotidianamente”.“Sulla scia di questa importante iniziativa – continua Pacifico – riteniamo che chi governa la scuola debba anche approvare delle norme che guardino ai bisogni dei lavoratori, garantendo loro di spostarsi di sede senza vincoli in presenza di posti liberi, entrando in ruolo in modo automatico dopo 36 mesi di supplenze, garantendo totale equiparazione dei precari ai colleghi di ruolo, valorizzare i dipendenti con stipendi adeguati e possibilità reali di carriera. Sono tutti punti sui quali ci confronteremo già la prossima settimana con l’amministrazione, anche all’Aran per il rinnovo contrattuale, e per realizzarli siamo certi di trovare il supporto della parte pubblica”, conclude il presidente Anief.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli effetti di un mercato del lavoro USA surriscaldato

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 Maggio 2023

A cura di Andrea Delitala, Head of Euro Multi Asset e Marco Piersimoni, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management. Il Presidente della FED Powell aveva asserito, a fine 2022, che per la dinamica dell’inflazione sarebbe stato cruciale il mercato del lavoro. Mercato, quest’ultimo, soggetto a un disequilibrio tra domanda ed offerta aggravatosi col periodo pandemico. A marzo 2020 abbiamo osservato un crollo simmetrico dell’occupazione e della forza lavoro, dipesi principalmente da fattori sanitari. Se il recupero successivo dell’occupazione è risultato abbastanza in linea con le attese, quello dell’offerta di lavoro è stato invece estremamente lento. Al punto che oggi mancano all’appello 3 milioni e mezzo di lavoratori rispetto alla linea di tendenza: 2 milioni da attribuire a un eccesso di pensionamenti, un milione per il calo dell’immigrazione e 0,5 milioni a causa di decessi da COVID. Il risultato è un conseguente surriscaldamento del mercato del lavoro. Ancora oggi, nonostante un assestamento dei Job Openings, per ogni disoccupato c’è 1,7 posto di lavoro disponibile.La relazione tra salari e congestione del mercato del lavoro suggerisce che il rapporto tra posti vacanti e disoccupati (V/U) dovrebbe avvicinarsi a 1, affinché la dinamica salariale possa convergere verso il 3,5% (sostenibile anche secondo la Fed dato il target d’inflazione al 2% e il trend di produttività storico dell’1,5%). Ciò implicherebbe 4 milioni di vacancies in meno o di disoccupati in più (occupati sono 160 milioni, i disoccupati 6 milioni e le vacancies 10 milioni). Come superare un simile impasse? In uno dei seguenti tre modi (o una loro combinazione): tramite una riduzione della domanda da parte delle aziende; grazie a un aumento dell’offerta di lavoro; infine, la più dolorosa, attraverso una flessione dell’occupazione, che tuttavia appare molto poco probabile sulla base degli ultimi dati. La curva di Phillips (che correla inversamente tasso di disoccupazione e inflazione salariale) mostra un aumento salariale nel periodo della pandemia (quando aveva raggiunto aumenti nell’ordine dell’8%) che oggi si sta ricomponendo verso il basso, a beneficio dell’economia. Nonostante il tasso di disoccupazione sia a un minimo storico, la dinamica salariale si colloca al +4,2%, già molto ridimensionata rispetto ad un anno fa. Se questo aggiustamento prosegue, il mercato del lavoro tornerà in equilibrio senza grandi sacrifici occupazionali (recessione) anche grazie alla ripresa del flusso migratorio. D’altro canto, la discesa dell’inflazione è più rapida rispetto alla riduzione dei salari; abbiamo quindi dei salari reali che stanno crescendo mentre la produttività persiste in zona -2%, mettendo sotto pressione i margini.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università e lavoro, ecco le principali aree d’impiego e le competenze più richieste nel 2023

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 Maggio 2023

Saper lavorare in gruppo e comunicare, scrivere in maniera eccellente, padroneggiare i social media e le nuove tecnologie, sono le competenze al momento più richieste. Digitale e Innovazione è il settore dove i giovani, studenti e laureati, trovano maggiori sbocchi occupazionali.Sono queste, in estrema sintesi, le indicazioni fornite dalle Statistiche sul lavoro dei primi tre mesi del 2023 elaborate dal Centro di Avviamento alla Carriera della John Cabot University (JCU) di Roma. Nello specifico, i dati riguardano sia gli studenti dei percorsi di laurea triennale sia i neolaureati e i giovani col master. L’età è compresa tra i 20 e i 25 anni. Infatti Nei primi tre mesi del 2023, quasi la metà dei giovani ha ottenuto una posizione lavorativa nel settore Digitale e Innovazione. Si tratta del 44% e rappresenta la fetta più consistente della torta occupazionale, confermando in rialzo il dato definitivo del 2022 (43%). A seguire ci sono Attivismo e Ricerca, 23%; Formazione, Scrittura e Traduzione, 17%; Finanza e Contabilità, 11%.Le competenze tecniche più richieste riguardano il saper padroneggiare, nell’ordine: i social media, le nuove tecnologie, i software di analisi dati (R, Python, Stata), i software di video e foto editing, le piattaforme di CRM (Customer Relationship Management).La competenza soft più ricercata è il saper lavorare in gruppo (teamwork). E poi possedere, nell’ordine: eccellenti capacità di scrittura, doti comunicative e relazionali, attitudine al problem solving, proattività.Il Centro di Avviamento alla Carriera della John Cabot University organizza tre Career Fair (o Fiere del Lavoro) l’anno e conta 756 aziende partner (erano 650 prima del Covid), nazionali e internazionali. Nel corso di questi appuntamenti i giovani incontrano direttamente i responsabili delle assunzioni delle imprese, potendo effettuare anche più colloqui nella stessa giornata.Bene. Nei primi tre mesi del 2023, l’87,7% dei giovani (quindi nove su dieci) ha ottenuto una posizione lavorativa nel corso dei Career Fair, o al termine di un colloquio seguito a una candidatura inviata dal Centro di Avviamento alla Carriera. Prima del Covid la percentuale era del 76%, a significare una tendenza in decisa crescita.«Dobbiamo prendere atto che i lavori mutano di continuo e sempre più velocemente. Per gli studenti è quindi fondamentale imparare ad adattarsi ai cambiamenti. Di conseguenza, l’università deve impegnarsi, sempre di più, nell’insegnamento delle soft skills e del pensiero critico», ha concluso la professoressa Antonella Salvatore. http://www.johncabot.edu/

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lavoro e scuola: Basta con la precarietà

Posted by fidest press agency su domenica, 23 aprile 2023

Nel corso del X Congresso Cisal Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, ha detto che “nel mio intervento, dopo quello di cinque ministri del Governo (Salvini, Urso, Lollobrigida, San Giuliano), alcuni deputati e senatori, ho ribadito la necessità di attivare politiche per tutelare le retribuzioni (indennità di vacanza contrattuale), per facilitare i pensionamenti (indennità di burnout e riscatto gratuito degli anni di formazione), per agevolare i trasferimenti (mobilità), per assumere i precari (attraverso il doppio canale GPS, graduatorie concorsuali, assunzioni con riserva), per garantire continuità didattica e attuare il Pnrr (attraverso l’organico aggiuntivo)”. Il leader Anief ha affermato anche che “negli ultimi anni Cisal è cresciuta, come è cresciuta Anief, l’organizzazione sindacale che rappresento, diventata rappresentativa. Oggi, dopo aver firmato i contratti, dobbiamo pretendere un incremento degli stipendi alla luce dell’inflazione. Servono 8 miliardi per dare aumenti di 170 euro mensili rispetto all’indennità di vacanza contrattuale e serviranno altri 8 miliardi per pagare l’aumento contrattuale. Servono 16 miliardi nel Def, Documento di economia e finanza, e in questo momento ce ne sono 5. Poi, cambiando discorso, è logico che abbiamo il diritto dopo aver lavorato per 40-41 anni di andare in pensione”.“Per quanto riguarda il tema della precarietà, che ci ha visti protagonisti nella difesa dei salari, dei diritti e della dignità dei lavoratori, bisogna che avvenga la stabilizzazione. Dalla Cesi si ha avuto anche il riconoscimento della presidenza dell’Accademia Europa. Ricordiamoci che ci sono direttive comunitarie sulla parità di trattamento tra lavoratori precari e di ruolo, del 1999, direttive sul salario minimo, l’ultima. Facciamo in modo che ci sia davvero questa parità, riconosciamo i diritti di chi ogni giorno si spende per la crescita del Paese”, ha concluso Marcello Pacifico, presidente Accademia Europa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro: Le dimissioni volontarie dopo la pandemia

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 aprile 2023

Si sente spesso parlare di “grandi dimissioni” in riferimento a quanto avvenuto negli Stati Uniti dopo lo scoppio della pandemia. In parte, anche in Europa si è verificato un aumento del numero di dimissioni volontarie a partire dal 2021. Tuttavia non sono disponibili serie storiche con una metodologia univoca, pertanto è difficile stabilire se si tratta di un fenomeno isolato o se ha avuto precedenti, o ancora se costituisce semplicemente il sintomo di una graduale ripresa dalla crisi del mondo del lavoro iniziata ormai un decennio fa. In Italia si può osservare un aumento delle dimissioni a partire dal 2021. Durante quest’anno, sono 1,9 milioni i lavoratori italiani che hanno lasciato volontariamente il proprio impiego. Parallelamente invece non è aumentato il numero dei licenziamenti. Secondo il sondaggio sulla forza lavoro di Eurostat, nel 90% dei casi gli italiani lasciano il proprio impiego per ragioni legate al mondo del lavoro stesso. Il dato più elevato d’Europa.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cambiare lavoro per ritrovare il proprio benessere?

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 aprile 2023

Fare il lavoro che si ama vivendo dove si vuole, in qualsiasi angolo del mondo. Per tutti è un sogno, per la maggior parte delle persone lo rimane, qualcuno lo realizza: sono professionisti che riescono a gestire un’attività anche a distanza, unendo la dimensione online e quella fisica. Ma quali realtà lavorative offrono davvero una tale opportunità? Una di queste è CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio: questi professionisti, più di 400 in tutta Italia, progettano e vendono vacanze su misura, costruite secondo i desideri dei clienti, con la particolarità di non essere legati a un’agenzia di viaggi fisica. E quindi, con la giusta preparazione, di poter lavorare da ogni parte del mondo. «Con le tecnologie che tutti abbiamo a disposizione si può lavorare come consulenti di viaggio anche da remoto – conferma infatti Cristian Chirico, consulente di viaggio di Padova, in CartOrange dal 2002 –. Io lo faccio da quasi dieci anni, da quando mi sono stabilito all’estero. Certo al tocco umano non si rinuncia, ma riesco a organizzarmi per tornare in Italia solo quando serve, concentrando gli appuntamenti. Grazie al digitale, infatti, si può utilizzare qualsiasi canale per parlare con le persone e le presentazioni si fanno anche in videochiamata. Questa è ormai la normalità per la stragrande maggioranza dei clienti, che quando organizzano un viaggio si aspettano un servizio smart e digitale». CartOrange – Viaggi su misura (www.cartorange.com) è la più grande azienda di Consulenti per Viaggiare®, attiva in Italia dal 1998 con 450 Consulenti e svariate filiali sul territorio nazionale. Un servizio personalizzato per proporre viaggi su misura unici e ricchi di esperienze, alla scoperta dei luoghi più belli del pianeta.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il Lavoro al Centro”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 aprile 2023

Roma 12 aprile (dalle 15 alle 18) e il 13 aprile (dalle 10 alle 13) presso l’Auditorium della Tecnica, Viale Umberto Tupini 65, Roma EUR. L’evento si concentrerà sul futuro del lavoro e sull’innovazione nella formazione continua nell’Anno Europeo delle Competenze. Interverranno, tra gli altri: Marina Elvira Calderone, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; Raffaele Fitto, Ministro degli Affari Europei, del Sud, per le Politiche di Coesione e il PNRR; le Europarlamentari Patrizia Toia, Isabella Tovaglieri, Maria Angela Danzì e Chiara Gemma; Alessandra Nardini, Coordinatrice della Commissione Lavoro e Formazione Professionale della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome; Maurizio Stirpe, Vice Presidente di Confindustria; Luigi Sbarra, Segretario Generale CISL; Pierpaolo Bombardieri, Segretario Generale UIL; Christian Ferrari, Segretario Nazionale CGIL. By https://www.fondimpresa.it/eventi/Il-lavoro-al-centro.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lavoro: Rojc (Pd), potenziare personale Ispettorato nazionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 aprile 2023

“Il ministro del Lavoro assuma ogni iniziativa utile al fine di proseguire l’azione già avviata dal precedente Governo per quanto riguarda la sicurezza nei posti di lavoro, potenziando il personale in servizio presso l’Ispettorato nazionale del Lavoro (Inl). In queste condizioni, è stata opportuna la retromarcia del Governo sulla prevista soppressione dell’Ispettorato del lavoro, che doveva entrare nel Dl PA Ministeri e che è stata denunciata dal Pd”. Così la senatrice Tatjana Rojc (Pd), redendo nota la sua interrogazione alla ministra del Lavoro Marina Calderone, facendo seguito alla scoperta di 69 lavoratori in nero e irregolari dalla Guardia di Finanza della Compagnia di Latisana (Udine) e raccogliendo l’appello del prefetto di Udine Massimo Marchesiello per “più controlli”. L’atto parlamentare è stato sottoscritto dai senatori dem Giacobbe, Furlan, Martella, Camusso, Rando, Sensi, La Marca, Fina, D’Elia. “Oltre a seguire la strada aperta dal ministro Orlando col concorso del 2022 – indica la senatrice dem – bisogna contestualmente promuovere, per quanto di competenza, una più efficace azione di coordinamento con gli altri enti preposti, a partire dalle Asl territoriali, con l’obiettivo di incrementare sensibilmente il numero dei controlli”. “Il lavoro irregolare è un danno secco per chi opera nella legalità – sottolinea Rojc – genera un vero e proprio sfruttamento e altera la concorrenza tra imprese”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Titoli estero, prima maxi sentenza del giudice del lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 aprile 2023

Il Tribunale di Milano, con una esemplare sentenza del 30 marzo, autorizza la nomina dalle graduatorie di sostegno utili per i ruoli di 40 insegnanti inseriti con riserva dopo la pronuncia dell’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato di fine dicembre e la sentenza di merito del Tribunale amministrativo. In 8 mila potrebbero ricorrere e chiedere fino a 2 miliardi di risarcimento per i mancati contratti, mentre sono già mille le sentenze del Tar Lazio di commissariamento del Ministero dell’Istruzione e del Merito per i ritardi dovuti alle risposte rispetto alle 12 mila domande di riconoscimento di chi si è inserito nella prima fascia delle graduatorie per le supplenze insieme ad altri 300 mila candidati. Oggi il confronto con i sindacati sulla bozza di modifica dell’ordinanza ministeriale di gestione delle GPS che potrebbe evitare un danno erariale quantificabile in 4 miliardi. Anief, favorevole al provvedimento di revisione, invita il ministro Valditara a cogliere la palla al balzo, approfittando del tema, e chiedere al ministro Giorgietti un aumento dei posti in organico di sostegno (almeno 40 mila di quelli in deroga da anni) per assumere anche i 15 mila docenti già specializzati in Italia e al ministro Berrnini un aumento dei posti di accesso al TFA sostegno, per includere gli 80 mila docenti non specializzati che hanno lavorato su posti di sostegno negli ultimi anni.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medici, orario di lavoro deve coincidere con tutela della salute

Posted by fidest press agency su sabato, 25 marzo 2023

La Cassazione, con una recente ordinanza (28/02/2023 n° 6008) ha sancito la legittimità del risarcimento del danno biologico per il superlavoro del medico, stabilendo che “il limite dell’orario di lavoro deve coincidere con la tutela della salute, con un alleggerimento dell’onere probatorio in capo al lavoratore”. Una decisione salutata con favore dal presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, che la ritiene “importante” perché “evidenzia come i ritmi e gli orari di lavoro dei medici, derivanti dalla carenza di personale, incidano non solo sulla qualità dell’assistenza e su quella della vita privata e familiare, ma abbiano conseguenze dirette sulla salute. Non si tratta più di una mera rivendicazione contrattuale, ma di una questione di salute e di sicurezza sul lavoro”, afferma.La sentenza riguarda un dirigente medico di primo livello, dipendente di una Asl, che ha chiamato in giudizio l’azienda datrice di lavoro per chiederne la condanna al risarcimento del danno biologico conseguente all’infarto del miocardio subito “a causa del sottodimensionamento dell’organico che l’aveva costretto per molti anni a intollerabili ritmi e turni di lavoro”. La Corte d’Appello respinge il ricorso contro la sentenza di primo grado, sotto diversi profili attinenti al mancato assolvimento dell’onere della prova, onerandone oltre misura il dipendente. Ora la Cassazione ribalta la pronuncia di merito, rimandando il caso alla Corte d’Appello in diversa composizione. In particolare, afferma che il lavoratore è tenuto ad allegare rigorosamente tale inadempimento, evidenziando i relativi fattori di rischio (ad esempio modalità qualitative improprie per ritmi o quantità di produzione insostenibili, ovvero secondo misure temporali eccedenti i limiti previsti dalla normativa o comunque in misura irragionevole). Secondo i giudici di legittimità, spetta invece al datore dimostrare che i carichi di lavoro erano normali, congrui e tollerabili o che ricorreva una diversa causa che rendeva l’accaduto non imputabile a sé. Inoltre, evidenzia che “il fatto che sia stata riconosciuta in sede amministrativa la causa di servizio ai fini dell’equo indennizzo e che sia stata prodotta in giudizio la relativa documentazione, se non vale come prova legale (vincolante per il giudice) del nesso causale, ben potrebbe essere prudentemente apprezzata, ai sensi dell’art. 116 c.p.c., come prova sufficiente di quel nesso, in mancanza di elementi istruttori di segno contrario”. “Non dimentichiamo – conclude il presidente Fnomceo – che anche la violenza ha conseguenze sulla salute, immediate, ma anche indirette e a lungo termine: eventi cardiovascolari, disturbi post traumatici da stress sono effetti collaterali delle aggressioni, provati dalle evidenze scientifiche e per i quali la stessa Cassazione ha, più volte, riconosciuto un nesso causale. Anche in questo senso chiediamo un intervento, che permetta di applicare pienamente la Legge 113/2020 sulla sicurezza dei professionisti sanitari”. (abstract fonte Doctor33)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza lavoro nel turismo

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 marzo 2023

Secondo le previsioni, nel 2023 potrebbe registrarsi il record del movimento turistico in Veneto ed anche le spiagge potrebbero raggiungere un nuovo massimo. La crescita del turismo si accompagna però ad una sempre maggiore richiesta di lavoratori. Infatti, secondo l’ultima analisi della Fondazione Think Tank Nord Est, nel 2023 si potrebbe registrare anche il record di assunzioni stagionali da parte delle imprese turistiche del litorale veneto. Tuttavia, proprio il reclutamento del personale rappresenta la principale difficoltà del sistema di offerta turistica. Prima della pandemia le spiagge venete avevano intensificato l’impiego di manodopera stagionale, in virtù dell’aumento dei flussi turistici, ma anche in funzione di una maggiore attenzione al cliente, quale conseguenza di una cresciuta qualità dell’offerta. Infatti, il rapporto tra presenze turistiche e giornate di lavoro stagionale è tendenzialmente sceso, comportando un maggior impiego di forza lavoro. A conferma di ciò, nel 2019, a fronte di poco più di 25 milioni di presenze in tutta la costa veneta, le assunzioni stagionali nei servizi turistici hanno appena superato quota 27.000; mentre nel corso del 2022, con un movimento turistico di poco inferiore ai 25 milioni, ci sono stati quasi 30.000 contratti stagionali. Più in generale, le assunzioni si erano attestate tra 19.000 e 21.000 nel periodo 2008-2016, per poi salire oltre quota 25.000 nel 2017 e continuare l’ascesa nel biennio successivo. Per quanto riguarda i lavoratori stranieri, la loro presenza sul litorale è significativa già da tempo. Si tratta di una componente fondamentale per la sostenibilità dei servizi turistici ed in forte crescita nel 2022, dopo il calo tra 2020 e 2021 dovuto alla pandemia. Nel 2022 le assunzioni di lavoratori stagionali stranieri sulle spiagge venete hanno infatti raggiunto un nuovo massimo: sono state circa 8.400, un migliaio in più rispetto al 2019, rappresentando oltre il 28% di tutti i contratti stagionali. La loro quota è più elevata nell’Alto Adriatico sopra Venezia, dove sono quasi il 30%. Secondo la Fondazione Think Tank Nord Est, le previsioni di crescita del movimento turistico per l’estate 2023 fanno prevedere una maggiore domanda di lavoratori stagionali, con le assunzioni che potrebbero superare quota 30.000, spingendosi fino ad un livello record di 32.000, di cui circa 9.000 riferite agli stranieri. “Per risolvere le difficoltà di reclutamento del personale necessario alle imprese turistiche si deve agire a livello di costa veneta – dichiara Antonio Ferrarelli, presidente della Fondazione Think Tank Nord Est – con importanti investimenti sulla formazione, sull’incontro tra domanda e offerta di lavoro, nonché sull’accoglienza e l’integrazione degli stranieri, per favorire il loro ingresso nel mercato del lavoro. Al Governo chiediamo maggiori quote per gli stagionali del turismo nel prossimo decreto flussi, ma anche detassazione e contributi a chi rinnova il contratto – propone Ferrarelli – mentre Regione e Comuni potrebbero promuovere progetti di sistema sulla formazione e l’accoglienza: si tratta di investire per sostenere lo sviluppo del settore turistico di una delle più frequentate destinazioni d’Europa.”

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Burn out nel tentativo di bilanciare famiglia e lavoro?

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 marzo 2023

Lo ha sperimentato più di 1 italiano su 2. Le donne (62%) più degli uomini (54%). Non solo. Alla stanchezza e allo scoramento, molto spesso si accompagna anche il senso di colpa, con punte fino al 65% tra le donne. È quanto emerge da un’indagine condotta da Indeed – portale n° 1 al mondo per chi cerca e offre lavoro – che ha coinvolto 1000 lavoratori italiani.Poter contare su un maggior supporto per genitori e caregiver da parte del datore di lavoro è desiderio del 61% degli intervistati, in egual misura di uomini e donne. La flessibilità, intesa come possibilità di lavorare da casa o secondo orari elastici, è in cima alla lista dei desideri (43%). Sarebbero molto apprezzati anche la possibilità di beneficiare di maggior tempo libero nel corso dell’anno (34%) e di un congedo parentale retribuito più lungo (32%).1 su 4, inoltre, vorrebbe poter contare su un sostegno concreto da parte del proprio datore di lavoro, che potrebbe comprendere servizi di assistenza per infanzia sul posto di lavoro, oppure sostegno alle spese per i figli e coperture di emergenza. Ciò che è certo è che le agevolazioni per i genitori e i caregiver sono un fattore decisivo nella scelta del posto di lavoro (68%).Una necessità, questa, non solo italiana, ma condivisa dalla maggior parte delle famiglie nel mondo. Indeed ha introdotto di recente il congedo parentale equivalente per tutti i propri dipendenti, a prescindere dal genere. Tutti i lavoratori potranno contare su 26 settimane di congedo continuativo completamente retribuito da utilizzarsi entro il primo anno successivo alla nascita, l’adozione o l’accoglienza del bambino. Nei prossimi mesi, inoltre, saranno introdotti anche quindici giorni di congedo non-parentale retribuiti, per coloro che si prendono cura di altri familiari.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Indagine di Terre des Hommes su ragazze e lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 marzo 2023

In occasione dell’8 marzo: emerge che oltre la metà delle ragazze (53,96%) si sente limitata, nelle scelte sul futuro, da stereotipi e retaggi maschilisti, inoltre il lavoro è percepito come il luogo più a rischio discriminazione. I dati sono stati raccolti dall’Osservatorio indifesa realizzato da Terre des Hommes e OneDay Group che quest’anno ha coinvolto oltre 2000 ragazze adolescenti dai 14 ai 26 anni. Le percezione che il futuro e il mondo del lavoro siano particolarmente complessi per le ragazze sembra confermata da dati che arrivano dal mondo del lavoro e dell’istruzione: l’Italia detiene il record europeo negativo di ragazze Neet (il 25% delle italiane tra i 15 e 29 anni non studiano e non lavorano); le ragazze che scelgono corsi di laurea e carriere tradizionalmente maschili, come l’ambito Stem (Science, Technology, Engineering e Mathematics), sono molto meno rispetto ai ragazzi (nel 2020/2021 erano solo il 20%); i livelli di alfabetizzazione finanziaria delle giovani donne sono più bassi di quelli dei coetanei

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“IoBio Trapani-Erice – Io mangio bene, e tu?”: gli studenti a lavoro per la realizzazione degli elaborati artistici

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 febbraio 2023

L’importanza del mangiare sano con cibo proveniente da agricoltura biologica è al centro di una serie di incontri e laboratori del progetto “IoBio Trapani-Erice – Io mangio bene, e tu?”. Il progetto, che vede l’emittente televisiva Telesud come soggetto promotore, si pone l’obiettivo di sensibilizzare, informare, comunicare l’agricoltura biologica, all’interno degli Istituti Comprensivi “Bassi – Catalano”, ” G. Pagoto”, “E. Pertini”. Il progetto è realizzato seguendo le linee guida dell’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea, che ha puntato fortemente sulla conoscenza della cultura biologica sull’isola, anche fra i minori. Ed infatti, in queste settimane, oltre 100 bambini si sono cimentati nella realizzazione di elaborati legati al tema dell’agricoltura biologica. I bambini possiedono la capacità di assorbire e di restituire messaggi in modo molto intenso; la troupe di Telesud nei giorni scorsi ha effettuato le riprese nelle classi coinvolte nel progetto. Disegni, cartelloni, fumetti, orti 3D, ricette, tovagliette artistiche per la colazione, corone di ortaggi e frutti ed ancora forza espressiva, vitalità, queste le caratteristiche degli elaborati prodotti. I bambini hanno sperimentato la fantasia, la creatività con entusiasmo e impegno. I lavori continueranno sino al 3 di marzo, quando si svolgeranno le consegne ufficiali degli elaborati presso gli Istituti coinvolti. Fonte Telesud 3 S.r.l. Via Isolella 13, Trapani

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavoro: Cia, si anticipi click day decreto flussi. Rischio emergenza in primavera

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 febbraio 2023

Soddisfazione da parte di Cia-Agricoltori Italiani per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DPCM che programma gli ingressi in Italia di 82.705 lavoratori extracomunitari stagionali e non stagionali. Resta, però, da sciogliere il nodo del click day per la trasmissione delle istanze alle prefetture, previsto ora per il 27 marzo 2023, a 60 giorni dalla data di pubblicazione del decreto flussi. Secondo Cia, l’iter burocratico per l’ingresso dei cittadini extracomunitari deve essere il più celere possibile e auspica, dunque, una riduzione a 15 giorni per il termine di presentazione delle domande, in modo che le aziende possano avere a disposizione i lavoratori già nelle prime campagne a marzo. Se Cia valuta positivamente la decisione di esentare i lavoratori agricoli dalla verifica di indisponibilità presso i centri per l’impiego, non ritiene più necessaria una finestra così lunga per l’avvio delle procedure. Con le abituali tempistiche si rischierebbe, infatti, di avere la manodopera al lavoro solo da maggio. Cia commenta, infine, con favore la grande novità del provvedimento, che prevede il rilascio di 22mila quote di ingresso per le associazioni di categoria e spera che questo possa finalmente portare sollievo alle aziende sul fronte del reperimento degli operai agricoli.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »