Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘liguria’

Salvaguardare l’occupazione e le imprese della Liguria

Posted by fidest press agency su domenica, 19 agosto 2018

Il Segretario Generale dell’UGL, Paolo Capone, ha convocato la Segreteria regionale del sindacato confederale sui tragici fatti di Genova.“Esprimo, a nome di tutta l’UGL – ha esordito Capone – il nostro cordoglio e solidarietà alle famiglie delle vittime della tragedia del viadotto Morandi, estendendola a tutti i cittadini di Genova e della Liguria. Esprimiamo, inoltre, vicinanza al Presidente Giovanni Toti e al sindaco Marco Bucci, instancabili nell’opera di sostegno ai cittadini in questi drammatici momenti”.Le immagini del viadotto crollato rimarranno a lungo nella memoria collettiva del nostro Paese. Una tragedia che secondo le prime ipotesi potrebbe essere stata provocata da un cedimento strutturale, ma che per il Segretario Generale “è anche simbolo di un cedimento culturale del nostro Paese nei confronti del futuro e del progresso”.“Ho incontrato una delegazione di lavoratori con le loro famiglie: Genova non è in ginocchio e anche questa volta saprà riprendersi da questa ennesima ferita, con i talenti, le eccellenze e le straordinarie energie della sua gente”.Nel corso dell’incontro è stata posta particolare attenzione alle conseguenze economiche e sociali. Il viadotto Morandi rappresentava un nodo fondamentale non solo per Genova ma per tutta l’Italia, in particolare il nord-ovest, collegando il più importante porto italiano e lo scalo aereo di Genova al resto del mondo.
Il Segretario Capone conferma le preoccupazioni anche attraverso una valutazione degli effetti economici e sociali del crollo del viadotto: “Secondo una prima stima effettuata dal nostro centro studi sugli effetti dell’interruzione di quest’arteria strategica del nord-Italia, risulta che il Paese potrebbe perdere fino a due punti di Pil come conseguenza diretta se non s’interviene subito per sanare la ferita. Basta considerare che solo la filiera portuale, tra diretta, indiretta e indotto, esprime un valore di circa 11 miliardi di euro. Va poi considerata tutta la filiera turistica, quella commerciale e il rischio concreto che quest’area sia tagliata fuori dalle traiettorie economiche fino a quando non potrà ricominciare a garantire linee di comunicazione essenziali. Sono a rischio oltre 150mila posti di lavoro, di cui un terzo in Liguria, altri 50mila tra Piemonte, Lombardia e Toscana e un altro terzo nel resto d’Italia”.
Per questa ragione l’UGL chiede al Governo di intervenire immediatamente con un fondo straordinario di 15 miliardi di euro per aiutare le imprese che si dovessero trovare in difficoltà, stabilizzare i livelli occupazionali della regione, finanziare le opere infrastrutturali necessarie a superare l’emergenza, assegnando al Presidente della Regione poteri straordinari per l’affidamento delle opere e la gestione dei fondi, come in occasione del terremoto dell’Aquila. Chiediamo, inoltre, al Governo di avviare immediatamente la partenza dei lavori della Gronda autostradale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ritorna Carlo III in Liguria con la Celebrazione del desiderio e della fiducia

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 luglio 2017

celebrazionicelebrazioni1Diano Marina 30 luglio 2017 dalle 14 alle 19 dopo il successo di Bussana Vecchia (lo scorso maggio), ritorna Carlo III in Liguria con la sua Celebrazione del desiderio e della fiducia. Un percorso esperienziale di sincretismo sensoriale, alla ricerca di se negli altri. Per mezzo di esercizi di teatro e danza dell’uso corretto della respirazione e delle vibrazioni sonore, con tisane, incensi ed erbe aromatiche verranno stimolati tutti i sensi primari e l’ immaginazione; lavorando cosi’ sull’empatia, la reciprocità e l’interazionalità che si vengono a creare fra i partecipanti, culminando infine nella manipolazione delle fiamme per trarne il calore utile alla cura propria ed altrui.
Una cerimonia laica, umana, in cui celebrare la vita attraverso la capacita’ di mettersi in gioco nella fiducia reciproca, per continuare a desiderare… Carlo III direttore artistico della Compagnia Dei Fuocolieri di Firenze, accompagnerà durante il percorso, che si svolgerà intorno a questi argomenti:
– Respirazione e vibrazioni interne – Training psicomotorio – Espressione corporea e contatto – Manipolazione della fiamma. (foto: celebrazioni)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Liguria, Molise e Valle d’Aosta con più reati informatici

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 luglio 2017

computer-securityTra 2010 e 2015 è cresciuto del 51% il numero di crimini informatici in Italia. In rapporto alla popolazione, il fenomeno è più diffuso in Liguria mentre la Puglia è la regione con la più bassa densità di questi reati.
La Liguria, con una denuncia all’autorità giudiziaria ogni 246 abitanti, è la regione italiana con la più elevata frequenza di reati informatici, seguita da Molise (con 1 denuncia ogni 290 residenti) e Valle d’Aosta (1/294). È quanto emerge da un’analisi condotta da DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale, che con “Difesa Web” assiste in giudizio i cittadini vittime di frodi informatiche e fornisce strumenti di monitoraggio per prevenire furti d’identità e altre truffe online.“La nostra ricerca – spiega Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di DAS – evidenzia un fenomeno preoccupante. Nel periodo che abbiamo analizzato le denunce delle forze di polizia all’autorità giudiziaria per reati informatici sono cresciute in Italia di oltre il 51%, con un’incidenza di un reato ogni 393 abitanti. I danni economici per chi subisce questo tipo di reato possono essere rilevanti e a volte difendersi in giudizio può essere complicato e richiedere tempi lunghi. Abbiamo creato “Difesa Web”, in risposta alle due principali esigenze espresse dal mercato: da un lato l’aspetto di prevenzione e monitoraggio dei propri dati, dall’altro il supporto legale necessario in caso furto d’identità”.Tra le regioni dove la densità di reati informatici rispetto alla popolazione è superiore alla media nazionale ci sono anche Campania, con una denuncia ogni 328 residenti, Piemonte (1/343), Friuli Venezia Giulia (1/349), Emilia-Romagna (1/358), Toscana (1/378) e Lazio (1/386). Dallo studio di DAS emerge anche che Puglia (1 denuncia all’autorità giudiziaria ogni 503 abitanti), Sicilia (1/496) e Basilicata (1/483) sono le regioni con la più bassa frequenza di reati informatici.
DAS ha rilevato che tra il 2010 e il 2015 il numero assoluto di reati informatici è cresciuto in modo rilevante in tutte le regioni. Il fenomeno è più che raddoppiato in Friuli Venezia Giulia (+133,8%), Umbria (+102,3%) e Liguria (+101,6%) ma percentuali elevate di crescita si sono registrate anche in Molise (+99,1%), Trentino Alto Adige (+90,2%) e in misura minore in Basilicata (+69,4%). Le regioni dove il fenomeno dei reati informatici sembra essere cresciuto meno negli ultimi 5 anni sono Campania (+17,1%), Valle d’Aosta (+19,5%) e Puglia (+34,5%). In caso di furto d’identità o utilizzo illecito da parte di terzi dei dati personali e finanziari del cliente, entrerà in gioco la copertura assicurativa di “Difesa Web”, che offre l’assistenza legale per presentare agli organi di polizia la denuncia contro il truffatore e per la ricerca di prove a propria difesa. La polizza di DAS offre anche la difesa legale per ottenere il risarcimento dei danni subiti a seguito della violazione, intervenendo anche in caso di controversia con una banca o una società finanziaria, davanti all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), per contestare operazioni o servizi richiesti da terzi non autorizzati. Difesa Web copre tutte le spese legali nel caso la persona frodata subisca un procedimento penale per un reato commesso da altri, utilizzando il proprio nome. La polizza di DAS supporta inoltre il cliente nelle procedure di ripristino dell’onorabilità, come ad esempio la cancellazione dal registro dei protesti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al via in Liguria il progetto ‘Green & blue’, per cammini e percorsi ciclabili

Posted by fidest press agency su domenica, 26 marzo 2017

turismo liguria2turismo liguria1Con un finanziamento di circa 340 mila euro, è stato approvato dalla giunta regionale della Regione Liguria, su proposta degli assessori al Tempo Libero Stefano Mai e al Turismo Gianni Berrino, il progetto ‘Green & blue’, per cammini e percorsi ciclabili.
Tra i diversi progetti deliberati, la Giunta destina oltre 58mila euro al Cai per la segnaletica informativa lungo l’Alta Via dei Monti Liguri e il Sentiero Liguria.
Il progetto ‘Green & blue’ rientra tra i tre progetti interregionali approvati di recente dal Mibact e comprende, oltre alla Liguria, anche Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Veneto.
L’Assessore al Turismo Gianni Berrino spiega le finalità del progetto : ” L’outdoor – spiega l’assessore Berrino – si sta affermando come filone turistico in grado di attrarre moltissimi appassionati da tutto il mondo, in ogni stagione dell’anno. Creare un’offerta turistica di tipo ‘esperienziale’, che sappia mettere a sistema anche le attrattive delle regioni limitrofe, costituisce un volano formidabile per la promozione delle eccellenze del nostro territorio a 360°: dal mare ai monti, dall’enogastronomia alla cultura dei nostri borghi medioevali. Inoltre, su mia proposta, sono stati stanziati 56mila euro per il progetto ‘Turismo attivo’ che ha come obiettivo la creazione di una rete di offerta outdoor, mettendo a sistema i percorsi cicloturistici, mountain bike ed escursionistici”. (Christian Flammia con foto) (foto: turismo liguria)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Malgarotto ( Liguria): “Continua l’emergenza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 novembre 2011

I geologi offrono la disponibilità ad intervenire come tecnici volontari”. Graziano : “ Che queste morti non siano inutili . Poniamo al centro dell’azione la prevenzione”. “Continua l’emergenza, e l’Ordine dei Geologi della Liguria dopo aver dato ufficialmente in data 26 ottobre la disponibilità ad intervenire come tecnici volontari a Prefettura e Protezione Civile, disponibilità peraltro accolta solo in minima parte, è intenzionato a concludere il già avviato iter di convenzione con la Protezione Civile di Regione Liguria nel minor tempo possibile”. Lo ha affermato Carlo Malgarotto, Vice Presidente dell’Ordine dei Geologi della Liguria che in questo momento è costantemente sui luoghi dell’alluvione come accaduto dal primo minuto. “Sviluppo economico e prevenzione dal dissesto idrogeologico sono due concetti che possono andare di pari passo – ha proseguito Malgarotto – solo coniugando una nuova politica di difesa del suolo con incentivi all’imprenditoria agricola e forestale possiamo risollevare le sorti di un territorio dalle straordinarie potenzialità, ottenendo prodotti di qualità e manutenzione del territorio”.Chiaro Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi . “Prendiamo atto delle dichiarazioni del Ministro Prestigiacomo circa la necessità di intraprendere una seria politica di difesa del suolo, ma il Ministro dovrà prima convincere l’esecutivo di cui fa parte – ha proseguito Graziano – che non pare abbia proprio a cuore le sorti del territorio italiano, se è vero che puntualmente destina ad altri scopi le già esigue somme destinate alla manutenzione dei nostri bacini”.Ed oggi 2 Novembre il “ Consiglio Nazionale dei Geologi è vicino a tutti i familiari delle vittime – ha concluso Gian Vito Graziano Presidente del Consiglio Nazionaledei Geologi – e la speranza è che quando i fari mediatici si abbasseranno non venga dimenticato quanto è accaduto . Personalmente sono al fianco di tutti coloro i quali hanno perso i propri cari. Tanti i morti , le devastazioni , dunque è davvero il momento di fermarsi e di riflettere per rimettere al centro della politica un concetto fondamentale : prevenzione . Dobbiamo farlo tutti, dai cittadini alle istituzioni . Cerchiamo di fare tesoro finalmente di quanto è accaduto in questi anni . Aumentano le tragedie e ad ogni precipitazione subito si teme il peggio . Credo che non si possa più continuare così in un Paese civile come l’Italia . Dobbiamo dare risposte e fare in modo che queste vittime non siano vane . Il dissesto idrogeologico spesso uccide ma è anche figlio di un mancato rispetto per il territorio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

In Liguria 470 chilometri ad elevato rischio idrogeologico”

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 ottobre 2011

“Ben 470 chilometri quadrati sono ad elevato rischio idrogeologico e manca un Servizio Geologico. Ancora una volta la Liguria e’ in ginocchio. Bisogna rendersi conto che questo territorio fragile non e’ più in grado di sopportare eventi meteorici di una certa portata. La tutela del territorio deve essere una priorità e dunque bisogna cambiare l’approccio, la prospettiva. La tutela del territorio è una questione culturale e bisogna essere consapevoli del fatto che il dissesto idrogeologico ha un costo enorme”. Affermazioni dure quelle del geologo ligure, Giuliano Antonielli , oggi Consigliere Nazionale dei Geologi . Ugualmente duro il Presidente Nazionale Gian Vito Graziano
“Nonostante tutte le emergenze in questo momento nessuna legge organica di governo del territorio vige sul territorio italiano. Oggi in Italia – ha affermato Graziano – sentiamo un ritardo politico-istituzionale, conseguenza del forte ritardo culturale, che si traduce nel rincorrere le emergenze, una dopo l’altra, ponendoci solo l’obiettivo di reperire le risorse economiche necessarie per ricostruire la zona colpita, dopo aver fatto il conteggio dei danni e purtroppo spesso anche quello dei morti”. I numeri parlano chiaro.
“Dal 1944 ad oggi in Italia sono stati spesi più di 213 MLD di Euro per dissesto idrogeologico e terremoti, di cui ben 27 MLD solo dal 1996 al 2008 . Oltre al fatto che 6 milioni di italiani abitano nei 29.500 chilometri quadrati del territorio considerati ad elevato rischio idrogeologico e ben 1.260.000 gli edifici a rischio frane e alluvioni. Di questi sono 6000 le scuole e 531 gli ospedali . Questi sono dati proprio del Consiglio Nazionale dei Geologi. Chiediamo dunque allo Stato italiano, una legge organica di governo del territorio – ha continuato Graziano – che ricostruisca lafiliera delle competenze, metta in campo azioni di manutenzione ordinaria e straordinaria dei nostri bacini idrografici, ponga le base di una riforma urbanistica e che faccia tesoro di quelle esperienze positive che in alcuni casi hanno visto il geologo impegnato a fronteggiare la difesa del suolo accanto alle istituzioni governative.Mi riferisco a quelle attività di presidio territoriale che hanno portato a fronteggiare situazioni di rischio idrogeologico prima del verificarsi dell’eventuale evento calamitoso, che poi spesso non si è verificato, e quindi non sempre e soltanto in fase emergenziale. Il problema investe, lo abbiamo visto, l’intero territorio nazionale ed anche Roma non è esente da rischi idrogeologici e da fenomeni di dissesto idrogeologico come le frane, anche se meno eclatanti, localizzate soprattutto lungo i margini occidentali dell’alto di Monte Mario – Gianicolo , o interessanti i versanti più acclini delle valli , approfondite dal reticolo fluviale , anche queste innescate spesso dall’intervento dell’uomo”.
Investire in prevenzione significa anche creare lavoro. “In un momento di crisi economica come questo non bisogna cedere alla tentazione di tagliare fondi, ma investire in un settore che e’ vitale per il Paese e che puo’ diventare una risorsa. Roosvelt – ha concluso il ligure Giuliano Antonielli – che non era sicuramente un ambientalista ma certamente un grande Presidente, rilancio’ gli USA dopo il ’29 con il New Deal passando dalla sistemazione idrogeologica del territorio in cui trovarono lavoro 300.000 disoccupati”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“C’era quasi una volta in Liguria”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2011

Ospedaletti 15 luglio, alle ore 21.30, presso l’Auditorium comunale nuova pubblicazione dell’editore Zem C’era (quasi) una volta in Liguria, a cura di Marino Magliani e di Achille Maccapani. L’iniziativa fa parte del calendario delle manifestazioni estive del comune di Ospedaletti e, più precisamente, apre la rassegna “Incontri sotto le stelle” che prevede anche un incontro con Don Gallo il 30 luglio e con Oliviero Beha il 12 agosto. Il volume C’era (quasi) una volta in Liguria, con copertina di Libereso Guglielmi, è composto da 24 fiabe scritte da altrettanti autori liguri. Le fiabe, ambientate inLiguria, sono illustrate da diversi artisti. Tutti i diritti d’autore della pubblicazione saranno devoluti alla Comunità di San Benedetto al Porto di Genova di Don Andrea Gallo per sostenere il progetto Adozioni a distanza in Repubblica Dominicana. Alla serata di venerdì, introdotta dal giornalista Claudio Porchia, parteciperanno il curatore del volume Marino Magliani, l’illustratore Stefano Gurnari e alcuni autori, tra cui Raffaela Gozzini e Valentina Bosio. C’era (quasi) una volta in Liguria può essere acquistato nelle principali librerie della regione o anche via internet sul sito http://www.edizionizem.com
Gli autori del libro: Giorgio Amico, Fabio Beccacini, Bruno Bianchi, Valentina Bosio, Gabriele Virgillito Cassini, Marco Cassini, Chiara Daino, Sira De Guglielmi, Stefano Delfino, Enzo Ferrari, Dino Gambetta, Ino Gazo, Riccardo Gorlero, Raffaella Gozzini, Laura Guglielmi, Mara Pardini, Alberto Pezzini, Giovanna Profumo, Massimo Raineri, Giacomo Revelli, Marco Scullino, Viviana Spada, Aldo Trucco, Maria Pia Viale. Gli illustratori: Magda Bernini, Marco Cassini, Tiziana Di Cicco, Monica Di Rocco, Silvia Ferrari, Massimo Galleano, Massimo Gilardi, Libereso Guglielmi, Stefano Gurnari, Ksenja Laginja, Andrea Pisano, Daniela Rossi, Camilla Traldi, Aldo Trucco, Cesare Viel.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miss Italia: tra la Liguria e la Campania

Posted by fidest press agency su domenica, 5 settembre 2010

Deve frequentare il quinto anno del liceo psicopedagogico, ma vuole diventare medico: al concorso c’è Silvia Costigliolo (n.49) Miss Valleverde Ragazza in Gambissime Liguria. “Sono stata sul punto di lasciare la finale per il lutto che ha colpito la mia famiglia: ho perso il nonno, grande mio sostegno – dice – ma resto a Salsomaggiore. Gliel’ho promesso e, dopo le prime ore di indecisione, sono certa di voler rimanere e vivere interamente quest’esperienza”. Dolce sorpresa, invece, per la n.11 Miss Liguria, la 18enne Giulia Massari: i fiori arrivano da papà Federico, in questo periodo a Salsomaggiore: gioca a tennis tutto il giorno per aspettare il momento in cui poter incontrare la figlia. Gli appuntamenti delle miss con i genitori sono fissati quasi ogni sera. Chiara Generali, Miss Eleganza Campania (n.14) ha un diario che porta sempre con sé e sul quale scrive lettere e pensieri d’amore: “una Miss Italia odontoiatra e poetessa non c’è mai stata finora, giusto?». Chiara, infatti sogna di dirigere una piccola clinica odontoiatrica ma, se ne avesse la possibilità, vorrebbe anche fare esperienze umanitarie e andare in posti disagiati con organizzazioni come ‘Medici senza Frontiere’.  Miss Liabel Campania Zaira De Felice (n.20) ha incontrato invece gli zii e il fidanzato all’Hotel Regina, nella hall dell’albergo delle miss. “Siamo qui – commentano tra gli abbracci – ed già è una soddisfazione: Zaira si trova bene e noi siamo felici che viva la magia del Concorso”.  Impegnata con le altre ragazze nella registrazione delle clip di uno sponsor del concorso, Benedetta Piscitelli, Miss Campania n. 03, sorride e dice: “mi piace davvero stare davanti alle telecamere, è divertente e non mi sento mai in imbarazzo o impacciata”. Ha studiato danza classica per 14 anni e le piacerebbe fare l’attrice, per questo partecipa a Miss Italia. Fortunatamente è nel gruppo del cinema. Appena diplomata al liceo classico, Benedetta pensa di iscriversi a Medicina per diventare in futuro dermatologo o chirurgo. (miss italia campania e liguria)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dissesto idrogeologico in Liguria

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 Mag 2010

“Su 235 comuni liguri, 30 hanno alto rischio frana, 55 rischio alluvionale e 103 comuni presentano sul proprio territorio entrambi i tipi di rischi” . Ad affermarlo è il presidente dell’Ordine dei Geologi della Liguria. Dichiarazioni importanti che giungono alla vigilia del Forum nazionale sul dissesto idrogeologico in Italia “Le Frane in Casa” voluto dagli Ordini Regionali dei Geologi e dal Consiglio Nazionale e in programma a Roma il 16 Giugno. Un evento storico che vedrà insieme tutti gli Ordini Regionali , presidenti e consigli , mondo delle istituzioni e comunità scientifica. Un evento culturale, sociale e mediatico di notevole spessore. Il momento principale sarà il briefing con la stampa in programma la mattina durante il quale verrà fatta un’analisi dettagliata della situazione italiana. “E’ necessario, anzi , doveroso – ha concluso Antonielli – passare al più presto da una cultura dell’”emergenza” ad una cultura della “prevenzione”.  Molte volte ci si dimentica o conviene dimenticarsi che se noi siamo qui (intendo su questa Terra), se viviamo, programmiamo, pianifichiamo, costruiamo,  è perché esiste un territorio. Non si può ignorare questo fatto ovvio, banale, ma imprescindibile. A parte le vite umane che non hanno prezzo, il tributo che ogni anno il paese deve  pagare al dissesto idrogeologico  sarebbe già alto in una situazione normale, ma diventa insostenibile in periodi di profonda crisi economica come questa”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »