Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘mario tassoni’

On. Mario Tassone: nota “Dalle Signorie ai signorotti”

Posted by fidest press agency su martedì, 3 agosto 2021

Il periodo che stiamo attraversando sarà ricordato come emblematico del completo azzeramento delle grandi formazioni politiche, della ricorrente resa della ragione difronte la disinvolta instabilità di una classe dirigente e della manomissione delle istituzioni trasformate da presidio di democrazia a fortilizi di interessi. Non più Partiti con propri organi collegiali decisori, ma una composita realtà di leader. Capi, sottocapi acclamati, prodotti da un disegno destabilizzante di alcuni magistrati intraprendenti interessati ad una “semplificazione” della politica espressa da pochi più “gestibili “e più “controllabili” rispetto alla complessità degli organi di ampia partecipazione democratica. Via via i capi si sono moltiplicati a dismisura. Un capitombolo dalle Signorie ai signorotti. Questa legislatura si è segnalata per l’annullamento di ogni elementare regola della politica. Non si era mai visto che lo stesso presidente del consiglio presiedesse governi di diversa maggioranza. Come non si era mai vista che una allegra compagnia ottenesse la maggioranza parlamentare avendo come progetto il VFC che ha colpito principi di convivenza civile. Draghi oggi è a capo di un governo di quasi tutti. Una compagine in cui convivono gli opposti. La politica che è confronto su progetti e opzioni di scelte è azzerata. Draghi ha capacità. È divenuto il motore dell’esecutivo che impone le sue scelte evitando di cadere nel pantano delle contraddizioni strumentali. Draghi è un leader riconosciuto. È un lord protettore chiamato a colmare i vuoti abissali delle formazioni politiche. Ma un lord protettore non può stare per un tempo indefinito. Bisogna ritornare nella normalità. Far riprendere il corso della politica attraverso un’area che avvii un confronto teso a superare populismi, sovranismi, radicalismi e leaderismi. È necessario superare le tante divisioni e trovare nella mediazione le opportune sintesi. Le tante monadi possono appagare i capetti ma non ricostruiscono la ossatura politica e istituzionale di cui c’è bisogno. Si esce dalla opacità del presente se, quindi, un’area di elaborazione e di ricerca di scelte politiche, ritorni a essere la forza di gravità in cui il Paese ritrovi la propria visione politica dopo tanto tempo di inerzia del pensiero e sovrabbondanza di illusioni. By Lorenzo Annoni

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »