Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Posts Tagged ‘leggenda’

“La leggenda del Golem e della Praga ebraica”

Posted by fidest press agency su martedì, 13 marzo 2018

Firenze Mercoledì 14 Marzo 2018, ore 17:00 Via de’ Cerretani n.56/r, “La leggenda del Golem e della Praga ebraica” presentata da Tomáš Jelínek.
Il Golem Josef fu creato da Rabbi Löw per vegliare sulla pace degli ebrei. Realizzato con l’argilla, è diventato la leggenda della misteriosa Praga. Il Golem di Praga, infatti, è conosciuto in tutto il mondo: nella capitale ceca si raccontano leggende che sono un misto tra vera mistica ebraica e magia e che caratterizzano Praga e tutta la Repubblica Ceca. Sappiamo che la mistica ebraica è famosa per le sue conoscenze molto particolari: si dice addirittura che ben cinquecento anni fa, sia stato realizzato un essere obbediente. Una ‘leggenda metropolitana’ ma tutt’altro che banale; la storia del Golem fa parte della più antica tradizione cabalistica ebraica.Tomáš Jelínek è nato nel 1956 a Česká Lípa in Cecoslovacchia, nella zona nord della Boemia, conosciuta come Sudeti. La sua famiglia discende originariamente da Munkatch, città che nel tempo ha visto cambiare ripetutamente la sua bandiera di appartenenza a seguito degli eventi epocali dell’Est Europa: dal disfacimento dell’Impero Austro-Ungarico, fino alla annessione all’Unione Sovietica e poi, dopo la fine della seconda guerra mondiale, all’odierna Ucraina. Ha conseguito l’esame di maturità presso la Scuola Superiore della Comunicazione e della Sicurezza sulle Ferrovie e in seguito si è laureato presso l’Accademia delle Arti Musicali a Praga con una tesi sulla Educazione Creativa. Successivamente ha lavorato presso teatri professionali della Cecoslovacchia a Plzen e a Liberec fino al 1981, anno della sua emigrazione in Italia. In Italia ha continuato ad esercitare la professione di teatrante, principalmente come burattinaio, e ha presentato i suoi spettacoli in Europa, Nord Africa e Israele dove ha ricevuto per le sue attività anche importanti riconoscimenti presso vari festival del settore. Iscritto alla Comunità Ebraica di Firenze, ha cominciato a lavorare come “mashgiach kashruth” dopo i previsti corsi tenuti presso la Ortodox Union. Questa attività lo ha portato alla gestione della mensa rituale ebraica “RUTH’S” a Firenze. Il ciclo di incontri culturali è promosso dalla Fondazione Romualdo Del Bianco® in collaborazione con il Centro Congressi al Duomo e con le associazioni culturali della città nell’ambito di Life Beyond Tourism® per contribuire a una migliore conoscenza di culture diverse. Durante “I Mercoledì al Caffè” viene servito un aperitivo al costo di 5 euro. Per presentare un libro, condividere le letture preferite con gli amici, presentare un progetto creativo o un artista, raccontare i propri viaggi o far conoscere le tradizioni del proprio paese.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sansone e i filistei: Quando il ricordo del passato è necessario per capire il presente

Posted by fidest press agency su martedì, 10 ottobre 2017

SansoneE’ storia antica, forse leggenda, ma pare d’attualità. Si vuole che per annientare Sansone non si sia trovato di meglio che eliminare anche i filistei. Gli strateghi di oggi direbbero: danno collaterale, spiacevole ma inevitabile. Così la storia di questi ultimi anni ci insegna che per togliere dalla scena Mussolini c’è voluta una guerra persa. Per neutralizzare una svolta storica che fu denominata compromesso storico ci volle il sequestro e l’uccisione di Aldo Moro. E oggi ci risiamo con Berlusconi. Non bastano, a quanto pare, i quarantuno processi che l’hanno visto inquisito e imputato, non bastano le infamanti accuse di favoreggiamento alla prostituzione minorile, non bastano le plateali sceneggiate con quello che fu il suo grande amico da baciamano, al secolo Gheddafi. Non bastò lo strappo prima con Bossi, poi rientrato, e ultimo con Fini se escludiamo Verdini. Ma bisogna anche dire che Berlusconi ha avuto una congiuntura favorevole fin dal suo primo impatto impegnativo con la politica con l’amicizia con Craxi e poi, perso un così autorevole referente, pensò bene di scendere in campo senza intermediari. Il suo successo fu mediatico, ma anche frutto di una ricaduta negativa degli altri partiti. L’Italia dopo la perdita delle rendite di posizione internazionali con l’abbattimento del muro di Berlino, seguito dalle staffilate di mani pulite, il disorientamento di quello che fu il partito comunista non più foraggiato dalla internazionale comunista e dalla mancanza di un leader carismatico e da quanti si sentivano orfani di un potere democristiano che si era dissolto come neve al sole ma che ne nutrivano la nostalgia, Berlusconi ebbe facile gioco nel cavalcare l’aspirazione degli italiani alla ricerca di un referente politico di “razza” e senza “grilli per la testa”. E le opposizioni aggiunsero anche un madornale errore nella presunzione che sarebbe stato facile scalzare un uomo tanto chiacchierato e perseguitato dalla giustizia. Ora ce lo ritroviamo più pimpante di prima. Sente che l’Italia è ai suoi piedi. La crisi l’ha cavalcata con astuzia e tutto alla fine sembra proiettarlo nel futuro più forte di prima. Gli altri per sconfiggere Sansone ora devono farlo eliminando i Filistei. La posta è troppo alta per giocarla. E allora? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tazio Nuvolari La leggenda della Mille Miglia

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 maggio 2017

tazio nuvolariDesenzano del Garda (BS), inaugurazione: Martedì 16 maggio, ore 12.00 Ingresso libero Orari di apertura: martedì 10.30-12.30, giovedì e venerdì 15.30-19.00 sabato, domenica e festivi 10.30-12.30 e 15.30-19.00 rassegna d’arte “Tazio Nuvolari – La leggenda della Mille Miglia”. La mostra, curata da Arianna Sartori, presenta venti dipinti realizzati dagli artisti: Carlo Barbero, Emanuele Biagioni, Sabina Capraro, Giovanni Cerri, Walter Davanzo, Gioxe De Micheli, Giovanni Faccioli, Carlo Adelio Galimberti, Riccardo Luchini, Marco Manzella, Patrizia Masserini, Antonio Miano, Alessandro Nastasio, Aldo Parmigiani, Vincenzo Perna, Roberto Rampinelli, Massimo Romani, Leonardo Santoli, Luigi Timoncini, Alberto Venditti. Le opere esposte sono state gentilmente prestate, per questa iniziativa culturale, da Casa Museo Sartori di Castel d’Ario.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il gatto egiziano nel weekend si presenta a Roma tra leggende e realtà

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 marzo 2017

agilitìRoma sabato 18 e domenica 19 marzo presso la Fiera di Roma è tutto pronto per Quattrozampeinfiera, la “due giorni pet friendly” più famosa d’Italia.
Tra le varie razze, special guest Egyptian Mau, un esemplare rarissimo di gatto. Questo affascinante micio è chiamato anche Mau Egiziano e la leggenda narra che sia il vero gatto adorato appunto dagli egiziani. Lo si credeva dotato anche di poteri magici, e pare fosse il gatto preferito da Chepea, dea della creazione, perché sulla sua fronte è disegnato lo scarabeo sacro.Ma non solo lui a Quattrozampeinfiera. Ci saranno anche tanti altri amici a quattrozampe. Un’esposizione di circa trenta razze che offrirà la possibilità di osservare da vicino il variopinto mondo dei gatti e dei cani, di scoprirne le curiosità e le stranezze e di assistere alla gattoproclamazione dei Best of Best selezionati da una giuria esperta. Un modo per fare la giusta informazione e capire quale razza è più adatta al proprio stile di vita. A contendersi il titolo esemplari provenienti dai quattro angoli della terra, tra cui, per i cani sfilerà lo Bedlington Terrier – che ricorda vagamente una pecora – il Dogue de Bordeaux – nato purtroppo per combattere ma oggi usato come cane da difesa e di famiglia – e l’Akita Americano – il grande cane giapponese; mentre per i gatti il Maine Coon – il micione gigante dal cuore buono – il Turco Van – che ama l’acqua – il Bengal – il gatto leopardo – il Egyptian Mau – il gatto egiziano, una delle razza più antiche ad essere state allevate dall’uomo – lo Sphynx – il gatto senza pelo – e il British – che ha dato il volto a “Il gatto con gli stivali”.La rassegna e la competizione felina è a cura di Anfi e la doppia esposizione regionale cinofila – Enci – è a cura del Kennel Club Roma e Gruppo cinofilo Viterbo. Nella due giorni, inoltre, si terrà il Campionato italiano di Toelettatura Sportiva individuale e a squadre CSEN. (foto: agilitì, gatto)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torna a suonare in Toscana la Leggenda dell’House Music

Posted by fidest press agency su sabato, 21 maggio 2016

mario_scalambrinPistoia 21 maggio Il Posto Nero Via Luigi Galvani, 4. Il Deejay Mario Scalambrin, icona della Musica House, da anni grande ed indiscusso protagonista della scena dance mondiale, torna ad esibirsi in Toscana sabato 21 Maggio a Pistoia presso la discoteca “Il Posto Nero”. La leggenda di Mario Scalambrin, originario di Imperia, inizia in Liguria nel 1992 quando viene ingaggiato come Dj Resident dal Covo di Finale Ligure. E’ solo l’inizio della sua incredibile carriera, perchè Mario, poco dopo, viene notato dal KAMA KAMA di Camaiore, tempio e istituzione della musica house negli anni ’90 e primi anni duemila. Mario Scalambrin e il Kama Kama hanno fatto letteralmente la storia del clubbing nostrano. Poi ovviamente arriva anche il successo anche in Europa: Berlino, Parigi, Mykonos, Ibiza, Austria, Olanda, Scandinavia.
Ha fatto ballare e sognare un’intera generazione, i deejay-set di Scalambrin sono impressi nella nostra memoria e da lì non se ne andranno mai.. e ora approdano a “Il Posto Nero” di Pistoia’. (Foto: mario_scalambrin)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Play The Blues

Posted by fidest press agency su martedì, 11 gennaio 2011

Roma 14 gennaio (ore 21) il Teatro Biblioteca Quarticciolo presenta “Play The Blues”, un reading in dodici battute scritto e interpretato dal giornalista e scrittore Alberto Castelli con la partecipazione di Adriano Viterbini (chitarra e voce dei Bud Spencer Blues Explosion, chitarra dei Black Friday) e Luca Sapio (voce dei Black Friday e dei Quintorigo). Dal Delta del Mississippi a Chicago, da Robert Johnson a Muddy Waters, da Bessie Smith a Little Walter, da Skip James a Elmore James, la storia e le leggende del blues raccontate in dodici battute: questo è Play The Blues, un reading dedicato a una delle musiche più importanti e ricche di feeling del Novecento. Un suono possente e popolare che ha sprigionato una grande forza espressiva, e che per diversi decenni ha costituito la colonna sonora della comunità african american. Raccontare il Blues vuol dire entrare in una dimensione creativa diretta e immediata.
Play The Blues è anche un omaggio a musicisti spesso sottovalutati e sfruttati, le cui vite sono diventate delle vere e proprie leggende, piene di fascino e mistero. «Play The Blues è la celebrazione di uno stile popolare, coinvolgente, totale. Qualcosa che non puoi suonare se non la senti, se non la fai diventare qualcosa che è dentro di te, che ti appartiene» – raccontano i protagonisti.   Dodici battute per trasmettere sofferenza, amore, sesso, orgoglio e gioia. Dodici battute che rimandano all’Africa e che hanno pervaso le strade di città come Memphis, New York, Detroit e Chicago.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La moneta tra leggenda e realtà

Posted by fidest press agency su sabato, 25 dicembre 2010

(Parte terza prima sezione dal saggio: “Il più grande crimine” di Paolo Barnard). Conosciamo tutti la storiella (falsa) degli antichi che per smettere di scambiarsi pecore con legna o arance con stoffa o mattoni con ferro, e quindi vivere scariolando masse di beni in giro, decisero di inventarsi la moneta di metallo, che rappresentava il valore dei beni ed era molto più agile da usare. Poi sappiamo che a un certo punto furono inventate le banconote, ancora più efficienti, e che si decise che il denaro in circolazione doveva essere sempre ‘convertibile’ in qualcosa di prezioso e concreto che gli desse un valore: oro, o altre monete importanti. Fino al 1944 e poi fino al 1971 il cittadino poteva teoricamente portare le sue banconote in banca, o alla BC, e pretendere che in cambio gli dessero un pezzetto d’oro di valore equivalente. Questo era un solido sistema per mantenere sia la quantità di moneta circolante che l’attività delle banche sotto controllo. Infatti tutte le banche dovevano in teoria garantire di emettere tanto denaro quanto oro possedevano nei forzieri, e non di più. Ma questo sistema aveva degli svantaggi enormi. C’era il perenne rischio del famoso colpo in banca e di veder sparire l’oro. Ma soprattutto in caso di crisi economica, se i cittadini si fossero precipitati in massa in banca per esigere oro al posto delle banconote divenute di poco valore (es. inflazione galoppante), le banche non avrebbero in realtà mai potuto onorare quelle richieste, perché l’oro non era di fatto mai pari alla moneta emessa. Ciò procurava automaticamente il fallimento delle banche e anche degli Stati, cioè quello che oggi si chiama Default. Una catastrofe. Fu così che nel 1944 prima (accordi di Bretton Woods) e definitivamente nel 1971 (decisione di Nixon) la convertibilità della moneta in oro (il Gold Standard) fu cancellata. Oggi le monete più in uso, dollari, sterline, euro, yen ecc. non sono più ‘convertibli’ in alcunché. Attenzione, si badi bene che ‘convertibili’ non significa che non si possano cambiare in altre monete per andare in vacanza (es. cambio euro in dollari per andare a New York); significa che il cittadino non può più ottenere da banche e BC né oro né alcun altro bene concreto in cambio delle sue banconote. Come già accennato in precedenza, le monete degli Stati oggi si distinguono in sovrane e non sovrane.
Le sovrane devono essere 1) di proprietà dello Stato che le emette; 2) non convertibili, come spiegato sopra; 3) floating, che significa che le autorità non promettono più di cambiarle a un tasso fisso con altre monete forti (es. anni fa il pesos argentino era convertibile col dollaro in un rapporto fisso di 1 pesos contro 1 dollaro), e lasciano quelle monete ‘fluttuare’ (floating) sui mercati che ne decidono i tassi di cambio di volta in volta. Il dollaro ad esempio è sovrano perché (a dispetto delle credenze dei signoraggisti) rispetta i tre criteri di cui sopra La moneta sovrana come dollaro o sterlina è sempre emessa, quindi inventata dal nulla, dallo Stato che la possiede: quello Stato origina la moneta, e i suoi cittadini possono solo usarla, guadagnandola o prendendola in prestito. L’euro invece non è moneta sovrana perché nessuno Stato europeo ne è il proprietario, ed è invece emesso da un sistema di banche centrali, sempre inventandolo dal nulla. Esso non è originato da nessuno degli Stati dell’Unione Europea, quindi l’euro non è né degli Stati né dei cittadini, e sia gli Stati che i cittadini possono solo usarlo prendendolo in prestito o guadagnandoselo. Questa cruciale differenza è anche all’origine della catastrofe finanziaria europea, un crimine architettato a tavolino anch’esso. Capirete poi. Tuttavia, in entrambi i casi, la moneta non è mai dei cittadini privati; ribadisco che i privati possono solo usarla, prendendola in prestito o guadagnandola. Va compresa questa cosa perché il pensiero contrario, e cioè che i cittadini o le banche posseggano il denaro, è fonte di innumerevoli incomprensioni ed errori (da parte dei signoraggisti in particolare). Annotate anche quanto segue, che spiegherò meglio dopo: poiché la moneta sovrana è sempre originata dallo Stato, che se la inventa di sana pianta, quello Stato può darla o sottrarla a piacimento e non ne rimarrà mai senza. Non può esaurire la propria moneta, dunque il suo debito è un falso problema (approfondimento più avanti). (segue) Paolo Barnard

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estate Teatrale Ariccina 2010

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 luglio 2010

Ariccia 16 luglio 2010 – ore 21 Teatro  Ariccia, Piazza Mazzini (Belvedere)  Sarà  presente alla serata Flavio Insinna che ritirerà la targa Ariccia Città  Ingresso libero. E’ la sera della compagnia ATMO FLAM. Flam si ispira alla leggenda di Prometeo, colui che con l’astuzia rubò il sacro Fuoco agli Dei, per poi intrecciarla ad altre ed arrivare ad un comune concetto narrativo: “il desiderio di innalzarsi a livelli di divinità”. I trampoli si intrecciano sulla scena con macchine pirotecniche e con giochi di fuoco allo scopo di ricercare atmosfere di leggende mitologiche spettacolari. Flam prosegue la ricerca intrapresa dalla Compagnia Atmo, approfondendo i concetti generali che animavano le Grandi Feste di Piazza che si celebravano in Italia fin dal 1200.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La leggenda new trolls

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 maggio 2010

Roma 8 maggio – ore 21Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi Viale De Coubertin 30, al concerto di Roma, unica data nel Lazio, che celebra la reunion dello storico gruppo New Trolls, ora La leggenda new trolls, che vedrà suonare sul palco dopo 28 anni di assenza i quattro fondatori del gruppo del 1967: Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo, Gianni Belleno e Giorgio D’Adamo. Accompagnati da una band formata da Andrea Maddalone alla chitarra, Francesco Bellia al basso e Ricky Bolognesi alle tastiere, i 4 leggendari musicisti di avvarrano dell’interpretazione del quartetto d’archi Gnu Quartet per i brani tratti dal Concerto Grosso I e II firmati dal maestro Luis Enrìquez Bacalov e dall’opera rock The seven Seasons, appositamente composta da Shel Shapiro. Atteso anche l’inedito Radio Luxembourg, dedicato a Nico Di Palo, chitarra e voce “cult” del gruppo.  Attualmente La leggenda new trolls è al lavoro con Luis Bacalov per la stesura del Concerto Grosso III che interpreterà dal vivo nella prossima stagione musicale. Biglietti: € 40 (platea) – € 35 (galleria) – Riduzioni per gruppi di 10 persone http://www.newtrolls.ithttp://www.newtrollsfanclub.com

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La leggenda new trolls

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 aprile 2010

Roma 8 maggio – ore 20.30 Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi Viale De Coubertin 30,  La leggenda new trolls La storica “reunion” dei quattro artefici del gruppo Ritorna sulle scene la storica formazione dei New Trolls, ricomposta nel suo nucleo originario da Vittorio De Scalzi, Nico Di Palo, Gianni Belleno e Giorgio D’Adamo che nel lontano 1967 diedero vita a quella che può non a torto essere definita la prima band italiana del “rock progressive”.  La leggenda new trolls – questo l’attuale nome d’arte dei quattro musicisti che hanno “condiviso” per oltre quarant’anni di onorata carriera, in varie formazioni, il piacere di esibirsi davanti a sterminate platee –, sarà accompagnata all’Auditorium Parco della Musica di Roma da una band formata da Andrea Maddalone alla chitarra, Francesco Bellia al basso e Ricky Bolognesi alle tastiere, insieme al quartetto d’archi Gnu Quartet che interpreterà brani tratti dal Concerto Grosso I e II. Attese anche alcune special guest musicali. La regia e le luci sono firmate da Pepi Morgia, amico e prezioso collaboratore da sempre della band.
Nati nel 1967, i giovanissimi e nuovi Trolls interpretarono all’epoca un “beat psichedelico”, mix dei classici ritmi beat del periodo con il rock e altre nuove tendenze, primo esempio di “Prog”. A differenza di formazioni a loro contemporanee, i New Trolls crearono una musica totalmente improntata alla ricerca, che ebbe il primo grande successo con Senza orario senza bandiera, scritto nel 1968 insieme a Fabrizio De Andrè e considerato universalmente il primo concept album italiano, proseguendo poi con Concerto Grosso per i New Trolls composto appositamente per loro nel 1971 dal maestro Luis Enrìquez Bacalov. Seguirono il doppio album: Searching for a land, interamente in inglese, e Concerto Grosso II, continuando con una serie di brani che decretarono il loro  successo anche e soprattutto nell’ambito della musica pop, tra cui Miniera, Aldebaran e Quella carezza della sera. Nel 2007 Shel Shapiro ha scritto per loro The seven seasons, una splendida fusione tra rock e barocco, che hanno portato in giro per il mondo in un tour di continui “sold out”. Attualmente sono al lavoro con Luis Bacalov per la stesura del Concerto Grosso III che interpreteranno dal vivo nella prossima stagione musicale. Biglietti: € 40 (platea) – € 35 (galleria) – Riduzioni per gruppi di 10 persone http://www.newtrolls.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Festa delle lanterne

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2010

Roma 28 febbraio 2010 dalle 16.30 alle 18.30 Casa dell’Architettura Piazza fanti, 47 Le lanterne, secondo una tradizione cinese, sono il simbolo della pace e della solidarietà tra gli uomini; racconta la leggenda che l’imperatore di giada, invidioso della pace e della fratellanza che regnava sulla terra, aveva deciso di distruggerla. Gli uomini, venuti a conoscenza della cosa, riuscirono a scampare il grande pericolo unendosi insieme ed ingegnandosi al fine di proteggere tutti e ingannare l’imperatore di giada, così che non tentasse più di distruggere la terra.  La festa delle Lanterne conclude il ciclo di 2 settimane dei festeggiamenti per il nuovo anno lunare cinese. Quest’anno per la Cina si entra nell’anno della tigre. Saranno presenti rappresentanti delle comunità straniere a Roma e varie associazioni impegnate nel campo. La festa prevede, oltre all’esposizione di alcuni pannelli sulle tradizioni cinesi, l’esibizione di alcuni artisti, anch’essi cinesi e diverse testimonianze. Tutti gli artisti partecipano a titolo gratuito, come segno di amicizia e di apertura al rione.

Posted in Confronti/Your opinions, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al Maschio Angioino di Napoli

Posted by fidest press agency su sabato, 13 giugno 2009

miseno“Miseno”, una mostra dell’artista Vincenzo Aulitto  dedicata al mito di Enea nei Campi Flegrei  La mostra resterà aperta fino al 29 giugno e osserverà i seguenti orari: dalle 9 alle 19 dal lunedì al sabato. Ultimo orario utile per l’entrata: ore 18. Il catalogo, edito da inac/ulisse & calipso, contiene testi di Vitaliano Corbi, Erri De Luca, Anita Pepe e Aniello Montano, poesie di Mimmo Grasso e Mariella Tafuto, un’intervista di Diana Gianquitto, un profilo di Nicola Magliulo. Le foto sono di Fabio Donato. La mostra ha per tema il mitico promontorio che prende il nome dal trombettiere di Enea, morto, secondo la leggenda, nelle acque del golfo di Pozzuoli (una leggenda italica che Virgilio inserisce nel sesto libro dell’Eneide, vv.226). Miseno osa sfidare Tritone nel suono della tromba, per questo viene punito dagli dei e fatto annegare in mare; il corpo viene subito ritrovato ed Enea, angosciato dalla morte dell’amico, organizza un solenne funerale (il profilo del monte somiglia a un tumulo). In seguito a questo evento e secondo la profezia della Sibilla cumana l’eroe troiano trova nel vicino bosco il ramo d’oro che gli permetterà di accedere all’Ade nell’Averno. Il promontorio di Miseno, da sempre, si dispiega in tutta la sua bellezza davanti alla finestra del mio studio, ed è un’immagine che fa ormai parte della mia quotidianità. Da me è stato “rappresentato” in tanti modi, non solo per le sue caratteristiche estetiche e naturalistiche, ma anche perché Miseno rappresenta, come tutte le montagne, l’altura, simbolo della ricerca spirituale dell’uomo. Nella mostra verrà presentato un video che riprende una tromba che affonda nel mare lentamente (metafora di questi nostri giorni?). Il video è stato realizzato in collaborazione con Costantino Sgamato, giovane vincitore di “A corto di donne”, rassegna cinematografica napoletana, e la colonna sonora è di Walter Maioli, autore delle musiche antiche nel film “Il gladiatore”. (miseno)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pasquetta… nel 1800

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 aprile 2009

pasquetta13 aprile 2009 Castello di Bardi (PR), rievocazione tra storia e leggenda. Un castello arroccato su uno sperone di diaspro, una leggenda più suggestiva dell’altra, e una spettacolare rievocazione in bilico tra storia e mito. E’ il Castello di Bardi (PR) il lunedì di Pasqua, sabato 13 aprile 2009. In questa giornata di festa sembrerà di tornare indietro di almeno un centinaio d’anni in un batter d’occhio, e la Fortezza comparirà come se l’orologio del tempo si fosse fermato al 1800. Verranno rievocati alcuni aspetti della vita ottocentesca: le battaglie, le feste a corte e nelle piazze, i balli delle dame con abiti sfarzosi ed evocativi, che raccontano di languidi amori lontani… Negli spazi all’aperto del castello sarà allestito un piccolo mercatino in stile. L’ingresso per gli adulti costa 9 euro e per i bambini dai 6 ai 14 anni 6 euro e la manifestazione si svolge tra le 10 e le 19. (foto pasquetta)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Renato Di Lorenzo e il suo nuovo romanzo

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 marzo 2009

angeli“La leggenda narra – scrive Di Lorenzo -che se scrivi ventun numeri, può essere che sia un angelo a dettarteli. Aleksia, la protagonista del mio romanzo Rosengade 39 (Mursia), in libreria, ha scoperto come fare a dimostrare che effettivamente è questo che ti è accaduto e il come fare lo spiega nel romanzo.  Inoltre ti manderà il foglio di lavoro Excel con le istruzioni per imparare a fare il test tu stesso. Ma mi dice anche che tu dovrai ricordarle qual è lo strano posto nel quale lei e Jud hanno fatto l’amore la prima volta (è scritto nel romanzo, naturalmente)”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »