Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘librerie’

In uscita nelle migliori librerie e online la seconda ristampa di “Raistereonotte”

Posted by fidest press agency su domenica, 11 aprile 2021

Iacobelli Editore A cura di Giampiero Vigorito con la partecipazione dei conduttori di Raistereonotte Prefazione di Carlo Massarini. A distanza di quattro mesi dalla prima edizione pubblicata nel mese di dicembre e fin dagli inizi del 2021 in testa alle classifiche di settore dei maggiori store digitali (tra cui IBS, Amazon, Mondadori, Feltrinelli e Libraccio), da lunedì 12 aprile torna nelle migliori librerie e negli store digitali “Raistereonotte – Il libro” (Iacobelli Editore, 2020), a cura del giornalista Giampiero Vigorito e con la partecipazione dei conduttori della trasmissione radiofonica in onda sulle frequenze Rai dal 1982 al 1995. Tre edizioni, circa 4000 copie vendute: questo libro racconta la storia della celebre trasmissione radiofonica che ha segnato più di un decennio nell’evoluzione della stereofonia in Italia e tuttora costituisce un punto di riferimento per intere generazioni di ascoltatori che non hanno mai dimenticato il nome di quella radio accesa nel cuore della notte. Dopo il successo della prima edizione, esaurita sulle piattaforme online nei primi dieci giorni, il libro (320 pagine, 20 euro) ha nuovamente superato le aspettative nella versione distribuita a febbraio e giunge in primavera a una nuova ristampa accompagnato dal forte sostegno di una comunità virtuale che sul gruppo Facebook ha quasi sfiorato i diecimila iscritti.Con la prefazione di Carlo Massarini, la storia del programma, nato molto prima dell’avvento dei social network, viene ricostruita grazie alle testimonianze condivise dai conduttori che si sono alternati per 14 anni ai microfoni degli studi di registrazione in via Po a Roma. Allora come oggi, hanno partecipato raccontando nel libro un aneddoto personale e i retroscena più curiosi di quegli anni le voci storiche del programma: Ernesto Assante, Stefano Bonagura, Marco Boccitto, Giuseppe Carboni, Alberto Castelli, Luciano Ceri, Marco Cestoni, Massimo Cotto, Carlo De Blasio, Teresa De Santis, Patrizia De Rossi, Emiliano Li Castro, Felice Liperi, Stefano Mannucci, Massimo Mapelli, Max Prestia, Alex Righi, Enrico Sisti, Fabrizio Stramacci e Ida Tiberio. Da Renzo Arbore a Claudio Baglioni, da Ligabue a Fiorella Mannoia, più di 40 firme “eccellenti” provenienti dalla musica, dall’editoria, dalla tv e dalla radio hanno inoltre voluto prendere parte al progetto per rievocare sulla carta il ricordo di un programma “entrato davvero attraverso la porta principale dell’immaginario collettivo – dice il curatore Giampiero Vigorito – e che ha scavato un solco nel cuore di quelle creature della notte che hanno dedicato alla musica le ore che li accompagnavano nello studio, nel lavoro, negli impegni notturni facendo delle loro notti una dimensione dell’anima”. Ad arricchire il libro, corredato da un inserto a colori di 32 pagine, un centinaio di commenti degli ascoltatori che hanno supportato il progetto editoriale di Raistereonotte sin dalla genesi maturata nei mesi del primo lockdown condividendo attraverso la community i ricordi di una trasmissione che rimane dopo quarant’anni una intramontabile trasmissione di culto.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Le librerie restano aperte in tutta Italia, anche nelle zone rosse”

Posted by fidest press agency su sabato, 21 novembre 2020

A margine del lancio di #ioleggoperché, la grande iniziativa sociale dell’Associazione Italiana Editori per il potenziamento delle biblioteche scolastiche che interesserà in tutta Italia, dal 21 al 29 novembre, 2577 librerie in cui gli italiani potranno donare un libro per le 13.111 scuole aderenti al progetto, il presidente di AIE Ricardo Franco Levi e il presidente di ALI (Associazione Librai Italiani aderente a Confcommercio) Paolo Ambrosini ricordano a tutti che “dove è possibile la vendita al dettaglio i libri sono una categoria autorizzata. Le librerie quindi restano aperte, anche in zona rossa, per #ioleggoperché ma anche per anticipare già ora i regali di Natale, come abbiamo suggerito con la campagna congiunta AIE-ALI “Pensaci subito non fare le code. In libreria il Natale è già iniziato”.Uscite di casa e per entrare in libreria (in sicurezza) basta compilare l’autocertificazione”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Edizione 2020 di ioleggoperchè

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 novembre 2020

Più di 2milioni e mezzo di bambini e ragazzi coinvolti, oltre 13mila scuole, più di 2500 librerie mobilitate e aperte su tutto il territorio nazionale: sono questi i numeri straordinari dell’edizione 2020 di #ioleggoperché, il grande progetto sociale promosso e coordinato dall’Associazione Italiana Editori (AIE) per la creazione e il potenziamento delle biblioteche scolastiche.L’iniziativa – che entrerà nel vivo dal 21 al 29 novembre – è sostenuta dal Ministero per i Beni e le attività culturali per il Turismo – Direzione generale Biblioteche e Diritto d’Autore, dal Centro per il libro e la lettura del MIBACT, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione – Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento, con l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB), l’Associazione Librai Italiani (ALI), con il Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai (SIL), con il patrocinio del Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Informazione ed Editoria e con il supporto di SIAE – Società Italiana Autori ed Editori.Dal 21 al 29 novembre prossimi, nelle oltre 2500 librerie che hanno aderito al progetto, tutti gli italiani potranno donare un libro a una scuola, scegliendo un titolo che ritengono immancabile in una biblioteca scolastica tra quelli suggeriti dagli istituti (attraverso la piattaforma ogni scuola ha infatti comunicato alla libreria gemellata i propri desiderata, fornendo così un utile suggerimento a chi vuole donare) o semplicemente in base alle proprie preferenze. Nell’anno difficile del Covid sul sito ioleggoperche.it sarà possibile, eccezionalmente, donare anche a distanza: circa la metà delle librerie ha infatti segnalato modalità alternative di donazione rispetto all’ingresso fisico nei punti vendita: “Nell’anno dell’emergenza e della difficoltà essere qui non era scontato ma era la nostra grande sfida proprio per essere al fianco delle scuole – ha sottolineato il presidente dell’AIE, Ricardo Franco Levi -. Il nostro progetto, forte della consapevolezza del ruolo insostituibile delle biblioteche scolastiche nel contribuire a garantire eque possibilità di lettura e istruzione a tutti gli studenti, ha portato fino a ora oltre 1milione di libri nelle scuole. Ce l’abbiamo messa tutta, siamo riusciti ad arrivare ancora una volta qui, soprattutto grazie al sostegno delle Istituzioni, e ancora una volta la risposta è stata sorprendente: in poco più di un mese e mezzo oltre 13mila scuole si sono iscritte, pari a 2milioni e mezzo di bambini e oltre 114mila classi coinvolte. Ora possiamo fare, tutti insieme, ancora di più: doniamo un libro alle scuole dal 21 al 29 novembre”. “Vorrei ringraziare AIE e tutti coloro che hanno contributo a vario titolo a questa edizione di #ioleggoperché – ha commentato il Ministro per i Beni e le attività culturali per il Turismo, Dario Franceschini -. Sarà un’edizione diversa dalle altre, come è diversa questa stagione di emergenza che ci ha costretto a vivere molte cose in modo inaspettato. In ogni crisi resta però una traccia positiva: il lockdown ci ha fatto riscoprire spazi di silenzio e non a caso molti hanno riscoperto il piacere della lettura. Credo che questo resterà: chi si avvicina a una cosa così splendida se la porta dietro per tutta la vita. Credo dovremo investire su questo. E credo che ormai molte persone, anche decisori politici, abbiano capito l’importanza che ha nelle nostre società – e in particolare in Italia – l’investimento in cultura”.“La lettura ci unisce, anche nei momenti più difficili. – ha sottolineato il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina -. “Un libro unisce sempre”, come recita il vostro slogan. Per questo sposo con entusiasmo l’iniziativa #IoLeggoPerché, che ha il nobile intento di promuovere la cultura e che contribuisce a garantire maggiori opportunità di lettura a tutte le studentesse e tutti gli studenti. Ringrazio l’Associazione Italiana Editori, che ogni anno la organizza ricevendo un largo sostegno da parte di Enti, Istituzioni, di docenti, dirigenti, librai, studenti, famiglie. Donare un libro ad una scuola o ad una biblioteca vuol dire lasciare che un seme germoglierà altrove, infinite volte. Mi auguro per questo una larga partecipazione”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Racconti e interviste con le librerie fotografiche di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 giugno 2020

Panzoo, dal 2014, raccoglie dati sulla fotografia romana, li condivide, informa sulle attività di musei, gallerie, associazioni fotografiche, mappa i luoghi della fotografia. Negli ultimi anni è stato rilevato un rapido incremento del numero delle librerie fotografiche romane che sono cresciute quantitativamente in breve tempo, legandosi contemporaneamente alla crescita dell’editoria fotografica. Partendo da tali analisi e mappature, Panzoo ha avviato il progetto “Dialoghi con le librerie”: nato con l’intento di raccontare le storie di librai coraggiosi e appassionati, si è presto trasformato anche in una webzine, disponibile già sul sito web di Panzoo. Le librerie fotografiche romane sono piccoli e vivaci mondi creativi dove circolano energia, passione, competenza; sono, inoltre, molto differenti tra loro perché differenti i percorsi di formazione dei loro fondatori, le offerte (di libri e di servizi) e gli obiettivi. C’è chi fa ricerca sui “nuovi linguaggi”, sulla “fotografia d’avanguardia”; oppure c’è chi è specializzato nella fotografia “trouvè”, nella “fotografia anonima e famigliare”. C’è chi si occupa “della materia di cui sono fatti i libri”, chi di consulenza editoriale, iconografica e bibliografica, di libri rari e da collezione e chi si prende cura di una biblioteca di 4000 volumi.
Ma al di là delle evidenti differenze, qualcosa le avvicina: il confortevole clima che si produce al loro interno. Ognuna è un piccolo salotto dove il libro non è solo merce da vendere, ma principalmente è uno strumento di dialogo, di confronto e di moltiplicazione dei punti di vista sul mondo. In ogni libreria non si trovano semplicemente libri, ma esperienze, punti di vista, occasioni, stimoli: intorno al libro fotografico ogni libreria offre una varietà di servizi che danno la misura della complessità di questo settore – consulenza, formazione, ricerca bibliografica e iconografica, fotografie. Il libro fotografico, infatti, negli ultimi anni ha avuto una trasformazione radicale: non più semplice catalogo o contenitore di belle immagini, ma, a partire dalle storiche sperimentazioni di William Klein, Edward Ruscha, Daido Moryiama, ecc. è diventato territorio di ricerca e innovazione, sia dal punto di vista dei contenuti, sia dal punto di vista del design. Il libro fotografico ha conquistato spazio crescente nelle principali fiere del libro d’arte e nelle fiere della grafica; è presente dal 2017 con uno spazio specifico, The Photobook Cloud, alla Fiera della piccola e media editoria, Più libri più liberi. Il libro fotografico si è conquistato spazi dedicati all’interno di fiere d’arte (Arte Fiera Bologna – Printville), di fiere di fotografia (Paris Photo; MIA Milano; Unseen Amsterdam) e di festival fotografici (Les Rencontres des Arles; Cosmos; Festival Fotografia Europea Reggio Emilia; Cortona On The Move che ha promosso un Dummy Award); per arrivare ai Festival dedicati specificamente all’editoria fotografica come Vienna Photo Book Festival (dal 2013), Fiebre Photobook Madrid (dal 2013), Gazebook Punta Secca, Ragusa (dal 2015); e più recentemente ai Festival dedicati alla microeditoria e alle fanzine: Funzilla Roma (dal 2015); Menabò Bologna (atteso per l’autunno 2020). Nell’ultimo decennio c’è stata anche una crescita verticale del mercato indipendente costituito da piccoli editori e selfpublisher, che, nonostante un mercato sempre più saturo, ha determinato complessivamente una evidente crescita qualitativa dei prodotti.
Per raccontare questi mondi così ricchi e stratificati, Panzoo ha strutturato interviste modulari, con macro-temi uguali per tutti – storia della libreria/biografia, l’identità, i clienti, la libreria/i libri, il punto di vista del libraio – in modo da poter leggere trasversalmente le interviste, mantenendo allo stesso tempo una struttura aperta. Le interviste sono state presentate ai librai e successivamente raccolte da Chiara Russo Spena e da Rubina Postiglione, attive con il blog The Art Place Mag. Le librerie intervistate sono: b.strO’F, Leporello, Libreria Marini, ONEROOM, Paper Room, Senza Titolo. La webzine, curata nella grafica e infografica da Studio Mistaker, è visionabile e scaricabile sul sito http://www.panzoo.it

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Riaprire le librerie è un primo passo”

Posted by fidest press agency su sabato, 11 aprile 2020

“Perché il mondo del libro possa tornare alla normalità e uscire dalla gravissima crisi nella quale tutti ci troviamo. Per questo, sono indispensabili gli aiuti di emergenza che insieme, editori e librai, abbiamo chiesto e che confidiamo siano immediatamente messi in campo con il prossimo provvedimento di sostegno all’economia”. Così il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi commenta positivamente la scelta di consentire la riapertura già dopo Pasqua. “Naturalmente – conclude Levi – spetta alle singole librerie l’ultima parola sulla riapertura dei loro esercizi, a tutela della salute dei clienti e dei librai, valore primario per noi tutti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esce il 9 aprile nelle librerie italiane Cous cous blues

Posted by fidest press agency su martedì, 17 marzo 2020

E’ il primo vero lavoro editoriale del giornalista palermitano Dario La Rosa. Scritto interamente al cellulare e ricco di profumi, scorci e sapori che solo la Sicilia sa donare, il libro è un concentrato di ironia e leggerezza in stile “giallo”. E il suo personaggio, Iachìno Bavetta, è già pronto a farsi amare per la sua sincerità e la voglia di creare uno spirito di “famiglia”.Iachìno Bavetta è un giornalista di satira. Ha appena fondato la rivista Ulapino, quando una morte improvvisa colpisce proprio il proprietario del mezzo a tre ruote avuto in prestito per lanciare la pubblicazione. Con il compare Gerlando, Iachìno si trova quindi invischiato in un intrigo da risolvere. In mezzo ci sono i profumi di Palermo, dei vicoli e del mare, uniti alle gustose ricette che ama preparare alla sua donna, Carmela, e ai suoi due figli.Dalle strade di Palermo alle limpide acque di Favignana per una pasta coi ricci e un nuovo caso da risolvere il passo è breve, sino ad arrivare a un borgo di montagna in cui volano i grifoni e si produce una salsiccia al pepe rosa. Con il suo fidato bassotto Arturo, un pizzico di fortuna e tanta ironia Iachìno cerca di far luce su omicidi e stranezze di cui la Sicilia è ricca.Dario la rosa ci racconta la sua Sicilia ricca di profumi, misteri e tanto buon cibo. Attraverso i tre racconti, che vedono lo stesso protagonista al centro dei tre misteri, l’autore ci porta con lui alla scoperta dei vicoli di Palermo a bordo del folkloristico lapino, dei fondali del mare che circonda Favignana e la famosissima Cala rossa, dei boschi dei Nebrodi e della loro popolazione di Grifoni.
Dario La Rosa, nato nel 1980 a Palermo, è giornalista. Ha pubblicato per diletto racconti e altri scritti. Cous Cous Blues è il suo primo vero lavoro editoriale. Con lopseudonimo Pablo Dilet si occupa di comunicazione per l’ambiente e tematiche sociali con il linguaggio dell’arte contemporanea. È già al lavoro per tornare a far vivere sui libri il personaggio di Iachìno Bavetta. Editore: bookabook – Prezzo: 14,00€ Disponibile in e-book.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come vi amo grandi e piccoli lettori

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 gennaio 2018

libriDi tanto in tanto mi sorprendo nel passare in rassegna, con lo sguardo, i mei libri raccolti in due ampie librerie, in una étagère in camera da letto e altri sparsi qua e là per la casa. E mi chiedo sconsolato: dopo di me a chi andranno? Già immagino il carretto dell’ambulante con la sua scorta di libri vecchi, dalle copertine lacere e macchiate e tra questi, perché no?, uno o più dei miei libri. Un pomeriggio ho seguito un giovane che mi precedeva lungo le rampe di casa con un pacco di libri e con somma mia sorpresa li ha buttati nel cassonetto. Chi lo conosceva mi disse che era uno studente universitario e che da poco si era laureato. Con molta probabilità si era disfatto dei testi che non era riuscito nemmeno a vendere di seconda o terza mano. Un mio conoscente, invece, mi confidava sua moglie, dopo aver letto un libro lo butta. E’ che, purtroppo, si fa fatica a leggere in cartaceo impegnati come siamo con lo smartphone e aggeggi elettronici del genere. Nella migliore delle ipotesi la lettura è con gli e-book evitando così anche il fastidio di disfarsene fisicamente.
Ma se mi capita d’incontrare sul tram o seduto in panchina nei giardinetti una persona intenta a leggere un libro mi rincuoro e se mi è possibile cerco di osservarla discretamente finché non lo ripone in una sacca dopo aver sistemato con una certa attenzione il segnalibro tra le pagine. E al mio rientro a casa mi faccio cogliere con un sorrisetto pensando alla scenetta che accuratamente ho memorizzato a futura memoria. So bene che in passato vi erano dei grandi lettori e mi chiedo se oggi ve ne siano ancora sparsi nel mondo. Un mio amico, uomo di mondo, mi assicura che ve ne sono. “Non puoi immaginare, mi dice, le tante biblioteche private sparse nel mondo e la cura che i loro proprietari ripongono nel conservarli, nel leggerli e nel catalogarli. Vanno ancora in giro tra le bancarelle alla ricerca di un pezzo raro, di antica fattura o anche recente purché sia pregevole, per via dell’autore, ma lasciato languire perché démodé.” Come vi amo grandi e piccoli lettori. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dammi tutto il tuo male

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 luglio 2017

matteo ferrarioDal 31 agosto in libreria è in uscita il libro “Dammi tutto il tuo male” di Matteo Ferrario (Harper Collins Italia pag. 288). C’è un momento all’imbrunire in cui tutti i rumori della giornata si attutiscono e cala un silenzio perfetto. È il momento in cui sul prato scende l’oscurità e si accendono le mille luci delle lucciole. Come ogni sera, Viola, una bambina di quasi sei anni, attende quel momento abbracciata a suo padre Andrea sotto la veranda della loro casa. Aspetta le lucciole, ma non solo. Aspetta il ritorno della persona più importante della sua vita: sua madre Barbara. Aspetta invano, ma questo solo Andrea lo sa.
Andrea ha quarant’anni ed è un uomo normale, con una vita normale. Fa il bibliotecario e, da quando la sua compagna Barbara non c’è più, cresce da solo sua figlia, come un adulto responsabile può e deve fare. Ma Andrea non è soltanto un uomo normale e un padre premuroso. È anche un assassino. Barbara e Andrea si erano conosciuti a un esclusivo party milanese e da quel momento erano diventati inseparabili. Barbara, una tatuatrice dalla bellezza androgina, dura e sfuggente, si era illusa di trovare in lui l’unica persona al mondo che potesse salvarla. Ma salvarla da cosa? E perché la donna è sparita poco dopo la nascita di Viola? Andrea è l’unico a conoscere la verità. Una verità oscura e inconfessabile, nascosta in una fitta boscaglia di silenzio, omertà e dolore.
Andrea ha ucciso, ma non è pentito. Perché si può uccidere per odio. Ma, a volte, si può anche uccidere per amore. Questa è una storia che parla del nostro lato buio.
È la storia struggente di un padre, di una figlia e di un amore che porta alle estreme conseguenze. È una storia che scuote le coscienze, e non in senso figurato.
Dammi tutto il tuo male è un romanzo sulle nostre paure più inconfessabili. Sulla labilità del confine tra il bene e il male. E la voce di Matteo Ferrario, chirurgica e affilata, ha la forza di metterci di fronte all’evidenza che tutti noi siamo capaci di superarlo.
Sono un padre e un assassino, e dopo tanti anni non ho ancora capito se devo essere grato a Barbara oppure odiarla, perché senza di lei non mi sarei scoperto capace di nessuna delle due cose. Ma non ha più molto senso porsi problemi del genere, adesso che tutto è finito. Il caso è ufficialmente chiuso da anni, e anche nell’eventualità remota in cui si decidesse di riaprirlo, e per la prima volta diventassi un sospettato, non si troverebbe una sola prova a mio carico.
Matteo Ferrario: Nato nel 1975. Architetto, giornalista e traduttore. Ha scritto due romanzi: Buia(2014) e Il mostro dell’hinterland (2015). (foto: matteo ferrario)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

13milioni di italiani vivono in Comuni senza una libreria

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

amazon-libriEsistono oggi circa 13milioni di italiani che vivono in comuni senza una libreria. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) presentata oggi a Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria che si conclude oggi al Palazzo dei Congressi dell’EUR a Roma.
L’indagine evidenzia come il 21,1% della popolazione residente in comuni con più di 10mila abitanti non ha una libreria vicino (sono esclusi i comuni dove possono esserci cartolibrerie, edicole-negozio, centro commerciale con librerie come bacino di attrazione del comune). Detta in altro modo esistono oggi in Italia 687 Comuni sopra i 10mila abitanti, l’8,6% del totale, che non hanno una libreria. Nelle Isole e nel Sud la percentuale di assenza di librerie si alza: il 15,1% dei Comuni delle Isole (+10mila ab.) delle Isole e ben il 33,3% di quelli del sud (+ di 1 su 3!) è senza librerie. Ma questo è vero anche per il Nord est, in cui il 20,5% (1 su 5!) è senza librerie”.
Non appare più rosea la situazione sul fronte delle biblioteche scolastiche: circa mezzo milione (486.928) di ragazzi frequenta scuole senza biblioteche scolastiche. Sono 262mila nella scuola primaria, 147mila nella secondaria di primo grado e 77mila nella secondaria di secondo grado. Circa 3,5milioni di studenti frequenta scuole con un patrimonio librario inferiore alla media, con conseguente e ridotta possibilità di scegliere cosa leggere. E stiamo parlando di medie di patrimoni bibliotecari che oscillano – a seconda degli ordini scolastici tra 1.500-3.500 volumi.
Esiste una correlazione tra assenza di librerie e indici di lettura? “A giudicare dai dati, sì – spiega il responsabile dell’Ufficio studi AIE, Giovanni Peresson – Nelle aree metropolitane e centri urbani maggiori (+50.000 abitanti) – dove il tessuto di librerie, ma anche di servizi bibliotecari, è più fitto e solido – gli abitanti residenti che si dichiarano lettori di libri sono, rispettivamente, il 51,1% e il 44,4%. Già nelle periferie delle aree urbane questo valore scende al 42,8% (nonostante la relativa facilità di spostamenti verso le aree centrali della città). Poi l’indice di lettura cala al calare della dimensione del centro urbano: 38,1% nei comuni tra 10-50mila abitanti; 39% in quelli da 2-10mila; fino al 35,4% nei comuni (e sono tanti) fino a 2mila residenti. E non è un caso che le perdite maggiori di lettori negli ultimi 5 anni sia avvenute nei piccoli centri (-15,3%, rispetto a una perdita media nazionale del -9,1%). Mentre nelle aree metropolitane questo calo si è arrestato al -3,1% ma per risalire al -5,1% nelle periferie”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guida alle librerie indipendenti di Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2011

Roma 17 febbraio, alle ore 18, presso il Caffè Letterario in Via Ostiense 95, NdA Press presenta la prima “Guida alle librerie indipendenti di Roma”, un grande viaggio nel mare della città, alla scoperta delle librerie più belle e insolite della Capitale. Una guida “scritta a piedi” visitando, una per una, 105 librerie romane. Da quelle piccole e stipate come gusci di noce,  ai bookshop lucidi e “stilosi”, con tanto di caffetteria e wine bar. Parecchie sono generaliste, altrettante specializzate nelle discipline più curiose: erotismo, storia militare, moda o culture orientali. Realtà diverse con una missione precisa: distinguersi dai megastore del libro dando voce ai piccoli autori ed editori, al servizio di una vera democrazia culturale.  Le librerie indipendenti funzionano, inoltre, come centri di aggregazione sociale, soprattutto in periferia e per alcune comunità di immigrati che le scelgono come luoghi in cui incontrarsi e ritrovare le proprie radici linguistiche.  Eppure queste librerie fanno fatica a sopravvivere: nomi storici hanno dovuto chiudere i battenti sopraffatti dal caro-affitti e penalizzati dall’impossibilità di effettuare sconti equiparabili a quelli praticati dalle grandi catene.  Ad arricchire il dibattito, oltre alle autrici e ad alcuni librai, interverrà Andrea Satta, autore dell’introduzione dell’opera e voce dei Tetes de Bois, band romana che ha fatto dell’indipendenza il suo marchio di fabbrica.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »