Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘mario calabresi’

“Repubblica”: da settembre nuove nomine

Posted by fidest press agency su sabato, 9 luglio 2016

venerdìAttilio Giordano, direttore de Il Venerdì di Repubblica ha resistito fino all’ultimo alla scrivania del settimanale pur essendo molto ammalato, senza dire nulla in redazione, e ha preparato servizi e copertine per le uscite del giornale fino a settembre. Così dopo la morte del giornalista avvenuta il 1 luglio, il direttore di Repubblica, Mario Calabresi, ha scelto di affidare a Aligi Pontani, capo redattore dello sport di Repubblica, decidendo il passaggio del testimone dal 1 settembre, quando il lavoro lasciato in eredità da Giordano sara’ esaurito. Toccherà a Cristina Guarinelli, sovraintedere il lavoro fino a quella data. Capo redattore allo sport diventerà Angelo Carotenuto, al suo ritorno dalle Olimpiadi. Dopo il passaggio a La Stampa di Massimo Vincenzi, capo redattore centrale diventa Claudio Tito, che lascia la responsabilità del politico a Stefano Capellini, un giornalista meno legato di Tito al mondo renziano. Valentina Desalvo diventa capo redattore della cultura dove comincerà a studiare il nuovo settimanale culturale che Calabresi ha intenzione di lanciare. (foto: venerdì)

Posted in Cronaca/News, Editoriali/Editorials, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mario Calabresi e la risposta tardiva

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 settembre 2010

Lettera al direttore. Trascrivo un passo della risposta che Mario Calabresi oggi (7 settembre) dà ad un lettore:  “Ho pubblicato la sua lettera perché mi trova in totale disaccordo, così come quella pubblicata pochi giorni fa in cui un lettore sosteneva che le donne che vengono picchiate o ridotte in fin di vita da un marito musulmano se lo meritano perché se lo sono cercate. Mi chiedo da giorni dove stiamo andando…”.  Si dà il caso però che solo dopo le mie reiterate proteste (Liberazione 4 settembre), il direttore de La Stampa ci dice che su quell’indegna pubblicata giorni fa era in totale disaccordo. Il direttore deve sapere che se si pubblica su un giornale autorevole una lettera (la prima nella pagina della rubrica) senza un rigo di commento, sia l’autore del capolavoro, sia i lettori meno avveduti, sono portati a credere che il contenuto della missiva sia giusto. E considerato il periodo in cui giornali e tv, nonché uomini politici, fanno passare per giusto ciò che è ingiusto, per lecito ciò che è illecito, non sarebbe opportuna maggiore cautela? (Miriam Della Croce)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »