Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘lussemburgo’

Nuovi laureati: per fare carriera importanti le lingue e trasferirsi all’estero

Posted by fidest press agency su domenica, 24 marzo 2019

Lussemburgo. Il mercato del lavoro di oggi è velocissimo e sempre più dinamico, la competizione altissima e non si ragiona più con un perimetro di città o Paese, ma a livello internazionale con profili di altissimo livello, che spesso provengono da Paesi in cui il sistema universitario è più orientato al lavoro e soprattutto più veloce.
Venticinque anni fa studiare le lingue, conseguire un MBA o lavorare all’estero erano dei plus importanti, che spesso determinavano il successo professionale di una persona, oggi invece vengono considerati sottintesi, non più dei plus, ma dei requisiti essenziali.
Ad analizzare le scelte dei neolaureati, per fare carriera, Simone Masetti, Group Organization & Business Improvement Manager presso Ferrero Lussemburgo, che prova a dare dei consigli ai giovani laureandi nell’intervista che ha rilasciato per il blog di Mentors4U, organizzazione non profit che mette a contatto giovani laureandi con Mentor che supportano nell’orientamento professionale, dando vita all’ iniziativa più grande d’Europa in tema di mentoring. La consulenza come starting point aiuta molto più di altre realtà per mettere le basi, insegnare il metodo, il problem solving e acquisire flessibilità nel ragionamento ma è bene capire sin da subito. “Il più grande punto interrogativo della maggior parte dei consulenti ritengo sia se passare in azienda, ed eventualmente quale sia il momento più opportuno. A mio parere non esiste un momento perfetto per il passaggio e credo non sia più corretto considerare lo stesso come un paradigma fisso da seguire. Sono convinto, tuttavia, che esista un lasso di tempo (1-2 anni) sotto il quale si rischia di non riuscire a sfruttare il background di competenze maturate durante l’esperienza consulenziale ed oltre il quale la rivendibilità in azienda potrebbe essere compromessa da skills non specializzate, e un profilo retributivo non in linea con il mercato”.Ci sono sempre meno imprese in Italia, è vero, diminuiscono le chiusure, ma le nuove aperture non sono sufficienti per colmare il “gap” e raggiungere un segno positivo. Stando a quanto riportato dalle statistiche negli ultimi 10 anni sono state chiuse ben 165.000 imprese, e gli imprenditori artigiani, che erano considerati la spina dorsale dell’economia italiana, purtroppo sono ormai una specie in via di estinzione.Come sottolinea Simone infatti “Il futuro delle aziende italiane non è certamente dei più rosei visto che negli ultimi 10/15 anni cinesi, arabi ed americani hanno fatto “shopping” in Italia approfittando di un Paese che non è riuscito a proteggere le aziende nostrane dalla crisi. Di esempi se ne possono fare moltissimi in differenti settori: da Pirelli acquisita da ChemChina a Indesit acquisita dal gruppo americano Whirlpool, al gruppo Italgel, che comprende i gelati Motta e Antica Gelateria del Corso, al gruppo Sanpellegrino acquisiti entrambi dal colosso Nestlè agli oli Cirio-Bertolli acquisiti da Unilever.I gruppi LVMH e Kering che hanno fatto “man bassa” nella moda italiana, e la Piaggio dal 2014 è finita nelle mani del fondo sovrano arabo. Per non parlare di molte, molte altre che purtroppo sono passate in mani straniere.In questo contesto è quindi importante essere consapevoli del fatto che chi vuole intraprendere una carriera in grandi aziende, eccezion fatta per liberi professionisti quali avvocati, medici e commercialisti, deve fare i conti con il fatto che è condizione necessaria traferirsi all’estero o viaggiare costantemente”, conclude il manager Masetti.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia non prende lezioni da chi si appropria indebitamente delle tasse e delle risorse dei popoli europei

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 Maggio 2018

«Il ministro degli Esteri del Lussemburgo, Jean Asselborn, che chiede a Mattarella di “non permettere al nuovo governo italiano di distruggere tutto il lavoro fatto negli ultimi anni in Europa”, è cittadino dello stesso Lussemburgo che con Juncker presidente ha messo in piedi la più grande operazione di elusione fiscale del pianeta al servizio delle multinazionali? L’Italia non prende lezioni da chi si appropria indebitamente delle tasse e delle risorse dei popoli europei». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia davanti alla Corte di giustizia di Lussemburgo per non aver applicato le misure comunitarie per arrestare la diffusione della Xylella Fastidiosa

Posted by fidest press agency su sabato, 19 Maggio 2018

La Xylella Fastidiosa (subsp. Pauca), è un batterio, che vive e si riproduce all’interno dei vasi linfatici degli ulivi e che, ostruendoli, ne provoca il disseccamento.
“L’agente causale della malattia è Xylella Fastidiosa, una conclusione che abbiamo accettato come non più discutibile”. “I dati disponibili sull’effetto di una pluralità di interventi agrotecnici e di condizioni ambientali sono a dir poco scarsi. “Le conseguenze della presenza del batterio in Puglia, come anche in Corsica e nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, rappresentano un grave pericolo per l’Europa”.
Questo il parere dell’Accademia dei Lincei sull’infezione degli ulivi provocata dalla Xylella, in Puglia.Per evitare il diffondersi dell’infezione, le normative prevedono l’abbattimento degli alberi infetti e di quelli vicini. Una misura drastica, purtroppo, ma necessaria.
I primi focolai scoperti risalgono al 2013, e da allora l’infezione si è spostata coinvolgendo altre zone della Puglia. Il danno è ingente, sia economico, per la diminuzione della produzione di olio, che in alcune aree ha raggiunto il 100%, sia paesaggistico.Sull’abbattimento degli ulivi si è creato un vasto movimento di opposizione, formata da associazioni, partiti e istituzioni, contrari alla loro eradicazione Il risultato è stato che l’infezione si è spostata, dal luogo originario, a Nord per 140 km e a Sud per 40 km, e gli ulivi che volevano essere salvati dalla eradicazione sono stati attaccati dalla Xylella e sono morti. Si poteva fare qualcosa? Sì, attuando le procedure internazionali in materia fitosanitaria, come ricorda la Commissione europea. Per anni non si è fatto nulla, cullandosi nell’illusione che le sole pratiche agricole potessero fermare l’infezione. I ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche di Bari, già 5 anni fa, avevano individuato la causa dell’essicamento degli ulivi, ma non sono stati ascoltati, anzi sono stati indagati dalla magistratura! Certo fa male al cuore veder recidere alberi, nel caso gli ulivi, magari secolari ma, o si presta ascolto alla sfera affettiva, agli impulsi e alle emozioni o si crede alla ricerca scientifica, al metodo scientifico. Chi ha responsabilità istituzionali, come il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, non può permettersi di seguire le propensioni, che vanno per la maggiore, degli elettori. Non si curano le malattie neurodegenerative con il metodo Stamina, né i tumori con il metodo Di Bella, né gli ulivi ammalati da Xylella con lo zappettamento del terreno. E’ il metodo scientifico che ci porta alla conoscenza della realtà. Purtroppo, nel nostro Paese, sembra che Galileo sia ancora uno sconosciuto. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Torino il Centro di Sviluppo per l’Intelligenza Artificiale e il Machine Learning

Posted by fidest press agency su domenica, 24 luglio 2016

lussemburgoLussemburgo. Amazon ha annunciato oggi che aprirà un nuovo Centro di Sviluppo a Torino per mettere a punto le capacità di Intelligenza Artificiale e apprendimento automatico di Alexa, l’assistente vocale basata su cloud di Amazon, che supporta Amazon Echo, Echo Dot, Amazon Fire TV e Amazon Tap.Il nuovo centro, che aprirà entro la fine del 2016, sarà dedicato al progresso del riconoscimento vocale e della comprensione del linguaggio naturale. Torino è stata scelta per la quantità di talenti a cui poter attingere e per la presenza delle università in città.“Siamo felici di lanciare un centro di Machine Learning a Torino, città ricca di talenti nel campo delle tecnologie di apprendimento automatico, di diretto interesse per Alexa”, dichiara Rohit Prasad, Vicepresidente e Chief Scientist per Alexa. “Il nostro centro di Torino avrà un ruolo fondamentale nello sviluppo delle capacità di comprensione del linguaggio da parte di Alexa”.Il Machine Learning è una branca dell’informatica e si basa su algoritmi che consentono ai sistemi di effettuare analisi predittive a partire da ampie raccolte di dati, senza che questi sistemi vengano appositamente programmati. Alexa usa l’apprendimento automatico in campi come il rilevamento delle parole di attivazione, il riconoscimento vocale basato sul cloud e la comprensione del linguaggio naturale.Amazon può contare su ricercatori di Machine Learning in tutto il mondo, tra cui Seattle, Boston e Palo Alto (Stati Uniti), Aquisgrana, Berlino, Edimburgo e Cambridge (Europa) e Bangalore (India).Le assunzioni per il Centro di Sviluppo di Torino inizieranno a breve e i candidati interessati potranno visitare il sito Amazon jobs per avere maggiori informazioni (www.amazon.jobs/it). Per iniziare, saranno 10 le posizioni aperte per i ricercatori dedicati al riconoscimento vocale e alla comprensione del linguaggio naturale.“Continuiamo a investire in modo rilevante in Italia e stiamo creando centinaia di posti di lavoro” spiega Francois Nuyts, Country Manager di Amazon Italia e Spagna. “Innovare per conto dei nostri clienti è alla base di tutto ciò che facciamo qui ad Amazon in Italia. Siamo felici che Torino sia stata scelta come sede principale per alcune delle attività tecnologiche più interessanti tra quelle su cui stiamo lavorando in diverse parti del mondo”.Oggi Amazon ha annunciato, inoltre, l’apertura di un nuovo Centro di Distribuzione nel Lazio, investendo 150 milioni di euro in un edificio di 60.000 mq che aprirà nell’autunno del 2017 e che ci si aspetta possa sviluppare 1.200 posti di lavoro.Il 2015 è stato un anno record per la creazione di posti di lavoro per Amazon in Europa, con oltre 10.000 nuovi contratti a tempo indeterminato, che hanno portato il totale della forza lavoro dell’azienda a oltre 40.000 dipendenti nel Vecchio Continente. Dal 2010, Amazon ha investito in Europa oltre 15 miliardi di euro.Dalla sua apertura in Italia nel 2010, Amazon ha investito oltre 450 milioni di euro e creato 1700 posti di lavoro. Gli impieghi attualmente sono stati creati nel Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni, nel Centro di Distribuzione di Milano per i clienti di Prime Now, negli uffici corporate nel capoluogo lombardo, aperti nel 2012, e nel Customer Service di Cagliari.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Amazon Publishing annuncia i primi testi tradotti dall’inglese all’italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 novembre 2015

non ho paura del buioLussemburgo. AmazonCrossing, il marchio editoriale di Amazon Publishing specializzato in narrativa tradotta, ha annunciato oggi le prime opere in lingua italiana.I primi libri tradotti, di scrittori premiati e di successo, e pubblicati da Amazon Publishing sono disponibili sia in formato Kindle sia in edizione cartacea.“Siamo molto contenti della risposta dei lettori alle traduzioni in tedesco e in francese pubblicate da Amazon Publishing e siamo entusiasti di aiutare i nostri autori nel continuare a superare i propri confini geografici per incontrare il più ampio numero di lettori” ha dichiarato Dominic Myers, Director, Amazon Publishing EU. “Le traduzioni in Italiano dimostrano il nostro impegno nel sostenere il successo dei nostri autori Kindle a livello internazionale”.I primi titoli di Amazon Publishing tradotti in italiano con AmazonCrossing, disponibili dal 3 novembre, sono:
Non ho paura del buio (My Sister’s Grave) – la potente e struggente storia di una detective della Omicidi determinata a vendicare a tutti i costi l’assassinio della sua amatissima sorella minore, scritta da Robert Dugoni, autore di thriller di successo, in cima alle classifiche di Kindle Store e Wall Street Journal.
La Barriera (The Line) – un Urban Fantasy accattivante, dallo stile contemporaneo che intreccia magia, romanticismo e tradimento, ambientato a Savannah e scritto da J.D. Horn.
Affetti Straordinari (When I Found You) – Uno splendido ed emozionante racconto sui legami inaspettati più forti del la barrierapiù forte legame biologico, scritto da Catherine Ryan Hyde, già autrice del best-seller La formula del cuore.
Lei che ama solo me (Because She Loves Me) – un avvincente racconto di gelosia, ossessione e omicidio. Romanzo di Mark Edwards.
Non proprio un appuntamento (Not Quite Dating) – il primo libro della serie romantica Not Quite di Catherine Bybee, autrice di successo per il New York Times, USA Today e Wall Street Journal.
Guida agli appuntamenti per imbranate (Crazy Little Thing) – il pluripremiato primo romanzo della serie Bell Harbor di Tracy Brogan.
“Sono davvero entusiasta del fatto che Non ho paura del buio e la mia protagonista, Tracy Crosswhite, arrivino in Italia. Sono orgoglioso delle mie origini italiane, e vedere un mio romanzo tradotto nella lingua dei miei avi è un’esperienza emozionante” afferma lo scrittore Robert Dugoni. “Conosco la ricca storia del Bel Paese e il suo amore per le arti, compresa la considerevole cultura letteraria, e mi sento onorato e commosso di avere una piccola parte in questa storia”.Tra i prossimi titoli in uscita per Amazon Publishing in italiano ci sono:
Affetti StraordinariNascosta (Hidden) – un romanzo che unisce fredda tensione e bollente sensualità scritto dalla premiata autrice Kendra Elliot.
Spose di Guerra (War Brides) – l’avvincente storia di un’amicizia inattesa tra cinque donne durante la Seconda Guerra Mondiale, scritta dall’autrice di successo Helen Bryan.
Elizabeth Street (Elizabeth Street) – uno straordinario racconto sugli immigrati italiani in America all’inizio del ventesimo secolo, basato su una storia vera, scritto da Laurie Fabiano.
Lanciato nel 2009, Amazon Publishing è la casa editrice di Amazon.com, e pubblica libri di diversi generi. AmazonCrossing il marchio editoriale specializzato in narrativa tradotta di Amazon Publishing lanciato nel 2010 allo scopo di aiutare grandi storie da tutto il mondo a trovare il più ampio pubblico di lettori possibile e di connettere gli autori con i lettori a livello globale. (foto: non ho paura del buio, la barriera, Affetti Straordinari)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lussemburgo assume la Presidenza dell’UE dopo la Lettonia

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 luglio 2015

lussemburgoBruxelles Dibattito: martedì e mercoledì 7-8 luglio. I deputati discuteranno mercoledì mattina le priorità della Presidenza lussemburghese con il Primo ministro Xavier Bettel. Martedì mattina, l’Aula valuterà il lavoro della Presidenza uscente con il Primo ministro lettone, Laimdota Straujuma, e con il Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker.I sette pilastri sui quali si basano le priorità della Presidenza lussemburghese per il secondo semestre 2015 sono:Incentivare gli investimenti per stimolare la crescita e l’occupazione.
Approfondire la dimensione sociale dell’Unione europea
Gestire l’immigrazione, conciliando libertà, giustizia e sicurezza
Rilanciare il mercato unico, concentrandosi sulla dimensione digitale
Porre la competitività europea in un quadro globale e trasparente
Promuovere lo sviluppo sostenibile
Rafforzare la presenza dell’Unione europea sulla scena mondiale
Il Lussemburgo, uno degli Stati membri fondatori dell’Unione europea, assumerà la Presidenza di turno del Consiglio, per la dodicesima volta, dal 1 ° luglio al 31 dicembre 2015.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo Ambasciatore d’Italia in Lussemburgo

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

Si è svolta pochi giorni fa al Groussherzogleche Palais (il Palazzo granducale), la cerimonia di consegna delle Lettere Credenziali da parte del nuovo ambasciatore d’Italia in Lussemburgo. Sua Altezza Reale il Granduca Henri di Lussemburgo, ha ricevuto Sua Eccellenza l’Ambasciatore plenipotenziario Raffaele de Lutio per l’ufficiale riconoscimento della sua carica nel Granducato. Poche ore dopo, nel corso della stessa mattinata, alcuni responsabili dell’informazione, tra cui noi di Italiani.lu, sono stati ricevuti presso la Residenza ufficiale di rue Goethe.  In questa occasione l’Ambasciatore de Lutio ha avuto modo di ribadire gli obiettivi su cui intende focalizzare il suo operato. Tra le sue parole una forte coscienza del ruolo istituzionale “classico” che ogni Ambasciatore ha il dovere di svolgere, ma anche una altrettanto appassionata volontà di rivitalizzare e coinvolgere tutti gli italiani che vivono in Lussemburgo.  In progetto dunque importanti eventi culturali, insieme a tante giovani iniziative tese alla valorizzazione di quell’intimo patrimonio che ogni cittadino italiano custodisce dentro di sé. In qualunque parte del mondo si trovi. Le nobili intenzioni del nuovo Ambasciatore trovano terreno fertile in tutta la collettività italiana, che si propone ogni giorno alla ricerca di quel sottile equilibrio tra una rispettosa integrazione ed una meravigliosa consapevolezza della propria italianità.  Una piccola anticipazione è stata concessa sulla proposta culturale in arrivo: Uto Ughi, uno dei più grandi violinisti che la nostra Storia conosca, terrà un concerto a Lussemburgo, a metà dicembre.(Guglielmo Sessa)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »