Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘manovrina’

“Manovrina”: via al noleggio dei bus

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 giugno 2017

pullmanUn passo in avanti verso la smart mobility, ancora oggi frenata anche da normative anacronistiche, come l’incomprensibile divieto di noleggio di alcune categorie di veicoli. Dopo i bus, attendiamo ora la liberalizzazione del mercato di veicoli industriali, NCC e taxi”.E’ questo il commento di ANIASA, l’Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici di Confindustria, all’articolo 29 della cosiddetta “Manovrina” (D.L. 24 aprile 2017, n. 50, riguardante disposizioni urgenti in materia finanziaria e misure per lo sviluppo), approvata venerdì scorso, che stabilisce la possibilità per le imprese di trasporto pubblico regionale e locale di acquisire in locazione i veicoli destinati al servizio di linea (autobus, autosnodati, filobus).Il provvedimento ammette la locazione senza conducente per veicoli di anzianità massima di dodici anni adibiti al trasporto su gomma e per un periodo non inferiore all’anno (testo del Decreto Legge n.50/2017), modificando l’articolo 84 del Codice della Strada, che dal 1992 consentiva il noleggio di veicoli per il trasporto solo fino a un massimo di 9 persone.“Si tratta di un risultato storico”, evidenzia Andrea Cardinali – Presidente di ANIASA, “su un tema che ci ha visto impegnati per oltre un decennio nell’opera di sensibilizzazione delle Istituzioni sui vantaggi, economici e gestionali, di cui potranno beneficiare le aziende di trasporto delle amministrazioni locali, non più costrette a immobilizzare ingenti somme per l’acquisto dei bus, ma anche a gestire in proprio problematiche che esulano totalmente dalla loro mission. Cade un divieto che ha anche contribuito al pesante invecchiamento del nostro parco autobus circolante: l’anzianità media in Italia è infatti di 12,2 anni contro una media di 7,6 nel resto dell’UE”.
Si apre quindi la strada ad un utile ampliamento della concorrenza ed al miglioramento dei servizi per l’utenza.“E’ ora”, conclude Cardinali, “che vengano rimosse anche le altre immotivate chiusure previste dal Codice della Strada nei confronti del noleggio di veicoli industriali, taxi e NCC, che resistono ormai solo nel nostro Paese ed in Portogallo. Per le categorie interessate i molteplici vantaggi derivanti dalla possibilità di prendere in locazione i beni anziché comprarli sarebbero evidenti”.Dall’entrata in vigore del Nuovo Codice della Strada sono trascorsi oramai ben venticinque anni, nei quali il mondo è cambiato, il mercato automotive si è completamente riconfigurato, e la flotta a noleggio in Italia è cresciuta da 31.000 a quasi 800.000 veicoli. Oggi, ogni giorno per ragioni di business e turismo 674.000 persone utilizzano i servizi del noleggio a lungo termine, 89.000 quelli del noleggio a breve termine e oltre 17.000 quelli del car sharing.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conti pubblici e la “manovrina” del governo

Posted by fidest press agency su domenica, 16 aprile 2017

palazzo-chigi“Il governo è stato costretto a fare la manovrina perché l’Europa ha detto: ‘attenzione, siete fuori con i numeri, rientrate’. Questo vuol dire che se si fa la manovrina i conti non vanno bene. E per riequilibrarli o si taglia la spesa, cioè minori benefici per i cittadini, o si aumentano le tasse, oppure tutti e due. In realtà il governo ha voluto fare la manovrina assieme al Def per fare confusione, per metterla in secondo piano rispetto al libro dei sogni che è il Def”. Lo ha detto a Zapping (Rai Radio1) Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “Il governo ha voluto nascondere la manovrina per nascondere che gli italiani, dal prossimo mese, dovranno sborsare 3,4 miliardi di euro. È un grande imbroglio”, ha concluso l’esponente azzurro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Conti pubblici: fanno solo deficit e debito

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 marzo 2017

ministero-finanze“C’è la manovrina e la manovrona. La manovrina da 3,4 miliardi che è in alto mare da mesi: non fa bene alla nostra credibilità, alla credibilità del governo, a quella del ministro Padoan, anche se oramai l’ha persa, e soprattutto a quella dell’Italia intera. E la manovrona, quella d’autunno, che dovrà essere tra i 20 e i 40 miliardi, a seconda che venga utilizzato o meno un ulteriore deficit”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio.“L’Italia ormai è inchiodata su un rapporto deficit-Pil tra il 2 ed il 2,5%, non va giù e con questo dato si contravviene in tutti i modi agli impegni presi con l’Unione europea. Il governo continuerà così, senza risanare il debito, senza tagliare la cattiva spesa pubblica, senza fare spending review seria, ma semplicemente facendo deficit e debito.Questa è l’Italia di Renzi, Padoan e Gentiloni. Questa è l’Italia che ci lasceranno nell’autunno-inverno di quest’anno, prima della prossime elezioni. Gli italiani, riempiti di deficit, riempiti di debito, senza occupazione, senza crescita, capiranno e manderanno a casa questi signori dell’acquisto del consenso. Perché tutte queste risorse sono servite per comprarsi il consenso, e gli è andata anche male”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per la Scuola la solita “manovrina”

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 novembre 2016

scuolaQuasi tutte le modifiche chieste per sanare i mali della scuola e le storture della riforma approvata dal Governo non sono state accolte. Passano soltanto lo “School bonus” (con le donazioni effettuate da privati destinate alla scuola di preferenza e non al bilancio dello Stato), la “specifica” sulle supplenze oltre 36 mesi (il cui conteggio parte dal 1° settembre 2016), il Fondo risarcimenti supplenze (con il modesto rifinanziamento di 2 milioni di euro all’anno per il triennio 2017-2019), il contributo alle materne paritarie per la realizzazione di nuovi istituti (25 milioni di euro da erogare entro il 31 ottobre 2017), il ‘Bonus ‘Stradivari’ per l’acquisto di strumenti musicali da parte di studenti dei conservatori e scuole superiori musicali (al massimo da mille a 2.500 euro e potrà coprire il 65% della spesa). Niente da fare per l’Ape social, di cui beneficeranno solo insegnanti dell’infanzia e gli educatori dei nidi. Mentre è previsto il raddoppio del contributo aggiuntivo per le scuole d’infanzia paritarie (da 25 a 50 milioni di euro) e l’incremento dell’importo massimo detraibile per spese di frequenza, compresa la mensa scolastica (detrazione Irpef sempre al 19%, gli importi annuali passano da 400 euro per l’anno in corso a 564 euro per il 2016, 717 per il 2017, 786 per il 2018 e 800 dal 2019).
Disco rosso per le richieste del giovane sindacato, che partono dalla modifica della Legge 107/2015 e dall’adozione di provvedimenti urgenti per eliminare la piaga del precariato. Verranno ripresentanti a Palazzo Madama, unitamente alle modifiche delle norme che regolano le GaE e le graduatorie d’istituto. Oltre che sugli idonei e vincitori non assunti del Concorso a cattedra 2016; sulle prossime selezioni pubbliche nazionali, anche per Dirigenti, Dsga, Coordinatori di segreteria, con riserve per alcune categorie; sulla carriera del personale; sullo sblocco dell’indennità di vacanza contrattuale; sull’abolizione del Tfr; sul blocco del primo gradone stipendiale per i neo-assunti dal 2011; sull’estensione dell’Ape “social” a tutti i docenti.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): così facendo, l’Esecutivo mantiene la linea assunta con l’approvazione della riforma della scuola, pur avendo tutti contro. Quell’atteggiamento, lo ha detto anche di recente il premier Renzi, ha condotto a un malcontento generale, aggravato dal protrarsi del mancato rinnovo contrattuale o dell’accordo con somme ridicole, prodotto in questi giorni, con l’assenso dei soliti sindacati rappresentativi. Bisognava cambiare le norme, nonché valorizzare il personale attraverso finanziamenti adeguati e non con ‘mance’ di facciata da 85 euro lordi, se tutto va bene. L’ultima possibilità è ora quella di approvare quegli emendamenti in Senato: in caso contrario, la frattura sarà insanabile.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissione massimo scoperto illegale

Posted by fidest press agency su domenica, 28 giugno 2009

Dopo la nostra denuncia dello scorso 25 Maggio, la beffa messa in atto dalle banche sulla commissione di massimo scoperto e’ sotto gli occhi di tutte le categorie economiche che subiscono questa vessazione. Per la legge (2/2009 art. 2bis) questa commissione puo’ essere applicata solo al cliente che ha un fido e il suo scoperto dura piu’ di 30 giorni. Ma tutte le banche, con un arcobaleno linguistico che varia da istituto a istituto, hanno reintrodotto questa commissione uguale o peggio di prima e la stanno imponendo ai propri clienti, pena la chiusura del conto. Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, anche a seguito di interrogazioni parlamentari , ha fatto sapere che quanto accade e’ illecito e che ha intenzione di intervenire in modo drastico nella cosiddetta manovrina economica di questa estate. Ma tra il dire e il fare ci passa il famoso mare e gli utenti dei servizi bancari, proprio a partire da questi giorni, si trovano già con le condizioni modificate. In attesa del ministro e del Governo, abbiamo quindi predisposto un fac-simile di ricorso da inviare alla propria banca, a Bankitalia e all’Antitrust. Eccolo, ognuno, ovviamente, lo potra’ adattare alle proprie caratteristiche, ma la sostanza delle norme a cui ci riferiamo, non cambia. Il testo e’ stato redatto dall’avv. Libero Giulietti, dello studio legale dell’associazione e che cura per l’Aduc il servizio di consulenza bancaria. (comunicato aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »