Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘Libya’

Khalifa Haftar, Libya’s strongest warlord, makes a push for Tripoli

Posted by fidest press agency su domenica, 7 aprile 2019

KHALIFA HAFTAR’S decision would be troubling enough under normal circumstances. On April 4th Libya’s strongest warlord ordered his men to march on Tripoli. His self-styled Libyan National Army (LNA) already controls the east and took the south in a lightning offensive earlier this year. Now it turns to the capital, home to a weak United Nations-backed government that has no army of its own. A spokesman claims the LNA already controls three towns along a highway to Tripoli. The closest, Aziziya, is just 40km southwest. “Control” has many meanings in Libya, and the LNA tends to exaggerate its gains; it may be that locals simply let it pass. Regardless, though, it is knocking on the gates of the capital.
In a remarkable stroke of arrogance, the offensive coincides with a visit by António Guterres, the UN’s secretary-general. He is in Libya to prepare for a peace conference this month that, he hoped, would lead to long-delayed elections later this year. If the general does not quickly halt his offensive, the conference will be over before it starts. Libyans and diplomats were stunned by his audacity. One UN official sent a string of confused emojis by way of analysis. (by The Economist Newspaper Limited 2019)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libya: situation of migrants and rescue operations up for discussion

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 novembre 2018

Bruxelles Tuesday, 27 November, from 11.45 to 13.00European Parliament in Brussels, József Antall (4Q2)The situation of migrants in Libya and the conditions under which the Libyan coast guard is conducting rescue operations will be up for debate in the EP on Tuesday.
Civil Liberties Committee MEPs will try to get clarification from the International Maritime Organization (IMO), Frontex and the Search and Rescue Observatory for the Mediterranean (SAROBMED) about Libya being assigned a Search and Rescue area in the Mediterranean. Being in charge of managing a SAR area implies that vessels carrying migrants and refugees can be ordered to disembark in Libya.Representatives of UNHCR and the International Organization for Migration (IOM) will also update the committee on the situation of migrants and asylum seekers stranded in Libya, particularly in detention centres, and on the progress of the programme for Voluntary Humanitarian Return to countries of origin, managed by IOM.Regional disembarkation platforms and controlled centres. Finally, the EP Legal Service will present the MEPs with their views on the lawfulness of the “regional disembarkation platforms” and “controlled centres” proposed by the European Council last June as a means to improve the processing of migrants and refugee flows into the EU.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libya: EU efforts should focus on protecting migrants, MEPs say

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 Mag 2018

The protection of migrants and refugees in Libya and their conditions in detention centres should be improved and the Libyan authorities should close facilities that are not in line with international standards as soon as possible, MEPs recommend. They also ask the EU Council, Commission and External Action Service to step up international efforts to dismantle migrant smuggling and human trafficking networks and continue and intensify the work of EUNAVFOR Med Operation Sophia to disrupt the business model of traffickers and smugglers.During an official delegation of the European Parliament to Libya on 20-23 May 2018 – the first since 2012 – MEPs confirmed “the European Parliament stands ready to support the national dialogue amongst Libyans”.
Parliament’s rapporteur Pier Antonio Panzeri (S&D, IT) said: “With this report, we did not confine ourselves to providing a realistic picture of the situation in Libya, but we wanted to set out the path that we should be following to try to get out of the current crisis. It is necessary to frame the process of reconstruction of Libya within a broader regional strategy to tackle many problems such as the disarmament of the militia, immigration and violations of human rights”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrants in Libya: Civil Liberties Chair insists detention centres must be closed

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 Mag 2018

Detention centres in Libya, where migrants and asylum-seekers live under appalling conditions, must be closed, Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes insisted on Tuesday.Speaking ahead of the debate in plenary of the Parliament’s draft recommendation to the Council, the Commission and the EEAS on Libya, Mr Moraes (S&D, UK) referred to his recent visit to the country as part of an EP delegation.“Our visit to the Tariq Al Siqqa Detention Centre in Tripoli last week showed us once more the human cost if resettlement is not taken seriously by the EU and its Member States”, Mr Moraes noted. While in Libya, MEPs visited a detention centre, a shelter for internally displaced people and met with local authorities and representatives of international organizations.Mr Moraes valued the comprehensive recommendation prepared by Pier Antonio Panzeri (S&D, IT) on the situation in Libya. For the Civil Liberties Committee, the key concerns are the reception of persons in need of international protection, the fight against smuggling and trafficking in human beings, resettlement, readmission and reintegration, and the use of EU funding for these aims.
“To fully understand migratory flows to Europe and to work towards a more coherent and human EU approach in Libya, we need to understand the regional context. Many migrants and refugees are coming from Niger and other countries, and returning, under the assisted voluntary return scheme to Niger, fleeing human rights abuses and appalling condition in Libya’s detention centres”, explained the LIBE Chair.Mr Moraes welcomed the call, included in the draft recommendation, for adequate funding for the voluntary return scheme for those stranded in Libya and warned about the likely funding gap if the current pace of voluntary returns continues.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Migrants in Tunisia/Libya: MEPs to assess search and rescue operations

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 settembre 2017

tunisi1Tunisi. A Civil Liberties Committee delegation will be in Tunisia from 18 to 22 September to assess cooperation in migration management between the EU and countries in the region.MEPs will evaluate “search and rescue” operations in the Mediterranean and the current situation in Libya. They will discuss visa liberalisation and readmission agreements with national and local authorities, as well as representatives of the EU, other international bodies, and NGOs.In the context EU cooperation with Africa on migration and of their current legislative work on readmission agreements, MEPs aim to understand better the situation of migrants and asylum-seekers as well as the new partnership framework between the EU and Tunisia.”Just last week the LIBE committee held discussions with the Commission on readmission agreements, taking into account the ongoing negotiations between the EU and Tunisia. The delegation visit is timely and will support the work of the committee in assessing a future readmission agreement with Tunisia”, says Civil Liberties Committee (LIBE) and delegation Chair, Claude Moraes (S&D, UK)MEPs will also discuss EU Trust Fund for Migration projects in Libya with NGOs, including the UNHCR and the International Organisation for Migration. “Monitoring of EU funds, training as well ensuring that the principle of non-refoulement is respected are issues that continue to resurface in our committee’s discussions on migration and it is key that we use this delegation to assess whether adequate mechanisms to monitor human rights safeguards are in place”, adds the Chair.
MEPs will hold a press conference in Tunis on Thursday 22 September (TBC).List of members
Claude MORAES, Chair (S&D, UK)
Marie-Christine VERGIAT (GUE/NGL, FR)
Juan Fernando LOPEZ AGUILAR (S&D, ES)
Judith SARGENTINI (Greens/EFA, NL)
Frank ENGEL (EPP, LU)
Jaromír ŠTĚTINA (EPP, CZ)
Emil RADEV (EPP, BG)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Western Mediterranean: Actions for the sustainable development of the blue economy

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 Mag 2017

blue economyBrussels, the European Commission launches a new initiative for the sustainable development of the blue economy in the Western Mediterranean region.The region covers economic hubs like Barcelona, Marseille, Naples and Tunis. It also includes tourist destinations like the Balearic Islands, Sicily and Corsica.
The sea’s biodiversity is under severe pressure with a recent report by scientists from the Joint Research Centre indicating that 50% has been lost in the last 50 years. In addition to this are recent security and safety concerns from the increase in migration from the South to the North.This initiative will allow EU and neighbouring countries to work together to increase maritime safety and security, promote sustainable blue growth and jobs, and preserve ecosystems and biodiversity.
Karmenu Vella, Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries said: “Millions of holiday makers have a happy association with the Western Mediterranean. Like the millions more who live across the region, they understand the fragile link between conserving national habitats and traditions and ensuring economic viability. Blue economy is important for each of the countries involved and they have recognised the strength of working together.”
Johannes Hahn, Commissioner for European Neighbourhood Policy and Enlargement Negotiations, said: ”This new regional initiative recognises and taps into the economic potential of the Mediterranean Sea and its coast lines to further enhance economic growth, contribute to job creation and eventually the stabilisation of the region. It is an important step towards closer coordination and cooperation among participating countries.”
The initiative is the fruit of years’ of dialogue between ten countries of the Western Mediterranean region who are ready and willing to work together on these shared interests for the region: five EU Member States (France, Italy, Portugal, Spain and Malta), and five Southern partner countries (Algeria, Libya, Mauritania, Morocco and Tunisia). It follows up on the Ministerial Declaration on Blue Economy endorsed by the Union for Mediterranean (UfM) on 17 November 2015. (photo: blue economy)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CEC asks for prayers to prevent of another Lampedusa tragedyThe

Posted by fidest press agency su sabato, 5 ottobre 2013

Coastline of Lampedusa

Coastline of Lampedusa (Photo credit: Wikipedia)

Conference of European Churches has asked its member churches to offer prayers for those migrants who have lost their lives in the shipwreck near the Italian island of Lampedusa.More than 130 people were known to have died the day after the sinking on 3 October and up to 200 of the passengers on the boat traveling from Libya were suspected to be missing, in one of the worst tragedies of its kind.CEC General Secretary, Rev. Dr Guy Liagre, said, “We offer our prayers to the victims, the families and those affected by yet another tragedy on the high seas off the coast of Europe. Let us join in prayer for collaboration to prevent such tragedies to children, women and men seeking better lives.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrati:Europa assente

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 ottobre 2013

Lampedusa

Lampedusa (Photo credit: lucasiragusa)

“Dopo l’ennesima spaventosa tragedia di Lampedusa nessuno può più rimanere indifferente: il governo deve farsi promotore di una risposta europea, forte e immediata, al problema dell’immigrazione che colpisce le nostre coste. Dobbiamo essere vicini con i fatti al sindaco e a tutta la cittadinanza di Lampedusa, che fanno dell’accoglienza e della solidarietà un impegno di vita”. Lo dichiara il ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, Gianpiero D’Alia.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migranti giunti dalla Libia

Posted by fidest press agency su martedì, 13 marzo 2012

Italiano: Libia - Tripoli - Suk el Turk

Image via Wikipedia

Il Tavolo Asilo, un forum informale delle maggiori organizzazioni italiane attive nel campo dell’asilo e della protezione dei richiedenti asilo e rifugiati, coordinato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha presentato oggi, insieme ad un gran numero di altre associazioni, enti locali ed enti di tutela operanti in questo campo, un appello al governo affinché si trovino al più presto delle soluzioni per i migranti, richiedenti asilo e rifugiati di vari paesi giunti in Italia nel 2011 a causa del conflitto in Libia.
Lo scorso anno oltre 1,3 milioni di persone di varie nazionalità hanno lasciato la Libia per sfuggire alla violenza. Di queste, circa 28 mila hanno attraversato il Mediterraneo in cerca di sicurezza in Italia. Tra loro vi erano rifugiati in fuga da altri paesi che si trovavano in Libia e anche migranti che da anni lavoravano in questo paese. Al loro arrivo in Italia sono stati tutti incanalati nella procedura d’asilo. Va notato che l’ottenimento della protezione internazionale, ovvero dell’asilo, si basa sulla condizione del singolo nel paese di origine, non in quello di transito o in cui risiede per motivi di lavoro. Appare pertanto necessario trovare soluzioni eque e ragionevoli che tutelino in modo adeguato i bisogni di assistenza di coloro che sono fuggiti dal conflitto in Libia ma che tuttavia non posseggono i requisiti per ottenere la protezione internazionale, evitando di generare situazioni di irregolarità senza soluzione a breve termine e con potenziali gravi ripercussioni sulla società nel suo complesso. In questo contesto, il Tavolo Asilo e gli altri soggetti aderenti all’appello propongono al governo e alle autorità competenti di valutare l’opportunità di una più ampia attuazione delle norme vigenti in materia di protezione umanitaria che permetterebbe di rilasciare un permesso di soggiorno alla maggior parte delle persone arrivate dalla Libia e la concessione di un permesso di soggiorno a titolo temporaneo a quanti non hanno ottenuto il riconoscimento della protezione internazionale, né la protezione umanitaria. In tal modo si concederebbe a queste persone un ulteriore periodo di regolare soggiorno in Italia, al fine di poter predisporre adeguati programmi di ritorno volontario assistito con un adeguato incentivo economico, sia verso i Paesi di origine, sia verso la Libia, quando la situazione sarà sufficientemente stabile e sicura da poter garantire il rispetto dei diritti umani. Inoltre, tali misure consentirebbero, ove ricorrano le condizioni previste dalla legge di convertire il permesso di soggiorno temporaneo in un permesso ad altro titolo. Il tavolo asilo e gli altri soggetti aderenti all’appello esortano quindi le autorità ad adottare quanto prima le misure più appropriate per coloro che rischiano di diventare irregolari così come a facilitare il processo di integrazione di coloro a cui è stata riconosciuta la protezione internazionale.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Question time al Ministro Sviluppo economico

Posted by fidest press agency su martedì, 25 ottobre 2011

“Mercoledì 26 ottobre presenterò al Ministro per lo Sviluppo Economico un’interrogazione a risposta immediata (question time) sulla vertenza Firema” lo rende noto l’on. Americo Porfidia di Noi Sud. “Firema Trasporti è una società per azioni italiana del settore metalmeccanico operante nella progettazione, costruzione e riparazione di locomotive, treni, metropolitane e tram. A partire dal 2 Agosto 2010, con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, la Firema è stata ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria. L’azienda rappresenta, per dimensioni e potenzialità, forse l’ultima grande realtà produttiva della provincia di Caserta, coinvolgendo migliaia di famiglie ed aziende legate all’indotto. Tenendo conto della necessità per l’Italia e per il Sud in particolare di rilanciare il proprio quadro industriale ed occupazionale, e la centralità del settore dei trasporti, si chiederà al Ministro quali provvedimenti ha intenzione di prendere per garantire il futuro lavorativo all’azienda Firema e rilanciare al contempo l’intero settore a livello nazionale e internazionale. Lo svolgimento dell’interrogazione – conclude Porfidia – sarà trasmesso in diretta tv (RAI) dopo le ore 15.00

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libia: capire ma non condividere

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2011

La Libia è precipitata nella più cruenta delle guerre civili, sostenuta e alimentata da antichi livori tribali; Gheddafi, ancora forte di aiuti sui quali nessuno indaga, diventa irreperibile, in attesa di una scomparsa miliardaria. La reazione follemente omicida dettata dall’ansia di vendetta non può essere accettata dal mondo civile che ha il dovere di impedire le più estreme conseguenze, ma può essere compresa e servire da lezione storica per tutti i satrapi o aspiranti tali. Oltre 40 anni di soprusi, di sottrazioni di beni al paese, di vita esagerata riservata al satrapo e ai suoi più fedeli vassalli, di esistenza grama riservata alla popolazione minacciata e punita con la cieca forza della dittatura, non potevano che esplodere in una vendetta che travalica il senso della giustizia. Comprendere non significa condividere… ma quante brutture ci riservò la conclusione della guerra civile in Italia, con vendette, punizioni anche trasversali, in un momento storico di rivolta ? Tutto il mondo è paese, dalla rivolta degli schiavi guidati da Spartaco alla rivoluzione francese e a tutte le rivolte da parte dei governati contro i governanti che hanno profittato della loro condizione di forza per imporre il loro indiscutibile pensiero unico e il loro più egoistico interesse privato, è un ripetersi della storia che culmina nel sangue, alla ricerca di una rinnovata verità che punisce con la forza quanti hanno profittato della loro forza. Moubarak e Ben Alì individuarono subito la sola via d’uscita possibile; Gheddafi insiste nell’uso della forza e non della ragione, trascinando una nazione in una rivolta che non finirà facilmente. Ci servirà di lezione? (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libia: Nuove trattative per vecchi affari

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 agosto 2011

Silvio Berlusconi e Gheddafi

Image by rogimmi via Flickr

Berlusconi a Jibril: «Troppi morti l’Italia aiuterà la Nuova Libia» (Il Messaggero del 25 agosto 2011). E RosarioAmico Roxas commenta: “Ha parlato con il nuovo interlocutore libico di una certa società libica chiamata Lafitrade che ha acquisito il 10 per cento della Quinta Comunication, una compagnia di produzione cinematografica fondata da Tarak Ben Ammar, storico socio di Berlusconi. Lafitrade è controllata da Lafico, il braccio d’investimenti della famiglia Gheddafi? E l’altro partner di Ben Ammar nella Quinta Comunication è, “con circa il 22 per cento del capitale” una società registrata in Lussemburgo di proprietà della Fininvest, la finanziaria di Berlusconi. Il quotidiano londinese Guardian aggiunge un altro tassello agli affari in odor di conflitto d’interessi: il fatto che Quinta Comunication e Mediaset, ossia l’impero televisivo di Berlusconi, possiedono ciascuna il 25 per cento di una nuova televisione via satellite araba, la Nessma Tv, che opera anche in Libia, sulla quale il colonnello ha esercitato la sua influenza attraverso la quota che ha rilevato nella Quinta Comunication. Così, dietro ai negoziati,vecchi e nuovi, tra i due paesi su immigrazione, compensazioni coloniali, investimenti si nasconde un mare di affari. Scrive,infatti il Guardian, quotidiano britannico, “i due leader sono connessi da qualcosa di più della convenienza politica”.

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The fall of Muammar Qaddafi

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 agosto 2011

The climax of Libya’s six­month­old revolt was not only televised via satellite but also text­messaged. Shortly after armed rebels captured the state telecoms company during their entry into the capital, Tri­ poli, on August 21st they sent a note to millions of mobile­phone users saying Long live free Libya. Then they added the equivalent of $40 to all accounts and restored the country’s internet connection, which had been cut at the start of the rebellion. Earlier in the day, thousands of fighters had rushed from the west and south into the surprisingly lightly defended city, accompanied by television crews and cheered on by dancing crowds. They were aided by rebels hiding in suburbs, troops arriving by sea and NATO aircraft. In Green Square, previously the scene of countless stage­managed rallies in support of the old regime, Tripolitans tore down pictures of Colonel Muammar Qaddafi, their ruler for the last 42 years and the world’s longest­reigning dictator. Benghazi, the rebel capital at the other end of the country’s coastline, was illuminated by reworks as hundreds of thousands of people celebrated in the streets.
The toppling of Colonel Qaddafi no matter whether he is eventually tried, killed or exiled‹will be a boon to the Middle East and Western powers that supported the rebels. The implications for Libya itself are less clear and in part depend on whether Qaddafi loyalists will disperse and keep their weapons or agree to disarm. To become a rule­based democracy the stated goal of all the various rebel groups Libya must avoid an Iraqi­style insurgency, as well as disputes among the new rulers. Helpfully, Libya has no sectarian divide. Its society is relatively homogeneous but grievances abound after four decades of oppression. Revenge killings loom, as well as tribal conficts and large­scale looting, given the lack of physical security at the moment. The fall of Saddam Hussein in Iraq and the Taliban in Afghanistan showed that a temporary power vacuum can lead to long­term instability and undermine the formation of a functioning state. The impact of Libya’s liberation on the rest of the Arab world looks clearer. What counts there is the dethronement of a tyrant. It will lift spirits in Syria, where another reformist revolt is under way. It will also give renewed drive to Egyptians and Tunisians who toppled their dictators several months ago but have since been grappling with constitutional change. Libya will inject new momentum into the Arab spring raising hopes that decades of stagnation and repression can be ended.
The surprising length of the Libya campaign is a result of tactics employed on both sides. The colonel managed to hold out until now because he rights without restraint. This contrasts markedly with NATO. Its pilots have bombed selectively, keeping collateral damage to a minimum. Despite what pro­regime propagandists say, few civilians have been killed from the air. British and French generals, who led the campaign, rightly paid much attention to the interception of supplies to pro­Qaddafi forces, successfully weakening them over time. Libya is the first alliance campaign where America took a back seat. Europeans with some shameful exceptions car­ ried most of the burden. This division of labour, in select circumstances, could be a template for future operations. But this does not mark the return of liberal interventionism. On balance, the first would be preferable: the more responsibility Libyans take for their future, the better (from The Economist –abstract) Also in this week’s issue:
• How to avoid a double dip: Our prescriptions for the West’s economies
• After Steve Jobs: Apple without its maker
• The internet v Chinese state TV: Spearing China’s Google
• Mexico: The monopolies that hobble its economy
• Climate science: How bad weather causes war

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Freedom by the people of Libya

Posted by fidest press agency su martedì, 23 agosto 2011

The quest for freedom by the people of Libya is coming to a historic moment. The relentless efforts of the forces of the new Libya, supported militarily by NATO and several EU Member States, and countries from the region are bringing the Gaddafi regime to its end. We urge Colonel Gaddafi to accept the will of the people, step down immediately, and avoid further bloodshed and sufferance.
The way is now open for Libya for freedom and self-determination. The European Union will keep supporting the country in its democratic transition and economic reconstruction, based on social justice, inclusiveness and territorial integrity, together with the international community. The developments in Libya are giving fresh momentum to the Arab Spring. The quest of the people in the region for freedom and dignity will continue. The European Union stands by them and supports their democratic aspirations and choices.
The EU as a whole has contributed over €150 million in humanitarian assistance to the Libyan crisis, with €80 million coming from the Commission itself. Commission-funded humanitarian assistance has supported: the people fleeing Libya; the repatriation from neighbouring countries to their country of origin of over 31,700 third-country nationals who had been working in Libya; assistance to refugees who cannot go back to their home country and Libyans fleeing Libya; evacuating by sea and air an estimated 5,800 Europeans, for which a contribution of €10,574,084 was requested by eight participating states; and financing and pre-positioning of emergency stocks to provide relief aid in Libya. In this context, numerous Commissioners visited Libya and its border regions in March, including Štefan Füle (Enlargement and Neighbourhood Policy), Cecilia Malmström (Home Affairs) and Kristalina Georgieva (Humanitarian Aid).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libia: più sostegno al consiglio di Bengasi

Posted by fidest press agency su martedì, 5 aprile 2011

In seguito all’incontro tra il ministro degli Esteri del Consiglio di Bengasi Ali al-Isawi e gli esponenti dell’opposizione, l’onorevole Gianni Vernetti, deputato di Alleanza per l’Italia e già Sottosegretario agli Affari Esteri, ha dichiarato: “La testimonianza di Ali al-Isawi descrive una situazione drammatica in Libia, con un incremento delle azioni militari del regime di Gheddafi contro la popolazione civile e con una crescente emergenza umanitaria”. “L’Italia  insieme all’Europa – ha continuato Vernetti – possono e devono fare di più dal punto di vista diplomatico, umanitario e militare”. “Chiediamo al Governo italiano di riconoscere il Consiglio di Bengasi come legittimo rappresentate del popolo libico e insieme di rendersi parte attiva per realizzare un corridoio umanitario che permetta di far giungere alle popolazioni colpite tutto il sostegno necessario”. “È necessario anche – ha concluso l’on. Vernetti – che da parte dell’Europa e degli Usa si consideri seriamente la possibilità di fornire armi alle forze armate di Bengasi per metterle in condizione di difendere la popolazione civile”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The Economist in edicola domani

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2011

Questa settimana nella sezione Leaders:
• L’ editoriale sulla crescente importanza del ruolo dell’Islam nelle rivolte nei paesi arabi: Islam and the Arab revolution – Religion is growing in the Arab awakening. Westerners hold their nerve and trust democracy
• L’ aticolo su un possibile shutdown del governo americano, simile a quello verificatosi nel 1995-96: Time to stop play-acting and spit out the tea – The Republicans are not being serious about the deficit
• L’articolo sulla politica tedesca: A green revolution – Power may change the greens. That would be a good thing
• Una panoramica sulla situazione di Grecia, Portogallo ed Irlanda; The Economist argomenta come sia neccessario per questi tre paesi tagliare il loro indebitamento il prima possibile: They’re bust. Admit it – Greece, Ireland and Portugal should restructure their debts now Mentre nella sezione Europe: –  Altri due articoli sulla politica tedesca: A greener future? – Two state election have upturned German politics e Westerwelle wasted – The liberal party touches new depths. Time for a new leader? –  L’editoriale sui risultati delle elezioni provinciali francesi e Sarkozy: Giving the UMP the hump – Local election offer more reasons for Nicolas Sarkozy to worry about 2012-  L’ articolo sulla Spagna: Rising rage – Looming local election will be bad for Socialist and immigrants are alike –   La rubrica Charlemagne:The handicapped union – How the weakness of national leaders is paralysing decision-making in the European Union  Editor’s highlights.This week the Arab revolutions continue to command the world’s, and our, attention. So far, they have seemed secular in character; but that’s beginning to change. We report on the growing role of Islam in the revolts, as well as on the battle for Libya, a stand-off in Syria and promising developments in Tunisia. Also this week:
• A willow branch Cricket diplomacy between India and Pakistan
• The Obama doctrine The president’s approach to the world, as illustrated by Libya
• Greece, Ireland and Portugal They’re bust. Admit it
• Australia’s Dutch disease The consequences of the commodity boom
• The maths of war A formula for the shape of conflict
(from Beatrice Mozzi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi in Libia: riconoscimento Consiglio nazionale?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 marzo 2011

Il Parlamento europeo chiede ai governi UE di riconoscere il Consiglio nazionale della transizione come l’autorità che rappresenta ufficialmente l’opposizione libica. La risoluzione approvata invita l’UE a prepararsi alla possibile istituzione di una “no-fly zone” per impedire a Gheddafi di colpire la popolazione e aiutare il rimpatrio di chi fugge dalla violenza. I deputati chiedono anche l’applicazione del principio di solidarietà nel controllo delle frontiere.Preoccupato per la forte crisi umanitaria che ha già costretto più di 200.000 persone a fuggire dalla Libia, il Parlamento chiede ai governi nazionali di garantire trasporto marittimo e aereo per aiutare il rimpatrio o l’accoglienza degli emigrati, dei richiedenti asilo e dei rifugiati, e anche assistenza per le persone che fuggono in Tunisia, cosi come richiesto dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM). Su richiesta dei deputati italiani e maltesi, e nonostante alcune perplessità iniziali provenienti da altre delegazioni nazionali, la risoluzione alla fine chiede l’applicazione del principio di solidarietà, stabilito nel Trattato, e quindi la condivisione della responsabilità nel controllo delle frontiere.  La Commissione dovrebbe pertanto predisporre le risorse umane, finanziarie e tecniche per assistere i paesi di confine dell’UE in caso di migrazioni di massa, aggiungono i deputati.I deputati hanno accolto con favore la recente decisione, presa all’unanimità dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, di sospendere la Libia dal Consiglio ONU per i diritti umani, che si trova in sessione a Ginevra fino al 25 marzo. In un’altra votazione, l’Aula ha approvato una risoluzione sulla 16a sessione del Consiglio ONU per i diritti umani, nella quale si condannano le sistematiche violazioni commesse in Libia, sottolineando la possibilità che ci siano casi di crimini contro l’umanità e chiedendo l’istituzione di un’inchiesta indipendente e internazionale nel paese. I deputati hanno anche proposto ai governi UE di prendere le seguenti decisioni durante il prossimo Vertice europeo straordinario di venerdì: il congelamento dei beni di Gheddafi e del suo regime deve anche includere quello dei fondi controllati dall’Autorità libica per gli investimenti e i ricavi delle vendite di gas e petrolio, cosi come i beni ottenuti illegalmente, che dovrebbero essere restituiti al popolo libico; la predisposizione di una nuova e più ambiziosa politica di vicinato che abbia come priorità l’indipendenza del potere giudiziario, la lotta alla corruzione, la libertà di stampa e il rispetto dei diritti fondamentali.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gheddafi: “L’Italia mi ha baciato le mani”

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 marzo 2011

“Se Berlusconi si diletta ad andare in giro a baciare le mani di dittatori esibizionisti, ciò non consente a nessuno di poter dire che ad abbassarsi a tali scenografiche genuflessioni sia l’Italia intera!  Il concetto deve essere ben chiaro, e sarebbe proprio il caso che il Presidente del Consiglio lo spiegasse a chiare lettere, perché lui a titolo personale può fare ciò che vuole – e ne ha dato notevole prova con i suoi straordinari festini -, ma nella sua veste di Capo del Governo non può far vergognare la Nazione”. E’ il duro commento di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, ai titoli ed agli articoli che campeggiano su tutti gli organi d’informazione che riportano le parole del rais libico Muammar Gheddafi, oramai assediato a Tripoli, che rispondendo violentemente alle parole di Silvio Berlusconi, il quale aveva detto che lui non ha più la Libia sotto controllo, ha affermato tra l’altro “abbiamo costretto l’Italia ad inginocchiarsi”, ed ancora “l’Italia mi ha baciato la mano”, riferendosi al baciamano che il nostro premier gli fece lo scorso marzo a Sirte, in occasione di un vertice delle Lega araba.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gaddafi isolated as rebels seize cities

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 febbraio 2011

Tripoli, Libya – Pro- and anti-government forces are fighting for the control of key cities while Muammar Gaddafi has isolated after encouraging his supports to fight and blaming the young people and Osama Bin Laden for the protests.
• Protests in Libya have expanded fast and the eastern parts of the country is now controlled by the opposition, including the military.
• Opponents of Muammar Gaddafi are said to have taken control of Misurata, Libya’s third-largest city, where Gaddafi traditionally has maintained strong tribal support.
• Muammar Gaddafi has refused to stand down and encouraged his supporters to attack protesters.
• The International Federation for Human Rights claims that at least 700 people have died during the past few days, whereas many have estimated the figure to be thousands.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rivolte popolari: il Nord Africa in fiamme

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 febbraio 2011

Tunisia Egitto e Libia hanno la loro rivolta popolare contro il regime in carica. Tre momenti e due diversi comportamenti dei loro dittatori. In Egitto Mubarak lascia il potere. Lo stesso fa Ben Alì in Tunisia e il prezzo, in vite umane, delle rivolte di piazza, resta contenuto. Diverso è l’atteggiamento di Gheddafi. Contro la marea umana che si riversa nelle piazze delle maggiori città libiche il rais non trova di meglio che scatenare l’aviazione e, non fidandosi dell’esercito, recluta centinaia di mercenari tra i quali pare vi siano anche degli italiani. Il risultato è un bagno di sangue. E’, praticamente, impossibile quantificare il numero delle vittime. Si sa per certo che è altissimo. Si parla già di 15mila morti e di ottantamila feriti. Gheddafi non esita, nel suo primo proclama televisivo ai libici nell’accusare l’Italia di aver fornito armi alle opposizioni e nel dichiarare che schiaccerà la rivolta con ogni mezzo. Il governo italiano esita. Frattini si limita a smentire le affermazioni di Gheddafi sulle forniture di armi ai manifestanti. Berlusconi dichiara di non voler disturbare il rais in queste ore fatali per il suo paese. Si è attendisti e forse il tutto si può giustificare con i forti interessi economici italiani nell’area e il rischio che si possa interrompere definitivamente il flusso di gas e di petrolio libico. Nel frattempo La Russa dispone lo spostamento di alcuni reparti militari e di squadre aeree dal Nord Italia al Sud e qualcuno avanza l’ipotesi che vi possa essere, in qualche modo, il coinvolgimento dell’esercito italiano nel quadro di operazioni congiunte con la Nato se non con l’Onu o sotto il paravento di una “missione umanitaria”. E’ solo un si dice ma sufficiente alla Russia per deplorare tale eventualità. Le ultime notizie danno l’impressione che la forte repressione messa in atto da Gheddafi stia avendo ragione sui rivoltosi senza una guida carismatica e disarmati. A parte talune defezioni l’esercito resta fedele al rais e ora si devono solo contare i danni e le vittime, frutto di questo genocidio che ha scosso il mondo, ma non tanto da indurlo ad una condanna senza appello a chi ha avuto ragione al prezzo di tanti morti e di tante macerie. In questa tragedia umanitaria l’Unione Europea mostra tutta la sua incapacità d’avere una politica estera coesa e la determinazione di volersi dissociare senza tentennamenti da un leader sanguinario e senza scrupoli e per non continuare ad essergli servile. L’unica risposta che la Commissioen europea sa dare è che le eventuali misure sono “allo studio” e noi potremmo rispondere chiosando l’antica saggezza: “Dum Europa consulitur, Tripoli expugnatur Ora a complicare il quadro medio orientale ci pensano le due navi da guerra iraniane che paiono intenzionate a raggiungere la Palestina per armare quella popolazione in chiave anti-israele. Si dice anche che Gheddafi sia disposto ad ospitarle per i rifornimenti, nei suoi porti, e ad approvvigionarle di armi. Armi che nella maggior parte dei casi provengono dall’Italia. A questo punto come si comporterà il governo italiano considerato che ha un trattato d’amicizia pure con Israele? E tra i si dice c’è chi paventa una regia Russa su tutte queste trame all’ombra compiacente di Berlusconi e dei suoi amici e dei lucrosi affari che si stanno materializzando in quell’area. Per ora sono solo dei si dice e spero sinceramente che rimangano solo dei chiacchierii di comari. E’ un auspicio di certo largamente condiviso tra chi fonda i rapporti tra nazioni in un contesto di pacifiche relazioni. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »