Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘love’

The strangest love affair – autocrats and parliamentarians, from Berlin to Strasbourg

Posted by fidest press agency su domenica, 4 aprile 2021

In recent weeks, the unbelievable story of corruption of parliaments across Europe by the Caspian autocracy of Azerbaijan has created big waves in Germany.Suddenly Azerbaijan’s rulers and their apologists’ strange love for the oil-rich country in the Caucasus were debated in the Bundestag. The issue made the headlines of papers and television news. It was discussed on popular talk shows before millions of viewers. It played a role in the resignation of MPs from the governing CDU. It triggered a long-overdue debate on how to protect parliamentarians from being manipulated by determined autocracies.ESI has written about this scandal for a decade. We published many reports and more than two dozen newsletters. For years these had no impact. Until April 2017 this caviar diplomacy, which had led to the capture of Europe’s leading human rights institution charged with defending the European Convention on Human Rights, was flourishing. It was simply too easy to bribe and seduce many of those parliamentarians Europeans had elected to represent them.Calling on the Council of Europe to act on the biggest scandal in its history: John Dalhuisen, Frank Schwabe, Gerald Knaus, Pieter Omtzigt (2017)Calling on the Council of Europe to act on the biggest scandal in its history: John Dalhuisen, Frank Schwabe, Gerald Knaus, Pieter Omtzigt (2017) In 2017 a bipartisan coalition of MPs from across Europe, led by Pieter Omtzigt from the Netherlands and Frank Schwabe from Germany, led the charge for an investigation of these serious allegations. It achieved the resignation of Pedro Agramunt, the president of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe (PACE). An official report in 2018 described the tip of the iceberg of this scandal, naming some of the members of PACE involved and calling on authorities across Europe to act.In January 2021 three former PACE members were sentenced by a court in Milan to four years in jail. In Germany parliamentary immunities were lifted and prosecutors started house searches. However, most of those involved in this policy since 2003 have walked away with impunity.For the Aliyev regime, almost two decades of efforts to aggressively undermine democratic institutions remained without consequences. It was never challenged on this policy in the Council of Europe by other members states.This week we discussed the lessons from this scandal in a long interview in the Frankfurter Allgemeine Zeitung, which is now also available in English.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“If You Love Me” The Peanut Butter Falcon

Posted by fidest press agency su domenica, 30 agosto 2020

Friday, September 4 9:00pm Markham Fairgrounds Comedy-Drama | English The Peanut Butter Falcon is a story of adventure and friendship, set in the world of a modern Mark Twain. Zak, a young man with Down syndrome, runs away from the care home where he lives to chase his dream of becoming a professional wrestler. Through circumstances beyond their control, Tyler, a small-time outlaw on the run, becomes Zak’s unlikely coach and ally. Together they wind through deltas, elude capture, drink whisky, find God, catch fish, and convince the kind nursing home employee charged with bringing Zak home, to join them on their wild journey. click here for information and tickets for “The Peanut Butter Falcon”

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Love: L’arte contemporanea incontra l’amore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 marzo 2017

love1loveMilano 17 marzo – 23 luglio 2017 Museo della Permanente LOVE L’Arte contemporanea incontra l’amore, la mostra rivelazione dell’anno. L’evento, che ha saputo richiamare a sé un vastissimo pubblico nella sede del Chiostro del Bramante, si è rivelato una sfida complessa che ha conciliato l’arte contemporanea con i grandi numeri: sfida che la mostra LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore è riuscita a vincere grazie al tema universale dell’amore, ai grandi nomi dell’arte contemporanea internazionale e alla scelta rigorosa e sapiente delle opere da parte del curatore Danilo Eccher. Un mix vincente di elementi che ha creato un entusiasmo di massa concretizzatosi nelle lunghe code davanti al Chiostro del Bramante di Roma, dove la mostra è stata presentata in anteprima.
love2Milano, per il suo carattere contemporaneo e fashion, non poteva che essere la sede naturale per il prosieguo del progetto e le sale espositive del Museo della Permanente sono state ritenute le più adatte ad accogliere le 39 opere che compongono questo straordinario racconto sull’amore. Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George, Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente, Joana Vasconcelos e molti altri sono gli artisti chiamati a raccolta da Danilo Eccher per raccontarci l’amore dal loro punto di vista, tracciando un percorso artistico fortemente emotivo.
La mostra, patrocinata dal Comune di Milano e promossa dal Museo della Permanente, nasce da un progetto di DART – Chiostro del Bramante, è curata da Danilo Eccher e prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia.La mostra vede come sponsor Generali Italia, special partner Ricola e sponsor tecnico Trenitalia e media partner Radio Monte Carlo. 8foto: love)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LOVE: L’arte contemporanea incontra l’amore

Posted by fidest press agency su domenica, 14 agosto 2016

Robert Indiana, LoveRoma Dal 29 settembre 2016 al 19 febbraio 2017 il Chiostro del Bramante di Roma ospita LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore, a cura di Danilo Eccher. Una novità assoluta e imperdibile nel panorama delle proposte culturali capitoline degli ultimi anni che si candida a riportare la città di Roma in linea agli stessi livelli delle più stimate realtà espositive internazionali. Per la prima volta saranno riuniti tra i più importanti artisti dell’arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George, Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente, con opere dai linguaggi fortemente esperienziali (All the Eternal Love I Have for the Pumpkins della Kusama tra le più instagrammate al mondo), adatte a coinvolgere il pubblico attraverso molteplici sollecitazioni.L’esposizione romana intende affrontare uno dei sentimenti universalmente riconosciuti e da sempre motivo d’indagini e rappresentazioni, l’Amore, raccontandone le diverse sfaccettature e le sue infinite declinazioni. Un amore felice, atteso, incompreso, odiato, ambiguo, trasgressivo, infantile, che si snoda lungo un percorso espositivo non convenzionale, caratterizzato da input visivi e percettivi. La mostra è prodotta e organizzata da Dart – Chiostro del Bramante e Arthemisia Group. (fonte: Arthemisia Group) (foto: love)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Chagall: Love and Life

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2015

Marc ChagallThe Lovers, 1954-55India ink, wash, and watercolor, 530 x 470 Gift of  Jan Mitchell, New YorkThrough the America-Israel Cultural FoundationB69.192Coll. IMJ

Marc ChagallThe Lovers, 1954-55India ink, wash, and watercolor, 530 x 470 Gift of Jan Mitchell, New YorkThrough the America-Israel Cultural FoundationB69.192Coll. IMJ

Marc ChagallPair of Lovers and FlowersColor lithograph, 1949, 555 x 410 Gift of  Ida Chagall, ParisM408-5-51

Marc ChagallPair of Lovers and FlowersColor lithograph, 1949, 555 x 410 Gift of Ida Chagall, ParisM408-5-51

Catania fino al 14 febbraio 2016 Castello Ursino. Dalla collezione dell’Israel Museum di Gerusalemme giungono per la prima volta a Catania, presso il Castello Ursino – oggi sede del Museo civico della città etnea – 140 lavori di Marc Chagall, il cui linguaggio è così universale da essere amato da tutti e da tutti conosciuto e riconosciuto e che, tra tutti gli artisti del secolo scorso, è rimasto fedele a se stesso pur attraversando guerre, catastrofi, rivoluzioni politiche e tecnologiche. Dopo il successo della mostra nella sede romana del Chiostro del Bramante che ha totalizzato oltre 140.000 visitatori, Catania ospita l’esposizione e torna finalmente a respirare aria di cultura attraverso disegni, olii, gouache, litografie, acqueforti e acquerelli di uno degli artisti più amati del Novecento.
La mostra racconta la poetica dell’artista ebreo, influenzata dal grande amore per la moglie Bella e dal dolore per la sua morte prematura avvenuta nel 1944, ripercorrendo la sua vita e la sua arte che fu commistione delle maggiori tradizioni occidentali europee – dall’originaria cultura ebraica a quella russa, all’incontro con la pittura francese delle avanguardie.
Le 8 sezioni tematiche della mostra disegnano una mappa artistica e spirituale complessa e caleidoscopica che sta a fondamento del profilo apolide dell’artista; l’originalissima lingua poetica di Chagall nasce infatti dall’assimilazione delle tre culture cui appartiene: la cultura ebraica (dalla cui tradizione visiva dei manoscritti ornati egli trae gli elementi espressivi, non prospettici a volte mistici della sua opera); la cultura russa (cui attinge sia attraverso le immagini popolari dei luboki che attraverso quelle religiose delle icone); la cultura occidentale (in cui assimila grandi pittori della tradizione, da Rembrandt agli artisti delle avanguardie che frequenta con assiduità).Ma l’opera di Chagall è anche altro, perché la sua meraviglia di fronte alla natura, il suo stupore di fronte alle creature viventi conferisce quell’arcaicità quasi medievale alla sua poetica novecentesca. La mostra raccoglie in particolare lavori grafici e ripercorre i temi fondamentali della produzione di Chagall: dalle radici nella nativa Vitebsk (Bielorussia), descritta con amore e nostalgia nella serie Ma vie (My Life), all’incontro con l’amata moglie Bella Rosenfeld, della quale illustrò i libri Burning Lights e First Encounter, pubblicati dopo la morte prematura dell’amata.
Un’intera sezione è dedicata alle illustrazioni della Bibbia con temi che esercitarono sempre un grande fascino su di lui e che rivelano un’interpretazione straordinariamente “umanista” delle Scritture come il ciclo d’incontri storici tra l’uomo e Dio, interpretazione dell’Antico Testamento.Oltre alla varietà di temi molto più ampia rispetto alla maggior parte dei suoi contemporanei, molti erano i campi nei quali Chagall esprimeva la sua arte quali la pittura, la scultura, il mosaico, la scenografia, la scrittura e l’incisione: quest’ultima è ampiamente approfondita nel percorso espositivo che mostra le peculiarità delle opere eseguite con le diverse tecniche litografiche e di incisione. Nella terza sala una gigantografia riproduce anche l’ambiente della celebre stamperia Mourlot di Parigi con i suoi antichi torchi dove lavorava Chagall, stamperia frequentata anche da Picasso, Matisse, Braque e Giacometti.La rassegna mette in luce anche il rapporto esistente nell’opera di Chagall tra arte e letteratura, tra linguaggio e contenuto. I lavori esposti riflettono l’identità poliedrica dell’artista, che è al tempo stesso l’ebreo di Vitebsk (in mostra Sopra Vitebsk), autore e illustratore che correda di immagini i libri dell’amata sposa, artista che illustra la Bibbia (in mostra L’angelo caduto, gouache del 1924), originale pittore moderno che attraverso l’iconografia cristiana piange la sorte toccata al popolo

Marc ChagallThe Lovers, 1937Oil on canvas, 108 x 85 cm Donated by Charles Bronfman from the estate of Sayde BronfmanB95.1011

Marc ChagallThe Lovers, 1937Oil on canvas, 108 x 85 cm Donated by Charles Bronfman from the estate of Sayde BronfmanB95.1011

ebraico (in mostra la Crocifissione, gouache del 1944), profondo conoscitore di Le Anime morte dello scrittore russo Nikolaj Gogol (in mostra il frontespizio eseguito da Chagall e 15 delle 96 tavole – acqueforti – del 1948) e francese di adozione che disegnò le illustrazioni delle favole di La Fontaine anch’esse in mostra (18 tavole tra acquerelli, acqueforti e gouache).
Artista grande conoscitore dell’anima “ritraeva le debolezze umane, senza emettere giudizi” (Susan Compton, dal catalogo della mostra alla Royal Academy of Art, 1985), Chagall celebra l’amore come dono divino (in mostra Gli amanti, olio del 1937, Coppia di amanti e fiori, litografia del 1949, Coppia di amanti con gallo, litografia del 1951, Gli amanti, gouache del 1954-55) e ritrae la famiglia, gli amici (in mostra Ritratto del Dottor I.A. Eliashev e quello di Ala Eliashev, entrambi grafite su carta del 1919) e se stesso (in mostra Autoritratto con sorriso e Autoritratto con smorfia, entrambi acquaforte del 1924-25) dimostrando di essere un maestro della linea e della superficie oltre che un eccellente colorista.La mostra Chagall. Love and Life attraverso le opere dell’Israel Museum illustra l’ arte e la poetica – tra le più innovative del Novecento – dell’artista ebreo più apprezzato e ammirato del secolo scorso.
Parafrasando il titolo del libro della moglie Bella, le luci di Chagall – colui che non è mai stato un “artista tormentato”, ma che ha mantenuto fino alla fine della sua lunga esistenza ottimismo e gioia di vivere – risplendono ancora. (foto: Chagall)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Damien Hirst For the love of God

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2010

Firenze 25 novembre ore 13.15 Sala di Lorenzo, Palazzo Vecchio, piazza della Signoria, conferenza stampa su Damien Hirst For the love of God nella quale Interverranno Matteo Renzi, Giuliano da Empoli, Iole Siena e Francesco Bonami a cura di Francesco Bonami.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »