Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Posts Tagged ‘maltempo’

Maltempo in Puglia e danni al territorio e ai prodotti agricoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 novembre 2019

Il maltempo che ha colpito nelle ultime ore la Puglia conferma la necessità di interventi strutturali e di manutenzione ordinaria e straordinaria per ridurre il rischio idrogeologico e rispondere ai cambiamenti climatici – dichiara il presidente nazionale Confeuro Andrea Michele Tiso.I raccolti autunnali pugliesi sono stati colpiti duramente, in modo particolare quello delle olive, mentre violente raffiche di vento hanno distrutto serre, tendoni, strutture e alberi. Nessuna delle province pugliesi è stata risparmiata.Eventi estremi come quest’ultimo, con piogge e venti che hanno provocato ingenti danni in molte regioni d’Italia, sono una delle conseguenze del clima che cambia. Per una regione già ad alto rischio idrogeologico come la Puglia, servono piani di investimento per la prevenzione al fine di difendere le persone, il territorio e i prodotti del lavoro agricolo – prosegue Tiso. E’ inoltre necessaria un’adeguata formazione degli amministratori locali e degli attori che operano sul territorio.L’agricoltura ha un ruolo molto importante nel presidio di un territorio estremamente vulnerabile. Un’accurata manutenzione di canali di scolo, invasi e reti irrigue e l’adozione di misure preventive adeguate può contribuire a ridurre i danni del maltempo. Non prevenire ha costi enormi per la collettività. Occorre per questo intervenire in anticipo, accompagnando gli investimenti per la crescita e lo sviluppo a un’azione mirata a proteggere le nostre campagne.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maltempo: Servono accordi assicurativi in agricoltura

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 luglio 2019

Gli ingenti danni causati in questi giorni dal maltempo – dichiara in una nota il Presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – hanno rilevato ancora una volta l’urgenza di misure che agevolino la sottoscrizione di polizze assicurative finalizzate a tutelare i prodotti agroalimentari. Come Confeuro, infatti, riteniamo essenziale lavorare in questa direzione anche per tener fronte ai costanti mutamenti climatici di questi anni e per continuare a tenere alto il blasone del made in Italy.Le politiche agricole di questi decenni sono sempre state pensate per agire come palliativi o come misure tampone e mai come parte di una strategia complessiva mirata a valorizzare il comparto agricolo. Il nostro auspicio, invece – continua Tiso – è che misure come quelle volte a rendere conveniente la stipula di polizze assicurative sulle produzioni divengano parte di un modello di sviluppo più lungimirante.
Le richieste di stato di calamità (in molti casi giustificate) che spesso accompagnano questi eventi, devono essere anticipate con delle politiche di prevenzione che si muovano un doppio binario; da una parte, come già detto, attraverso degli strumenti di natura economico-finanziaria; dall’altra mediante accorgimenti ambientali utili ad arginare le frane grazie a percorsi di forestazione e di tutela del paesaggio. Nel giorno dell’Overshoot Day, data nella quale si calcola l’esaurimento delle risorse terresti per l’anno in corso e si comincia ad accingere alle “riserve”, è essenziale sottolineare l’urgenza di un cambio di paradigma fortemente coraggioso, ecologico e sostenibile che lavori per prevenire i problemi. Ora più che mai infatti – conclude Tiso – c’è bisogno di abbandonare la retorica per abbracciare finalmente una svolta verde.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le criticità dovute al maltempo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 giugno 2019

“Si stanno verificando nel nord del Paese, in particolare in alcune zone della Lombardia. Mettono ancora una volta a nudo la fragilità complessiva del territorio italiano. Va sottolineato con chiarezza e decisione come non sia il singolo evento meteorologico, per quanto improvviso e intenso, a determinare gli effetti che stiamo osservando. Alla base di tutto c’è la capacità del suolo di rispondere in modo elastico ed efficace al singolo fattore climatico e di assorbirne gli effetti: cosa ovviamente estremamente improbabile o impossibile quando nel tempo si sono operate scelte sciagurate sotto il profilo ambientale, urbanistico e infrastrutturale».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, urbanista e direttore scientifico del Centro Studi Sogeea.
«Molte delle zone più duramente colpite in queste ore avevano vissuto episodi simili appena lo scorso autunno e questo fa capire come ci siano situazioni incancrenite su cui bisogna intervenire con programmi di ampio respiro: le toppe messe sull’onda dell’emergenza servono a poco. Così come in tante altre realtà del nostro Paese, che presenta il 90% dei Comuni esposti quotidianamente a rischi idrogeologici, andrebbe ripensato l’assetto complessivo del territorio.Non basta effettuare la pulizia dei fondali dei torrenti o la manutenzione degli argini dei fiumi se i corsi d’acqua sono stati interrati o costretti in innaturali alvei o se si è lasciato costruire abitazioni in zone manifestamente pericolose. Un suolo manomesso, privato delle opportune piantumazioni e impermeabilizzato con cementificazioni selvagge prima o poi presenterà sempre un conto salatissimo da pagare».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sull’Italia piove a chiazze

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 Mag 2019

Se il maltempo sta colpendo il Nord da settimane, non piove ovunque alla stessa maniera: a dirlo è l’ANBI (Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue), analizzando i dati sugli apporti fluviali.Nel comprensorio di Reggio Emilia, ad esempio, le piogge particolarmente intense di questi ultimi giorni, cadute con una media in pianura di 40 millimetri e con punte fino a 70 millimetri nella zona di alta pianura, stanno tuttora impegnando duramente la struttura operativa del Consorzio di bonifica Emilia Centrale; tra le principali manovre effettuate si segnalano l’attivazione delle idrovore del Torrione a Gualtieri e di Mondine a Boretto. Nella stessa regione sta invece rientrando nella normalità il fiume Savio che, tra il 10 ed il 12 Maggio scorsi, aveva subito un incremento di portata pari ad oltre 292 metri cubi al secondo, esondando; sempre in Emilia Romagna, il torrente Enza ed il fiume Secchia sono largamente sopra la media stagionale.Diversa è la situazione del fiume Po che, in tutti i rilevamenti (Piacenza, Cremona, Boretto, Borgoforte, Pontelagoscuro) non solo è sotto la media storica, ma anche sotto i livelli dello scorso anno.In Piemonte, i fiumi (Po, Dora Baltea, Tanaro, Stura di Lanzo) permangono largamente sotto le portate di un anno fa, mentre gli invasi (Ingagna, Ostola, Ravasanella) sono invece indirizzati verso il limite della capienza.Al Centro Sud (Abruzzo, Puglia) ed isole (Sicilia, Sardegna) i bacini si stanno riempiendo ulteriormente; fa eccezione, però, la Basilicata, dove mancano all’appello quasi 65 milioni di metri cubi d’acqua. Il lago di Bracciano è a -133 sullo zero idrometrico.Non fanno eccezione i grandi laghi: se il lago di Garda sta sfiorando il massimo storico, il lago di Como è sotto la media del periodo.“Questa situazione così frammentata localmente – commenta Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI – conferma la necessità di infrastrutturare il territorio con bacini capaci di raccogliere l’acqua di pioggia, trattenendo le ondate di piena; con la realizzazione degli interventi previsti dal Piano Nazionale Invasi punteremo così ad abbinare funzioni ambientali e di prevenzione idrogeologica.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

3BMETEO.COM: “eccezionale ondata di gelo siberiano in arrivo, colpita anche l’Italia”

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 febbraio 2018

Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com: “arrivano i gelidi venti di Buran sull’Europa, quasi tutta al gelo a partire dal weekend con tracollo termico e nevicate in pianura. Colpita anche l’Italia, specie centro-settentrionale”
“Confermata l’ondata di gelo di notevole intensità che colpirà l’Europa dalla Siberia a partire dal prossimo weekend, sotto i gelidi venti di Buran” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega – “Si tratta di un evento davvero eccezionale per durata, estensione ed intensità, come non si vedeva da anni e che farà sicuramente parlare di sé. Si partirà da Scandinavia, Russia e Stati orientali, ma il gelo siberiano dilagherà poi anche su Germania, Danimarca, Olanda, Belgio, poi Francia e persino Gran Bretagna ed Irlanda Temperature in tracollo con gelo intenso almeno fino ai primi di marzo, valori anche sotto i -10°C in pianura e temperature sotto la media fino a 10/15°C. Previste giornate di ghiaccio da Mosca a Varsavia, Budapest, Berlino, Copenaghen, poi anche Amesterdam, Parigi, Londra e persino Dublino. Addirittura sul Baltico sono previste isoterme di -25°C a 1400m lunedì, valori da Polo Nord! I gelidi venti siberiani accompagneranno sull’Europa niente meno che un lobo del vortice polare, che andrà piazzandosi nel cuore del Vecchio Continente. Nel frattempo in sede polare lo Stratwarming avrà creato uno sconquasso con vortice polare spaccato e sostituito da un anomalo quanto mite anticiclone, con temperature sopra la media anche di 25°C!”
“Saranno possibili rovesci di neve in pianura localizzati e a tratti sottoforma di blizzard su quasi tutta l’Europa,” – prosegue l’esperto di 3bmeteo.com – “dalla Russia alla Francia, ma anche Inghilterra, Balcani, Scandinavia; solo la Penisola Iberica dovrebbe rimanere tagliata fuori. Rischio forti disagi per diversi giorni nel settore dei trasporti e attività all’aria aperta. Per chi ha in programma di mettersi in viaggio nei prossimi giorni, consulti attentamente le previsioni e tenga in considerazione che saremo davanti ad un evento di portata storica.”
“Tra domenica e lunedì il gelo siberiano farà il suo ingresso anche sull’Italia specie centro-settentrionale che verrà addirittura raggiunta dal lobo del vortice polare; più ai margini ma comunque interessato anche il Sud. Il grande freddo irromperà dapprima dalla porta della bora sull’alto Adriatico nel corso di domenica, per poi dilagare anche sul resto della Penisola; attesi venti forti e molto freddi da Nordest, con bora a oltre 100km/h su Trieste e qui clima gelido. Possibile neve inizialmente sulle adriatiche fino alla costa, in collina al Sud o a tratti in pianura, ma subito a seguire in pianura anche al Centronord ( questo aspetto resta tuttavia in fase di analisi e da confermare). Seguiranno importanti aggiornamenti” – aggiunge Ferrara di 3bmeteo.com
“Prima di questo evento di notevole portata faremo i conti con una perturbazione che fino a sabato porterà piogge e temporali al Centrosud, nevicate a quote collinari al Nord se non a tratti in pianura, specie su Emilia, basso Piemonte, mista a pioggia in Lombardia, parte del Veneto, in collina su entroterra ligure. Attenzione infine a domenica, quando sulla Valpadana irromperanno i gelidi venti di bora che potranno portare anche a qualche locale nevicata e tracollo termico” – concludono da 3bmeteo.com

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maltempo e danni preannunciati

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 settembre 2017

roma pioggia«Sono bastate le prime piogge di fine estate per far scattare la conta di morti, feriti e danni materiali che, con tragica puntualità, in Italia accompagna qualsiasi fenomeno meteorologico di intensità superiore alla norma. Più che la violenza delle precipitazioni, non c’è dubbio che a fare la differenza sia la capacità di un territorio di rispondere in modo il più possibile elastico a tali eventi. Ciò non può ovviamente verificarsi laddove siano state effettuate scelte urbanistiche scellerate: impermeabilizzazione sistematica del suolo; urbanizzazione massiccia lungo fiumi e torrenti con conseguente spostamento, riduzione o addirittura copertura degli spazi a disposizione dei corsi d’acqua; eliminazione della piantumazione; assenza di sistemi di chiuse e di aree ad hoc dove poter effettuare esondazioni in sicurezza».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«Un elenco che comprende solo alcuni degli errori più macroscopici e che si sposa perfettamente con l’incuria che la maggioranza delle amministrazioni locali riserva a fondamentali azioni di prevenzione come la ripulitura dei fondi dei fiumi o la manutenzione degli argini. Ma è un’attenzione complessiva alle tematiche legate all’ambiente che sembra mancare nel nostro Paese: ciò sia da parte dei cittadini, che spesso prendono posizione sui massimi sistemi salvo disinteressarsi di problematiche altamente impattanti per la loro quotidianità, sia da parte delle forze politiche, che in molti casi hanno colpevolmente eliminato le questioni ambientali dalle rispettive agende. Non è un caso – prosegue Simoncini – che da quasi un anno e mezzo in Parlamento ci sia un disegno di legge per contrastare il consumo del suolo che giace agonizzante o che gli ultimi quesiti referendari su tematiche “verdi” siano stati trattati con una sufficienza ai limiti del boicottaggio, con tanto di invito agli elettori a restarsene a casa. Come se gli oltre 7 milioni di cittadini che vivono in territori ad elevata pericolosità idrogeologica non esistessero o non rispondesse al vero che il 90% dei Comuni italiani sia costantemente esposto al rischio di frane e alluvioni».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maltempo a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 10 settembre 2017

roma pioggiaRoma. Il Dipartimento Infrastrutture (Simu – Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) presidia la situazione maltempo in sinergia con il Coc (Centro Operativo Comunale), convocato ieri dalla sindaca di Roma Virginia Raggi a seguito all’allerta meteo nella Capitale diramata dal Sistema di Protezione Civile.In campo 15 squadre del Simu al lavoro sulle strade a maggior rischio allagamento, per predisporre disostruzioni e allontanamento delle acque meteoriche. Già risolti i casi di allagamenti stradali segnalati su via Cristoforo Colombo, via Oceano Atlantico, piazza Colosseo, piazzale Ponte Milvio, via Capannelle, Piazzale Verano, mentre su via Tiburtina e piazza di Porta Capena sono stati rimossi foglie e aghi di pino. Operative anche le squadre municipali e le imprese di pronto intervento.
In vista delle precipitazioni – che oggi hanno assunto carattere di eccezionalità, avendo superato i 100 mm di pioggia in sole tre ore anziché 70 mm diluiti in tutta la giornata – nel corso di queste settimane è stata anticipata e intensificata la pulizia delle caditoie per prevenire occlusioni e allagamenti. Oltre 100 le arterie cittadine interessate dalla manutenzione: dal Lungotevere a via Tiburtina, via Monti Tiburtini, via Cipro, viale Palmiro Togliatti e via Casilina, fino alle diverse sedi tranviarie.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terremoto, maltempo e polemiche

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 gennaio 2017

Fabio_Rampelli_daticamera“Il vasto territorio colpito dal lungo sciame sismico non si trova all’equatore, ma in montagna, alcune frazioni sono, e non da ora, in alta montagna. Che quelle zone siano freddissime e difficilmente raggiungibili si sa da sempre, e neppure la Salaria, ammodernata e potenziata con cantieri ancora aperti da decenni, riesce a risolvere questo problema aggravato dai ritardi dei vertici del governo, della protezione civile, del commissario al terremoto. Oggi chiedono di evitare polemiche! Sarebbe forse stato meglio che loro evitassero di fare conferenze stampa lanciando facili promesse e impegni sistematicamente inevasi per una catena di comando lenta perché farraginosa.
Invece di fingere indignazione avrebbero dovuto dotare i territori di spazzaneve, turbine, pale, e sale! Quello che di certo dopo il caos non possono fare è chiedere il silenzio. Gli italiani sono indignati e hanno il diritto di sapere cosa non ha funzionato, dopo la grande gara di solidarietà cui hanno partecipato. Perché è impossibile prevedere un terremoto, non il maltempo”. E’ quanto ha dichiarato ol capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maltempo in Piemonte

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 novembre 2016

maltempo-piemonte«I sessantotto morti e gli oltre duemila sfollati dell’alluvione del 1994 non hanno insegnato nulla: la provincia di Cuneo, ancora una volta, è sconvolta da un’ondata di maltempo che ne mette impietosamente in evidenza l’estrema fragilità del tessuto urbanistico e ambientale. Siamo in presenza di territori in cui la dispersione urbana e l’incessante impermeabilizzazione del suolo hanno compromesso considerevolmente la capacità del territorio di assorbire fenomeni meteorologici anche leggermente al di sopra della media. Con grande amarezza, bisogna constatare che ventidue anni sono passati invano: come in tante altre parti del nostro Paese, l’emotività legata al singolo evento non viene mai accompagnata da inequivocabili segnali di discontinuità, da un deciso cambio di direzione a livello di scelte politiche e di pratiche amministrative».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«Di certo nessuno potrà dire che si è trattato di un fenomeno inatteso – spiega Simoncini –. Quella compresa fra le province di Cuneo e Savona è una delle zone dell’Italia settentrionale storicamente più sensibili dal punto di vista idrogeologico: negli ultimi cinquant’anni si possono contare almeno una sessantina di alluvioni di forte intensità e non più tardi del 2009 proprio il fiume Tanaro fu interessato da una piena di portata assai notevole. Sporadici interventi di manutenzione degli argini o di ripulitura dei letti dei corsi d’acqua non possono evidentemente bastare a mettere in sicurezza il mezzo milione di persone che solo in Piemonte vive in zone ad alto rischio di frane e alluvioni. Allargando lo sguardo all’Italia, va sottolineato come un territorio di 23.000 chilometri quadrati, vale a dire l’equivalente dell’intera regione Toscana, sia ormai irrimediabilmente cementificato e impermeabilizzato. Tra l’altro, quasi il 30% del suolo consumato si trova in aree a pericolosità idraulica, il 23% in zone in cui è probabile che possano verificarsi delle frane. Le grandi città, ma anche realtà abitative di dimensioni assai più contenute, non perseguono serie politiche di riqualificazione dell’esistente, ma tendono senza sosta a svilupparsi verso l’esterno, erodendo porzioni sempre più vaste di territorio e creando periferie e frazioni prive dei necessari requisiti di sicurezza come argini per fiumi e torrenti, canali di scolo per la pioggia, impianti idrovori, consolidamento della piantumazione. Così facendo, vittime e danni si continueranno a contare senza sosta». (foto: fonte Corriere della sera)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma: maltempo e interventi protezione civile del Campidoglio

Posted by fidest press agency su domenica, 5 febbraio 2012

Porta Metronia

Image via Wikipedia

Sono stati centinaia gli interventi effettuati dalle unità operative della Protezione civile di Roma Capitale per far fronte alle situazioni di crisi generate dall’ondata di maltempo che nelle ultime 24 ore ha interessato la Capitale.
Soccorso agli automobilisti GRA
· Distribuiti 600 pasti e 1.500 coperte dalle ore 23 alle ore 3
Assistenza sanitaria programmata ed in emergenza Assistiti oltre 100 pazienti dializzati. Molti di essi sono stati condotti in sicurezza presso gli centri specializzati della Capitale.
Mezzi impiegati in Attività di sgombero neve e di prevenzione ghiaccio. Attività di prevenzione
8 mezzi spalaneve del Servizio Giardini
12 mezzi spalaneve Ama
12 spazzaneve Municipi
4 mezzi spargisale Ama
2 spargisale Municipi
120 mezzi Dipartimento Lavori Pubblici
20 camion dotati di lama spalaneve Municipi
30 camion Municipi
14 bobcat Ama
20 bobcat Municipi
Interventi di salatura e spalatura della neve sono stati effettuati regolarmente presso 32 strutture ospedaliere e 48 distretti Asl
450 tonnellate di sale disperse nel corso degli interventi di prevenzione
Personale impiegato:
900 operatori del Volontariato della Protezione civile
180 operatori Dipartimento Lavori Pubblici
250 unità del Servizio Giardini
45 squadre Acea suddivise in tre turni giornalieri
20 uomini dell’Aeronautica
Personale del Servizio giardini e delle Associazioni di volontariato, in tutto 900 unità suddivise in tre turni operativi, ha operato per favorire la fruibilità della città ed, in particolare, l’accesso agli ospedali, alle stazioni metropolitane e ferroviarie, alle scuole comunali, Asl e altri punti sensibili.
Complessivamente la Protezione civile ha messo in campo una task-force di circa 1500 unità. Per far fronte ad eventuale disagi legati alla fornitura di corrente elettrica, Acea ha assicurato la disponibilità di 45 squadre in tre turni giornalieri. Anche Atac ha rafforzato i presidi di pronto intervento, mentre la Polizia locale di Roma Capitale sta operando a pieno regime per garantire la fluidificazione del traffico.
La Sala Operativa di Porta Metronia, rafforzata per garantire la massima efficienza del coordinamento, ha garantito anche l’attività di assistenza alla popolazione. 700 operatori Ama per 3 turni.
Centri di accoglienza pubblica
350 posti messi a disposizione a partire da ieri nelle strutture di via Visso, via Salaria ex Fiera di Roma e locali della croce rossa di via Toscana Gli operatori della Protezione civile hanno allestito in tempi ristretti un centro d’accoglienza di 150 posti nei locali della ex fiera di Roma, utilizzato da Rom e senza fissa dimora. Un altro centro di 50 posti è stato allestito presso la sede della Croce Rossa di via Toscana.
Proroga dell’accensione dei riscaldamentiDa 12 a 16 ore Per limitare i disagi legati all’abbassamento delle temperature, il Campidoglio ha autorizzato l’ampliamento del periodo di attivazione degli impianti oltre la durata massima delle 12 ore giornaliere, per un massimo di 16 ore, fino al perdurare condizioni climatiche avverse.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma maltempo: emergenza conclusa

Posted by fidest press agency su domenica, 6 novembre 2011

La Sala Operativa della Protezione civile del Capidoglio alle ore 12 di oggi, sabato 6 novembre, ha ufficializzato la conclusione dell’emergenza legata all’ondata di maltempo che questa notte ha interessato la Capitale. «Superata la fase di allerta, resta confermato lo stato di attenzione per tutte le nostre squadre che in questo momento sono impegnate nel monitoraggio del territorio, per verificare eventuali condizioni di rischio non segnalate» dichiara il direttore della Protezione civile di Roma Capitale, Tommaso Profeta. «I dati rilevati dai pluviometri del Centro Funzionale regionale confermano che le precipitazioni sono state contenute entro i 20 millimetri di cumulata, con punte massime registrate dai pluviometri di Ottavia e Ponte Galeria» spiega Profeta. «Grazie al pronto intervento del dispositivo di prevenzione, organizzazioni di volontariato, Servizio Giardini e Polizia Roma Capitale, sono state risolte in tempi brevi tutte le criticità legate al maltempo e minimizzato i disagi per la cittadinanza. Le strutture operative, coordinate dalla Protezione civile del Campidoglio, hanno eseguito 25 interventi legati alla risoluzione di allagamenti, in particolare a Roma Nord e Ostia». «Il Centro Funzionale centrale del Dipartimento Nazionale prevede per la giornata di domani, lunedì 7 novembre, condizioni meteorologiche di “spiccata variabilità con basso rischio di precipitazioni, temperature minime in diminuzione e venti da tesi a forti sud-orientali, fino a burrasca sui settori costieri” che diminuiranno d’intensità dal pomeriggio» conclude Tommaso Profeta.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

Piemonte: allerta maltempo

Posted by fidest press agency su sabato, 5 novembre 2011

maltempo

Image by nociveglia via Flickr

L’allerta maltempo permane e le prossime giornate possono presentare situazioni critiche E’ stata aperta questa mattina la sala operativa della Protezione civile:, e le strutture della protezione civile provinciale (protezione civile, viabilità e difesa del suolo) sono pronte a intervenire con la collaborazione del Coordinamento del volontariato e della Guardie ecologiche volontarie, mentre sono già attivi i presidi territoriali.
“Anche i cittadini però possono contribuire a tutelarsi dai disagi e a mettersi in sicurezza” spiega Saitta. La Protezione civile provinciale invita in particolare a:
– segnalare le criticità e i problemi al proprio Comune di appartenenza;
– evitare di mettersi in viaggio se non è indispensabile, anche perché le precipitazioni possono essere difformi (più o meno diffuse) anche a poche decine di chilometri di distanza;
– evitare di attraversare corsi d’acqua in piena e di sostare nei pressi di ponti, guadi, rive; e verificare con attenzione prima di utilizzare i sottopassi;
– collaborare attivamente con i volontari qualora esistano interruzioni alla viabilità e con i sindaci qualora dispongano evacuazioni preventive;
– evitare di utilizzare scantinati e locali sotterranei, specie se si sono già allagati in precedenza;
– pulire griglie, canaline di scolo, tombini nei pressi delle proprie abitazioni.
“Sono regole semplici, ma efficaci” ha ricordato il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta “non solo la sicurezza deve partire dall’autotutela, ma servono anche a facilitare il lavoro della protezione civile là dove veramente occorre. Certo, magari cambiare i piani del week end può anche essere un sacrificio, ma anche questo è prevenzione”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Maltempo Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 marzo 2011

Roma «Gli operatori della Protezione Civile di Roma Capitale da ieri sera stanno costantemente monitorando la situazione relativa al livello delle acque del Tevere e dell’Aniene. Questa mattina sono stati effettuati interventi specifici nella zona Tiburtina, nelle aree a ridosso dell’Aniene, con la rimozione dei rifiuti nell’alveo del fosso di Pratolungo e l’allontanamento di senza fissa dimora che si trovavano lungo l’alveo del fiume. Le zone a più alto rischio esondazioni sono tenute sotto stretta osservazione. Anche per quanto riguarda il Tevere la situazione è sotto controllo. Il fiume ha raggiunto l’apice questa mattina alle ore 9 arrivando a 10,4 metri, un livello che non desta preoccupazione. Attraverso il monitoraggio idrometrico stiamo registrando una diminuzione del livello del Tevere di circa 10 centimetri l’ora. L’accesso alla banchine allagate è stato interdetto. Nelle operazioni di monitoraggio sono impegnate anche 10 associazioni di volontariato della Protezione Civile, il V e VIII gruppo della Polizia Municipale e il Nopie (nucleo operativo pronto impiego in emergenza)». Lo comunica in una nota Tommaso Profeta, direttore della Protezione Civile di Roma Capitale.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltempo in provincia di Torino

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 marzo 2011

Torna verso la normalità la situazione della viabilità provinciale dopo le intense piogge di ieri che hanno provocato numerose frane, esodazioni, isolato alcuni Comuni e interruzioni stradali. Per oggi e domani è previsto un miglioramento del tempo ed un abbassamento dei livelli di fiumi e torrenti, ma la situazione resta critica sia per l’elevato pericolo di valanghe (codice 4 su una scala che va da 1 a 5) , sia per la stabilità dei versanti, specialmente quelli collinari e nella fascia pedemontana. Numerose le segnalazioni di evacuazioni: ieri a Torino, in corso Chieri è stato evacuato un condominio con 15 famiglie e in strada del Durio è stata evacuata una famiglia. Anche a San Raffaele Cimena sono state evacuate questa mattina 12 famiglie, mentre a Pino Torinese in via Stura son in corso di evacuazione 6-7 famiglie. APrarostino in via Massera dei boschi 2 case. Resta chiusa la Sp 169 della Val Germanasca nel comune di Perrero per frana;ma è stato allestito un percorso alternativo per i mezzi dei residenti, di soccorso e i partecipanti alle celebrazioni del 150esimo della Val Germanasca previsto per questa mattina, 17 marzo, a partire dalle ore 10. Anche Prali è raggiungibile solo per i residenti e mezzi di soccorso. Anche sulla Sp 170 di Massello è ancora chiusa: i Comuni di Salza e Massello sono ancora isolati ma è in corso lo sgombero di Strada del Colletto Fontane per consentire l’accessi ai mezzi di soccorso. Ancora chiuse la sp 106 di Cavagnolo al km 1,700 per frana e la sp 119 di Moriondo, nel comune di Lovencito, al km 10, sempre per frana: qui è stato istituito un percorso alternativo segnalato. Tutte le strade che ieri erano state chiuse o presentavano problemi sono aperte, anche se in alcuni casi rimangono attivi restringimenti e sensi unici alternati.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltempo: fasce indennizzo

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 dicembre 2010

A conclusione dell’incontro tra Autostrade per l’Italia e le Associazioni Consumatori è stato concordato, a favore di quegli automobilisti che sono rimasti bloccati in autostrada tra venerdì 17 e sabato 18 dicembre nel tratto di Firenze, un indennizzo che dovrà essere richiesto attraverso la procedura conciliativa. L’indennizzo è articolato in tre fasce in base alla gravità del disagio subito.
1.    Prima fascia: fino alle ore 20.00. Per coloro rimasti bloccati fino alle ore 20.00 di venerdì 17 sarà corrisposto il rimborso del pedaggio eventualmente pagato. Nessun addebito invece per i titolari di Viacard e Telepass.
2.    Seconda fascia: dalle 20.00 alle 23.00. Per coloro rimasti bloccati dalle ore 20.00 alle ore 23.00 di venerdì 17 in aggiunta al rimborso del pedaggio (o il non addebito su Viacard e Telepass) verrà corrisposto un indennizzo di 100 euro a veicolo attraverso una Viacard ad hoc.
3.    Terza fascia: oltre le 23.00. Per coloro rimasti bloccati dopo le ore 23.00 di venerdì 17 oltre al rimborso del pedaggio (o il non addebito su Viacard e Telepass) sarà corrisposto un indennizzo di 300 euro (cash) a veicolo.
Casi particolari: i disagi subiti dai passeggeri al seguito saranno esaminati caso per caso nella procedura di conciliazione, come pure in caso di passeggeri di pullmann.
Come chiedere l’indennizzo Dal 27 dicembre sarà disponibile sul sito http://www.autostrade.it e sul sito  http://www.adiconsum.it l’apposito modulo per presentare la domanda di conciliazione per l’indennizzo. Il modulo si basa sull’autocertificazione dell’interessato attestante l’entrata e l’uscita dai caselli dell’autostrada. In assenza di ricevute dei pedaggi, la società Autostrade si riserva di verificare la veridicità delle affermazioni contenute nell’autocertificazione. Numero verde di Adiconsum e indirizzo mail: gli automobilisti interessati possono prendere contatti con il numero verde 800 592029 attivo dalle ore 10.00 alle ore 17.00 dal lunedì al venerdì oppure inviare una mail all’indirizzo: informazioni@adiconsum.it

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltempo a Firenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 dicembre 2010

Dopo tre giorni dai venti centimetri di  neve che hanno bloccato Firenze, la Toscana e relative strade di attraversamento, il rimpallo di responsabilita’ e l’assunzione delle stesse, sono all’ordine del giorno. Fra un po’ di giorni non se ne parlera’ piu’, il Natale e le feste, che rendono tutti piu’ buoni e disattenti a cio’ che accade intorno, svolgeranno un ottimo servizio soporifero. E quindi alla prossima nevicata, alluvione, incidente, etc. Pessimisti? No, semplicemente abituati ad avere a che fare con i gestori dei servizi e le autorita’ locali: tranne rare eccezioni, tutti declamatori ma che, alla sostanza per i danneggiati, non portano mai niente. A partire dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che sicuramente e’ sincero quando si mostra arrabbiato e con intenzioni bellicose nei confronti di Anas, Autostrade e Treniatalia, ma perche’ dice che vuole fare una class action contro queste aziende, quando una simile azione giudiziaria non e’ proceduralmente possibile? Forse perche’ nel tritacarne del linguaggio esasperato e sempre estremo della politica, dire un semplice “ti denuncio” non ha piu’ la forza di una volta e quindi ecco la parola magica che dovrebbe fare piu’ paura “class action”, poco importa se invocata a sproposito. Un cattivo segnale a nostro avviso, perche’ se il governatore della Toscana sta pensando a questo, vuol dire che non sta pensando a come realmente operare per far risarcire i danneggiati, ma sta solo cercando uno spazio mediatico a suon di battute che lui considera forti. E poi c’e’ il Sindaco di Firenze, Matteo Renzi, che dice e non dice, che si assume la responsabilita’ e che un minuto dopo dice il contrario Insomma, il teatrino della politica che si sta muovendo, come sempre, sulla pelle degli utenti danneggiati dai disservizi. Il consiglio che noi diamo a chiunque sia in grado di dimostrare i danni che ha subito, e’ di non aspettare le indicazioni delle autorita’, delle commissioni, dei tavoli di confronto, etc. molto sara’ solo fumo negli occhi. Quindi: procedere subito con una raccomandata A/R di messa in mora in cui si chiede con dovizia di particolari e numeri il rimborso del danno subito, altrimenti entro 15 giorni li si portera’ davanti alla giustizia civile.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltempo a Roma: situazione normalizzata

Posted by fidest press agency su sabato, 18 dicembre 2010

« Dopo i disagi legati all’ondata di maltempo che ha colpito il centro Italia creando forti ripercussioni soprattutto al traffico in uscita da Roma, oggi la situazione è tornata alla normalità grazie ai volontari della Protezione civile capitolina, agli operatori del Servizio giardini e della Sala Operativa di Porta Metronia, agli agenti della Polizia Municipale: un esecito di oltre 1.500 unità che ha lavorato incessantemente nel pomeriggio di ieri e per tutta la notte. La situazione del traffico è andata normalizzandosi nella tarda serata di ieri, con la riapertura al traffico della Cassia Bis e la risoluzione degli ingorghi sul Gra. Nel corso dell’emergenza sono stati portati soccorsi agli automobilisti bloccati sulla Cassia, agli utenti Cotral in attesa dei mezzi a Saxa Rubra e ad Anagnina ai quali abbiamo erogato cinquecento pasti, bevande calde e fornito un migliaio di coperte. Nelle stesse ore sono stati portati soccorsi ai senza fissa dimora che hanno trovato riparo nel sottopasso all’altezza dell’ex Fiera di Roma, con la distribuzione di un centinaio di letti, stufe e gruppi elettrogeni. Per limitare i rischi legati alla formazione di ghiaccio abbiamo consegnato, oltre alle 350 tonnellate già erogate, ulteriori 75 tonnellate di sale ai Municipi e messo a disposizione della Provincia di Roma una macchina per lo spargimento del sale nelle strade di competenza.In seguito ai forti temporali che si sono verificati nel corso della notte, poi, abbiamo risolto diversi allagamenti, anche nelle pertinenze di abitazioni private, in particolare nei Municipi XVIII, XV e III, mentre il Servizio giardini ha lavorato per la rimozione di rami pericolanti in tutto territorio comunale. Oltre alla zona dell’Aurelio, l’area più colpita dai temporali è stata Tor Vergata dove, dalla mezzanotte sono caduti 12.6 millimetri di pioggia.La macchina delle emergenze capitolina, insomma, ha dimostrato ancora una volta la propria efficienza ed una grande capacità di gestire diversi scenari emergenziali con rapidità, efficacia ed incisività. Ringrazio, dunque, tutti gli operatori che questa notte hanno collaborato con grande spirito di servizio alla risoluzione delle emergenze». Lo ha dichiarato Tommaso Profeta, vicecapo di Gabinetto e direttore della Protezione civile di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Grano, semine a picco causa maltempo

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 dicembre 2010

Il maltempo autunnale, con piogge e alluvioni che hanno colpito vaste aree a nord e a sud dell’Italia, nelle nostre campagne ha fortemente limitato la semina dei cereali autunnali. Secondo stime di SIS – Società Italiana Sementi, impresa sementiera leader nella produzione e commercializzazione di seme di frumento tenero e duro, la riduzione delle semine va da un meno  10-15% delle aree più precoci come Bologna e la Romagna, a meno 30-40% di Veneto, bassa Lombardia e alta Emilia nonché centro Italia. Per quanto riguarda i frumenti duri, SIS ricorda che le sue  varietà, tra le quali spicca per diffusione il ‘Claudio’, sono tutte perfettamente alternative e quindi seminabili tranquillamente anche in periodo ‘primaverile’, e cioè fino a tutto febbraio. Naturalmente più la semina è posticipata, più è opportuno rivolgersi a varietà precoci. SIS è impegnata ad evitare il rischio di una forte contrazione delle semine e quindi di un ulteriore calo della produzione di frumenti. “Si tratta – commenta Cristofori – di forniture strategiche per la qualità del made in Italy (pane e pasta). Nell’attuale scenario di volatilità dei mercati, non si deve disincentivare la produzione nazionale e quindi la capacità di auto-approvvigionamento del nostro Paese, rendendo l’industria di trasformazione ancor più dipendente dalle importazioni”.
SIS è la prima società sementiera tutta italiana, leader nei cereali e nel riso. Ha sede a San Lazzaro di Savena, alle porte di Bologna ed è controllata dal sistema dei Consorzi agrari italiani. Negli anni ha concentrato risorse umane e finanziarie nella ricerca, per mettere a disposizione dei produttori i migliori prodotti.(grano)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il maltempo blocca Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 23 novembre 2010

A causa del maltempo e del forte temporale che si è abbattuto nel tardo pomeriggio di ieri sulla città eterna e le piogge della notte sino al mattino di oggi, si sono registrati molti disagi alla circolazione in città.  Secondo la protezione civile, a causa delle forti precipitazioni delle ultime ore si potrebbe verificare  un innalzamento del fiume Tevere nel tratto urbano: gli idrometri posizionati a Ripetta, infatti, alle 17:30 hanno segnalato un livello delle acque pari a 5.71 metri, “con tendenza all’innalzamento”. Sui disagi in cui sono incappati i  romani ha espresso un parere Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti: “Il rischio di allagamento delle banchine si poteva evitare attraverso un piano preventivo  adeguato con cui si sarebbero dovute monitorare le aree a rischio, pensiamo ad esempio alla mancata manutenzione dei tombini che si riempiono di pioggia ogni qualvolta che c’è un temporale violento o agli scarichi fognari” . Per far fronte a tali disagi ieri pomeriggio sono stati impiegati 20 associazioni di volontari e le squadre del Servizio Giardini, che hanno provveduto alla rimozione di alcuni rami di alberi nei  municipi  IV, VI e XVII . “Nonostante l’impegno della protezione civile ancora una volta i romani dovranno pagare lo scotto per la leggerezza dell’amministrazione capeggiata dal sindaco Alemanno – conclude l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – , poiché è scientificamente provato che Roma è una città ad alto rischio allagamenti”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltempo a Roma: possibile innalzamento Tevere

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 novembre 2010

«La pioggia che in queste ore sta cadendo su tutto il bacino del Tevere, nel Lazio e in Umbria, potrebbe causare un innalzamento del Fiume nel tratto urbano: gli idrometri posizionati a Ripetta, infatti, alle ore 17.30 hanno segnalato un livello delle acque pari a 5.71 mt, con tendenza all’innalzamento. L’allagamento delle banchine si verifica generalmente quando Ripetta supera i 7 metri; evento, questo, che secondo il Centro Funzionale Regionale, potrebbe verificarsi tra le ore 5 e le ore 8 di lunedì 22». Lo comunica Tommaso Profeta, vicecapo di Gabinetto e direttore della Protezione Civile di Roma Capitale. «La Protezione civile capitolina ha dunque allertato la Polizia Municipale e le squadre del volontariato per gli interventi di monitoraggio lungo le sponde del Tevere. Per far fronte ai disagi del maltempo – prosegue Profeta – questo pomeriggio sono stati impiegati 20 associazioni di volontari e le squadre del Servizio Giardini, che hanno provveduto alla rimozione di alcuni rami di alberi in IV, VI e XVII municipio e di cinque alberi caduti su alcune auto in sosta in via Scarpanto (IV municipio), dove domattina i tecnici del Dipartimento ambiente effettueranno le necessarie verifiche di stabilità su tutta l’alberata stradale. Le nostre squadre, poi, hanno risolto un allagamento in via Cassia e altri allagamenti di piccola entità in XII, XV e XI municipio».  «La Sala Operativa della Protezione civile è in contatto continuo con i Vigili del Fuoco, con l’Ardis e con il Centro Funzionale Regionale in modo da intervenire con immediatezza nel caso in cui dovessero verificarsi ulteriori emergenze», conclude Profeta.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »