Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘marijuana’

“Patients’ Perceptions and Use of Medical Marijuana”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2019

The Global Healthy Living Foundation urges 2020 Presidential candidates to support the rescheduling of marijuana so that it, along with CBD products, can be tested under controlled parameters and with peer review to assess their safety, dosing, and effectiveness, arming both patients and doctors with the best available evidence to make informed treatment decisions. Presently, cannabis remains illegal and classified as a Schedule 1 drug under federal law (defined as being “of no medical use”). Following passage of the 2018 Farm Bill, however, which legalized the regulated production of hemp, along with 33 U.S. states that have legalized the usage of marijuana for medical purposes, many chronic disease patients are trying tetrahydrocannabinol (THC) and cannabidiol (CBD) products to treat serious conditions, such as rheumatic and musculoskeletal disease.
According to the “Patients’ Perceptions and Use of Medical Marijuana” study conducted and presented by CreakyJoints®, a Global Healthy Living Foundation patient community, 57 percent of arthritis patients have reported trying marijuana and/or CBD products for medical purposes. Despite the study finding that 62 percent of those who use marijuana medically regularly use it at least once daily, a third of regularly using participants chose not to tell their healthcare provider about their use of these substances.
It’s time to reschedule marijuana so that it can be studied with the same rigor as other treatments and we urge 2020 Presidential candidates to make this an important objective of their healthcare platform,” he added.To help inform medical decisions, the Global Healthy Living Foundation also asks that the U.S. Food and Drug Administration (FDA) develop and approve clinical trials and conduct proper research to provide doctors and patients with adequate data on the effects of THC and CBD on arthritis and other conditions.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rischi marijuana sui giovani

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 agosto 2018

Uno studio condotto dall’Université de Montréal e Icahn School of Medicine di New York del Mount Sinai Hospital di qualche anno fa ha rivisto una serie di ricerche sugli effetti della marijuana sugli adolescenti stabilendo non solo che causa in essi una maggiore dipendenza ma anche seri rischi per la salute mentale.
I ricercatori hanno condotto una revisione di 120 studi che hanno esaminano la cannabis e lo sviluppo del cervello degli adolescenti, e hanno concluso che c’è una forte evidenza tra l’uso di cannabis in giovane età ed il rischio di sviluppare problemi per la salute mentale e dipendenze da adulti. Il dottor Didier Jutras-Aswad dell’Université de Montréal ha rilevato che “La questione non è se la cannabis è buona o cattiva, ma chi ha più probabilità di soffrire di problemi.” Alcuni studi hanno anche scoperto legami tra l’uso di cannabis e la schizofrenia precoce, ma sempre lo stesso Jutras-Aswad ha sottolineato che ci sia un evidente profilo di rischio che comprende la genetica e le caratte-ristiche comportamentali, oltre all’età. Tuttavia, gli autori dello studio sottolineano che vi è una diffusa percezione che la marijuana è poco dannosa. (Servizio Fidest)

Posted in Fidest - interviste/by Fidest, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marijuana associated with three-fold risk of death from hypertension

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 agosto 2017

marijuana plant in flowering, bid bud cannabis

marijuana plant in flowering, bid bud cannabis

Sophia Antipolis. Marijuana use is associated with a three-fold risk of death from hypertension, according to research published today in the European Journal of Preventive Cardiology. “Steps are being taken towards legalisation and decriminalisation of marijuana in the United States, and rates of recreational marijuana use may increase substantially as a result,” said lead author Barbara A Yankey, a PhD student in the School of Public Health, Georgia State University, Atlanta, US. “However, there is little research on the impact of marijuana use on cardiovascular and cerebrovascular mortality.”
In the absence of longitudinal data on marijuana use, the researchers designed a retrospective follow-up study of NHANES (National Health and Nutrition Examination Survey) participants aged 20 years and above. In 2005–2006, participants were asked if they had ever used marijuana. Those who answered “yes” were considered marijuana users. Participants reported the age when they first tried marijuana and this was subtracted from their current age to calculate the duration of use.Information on marijuana use was merged with mortality data in 2011 from the National Centre for Health Statistics. The researchers estimated the associations of marijuana use, and duration of use, with death from hypertension, heart disease, and cerebrovascular disease, controlling for cigarette use and demographic variables including sex, age, and ethnicity. Death from hypertension included multiple causes such as primary hypertension and hypertensive renal disease.Among a total of 1 213 participants, 34% used neither marijuana nor cigarettes, 21% used only marijuana, 20% used marijuana and smoked cigarettes, 16% used marijuana and were past-smokers, 5% were past-smokers and 4% only smoked cigarettes. The average duration of marijuana use was 11.5 years. Marijuana users had a higher risk of dying from hypertension. Compared to non-users, marijuana users had a 3.42-times higher risk of death from hypertension and a 1.04 greater risk for each year of use. There was no association between marijuana use and death from heart disease or cerebrovascular disease.Ms Yankey said: “We found that marijuana users had a greater than three-fold risk of death from hypertension and the risk increased with each additional year of use.”
Ms Yankey pointed out that there were limitations to the way marijuana use was estimated. For example, it cannot be certain that participants used marijuana continuously since they first tried it.She said: “Our results suggest a possible risk of hypertension mortality from marijuana use. This is not surprising since marijuana is known to have a number of effects on the cardiovascular system. Marijuana stimulates the sympathetic nervous system, leading to increases in heart rate, blood pressure and oxygen demand. Emergency rooms have reported cases of angina and heart attacks after marijuana use.” The authors stated that the cardiovascular risk associated with marijuana use may be greater than the cardiovascular risk already established for cigarette smoking.“We found higher estimated cardiovascular risks associated with marijuana use than cigarette smoking,” said Ms sigaretteYankey. “This indicates that marijuana use may carry even heavier consequences on the cardiovascular system than that already established for cigarette smoking. However, the number of smokers in our study was small and this needs to be examined in a larger study.”“Needless to say, the detrimental effects of marijuana on brain function far exceed that of cigarette smoking,” she added.Ms Yankey said it was crucial to understand the effects of marijuana on health so that policy makers and individuals could make informed decisions. She said: “Support for liberal marijuana use is partly due to claims that it is beneficial and possibly not harmful to health. With the impending increase in recreational marijuana use it is important to establish whether any health benefits outweigh the potential health, social and economic risks. If marijuana use is implicated in cardiovascular diseases and deaths, then it rests on the health community and policy makers to protect the public.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Marijuana rulez! Le vittorie referendarie negli USA”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 febbraio 2017

droga cannabis-vicinoRoma Giovedì 16 febbraio alle ore 10.00, a Roma presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati (via della Missione, 4) si terrà la presentazione del volume “Marijuana rulez! Le vittorie referendarie negli USA” (ed. Reality Book).
Insieme all’autore Luca Marola interverranno il segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi e Giuseppe Civati, segretario di Possibile e membro dell’Intergruppo “Cannabis Legale”.Da feroce baluardo della War on Drugs, gli Stati Uniti d’America sono diventati terreno di sperimentazione delle più avanzate politiche di legalizzazione e regolamentazione della cannabis.A colpi di consultazioni referendarie, nel 2012 in Colorado e Washington, nel 2014 in Oregon, Alaska e Washington D.C. e nel 2016, in California, Maine, Nevada e Massachusetts, i cittadini americani stanno spingendo la marijuana fuori dal mercato nero, fuori dal monopolio della criminalità con indubbi vantaggi collettivi sotto il profilo economico, occupazionale, sanitario, fiscale, di giustizia e di welfare. Marijuana rulez, le vittorie referendarie negli USA è un viaggio al centro dibattito pubblico sulla cannabis, al centro delle campagne referendarie appena conclusesi, al centro della “Rivoluzione Verde” che sta impetuosamente affermandosi negli Stati Uniti. Con l’auspicio che le buone pratiche qui raccontate siano una guida per gli attivisti ed i legislatori italiani.
Luca Marola (1977), autore per Reality Book di Marijuana in salotto, guida alla coltivazione fai da te e Legalizzare con successo, l’esperienza americana sulla cannabis, è ideatore e gestore di uno dei più antichi grow shop italiani, il Canapaio Ducale di Parma, fondato nel 2002. Da sempre impegnato nelle campagne antiproibizioniste per la normalizzazione e la legalizzazione della cannabis, è autore e conduttore della trasmissione radiofonica Non Solo Skunk.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prevenzione e riabilitazione dalle droghe

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 febbraio 2015

E’ notizia recente della quasi morte di un quindicenne milanese a causa dell’abuso di marijuana e hashish. Abuso che ha portato questo adolescente in uno stato di coma per 20 giorni. Varie e diverse le cause ipotizzate: l’eccessivo quantitativo assunto, la qualità scadente delle droghe assunte, una preesistente patologia di cui il ragazzo soffriva. Purtroppo non c’è nessun accenno a quella che è una recente causa di effetti indesiderati e pericolosissimi che l’assunzione di marijuana sta provocando in chi l’assume: oggi la marijuana è più potente che mai! Infatti la potenza media della droghe aumenta di anno in anno. Nella marijuana sono presenti numerose tossine, ma l’elemento chimico intossicante più potente che vi è contenuto è il THC o tetraidrocannabinolo. Con l’introduzione di nuovi metodi di coltivazione la quantità di THC contenuta nella marijuana è pesantemente aumentata. Esiste infatti sul mercato una forma di marijuana che è molto più potente, denominata “sensimilla”. Basti pensare che tra il 1986 ed il 2009 la potenza media della marijuana è aumentata dal 3% di TCH a quasi il 10%, mentre nella sensimilla la concentrazione di THC è stata trovata a più alte percentuali, persino fino al 37% e pertanto 10 volte più potente e forte della marijuana del passato. Chiaramente l’uso di una droga più potente procura conseguentemente maggiori effetti indesiderati come quelli, per esempio, che tristemente hanno colpito il quindicenne milanese. La notizia sulla intossicazione dell’adolescente illustrava inoltre come le attività di controllo nelle scuole, da parte delle Forze dell’Ordine, fossero delle misure assolutamente indispensabili per reprimere il fenomeno dello spaccio. Ovviamente va bene la repressione, ma forse varrebbe la pena mettere una maggiore attenzione su una particolare strada che dovrebbe essere battuta maggiormente: la prevenzione! Una semplice, diretta e non allarmistica informazione che porta gli studenti ad una maggiore consapevolezza sulle diffuse falsità che ammantano l’uso di droghe ed alcool, magari spiegata da chi ha vissuto sulla propria pelle il dramma di questa piaga sociale, ma che ne è uscito e che è quindi in grado di colpire gli studenti con una storia vera, reale, ma non da reality, che possa parlare lo stesso linguaggio dei ragazzi è certamente in grado di produrre molti più risultati di una “bella romanzina” o di innumerevoli statistiche e percentuali. Da diversi anni l’associazione Narconon Sud Europa svolge con successo, soprattutto nelle scuole, conferenze di prevenzione portando testimonianze vere di storie vissute da persone che oggi possono orgogliosamente affermare di aver vinto la propria sfida con la droga e l’alcool. Chi fosse inoltre interessato ad approfondire questo argomento o ricevere informazioni relative ad altre droghe, può contattare l’associazione Narconon Sud Europa allo 02.36589162 e richiedere una copia gratuita dell’opuscolo “10 cose che i genitori potrebbero non sapere riguardo alla marijuana”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischi marijuana sui giovani

Posted by fidest press agency su martedì, 3 settembre 2013

Cannabis

Cannabis (Photo credit: Duncan Brown (Cradlehall))

Uno studio condotto dall’Université de Montréal e Icahn School of Medicine di New York del Mount Sinai Hospital ha rivisto una serie di ricerche sugli effetti della marijuana sugli adolescenti stabilendo non solo che causa in essi una maggiore dipendenza ma anche seri rischi per la salute mentale. La notizia, spiega Giovanni D’AGATA, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, giunge mentre il dibattito sulla legalizzazione della marijuana si anima in Canada, ed il nuovo studio evidenzia che il consumo della droga leggera potrebbe essere più rischioso per i ragazzi di quanto si pensasse in precedenza.
I ricercatori hanno condotto una revisione di 120 studi che hanno esaminano la cannabis e lo sviluppo del cervello degli adolescenti, e hanno concluso che c’è una forte evidenza tra l’uso di cannabis in giovane età ed il rischio di sviluppare problemi per la salute mentale e dipendenze da adulti. Il dottor Didier Jutras-Aswad, dell’Université de Montréal ha rilevato che ‘La questione non è se la cannabis è buona o cattiva, ma chi ha più probabilità di soffrire di problemi.’
Alcuni studi hanno anche scoperto legami tra l’uso di cannabis e la schizofrenia precoce, ma sempre lo stesso Jutras-Aswad ha sottolineato che ci sia un evidente profilo di rischio che comprende la genetica e le caratteristiche comportamentali, oltre all’età. Tuttavia, gli autori dello studio sottolineano che vi è una diffusa percezione che la marijuana è poco dannosa.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto Onu sulle droghe illegali

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2009

E’ stato pubblicato il rapporto Onu sulle droghe illegali nel mondo. Lo specifico ufficio (Unodc) presieduto per tradizione da un italiano (Antonio Maria Costa, quello in carica) grazie al fatto che il nostro Paese e’ fra i maggiori finanziatori di questo organismo, ha fatto il quadro del disastro che le droghe illegali provocano nel mondo. Un bilancio altanelante nel tempo, che ogni anno ha sue caratteristiche con la particolarita’ di essere simile a quello di qualche anno precedente e che, molto probabilmente, sara’ altrettanto simile a quello degli anni a venire. Quest’anno ci dicono che i mercati di eroina, cocaina e marijuana ristagnano mentre quello delle droghe sintetiche e’ in aumento nei Paesi in via di sviluppo. Con tanto di medaglia all’Iran per essere il Paese che attua i maggiori sequestri di oppio, all’Afghanistan per essere il maggiore produttore di questa sostanza, cosi’ come la Colombia per la cocaina. I mercati mondiali piu’ grandi sono quelli della marijuana (Nord America, Oceania e Europa occidentale), della cocaina (Nord America e qualche parte dell’Europa occidentale) e dell’eroina (Sud-Est Asiatico e Europa occidentale). Meno chiari i dati sulle droghe sintetiche, che dilagano un po’ dovunque con produzione essenzialmente nel sud-est asiatico. La mappa di una sconfitta che il presidente Unodc portera’ al G8 di Trieste il prossimo 27 giugno,  riconoscendo che i controlli hanno generato un illecito mercato nero di proporzioni macro-economico che utilizza violenza e corruzione. Tuttavia, per Costa legalizzare la droga per eliminare questa minaccia sarebbe “un errore storico”. “Le droghe illegali costituiscono un pericolo per la salute. Ecco perche’ la droga e’, e deve rimanere, controllata”. E’ evidente che il nostro Costa, pur di mantenere le posizioni che ha, e’ disposto a mettersi la benda sugli occhi e non vede che i danni della illegalita’ delle sostanze sono maggiori rispetto ai danni delle sostanze in se’. Non solo, ma, per esempio, non considera il confronto in corso in Paesi come lo Stato della California, dove la legalizzazione della marijuana, oltre che un vantaggio per le questioni di ordine pubblico, e’ considerata un vantaggio per la quantita’ di introiti fiscali che porterebbe, tali da sanare i bilanci in rosso. Ma Costa e l’Unodc sono altra cosa rispetto al governatore Arnold Schwarzenegger. Ma sono molto simili, per esempio, a quei governanti e politici italiani che, pur sostenendo pubblicamente la loro contrarieta’ a qualunque forma di legalizzazione e riduzione del danno, sono ogni tanto “beccati” a far uso di droghe illegali… che sono gli stessi politici che finanziano l’Unodc. Negli scandali goderecci in corso, degli italiani che contano e ci governano, molto probabilmente arrivera’ anche la cocaina… sara’ come per la prostituzione di cui tutti sanno gia’ tutto: i potenti la praticano e per tutti gli altri e’ vietato e si va in galera? Non ce ne stupiremmo. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »