Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 279

Posts Tagged ‘limoni’

Dove nascono i limoni di Siracusa IGP, le arance rosse siciliane IGP e i pomodori di Pachino IGP

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 marzo 2019

Catania giovedì 21 marzo, da Tokio arriverà una delegazione giapponese per scoprire i territori dove nascono i limoni di Siracusa IGP, le arance rosse siciliane IGP e i pomodori di Pachino IGP. La missione nipponica, formata da due buyer di prodotti ortofrutticoli freschi, due giornalisti di lifestyle e food e una trade analyst, avrà modo di entrare a contatto con la base produttiva e commerciale dei tre prodotti IGP fra le province di Siracusa e Catania, che condividono volumi produttivi significativi, elevati standard qualitativi, concomitanza stagionale e contiguità territoriale, con l’obiettivo di consentire alle nostre eccellenze, e alle aziende che le producono, di ampliare ed estendere i propri orizzonti di mercato.
L’iniziativa è frutto di una collaborazione fra l’Italian Trade Agency (ICE – Ministero dello Sviluppo Economico) e i consorzi di tutela dell’Arancia rossa di Sicilia IGP, del Limone di Siracusa IGP e del Pomodoro di Pachino IGP.I tecnici giapponesi avranno l’opportunità di conoscere i cicli produttivi delle tre IGP.Infatti, la delegazione giapponese avrà l’opportunità di immergersi nella realtà agricola di alta qualità siciliana, fra visite in campo e nei magazzini di confezionamento delle tre IGP, intervallate dalla scoperta di alcuni preziosi gioielli del territorio, come Vendicari, Ortigia, e il centro storico di Catania.
Il primo giorno, venerdì 22 marzo, sarà dedicato al Consorzio del Pomodoro di Pachino IGP e al Consorzio del Limone di Siracusa IGP. Si inizia la giornata con la visita presso le Terre di Capopassero, azienda produttrice che sarà seguita dalla Cooperativa agricola Aurora, confezionatore; il pomeriggio il team giapponese sarà accompagnato presso l’Azienda Agricola Giovanni Giangreco, che produce limoni e la Cooperativa agricola Agricoop Bio, che li confeziona.
Sabato 23 marzo, invece, avrà luogo, nella sala conferenze della Camera di Commercio di Siracusa, il convegno “I prodotti a marchio DOP e IGP e il trattato di libero scambio fra Unione europea e Giappone”, momento informativo in occasione dell’entrata in vigore, il 1 febbraio scorso, dell’Economic Partnership Agreement (EPA) fra UE e Giappone. L’evento è rivolto al mondo agricolo, alla stampa generalista e di settore. A moderare il convegno sarà Carmelo Frittitta, dirigente generale dell’Assessorato regionale alle risorse Agricole: “Dobbiamo cogliere opportunità commerciali come queste che si prospettano grazie al trattato EPA fra UE e Giappone, e rilanciare questioni di primaria importanza come la revisione del Dossier fitosanitario e il perseguimento di obiettivi pratici come le procedure di esportazione semplificate per via aerea. – prosegue il dirigente – I lavori in programma sabato 23 a Siracusa, anche grazie alla rilevanza dei professionisti coinvolti, vanno proprio in questa direzione, e la stessa partnership di scopo fra tre consorzi della Sicilia sudorientale – pomodoro di Pachino, arancia rossa di Sicilia e limone di Siracusa – per mettere in piedi questa missione sul territorio rappresenta un esempio di collaborazione virtuoso e meritevole di encomio”.
Domenica 24 marzo, la delegazione tecnica sarà accolta da Red Co.P. dall’azienda agricola Serravalle, rispettivamente organizzazione di produttori e produttore agricolo iscritti al Consorzio di Tutela dell’Arancia rossa di Sicilia IGP, “confezionatore di Arance rosse IGP.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pensionati spremuti come limoni?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 giugno 2015

pensionatiOrmai è nota a tutti la recente sentenza della Corte Costituzionale in tema di pensioni, giornali e tv ne parlano da qualche settimana, il blocco dell’indicizzazione, voluto dall’allora governo Monti, per gli assegni che superano tre volte il minimo è incostituzionale, quindi illegittimo. In qualunque altro stato che voglia definirsi serio e democratico, crisi o non crisi, ripresa o non ripresa, una sentenza del massimo organo giudiziario del Paese va rispettata ed eseguita. Uno Stato, un governo, che cerca di aggirare, mediante un opinabile decreto legge, quanto emesso in sentenza non provoca solo sconcerto tra i pensionati ma genera insicurezza e dubbi in tutta la nazione: se i massimi organismi rappresentativi dello Stato assumono questo comportamento, in un certo senso istigano il comune cittadino a comportarsi allo stesso modo o ad agire di conseguenza, ovvero ad adeguarsi, una sorta di rottura delle regole prestabilite, una sorta di rigetto delle norme inerenti ai criteri di reciprocità. E questo concetto viene più recentemente reiterato dal neo presidente dell’INPS Tito Boeri – nominato dal governo Renzi – il quale, nell’ambito di note trasmissioni televisive dichiara che è già pronto un piano, da esporre al governo, che prevede l’omogeneizzazione delle pensioni anche pregresse al sistema contributivo. Tradotto dal burocratese questo vuol dire che i diritti acquisiti non esisteranno più se Renzi dovesse recepire questo suggerimento e che le pensioncine di un tempo verranno dimezzate in base a delle scelte recenti che non solo violano le leggi ed i contratti di allora ma vanno anche contro il buon senso. Come potrà mai esserci una seria ripresa economica se le pensioni degli italiani vengono periodicamente dilapidate da leggi e leggine, tasse ed oboli? Le pensioni degli italiani non rappresentano il pozzo di San Patrizio per premier incapaci di effettuare scelte coraggiose e controcorrente, prima o poi, a forza di spremere questo limone, il budget si esaurirà ed il Paese rischierà di cadere in ginocchio. Dulcis in fundo, in un panorama che sa di beffa per dipendenti e pensionati, il governo annuncia – per il tramite dell’Avvocatura dello Stato – che i 35 miliardi di euro, che avrebbero dovuto essere destinati ai contratti per il comparto del pubblico impiego, per il quinquennio 2010-2015, quindi per un periodo già scaduto, non sarebbero del tutto disponibili. Non ci sarebbero fondi per i pensionati, per i dipendenti pubblici, per gli esposti all’amianto, però il denaro per gli armamenti (F35 in testa) e per le presunte “missioni di pace” all’estero vengono sempre trovati ed i fondi rinnovati quasi automaticamente. Già, dimenticavo, questo è l’unico Paese al mondo con svariate centinaia di generali (tutti con auto blu di rappresentanza), cinque polizie più le forze armate. (Lorenzo Lorusso – presidente dei Finanzieri Democratici-Esposti all’amianto)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Macfrut di Cesena 2011: Agrumi in Sicilia

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 settembre 2011

agrumi di Sicilia

Image by giopuo via Flickr

Cesena dal 5 al 7 ottobre Macfrut di Cesena 2011 In Sicilia gli agrumi fanno squadra. Per la prima volta insieme, riuniti sotto un unico “marchio ombrello regionale”, quello del Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia (Ads), cinque Consorzi di tutela Dop e Igp (Arancia rossa di Sicilia e Arancia bionda di Ribera, Mandarino “Tardivo di Ciaculli”, in attesa di riconoscimento, e Limone Interdonato di Messina e Limone di Siracusa) parteciperanno alMacfrut di Cesena 2011, la maggiore rassegna ortofrutticola del Mediterraneo, in programma nella città romagnola  prossimi (Padiglione A, stand 83) per presentare una innovativa e inedita strategia di distribuzione nei Mercati Ortofrutticoli delle produzioni siciliane di eccellenza Dop, Igp e biologiche. La partecipazione del Distretto Agrumi di Sicilia al MacFrut – tre giorni fitti di incontri fra buyers italiani e stranieri, grossisti, operatori dei mercati ortofrutticoli e della Gdo (la grande distribuzione organizzata) – è sostenuta dall’Assessorato regionale alle Risorse Agricole e Agroalimentari guidato da Elio D’Antrassi che interverrà al workshop del 6 ottobre dedicato alla nuova strategia di distribuzione.
Evento di punta della tre giorni del Distretto AdS al Macfrut di Cesena sarà il workshop dedicato al tema della distribuzione dei prodotti di qualità attraverso la rete dei mercati ortofrutticoli. L’appuntamento è per giovedì 6 ottobre, alle 17.00 (Sala delegazioni A e B). Coordinati da Roberto Della Casa, docente di Marketing Agroalimentare presso Università di Bologna, la presidente Federica Argentati insieme ai presidenti dei Consorzi di Tutela Alessandro Scuderi (Arancia Rossa),Giuseppe Pasciuta (Bionda di Ribera), Attilio Interdonato (Limone Interdonato), Fabio Moschella (Limone di Siracusa),Giovanni D’Agate (Mandarino di Ciaculli) illustreranno a buyers, operatori e addetti del settore agroalimentare, l’innovativa proposta. Alla tavola rotonda interverrà anche l’assessore regionale Elio D’Antrassi che porterà al dibattito un importante contributo sia istituzionale che tecnico grazie alla sua profonda conoscenza del mondo ortofrutticolo nazionale e internazionale.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »