Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘linfoma’

Linfoma di Burkitt nei bambini iracheni

Posted by fidest press agency su martedì, 15 gennaio 2019

I Linfomi sono tumori causati dalla proliferazione incontrollata dei linfociti, le cellule del sistema immunitario che contribuiscono a difenderci dagli agenti esterni. Più della metà dei linfomi infantili è rappresentata dal Linfoma di Burkitt, un tumore molto aggressivo di cui esistono due varianti cliniche principali: quella endemica, presente nell’Africa equatoriale (dove questo tipo di linfoma rappresenta il cancro più comune nei bambini che vivono nelle regioni in cui la malaria è endemica), che si manifesta soprattutto a livello della testa e delle ossa facciali; e quella sporadica, presente in Europa, in America e in Giappone, che si sviluppa prevalentemente nell’intestino.Grazie alla lunga e fruttuosa collaborazione coordinata dalla Prof.ssa Stefania Uccini fra l’Istituto Pasteur Italia, Sapienza Università di Roma e il Children’s Welfare Teaching Hospital dell’Università di Baghdad, è stato possibile incrementare le conoscenze scientifiche relative al Linfoma di Burkitt nei bambini iracheni e aumentare così l’accuratezza diagnostica relativa a questa malattia. I risultati dello studio sono stati recentemente pubblicati sulla rivista specialistica internazionale Pediatric Blood Cancer.
Un’ulteriore importante differenza tra le due principali varianti del Linfoma di Burkitt è data dal grado di correlazione con l’infezione da Epstein Barr Virus (EBV), appartenente alla famiglia degli herpesvirus e responsabile della mononucleosi infettiva. L’EBV infetta più del 90% della popolazione umana instaurando un’infezione latente asintomatica. Mentre i linfomi che si sviluppano nei bambini africani sono al 100% legati all’infezione da EBV, la forma sporadica del tumore è correlata solo al 30% alla presenza del virus. Si ipotizza dunque che mentre nei soggetti sani l’infezione da EBV sia facilmente controllata dal sistema immunitario, nei bambini malnutriti o che vivono in aree geografiche in via di sviluppo (o più in generale in individui affetti da immunodeficienza), la presenza di EBV potrebbe contribuire a causare l’insorgenza del Linfoma di Burkitt.«La collaborazione con i colleghi di Baghdad ci ha permesso di identificare nei bambini iracheni una terza forma della malattia che si caratterizza per una elevata incidenza di infezione da EBV, come per i bambini Africani, ma con una frequente localizzazione intestinale, come per i bambini Occidentali» spiega la Prof.ssa Stefania Uccini, coordinatrice dello studio. «L’Ospedale Pediatrico di Baghdad ci invia mensilmente 10 casi di patologia pediatrica oncologica per una seconda opinione diagnostica perché a Roma, presso l’Unità di Anatomia Patologica del Dipartimento di Medicina Clinica e Molecolare dell’Ospedale Sant’Andrea, disponiamo di tecnologie attualmente poco utilizzate in Iraq che consentono di migliorare moltissimo l’accuratezza diagnostica» continua la Prof.ssa Uccini.
Una diagnosi corretta e tempestiva è essenziale per la terapia del Linfoma di Burkitt in quanto si tratta di un tumore molto aggressivo che prolifera e cresce molto rapidamente. Il trattamento chemioterapico, infatti, è spesso efficace e ha una percentuale di guarigione molto elevata, ma deve essere iniziato molto precocemente.«Questo lavoro, che ci porta a diagnosticare 120 casi l’anno, ha fatto emergere che nell’area geografica irachena vi è un’elevata incidenza di Linfomi di Burkitt, caratterizzati dalla frequente localizzazione a livello addominale (66%) e dall’alta percentuale di casi EBV positivi (86%). È emerso inoltre che i bambini iracheni diventano sieropositivi per il virus di Epstein Barr sin dall’età di due anni, mentre per le popolazioni occidentali la sieropositività per EBV inizia dai 14 – 15 anni in poi. I nostri risultati indicano pertanto che esistono almeno due diverse forme di Linfoma di Burkitt sporadico, uno più comune nei Paesi occidentali e in Giappone, caratterizzato da un basso tasso di casi infetti da EBV (20% – 30 %) e l’altro più comune nei Paesi in via di sviluppo, caratterizzato da un alto tasso di casi infetti da EBV (47% – 80%). La differenza tra le due forme è probabilmente dovuta alle peggiori condizioni socioeconomiche delle aree geografiche in via di sviluppo, che potrebbero favorire l’infezione da EBV già durante la prima infanzia».Per la Prof.ssa Stefania Uccini è infine molto importante sottolineare che «la collaborazione Italia – Iraq è molto rilevante non solo sotto il profilo medico-scientifico, ma anche perché offre ai colleghi iracheni la possibilità di uscire dall’isolamento culturale nel quale la guerra, ormai da molti anni, li costringe a vivere».
Lo studio è stato sostenuto dai finanziamenti dell’Istituto Pasteur Italia e di Sapienza Università di Roma. Fa inoltre parte del programma di collaborazione scientifica “Baghdad Resolve” tra Sapienza Università e il Children’s Welfare Teaching Hospital dell’Università di Baghdad.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Commissione Europea approva lenalidomide per il trattamento del linfoma smantellare recidivato/refrattario

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 agosto 2016

Celgene ha annunciato che la Commissione Europea ha approvato lenalidomide per il trattamento di pazienti adulti con linfoma mantellare recidivato o refrattario.Il linfoma mantellare è un raro sottotipo di linfoma non-Hodgkin aggressivo, che origina generalmente dai linfociti B della zona mantellare dei linfonodi, ma potenzialmente può insorgere nel tessuto linfoide associato a qualsiasi organo, più frequentemente il tratto gastrointestinale.Secondo gli ultimi dati disponibili nel 2012 si sono registrati 3.433 nuovi casi di linfoma mantellare in Europa.La decisione della Commissione Europea si è basata sui dati dello studio MCL-002, studio di fase 2, multicentrico, randomizzato, in aperto disegnato per valutare l’efficacia e la sicurezza di lenalidomide. Nello studio, lenalidomide ha mostrato un aumento significativo della sopravvivenza libera da progressione, risultata pari a 8,7 mesi rispetto ai 5,2 mesi del braccio di controllo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un mondo senza cancro

Posted by fidest press agency su domenica, 16 gennaio 2011

Roma 18 Gennaio alle ore 17.00 Nella cornice della ex-Chiesa di Santa Marta in Piazza del Collegio Romano 5 avrà luogo la presentazione del libro. Interverrà il Sottosegretario di Stato ai Beni e alle Attività Culturali, Francesco Maria Giro. “Ho sognato un mondo senza cancro – La vita e le battaglie di un uomo che non si arrende”, scritto dal Professor Franco Mandelli con Roberta Colombo, i cui proventi saranno interamente devoluti all’Associazione Italiana contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma.
Il testo racconta in prima persona la vita di uno dei più grandi ematologi al mondo, Presidente dell’Ail, cominciata negli anni in cui leucemie e linfomi erano una condanna a morte certa. Mettendo al centro del sistema sanitario la figura del “malato” è riuscito a fare dell’ematologia di Roma una realtà di livello europeo, contagiando con entusiasmo medici e volontari impegnati nella stessa battaglia. Grazie ai passi avanti compiuti in questi anni dalla Ricerca, oggi le prospettive di vita per i pazienti affetti da linfoma sono molto migliorate: le possibilità di guarigione sono quasi raddoppiate ed i pazienti vivono più a lungo e con una migliore qualità.Alla cerimonia saranno presenti, tra gli altri,  la Direttrice Generale per il Paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanea, Antonia Pasqua Recchia, il Dirigente del Servizio I – Valorizzazione del Patrimonio culturale, Programmazione e Bilancio, Manuel Roberto Guido e il moderatore Andrea Menaglia.
Pagine scelte saranno lette da un interprete d’eccezione come Giorgio Albertazzi,  l’accompagnamento sarà curato dal musicista ed etnomusicologo Ambrogio Sparagna.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale per la Conoscenza del Linfoma

Posted by fidest press agency su sabato, 28 agosto 2010

Roma, 15 settembre 2010, ore 11.30 Senato della Repubblica Palazzo Giustiniani – Sala dei Presidenti Via della Dogana Vecchia 29 Ogni anno nel mondo colpisce circa un milione di persone con 200.000 morti. In Italia sono 16.000 i nuovi casi all’anno e 200.000 i pazienti che convivono con la malattia.  Grazie ai passi avanti compiuti in questi anni dalla Ricerca,  oggi le prospettive di vita per i pazienti affetti da linfoma sono molto migliorate: le possibilità di guarigione sono quasi raddoppiate ed i pazienti vivono più a lungo. Presiede Franco Mandelli, Presidente AIL Nazionale

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale per la Conoscenza del Linfoma

Posted by fidest press agency su martedì, 3 agosto 2010

Roma, 15 settembre 2010, ore 11.30 Senato della Repubblica Palazzo Giustiniani – Sala dei Presidenti Via della Dogana Vecchia 29 Ogni anno il 15 settembre si celebra la Giornata Mondiale per la Conoscenza del Linfoma, il cui obiettivo è  promuovere l’informazione sulla malattia.  Il linfoma, tumore maligno che colpisce il sistema linfatico, è la terza forma di neoplasia più diffusa. Ogni anno nel mondo colpisce circa un milione di persone con 200.000 morti. In Italia sono 16.000 i nuovi casi all’anno e 200.000 i pazienti che convivono con la malattia.  Grazie ai passi avanti compiuti in questi anni dalla Ricerca,  oggi le prospettive di vita per i pazienti affetti da linfoma sono molto migliorate: le possibilità di guarigione sono quasi raddoppiate ed i pazienti vivono più a lungo.  Presiede Franco Mandelli, Presidente AIL Nazionale

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »