Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘liu xiaobo’

“La morte di Liu Xiaobo ci addolora”

Posted by fidest press agency su sabato, 15 luglio 2017

Liu Xiaobo“Ma le sue battaglie sono vive e vivide nelle nostre azioni e nei nostri cuori. Di fronte alla sanguinosa tirannia comunista cinese non ci nascondiamo come certa sinistra, che finge di condannare le violenze e la totale assenza di libertà fondamentali salvo voltarsi sistematicamente dall’altra parte quando ci sono casi raccapriccianti come quelli occorsi a Liu Xiaobo e alla sua famiglia.Per noi la libertà resta un valore supremo e chi lotta per conquistarla non può essere silenziato per gli interessi commerciali e finanziari rappresentati oggi da Pechino. Porgiamo le nostre condoglianze alla moglie, ancora in carcere, e a tutti i dissidenti cinesi che combattono per abbattere il comunismo in Cina. Infine invitiamo il ministro degli Esteri, Geng Shuang, a non interferire sulle espressioni di cordoglio espresse da Paesi terzi (Usa, Francia, Gran Bretagna, Taiwan) perché l’Occidente non è Hong Kong, la cui libertà fu svenduta in poche ore.
Restiamo piuttosto sconcertati dal silenzio dell’esecutivo italiano probabilmente per compiacere il governo cinese. Un atteggiamento vile che fa il paio con quanto è accaduto qualche giorno fa con la negazione del visto d’ingresso in Italia a tre monaci buddhisti. Questi tre lama dovevano partecipare a giornate di meditazione in un centro buddhista di Pisa, il più grande d’Europa. Ma non si sa bene per quale ragione, il visto è stato loro negato. Mentre entrano in Italia criminali e terroristi travestiti da migranti, pacifici lama sono trattati come pericolosi attentatori della sicurezza nazionale. Per ordine di un regime comunista”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The man who called himself “Doomsday’s survivor” died on July 13th, aged 61

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

Liu Xiaobo“I HAVE no enemies and no hatred,” Liu Xiaobo told a court in Beijing during his trial for subversion in 2009. Hatred, he said, “can rot away at a person’s intelligence and conscience”. He had every reason to despise the government; he was about to go to jail for simply petitioning for democracy in China and asking people to sign up. But the forgiveness he offered was never reciprocated by the Communist Party. Officials did not allow him to pick up the Nobel peace prize he won a year later, as the “foremost symbol”—in the Nobel committee’s words—of the struggle for human rights in China.
He not only made an enemy of the government, but also riled fellow intellectuals and activists with his acerbic, rough, often coarse, observations of their weaknesses. As a writer and lecturer, deeply read in both Chinese and Western philosophy, from the 1980s he tirelessly attacked China’s boring cultural consensus. He saw himself as a Nietzschean lone wolf, a nihilist, even a renegade, a stammering loner who would stand out from the crowd and shout; but there ought to be room for him, he thought, and people like him.
He scorned those who watched from the sidelines as pro-democracy unrest erupted across China in 1989, and could not wait to get back from America, where he had a fellowship at Columbia, to join in. It was his moral duty to do so, as it was to chastise student protesters in Tiananmen Square for their lack of democracy. A day before the troops moved in, he and three other intellectuals began a hunger strike in the square as an act of individual repentance, lamenting the student movement’s lack of efficiency. When young people got into politics, he had grumbled earlier, it was too often superficial, just a crowd reaction. True liberation for the Chinese would come only when people learned to live and think for themselves: to be personally brave and free. The hunger strike was a bid not for death, but for “true life”.He stayed in the square to the end, helping to persuade the occupying students to accept a deal to withdraw. That probably saved many lives. A few months later, in prison, he again angered fellow activists by saying, on state television, that he had seen no one killed at Tiananmen. He was scorned for seeming to lend credence to the party’s propaganda. Yet he was just telling it as it was, with his usual blistering honesty. Most of the bloodshed had indeed occurred outside the square itself.He spent 19 months in prison for his role in the Tiananmen protests. Eventually he was convicted of “counter-revolutionary incitement and propaganda”, but was released for encouraging the students to withdraw. He was quick to resume his provocations, his habit of “crashing into brick walls”. His “Monologues of a Doomsday Survivor” (1992) attacked students who had fled to America. Those damned people who ran away overseas, he co-wrote, had no right to comment on his behaviour.
Pessimistic by nature, gloomy about mankind’s future in general, he might have been referring to any sort of doomsday. But the one he meant was communism’s. It was easy then to imagine a world free of it. China’s party was still clinging to power, but many others had collapsed; China’s would follow, he believed, in just a few years. As a survivor of the bloody crackdown in Beijing, he had witnessed the party’s last gasp.
It was not to be. The “lonely forerunner” had to go on needling the party, struggling against the odds, petitioning for democracy and an official reassessment of Tiananmen. In 1996 he was sentenced to three years in a labour camp, emerging unbowed to go on writing about politics at his usual terrific rate. In 2008, after an explosion of unrest in Tibet (where he demanded “genuine autonomy”), he and many other intellectuals urged the government to talk to the Dalai Lama.Later that year, to mark the 60th anniversary of the UN’s Universal Declaration of Human Rights, he wrote the appeal that was to land him in prison for the last time. It was inspired by Charter 77, an appeal issued by dissidents in Soviet-era Czechoslovakia in 1977. His version was called Charter 08. It demanded an end to one-party rule and a new government that embraced democracy and human rights. Hundreds signed, but the timing was bad. With the Beijing Olympics over, China no longer needed to impress visiting foreigners. Mr Liu was arrested in December 2008, two days before the charter’s release.
China scoffed at his Nobel peace prize (he was the first Chinese person still living in the country to receive a Nobel award of any kind). And it brushed off appeals for clemency from Western governments. The global financial crisis proved that the West was in decline; China’s day had come. When Xi Jinping took over as China’s leader in 2012 he cracked down even harder on dissent, and kept Mr Liu’s wife, Liu Xia, under house arrest. The party made a token gesture of sympathy at the end, allowing her to visit her husband as he faded from liver cancer, but refused to let him get treatment abroad.His vow at his trial, to “dispel hatred with love”, cut no ice with the party. As his death approached, it mobilised an army of censors to scrub the internet of any expression of sympathy for him. (This article appeared in the Obituary section of the print edition under the headline “Doomsday’s survivor” by The Economist)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cina: Gao Zhisheng all’ombra di Liu Xiaobo

Posted by fidest press agency su domenica, 21 novembre 2010

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) è molto preoccupata per il destino del noto avvocato per i diritti umani cinese Gao Zhisheng, di cui manca ogni traccia ormai da sette mesi. Soprannominato anche “la coscienza della Cina” per il suo impegno a favore di cristiani perseguitati, membri di Falun Gong, contadini espropriati e oppositori alla politica del figlio unico, Gao Zhisheng è stato di fatto rapito dalle forze di sicurezza cinesi. Il fatto che le autorità cinesi non vogliano processarlo pubblicamente dimostra l’importanza di Gao Zhisheng per il movimento democratico cinese. L’ultimo segno di vita dato dall’avvocato nominato nel 2008 per il Premio Nobel per la pace risale al 20 aprile 2010, quando chiamò al telefono suo fratello Gao Zhiyi. Secondo quanto riportato dal fratello, al telefono Gao Zhisheng sembrava molto teso e ha raccontato di trovarsi in un centro di meditazione presso il monte Wutai nella Cina settentrionale. Dopo quella telefonata si è persa ogni traccia di Gao Zhishen. Le autorità cinesi si rifiutano di dare qualsiasi informazione sul luogo di permanenza e lo stato di salute di Gao Zhisheng, mentre suo fratello si è visto rifiutare una denuncia per scomparsa presentata in ottobre del 2010 ad una stazione di polizia di Pechino. Non è la prima volta che le autorità cinesi tacciono sul destino di Gao Zhisheng. Dopo il suo rapimento da parte delle forze di sicurezza cinesi il 4 febbraio 2009 , l’avvocato sparì per 400 giorni. Per mesi i portavoce delle istituzioni negarono di sapere dove si trovasse l’avvocato dichiarando che la Cina ha 1,3 miliardi di abitanti e che le autorità difficilmente possono sapere dove esattamente si trovi ognuno di loro. Quando la richiesta della liberazione dell’avvocato iniziò a crescere all’estero il 28 marzo 2010 a Gao Zhisheng fu permesso di fare una telefonata. In una intervista rilasciata il 7 aprile, l’avvocato, evidentemente sotto pressione da parte delle autorità cinesi, dichiarò che non avrebbe più lavorato come avvocato per i diritti umani. Dopo questa intervista e la telefonata al fratello non si è più saputo nulla di lui. A causa del suo impegno per i diritti umani lo studio di avvocatura di Gao Zhisheng era stato chiuso nel novembre 2005. Poi gli fu ritirata la licenza come avvocato, fu sorvegliato e intimidito dalle forze di sicurezza e nell’agosto 2006 fu infine arrestato, torturato e condannato a tre anni di carcere per “attentato alla sicurezza nazionale”. La pena detentiva fu poi trasformata in arresti domiciliari.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nobel per la Pace a Liu Xiaobo

Posted by fidest press agency su sabato, 9 ottobre 2010

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha commentato l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace a Liu Xiaobo, come uno “schiaffo clamoroso” per i leader della Cina. E’ una disfatta per le aspirazioni della Cina ad un maggior riconoscimento internazionale e per il tentativo di bloccare sempre più l’opposizione democratica nel paese. L’assegnazione del premio al dissidente Liu Xiaobo è di grande incoraggiamento per tutti i democratici cinesi e per tutti coloro che sono impegnati nella difesa dei diritti umani nella Repubblica popolare, oltre che una pietra miliare nella lotta contro la censura. Milioni di Cinesi si stanno ormai interessando sempre più agli scritti vietati di Liu Xiaobo come anche alle richieste di “Carta 08”, di cui Xiaobo è uno dei 300 firmatari.
In qualità di ex presidente del centro PEN cinese indipendente Liu Xiaobo rappresenta idealmente la persecuzione degli oltre 150 scrittori critici in Cina. L’APM negli ultimi anni ha potuto documentare più volte in diversi rapporti sui diritti umani la persecuzione di scrittori dissidenti in Cina e ha fatto pressione per la liberazione di Liu Xiaobo, che sconta attualmente una pena di 11 anni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »