Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘lingue’

Nuovi laureati: per fare carriera importanti le lingue e trasferirsi all’estero

Posted by fidest press agency su domenica, 24 marzo 2019

Lussemburgo. Il mercato del lavoro di oggi è velocissimo e sempre più dinamico, la competizione altissima e non si ragiona più con un perimetro di città o Paese, ma a livello internazionale con profili di altissimo livello, che spesso provengono da Paesi in cui il sistema universitario è più orientato al lavoro e soprattutto più veloce.
Venticinque anni fa studiare le lingue, conseguire un MBA o lavorare all’estero erano dei plus importanti, che spesso determinavano il successo professionale di una persona, oggi invece vengono considerati sottintesi, non più dei plus, ma dei requisiti essenziali.
Ad analizzare le scelte dei neolaureati, per fare carriera, Simone Masetti, Group Organization & Business Improvement Manager presso Ferrero Lussemburgo, che prova a dare dei consigli ai giovani laureandi nell’intervista che ha rilasciato per il blog di Mentors4U, organizzazione non profit che mette a contatto giovani laureandi con Mentor che supportano nell’orientamento professionale, dando vita all’ iniziativa più grande d’Europa in tema di mentoring. La consulenza come starting point aiuta molto più di altre realtà per mettere le basi, insegnare il metodo, il problem solving e acquisire flessibilità nel ragionamento ma è bene capire sin da subito. “Il più grande punto interrogativo della maggior parte dei consulenti ritengo sia se passare in azienda, ed eventualmente quale sia il momento più opportuno. A mio parere non esiste un momento perfetto per il passaggio e credo non sia più corretto considerare lo stesso come un paradigma fisso da seguire. Sono convinto, tuttavia, che esista un lasso di tempo (1-2 anni) sotto il quale si rischia di non riuscire a sfruttare il background di competenze maturate durante l’esperienza consulenziale ed oltre il quale la rivendibilità in azienda potrebbe essere compromessa da skills non specializzate, e un profilo retributivo non in linea con il mercato”.Ci sono sempre meno imprese in Italia, è vero, diminuiscono le chiusure, ma le nuove aperture non sono sufficienti per colmare il “gap” e raggiungere un segno positivo. Stando a quanto riportato dalle statistiche negli ultimi 10 anni sono state chiuse ben 165.000 imprese, e gli imprenditori artigiani, che erano considerati la spina dorsale dell’economia italiana, purtroppo sono ormai una specie in via di estinzione.Come sottolinea Simone infatti “Il futuro delle aziende italiane non è certamente dei più rosei visto che negli ultimi 10/15 anni cinesi, arabi ed americani hanno fatto “shopping” in Italia approfittando di un Paese che non è riuscito a proteggere le aziende nostrane dalla crisi. Di esempi se ne possono fare moltissimi in differenti settori: da Pirelli acquisita da ChemChina a Indesit acquisita dal gruppo americano Whirlpool, al gruppo Italgel, che comprende i gelati Motta e Antica Gelateria del Corso, al gruppo Sanpellegrino acquisiti entrambi dal colosso Nestlè agli oli Cirio-Bertolli acquisiti da Unilever.I gruppi LVMH e Kering che hanno fatto “man bassa” nella moda italiana, e la Piaggio dal 2014 è finita nelle mani del fondo sovrano arabo. Per non parlare di molte, molte altre che purtroppo sono passate in mani straniere.In questo contesto è quindi importante essere consapevoli del fatto che chi vuole intraprendere una carriera in grandi aziende, eccezion fatta per liberi professionisti quali avvocati, medici e commercialisti, deve fare i conti con il fatto che è condizione necessaria traferirsi all’estero o viaggiare costantemente”, conclude il manager Masetti.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza internazionale sulle lingue indigene

Posted by fidest press agency su domenica, 24 febbraio 2019

Victoria (Canada) Dal 24 al 26 giugno 2019 Victoria Conference Centre di Victoria. La conferenza offrirà una ricca serie di workshop, tra cui la formazione pratica immersiva nelle lingue indigene, le tecniche di archiviazione e di documentazione, la politica e la legislazione in materia linguistica, la pianificazione di programmi di rivitalizzazione linguistica, i modelli di rivitalizzazione e insegnamento delle lingue, lingue e tecnologia e, infine, la narrazione.
Il 2019 è stato proclamato dalle Nazioni Unite come l’Anno internazionale delle lingue indigene, in qualità di importante meccanismo per richiamare l’attenzione del mondo sulla loro perdita critica e sull’urgente necessità di conservarle, rivitalizzarle e promuoverle con un’azione immediata e coordinata a livello nazionale e internazionale. Le lingue indigene nel mondo continuano a sparire a un ritmo preoccupante: circa il 40% di quelle parlate nel mondo, stimate in 6.700, è a rischio di estinzione. Il fatto che per la maggior parte si tratti di lingue indigene mette a rischio le culture e i sistemi di conoscenza a cui appartengono.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lezione di Mario Negri su “Dante e le lingue”

Posted by fidest press agency su domenica, 23 settembre 2018

Parma martedì 25 settembre, alle ore 16.30, in Biblioteca Palatina, nell’ambito del corso di Linguistica generale dell’Università di Parma lezione di Mario Negri su “Dante e le lingue”.
Mario Negri, fra i maggiori esperti europei di glottologia e di filologia egea e Rettore dell’Università IULM di Milano, parlerà nella sua lezione di storia della cultura, prima ancora che di linguistica.La lezione, promossa nell’ambito della “Terza missione” dell’Ateneo, che mira a un dialogo e una sinergia sempre più profondi dell’Università con il territorio locale, è parte integrante del corso di Linguistica generale (corso di laurea triennale in Comunicazione e media contemporanei per le industrie creative), tenuto dal prof. Davide Astori, ed è aperta a tutti gli interessati.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alla Stranieri la presentazione de “Il mago delle lingue”

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 settembre 2018

Perugia martedì 25 settembre – ore 15 Sala Goldoni, Palazzo Gallenga. Si tratta di un progetto, finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma Erasmus, che vede l’Università per Stranieri di Perugia nel ruolo di partner con la supervisione scientifica della prof.ssa Giuliana Grego Bolli, e realizzato da un consorzio di 10 Istituzioni di 4 paesi europei (Germania, Italia, Regno Unito, Spagna) con il coordinamento del Goethe-Institut.
A Palazzo Gallenga saranno presentate le attività progettuali realizzate e il computer game sviluppato, “The Language Magician”, quale strumento che può essere utilizzato nelle scuole primarie europee per la valutazione dei progressi nell’apprendimento delle lingue straniere (inglese, tedesco, spagnolo, francese, italiano) da parte degli alunni. Il gioco “Il mago delle lingue”, (https://www.thelanguagemagician.net/it/) grazie alla narrazione e alla grafica coinvolgente, presenta agli alunni task linguistici da risolvere, in modo divertente e senza timore di essere valutati. Al tempo stesso il docente, in una singola lezione, può raccogliere dati sulle capacità e conoscenze acquisite da un’intera classe nella lingua straniera testata, senza dover correggere nessuna verifica. I risultati, facilmente scaricabili alla fine di ogni sessione di gioco, possono essere utilizzati per valutare le abilità di lettura, scrittura e ascolto.All’evento, rivolto principalmente ai docenti delle scuole primarie umbre e ai dirigenti scolastici, con l’obiettivo di consentire la sperimentazione diretta del gioco online, interverranno la prof.ssa Giuliana Grego Bolli, responsabile scientifico del progetto per l’Ateneo, Anna Cicogna, componente del Team di ricerca, Steven Fawkes, esperto esterno del partner di progetto “Association for Language Learning” (UK), e un rappresentante dell’ufficio scolastico regionale dell’Umbria. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

15 poeti e 15 lingue per un’Europa poetica

Posted by fidest press agency su domenica, 18 marzo 2018

Roma Mercoledì 21 marzo 2018 Ore: 18:30 Conservatorio Santa Cecilia Via dei Greci, 18 Ingresso libero fino ad esaurimento posti serata di poesia con poeti da quindici paesi diversi dell’Europa. Sarà un’occasione unica e imperdibile per tutti gli appassionati di poesia e per coloro che vogliono conoscere meglio la poesia contemporanea europea.
Tutte le poesie verranno lette dai poeti in lingua originale, mentre la traduzione italiana verrà proiettata in simultanea su uno schermo luminoso. L’incontro, moderato da Maria Ida Gaeta, direttrice della Casa di Letterature di Roma, sarà accompagnato dalle esibizioni degli studenti del Conservatorio. Tra i partecipanti: Elke Laznia per l’Austria, Ivaylo Dimanov per la Bulgaria, Luko Paljetak per la Croazia, Jan Wagner per la Germania, Davide Rondoni per l’Italia, Krzysztof Koehler per la Polonia, Nuno Júdice per il Portogallo, Ana Blandiana per la Romania, Mila Haugová per la Slovacchia, Miljana Cunta per la Slovenia, José Luis Piquero per la Spagna, Jesper Svenbro per la Svezia, Michael Stauffer per la Svizzera, Ömer Erdem per la Turchia e Ádám Nádasdy per l’Ungheria. Per la quinta volta EUNIC, un partenariato di istituzioni culturali nazionali europee attive al di fuori del proprio territorio nazionale, celebra la poesia europea a Roma. Il 21 marzo di ogni anno l’UNESCO festeggia la Giornata Mondiale della Poesia, riconoscendo all’espressione poetica un ruolo privilegiato della promozione del dialogo interculturale, della comunicazione e della Pace. Per la Giornata Mondiale di quest’anno, la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO ha concesso il patrocinio all’evento ideato ed organizzato a Roma da EUNIC, in collaborazione con la Casa delle Letterature e la Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata europea delle lingue

Posted by fidest press agency su martedì, 12 settembre 2017

parlamento europeo romaIl 26 settembre è la Giornata europea delle lingue e in tutti i paesi si organizzano eventi per far conoscere al grande pubblico la ricchezza linguistica del continente e incoraggiare adulti e bambini ad imparare le lingue. La Commissione europea sostiene questa giornata fin dalla sua istituzione, nel 2001, e ogni anno si fa promotrice di numerose iniziative in tutti gli Stati membri.
A Roma, la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e la direzione generale Traduzione organizzano due eventi.
Domenica 24 settembre un’intera giornata di giochi, laboratori manuali e creativi e letture a Explora, il museo dei bambini di Roma, Via Flaminia 80. Una festa variopinta per incuriosire i bambini ad apprendere le lingue straniere divertendosi. Quest’anno le famiglie potranno avvicinarsi a diverse lingue dell’est europeo, dal croato allo slovacco, dal georgiano al polacco passando per il lituano. Gli istituti di cultura e le ambasciate di questi paesi organizzeranno attività ludiche per i bambini dai 3 agli 11 anni, durante le quali insegneranno ai partecipanti alcune parole nelle rispettive lingue. Un’occasione unica per ampliare i propri orizzonti linguistici e culturali.
Martedì 26 settembre alle ore 17.30, a Spazio Europa, in Via IV Novembre 149, un incontro dal titolo “Europei si nasce, poliglotti si diventa”. Due poliglotti italiani, che conoscono oltre 10 lingue, e un iper-poliglotta greco, che ne conosce ben 32, racconteranno al pubblico com’è nata questa passione e come l’hanno sviluppata e coltivata. Sul podio ci sarà anche il professor Abutalebi, neurologo, che spiegherà che cosa succede nel nostro cervello quando impariamo una nuova lingua e che sfaterà alcuni falsi miti. Ospite speciale della serata, Carolina Zanchi, vincitrice dell’edizione 2016 del concorso Juvenes Translatores.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Offerta formativa dei Corsi di Laurea in Lingue e culture straniere

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 febbraio 2017

Roma Lunedì 13 Febbraio 2017, ore 9:30 Aula Magna Via Ostiense 234 La Giornata di Vita Universitaria presso il Dipartimento di Lingue, letterature e culture straniere verrà presentata l’offerta formativa dei Corsi di Laurea in Lingue e culture straniere, Lingue e mediazione linguistico-culturale. L’incontro si svolgerà lunedì 13 febbraio 2017 dalle ore 9,30 alle ore 13 presso l’Aula Magna della Scuola di Lettere e filosofia in Via Ostiense 234, Roma.
Durante la GVU gli studenti avranno la possibilità di assistere alla presentazione dei suddetti Corsi di Laurea da parte dei docenti e degli studenti seniores del Dipartimento, nonché di assistere a delle lezioni. Il programma dell’incontro sarà costantemente aggiornato on line sul sito orientamento nell’apposita sezione dedicata: http://host.uniroma3.it/progetti/orientamento/
Per informazioni relative all’offerta didattica del Dipartimento è possibile consultare il sito: http://www.lingueletteratureculturestraniere.uniroma3.it/

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Migliore agenzia di scuole di lingua in Europa”

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 settembre 2016

londonLondra. ESL – Soggiorni linguistici è stata premiata per la 5a volta come “Migliore agenzia di scuole di lingue in Europa”, alla cerimonia degli Study Travel Star Awards il 3 settembre 2016 a Londra. Promossa dalla casa editrice britannica Study Travel, la cerimonia di premiazione si è svolta in seguito ad un sondaggio di soddisfazione realizzato presso migliaia di scuole di lingua di tutto il mondo. Tale distinzione ricompensa il lavoro di qualità dei professionisti nel settore dei viaggi studio all’estero.
Dopo essere già stata eletta “Migliore agenzia d’Europa” nel 2010, 2011, 2014 e 2015, questo riconoscimento permette ad ESL di diventare l’unica agenzia di soggiorni linguistici in Italia ad aver conseguito il titolo per 5 volte e di essere stata premiata con un “Lifetime Award”, che ne conferma la posizione come leader del settore. Autentico Oscar nell’ambito del turismo educativo, questa prestigiosa distinzione internazionale ricompensa l’eccellenza dei servizi e il lavoro di qualità svolto da tutti i suoi collaboratori.“Da 20 anni, ci impegniamo a fornire i migliori servizi alle nostre scuole partner e a tutte le persone che viaggiano con noi. È un lavoro costante e duraturo, che viene ricompensato da questo premio per la 5a volta e ne siamo molto onorati”, ricorda con soddisfazione Krister Wiedenhielm, Head of Products & Partnerships.

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brevetto europeo: Come funzionano male le lingue della Comunità

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 maggio 2015

brevetti_t1Sembra che l’Italia abbia intenzione di aderire al Brevetto europeo. Dopo che ne era rimasta fuori, con Spagna, perche’ si prevede che le lingue ufficiali siano tre: inglese, francese e tedesco. Sponsor di questo trilinguismo sono Francia e Germania, che hanno ottenuto il consenso di molti Paesi le cui lingue sono state escluse, facendo introdurre fondi per compensare i costi di produzione. Sembra che, per molti, i fondi siano piu’ interessanti che non la propria lingua.
Una scelta economica, si’ da superare il tipico ed oneroso gap comunitario della babele linguistica? In parte si’ e in parte no. Sarebbe stato economicamente logico scegliere una sola lingua, l’inglese ovviamente, che, indipendentemente dall’innegabile vantaggio di Gran Bretagna e Irlanda, e’ comunque la piu’ importante e diffusa lingua veicolare comunitaria e mondiale. Ma questo significava piu’ costi per i due grandi protagonisti comunitari, Francia e Germania. Quindi, invece di far pagare i costi ad ogni singolo Stato, Hollande e Merkel hanno pensato fosse meglio farli pagare a tutti gli altri Stati per loro. E cosi’ si sono fatti belli verso le proprie nazioni tutelando le loro lingue nazionali e fornendo un vantaggio competitivo ai rispettivi Paesi. Volenti o nolenti, europeisti o non-europeisti, e’ questa l’ennesima realta’ della nostra Ue: una entita’ economica dove governano i piu’ forti degli Stati nazionali.
Noi, che non abbiamo interessi economici e di potere specifici in merito, ma siamo sudditi anche di questa Unione, abbiamo maturato un’altra idea in merito. Scartata la possibilita’ della sola lingua inglese -anche un po’ riduttiva considerato il pianeta- proiettando la Comunita’ anche al di fuori del proprio territorio, avremmo scelto: inglese, francese e spagnolo (sicuramente tra le tre lingue piu’ diffuse nel mondo, e comunque facendo pagare un po’ di piu’ per le altrui traduzioni i Paesi avvantaggiati); non solo, ma se fosse consentito anche l’uso di lingue non comunitarie, ci avremmo aggiunto anche l’arabo e il cinese.
Ma questi sono -sembra e al momento- i sogni naufragati al largo dell’isola di Ventotene….
(Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli italiani e gli inquilini stranieri

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 maggio 2012

EasyStanza.it, il principale sito italiano dedicato alla ricerca e all’offerta di alloggi in condivisione, ha condotto una ricerca sulle principali caratteristiche che gli italiani prediligono nella scelta del proprio coinquilino e sulle diverse nazionalità delle persone che condividono un alloggio.Per prima cosa il sondaggio ha voluto indagare i pregi e i difetti principali che gi italiani riscontrano nelle persone con cui condividono l’abitazione: per il 56% degli intervistati ordine e pulizia sono le caratteristiche più apprezzate, per il 42% la puntualità nel pagare l’affitto e le spese, la simpatia per il 41%, e per il 28% la disponibilità a collaborare nelle faccende domestiche. Per qualcuno sono invece fondamentali le qualità relazionali del coinquilino, cioè se fa conoscere gente nuova (6%) o se è un bravo organizzatore di feste (3%).
Al contrario i difetti principali che gli italiani proprio non sopportano sono: punti di vista e abitudini differenti per il 41%, poca collaborazione nelle faccende domestiche per il 31%, disordine e poca igiene per il 30%, ritardo nel pagare l’affitto e le spese per il 13,5% e infine le abitudini di portare troppa gente sconosciuta in casa e organizzare troppe feste, rispettivamente per il 13% e il 5%.Anche la nazionalità del proprio coinquilino risulta essere un punto molto importante nella scelta di quest’ultimo, e dalle risposte emerge comunque un buon grado di integrazione fra diverse culture nel condividere un’abitazione: il 39% degli intervistati infatti, convive con persone di diversa nazionalità. Di questi, il 40% divide la propria casa con cittadini europei (per la maggior parte francesi, spagnoli e tedeschi), il 18% con asiatici (di cui per lo più cinesi), circa il 9% con persone provenienti dal Nord America (soprattutto dagli Stati Uniti), il 7% con sudamericani e il 5% con africani. Dal sondaggio emerge che ben il 31% degli intervistati dichiara di preferire un coinquilino straniero piuttosto che italiano. Si tratta di un dato significativo considerando che gli italiani sono per definizione un popolo molto legato alle proprie abitudini e che mantiene un legame particolare con i connazionali e con le proprie origini in qualsiasi parte del mondo si trovi. Tra le nazionalità “più gettonate” con cui gli italiani vorrebbero dividere l’alloggio troviamo Spagna, Regno Unito, Germania e Francia per l’Europa, gli USA per chi ha scelto l’America del Nord e il Giappone per chi ha dato la propria preferenza al continente asiatico. L’Europa risulta comunque il continente privilegiato con il 59% delle preferenze, mentre il 17% degli intervistati dichiara che accetterebbe volentieri coinquilini di qualsiasi nazionalità.
La ricerca, in modo più approfondito, ha provato a capire quali sono le qualità fondamentali dei coinquilini stranieri rispetto a quelli italiani e viceversa. Dalle risposte date emerge che l’83% preferisce uno straniero perché può entrare in contatto con culture diverse, il 53% perché può esercitarsi nel parlare lingue straniere e il 28% perché la convivenza permette di sperimentare la cucina di altri Paesi.
Viceversa, chi preferisce condividere la propria abitazione con un connazionale ha risposto con il 64% perché lo stile di vita simile rende più semplice la gestione degli spazi comuni, seguito poi dalla facilità di comunicazione per il 48% e dalle stesse abitudini alimentari per il 15%.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Imparare le lingue allontana l’Alzheimer

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2011

Histopathogic image of senile plaques seen in ...

Image via Wikipedia

(Centro Maderna) Parlare due lingue migliora le prestazioni del cervello e allontana anche il rischio di Alzheimer. Lo afferma uno studio presentato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Toronto all’annuale meeting AAAS, American Association for the Advancement of Science. I ricercatori hanno studiato 211 pazienti affetti da Alzheimer, per metà bilingui, per metà parlanti una sola lingua. Nel primo gruppo la malattia è stata diagnosticata in media 4,3 anni più tardi, mentre i sintomi si sono manifestati 5,1 anni dopo gli altri. ”L’effetto – hanno spiegato gli esperti – è maggiore se la seconda lingua viene imparata da piccoli, ma una certa protezione si ha anche se la si impara intorno ai 40-50 anni”. Secondo i ricercatori inoltre, non è vero che conoscere due lingue genera confusione nei processi cerebrali, anzi: il cervello, allenato dal continuo switch tra le due lingue, impara a gestire meglio i processi concomitanti. (AGI Sanità, 21 febbraio 2011)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le lingue europee

Posted by fidest press agency su martedì, 24 agosto 2010

Con l’ingresso dei  nuovi Stati sembra essersi ristretta anziché allargata la base linguistica attraverso la quale la Comunità europea informa i suoi cittadini. E’ questa l’impressione che ne traiamo da un progetto tenuto in massima parte riservato dove emerge che le lingue ufficiali e le varie forme di comunicazione saranno sempre più concentrate in tre lingue: francese, inglese e tedesco. Tale linea di tendenza vuole, in pratica, imprimere nei cittadini europei la convinzione che si potrà dialogare in Europa solo sulla base di un numero ristretto di lingue e, sotto sotto, il convincimento che si possa arrivare ad una o al massimo due. L’italiano e lo spagnolo e il portoghese, quindi, sono condannate ad essere solo un’espressione culturale ma non di uso pratico per l’uso corrente dei rapporti tra stati e cittadini. Lo stesso dicasi per le altre lingue. Questo lento ma inesorabile processo di sintesi linguistica ci pone seri problemi al nostro interno considerato il fatto che siamo poco adusi a praticare le lingue, date le ben note carenze rappresentate in tal senso dall’istruzione scolastica. Vi è persino il rischio, per quanto lo consideriamo allo stato remoto, che le nostre università si attrezzino per gli anni a venire su due possibilità: l’insegnamento in “dialetto locale” e in Inglese. In questo modo si abbandonerebbe del tutto la lingua italiana dai testi scolastici, diciamo a livello universitario. D’altra parte si sa già che molte pubblicazioni conservano la loro matrice  linguistica in Inglese, Francese e Tedesco ed in tal senso sono consultate anche dagli studiosi o discenti italiani.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Stage all’estero

Posted by fidest press agency su martedì, 2 marzo 2010

Camerino. Si terrà mercoledì 3 marzo presso l’Aula Allara e Grosso del Palazzo ducale di Camerino, la giornata informativa e di selezione per gli studenti Unicam che vogliono effettuare stage all’estero nelle strutture della EF Education First.  La EF Education First è la società leader internazionale nel settore della formazione linguistica all’estero e degli scambi culturali. Nata nel 1965 in Svezia, ha oggi uffici e scuole in 54 Paesi di 5 Continenti. Attualmente la sue sedi principali sono a Zurigo e Boston, mentre in Italia gli uffici sono a Milano e Roma. La lunga e specifica esperienza nell’ambito della didattica ha permesso ad EF Education First di sviluppare percorsi di studio all’estero efficaci per ogni tipologia di utenza e necessità, dai corsi di lingue all’estero a programmi di formazione accademica e scambi culturali.  La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il prossimo 30 aprile. I candidati potranno essere inseriti nell’Area Marketing, con il compito di collaborare all’attuazione delle campagne di web marketing;  nell’Area Event – Area Operation, in particolar modo nell’organizzazione degli eventi che coinvolgono gli studenti in tutto il Mondo; nell’Area Sales, per gestire le offerte commerciali alla clientela nuova e già acquisita ed il back office dell’ufficio commerciale.  Per maggiori informazioni, oltre a partecipare alla giornata informativa del 3 marzo a Camerino, è possibile consultare il sito http://www.ef-italia.it/

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Dante Aligheri a Torino per il convegno del 2011

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2009

Scelta oggi a Bolzano la sede degli stati generali della lingua italiana nel 2011. (Bolzano, 27 settembre 2009) – Un altro importante appuntamento si aggiunge al programma di Esperienza Italia: le Assise della lingua italiana, il grande convegno internazionale che riunisce, una volta ogni due anni, i delegati della Società Dante Alighieri e gli studiosi della lingua italiana nel mondo, si terranno a Torino nel 2011 in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’unità d’Italia. La scelta è stata annunciata oggi a Bolzano, al termine del convegno della Dante, dal Presidente della Società Dante Alighieri Bruno Bottai e dal Direttore del Comitato Italia 150 Paolo Verri, che ha presentato la candidatura e il programma complessivo di Esperienza Italia. Si tratta di un accordo di grandissima importanza, poiché le 500 rappresentanze della Dante Alighieri in tutto il mondo, entrando in contatto con gli appassionati del nostro Paese, sono quotidianamente ambasciatrici della cultura e della lingua italiana, nonché punto d’osservazione privilegiato della percezione dell’Italia nel mondo. Con questa candidatura il Comitato Italia 150 raccoglie l’invito espresso qualche giorno fa dal Ministro per i Beni e le Attività culturali Sandro Bondi che in occasione della riunione del Comitato dei Garanti, ha indicato la lingua italiana come uno dei temi fondamentali su cui lavorare in vista del 2011.  Solo una settimana fa, inoltre, si è tenuto a Torino il Comitato esecutivo di Italia 150 in cui il Presidente del Comitato Antonio Saitta ha esortato a lavorare con impegno per gli appuntamenti del 2011. L’accordo tra i due Enti sarà presentato pubblicamente nei prossimi mesi e prevederà un programma di avvicinamento alle Assise del 2011 con una serie di iniziative volte a valorizzare la lingua italiana come patrimonio comune e diffondere la conoscenza dei festeggiamenti per i 150 anni dell’unità “Esperienza Italia”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Isfol, label europeo delle lingue 2009

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2009

È partita la “gara” dedicata ai progetti più significativi e innovativi nell’ambito dell’insegnamento delle lingue. Il premio è un prestigioso riconoscimento: il Label europeo delle lingue, un attestato di qualità volto a valorizzare le iniziative che, a livello nazionale e a tutti i livelli dell’educazione e della formazione professionale delle lingue, dimostrano di possedere caratteristiche innovative e originali. Il Label linguistico europeo è un’iniziativa della Commissione europea nata dalle indicazioni esposte nel Libro Bianco “Insegnare ed apprendere. Verso la società conoscitiva” di E. Cresson (1955) in cui veniva profetizzata la necessità impellente, per l’Europa, di promuovere la conoscenza e l’uso di due lingue straniere oltre alla corretta padronanza della lingua materna. Per l’area, della formazione professionale il riconoscimento potrà essere assegnato a diverse tipologie di beneficiari: agenzie formative di enti locali e di associazioni sindacali e datoriali, enti di formazione professionale, scuole di lingue, centri di ricerca, aziende (specie Pmi), università e scuole, organizzazioni no-profit e ong. Per partecipare alla gara.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lingue romanze

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 agosto 2009

Giaglione 24 agosto alle ore 10.00 presso la sede del Ce.S.Do.Me.O., corso di formazione linguistica intensivo dedicato alle lingue minoritarie del Piemonte Imparare a leggere e comprendere  le lingue romanze in pochi giorni ideato dal Professore Tilbert Dídac Stegmann  della Goethe Universität di Francoforte.  Il seminario della durata di cinque giorni, che si svolgerà da lunedì fino al venerdì 28 agosto con frequenza diurna (dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00), rientra nell’ambito del progetto di rete “Le Lingue madri: Occitana, Francoprovenzale e Francese come valore aggiunto della montagna della Provincia di Torino” promosso dall’Assessorato provinciale alla cultura, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e coordinato dalla Regione Piemonte.  Si tratta di un progetto, di durata annuale, che mette in rete la Provincia di Torino, quale ente capofila, la Comunità Montana Alta Valle Susa, la Comunità Montana Bassa Valle Susa e Val Cenischia, la Comunità Montana Val Sangone, la Comunità Montana Pinerolese Pedemontano e 21 comuni di minoranza ad esse appartenenti: Oulx, Bardonecchia, Sauze di Cesana, Sauze d’Oulx, Salbertrand, Exilles, Gravere, Giaglione, Novalesa, Venaus, Mattie, Meana di Susa, Susa (solo in parte), Chianocco, Condove, Rubiana, Giaveno, Coazze, Valgioie, Prarostino, San Secondo di Pinerolo.  Il corso di formazione intensivo EuroComRom è gratuito e si rivolge in particolar modo ai dipendenti pubblici degli enti aderenti al progetto, ma è comunque aperto a tutti gli interessati e ai cultori delle lingue minoritarie piemontesi. Il sistema Eurocom si fonda sull’idea che chiunque possa con questo metodo imparare facilmente e velocemente a comprendere tutte le lingue appartenenti al ceppo della propria lingua. Con questo sistema, a partire per esempio dall’italiano, si riesce molto velocemente a leggere in francese, spagnolo, portoghese, occitano, rumeno, arrivando in due settimane a comprenderne l’ottanta per cento senza studiare la grammatica. Il primo passo è diventare consapevoli di ciò che non c’è bisogno di studiare, grazie alla parentela tra le lingue e al comune inconscio collettivo. Nella pratica il metodo individua sette “setacci”, nei quali è possibile ritrovare ciò che è già noto in ogni lingua affine. Nel metodo EuroComRom è possibile affrontare contemporaneamente tutte le lingue di una famiglia linguistica; più lingue vengono abbordate, più il metodo risulta efficace ed economico. In questo quadro EuroComRom si può considerare un metodo realista, dal momento che non richiede sforzi eccessivi e riconosce il valore di una competenza linguistica parziale, quella che permette innanzitutto di comprendere.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le scuole d’inglese

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 agosto 2009

Sono tantissime in Italia ed ora sappiamo anche la ragione di tanta proliferazione, data che la ricetta è alla portata, se non di tutti, di quasi. Basta, infatti, disporre degli ingredienti giusti: trovare una sede, possibilmente, ed è il caso nelle grandi città, nelle vicinanza di una fermata di metro o di linee di autobus, di assumere insegnanti di madrelingua abilitati ad insegnare a stranieri ed il gioco è fatto. Si possono, di conseguenza, rilasciare, dopo che sono stati sostenuti i relativi esami di merito da parte degli allievi, i certificati che risultano legalmente riconosciuti. Ma la nostra domanda, a questo punto, è quella di sempre: servirà per superare l’endemica avversità di tanti italiani per lo studio delle lingue? Siamo convinti che bisognerebbe inventarsi qualcosa di diverso associando, magari, queste scuole con quelle statali e private come in una sorta di scuola di appoggio specializzata per integrare lo striminzito orario scolastico riservato all’ora delle lingue. Si potrebbe, a questo punto, stipulare un’apposita convenzione per consentire un minore aggravio di spesa per le famiglie e per consentire ai ragazzi di avere un approccio più diretto ed organizzato per lo studio delle lingue.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Favorire l’integrazione dei giovani migranti nelle scuole UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 aprile 2009

La percentuale di bambini migranti nella scuola è destinata ad aumentare. Il Parlamento sottolinea quindi la necessità di effettuare maggiori sforzi a livello dell’UE per affrontare questa sfida. Occorre cioè attuare una politica d’istruzione inclusiva, evitando di creare classi speciali, garantire l’insegnamento della lingua del paese ospitante e fornire agli insegnanti una formazione specifica interculturale. Va anche garantito l’insegnamento della lingua madre dei migranti.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »