Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 60

Posts Tagged ‘libro bianco’

Libro bianco “Dalla Medicina di genere alla Medicina di precisione”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 dicembre 2019

Il volume fa un quadro sull’evoluzione e l’applicazione della Medicina di Genere contemplando diversi ambiti – clinico, farmacologico, accademico, sanitario – ed è pubblicato nell’anno di emanazione del Piano nazionale per l’applicazione e diffusione della Medicina di genere, primo in Europa. L’evoluzione verso la medicina di precisione è fondamentale per garantire le migliori cure al singolo paziente e la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale.L’approfondimento clinico conferma che le donne soffrono di depressione da 2 a 3 volte più degli uomini, ma meno di malattie cardiovascolari (3,5 vs 4,9%) che però rappresentano la loro prima causa di morte. Quanto ai tumori il loro sistema immunitario più reattivo le predispone a migliori outcome terapeutici. Una speciale attenzione è rivolta alla medicina del lavoro: con la riduzione del gap lavorativo, è importante considerare le differenze genere specifiche rispetto al rapporto ambiente di lavoro e salute. Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro riguardano maggiormente gli uomini (72,1 vs 27,9% e 67,1 vs 32,9% rispettivamente) anche se gli infortuni in itinere, durante il tragitto, coinvolgono più spesso il genere femminile (22,7 vs 10,4%).
La diversità tra uomo e donna si può riflettere in diverse condizioni di salute. Le donne, ad esempio, soffrono di depressione da 2 a 3 volte più degli uomini, non solo per fattori biologici, quali il ciclo ormonale e l’effetto degli estrogeni, ma anche sociali, come il multitasking femminile e il conseguente stress e la violenza di genere. Al contrario, le malattie cardiovascolari, considerate quasi esclusivamente appannaggio del sesso maschile, che in effetti ne è più colpito rispetto alle donne (4,9 vs 3,5%), rappresentano la prima causa di morte delle donne (48 vs 38% per gli uomini). Alla base, c’è innanzitutto un impatto maggiore di alcuni fattori di rischio, quali fumo e diabete che ne causa una prognosi peggiore. Seppur le donne fumino in media meno degli uomini (14,9 vs 24,8%), a loro basta fumare un terzo delle sigarette dell’uomo per avere lo stesso rischio cardiovascolare; inoltre, la donna con diabete ha un rischio cardiovascolare superiore del 44% rispetto all’uomo con pari compenso glicemico. Anche la maggior prevalenza femminile di malattie autoimmuni ed endocrine (da 2 a 50 volte più frequenti nelle donne), depressione e stress associato al nuovo ruolo sociale della donna concorrono al maggior impatto delle malattie cardiovascolari.Questi alcuni dei dati che emergono dal Libro bianco “Dalla Medicina di genere alla Medicina di precisione”, realizzato da Fondazione Onda grazie al supporto di Farmindustria, presentato oggi a Roma. “La Medicina di genere si basa sulle diverse caratteristiche biologiche, ma anche fattori ambientali, socio-relazionali, economici e culturali, che influenzano lo stato di salute, la diagnosi, la cura oltre che l’attitudine alla prevenzione di uomini e donne. La Medicina di genere non va intesa come una branca della Medicina, ma come un approccio da applicare a tutte le discipline mediche, tra le quali anche la Medicina del lavoro” afferma Francesca Merzagora, presidente Fondazione Onda.
Nel nostro Paese l’approccio della Medicina di genere è ormai consolidato. È presente, infatti, la rete italiana per la Medicina di genere, nata dall’alleanza del Centro Studi Nazionale su Salute e Medicina di genere con il Centro di Riferimento sulla Medicina di genere dell’Istituto Superiore di Sanità e il Gruppo Italiano Salute e Genere (GISeG), che promuove grazie al coinvolgimento di Società Scientifiche, Istituzioni, Medicina Generale e Collegi Professionali programmi attività informative e formative sulla Medicina di genere rendendo l’Italia uno dei Paesi con una maggiore sensibilità al tema. Un ulteriore elemento che pone il nostro Paese all’avanguardia in Europa, è l’adozione del Piano per l’applicazione e la diffusione della Medicina di genere, nato dall’impegno congiunto del Ministero della Salute e del Centro di riferimento per la Medicina di genere dell’Istituto Superiore di Sanità, con l’obiettivo di promuoverne la diffusione basandosi su 4 principi (approccio interdisciplinare, ricerca, formazione e aggiornamento professionale, informazione).
“La Medicina di precisione è nata e si sta sviluppando insieme al numero di informazioni genetiche e molecolari via via disponibili – dice Alessandra Carè, responsabile Centro di riferimento per la medicina di genere, Istituto Superiore di Sanità. L’identificazione di molecole che, quando deregolate, possono predisporre e/o causare l’insorgenza di una patologia, rappresenta infatti uno step indispensabile per sviluppare farmaci in grado di colpire in modo specifico ed efficiente le proteine bersaglio, con maggiore efficacia, minori effetti avversi e, di conseguenza, una riduzione dei costi. Da non trascurare per un approccio terapeutico veramente ‘su misura’, sono le possibili differenze di sesso e genere presenti in molte malattie. Sebbene siano già stati ottenuti risultati importanti, in particolare in oncologia, la strada da percorrere per individuare la terapia giusta per ciascun paziente sarà ancora lunga e richiederà un grande impegno da parte di tutti noi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione Libro Bianco 2018 “Caregiving, salute e qualità della vita”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 novembre 2018

Roma, 29 novembre 2018 h. 11.30 Camera dei Deputati – Sala conferenze stampa – Via della Missione, 4 Dal 2007 Onda, grazie al supporto di Farmindustria, pubblica il Libro bianco sulla Salute della Donna con l’obiettivo di presentare un quadro completo e aggiornato sullo stato di salute della popolazione femminile italiana.La sesta edizione è dedicata al tema del caregiving che riguarda oltre 8,5 milioni di italiani, per lo più donne, che si dedicano alla cura dei propri cari sopportando costi elevati soprattutto in termini di salute fisica e psichica nonché di vita sociale e lavorativa. Il progressivo invecchiamento della popolazione e il contestuale incremento delle cronicità rendono il fenomeno di estrema attualità. Intervengono
Sen. Nunzia Catalfo, Presidente Commissione Lavoro, Senato della Repubblica
On. Marialucia Lorefice, Presidente Commissione Affari Sociali, Camera dei Deputati
On. Rossana Boldi, Vicepresidente Commissione Affari Sociali, Camera dei Deputati
Sen. M. Cristina Cantù, Vicepresidente Commissione Igiene e Sanità, Senato della Repubblica
Sen. Paola Boldrini, Membro Commissione Igiene e Sanità, Senato della Repubblica
Sen. Maria Rizzotti, Membro Commissione Igiene e Sanità, Senato della Repubblica
Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere
Alberto Pilotto, Direttore Dipartimento Cure Geriatriche, OrtoGeriatria e Riabilitazione – Area delle Fragilità, E.O. Ospedali Galliera, Genova
Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria
Vincenzo Silani, Direttore U.O. Neurologia e Stroke Unit, IRCCS Istituto Auxologico Italiano, Milano
Testimonianza di un caregiver familiare: Giovanni Bonavia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Secondo Libro Bianco sulle carceri Lombarde

Posted by fidest press agency su domenica, 2 settembre 2018

Se non è zuppa è pan bagnato. La riforma Orlando proposta e non approvata dal governo Gentiloni è stata seguita da quella cestinata dal Governo Conte ma il risultato è lo stesso col governo del cambiamento e col governo che è stato cambiato.A fronte di una situazione grave nulla è stato fatto per riportare le carceri italiane nell’alveo della costituzione più bella del mondo.
Ecco quindi che la grave mancanza di agenti penitenziari di Lecco (meno 15%) e Mantova (meno 26%) tenendo conto del personale in più che servirebbe in base al sovraffollamento va a meno 41% e a meno 44% e gli educatori a Lecco (meno 50%) e vanno a meno 65% e 38%.Il record del sovraffollamento va a Vigevano col 68% Seguono Opera al 46% e Lecco al 43%.Sempre Lecco deve gestire il 62% di detenuti tossicodipendenti, dovendo quindi svolgere il lavoro di una comunità di recupero essendone privo dei mezzi. Più ridotta per fortuna la presenza di pazienti psichiatrici.Purtroppo a seguito di un provvedimento del Ministero della Giustizia quando il titolare era Orlando sono stati bloccati i questionari che sottoponevamo agli istituti che visitevamo, per cui questo anno molti dati non sono disponibili, e ne risulta carente la sezione del libro bianco sul lavoro.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce Folder

Posted by fidest press agency su martedì, 2 giugno 2009

E’ il Forum Liberal Democratico per l’Economia e le Riforme, un’associazione indipendente, composta da parlamentari, studiosi e professionisti, che hanno un obiettivo comune: promuovere studi, ricerche, note tecniche, workshop, dibattiti e convegni sui principali temi economici, sociali e istituzionali per il rilancio del sistema Paese. Folder è il serbatoio di pensiero che Italia dei Valori ha come riferimento per i temi della nostra economia, sulle riforme, una base economica e programmatica da cui partire per rilanciare il sistema economico del Paese e costruire un’alternativa di Governo.  Folder nasce oggi con il battesimo de “ Il Libro Bianco su un anno di Governo Berlusconi”, un rapporto di 60 pagine, che è possibile scaricare gratuitamente, una raccolta precisa e dettagliata di tutte le menzogne e le scelte economiche inadeguate di questo Governo, costate miliardi di euro ai contribuenti. Dal caso Alitalia, costato 4 miliardi di euro alle casse dello Stato, alle promesse non mantenute sulla riduzione delle tasse. E poi ancora, dagli investimenti promessi e non mantenuti sulle infrastrutture, alla scelta scellerata di abolire le leggi anti-evasione fiscale. Per finire, con i casi eclatanti della Robin tax, che ha aumentato la tassazione di due punti percentuali, e della Scip 2, la mega operazione di svendita degli immobili pubblici, che si è chiusa con un saldo negativo di 1,7 miliardi di euro. Il Centro studi Folder porterà avanti una forte azione di semina culturale. E’ la risposta di responsabilità di Italia dei Valori ai cittadini: costruire un’alternativa programmatica per un modello di governo riformista, liberale e solidale di cui Italia dei Valori sarà promotore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »